1

36°Rally Bellunese: evento straordinario con grandissimi protagonisti

Mancano due giorni all’inizio della kermesse rallistica che finalmente aprirà, sabato 22 e domenica 23 maggio, la Coppa Rally 4^ zona e il 36° Rally Bellunese, la bella corsa organizzata dall’Asd Tre Cime Promotor del presidente Achille “Brik” Selvestrel, ha già raccolto alcuni eccellenti risultati inconfutabili e di prestigio. Gli equipaggi iscritti (l’elenco è stato ufficializzato ieri mattina, rispettando la “tabella di marcia” che si erano prefissati gli organizzatori) sono ben 121. Un numero straordinario. Per comprenderlo basta sapere che tali livelli non venivano avvicinati da dieci anni, quando il campionato di zona riguardava una area geografica molto più estesa della attuale (Triveneto ed Emilia Romagna); oppure, che due delle ultime tre edizioni della corsa sono state forzatamente annullate per le problematiche legate all’uragano VAIA e alla pandemia da Covid-19; oppure, ancora, che rispetto all’ultima edizione, disputata nel 2019, si è registrato un notevole incremento di 51 equipaggi! Il meticoloso lavoro portato avanti da Asd Tre Cime Promotor, anche attraverso la continua ricerca di dialogo e collaborazione con le Autorità competenti, ha dato i suoi frutti.

Foto Plume Sport

Foto Plume Sport

Il 36° Rally Bellunese si è già meritato l’appellativo di straordinario anche per la qualità davvero stellare del parco partenti. Ventidue vetture della classe “regina”, in questo caso la R5, non si contano tanto frequentemente nemmeno in competizioni di più alto livello: al “Bellunese”, in quarantasei anni di storia, tutte assieme in una volta sola non si erano mai viste. Con Claudio De Cecco, Marco Signor (vincitore in coppia con Patrick Bernardi dell’ultima edizione) e Mauro Spagolla sarà in gara una bella fetta del prestigioso Albo d’Oro della corsa, visto che questi tre piloti hanno ottenuto complessivamente nove successi assoluti nel Rally Bellunese.

Foto Plume Sport

Proprio Signor, che torna ad essere navigato dal bellunese Bernardi dopo un anno e mezzo di “separazione” e con il quale vinse il titolo italiano WRC 2016, darà vita ad una godibile sfida fra campioni nazionali con lo sloveno Rok Turk, alfiere del Team Hyundai di Slovenia e vincitore del titolo 2019 nel suo Paese. Fra gli equipaggi in passato trionfatori in provincia di Belluno vanno ricordati i lombardi Marco Silva e Giovanni Pina che nel 2006, ad Auronzo di Cadore, vinsero la prima edizione del Rally Ronde delle Dolomiti su una Peugeot 206 WRC.

36°Rally Bellunese – Ufficio stampa




Siena – Nuovo bando di Servizio civile regionale “Dai una mano alla cultura Diventa anche tu un Museum Angel”: candidature aperte fino al 28 maggio

La Fondazione Musei Senesi seleziona 24 giovani che potranno svolgere un’importante esperienza formativa attraverso il Servizio Civile Regionale per la durata di 12 mesi con un contributo mensile di 433,80 euro.

I volontari saranno impegnati nella valorizzazione e promozione del patrimonio culturale delle terre di Siena all’interno del progetto Museum Angels Reloaded, che si svolgerà in una delle sedi museali della provincia di Siena o presso gli uffici della Fondazione. Il progetto mira a coinvolgere i giovani coetanei dei volontari e delle comunità locali nelle attività dei musei.

I giovani selezionati potranno usufruire di un periodo di formazione mirata e si dedicheranno alla progettazione e realizzazione di iniziative dedicate, alla gestione di contenuti social, in collaborazione con le associazioni del territorio e gli altri musei della rete.Quali sono i progetti per cui candidarsi? Chi può fare domanda? Quali sono le modalità di presentazione?

Scopri tutte le informazioni nella nostra pagina dedicata al progetto.

Hai tempo fino al 28 maggio per candidarti!




UMBERTO TOZZI in concerto al Castello di Udine porta sul palco tutt ii suoi successi con “Songs”

Umberto Tozzi, chitarrista e cantautore fra i più amati dal pubblico, capace di vendere milioni di dischi in Italia e nel mondo e di incidere canzoni e album diventati parte importante del patrimonio musicale italiano, sarà l’ospite d’eccezione di Udine Vola 2021, con il concerto in programma sabato 17 luglio sul palco del Castello di Udine (inizio alle 21.30). Il live udinese di Tozzi si inserisce nel tour acustico dal titolo “Songs”, che lo vedrà protagonista questa estate lungo tutta la penisola.

I biglietti per la tappa udinese, organizzata da Zenit srl, in collaborazione con Regione Friuli Venezia Giulia, PromoTurismoFVG e Comune di Udine, sono già in vendita on line su www.ticketone.it e in tutti i punti vendita del circuito Ticketone. Tutte le info su www.azalea.it .

Umberto Tozzi torna live quest’estate con degli speciali concerti in acustico con cui attraverserà tutta l’Italia. “Songs”, questo il nome dei live, sarà un modo per l’artista per tornare a incontrare dal vivo il proprio pubblico, dopo questi lunghi mesi in cui il mondo intero è rimasto sospeso, un piccolo passo per far ripartire la musica.

«Sono felicissimo! – ha commentato lo stesso Tozzi – La riapertura dei concerti e dei luoghi di cultura in genere vuol dire finalmente ridare ossigeno a tutti gli operatori dello spettacolo che per questo lunghissimo periodo hanno sofferto in silenzio, dimenticati e senza nessun sostegno economico. Sembra un sogno poter immaginare di risalire su un Palco e incontrare di nuovo le persone che saranno lì per assistere ad un tuo concerto. Mi auguro che sia per me che per i miei colleghi possa essere l’inizio di un ritorno al più presto alla normalità e la fine di un lunghissimo incubo». “Songs” sarà anche un importante tassello nella carriera di Umberto Tozzi: per la prima volta porterà in giro uno show completamente acustico. Il pubblico avrà la possibilità di ascoltare i suoi più grandi successi e alcune canzoni che non sono mai state eseguite in concerto, chicche del suo repertorio, recuperate per l’occasione e a cui verrà data una nuova, emozionante, veste acustica.

Umberto Tozzi, cantautore e chitarrista italiano, nasce a Torino nel 1952. Con 80 milioni di copie vendute, è tra gli artisti italiani che hanno venduto il maggior numero di dischi nella storia. Come autore, con la canzone Gloria (1979), nell’interpretazione di Laura Branigan, è entrato nella classifica dei dischi più venduti in Gran Bretagna e negli Stati Uniti. Umberto Tozzi ha collezionato quattro partecipazioni al Festival di Sanremo, vincendolo nel 1987 con la canzone “Si può dare di più”, cantata assieme a Gianni Morandi e Enrico Ruggeri. In oltre 50 anni di grande carriera l’artista ha regalato ai suoi fan una strepitosa discografia di 34 album, fra lavori in studio, live e raccolte. A Udine Tozzi proporrà quindi tutti i suoi più grandi successi, un’occasione unica per ascoltare in una nuova chiave hit senza tempo come “Ti amo”, “Gloria”, “Stella stai”, “Gente di mare”, “Si può dare di più”, “Tu”, fra le tante.

 




MAX GAZZÈ PROTAGONISTA SUL PALCO DELLA NOTTE BIANCA DI UDINE 3 luglio

MAX GAZZÈ – 3 luglio

“La matematica dei rami”

UDINE, Castello – Ore 21.30

NOTTE BIANCA

Biglietti in vendita su Ticketone.it e in tutti i punti vendita del circuito. Tutte le info su www.azalea.it .

)

Grande ritorno in Friuli Venezia Giulia per uno degli artisti italiani più amati dal pubblico, Max Gazzè, cantautore e fenomenale bassista romano, che sarà protagonista sul palco del Castello di Udine, per la Notte Bianca, il prossimo sabato 3 luglio. Sul palco l’artista porterà il suo nuovo progetto live dal titolo “La matematica dei rami”, tournée che partirà proprio da Udine per proseguire poi fra grandi festival e prestigiose location lungo tutto il territorio nazionale.

I biglietti per lo spettacolo, organizzato da Zenit srl, in collaborazione con Comune di Udine, Regione Friuli Venezia Giulia, PromoTurismoFVG, sono già in vendita on line su www.ticketone.it e in tutti i punti vendita del circuito Ticketone. Prezzo unico di 15 Euro più diritti di prevendita. Tutte le info suwww.azalea.it .

 

Max Gazzè riprende il suo basso e torna in tour. Sarà un’estate ancora all’insegna dei live quella dell’artista, che in questi mesi non si è mai fermato e ha continuato a produrre musica, pubblicando il suo nuovo disco “La matematica dei rami“, prodotto insieme alla Magical Mystery Band, tra underground e pop, elettronica e rock.

Gazzè, dopo essere stato il primo a tornare sul palco la scorsa estate per far ripartire la filiera della musica live, sfiorando le 30 date, ed essere sceso in piazza per dare voce alla categoria dei lavoratori dello spettacolo, è pronto a far suonare live i nuovi brani insieme ai suoi straordinari musicisti: Max Dedoai fiati, Cristiano Micalizzi alla batteria, Clemente Ferrari alle tastiere, Daniele Fiaschi alle chitarre.

Una decina di album in studio, cinque partecipazioni a Sanremo e tantissime copie vendute in Italia: parliamo di Max Gazzè, artista italiano di origini siciliane nato a Roma il 6 luglio 1967 e che oggi rappresenta senza ombra di dubbio una delle proposte più interessanti della musica italiana, confermatosi negli anni sempre ad altissimi livelli, canzone dopo canzone.

Fra i successi di trent’anni di carriera troviamo senza dubbio dischi come “La favola di Adamo ed Eva” (1998), “Tra l’aratro e la radio” (2008), “Maximilian” (2015), tra i tanti. Successo incredibile ha avuto poi il disco “Il padrone della festa” (2014), realizzato assieme ai colleghi e amici di sempre Daniele Silvestri e Niccolò Fabi, lavoro che è stato seguito da un tour sold out in Italia e in Europa.

 




Presentata la nuova programmazione del Teatro Nuovo Giovanni da Udine

Annunciato il ritorno di Gabriele Lavia, con una serata dedicata alle più intense liriche di Giacomo Leopardi, e della star del pianoforte Martha Argerich, interprete di un concerto dedicato a Igor Stravinskij nel cinquantesimo anniversario della morte. Sul grande palcoscenico del teatro non mancheranno poi la danza aerea degli Acrobati Sonics con le loro straordinarie e coloratissime coreografie, un travolgente showdedicato ai più grandi successi del musical, spettacoli per tutta la famiglia e i più piccoli, la commedia dell’arte con la compagnia Brat e ladanza degli Arearea. Come già annunciato, saranno riprogrammati anche alcuni spettacoli e concerti sospesi per la pandemia: il recital per due pianoforti dei fratelli Lucas & Arthur Jussen, Massimo Popolizio con Furore e Cercivento in debutto nazionale con la regia di Massimo Somaglino. Ma prima di tutto, festa: sabato 22 maggio alle ore 20.00 è atteso Eros Pagni per una serata evento che segna, finalmente, il ritorno in sala del pubblico.

 

Udine, 20 maggio 2021 – Riparte nel segno della creatività e della fantasia la nuova programmazione del Teatro Nuovo Giovanni da Udine che oggi, 20 maggio, è stata annunciata dopo il fermo di oltre 7 mesi per l’emergenza coronavirus dal Presidente della Fondazione, Giovanni Nistri, e dai direttori artistici Giuseppe Bevilacqua e Marco Feruglio, alla presenza dell’Assessore Regionale alla Cultura e allo Sport Tiziana Gibelli e dell’Assessore alla Cultura del Comune di Udine, Fabrizio Cigolot.

 

Uno stop che, se ha interrotto bruscamente la ventiquattresima stagione di prosa e musica – solo 3 dei 10 appuntamenti in cartellone fra ottobre e dicembre 2020 sono andati effettivamente in scena – ora lascia il passo a un nuovo capitolo della storia del teatro e dello spettacolo dal vivo in generale, che è, e resterà sempre, esperienza vitale per la società.

 

“Ripartiamo con entusiasmo, in sicurezza e con un grande desiderio: rivedere il nostro affezionato pubblico in sala – commenta il presidenteGiovanni Nistri -. Questi primi spettacoli in cartellone rappresentano per noi una tappa fondamentale e molto attesa, l’inizio di un ritorno alla normalità, ma stiamo già lavorando per completare il prossimo cartellone autunnale: sia per la musica che per la prosa, non mancheranno tante sorprese e nomi illustri del panorama artistico nazionale e internazionale”.

 

A segnare la riapertura del teatro sarà una grande festa: sabato 22 maggio alle 20.00 infatti la sala del Giovanni da Udine si illuminerà nuovamente per accogliere tutti coloro che vorranno rivivere, in serenità e fiducia, l’incantesimo che ci conquista a ogni alzata di sipario.  90 minuti di letture, musica, dialoghi e numerosi ospiti di rilievo di cui uno, in particolare, davvero specialissimo: Eros Pagni, fra i più popolari e amati attori del nostro tempo e protagonista emblematico della grande tradizione teatrale italiana, che donerà al pubblico l’emozionante interpretazione di due intensi monologhi.

 

 

PROSA

Entrando nel vivo del nuovo cartellone, sono nove gli spettacoli proposti dal direttore artistico prosa Giuseppe Bevilacqua: “Nel solco della tradizione che ha caratterizzato le mie direzioni artistiche, anche i prossimi mesi di programmazione sono stati ideati con l’intento di offrire al pubblico un teatro popolare d’arte – sottolinea Giuseppe Bevilacqua -. Ritroveremo spettacoli che utilizzano i linguaggi fondamentali: quello del corpo, quello della commedia dell’arte, linguaggio comico per eccellenza, e quello del canto nelle sue più diverse declinazioni. Il nostro auspicio è che il pubblico ritorni a condividere in questa splendida sala, con i propri cari e la propria comunità, le risate e le riflessioni proposte dal palcoscenico”.

 

Apre la serie di appuntamenti uno spettacolo “sospeso” a causa dell’emergenza covid: Furore (1° giugno) tratto dal capolavoro di John Steinbeck, di e con Massimo Popolizio: un progetto scenico epico e lirico, realista e visionario, che fotografa con lucida precisione il dramma della comunità americana, stretta nella morsa della miseria a cavallo fra le due guerre mondiali.

 

Imperdibile e vi(si)vamente consigliato invece a chi ha un urgente, irrefrenabile desiderio di tuffarsi nella leggerezza e nella fantasia, Toren (10 giugno) unisce, per la gioia di grandi e piccini, sperimentazione acrobatica, atletica e visuale.  Si tratta di uno dei più applauditi successi degliAcrobati Sonics, compagnia definita dal Ministero della Cultura “eccellenza italiana nel mondo”, celebrata per le sue sorprendenti coreografie aeree: un vero e proprio inno al colore, simbolo di felicità, passione e speranza.

 

Momento di intensa poesia sarà poi quello proposto il 30 giugno da un altro eccelso protagonista della scena, Gabriele Lavia. Il suo nuovo recital Lavia dice Leopardi è un’interpretazione personalissima nella forma e nella sostanza, delle più belle liriche del poeta di Recanati: da A Silvia a Passero solitario, dal Canto notturno di un pastore errante dell’Asia a La sera del dì di festa.

Debutto nazionale il 9 luglio per Cercivento, prodotto dal Teatro Dell’Elfo con la regia di Massimo Somaglino, sospeso nei mesi scorsi dalla programmazione per l’emergenza pandemica. Lo spettacolo continua l’appassionato lavoro di scavo nel passato del popolo carnico e nei suoi tanti episodi di sofferenza e di sopruso scatenati dal primo conflitto mondiale.

 

Poteva infine mancare un omaggio al travolgente e sempre amatissimo musical? Certamente no: Broadway Celebration (10 agosto), riunirà sul palcoscenico otto tra i più applauditi solisti e performer di musical theater italiani, accompagnati per l’occasione dai migliori coristi del Sunshine Gospel Choir e da una band di cinque elementi. Saranno loro a suonare e cantare dal vivo le arie di capolavori assoluti del genere come The Rocky Horror Show, Jesus Christ Superstar, Grease, ister Act, Rent, Les Misérables, Cats, A Chorus Line, Hairspray, The Lion King, Notre Dame de Paris, Evita e tanti altri successi.

 

Teatro Insieme e Teatro Bambino

Altro capitolo della programmazione è quello riservato in particolare alle famiglie (Teatro Insieme) e ai più piccoli (Teatro Bambino). Alcune delle proposte testimoniano il significativo spazio che il Teatro Nuovo Giovanni da Udine ha voluto estendere all’ospitalità di spettacoli di ideazione e produzione Regionale, per proseguire nell’azione di sostegno culturale ed economico di tutto il comparto dello spettacolo dal vivo.

 

Per la rassegna Teatro Insieme, il 19 giugno la compagnia palmarina Brat ci attende con Malacarne, la ballata dell’Amore e del Poterediretto dal regista veneziano Michele Modesto Casarin. Sullo sfondo di un periodo storico complesso per il Friuli come quello della fine del Patriarcato di Aquileia, si muove il personaggio di Malacarne, maschera friulana comparsa per la prima volta nel 1622 nella commedia I Travagli d’amore di Marc’Antonio Gattinon di Latisana. Le tecniche del teatro con maschere proprio della commedia dell’arte, unite ai più moderni linguaggi della scena, si mescolano in questo spassoso spettacolo dalla comicità esilarante.

Il 20 luglio invece la compagnia svizzera Baccalà ci proporrà Pss Pss, applaudito in oltre 50 paesi in tutti 5 i continenti, oltre che al Festival Off di Avignone e al Fringe Festival di Edimburgo e vincitore di 12 premi internazionali. Due clown trascinanti e irresistibili, ma anche stralunati e poetici mettono in scena l’incontrarsi, il perdersi e il ritrovarsi attraverso il linguaggio universale del corpo e dello sguardo.

 

Per la rassegna Teatro Bambino, il 15 luglio la compagnia udinese di danza Arearea proporrà Icaro e Dedalo, ovvero non sono un angelo: una nuova produzione al suo debutto nazionale, che ci donerà un’interpretazione delicata e poetica della creatività e inventiva dei giovanissimi, ma anche della loro capacità di reagire con i sogni alle difficoltà. Alla giovinezza di un grandissimo genio, questa volta rinascimentale è invece dedicato Il sogno del giovane Leonardo da Vinci (29 luglio), produzione del veneto Barabao Teatro, realizzato con tecniche di teatro d’attore e grandi macchine sceniche.

 

 

MUSICA

Tre, per quanto riguarda la musica classica, gli appuntamenti proposti dal sovrintendente e direttore artistico Marco Feruglio. “Dopo il fermo di questi lunghissimi mesi, siamo felici di riportare sul nostro palcoscenico artisti della portata di Martha Argerich, che già in due precedenti occasioni ci ha onorati della sua presenza e del suo inarrivabile talento – spiega Marco Feruglio -. Stiamo lavorando per arricchire il cartellone dei prossimi mesi con altri importanti appuntamenti che sapranno certamente rendere felici i tanti appassionati di musica classica del nostro teatro e confidiamo di poter riprogrammare quanto prima anche la nuova opera lirica di nostra produzione, il capolavoro mozartiano Le nozze di Figaro”.

 

Ad inaugurare dunque la serie di concerti sarà, come già annunciato, il recital per due pianoforti dei giovani e talentuosi fratelli Lucas & Arthur Jussen (15 giugno). Il programma spazierà dal classicismo viennese di Mozart e Schubert alla meravigliosa seconda Suite in do minore per due pianoforti di Rachmaninov, frutto di uno dei periodi più fecondi del compositore tardoromantico russo.

Ci potremo poi ritrovare, sabato 26 giugno, al Concerto di premiazione del Concorso Internazionale di Composizione Antonio Smareglia, realizzato in collaborazione con l’Accademia di studi pianistici Antonio Ricci di Udine. Ospiti della serata saranno il mezzosoprano Alessia Nadin, affermata interprete del repertorio lirico italiano, e il pianista Federico Lovato, accreditato e versatile promotore della musica contemporanea.

Il 10 luglio brillerà un autentico astro della musica classica: Martha Argerich, celebrata pianista capace di fondere mirabilmente stile ineguagliabile e genialità. In occasione del suo terzo concerto al Giovanni da Udine, dedicato in buona parte a Igor Stravinskij nel cinquantesimo anniversario della scomparsa, la pianista argentina sarà diretta con l’Orkester Slovenske Filharmonije da Charles Dutoit, che sul repertorio del Novecento storico ha costruito la propria fama internazionale costellata di successi discografici.

 

Attività collaterali

Completano l’offerta del Teatro Nuovo Giovanni da Udine per i mesi estivi gli amatissimi, coloratissimi, strepitosissimi laboratori di piccola scenografia teatrale a cura di Margherita Mattotti ed Eloisa Gozzi, con quattro appuntamenti (25 giugno, 7 luglio, 22 luglio e 3 agosto) dal titolo “Un tuffo nel fondale”, così come le visite guidate teatralizzate di Anà-Thema Teatro: un’occasione imperdibile per scoprire i luoghi più conosciuti, come la sala, e scoprire quelli normalmente vietati al pubblico come i camerini, il retropalco e la torre di scena e fare incontri inaspettati con attori, cantanti, tecnici e… un fantasma all’opera (16 giugno, 19 luglio, 5 agosto).

 

Informazioni per il pubblico

Secondo le più recenti disposizioni in materia di contenimento della pandemia da coronavirus, il Teatro Nuovo Giovanni da Udine potrà accogliere fino a un massimo di 500 persone per ciascuna rappresentazione. I posti sono singoli e distanziati. Sono obbligatori, per l’accesso in sala, l’uso della mascherina (ffp2 o chirurgica), il rilevamento della temperatura corporea tramite termoscanner all’ingresso e il distanziamento fra le persone di almeno 1 metro.

 

Biglietteria
Prevendite aperte dal 25 maggio 2021 ore 16.00 per tutti gli appuntamenti escluso il concerto del 10 luglio 2021 (Orkester Slovenske Filharmonije, direttore Charles Dutoit, pianoforte Martha Argerich), in vendita da martedì 8 giugno 2021 ore 16.00.

 

La biglietteria del teatro è aperta da martedì a sabato (esclusi festivi) dalle 16.00 alle 19.00 e, nei giorni di spettacolo con orario serale, fino all’inizio della rappresentazione. L’accesso è consentito nel rispetto delle misure anticovid: distanziamento di almeno 1 metro fra le persone, utilizzo della mascherina (ffp2 o chirurgica) e di gel disinfettante per le mani.

 

L’acquisto di biglietti è possibile anche online su www.teatroudine.it e su www.vivaticket.it. Per informazioni: tel. 0432 248418; biglietteria@teatroudine.it (servizio attivo negli orari di apertura della biglietteria).

 




ANÀ-THEMA TEATRO: SE DI RIPARTENZA SI PARLA, ALLORA I NUMERI SONO DA RECORD

Oltre 30 repliche del nuovo spettacolo itinerante Inferno, 16 di teatro ragazzi, 11 appuntamenti di recital, 4 serate con le famose Cene con delitto, a cui si aggiungono molti altri eventi dedicati ancora ai più piccoli, per non parlare dei mini-recital di Va in scena il vaccino al centro vaccinale di Martignacco.
Se, dopo un anno di chiusure per il mondo della cultura, di ripartenza si parla, allora la stagione estiva 2021 di Anà-Thema Teatro punta a numeri da record, con quasi 100 spettacoli proposti in appena 3 mesi, da giugno ad agosto.
E non è finita qui, perché la voglia di rincontrare il proprio pubblico è tanta, al tal punto che è già tutto pronto anche per la stagione invernale 2021-2022 al Teatro della Corte di Osoppo dove approderanno grandi nomi della prosa e della danza con anteprime regionali e nazionali.
“Abbiamo aspettato per troppo tempo che il sipario si riaprisse – commenta il regista, attore e direttore artistico della compagnia, Luca Ferri –. Troppo a lungo abbiamo sperato di poter accogliere nuovamente il nostro pubblico. Eppure non abbiamo mai voluto fermarci e nei mesi di stop forzato abbiamo continuato a lavorare nella convinzione che, prima o poi, per usare una metafora dantesca, saremmo usciti a riveder le stelle”.

Inferno – lo spettacolo itinerante dell’estate 2021
Ed è proprio Dante il grande protagonista dell’estate 2021 di Anà-Thema. Nel settecentesimo anniversario della morte del Sommo Poeta, non poteva mancare uno spettacolo a lui dedicato. Seguendo l’ormai rodato e applaudito format degli spettacoli itineranti all’aperto a cui la compagnia ha abituato il pubblico regionale, dal castello di Udine alla Grotta Gigante solo per fare due esempi, a partire dal 5 giugno debutta Inferno.
Appuntamento ormai irrinunciabile nel cartellone di Anà-Thema e mai quanto quest’anno provvidenziale viste le misure per il contenimento della pandemia, lo spettacolo itinerante sarà all’insegna dei più noti personaggi dell’Inferno Dantesco. Secondo la formula classica del piccolo gruppo di spettatori che si sposta di postazione in postazione, si incontreranno così Virgilio, Paolo e Francesca, Ulisse, Caronte, Minosse, il Conte Ugolino e Beatrice. Gli attori, guidati da Dante Alighieri in persona, andranno alle loro postazioni arricchite da elementi di luce e scenografici e con le illustrazioni di Massimiliano Riva. I monologhi saranno di vario genere e stile, passando dalla divertente commedia a momenti più impegnati a pezzi cantati e suonati dal vivo.
Il debutto è per il 5 giugno a Colceresa (Vicenza) per approdare in regione il giorno successivo a Fagagna. Trentaquattro in tutto le repliche che saranno proposte tra Friuli Venezia Giulia, Veneto, Trentino Alto Adige, Lombardia e Piemonte (l’8 agosto a Torino).

Il teatro ragazzi
Se l’agenda per lo spettacolo itinerante è piena, altrettanto lo è quella delle proposte di Teatro ragazzi. Sono sedici, infatti, le repliche che si susseguiranno dall’8 giugno (Forgaria) al 21 luglio (Turriaco) delle proposte che gli attori di Anà-Thema hanno pensato per l’estate 2021. A trasportare i piccoli spettatori nel mondo di cinque tra le fiabe più conosciute saranno i protagonisti di Aladino e la lampada magica, Il gatto con gli stivali, Il pifferaio magico, Colorina e, infine, Pollicino, nuova produzione 2021.

I Recital
Non meno avvincente è il cartellone dei recital. Si parte con La Divina In-Canta, che abbina brani recitati a momenti cantati e attimi riflessione. Imperdibile, poi, è La Divina Mimesis, nuovo progetto per Anà-Thema Teatro che porta così in scena un lavoro in bilico tra il reading e lo spettacolo di prosa. Un viaggio da Pier Paolo Pasolini a Dante che gli attori affrontano ricreando attimi di intense emozioni. Per più di un decennio Pasolini pensò all’idea di riscrivere la Divina Commedia e già dal 1963 cominciò a parlare della Divina Mimesis. Solo nel ’75 però diede alle stampe quelle pagine che lui stesso definì “documento”. A questi due si aggiunge Il racconto del teatro, in cui tra pagine di letteratura, storia e costume ci si addentrerà nel magico mondo dove il sipario si alza per trasportare lo spettatore dentro nuovi orizzonti e nuove emozioni.
Ultima, ma non certo in ordine di importanza, è la rinnovata collaborazione con il Teatro Nuovo Giovanni da Udine e che prevede la realizzazione di visite guidate teatralizzate in cui gli attori della compagnia accompagneranno il pubblico in un viaggio dentro i segreti e le curiosità del più grande teatro del capoluogo friulano.
Il calendario dei recital partirà il 30 giugno a Ponzano Veneto per concludersi il 27 agosto a Pavia di Udine.

Le cene con delitto e il Teatro alla Corte
Chiudono il cartellone estivo di Anà-Thema l’appuntamento immancabile con le Cene con delitto (quattro repliche tra giugno e agosto) e la rassegna di teatro alla Corte di Osoppo con letture in biblioteca e molto altro ancora.

La stagione invernale 2021-2022
L’energia, l’ottimismo e la voglia di guardare oltre l’orizzonte che hanno da sempre caratterizzato l’attività di Anà-Thema, hanno spinto la compagnia a programmare già la stagione invernale al Teatro della Corte di Osoppo. Anche se è presto per addentrarsi nel dettaglio del cartellone, sono già fissate le date degli spettacoli che porteranno, ancora una volta, a Osoppo il meglio della scena teatrale nazionale e internazionale, con prime assolute, prime regionali e nazionali.
Nella carrellata di spettacoli che verranno proposti dal 10 ottobre al 27 marzo 2022 troviamo le nuove produzioni di Anà-Thema, come La villa di Dracula (30 e 31 ottobre), Il segreto del bosco vecchio, tratto dal romanzo di Dino Buzzanti (10 ottobre), il Re Lear (23 gennaio 2022) e Anima ribelle, Padre Turoldo (27 marzo).
Tra i grandi ospiti che approderanno in Friuli si trovano Matilde Brandi con Preferisco che restiamo amici (28 novembre), Denny Mendez con Il carro di Dionisio (13 febbraio 2022), la Lyric Dance Company con Frida (27 febbraio), Stivalaccio Teatro con Arlecchino furioso (24 ottobre), il Teatro Tor Bella Monaca con Elisabetta I (14 novembre), la compagnia di Salvatore Villa con Il veleno del teatro (13 marzo 2022) per arrivare, infine, ai Trigeminus che con Divine Comedie allieteranno il Capodanno 2021-2022 e il concerto di Natale con orchestra che proporrà La piccola fiammiferaia il 19 dicembre.

Per informazioni e prenotazioni è possibile inviare una email all’indirizzo info@anathemateatro.com o telefonare al 3453146797.




La mostra Grigoletti si presenta a Rorai grande(PN)

Sabato 22 maggio alle ore 10.30 nella sala don Veriano dell’oratorio San Lorenzo in via del Pedron 13 a Roraigrande, luogo di nascita dell’artista,  verrà presentata la mostra  “Omaggio a Michelangelo Grigoletti (1801 -1870)”.

Il percorso  creativo  dell’artista,  le opere e con  cenni storici che incorniciano il periodo della sua attività, verranno illustrati dal parroco  don Flavio Martin,  dall’assessore alla cultura Pietro Tropeano e dalla curatrice della mostra  Vania Gransinigh. L’accesso alla  sala sarà consentito  fino all’esaurimento dei posti stabiliti dalle misure anti-Covid.

La mostra,  allestita  al Museo civico di Palazzo Ricchieri  in corso Vittorio Emanuele , è aperta  dal giovedì alla domenica dalle 15 alle 19 ; per visitarla è richiesta la prenotazione telefonica  allo 0434 392935  il martedì e il mercoledì dalle 9 alle 13.  




TEATRO VERDI PORDENONE: RIAPERTURA LIVE IL 27 E 28 MAGGIO

ONE- Il Teatro Verdi di Pordenone – che dalla fine dello scorso anno ad oggi ha sempre proseguito la sua produzione online – riprende la sua programmazione live nel segno della grande musica: in programma nelle serate del 27 e 28 maggio due concerti offerti gratuitamente su prenotazione con protagonista un artista internazionale d’eccezione, il lettone Misha Maisky, leggenda vivente del violoncello, che si esibirà proponendo l’integrale delle “Suites” di Bach per violoncello solo e la consegna – giovedì 27 maggio – del Premio Pordenone Musica 2020. Particolarmente simboliche le date individuate per i concerti: le luci del Teatro Verdi si riaccenderanno, infatti, a un anno dalla prima esibizione in diretta streaming dal palco del Teatro a platea vuota e nel sedicesimo anniversario della sua inaugurazione.

«Con la riapertura dell’attività dal vivo festeggiamo anche i 16 anni dall’inaugurazione del Teatro Verdi in una data che diviene, a sua volta, un nuovo anniversario: quello della ripartenza, che speriamo segni definitivamente una “seconda vita” del teatro post-Covid», spiega il Presidente Giovanni Lessio. «Coraggiosamente, come abbiamo fatto per tutto quest’ultimo anno che non ci ha mai visti fermare la programmazione, ripartiamo con le attività in presenza e lo facciamo con un pieno di proposte che attraverseranno tutto il periodo estivo fino alla ripresa dei cartelloni autunnali».

Il programma dell’intensa due-giorni della ripartenza dal vivo prevede, quindi, tre appuntamenti: insieme ai due concerti di Misha Maisky – l’uomo che ha reso il violoncello uno strumento popolare a livello planetario e che può vantarsi di essere l’unico al mondo ad aver studiato sia con Mstislav Rostropovich (che lo ha definito “uno dei talenti più eccezionali dell’ultima generazione di violoncellisti”) che con Gregor Piatigorsky – che nelle due serate proporrà un repertorio inarrivabile, con l’integrale per violoncello solo delle sei suites di Bach, nella giornata di giovedì 27 maggio sarà recuperata la consegna dal vivo del Premio Pordenone Musica 2020.

Questa sesta edizione del Premio internazionale istituto dal Verdi con il Comune di Pordenone per premiare musicisti, didatti e musicologi che dedicano la loro attività alle nuove generazioni, era stata attribuita al compositore e divulgatoreMichele dall’Ongaro.

Sarà finalmente possibile incontrare adesso dal vivo questa figura di primo piano del panorama musicale nazionale, attuale Presidente-Sovrintendente dell’Accademia nazionale di Santa Cecilia, “uomo di grandi intuizioni e intelligenza critica” –come recita la motivazione del Premio – “custode di memorie con lo sguardo rivolto alla contemporaneità e al futuro”.

A precedere il concerto serale di Misha Maisky e la consegna al premiato del Sigillo della Città, è in programma alle 17.00 l’incontro-concerto con il consulente musicale del Verdi e pianista di fama internazionale Maurizio Baglini. Attesa l’esecuzione della suite composta da dall’Ongaro nel 1989 Autodafè qui impreziosita da un sesto episodio scritto per l’occasione che sarà suonato da Baglini in prima assoluta.

Valore aggiunto di questa edizione del Premio è sicuramente la presenza di un musicista di fama mondiale come Maisky. Nel corso della sua sfolgorante carriera artistica lunga decenni, il celebre violoncellista ha eseguito e registrate più volte le Suites per violoncello di Bach: poterle ascoltare dal vivo è un’esperienza di rara eccezione. Consapevole che “la grande musica è sempre contemporanea” e gli artisti hanno il dovere di impegnarsi a fondo, Maisky affronta con rispetto, ovvero con amore, il capolavoro bachiano, perché “i grandi musicisti sono umili, si sentono messaggeri fra il compositore e il pubblico. Sanno che compositore, interprete e pubblico sono tre attori di un medesimo processo”. La musica di Bach rinasce a vita nuova perché – ricorda Maisky – “la sua musica assomiglia molto a un processo senza fine. Più la avvicini, più lei si allontana. Se potessimo definire la musica come una religione, quella di Bach allora è la Bibbia, il Libro dei libri”.

 

Info biglietteria del Teatro tel 0434 247624 biglietteria@teatroverdipodenone.it e sul sito www.teatroverdipordenone.it




Teatro Miela domenica 23 maggio 2021 ore 18:00  MA IO SCHERZAVO

 

spettacolo sul cyber bullismo e abuso on line

di Max Bazzana, con Martina Boldarin, Elisa Risigari, Davide Rossi, regia Max Bazzana, musiche Max Bazzana

 

 

Ma io scherzavo” fa comprendere ai ragazzi le dinamiche del loro agire quotidiano, dinamiche che in alcuni casi possono portare a conseguenze drammatiche e inaspettate. Lo spettacolo racconta della superficialità e della scarsa consapevolezza con cui spesso si utilizza la tecnologia. Quando si spedisce un post, un video o una foto ad un amico, si dà per scontato che tutto resti nell’ambito del privato, mentre la distanza che passa fra il privato e migliaia di visualizzazioni, fra uno scherzo che si credeva innocuo e quella che può diventare una tragedia, è solo questione di un click.