martedì , 3 Agosto 2021
Notizie più calde //
Home » Attualità » A GONFIE VELE

A GONFIE VELE

image_pdfimage_print

RDopo i tre punti dell’Olimpico i bianconeri tornano di scena al Friuli per provare a mantenere il terzo posto contro il Parma reduce da 3 sconfitte in 4 gare.

Nell’undici bianconero ritorna titolare Di Natale con Domizzi in panchina.

Bell’inizio di match con le squadre che non si risparmiano colpi e producono buone trame. Il Parma ci prova in maniera più incisiva in zona goal senza creare grossi pericoli però. Al 23′ la squadra ospite trova il punto del vantaggio con Cassano che la passa a Mauri che si libera dalla difesa bianconera e trafigge un non perfetto Karnezis. Passano appena 6 minuti e l’Udinese rimette il match in equilibrio: gran passaggio di Kone per Badu che di testa fa sponda verso Di Natale che in scivolata trova il terzo gol in campionato. Il Parma però non ci sta e va vicino al raddoppio prima con un colpo di testa e poi con una conclusione da fuori aerea ma Karnezis si supera in entrambe le occasioni. Ancora Parma al 43′ con azione confusa e conclusione di Cassano ma Il portiere greco c’è. È l’Udinese ad andare sul 2 a 1 però sempre con il solito Capitano che sfrutta al meglio uno straordinario velo di Thereau su perfetto cross di Widmer dalla destra. Passano appena 3 minuti e negli ultimi secondi del recupero Widmer atterra Mauri in area e Calvarese fischia il rigore che Cassano trasforma con un preciso pallonetto. Si chiude così un primo tempo scoppiettante con buona giocate da parte di entrambe le formazioni.

La ripresa inizia subito con un’Udinese ben presente in zona gol. Pochi minuti e partono due conclusioni dal limite dell’area che non trovano lo specchio della porta. A seguire grande azione bianconera con Allan per Di Natale che la suggerisce a Kone che si decentra troppo e spara la conclusione su Mirante. Al 10′ ci prova ancora Kone dall’interno dell’area ma il tiro/cross manda la palla a fondo campo. Passano però solo 3 minuti e capolavoro al Friuli: perfetto cross di un ottimo Widmer con Heurtaux che trova il tiro della domenica di lunedì sera con una rovesciata spettacolare. Siamo al 58′ ed è 3 a 2 Udinese. Da qui la gara prende una piega diversa con i bianconeri che giustamente si difendono in maniera ordinata ed il Parma che prova a recuperare il match con dei tiri da fuori area che però non trovano la porta. Al 77′ fallo di Acquah in mezzo al campo e secondo giallo che lascia gli ospiti in 10. Pochi secondi dopo ancora Parma con una bella conclusione di Cassano di poco a lato. All’82’ sprazzo Udinese con Badu da fuori area con conclusione deviata in angolo. Udinese scatenata nel finale di match con Théréau che ruba palla a Lucarelli e si invola verso la porta e segna il 4 a 2 battendo Mirante. Il match si conclude in un Friuli festante con un tiro fuori di Guilherme e una buona parata di Karnezis su tiro di Gobbi.

Contento della reazione dei suoi, dopo un inizio difficile a tinte ospiti, Stramaccioni che ha sottolineato come la sua squadra riesca a cambiare pelle durante il match e che questo sia un elemento determinante per sistemare le partite. Contento anche per la risposta sul cambio da parte di un blocco che ha giocato tutte le gare senza mai rifiatare. Il Mister però ha sottolineato come il suo ruolo sia quello del pompiere portando calma alla squadra perché non ci si può mai sentire bravi e mancano ancora 28 punti per raggiungere l’obiettivo salvezza.

Dall’altro lato preoccupato Mister Donadoni per la tenuta difensiva ma soddisfatto comunque per la prestazione complessiva del Parma limitata però da qualche ingenuità come nel caso dell’espulsione.

Rudi Buset
rudibuset@live.it
RIPRODUZIONE RISERVATA

About Rudi Buset

Rudi Buset
Pubblicista iscritto all'Albo dei giornalisti dal 2013 Diplomato presso l’ITC Einaudi nel 2007, lavora presso una carpenteria leggera artigiana. Impegnato nel sociale e in politica, da anni collabora con diverse realtà del suo territorio con particolare attenzione al mondo dell’associazionismo. Appassionato di tutto ciò che riguarda l’uomo in quanto “animale politico” oltre che allo sport (in primis il calcio).

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top