domenica , 26 Settembre 2021
Notizie più calde //
Home » Attualità » AUMENTA IL PERICOLO FAME NEL SUD SUDAN

AUMENTA IL PERICOLO FAME NEL SUD SUDAN

image_pdfimage_print

Milioni di persone nel Sud Sudan si troveranno ad affrontare la fame quest’anno, se un intervento urgente non sarà stato preso, secondo un rapporto congiunto pubblicato dall’Organizzazione per l’Alimentazione e l’Agricoltura delle Nazioni Unite (FAO) e il Programma alimentare mondiale (WFP). Il rapporto FAO-WFP, colture e della sicurezza della missione di valutazione alimentare in Sud Sudan, si basa su una missione congiunta condotta in uno degli ultimi paesi del mondo. Il rapporto rileva che il livello di insicurezza alimentare nel paese è aumentato drasticamente. Il numero di persone in insicurezza alimentare è balzato da 3,3 milioni nel 2011 per 4,7 milioni del 2012. Di questi, circa un milione di persone sono pericolosamente sotto sfamate.  Mentre  il conflitto continua a provocare spostamenti di popolazione più elevati i prezzi dei generi alimentari continuano a crescere, il rapporto stima che il numero di persone che sono gravemente sotto alimentati potrebbe raddoppiare. Raccolti poveri, aumento della domanda, prezzi in rapido aumento, i conflitti e gli  spostamenti con un gran numero di rimpatriati, hanno contribuito alla situazione, con un deficit della produzione cerealicola pesando sulla comunità già in difficoltà.

L'avvoltoio aspetta paziente la fine per fame della piccola preda

“Si tratta di una crisi ormai prossima che il mondo non può permettersi di ignorare”, ha detto Chris Nikoi, Direttore del PAM in Sudan meridionale. “La situazione è disastrosa, e stiamo facendo tutto il possibile per essere pronti, ma stiamo andando fuori tempo massimo”.
“Dobbiamo consentire alle famiglie, in primo luogo, di avere un  rapido accesso a cibo sicuro e nutriente e altre necessità di base, ma al fine di ripristinare e sostenere la sicurezza alimentare e nutrizionale nel Sud Sudan, abbiamo bisogno di rompere il circolo vizioso della fame e della povertà crescente. Possiamo farlo aiutando le persone a riprendere l’allevamento, il bestiame e altre attività che supportano i loro mezzi di sussistenza , ha detto George Okeh, Capo Ufficio, FAO Sud Sudan.
Secondo le ultime valutazioni il deficit di cereali per il 2012 è stimato a più di 470.000 tonnellate – quasi la metà del fabbisogno di consumo totale del paese per l’intero anno. La scarsità delle precipitazioni nella stagione primitiva è stata in gran parte responsabile per la raccolta inferiore, ed il conflitto in corso aggrava il problema interrompendo le normali attività agricole. In circostanze normali, la combinazione di approvvigionamento alimentare insufficiente e un aumento della domanda sarebbe stato affrontato con buon funzionamento dei mercati. Tuttavia, la chiusura dei valichi di frontiera che collegano il nuovo paese del Sud Sudan in Sudan ha causato l’interruzione nella fornitura abituale di prodotti alimentari ai mercati del Sud Sudan. Anche se il divario alimentare è stato in parte sovvenzionato con merci provenienti da paesi vicini, le lunghe distanze su reti stradali povere, costi del carburante e il deprezzamento della sterlina Sud Sudan hanno portato a prezzi di mercato molto elevate ogni derrata alimentare.  L’operazione d’emergenza del PAM nel 2012 è attualmente l’obiettivo di raggiungere circa 2,7 milioni di persone vulnerabili, con 150.000 tonnellate di cibo. Il rapporto stima che il numero di persone che necessitano di assistenza alimentare potrebbe salire a 3,3 milioni.
Al fine di raggiungere 2,7 milioni di persone vulnerabili per l’assistenza alimentare, si sta cercando il sostegno dei donatori per coprire il deficit corrente di $ 160 milioni. Se la situazione si deteriora ulteriormente, ulteriori finanziamenti saranno necessari. La FAO sta cercando 23 milioni di dollari il sostegno dei donatori attraverso il processo di Appello consolidato delle Nazioni Unite.

Carlo Liotti

 

About Carlo Liotti

Giornalista Pubblicista iscritto all'Albo dei giornalisti da Aprile 2013. Dottore in Scienze e Tecnologie Alimentari. Appassionato di fotografia e di viaggi, capo redattore de ildiscorso.it, reporter/collaboratore per altri canali di comunicazione.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top