venerdì , 6 Dicembre 2019
Notizie più calde //
Home » IN EVIDENZA » Musso salva una buona Udinese
Musso salva una buona Udinese

Musso salva una buona Udinese

image_pdfimage_print

0 a 0 dell’Udinese dopo una buona gara contro la SPAL. La terza in A, la seconda da primo allenatore, di mister Gotti porta un altro punto in classifica per una squadra che avrebbe meritato la vittoria.

3-5-2 per il mister in attesa del nuovo tecnico con Musso fra i pali, Troost-Ekong, Becao e Nuytinck in difesa, centrocampo con Larsen, Mandragora, De Paul, Jajalo e Sema con la coppia d’attacco Nestorovksi-Okaka. Stesso modulo per la SPAL che schiera Berisha fra i pali, Tomovic, Cionek e l’ex Felipe in difesa, centrocampo con Strefezze, Missiroli, Valdifiori, Kurtic e Reca con Floccari e Paloschi in attacco.

Prima opportunità Udinese dopo soli 3 minuti: buon cross di Larsen per Nestorovki che colpisce il palo. Al 9′ Udinese in gol con Nestorovski ma l’arbitro annulla, giustamente, per fuorigioco. Per gli ospiti prima occasione con una girata in area di Floccari, palla deviata in corner, poco dopo bel colpo di testa di Kurtic su cui interviene bene Musso, sulla ribattuta Paloschi non riesce a trovare la porta. Al 18′ bella palla di De Paul per un buon Mandragora che va al tiro ma Berisha gli dice di no. La SPAL ci prova con Felipe deviato in angolo e con una conclusione in diagonale di Strefezza, palla di poco a lato. Nel finale bel tiro, di poco a lato, di De Paul, per i ferraresi i soliti Strefezza e Floccari, Musso controlla senza problemi.

Ripresa con meno opportunità: errore di Berisha e per poco Okaka non ne approfitta, poi colpo di testa di Mandragora sul fondo. Al 59′ ancora Berisha prova a dare una mano ai friulani con De Paul che si sistema bene la palla al limite dell’area e va alla conclusione senza trovare la porta. Si fa subito notare il nuovo entrato Sala per gli ospiti, conclusione sul fondo. Per i padroni di casa, maggiormente pericolosi, opportunità per Mandragora su punizione e del nuovo entrato Lasagna, attento Berisha. Ancora Mandragora, forse alla sua miglior partita in bianconero, al tiro da fuori, palla a lato. Cambi sul finale di gara in una partita che sembra indirizzarsi verso lo 0 a 0, ma al 94′ l’episodio che può cambiare tutto: mani di Sema in area visto dall’arbitro Massa al VAR. Rigore per la SPAL: dal dischetto si presenta Petagna che mette il pallone alla sinistra di Musso, il portiere argentino ci arriva e salva il risultato, impedendo l’immeritata sconfitta all’Udinese.

Buon punto, per come si era messa la gara, per i friulani, che hanno interpretato bene il match, anche a detta di mister Gotti, creando buone opportunità. E’ mancata un po’ di lucidità offensiva per portare a casa l’intera posta in palio contro una diretta concorrente per la salvezza. Mister Gotti ha confermato l’indisponibilità per continuare a fare da primo allenatore e ora la società sarà chiamata a scegliere il condottiero bianconero che avrà il compito di portare l’Udinese in acque tranquille a partire dall’insidiosa trasferta di Genova contro la Sampdoria dopo la pausa per le nazionali.

Delusione in casa SPAL, non tanto per il match, ma quanto per la mancata opportunità sul finale con un mister Semplici che ha comunque incoraggiato i suoi e l’autore della conclusione dagli undici metri, Petagna.

Dando un occhio alle regionali, buon pari del Pordenone a Chiavari contro la Virtus Entella: vantaggio neroverde con Strizzolo al 20′, pari ligure con Schenetti al 40′. Pordenone stabilmente in zona playoff a quota 19, a due lunghezze dal secondo posto.

Rovinosa sconfitta della Triestina al Rocco contro la capolista Vicenza. 0 a 3 a firma Cinelli, Arma e Guerra con gli alabardati all’ultimo posto della zona playoff.

Immagine tratta da www.legaseriea.it

Rudi Buset

rudibuset@live.it

@RIPRODUZIONE RISERVATA

About Rudi Buset

Rudi Buset
Pubblicista iscritto all'Albo dei giornalisti dal 2013 Diplomato presso l’ITC Einaudi nel 2007, lavora presso una carpenteria leggera artigiana. Impegnato nel sociale e in politica, da anni collabora con diverse realtà del suo territorio con particolare attenzione al mondo dell’associazionismo. Appassionato di tutto ciò che riguarda l’uomo in quanto “animale politico” oltre che allo sport (in primis il calcio).

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top