domenica , 26 Settembre 2021
Notizie più calde //
Home » Attualità » CLASSE DI FERRO di ALDO NICOLAJ dal 3 al 5 mar al Teatro Miela
CLASSE DI FERRO di ALDO NICOLAJ  dal 3 al 5 mar al Teatro Miela

CLASSE DI FERRO di ALDO NICOLAJ dal 3 al 5 mar al Teatro Miela

image_pdfimage_print

Esordio nazionale a Trieste per Classe di ferro, commedia di Aldo Nicolaj in scena da giovedì 3 a sabato 5 marzo al Teatro Miela ospite del cartellone altripercorsi del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia. Eccellente il cast che vede in scena Paolo Bonacelli, Giuseppe Pambieri e Valeria Ciangottini diretti da Giovanni Anfuso”.

«È sempre stato un momento meraviglioso – benché mi desse anche grandi sofferenze – riuscire a creare solo con delle parole di dialogo una storia, dei personaggi e delle atmosfere. È una straordinaria magia senza descrizioni e racconti: solo attraverso il dialogo creare personaggi, far venir fuori i loro problemi, situazioni e momenti della loro vita. Non c’è piacere al mondo maggiore di quello di assistere alla loro nascita, vederli formarsi, rendersi conto che una volta creati esistono veramente, hanno un nome, un carattere, una personalità, un modo di comportarsi, una storia dove sono rinchiusi e da cui non possono più uscire».

È interessante conoscere, da queste righe di Aldo Nicolaj, la gioia e la fatica che un autore prova nello “scrivere” le creature che gli sono suggerite dall’immaginazione. Con medesimo impegno, passione ed emozione avranno di certo lavorato – diretti da Giovanni Anfuso – interpreti raffinati e colti come Paolo Bonacelli, Giuseppe Pambieri e Valeria Ciangottini, per dare sostanza scenica a tre splendide figure che appartengono al teatro dello scrittore piemontese.
Si tratta di Libero Bocca, Luigi Lapaglia e Ambra, gli anziani protagonisti di Classe di ferro, che in questa nuova edizione prodotta da Laros, avrà al Teatro Miela – dal 3 al 5 marzo – il proprio esordio nazionale, prima di replicare in tournée nel resto d’Italia.

La commedia nel 1971 fu accolta in Italia tiepidamente (non si era preparati a parlare di terza età a teatro) ma ebbe invece un clamoroso successo internazionale per poi ritornare sui nostri palcoscenici acclamata in molte edizioni e interpretazioni memorabili.
La vicenda è ambientata in un giardino pubblico di una grande città dove i tre protagonisti si conoscono casualmente durante le loro quotidiane passeggiate. Un saluto, poi un breve scambio di frasi… ed eccoli diventare amici, attendere con ansia il momento dell’incontro nel parco per scacciare la solitudine chiacchierando. Le loro parole tratteggiano un mondo degli anziani buffo, che ci diverte molto per i tic e le piccole fissazioni, ma anche amaro, solo apparentemente spensierato, spesso venato invece da malinconie, passioni, attese e delusioni, insicurezze e paure. Ognuno lo affronta a proprio modo: Ambra con il suo carattere angelico e sognatore, Bocca con piglio burbero e riottoso, Lapaglia in modo remissivo…
E se all’inizio ognuno offre di sé e dei familiari un quadro idilliaco, a poco a poco si confessano l’un l’altro l’amarezza di essere diventati un peso per i figli, di sentirsi inadeguati al presente, di guardare con orrore la prospettiva dell’ospizio. Temi quantomai attuali e timori sempre più presenti in un mondo come il nostro, che sta diventando sempre più “anziano”.
Bocca e Lapaglia però non accettano docilmente il destino: progettano una fuga in piena regola per rifugiarsi in un paesino di provincia dove vivere circondati dalla serenità della natura. Ma questo riscatto è loro negato da un crudele imprevisto, e si ritorna alla grigia quotidianità senza sogni né riscatti.

Classe di ferro fa sorridere a lungo, ma lascia alla fine un groviglio di emozioni che faranno commuovere e sicuramente riflettere.

Classe di ferro di Aldo Nicolaj è diretto da Giovanni Anfuso, interpretato da Paolo Bonacelli, Giuseppe Pambieri, Valeria Ciangottini. Le scene sono di Alessandro Chiti, i costumi di Adele Bargilli, ha scritto le musiche, Massimiliano Pace, mentre firma il disegno luci Giovanni Caccia. La produzione è dell’Associazione Culturale Laros di Gino Caudai.

Lo spettacolo va in scena al Teatro Miela, per il cartellone altripercorsi del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia da giovedì 3 a sabato 5 marzo, sempre alle ore 21.

I biglietti ancora disponibili si possono acquistare presso tutti i punti vendita dello Stabile regionale, ed i consueti circuiti e accedendo attraverso il sito www.ilrossetti.it all’acquisto on line. La biglietteria del Teatro Miela è a disposizione del pubblico a partire da un’ora prima dell’inizio dello spettacolo. Ulteriori informazioni al tel 040-3593511.

About Andrea Forliano

Nato a Bari il 22/05/1978,vive a Trieste,di formazione umanistica sta completando il corso di laurea in Storia indirizzo contemporaneo,è da sempre appassionato di storia,viaggi,letteratura,politica internazionale e in costante ricerca di conoscere nuove culture.Inoltre segue l'attualità,il calcio,il cinema e il teatro

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top