lunedì , 21 Giugno 2021
Notizie più calde //
Home » Attualità » CIVIDALE : Mittelfest, in arrivo la musica del ‘Tartini’ Eventi a Udine
CIVIDALE : Mittelfest, in arrivo la musica del ‘Tartini’ Eventi a Udine

CIVIDALE : Mittelfest, in arrivo la musica del ‘Tartini’ Eventi a Udine

image_pdfimage_print

La musica del Conservatorio Tartini declinata in cinque concerti nell’arco di otto giorni, da venerdì 24 a venerdì 31 luglio, sul palcoscenico dei grandi festival musicali dell’estate in Friuli Venezia Giulia: sarà innanzitutto Mittelfest 2015 ad accogliere tre proposte nel corso dell’ultimo week end di luglio.

Gruppo Percussioni Trieste,

Gruppo Percussioni Trieste,

Venerdì 24, alle 20 nella Chiesa di San Francesco, appuntamento con il Gruppo Percussioni Trieste, la compagine preparata e diretta da Fabián Pérez Tedesco, formata dagli allievi della classe di percussioni del Conservatorio Tartini. L’Ensemble ha già al suo attivo diversi concerti sia in Italia che all’estero, il suo repertorio varia in ogni genere, dalla musica popolare a quella classica, dal contemporaneo al jazz.

Sabato 25 luglio, alle 11 al Museo Archeologico di Piazza Duomo, di scena lo Zari percussion Duo, composto da Alex Kuret e Denis Zupin, entrambi allievi della classe di percussioni di Fabián Pérez Tedesco. Il Duo Zari, vincitore del Premio delle Arti nel 2013, si è formato nel novembre 2012 e sostiene un’intensa attività concertistica in Italia ed all’estero, partecipando a diversi concorsi. In particolar modo ha preso parte al concorso internazionale Svirel 2013 (Slovenia) ottenendo il primo premio assoluto e tre premi speciali, e fra i numerosi riconoscimenti di questi anni ha conseguito il primo premio assoluto al Quarto Concorso Musicale Città di Firenze, ottenendo anche il premio Crescendo assegnato al miglior gruppo da camera. Ha suonato in prestigiosi teatri e sale da concerto in Italia ed all’estero, come il Salone dei Cinquecento al Palazzo Vecchio di Firenze.

Carolina Pérez Tedesco e Cecilia Barucca Sebastiani

Carolina Pérez Tedesco e Cecilia Barucca Sebastiani

Infine domenica 26 luglio, ulteriore matinée musicale in cartellone a Mittelfest, sempre alle 11 al Museo Archeologico: protagonista darà il Duo pianoforte – violoncello composto da Carolina Pérez Tedesco e Cecilia Barucca Sebastiani, impegnate su musiche di Robert Schumann (Fünf Stücke im Volkston, Op. 102), Richard Strauss (Sonata in fa maggiore per violoncello e pianoforte, op. 6) e Fabian Perez Tedesco (L’Aquilone). Carolina Pérez Tedesco nata a Trieste nel 1990, ha iniziato lo studio del pianoforte all’età di sei anni. Si forma in Conservatorio nella classe di Teresa Trevisan, e ha seguito corsi al Mozarteum di Salisburgo, all’Accademia Musicale di Firenze e a Parigi, presso la Schola Cantorum e il Conservatorio Rachmaninoff. Ha studiato al Konservatorium di Vienna, nell’ambito del progetto Erasmus. Nel 2012 ha conseguito il Diploma Accademico di I livello con la votazione di 110 e lode e sta attualmente ultimando il Biennio Specialistico di II livello. Ha tenuto dei recital per Università di Musica di Buenos Aires (IUNA) e dell’AMIA. Ha partecipato al Progetto Europeo “Echos. Ha all’attivo registrazioni per la casa discografica AudioArs.

 

Mittelfest, il programma del 24 luglio 2015 Eventi a Udine

Prima apertura di sipario alle 18.00 con il concerto del pianista franco tunisino Jean-Marc Luisada, interprete che “riveste la musica di una splendida malinconia, e scava in profondità nel sangue di chi ascolta”, come si esprime la stampa specializzata a proposito di questo pianista di sovrana eleganza.

Jean-Marc Luisada

Jean-Marc Luisada

Insuperabile quando sulla tastiera insegue Chopin, per Mittelfest Luisada ha voluto ampliare l’orizzonte del suo concerto con altre sue passioni – Mozart, Haydn, Schumann, Bizet, Debussy – piegati a un temperamento che non ha eguali.
Il teatro riserva un appuntamento d’eccezione (ore 20.00 Teatro Ristori): torna anche in questa edizione un lavoro su un testo del Premio Nobel Elfriede Jelinek. Il Teatrino Giullare adatta per la prima volta per il palcoscenico il romanzo Le amanti, un componimento delicato, feroce, comico, visionario, che smaschera la retorica sull’Amore: mistificazione ultima dell’essere umano, che non vuol vedere la povertà dei propri orizzonti…
A chiudere la giornata (ore 22.00 Chiesa di San Francesco) il primo dei due appuntamenti che Markus Stockhausen porta quest’anno al festival. Accanto alla sua tromba il santur meravigliosamente suonato da Alireza Mortazavi  che ha dedicato tutto il proprio a questo tipico strumento dell’antica Persia. Markus Stockhausen, “trombettista supremo” secondo il Times, è un improvvisatore nato, seguace di ciò che lui stesso definisce musica intuitiva. “Ci siamo incontrati l’anno scorso, in occasione del capodanno iraniano, spiega. Il santur e la tromba ci sono sembrati andare incredibilmente d’accordo. Abbiamo deciso di suonare insieme”.

Atteso per sabato il concerto A hymn to the water, un progetto speciale, un inno all’acqua  che lo stesso Stockhausen riserva quest’anno a Mittelfest mettendosi alla testa di quattordici bande dell’ANBIMA FVG: l’associazione che da sessant’’anni raccoglie i gruppi bandistici autonomi che operano in questa Regione.“

About Redazione

Redazione
Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top