mercoledì , 29 Gennaio 2020
Notizie più calde //
Home » Il Discorso su » Gorizia e provincia » TEATRO COMUNALE DI CORMONS ‘L’attimo fuggente’ con Ettore Bassi Mercoledì 18 dicembre
TEATRO COMUNALE DI CORMONS ‘L’attimo fuggente’ con Ettore Bassi Mercoledì 18 dicembre
Ettore Bassi

TEATRO COMUNALE DI CORMONS ‘L’attimo fuggente’ con Ettore Bassi Mercoledì 18 dicembre

image_pdfimage_print

C’è grande attesa per il prossimo appuntamento al Teatro Comunale di Cormons pronto ad ospitare, mercoledì 18 dicembre, alle 21, ‘L’attimo fuggente’ con Ettore Bassi, per la regia di Marco Iacomelli. In scena, oltre a Bassi, una compagnia numerosa: Mimmo, Chianese, Marco Massari, Matteo Vignati, Alessio Ruzzante, Matteo Napoletano, Matteo Sangalli, Leonardo Larini, Edoardo Tagliaferri e Sara Giacci.

Nel 1959 l’insegnate di letteratura John Keating viene trasferito al collegio maschile “Welton”. John è un professore molto diverso dai soliti insegnanti: vuole che i ragazzi acquisiscano i veri valori della vita, insegnando loro a vivere momento per momento, perché ogni secondo che passa è un secondo che non tornerà mai più. Cogliere l’attimo è ciò che veramente conta, e vivere senza rimpianti. L’entusiasmo di Keating conquista lo studente Neil Perry componente della setta segreta “I poeti estinti” di cui fa parte anche Charlie Dalton. Quest’ultimo inserisce nel giornale scolastico la richiesta di ammettere anche le ragazze nel collegio maschile, destando l’ira del preside Nolan e venendo punito. Nel frattempo Perry, seguendo la filosofia del professore, si dedica al teatro, la sua vera passione. Il padre di Neil non accetta che il figlio si dedichi a un’attività che possa distrarlo dagli studi ed esige che il ragazzo lasci immediatamente la compagnia. Neil disobbedisce debuttando sul palco e strappando grandi applausi grazie al suo talento. Il padre, furioso, riporta il figlio a casa avvertendolo che lo avrebbe iscritto a un’accademia militare e che avrebbe studiato per diventare medico. Neil, disperato, prende la pistola del genitore e si suicida. La tragedia induce il preside Nolan a espellere il professor Keating per aver spinto il ragazzo a inseguire i suoi sogni, contrari a quelli del padre. L’intera classe di Keating dà l’addio al professore, salutandolo in piedi sui banchi con “O capitano! Mio capitano!”.

About Redazione

Redazione
Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top