giovedì , 5 Agosto 2021
Notizie più calde //
Home » Attualità » A Gusti di Frontiera torna il Borgo Britannia In piazza Sant’Antonio il triplo degli stand e il tipico bus londinese a due piani

A Gusti di Frontiera torna il Borgo Britannia In piazza Sant’Antonio il triplo degli stand e il tipico bus londinese a due piani

image_pdfimage_print

526934_599967643380520_1325776268_n– Gran Bretagna e Irlanda sono pronte ad attraversare in forze il canale della Manica per
approdare a Gusti di Frontiera, dopo l’anteprima – peraltro apprezzatissima – dello scorso anno.
L’undicesima edizione della più importante kermesse enogastronomica del Triveneto, che si svolgerà a
Gorizia da giovedì 25 a domenica 28 settembre, sarà caratterizzata da una folta presenza di espositori
britannici, quasi triplicata rispetto all’anno passato: ancora una volta sarà piazza Sant’Antonio lo scenario
all’interno del quale si muoveranno gli espositori britannici. Il Borgo Britannia, insomma, proporrà i più tipici prodotti provenienti dalla terra d’Albione, dalle leccornie enogastronomiche all’artigianato, passando per le leggendarie birre irlandesi e i distillati scozzesi. Fortemente influenzata dalle sempre fitte relazioni con le altre nazioni, la cucina britannica offre piatti saporiti e per certi versi molto lontani dalla tradizione gastronomica continentale. Quest’anno a Gusti di Frontiera sarà possibile assaggiare il leggendario fish & chips, servito nel cartoccio, con patatine fritte e filetto di merluzzo dorato da abbinare alle mostarde e alle salse più tipiche della tradizione inglese. Arriva dall’Irlanda un’altra pietanza tutta da assaggiare: lo stufato alla Guinness, ovvero carne di manzo con la più tipica delle birre made in Eire. E proprio la bevanda a base di malto e luppolo sarà tra le protagoniste della principale attrazione del Borgo Britannia: tornerà infatti – dopo la fugace apparizione dello scorso anno – il double decker, il tradizionale bus inglese a due piani, proveniente direttamente da Londra. Guinness, ma anche birre inglesi, scozzesi e irlandesi saranno spinate magistralmente dal patavino Fabio Carraro che, dopo aver perso il lavoro, ha investito i propri risparmi su un autentico Routmaster Rml 2285 «tipico bus londinese originale del 1965 interamente ristrutturato e riverniciato mantenendo il suo aspetto originale – spiega lo stesso proprietario del gioiellino -. All’interno nel primo piano abbiamo costruito un bar in stile 1380634_599967586713859_1789372724_n (1)londinese, mentre al secondo piano abbiamo mantenuto i sedili originali e messo dei tavolini per sorseggiare dell’ottima birra in compagnia». Sono state complessivamente oltre 380 le richieste di partecipazione giunte agli uffici comunali e anche in ragione di questo, gli stand saliranno di numero rispetto alla passata edizione. «Abbiamo deciso di ampliare l’area della festa a via Cadorna, novità assoluta per Gusti, ma già abbondantemente collaudata da decine di edizioni della fiera di Sant’Andrea – spiega l’assessore ai Grandi Eventi Arianna Bellan -. In questa maniera, eviteremo l’effetto “cul de sac” che si creava nelle scorse edizioni in via Boccaccio, di fatto strada senza uscita per chi intendeva passeggiare tra gli stand di Gusti». Via Cadorna, peraltro, sarà colonizzata dal Borgo dal Baltico ai Carpazi, con le specialità provenienti dall’area dell’ex Unione sovietica. L’altra novità logistica riguarda piazza Vittoria: rispetto agli ultimi anni, per evitare anche in questo caso la dispersione del pubblico, si è deciso di non autorizzare l’installazione di stand in via Arcivescovado. Intanto, cresce l’attesa anche sui social network: la pagina ufficiale dell’evento su Facebook conta quasi 12 mila mi piace, con interazioni quotidiane e richieste di informazioni sull’evento.

About Redazione

Redazione
Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top