sabato , 27 Novembre 2021
Notizie più calde //
Home » Attualità » A 2 MINUTI DALLA PERFEZIONE

A 2 MINUTI DALLA PERFEZIONE

image_pdfimage_print

Juventus-Udinese a Torino è uno spettacolo fin dall’inizio per la presenza dei bambini nelle curve ai posto dei tifosi puniti per qualche insulto di troppo.

Per l’Udinese non parte fra i titolari Pinzi ancora non al meglio dopo la partita contro la Fiorentina e c’è da registrare l’assenza, che non sarà breve, di Muriel, con Guidolin che sceglie di giocarsela con un’unica punta, il Capitano. Conte invece sceglie la coppia d’attacco Llorente-Tevez.

La capolista inizia imponendo buon ritmo al match e si fa subito pericolosa con Tevez servito al meglio da Marchisio, ma Brkic si salva bene in due tempi. Al 14′ tegola Juve: fuori Pirlo per infortunio, al suo posto Pogba. La Juve preme ma la difesa di Guidolin tiene bene coprendo bene gli spazi. Sempre pericoloso Tevez, la sua conclusione però viene deviata in angolo. Alla mezz’ora gli ospiti si fanno vivi grazie ad un errore in fase di disimpegno di Bonucci: Di Natale, un po’ egoista nell’occasione, prova a superare Buffon, ma il portiere della Nazionale ci arriva e mantiene il risultato invariato. Dall’altro lato è ancora sfida Tevez-Brkic con ennesima vittoria del portiere serbo che devia in angolo. La prima frazione si conclude senza particolari emozioni da ambo i lati.

La ripresa vede gli uomini di Conte volenterosi di raggiungere il vantaggio che si fanno decisamente pericolosi da calcio d’angolo fin dai primissimi minuti. Al 51′ però è Buffon a salvar il risultato: Di Natale apre stupendamente per Bruno Fernandes che dalla destra trova un buon tiro su cui Buffon respinge sui piedi del Capitano che gira a colpo sicuro ma il portiere juventino compie uno dei suoi classici miracoli. Al 62′ super contropiede friulano con un grande Di Natale che supera il centrocampo di casa e la passa a Lazzari che va al tiro dalla sinistra con Buffon che si salva ancora in angolo. La Juve risponde con De Ceglie che prova un cross dalla sinistra che di poco non sorprende Brkic. Ci prova anche Basta dalla destra ma il tiro è fuori. Per la Juventus è sempre Tevez il più pericoloso dalla sinistra con Brkic che ha ancora la meglio. Lazzari ci prova dalla distanza ma Buffon ci arriva facilmente. All’82 ci prova il solito Tevez ma una deviazione aiuta Brkic e rimane lo 0 a 0. All’85’ ancora Tevez su punizione, ma la palla è alta di poco sopra la traversa. Poco dopo gran bella girata di Quagliarella, Brkic super in angolo. La Juve spinge forte e mette alle strette nella propria area l’Udinese. Da un corner colpo di testa di Llorente in mezzo all’area con Allan che salva sulla linea. La Juve però alla fine passa: carambola in area di rigore con Lichtsteiner che tira, Llorente è sulla traiettoria e trova il colpo del vantaggio juventino al 91′ a pochi secondi dalla fine.

Finisce così il match, con il rammarico in bocca per i friulani autori di una straordinaria prestazione contro la più forte del campionato che conquista la sua sesta vittoria consecutiva senza subire reti (record per Buffon). Straordinaria prestazione dell’Udinese in crescita super dopo un inizio di campionato alquanto faticoso. Miglior gara in trasferta e forse del campionato, dopo l’ottima vittoria conto la Fiorentina. Con prestazioni simili, con esito migliore per i friulani, speriamo già a partite dalla trasferta di Napoli, la classifica migliorerà sicuramente e magari gli uomini di Guidolin riusciranno a dare ancora ottime soddisfazioni al pubblico friulano uscito con rammarico certo dopo la sconfitta negli ultimi minuti ma con la serenità nel rivedere ancora i colori bianconeri, in divisa arancione questa sera, non arrendersi al primo errore come successo spesso quest’anno, ma sempre pronti a ripartire mettendo in difficoltà gli avversarsi senza lasciare molti spazi in difesa.

Non arrivano punti, ma arrivano buone speranze per il futuro.

Rudi Buset
rudi.buset@ildiscorso.it
RIPRODUZIONE RISERVATA

About Rudi Buset

Pubblicista iscritto all'Albo dei giornalisti dal 2013 Diplomato presso l’ITC Einaudi nel 2007, lavora presso una carpenteria leggera artigiana. Impegnato nel sociale e in politica, da anni collabora con diverse realtà del suo territorio con particolare attenzione al mondo dell’associazionismo. Appassionato di tutto ciò che riguarda l’uomo in quanto “animale politico” oltre che allo sport (in primis il calcio).

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top