TRIESTE: DECORO ZONA PIAZZA LIBERTA’: SOPRALLUOGO DEL SINDACO

Ristabilire il miglior decoro possibile per la zona di piazza Libertà. Con quest’obiettivo il Comune di Trieste riconvocherà una nuova riunione nei prossimi giorni una riunione  coordinata e aperta a tutti i soggetti interessati (tra gli altri Ferrovie, Centostazioni, Silos, Saba Italia, AcegasAps, Forze dell’ Ordine, le comunità di San Martino al Campo e Sant’Egidio, la Caritas le diverse realtà del volontariato che operano in campo sociale) per cercare di risolvere quelle situazioni di degrado che si riscontano nella zona: dalla qualità della pulizia dell’area al problema dei “bivacchi”, per tutelare la dignità delle persone e  per fare della zona di piazza Libertà un luogo accogliente e sicuro anche per i turisti che sempre più numerosi visitano la nostra città. La decisione è maturata questa mattina (mercoledì 17 ottobre) nel corso di un sopralluogo in piazza Libertà del sindaco Roberto Cosolini e dell’assessore ai Lavori pubblici Andrea Dapretto, che hanno verificato direttamente la situazione in cui versa la zona, raccogliendo così le numerose segnalazioni fatte da cittadini e operatori del territorio.

CONSOLINI E DAPRETTO INTORNO ALLA STAZIONE

Il sindaco Roberto Cosolini ha evidenziato come la situazione dell’ area di piazza Libertà sia comune anche ad altre città in particolare per quanto riguarda tutte le zone  che si trovano in prossimità di Stazioni ferroviarie o d’autocorriere. Per questa ragione è necessario sviluppare tutte le azioni in grado di migliorare la qualità della pulizia del giardino e delle aree circostanti la Sala Tripcovich, il Silos e le Stazioni ferroviaria e delle autocorriere, favorendo anche un’azione di controllo, di  “moral suasion”, che eviti il proliferare di “bivacchi” e pernottamenti impropri. Da qui la decisione di programmare un’ulteriore riunione coordinata con tutte le diverse realtà interessate, per cercare di far fronte al problema, anche in prospettiva dell’arrivo della stagione invernale.   Nel corso del sopralluogo, il sindaco Roberto Cosolini e l’assessore ai Lavori pubblici Andrea Dapretto si sono intrattenuti con alcuni operatori della zona, visitando anche il parcheggio dell’ex Silos e del Mercato della Stazione. Verificata anche la situazione del sottopassaggio pedonale della Stazione centrale che, a causa del maltempo dei giorni scorsi, era stato allagato. Un problema, come ha spiegato l’assessore Andrea Dapretto, che è stato risolto intervenendo con il controllo e la  verifica delle pompe.




“L’invenzione del naso e altre storie”, le favole di Claudio Baglioni

Sabato 13 ottobre, nell’ambito della Fiera delle Parole di Padova, Paola Massari, moglie del celebre cantautore Claudio Baglioni, ha presentato il suo libro “L’invenzione del naso e altre storie”. L’incontro, svoltosi presso il Teatro Ruzante, ha visto come protagonisti Giovanni Baglioni, figlio del noto artista e anch’egli musicista, e lo scrittore triestino Pino Roveredo.

Paola e Claudio si sono incontrati nel 1971. Nel 1973 si sposano e instaurano un rapporto di collaborazione duraturo, il cui frutto principale è l’album “La vita adesso” uscito nel 1985. Il loro sodalizio si esprime nella composizione di brani, nell’ideazione di proposte grafiche per le copertine dei dischi, nella partecipazione alla registrazione dei cori, nell’organizzazione dei concerti. Nel 1993 Paola pubblica la sua prima produzione musicale, “Il Vento Matteo”. La musica e la scrittura sono le sue passioni principali. Attualmente collabora come autrice di testi con artisti della scena musicale italiana.

Paola Massari ha spiegato la genesi del libro. Cinque storie inedite, scritte dal padre Claudio Baglioni per tenere compagnia al piccolo figlio. Storie scritte su fax, che a distanza di anni la madre ha riunito insieme, dopo avere ripassato a mano quei fogli che il tempo aveva sbiadito. Fermare su carta questi ricordi era l’unico modo per tenerli in vita e non lasciare che cadessero nell’oblio o finissero sommersi in un cassetto. Paola ha voluto farli rivivere quei ricordi, di renderli parte attiva della sua esistenza. Storie che custodiscono reminiscenze del passato, emozioni, sensazioni e che parlano dritto al cuore. Storie rivolte ai più piccoli, ma che anche i grandi possono apprezzare. Il libro è corredato dalle bellissime illustrazioni del disegnatore romano Spartaco Ripa, che collabora con varie agenzie di pubblicità di Roma e Milano come illustratore, storyboardista e visualizer. “Il grafico era in stretto rapporto di amicizia con Claudio.” – rivela Paola – “C’è una curiosa coincidenza tra il modo in cui le favole sono state illustrate e le parole scritte, c’è una consonanza perfetta tra immagine e messaggio”. Favole molto divertenti e curiose, in cui emerge una sottile vena umoristica. Il titolo dell’opera rende omaggio alla favola principale in esso contenuta, quella relativa all’origine del naso. Altre due storie sono dedicate rispettivamente al primo e ultimo giorno di scuola. In quest’opera il padre ha saputo costruire e ritagliare un angolo ideale e fantastico riservato al proprio figlio.

La conversazione tra i protagonisti della serata ha regalato momenti di ilarità e si è alimentata della rivisitazione di episodi e retroscena di vita quotidiana, ma anche di riflessioni sulla scrittura e sulla musica, quelle passioni che occupano gran parte dell’esistenza di Paola e del figlio Giovanni. Alla domanda di Pino, se ai bambini di oggi dedichiamo le attenzioni necessarie, anche attraverso la lettura di una favola, Paola ha commentato: “Molto spesso infliggiamo ai nostri figli il peso di situazioni insopportabili, perché crediamo che siano piccoli uomini in potenza, che siano in grado di capire e subire ogni cosa”. Bisognerebbe restituire ai bambini la loro dimensione “genuina”, partendo anche da una bella favola illustrata. E ha espresso la sua preoccupazione come madre affinché un figlio sviluppi un’identità pura, lontana da ogni condizionamento e da ogni plagio da parte dei genitori.

C’è chi ha ravvisato in queste storie un’analogia con la scrittura di Rodari. Claudio Baglioni nello scrivere queste storie ha dimostrato di possedere, in comune con il grande scrittore di favole, una scrittura trasparente, ha rivelato il suo essere autentico e “bambinesco”, la sua capacità di osservare le piccole cose con l’occhio ingenuo del fanciullo. “Non ha pianificato le storie a tavolino”, ha commentato Paola, “la sua è stata una scrittura spontanea, in cui si rispecchia la purezza del bambino”. Forse questa dimensione del cantautore è un po’ sconosciuta e Paola Massari c’è l’ha svelata in tutta la sua evidenza.

Vito Digiorgio




TRIESTE 44^ Barcolana 2012 : STRAVINCE ESIMIT EUROPA 2

Vince per la terza volta consecutiva la Barcolana 2012 la regina dei mari : ESIMIT EUROPA 2 . La coppa d’autunno del 2012 svoltasi oggi a Trieste ha visto quasi in solitaria la corsa della  Esimit che ha dovuto combattere solo con la mancanza di vento. Ha dato quasi quattro chilometri   alla seconda classificata MAXI JENA che in misura di tempo ha ceduto quasi ventiquattro minuti. L’arrivo molto tribolato per l’assoluta mancanza di vento, a meno di un chilometro dal traguardo ha faticato moltissimo per raggiungere l’arrivo. Tanta pazienza per l’equipaggio sulla dirittura d’arrivo dove sembrava quasi che tutto l’armo dovesse mettersi a soffiare sulla vela per  spingere la barca.

Una grande festa, benedetta – al momento – dal meteo. Un Sole tanto splendente quanto inaspettato ha scaldato oggi l’attesa della Barcolana, migliaia di persone sulle Rive, fitto calendario di regate  nel tardo pomeriggio ed eventi a terra da mattina a sera. Ieri si sono allenate, in Golfo, Esimit Europa 2 e Maxi Jena, entrambe approdate lungo le Rive di Trieste, che si sono date battaglia a distanza nel mare senza vento.Lo skipper meeting in programma oggi  alle ore 18, al Savoia Excelsior Palace (non Stazione Marittima, come nelle passate edizioni). Chiuderà l’ennesima edizione della Barcolana.

I vincitori della 44^ Barcolana 2012 :l'equipaggio della ESIMIT EUROPA 2

Anche quest’anno le Stelle Olimpiche sono presenti alla Barcolana e al fianco di Save the Children.Stamattina in Piazza Unità Italia assieme alla Uisp per sensibilizzare sulla ricerca sugli “Sprechi alimentari in Italia” realizzata da Ipsos che presenterà anche un focus sul Friuli Venezia Giulia. La malnutrizione causa ogni anno quasi due milioni e mezzo di morti fra i bambini con meno di 5 anni, ma paradossalmente 1/3 della produzione mondiale di cibo viene sprecata. Ancora oggi 6,9 milioni di bambini muoiono prima di compiere i cinque anni, per malattie prevenibili e curabili, come la malaria, la diarrea o la polmonite. Uni ogni cinque secondi. Più di un bambino su tre muore a causa della malnutrizione. E la fame rimane al primo posto nella lista dei rischi mondiali per la salute e tra le più importanti cause di mortalità infantile, nonostante negli ultimi cinquant’anni la produzione agricola nel mondo sia raddoppiata. Eppure 1/3 della produzione mondiale di cibo viene perduta o sprecata ogni anno, pari a 1,3 miliardi di tonnellate. Le Stelle Olimpiche, inoltre, hanno consegnato al sindaco di Trieste, Roberto Cosolini, il manifesto della campagna Every One chiedendogli di firmarlo per simboleggiare l’impegno dell’amministrazione comunale contro la mortalità e malnutrizione infantile.A Trieste, “White Goose – Duvetica”, l’Ary 415 ell’equipaggio a cinque cerchi, gareggerà con una livrea dello scafo ispirata ai colori delle campagna. Sulle murate della barca ci sarà il logo di Save the Children. Inoltre sulle draglie di “White Goose – Duvetica” saranno posizionati diversi palloncini rossi. Anche quest’anno Illycaffe sostiene la Barcolana attraverso diverse iniziative.

[nggallery id=70] FOTO CARLO E GABRY LIOTTI 

Particolarmente apprezzati i prodotti che il Gruppo fornisce nella sacca dell’armatore che viene consegnata al momento dell’iscrizione, dove i regatanti trovano un barattolo di caffe illy e un buono per ritirare alla illyteca di Trieste un kit degustazione dei prodotti del Gruppo. illycaffe era presente anche in sala stampa e nella vip lounge con l’offerta del suo caffè, mentre sabato un gommone ha accompagnato in mare le imbarcazioni impegnate nelle regate in programma offrendo ai velisti i barattoli di caffè freddo illy issimo.

C.L.




“La Fiera delle parole” a Padova

Si è tenuta a Palazzo Moroni la conferenza stampa per dare al pubblico e ai media un’anteprima su quello che sarà il caleidoscopico programma de La Fiera delle Parole 2012, giunta quest’anno alla sua sesta edizione. Padova festeggia il secondo grande evento de La Fiera delle Parole e, come hanno detto in conferenza stampa il Sindaco di Padova Flavio Zanonato e il Rettore dell’Università Giuseppe Zaccaria, il successo incontenibile della scorsa edizione del 2011 ha garantito anche quest’anno un calendario di presenze importanti. Tappeti rossi per La Fiera delle Parole e riflettori accesi e puntati su un palcoscenico che offre il meglio del panorama culturale italiano. Un evento che si è imposto all’attenzione nazionale proprio per il dialogo che Bruna Coscia, anima de La Fiera delle Parole e Presidente dell’Associaizone Cuore di Carta, ha saputo tessere tra interlocutori di alto livello e il grande pubblico: avvicinando le persone con una manifestazione generalista, coinvolgendole nei grandi temi e dibattiti di attualità, stimolando soprattutto la voglia di partecipazione. Un evento così concepito ha ovviamente trovato a Padova il sostegno di punti di riferimento importanti quali Camera di Commercio, era presente in conferenza il Presidente Roberto Furlan, di Ascom Padova, presente il Presidente Fernando Zilio e di Acegas Aps presente Maurizio Stefani. Un riconoscimento a La Fiera delle Parole viene anche da “la Repubblica”, media partner di quest’anno. Un sostegno alla comunicazione viene inoltre dalle frequenze radio con Radio Latte e Miele e per tutti si potrà seguire la Fiera delle Parole sia sulla pagina facebook che dal sito: http://www.lafieradelleparole.it/

Una commossa ed emozionata Bruna Coscia, dopo i ringraziamenti a quanti hanno condiviso e contribuito al progetto, accettando di sfidarsi sul campo dopo dopo il successo dell’anno scorso, ha illustrato il programma per il 2012. Una sfida non facile ma il programma vince su tutta la linea. Bruna Coscia si è detta particolarmente orgogliosa per aver messo in rete e attivato collaborazioni tra le molte realtà culturali che operano nella città, come ad esempio Progetto Giovani del Comune di Padova, alcune librerie come Pangea, Feltrinelli, Pel di Carota; molte Associazioni tra cui Hemispheres, Caffè letterario angolo dell’avventura, Leggereperleggere. Particolarmente importante la sinergia innescata con i Solisti Veneti e l’Orchestra da Camera di Padova e del Veneto. Quest’anno un ricco ventaglio di appuntamenti con i nomi più prestigiosi della letteratura, del teatro, dello spettacolo e del giornalismo. Alcune piccoli variazioni al programma sono ancora possibili, così come sonno possibili alcune sorprese….ma l’Associazione Cuore di Carta conferma quelli che seguiranno nell’elenco. Prima di passare ai partecipanti, ricordiamo i luoghi che saranno teatro dell’evento. La Fiera delle Parole torna a travolgere Padova con proposte culturali di altissima qualità dislocate nei luoghi più belli, suggestivi e prestigiosi della città: Palazzo della Ragione, Palazzo Bo, Palazzo Moroni, Palazzo del Liviano, Centro Culturale Altinate San Gaetano, Teatro Ruzante, Auditorium Pollini, Scuole, Librerie, Caffè, negozi e le Piazze cittadine.

Gli incontri che si svolgeranno a Palazzo della Ragione potranno essere seguiti anche all’esterno con un maxi schermo reso possibile grazie alla collaborazione della ditta Targetdue che si occupa dei servizi tecnici de la Fiera delle Parole.

LA FIERA DELLE PAROLE: GLI ARGOMENTI

Amicizia, Libertà, Legalità, Etica, Responsabilità, Perdono, Sensibilità, Nostalgia, Spiritualità, Democrazia, Civiltà, Amore, Amicizia, Passione, Condivisione, Democrazia, Uguaglianza, Solidarietà, Impegno, Diritto, Ecologia, Rispetto, Ricerca, Studio, Migrazione, Ricordo, Energia, Felicità, Futuro, Idea, Fede, Educazione, Ironia, Memoria, Dignità.

Sono alcune delle parole che incontreremo a Padova, a La Fiera delle Parole, appunto. “Quelle che vorremmo sentire tutti i giorni. Sappiamo che non è possibile: molte di queste parole le incontriamo piuttosto nei loro contrari, molto diffusi e molto pesanti. Ma noi ci proviamo lo stesso. Per sei giorni proviamo a pronunciarle, a raccontarle, proviamo a renderle familiari. Le parole sono come pietre, bisogna maneggiarle con cura, con attenzione. Le parole possono cambiare la vita. E la Storia”. La racconta così la Fiera, Bruna Coscia, presidente dell’Associazione Cuore di Carta che la organizza in collaborazione con il Comune e l’Università di Padova, e sembra non rendersi ancora conto del valore della manifestazione che ha portato in città. Questo evento muove circa 50.000 persone che arrivano da tutta Italia. Molte le richieste di informazioni che arrivano da fuori: “Chiedono di tutto. Perfino dove parcheggiare. E Cuore di Carta risponde a tutti. Con gentilezza e pazienza”. Perché le cose più belle sono fatte con semplicità e questo è lo spirito di Bruna Coscia, questo è lo spirito de La Fiera delle Parole. Le parole invaderanno la città: “Parole che ascolteremo dai grandi della cultura italiana per per capire, approfondire, discutere.

Allora, diamo potere alla parola e prepariamoci a seguire La Fiera delle Parole che anche quest’anno ci propone una serie di argomenti di grande profondità e attualità.

TEMPO Francesco Guccini, Ezio Mauro e Roberto Vecchioni dialogheranno sul tema: “Le parole del tempo”. Un evento straordinario. Guccini e Vecchioni erano saliti sul palco insieme l’ultima volta nel 1989 durante la rassegna del Premio Tenco. In quell’occasione cantarono “Gli amici”. E come amici li ritroviamo a Padova, 23 anni dopo, a dialogare con Ezio Mauro, direttore de la Repubblica. Il tempo passa ma le parole dei grandi restano. E Guccini e Vecchioni hanno incantato e sedotto milioni di persone, sono stati colonna sonora della nostra vita. Vecchioni e Guccini hanno fatto la storia della musica italiana. Ci siamo ritrovati nelle loro canzoni: abbiamo pianto, sorriso, amato. Grazie alle loro parole.

ECONOMIA. Ne parlerà Massimo Giannini, vice direttore del quotidiano la Repubblica nel suo intervento: “Come uscire dalla crisi”. Il giornalista, dal suo punto d’osservazione strategico, spazierà dall’economia alla politica per spiegarci lo stato delle cose e, soprattutto, delineare futuri scenari. Di ECONOMIA parleremo anche con Andrea Segrè, economista e agronomo, docente di politica agraria. Assieme a Massimo Cirri, conduttore radiofonico, ci parlerà di “Economia a colori” dove l’ecologia diventa unica possibilità per l’economia di domani.

BUROCRAZIA con Gian Antonio Stella e Paolo Rossi: una parola che hanno scelto per denunciare la rugginose macchinazioni amministrive. “Bolli sempre bolli, fortissimamete bolli” è il titolo dell’evento.

LIBERTA’. Da sempre cara a La Fiera delle Parole la troveremo all’incontro con Vito Mancuso che ci presenta il suo ultimo libro “Obbedienza e libertà” con Armando Buonaiuti. Il libro di Mancuso recita come sottotitolo: “Critica e rinnovamento delle coscienza cristiana”. Un libro che va oltre le sue solite tesi originali e ardite. Una forza emotiva coinvolge da subito il lettore nel dialogo critico con la cristianità. Con Vito Mancuso sarà interessante anche affrontare le tematiche del suo ultimo libro: “Conversazioni con Carlo Maria Martini” scritto a quattro mani con Eugenio Scalfari. “La Chiesa è rimasta indietro di 200 anni. Come mai non si scuote?” così si interrogava il Cardinale che è stato punto di riferimento etico e morale per tutto il mondo laico e civile.

FEDE. Gianluigi Nuzzi: con Lino Lava presenta a La Fiera delle Parole “Sua santità. Le carte segrete di Benedetto XVI”. Un libro che ha provocato una bufera facendo molto scalpore e seguendo a ruota lo scandalo di “Vaticano S.p.A.”. Nuzzi porta alla luce carte segrete e documentazioni recuperate dalle stanze segrete e riservate della santa Sede.

LEGALITA’. Un’altra parola fondamentale per “La Fiera delle Parole”. La incontriamo con Gherardo Colombo – l’ex magistrato da sempre in prima linea – ospite di grande rilievo e amico da sempre de La Fiera delle Parole. Parlerà di legalità in un incontro con le scuole al mattino del venerdì. Mentre la sera, con Piercamillo Davigo e Marco Travaglio declinerà le parole Giustizia e Democrazia.

Parlerà anche di PERDONO Gherardo Colombo. Un Perdono Responsabile. E lo fa con Marco Paolini, voce della nostra storia: un artista tra i più impegnati e sensibili del panorama culturale italiano.

Uno sguardo al pianeta DONNE non poteva mancare a La Fiera delle Parole. A Partire da Dacia Maraini e il suo ultimo “L’amore rubato”. Candidata per il Nobel, Dacia Maraini torna a parlarci di donne come solo lei sa fare: le sue sono donne che lottano, vincono o perdono. Ma non si arrendono. Mai. Uno sguardo contemporaneo sul femminile ancora diviso tra chi rispetta e chi considera le donne un oggetto da possedere o schiavizzare.

Avremo poi la giornalista, celebre volto televisivo, Luisella Costamagna a proporci il suo ultimo libro “Noi che costruiamo gli uomini”, un’interessante inchiesta sul rapporto tra le donne italiane e l’autostima.

DONNE ma anche UOMINI. Ne parleremo con Riccardo Iacona, volto Rai e giornalista molto seguito con i suoi speciali e con Presadiretta . In ANTEPRIMA NAZIONALE presenta il suo libro “Se questi sono gli uomini” un’inchiesta che doveva essere compiuta. Nel 2011 sono state uccise 137 donne, una ogni 3 giorni e il 2012 conferma questa continua strage i cui numeri non accennano a diminuire. Colpisce la ferocia di questi omicidi, veri e propri annientamenti fisici. Con Riccardo Iacona cercheremo di comprendere questo fenomeno, approfittando della sua capacità di indagine e divulgazione

A La Fiera delle Parole avremo altre ANTEPRIME NAZIONALI: Andrea Vitali con “Canto di Natale”, con I Fiati dell’Orchestra di Padova e del Veneto. Un lungo racconto 
dove l’autore invita 
i bambini a non perdere troppo in fretta 
la loro infanzia e gli adulti a ritrovarla 
attraverso quell’incantamento che hanno dimenticato.

Ancora un’anteprima nazionale con Giovanni Fasanella e Antonella Grippo e i loro “Intrighi d’Italia”. Fin dalla sua nascita l’Italia è terra di misteri e trame nascoste. Basandosi su documenti inediti, archivi stranieri e testimonianze per troppo tempo ignorate, Fasanella e Grippo hanno ricostruito questi e altri intrighi: tasselli di un puzzle che dice molto dell’Italia di ieri, ma ancor più di quella di oggi.

MUSICA. Tra i tanti appuntamenti musicali all’Auditorium Pollini avremo “TRAVIATA” di Corrado Augias, un evento in collaborazione con I Solisti Veneti. L’anno prossimo si festeggerà il bicentenario della nascita di Giuseppe Verdi. Corrado Augias anticipa le celebrazioni con la messa in scena del capolavoro del compositore. In questa conferenza-spettacolo sarà accompagnato dai celeberrimi Solisti Veneti diretti dal grande maestro Claudio Scimone. A La Fiera avremo poi il grande Simone Cristicchi in “Mio nonno è morto in guerra”; ci sarà il celebre Paolo Andriotti in “Concerto Violoncello”, e i Miraldo Vidal Trio Feat che si esibiranno in un concerto di musica jazz manouche.

SATIRA con Dario Vergassola che ci porta il suo “Panta Rai” e la mostra “Signori miei, uomini politici caporali”: 32 strisce di Sergio Staino tratte da da “il Venerdì di Repubblica”.

Immancabili i grandi nomi della LETTERATURA. A La Fiera delle Parole avremo Carmine Abate e il suo “La collina del vento” Premio Campiello 2012, Marco Missiroli a presentare “Il senso dell’elefante”, Francesca Melandri e il suo “Più alto del mare”; l’amica Angela Terzani Staude in “Tiziano Terzani e l’isola dei poeti”, Marco Buticchi – Vincitore Premio Emilio Salgari 2012 e Finalista Premio Bancarella 2012 – con “La voce del destino”, solo per citarne alcuni.

Avremo inoltre moltissimi appuntamenti con le LETTURE e importanti READING; ci sarà anche una singolare maratona dedicata alla POESIA organizzata al Centro Culturale San Gaetano. E ospiti del calibro di Claudio Bisio.

E poi CINEMA, TEATRO e tanto tanto, tantissimo altro ancora.

Per approfondimenti sulla manifestazione consultate il sito www.lafieradelleparole.it dove troverete anche le mappe dei luoghi dove si terranno gli incontri e il calendario completo, organizzato giorno per giorno, in modo da poter sfruttare al massimo anche una sola giornata a Padova, a La Fiera delle Parole.

La Fiera delle Parole è ideata e diretta da Bruna Coscia e organizzata dall’Associazione Culturale Cuore di Carta in collaborazione con l’Università degli Studi di Padova e il Comune di Padova. Collaborano la Camera di Commercio di Padova, AcegasAps, Ascom e Progetto Giovani

Media Partner : la Repubblica e Radio Lattemiele.

 

 




Repubblica di San Marino: Rallylegend al via.

Repubblica di San Marino. E’ il momento più atteso, il clou dell’evento che migliaia di appassionati aspettano con grande entusiasmo. Rallylegend, la gara, le due tappe di sfida al cronometro che rappresentano il punto più alto di passione di quattro giorni di passione con la storia dei rally, è pronta.

Ed è pronto anche l’elenco degli iscritti, i centosessanta equipaggi ammessi al via, che saranno preceduti dalle spettacolari Legend Stars e dalla Volkswagen Polo R Wrc con Carlos Sainz al volante, che è la grande esclusiva mondiale di Rallylegend 2012.

Nel frattempo si sta completando la struttura di Rallylegend Village, dove spiccano il palco di arrivo e partenza, collegato a Rallylegend Cafè e alla Rallylegend Arena, che sarà sede di tanti incontri e iniziative.

In fase di allestimento anche le hospitaliy, aperte al pubblico, dei partner dell’evento, con in testa Volkswagen, con la presenza della Vw Polo R Wrc e di alcune vetture del Museo Storico, Magneti Marelli Checkstar, IWC Orologi, sostenitore “storico” di Rallylegend, Asset Banca e Sparco.

Impegnata a pieno ritmo dunque l’organizzazione Zeromille, capitanata dalla coppia Piarulli-Valli, che si avvale del patrocinio della Segreteria di Stato per lo Sport della Repubblica di San Marino e della collaborazione di FAMS Federazione Automotoristica Sammarinese e CONS Comitato Olimpico Nazionale Sammarinese.

 

ELENCO DEGLI ISCRITTI STELLARE, TRA STORICHE, GRUPPO SPECIALE E LEGEND STARS.

Definito l’elenco iscritti stellare di Rallylegend numero 10, sia nelle Auto Storiche che nel Gruppo Speciale. Affollato di grandi nomi anche il Legend Wrc Event. Grande spettacolo dalle Legend Stars, solo show e niente cronometro. La nuova VW Polo R Wrc apripista d’eccezione, in esclusiva mondiale. Il programma della gara, con la speciale spettacolo in notturna di venerdì 12 ottobre e le due tappe sabato 13 e domenica 14. A Rallylegend Arena si celebrano i trenta anni del titolo tricolore rally della Ferrari 308 Gtb e di Tonino Tognana. Importante e attiva presenza Magneti Marelli a Rallylegend 2012.

 

Dario Furlan




UDINE: La stagione di prosa 2012-13 del Giovanni da Udine alza il sipario

Da giovedì 11 a sabato 13 ottobre 2012 alle 20:45, domenica 14 ottobre 2012 alle 16:00, da lunedì 15 a mercoledì 17 ottobre 2012 alle 20:45

 La stagione di prosa 2012-13 del Giovanni da Udine alza il sipario giovedì 11 ottobre con uno splendido spettacolo: “Non si uccidono così anche i cavalli?” di Horace McCoy, con l’incisiva regia di Gigi Dall’Aglio. Un talent/reality show teatrale, con musica dal vivo, in cui i partecipanti, ieri come oggi, inseguono l’illusorio, effimero sogno della fama e del denaro facili, rinunciando alla dignità della persona. Dall’incontro dei due nuclei artistici dell’Ensemble Attori Teatro Due con gli attori – danzatori del Balletto Civile (27 artisti che lasciano senza fiato lo spettatore con la loro bravura e la sfrenata energia) nasce la produzione di Fondazione Teatro Due tratta dall’omonimo romanzo di Horace McCoy. Uno spettacolo innovativo che, permette al pubblico di “entrare in scena” per vivere di persona uno spaccato del mondo odierno dove, nella speranza di un futuro dorato, si sacrificano sull’altare del successo i sentimenti veri, lasciando dietro di sé chi non tiene il passo e intralcia la “lunga danza” verso la fama e il successo. Gli spettatori saranno al massimo 350 per serata e si accomoderanno all’interno del palcoscenico del Teatro Nuovo munito di tribuna, venendo coinvolti nella rappresentazione scenica potendo incitare e applaudire gli attori e ballerini partecipanti alla gara di ballo che diventa in questo modo un evento coinvolgente veramente imperdibile. Ci si troverà immersi nella California, anni ’30 del secolo scorso in piena grande depressione economica e contestuale crisi sociale. Schiere di persone si ritrovano in situazioni di povertà e disagio fra prospettive talmente limitate da spingere allo sconforto. Di questo tratta anche il romanzo “Non si uccidono così anche i cavalli?” di Horace McCoy, trasposto mirabilmente sulla scena teatrale dalla regia di Gigi Dall’Aglio, in cui si parla di una inesorabile maratona di ballo a cui partecipa una folta schiera di persone in difficoltà che, presentandosi in coppia, devono ballare fino allo sfinimento per giorni e notti finché vincerà chi sarà in grado di resistere più a lungo. Oltre all’ingente somma in palio, il concorso permette ai partecipanti di rifugiarsi temporaneamente dalla fame e dalle strade, strappando una serie di rapidissimi pasti da consumarsi sulla pista e un alloggio dove poter cogliere dieci minuti di riposo, tra un’estenuante sessione di ballo e l’altra. Inoltre, c’è la possibilità di farsi notare dai produttori cinematografici o teatrali seduti in platea, dai quali poter sperare di ottenere un lavoro e forse la notorietà. Un esempio emblematico, molto attuale, di che cosa può riservare la crisi economica che oltre a far riflettere lo spettatore gli trasmette, attraverso la vitalità della scena e l’energia degli attori, una nuova forza che lo spinge a resistere con rinnovata speranza. Si ricorda che da questa stagione Il Teatro Nuovo Giovanni da Udine, in convenzione con la Fondazione Filippo Renati, attiva un servizio di baby-sitting per accogliere i bambini degli spettatori, la domenica pomeriggio, partendo da domenica 14 ottobre, in occasione dello spettacolo pomeridiano delle ore 16.00 di “Non si uccidono così anche i cavalli?”,  servizio attivo dalle ore 15.00 a mezz’ora dopo la fine dello spettacolo. Il servizio sarà gratuito e ai bambini sarà offerta una piccola merenda, sarà aperto a bambini dai 3 ai 13 anni, fino a un massimo di 16 bambini, che verranno accolti negli spazi della Fondazione Renati e giocheranno con animatori specializzati. Le prenotazioni si effettuano in Biglietteria, al momento dell’acquisto del biglietto per lo spettacolo scelto o in abbonamento, indicando, oltre ai dati dei bambini, anche un cellulare dei genitori, il posto occupato in sala e semplici segnalazioni sulla merenda (eventuali allergie). Le prenotazioni saranno possibili fino alle ore 19.00 del sabato precedente lo spettacolo. Una sinergia importante per garantire sempre maggiore qualità e servizi agli spettatori del Teatro Nuovo Giovanni da Udine che da questa stagione è sempre più presente anche online, attivo sui social networke sul suo sito internet fornendo ai suoi internauti più affezionati sempre maggiori servizi, dalla diretta streaming in occasione della presentazione della stagione 2012/13 all’aggiornamento giornaliero dei propri profili Facebook, Twitter, Pinterest e Instagram. E proprio grazie al gruppo Igerspordenone, è stato ideato il challenge “Insta-theatre”, un’iniziativa avvincente dedicata proprio agli utilizzatori di questo social network conosciutissimo dagli appassionati di fotografia. Fino alle 18:00 del 18 ottobre 2012 si potranno caricare le foto su Instagram utlizzando l’hashtag #theatreudine o #Gdudalvivo , il tema sarà il logo del Teatro Nuovo Giovanni da Udine, o solo lo slogan della nuova stagione teatrale, o altri dettagli legati al mondo del teatro. Per ulteriori informazioni sul challenge, regolamento e premi si può consultare il sito www.teatroudine.it e il profilo Facebook del teatro.

 




OLTRE 1.300 I LIBRI DONATI ALLA “JOPPI” DI UDINE

 

Sono oltre mille e 300 i libri nuovi, soprattutto volumi per bambini e tascabili di narrativa italiana e straniera, ma anche di saggistica d’attualità, regalati alla biblioteca civica “Joppi”. Un “carico” talmente grande che ci sono voluti due viaggi per trasportare i 26 scatoloni raccolti in seguito all’iniziativa “Dona un libro alla tua biblioteca”, organizzato la scorsa estate dalle librerie Giunti di Udine, Martignacco (Città Fiera) e Cassacco (Centro commerciale Alpe Adria).  Il progetto, alla sua terza edizione, è stato pensato per sensibilizzare tutte le persone a donare un libro ad associazioni o enti pubblici, con l’obiettivo di arricchire di nuovi volumi le biblioteche, sottolineando in questo modo l’importanza del loro ruolo come centri propulsori di cultura, spazi di aggregazione e integrazione sociale sul territorio. Chi aderiva all’iniziativa, in una delle tre librerie “Giunti” aveva diritto ad uno sconto del 15% sul prezzo di copertina e, prima di donare il volume, aveva la possibilità di personalizzare la donazione scrivendo una dedica.  Molti, si diceva, i libri per ragazzi donati alla “Joppi”, in una proporzione di circa il 60 per cento. Tra le centinaia di volumi sono state privilegiate le storie classiche (da Pinocchio a Cappuccetto Rosso, da Andersen a Rodari) che quindi andranno a rimpiazzare i libri della Sezione Ragazzi più logori e consunti dall’uso. Ma tanti anche i testi per un pubblico adulto, dove forse la palma del più gettonato può essere attribuita a pari merito a Mauro Corona, Erri De Luca e Stefano Benni e, tra gli stranieri, a George Orwell, Luis Sepùlveda e Paulo Coelho. Interessanti anche certe donazioni “fuori dal coro”, come Irène Némirovsky e Fabio Geda, l’autore di “Nel mare ci sono i coccodrilli: storia vera di Enaiatollah Akbari”. Non poteva mancare nemmeno il celebre “C’è un cadavere in biblioteca” di Agatha Christie, che l’anonimo donatore ha evidentemente ritenuto indispensabile per arricchire la dotazione di gialli della “Joppi”.  Un insieme variegato, dunque, che riassume le tendenze e i gusti del momento e che la “Joppi”, evitando di accollarsi doppioni e assecondando in questo modo anche alcuni donatori delle tre librerie Giunti, cederà alle biblioteche del sistema dell’hinterland udinese, che quei libri invece non posseggono.




Rallylegend: SAN MARINO 13 E 14 OTTOBRE 2012

Sarà un decennale indimenticabile per Rallylegend: a Kankkunen, Waldegaard, Munari, Ickx, Eklund, Trelles e all’apripista VW Polo R Wrc pilotata da Carlos Sainz, si aggiungono Markku Alen e “Kikki” Kivimaki, con la Lancia 037, Markko Martin, in gara con una Ford Focus Wrc, Fabrizia Pons, che leggerà le note al monegasco Faldini e Timo Gottschalk, navigatore vincitore della Dakar 2011, che affiancherà Sepp Wiegand sulla VW G60 “Casa”. Si ricostituisce una coppia famosa a bordo della nuova VW Polo R Wrc, con Luis Moya a dettare le note a Carlos Sainz. Luca Pedersoli darà spettacolo tra le Legend Stars con una Lancia Delta S4.

Prima assoluta per la Lancia 037 4WD-H, nata dalla collaborazione Beppe Volta – ing. Claudio Lombardi.

Alex Fiorio sarà l’ospite d’onore di Deltalegend, e anche il pilota che, con una Delta Integrale, farà provare il brivido della speciale spettacolo a tre fortunati “Deltisti”.

alen 037Repubblica di San Marino. Si va verso la chiusura delle iscrizioni a Rallylegend, ma già dai primi nomi resi noti dagli Organizzatori e dalle proposte in esclusiva mondiale, si capisce che l’edizione del decennale dell’ evento internazionale con base nella Repubblica di San Marino resterà impresso a fuoco nella memoria degli appassionati che saranno presenti.

Alla già nota presenza dei campioni Juha Kankkunen (Lancia Delta Integrale), Bjorn Waldegaard (Mercedes 500 Slc), Sandro Munari (Lancia Stratos), Jacky Ickx (Porsche 911), Per Eklund (VW Golf Gti), Gustavo Trelles (Toyota Celica St 205), insieme al debutto assoluto in un evento rally, in veste di apripista, della nuova VW Polo R Wrc con al volante Carlos Sainz, che ritrova alle note Luis Moya, per una accoppiata di grande effetto, in questo giorni hanno raggiunto la compagnia “iridata” Markku Alen, con il fido “Kikki” Kivimaki alle note, che avrà a disposizione una Lancia 037 “vestita” Martini Racing, l’estone Markko Martin, che sarà impegnato nel Legend Wrc con una Ford Focus, mentre tra i navigatori spiccano Fabrizia Pons, a fianco del monegasco Faldini (Porsche 911), e Timo Gottschalk, navigatore vincitore della Dakar 2011, che affiancherà Sepp Wiegand sulla VW G60.

Presenze di rango anche tra i campioni di rally italiani: tra questi “Lucky” e “Rudy”, che ricostituiscono un equipaggio mitico a bordo della Ferrari 308 Gtb, Federico Ormezzano e Betty Tognana (Talbot Lotus) e Bruno Bentivogli (Alfetta Gtv6), Graziano Rossi (Ford Sierra Cosworth), “cliente” affezionato e amato di Rallylegend. Tra le Legend Stars, e in seguito impegnato in Deltalegend, sarà in prova speciale anche Alex Fiorio (Lancia Delta).

A fare spettacolo tra le Legend Stars anche Luca Pedersoli, con una splendida Lancia Delta S4 “colorata” Magneti Marelli Checkstar, come la Delta di Kankkunen, la Celica di Trelles e la Lancia 027 di Alen, per un poker di piloti attesi protagonisti in prova speciale. Pedersoli poi avrà nel ruolo di navigatrice un personaggio femminile del mondo dello spettacolo a sorpresa …

Gli sponsor, anzi per meglio dire, gli appassionati partner di Rallylegend – ci tiene a sottolineare Paolo Valli, uno dei registi di Rallylegend, insieme a Vito Piarulli – dimostrano anche in questa edizione la volontà di essere protagonisti attivi dell’evento, con il bel regalo confezionato da Volkswagen con la presenza della Vw Polo R Wrc e di alcune vetture del Museo Storico, con la partecipazione dei colori di Magneti Marelli Checkstar su alcune vetture di vertice, con l’intervento di JWC Orologi, sostenitore “storico” di Rallylegend, Asset Banca e Sparco, attivissimi nel Villaggio Rally nel coinvolgere campioni e pubblico nelle loro iniziative”.




Proseguono gli incontri pomeridiani del ciclo Aspettando la bella Stagione, organizzati dal Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia

Lunedì 1 ottobre alle 17.30 alla Sala Bartoli si discuterà di drammaturgia shakespeariana. A condurre, il direttore della British School di Trieste, Peter Brown vero esperto e appassionato in questo campo. Conosceremo i sortilegi inquietanti di Macbeth e la esilarante rilettura dei maggiori capolavori – con protagonisti Zuzzurro e Gaspare – offerta invece in Tutto Shakespeare in 90 minuti. Il pubblico potrà vedere interessanti brani video degli spettacoli.

Martedì 2 ottobre Rossella Brescia, protagonista del balletto Amarcord si collegherà con il pubblico di Trieste per  parlare di danza. Supportati anche da ricche immagini video si anticiperà qualche emozione dagli altri titoli in cartellone compresi l’attesissimo L’altra metà del cielo, con il Corpo di Ballo del Teatro alla Scala sulle musiche di Vasco Rossi e il poetico Swan Lake on Ice e il sorprendente Ballet Revoluciòn.

Tutti gli incontri sono a ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili.

Lunedì 1 ottobre segna inoltre l’apertura della seconda fase della campagna abbonamenti dello Stabile regionale:  è infatti il giorno in cui vengono resi disponibili i posti non riconfermati per gli abbonamenti “a turno fisso”. I nuovi interessati o chi desidera migliorare la propria posizione in sala sono dunque invitati a rivolgersi alle biglietterie.

Informazioni anche sul sito www.ilrossetti.it e al centralino del Teatro 040-3593511.




“Band Live, accendi la tua musica” a Gorizia in abito Gusti di Frontiera

Questa mattina, presso la sala bianca del Comune di Gorizia e’ stato presentato il programma artistico-musicale “Band Live, accendi la tua musica”.
La formula ideata e prodotta dall’Agenzia Full Agency, ha visto salire sul palco oltre 100 artisti e gruppi, provenienti dalla Regione, dall’Italia e dall’estero, durante la stagione estiva, a Trieste, Fiumicello e Lignano, facendo il “Sold out” di partecipanti che si sono esibiti con propri pezzi e con cover e tribute playlists di alta qualità, spaziando dai generi rock al pop.

L’obiettivo di “Band Live, accendi la tua musica” é legato alla promozione di gruppi e cantanti, offrendo loro servizi tecnici audio-luci e palchi all’avanguardia, nonché un’ampia copertura mediatica e di comunicazione, senza alcuna richiesta di quote d’iscrizione e partecipazione.

In occasione della manifestazione Gusti di Frontiera, l’Evento artistico proposto avrà un’ impronta transfrontaliera (come tradizione di queste terre) e si intitolerà “Band Live di frontiera” e vedrà la partecipazione di oltre 20 artisti tra cui alcuni gruppi provenienti dalla Slovenia.

Il Sindaco di Gorizia, Ettore Romoli, si e’ detto entusiasta dell’iniziativa, soffermandosi sull’importanza strategica della posizione del capoluogo isontino, anche per cio’ che riguarda il movimento artistico-musicale transfrontaliero, auspicando una maggiore proposta di eventi e manifestazioni anche nel prossimo futuro, partendo proprio dall’edizione 2012 di “Gusti di frontiera”. Il primo cittadino ha concluso il suo intervento ricordando anche l’imminente inaugurazione del nuovo Palasport cittadino che potra’ divenire un nuovo centro e contenitore di spettacoli musicali per tutti.

L’Assessore comunale ai grandi eventi, Rodolfo Ziberna, si e’ soffermato sulle novita’ di “Gusti di frontiera” di quest’anno, tra cui la ricca produzione di iniziative e manifestazioni collaterali per tutte le fasce di eta’. Band Live di frontiera vuole essere un punto di riferimento importante per tutta la cittadinanza ed i numerosi visitatori regionali, nazionali ed internazionali che faranno tappa a Gorizia dal 27 al 30 settembre, valorizzando anche gli artisti e gruppi locali e dalla vicina Slovenia.
“Band Llive di frontiera” é organizzato in collaborazione con il Comune e le Associazioni Irotom e Juve Club di Gorizia e si svolgerà dal 27 al 30 settembre 2012 presso il piazzale dei Donatori di Sangue in via Boccaccio.

L’Evento, patrocinato da Turismo FVG, e’ supportato anche, per cio’ che riguarda la Direzione artistica, dalla Blue Tattoo Music e dai Partners tecnici Dragoon the Custom Speaker e tutto Musica Strumenti musicali. Media Partner sara’ Radio Metro’.

Questo il Programma artistico di Bandlive di frontiera:

GIOVEDI’ 27 settembre 2012
YOU SHOT a DOE (Trieste) – BLUE JAM (Portogruaro) – THE BURNING (Gorizia) – CONCEPT Tribute NIRVANA (Capodistria) – INFOCUS (Trieste) – SIMONE PIVA & I VIOLA VELLUTO (Gemona del Friuli) – ALTER EGO (Pordenone) – REMENGO BROTHERS (Gorizia)

VENERDI’ 28 settembre 2012
RE.BIRTH (Pordenone) – BIKINI STRIKE (Monfalcone) – ATOMIC STORM (Monfalcone) – PANICLES (Pordenone) – THE RIDEUTS (Trieste) – DIGIT (Ferrara) – DANIELE STALLONE & HIS LOUD ROLL SHUFFLE (Gorizia)

SABATO 29 settembre 2012
SILENT OPERA (Monfalcone) – DIRTY SICK EUROPEANS – (Imola) ANDY GEE (Milano) – HIGHWAI (Udine) – JIMMY JOE’S BAND (Trieste) – I BLUEROSE (Trieste) – BIVIO H (Trieste) – HYDRO (Ancona)

DOMENICA 30 settembre 2012
P.N.G. (Udine) – OVER ELATION (Pordenone) – DOWN TO GROUND (Treviso) – EMILI’S BED (Udine) – I KOBRA (Gorizia)

I concerti inizieranno alle ore 18.30 e finiranno all’01:00, la chiusura della domenica è prevista per le ore 23:00.

Per info Vi invitiamo a visionare i seguenti sito internet: www.comune.gorizia.it – www.fullagency.com – www.bandlive.it