sabato , 17 Aprile 2021
Notizie più calde //
Home » Rubriche » Annunci e proposte » A UDINE È TUTTO PRONTO PER L’AVVIO DELLA MANIFESTAZIONE : MEETING DI PACE

A UDINE È TUTTO PRONTO PER L’AVVIO DELLA MANIFESTAZIONE : MEETING DI PACE

image_pdfimage_print

17 laboratori di pace a Udine e nelle trincee della prima guerra mondiale, una marcia per la pace e una grande assemblea nel castello che fu il quartier generale delle forze armate nella Grande Guerra. 3500 giovani studenti, insegnanti, amministratori locali, animatori culturali, giornalisti, scrittori, genitori, cittadini e istituzioni. 90 scuole, 68 città, 15 regioni, oltre 200 istituzioni, associazioni e organizzazioni coinvolte.

Sono i numeri del Meeting di pace nelle trincee della prima guerra mondiale che si apre domattina a Udine. Numeri importanti che descrivono un evento unico. #Quisifalastoria è uno degli slogan coniati a ragione dai giovani che da questa notte si sono messi in viaggio verso il Friuli Venezia Giulia. Una storia profondamente diversa da quella che esattamente 100 anni fa, il 24 maggio 1915, vide l’Italia dichiarare guerra all’Austria.

“Cento anni fa nelle trincee del Carso, dell’altipiano di Asiago e delle cime dolomitiche si udivano solo le voci delle armi, ha scritto in un messaggio al Meeting di pace Franco Marini, presidente del Comitato per il centenario della grande guerra. Lì dove un secolo fa giovani e giovanissimi hanno combattuto e sono caduti sotto le rispettive bandiere, lì dove il sangue e la morte sono stati i padroni assoluti per tre anni voi portate tantissimi giovani già impegnati in programmi di educazione alla cittadinanza democratica e in percorsi di pace affinché la conoscenza ed il ricordo accrescano il loro desiderio e la loro determinazione a edificare un futuro di pace, giustizia, libertà.” (Il messaggio completo è a disposizione nell’altro file allegato).MEETING

“Nell’ambito delle iniziative per il centenario della prima guerra mondiale – commenta Federico Pirone, assessore alla Cultura del Comune di Udine e presidente del Coordinamento Regionale degli Enti Locali del Fvg per la Pace e i Diritti Umani – il Meeting delle scuole per la pace rappresenta un evento unico in Italia perché dà voce ai giovani e non è pensato per loro, ma con loro. Questa ricorrenza – prosegue – rischia di amplificare la retorica delle celebrazioni e delle generalizzazioni, lasciando sullo sfondo il perché sono avvenute tragedie di questa portata e senza offrire una reale occasione di riflessione sulla nostra contemporaneità, ancora segnata da pesanti conflitti. Con il Meeting, invece, partendo proprio dalle nuove generazioni e dai luoghi della Prima Guerra Mondiale, Udine e l’intera nostra regione, ribadiamo la necessità di mettere in crisi la cultura della guerra e raccontare il valore positivo della pace. Da questi luoghi – conclude Pirone –, può ripartire un bellissimo messaggio di fiducia e di speranza del futuro per tutto il Paese, nel segno dell’Europa, della pace e della centralità della cultura dei giovani. Una manifestazione che conferisce a Udine e alla nostra regione un ruolo nazionale di riferimento per la promozione della cultura della pace”.

Il comitato promotore del Meeting lancia un nuovo appello alla stampa e ai responsabili di tutti i mezzi di comunicazione:

Non lasciamoli soli!!! Venite a vedere e ad ascoltare questi ragazzi e ragazze. La loro voce e il loro impegno per la pace sono un urlo contro l’indifferenza e il cinismo che circonda le troppe tragedie del nostro tempo e un invito a fare i conti con le nostre responsabilità.
Date voce alla pace!

 

About Carlo Liotti

Carlo Liotti
Giornalista Pubblicista iscritto all'Albo dei giornalisti da Aprile 2013. Dottore in Scienze e Tecnologie Alimentari. Appassionato di fotografia e di viaggi, capo redattore de ildiscorso.it, reporter/collaboratore per altri canali di comunicazione.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top