1

Carmina Balcanica un viaggio in musica sulle acque dell’Europa

L'”Accademia Naonis” di Pordenone e “Canzoni di confine” presentano

Carmina Balcanica

un viaggio in musica sulle acque dell’Europa

Aghe. Voda. Ujë” è il progetto di Mittelfest e Kulturni dom in scena all’Auditorium Comunale di Talmasson venerdì 12 febbraio ore 20,30 e al Kulturmi Dom di Gorizia il 13 febbraio alle ore 20,30.

Nato da un’idea del maestro Valter Sivilotti, “Carmina Balcanica” è un lavoro che riunisce l’opera di scrittori e cantautori provenienti da diversi paesi – dal Friuli all’Albania, attraversando tutta la regione dei Balcani occidentali. Una “partitura” in versi musicata dallo stesso Sivilotti con composizioni originali e poi messa in scena da Monica Mosolo (voce recitante). «Questo progetto – spiega Sivilotti – rappresenta il coronamento di molti anni d’intensa attività di ricerca culturale lungo il confine, e vede collaborare artisti di alto livello. Rispetto alla versione sinfonica del debutto, la novità di questo riallestimento è l’arrangiamento in stile progressive».

Sui palcoscenici di Talmassons e Gorizia saliranno Dorina Leka, Elsa Martin, Tatjana Mjhelj e Maya Sar, accompagnate dal Coro del Friuli Venezia Giulia diretto da Cristiano Dell’Oste e dai musicisti Giuliano Poles, Geremy Serravalle, Nicola Tirelli e Valter Sivilotti (tastiere), Marco Bianchi (chitarra), Alessandro Turchet (basso) e Luca Carrara (batteria). In scena un caleidoscopio di suggestioni che mette al primo posto la voce e la musica: per mezzo del canto i cantanti si alternano “a narrare della loro acqua”.

A fianco di Ert, Associazione Mittelfest e Kulturni Dom di Gorizia, collaborano all’organizzazione dei due appuntamenti in programma l’Accademia Naonis di Pordenone, l’associazione Canzoni di Confine, con la Fondazione CRUP, il Comune di Talmassons, la Provincia di Udine e la Regione Friuli Venezia Giulia.
Per informazioni consultare il sito www.ertfvg.it