martedì , 21 Settembre 2021
Notizie più calde //
Home » Attualità » Trieste Iaia Forte.la storia di Tony Pagoda romanzo di Paolo Sorrentino Hanno tutti ragione, dal 14 al 16 gen.

Trieste Iaia Forte.la storia di Tony Pagoda romanzo di Paolo Sorrentino Hanno tutti ragione, dal 14 al 16 gen.

image_pdfimage_print
Dopo aver recitato nel film Premio Oscar La GrandeBellezza, Iaia Forte lavora nuovamente con Paolo Sorrentino,interpretando Hanno tutti ragione, adattamento dell’omonimo romanzo in forma teatrale. Lo spettacolo ha conquistato pubblico e critica in Italia e all’estero dove è già andato in scena con successo a New York, Washington, Detroit, Pechino e Shanghai…
Hanno tutti ragione sarà in scena a Trieste, al Teatro Miela giovedì 14, venerdì 15 e sabato 16gennaio, alle ore 21 nell’ambito del cartellone
altri percorsi dello Stabile del Friuli Venezia Giulia  che rinnova così la sinergia con il Teatro Miela/Bonawentura.Il successo nazionale e internazionale dello spettacolo è motivato dal grande talento di Iaia Forte,pluripremiata e versatile attrice italiana (è stata applaudita lo scorso anno al Politeama Rossetti nella Carmen firmata da Mario Martone, attorniata dall’Orchestra di Piazza Vittorio) che in questo spettacolo si assume anche il compito della regia, oltre al ruolo – in vesti maschili – di protagonista,il cantante napoletano Tony Pagoda.
Hanno tutti ragione– ha spiegato – alterna commedia e musical e, tiene a sottolineare, non è unaparodia: «Racconto e canto la vita di un personaggio».
Incontriamo Tony Pagoda all’apice del successo nella New York degli anni Cinquanta, mentre aspetta di tenere il concerto più importante della sua carriera: si esibirà al Radio City Music Hall davanti a Frank Sinatra.
«L’idea di mettere in scena il protagonista del romanzo di Paolo Sorrentino mi è venuta per innamoramento» spiega l’attrice e regista. «Avevo letto in pubblico due capitoli del libro in occasione del premio Letterario di Fiesole, e il piacere di incarnare Tony Pagoda e di dare suono alla bellissima lingua del libro è stato tale, che mi ha fatto desiderare di farne uno spettacolo. Questo cantante cocainomane, disperato e vitale, è una creatura così oltre i generi che può essere, a
mio avviso, incarnato anche da una donna. Mi piace immaginare che il ghigno gradasso di Pagodanasconda un’anima femminile, una “sperdutezza”, un anelito ad “un’armonia perduta”. E poi,semplicemente, il teatro è, per fortuna, un luogo dove il naturalismo può essere bandito, ed i limiti della realtà espandersi».
«Lo spettacolo – aggiunge – è concepito come un concerto, in cui i pensieri del cantante nascononell’emozione di esibirsi davanti a Frank Sinatra, al Radio City Music Hall. In una sorta diallucinazione del sentire provocatagli dall’alcool e dalla cocaina, Pagoda, mentre canta, èattraversato da barlumi di memoria, illuminazioni di sé, “struggenze” d’amore, sarcastiche considerazioni partorite tra le note delle canzoni, dove la musica che accompagna la performance
dialoga con le parole stesse usate come una partitura».Il protagonista dunque rivela un’inattesa ricchezza interiore e la condivide con il pubblico, che
assiste al racconto di vorticose ascese, del successo delle affermazioni, de grandi incontri e delle parentesi miserabili che fanno parte della vita di un grande personaggio: nel percorrere la parabola di Tony Pagoda Iaia Forte è accompagnata da Francesca Montanino al pianoforte.
Assieme si addentrano nella scrittura elegante, incisiva, introspettiva, lucida e spietata di Paolo Sorrentino, universalmente famoso per l’Oscar, il Golden Globe, il BAFTA e i Nastri d’Argento e iDavid di Donatello dei suoi film –La grande bellezza del 2014, ma va anche ricordato il recente Youth – La giovinezza che ha trionfato a Berlino – e che rivela, in questo romanzo precedente, un talento di fine scrittore contemporaneo.
Hanno tutti ragione di Paolo Sorrentino è diretto e interpretato da Iaia Forte. In scena c’è Francesca Montanino al pianoforte. Le canzoni sono di Catalano e Di Capri eseguite da Fabrizio Romano. Gli elementi scenici sono di Marina Schindler e Katia Titolo, il disegno luci è di Paolo Meglio.
La produzione è di Pierfrancesco Pisani e Offrome, in collaborazione con Nidodiragno Produzione  e Distribuzione e Infinito srl.
I biglietti ancora disponibili si possono acquistare presso tutti i punti vendita dello Stabile regionale,ed i consueti circuiti e accedendo attraverso il sito www.ilrossetti.it all’acquisto on line. La biglietteria del Teatro Miela è a disposizione del pubblico a partire da un’ora prima dell’inizio dello spettacolo. Ulteriori informazioni al tel 040-3593511.
Andrea Forliano

About Andrea Forliano

Nato a Bari il 22/05/1978,vive a Trieste,di formazione umanistica sta completando il corso di laurea in Storia indirizzo contemporaneo,è da sempre appassionato di storia,viaggi,letteratura,politica internazionale e in costante ricerca di conoscere nuove culture.Inoltre segue l'attualità,il calcio,il cinema e il teatro

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top