sabato , 19 Giugno 2021
Notizie più calde //
Home » Attualità » 24 luglio: a L’Isola del Cinema si parla di letteratura
24 luglio: a L’Isola del Cinema si parla di letteratura

24 luglio: a L’Isola del Cinema si parla di letteratura

image_pdfimage_print

Una serata con ampio spazio alla letteratura quella a L’Isola del Cinema del 24 luglio prossimo. Tre, infatti, le presentazioni letterarie in programma allo Spazio Luce, angolo tradizionalmente dedicato a poesia e letteratura: alle 19.00 in programma la presentazione, a cura di Vittorio Lussanna, del libro Tra le argille del tempo di Giuseppe Lorin. Alle 20:45 invece sarà presentato il libro La Felicità al potere di José Pepe Mujica, Presidente dell’Uruguay, a cura di Cristina Guarnieri e Massimo Sgroi (EIR 2015). Interverrà, oltre a Cristina Guarnieri, Omero Ciai. Infine, alle 22.00, si potrà assistere ad un incontro sul libro Poesie e pensieri per Pasolini di Silvio Parrello. Le letture pasolinisaranno affidate a Giuseppe Lorin, modera Michela Zanarella.Dopo il successo di Da Monteverde al mare, volume-guida del famoso quartiere romano che ha superato ormai le tremila copie vendute ed è alla sua terza edizione, Tra le argille del tempo di Giuseppe Lorin è un libro che mette in risalto la fragilità delle esistenze e racconta i luoghi dal punto di vista di chi li vive.Si tratta del primo romanzo di un genere letterario dai tratti inediti, il “postfantastorico”. Epicentro di “Tra le argille del tempo” è Roma: un viaggio nel passato storico-culturale della grande capitale italiana, un viaggio che si concretizza nel presente e che dà indicazioni sugli eventi prossimi futuri.Un racconto o meglio, una confessione, che oltre a svelare l’uomo e i suoi inganni, parla di amori, di rapporti conflittuali, di segreti impensabili, di grandi e piccole decisioni. “Per essere liberi bisogna avere tempo: tempo da spendere nelle cose che ci piacciono, poiché la libertà è il tempo della vita che se ne va e che spendiamo nelle cose che ci motivano”. È racchiuso in questa frase il senso profondo dell’incontro tra il presidente uruguayano José “Pepe” Mujica e Cristina Guarnieri, direttrice editoriale di EIR, casa editrice indipendente italiana gestita da un gruppo di giovani tra i 27 e i 35 anni. Un incontro inaspettato e fruttuoso, da cui è nato La felicità al potere, il primo e finora unico libro firmato dal presidente Mujica, una delle figure politiche più amate degli ultimi tempi, in Sudamerica e nel mondo.Un’intervista esclusiva ma anche una raccolta dei discorsi più importanti e famosi del presidente, tra cui spiccano il discorso sulla felicità – che dà il titolo al volume – proferito al G20 in Brasile nel giugno 2012, e altri discorsi che affrontano i temi della legalizzazione della marijuana, dei matrimoni gay, della lotta contro la mafia, il tema dell’autogestione delle imprese, il rapporto tra Mercosur e i paesi del Brics, l’Europa, il felitamondo globalizzato, la decrescita e la cura dell’ambiente.Poesie e pensieri per Pasolini è un atto d’amore, un omaggio alla memoria di Pasolini che l’autore fa all’amico intellettuale. Il libro raccoglie pensieri, ricordi, poesie e documenti legati alla vita di Pasolini. Silvio Parrello dedica versi precisi, rivelatori, taglienti, rivolti a quel misterioso delitto che ha portato alla morte di Pier Paolo nel 1975. La verità non è ancora emersa, ma Parrello, in questo saggio, attraverso riflessioni e poesie esprime le sue perplessità sull’omicidio, offrendo una visione personale dell’accaduto. Silvio Parrello in questi anni ha raccolto testimonianze, confidenze, confessioni, indizi, segreti, convinto che tutto sia frutto di un complotto. Il libro vuole essere un’alternativa alla verità voluta dal potere e raccontare in poesia e in ricordi uno dei più grandi intellettuali della storia del Novecento. Silvio Parrello è “Er Pecetto” del romanzo, edito dalla Garzanti nel 1955, Ragazzi di vita di Pier Paolo Pasolini. I due si conobbero nel quartiere Monteverde e tra i due nacque subito una grande amicizia; da anni Parrello si batte per la riapertura del caso sull’omicidio di Pasolini.

About Enrico Liotti

Enrico Liotti
Giornalista Pubblicista dal 1978, pensionato di banca, impegnato nel sociale e nel giornalismo, collabora con riviste Piemontesi e Liguri da decenni.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top