Lignano Noir Festival incontro del 15 agosto Terrazza a Mare

Un libro, un caffè con…

Ilaria Tuti e il suo romanzo “Ninfa dormiente”

Dopo il successo del romanzo d’esordio “Fiori sopra l’inferno”, una delle migliori novità editoriali della narrativa 2018, il Festival Lignano Noir accoglie nuovamente Ilaria Tuti con un nuovo poliziesco che vede ancora protagonista l’investigatrice Teresa Battaglia.

La giovane scrittrice, originaria di Gemona del Friuli, ambienta “Ninfa dormiente” (Longanesi) nella suggestiva Val di Resia, territorio ricco di storie e tradizioni singolari che ispirano un intreccio sapientemente orchestrato. L’investigatrice, una profiler della Polizia di ampia esperienza e notevole determinazione, dai modi un po’ bruschi e severi, è un personaggio che rivela anche le sue debolezze e fragilità. La trama si delinea unendo passato e presente, misteri sopiti e nuove paure. Emergono con forza le figure femminili, alcune di loro depositarie della memoria e dell’antica sapienza collegata al mondo della natura, fra i boschi e le montagne di un Friuli ancora ancestrale che, con la sua bellezza dirompente e il fascino della natura incontaminata, fa da sfondo alla vicenda.

Questa seconda prova dell’autrice conferma la sua padronanza della scrittura, accurata e avvincente, capace di condurre il lettore con maestria.

Al pubblico lignanese l’occasione di scoprire dalla voce dell’autrice segreti e retroscena del romanzo.

Il Festival Lignano Noir è promosso dall’Assessorato alla Cultura della Città di Lignano Sabbiadoro, è organizzato dalla Biblioteca Comunale, con il Comitato Scientifico presieduto dal prof. Elvio Guagnini e la direzione artistica di Cecilia Scerbanenco, sostegno della Regione Friuli Venezia Giulia, partner Messaggero Veneto e il Giallo Mondadori, patrocinio delle Università di Trieste e di Udine – Dipartimento di studi umanistici, in collaborazione con Rai Friuli Venezia Giulia.

Programma completo e aggiornamenti su www.lignano.org

Facebook: Festival Lignano Noir – Omaggio a Giorgio Scerbanenco

Info: Biblioteca Comunale di Lignano Sabbiadoro, tel. 0431.409160, cultura@lignano.org

 




ITALIA, VIA ALLE VENDITE DEI TAGLIANDI PER UDINESE – SUDTIROL

Udine, 12 agosto 2019 – Scenderanno in campo domenica sera alle ore 20.30 i bianconeri per il primo impegno ufficiale in Coppa Italia contro il Sudtirol.
In occasione del match saranno aperti i seguenti settori della Dacia Arena: Tribuna laterale Nord e Sud, Tribuna centrale Nord e Sud, Club House e settore ospiti.
Non ci sono restrizioni per la tifoseria ospite i cui tagliandi saranno acquistabili fino alle ore 19,00 del giorno antecedente la gara.
Per tutti i tifosi bianconeri, invece, lo sportello biglietteria della Dacia Arena, da oggi alle ore 16,30 fino a sabato 17 agosto, sarà in Curva Nord presso l’Udinese Point Campagna Abbonamenti.
Domenica 18, giorno della gara, le biglietterie, nei box esterni, resteranno aperte dalle 10,30 fino al fischio di inizio del match.
Di seguito le tariffe,  comprensive delle agevolazioni per gli abbonati:

ABBONATI 
INTERO RIDOTTO U18
TRIBUNA LATERALE €10,00 €5,00
TRIBUNA CENTRALE €15,00 €5,00

NON ABBONATI 
INTERO RIDOTTO U18
TRIBUNA LATERALE €15,00 €10,00 €5,00
TRIBUNA CENTRALE €20,00 €15,00 € 5,00
OSPITI €15,00




In viaggio sul Rex, un transatlantico in musica Piazza Verdi Martedì 13 agosto, ore 21

Martedì 13 agosto alle 21 Piazza Verdi riporta tutti agli ann’30, la “Swing Era” e all’atmosfera della sala da ballo dello storico transatlantico del Rex grazie alla Big Band “Shipyard Town Jazz”, diretta dal Maestro Flavio Davanzo, e alla partecipazione dello scrittore e giornalista Pietro Spirito nella veste di storico e giornalista narratore, che viene ospitata in Trieste Estate 2019, la rassegna di eventi e spettacoli di vario genere promossa e organizzata dal Comune di Trieste per animare le serate estive cittadine, giunta alla sua sedicesima edizione.
Lo spettacolo, a ingresso libero, proporrà l’esecuzione di alcuni brani originali, la musica e le danze in voga negli anni ’30, riportando in vita le sensazioni che si vivevano a bordo di quella che fu la più grande e lussuosa nave passeggeri italiana mai costruita fino al varo della Costa Classica nel 1991 e che era stata varata il 1° agosto 1931 alla presenza del re d’Italia Vittorio Emanuele III con la Regina Elena, che ne fu la madrina.
Al transatlantico Rex, che svolgeva servizio tra l’Europa e gli Stati Uniti, Pietro Spirito ha dedicato un monologo teatrale, “La cameriera del Rex”, già portato in scena con successo con Sara Alzetta e musiche di Francesco De Luisa.
La “Shipyard Town Jazz”, Big Band della città dei cantieri navali, ovvero Monfalcone, è stata fondata nel 1986 da un gruppo di appassionati di questo genere musicale. Da oramai trent’anni l’orchestra propone il jazz nei suoi aspetti più storici, ma anche godibili. Una ventina gli elementi parte dell’ensamble, tutti con una grande esperienza musicale, diretta da un Maestro d’eccezione: Flavio Davanzo. L’orchestra si esibisce in numerose manifestazioni culturali e jazz festival; il suo organico comprende musicisti esperti e nuovi giovani talenti, studenti ai Conservatori e Accademie di jazz. Tra gli obiettivi della Shipyard c’è anche quello, seppure molto ambizioso, di reintrodurre il ballo swing. Per questo motivo il gruppo lavora interrottamente alla realizzazione di un repertorio adeguato con arrangiamenti originali di Count Basie, Benny Goodman, Sammy Nestico, Duke Ellington e molti altri ancora, nell’intento di mantenere e conservare una musica che ha creato le fondamenta di tutto quello che oggi si può definire musica moderna. Da alcuni anni il crooner triestino Sergio Iacobucci impreziosisce con le sue interpretazioni i brani cantati.
Flavio Davanzo, nato a Trieste nel 1972 si diploma nel 1991 il Conservatorio di Trieste G. Tartini e prosegue la sua carriera musicale dedicandosi prima all’improvvisazione e dal 1995 allo studio del jazz seguendo i seminari estivi di Siena, Urbino e Perugia, per approdare al prestigioso Berklee Institute negli Stati Uniti. Nel tempo avrà occasione di suonare con: Tony Scott, Kenny Wheeler, John Taylor, Enrico Rava, Andrea Allione, Giancarlo Schiaffini, Glauco Venier, Diana Torto, Enzo Favata e altri. Collaborerà poi con il Teatro G. Verdi, lavorando a varie produzioni lirico/sinfoniche e a trasmissioni radiofoniche e televisive per la R.A.I in qualità di esecutore, arrangiatore, compositore nonchè solista. Ha suonato a vari festival di jazz in Italia, Serbia, Svizzera, Slovenia, Croazia, Francia, Austria, Spagna, Germania e Cina. Ha insegnato Tromba Jazz presso i Conservatori di Udine e di Trieste.



YEAH – 13 agosto 2019, ore 21 – TRIESTE Castello di San Giusto / Cortile delle Milizie

YEAH – Showcase & Conference è il nome del progetto culturale per sostenere i giovani artisti del Friuli Venezia Giulia, permettendo loro di far conoscere talenti europei già affermati e di esibirsi insieme a loro sul palco, ideato dall’Associazione Projects e sostenuto dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia.
Delle tre le serate promosse da YEAH – Showcase & Conference, quella di domani sera, martedì 13 agosto 2019, ore 21, al Cortile delle Milizie del Castello di San Giusto, è quella conclusiva e vedrà il concerto del gruppo algerino ALGIERS, una delle oasi creative più appaganti della scena musicale contemporanea mondiale, accompagnati dall’apertura dei Tavora e degli Yeahki. Il progetto YEAH – Showcase & Conference è parte del programma di Trieste Estate Giovani 2019, la rassegna dedicata ai più giovani e parte di Trieste Estate, la kermesse di eventi e spettacoli di vario genere promossa e organizzata dal Comune di Trieste per animare le serate estive cittadine, giunta alla sua sedicesima edizione.
Il progetto musicale ALGIERS nasce nel 2007 dall’unione di Franklin James Fisher, Ryan Mahan e Lee Tesche, talentuosi polistrumentisti, che danno al gruppo il nome della capitale dell’Algeria. L’iniziativa vuole fare riflettere sula deriva del colonialismo e su un luogo che ha visto fondersi razzismo, violenza, religione e resistenza. Per questo motivo la musica degli Algiers fonde i generi più diversi – gospel, post-punk e industrial music – per formare un suono unico nuovo e potente che scatena, affascina e commuove. Una musica che vuole tramandare un messaggio inconfondibile: non smettere mai di cercare una verità insieme umana e ultraterrena, in un mondo che sembra andare a pezzi ma è sempre pieno di vita.

L’Opening Act è affidato a due progetti musicali selezionati dal progetto YEAH, i Tavora, nati in studio dalle menti creative di due talenti triestini che stanno per pubblicare l’album sperimentale omonimo, e gli Yeahki, misterioso progetto che raccoglie alcuni dei talenti più underground della scena della Città.
biglietti per lo spettacolo sono disponibili al Ticketpoint, Corso Italia 6 – Trieste: € 15,00 +d.p.
Aggiornamenti e ulteriori informazioniwww.triestestate.itwww.triestecultura.itpag.comune.trieste.it
Social: www.facebook.com/ComunediTrieste e www.twitter.com/ComunediTrieste. #Triestestate2019
Prossimi Appuntamenti di Trieste Estate 2019
Mercoledì 14 agosto 2019, ore 21, Piazza Verdi: BandOrkestra, diretta da Marco Castelli
Mercoledì 14 agosto 2019, ore 21, Castello di San Giusto / Cortile delle Milizie: A century of Big Band Music
Trieste Estate Giovani 2019, parte di Trieste Estate, è promossa e organizzata dal Comune di Trieste, con il contributo della Fondazione CRTrieste e il sostegno di Trieste Trasporti.



BIBIONE, DOMANI MARTEDÌ 13 AGOSTO AL FARO THE NUVOICES PROJECT IN “GOSPEL & POP CONCERT”. INGRESSO LIBERO

BIBIONE – Proseguono i concerti live gratuiti collegati alle bike nights: dopo una pedalata in compagnia al chiaro di luna in mezzo alla natura, martedì 13 agosto alle 21.15 al Faro di Bibione, uno spettacolo efficace, fatto di melodie familiari e capaci di fare scatenare anima e corpo con i The NuVoices Project in “Gospel & Pop Concert”. L’ensemble proporrà un repertorio misto diviso in due parti: una dedicata ai grandi classici del Gospel e l’altra a brani che, seppure identificati nel contesto della musica moderna Pop e Rock, hanno come punto cardine la coralità. Si passerà da brani trascinanti come Giants di Donald Lawrence e l’intramontabile Oh Happy Day di Edwin Hawkins a una sezione dedicata alla musica dei Queen, reso ancora più popolari grazie al recente film “Bohemian Rhapsody”, a Bruno Mars e a Claudio Baglioni, sempre accontentando più e meno giovani.

The NuVoices Project sono nati nell’ aprile 2018 come evoluzione della precedente formazione FVG Gospel Choir. L’idea è arricchita dall’esperienza artistica maturata in ambito vocale e strumentale dal Maestro Rudy Fantin, direttore artistico e preparatore dell’ensemble. Il fascino della voce, la coralità, la voglia di sperimentare e la mancanza di pregiudizi stilistici rendono la formazione capace di muoversi fra le sfumature della musica moderna alla rielaborazione di culture tradizionali in chiave moderna.

 

Le Bike nights e gli eventi collegati sono promossi dal comune di San Michele al Tagliamento, in collaborazione con Confcommercio, Bibione Spiagge e The Groove Factory. Media partner Radio Gioconda. Per informazioni:info@comunesanmichele.it




Arte protagonista al Festival dei Sensi Valle d’Itria dal 23 al 25 agosto.

Fiaba in mostra con le foto di Federico Patellani, le grafiche di Mario Bubbico, le illustrazioni di Irina Hale e l’allestimento Fragrantia

Non solo dissertazioni con grandi intellettuali del nostro tempo, ma anche foto, immagini e illustrazioni saranno le protagoniste del Festival dei Sensi, l’appuntamento culturale arrivato alla X edizione che si terrà in Valle d’Itria dal 23 al 25 agosto.

Il Festival, che quest’anno ha come filo conduttore il fiabesco, ospiterà una mostra di Federico Patellani, uno dei più grandi fotografi italiani, nonché maestro e teorico del fotogiornalismo. La mostra, che si intitola L’Italia fiabesca, realizzata in collaborazione con il Museo di Fotografia

Federico Patellani,

Contemporanea (MUFOCO), è l’omaggio di Patellani al Bel Paese con un’attenzione particolare per il Sud Italia, a dimostrazione della passione che legava l’artista lombardo a questi territori.

Accanto alla mostra di Patellani c’è Storie a colori di Mauro Bubbico, un racconto non convenzionale costruito con i moderni strumenti della grafica e gli importanti reperti del Museo Nazionale di Egnazia: un connubio che dà forma a un originale dialogo site

Federico Patellani,Campovago_Fragrantia

specific.

Oltre alle esposizioni, l’allestimento di CampovagoFragrantia, un progetto che punta a farci rivivere i suoni e gli odori della Puglia di un tempo con lo scopo di mostrare come l’architettura può cambiare il paesaggio, valorizzandolo, rispettando l’esistente e al tempo stesso donando nuova identità ai medesimi luoghi.

Ma non c’è fiaba che si rispetti senza i bambini: e allora non poteva mancare Irina Hale, maestra di illustrazioni e allieva di Kokoschka, che delizierà i più piccoli (e incanterà gli adulti) con il suo Disegnare favole. L’occorrente? Pastelli ad olio, fogli di carta bianchi e una fiaba.

Gli appuntamenti:
– L’Italia fiabesca di Federico Patellani: venerdì 23 agosto ore 21-22.30 | sabato 24 agosto ore 10-23 | domenica 25 agosto ore 10-22 – Stazione Ippica (Martina Franca)
– Storie a colori di Mauro Bubbico: sabato 24 agosto ore 8-19.30 | domenica 25 agosto ore 8-19.30 – Museo Nazionale (Egnazia)
– Fragrantia di Campovago: sabato 24 agosto ore 11-19 | domenica 25 agosto ore 11-19 – Chiostro di S.M. della Purità (Martina Franca)
– Disegnare Favole di Irina Hale: sabato 24 agosto ore 17 e ore 18.30 | domenica 25 agosto ore 17 e ore 18.30 – Conservatorio Botanico (Cisternino)