sabato , 7 Dicembre 2019
Notizie più calde //
Home » Il Discorso su » Gorizia e provincia » TEATRO COMUNALE DI CORMONS ‘Il Pipistrello’, 30 nov.
TEATRO COMUNALE DI CORMONS  ‘Il Pipistrello’,  30 nov.

TEATRO COMUNALE DI CORMONS ‘Il Pipistrello’, 30 nov.

image_pdfimage_print

“Il Pipistrello”, l’operetta di Johann Strauss più famosa e più rappresentata al mondo e che incarna lo spirito e l’essenza stessa dell’operetta viennese, sarà proposta dalla Compagnia Abbati, in prima regionale, sabato 30 novembre, alle 21 al Teatro Comunale di Cormons. Tempi comici perfetti, tresche sentimentali ed equivoche, musiche famosissime e danze trascinanti, generano uno spettacolo coeso e genuinamente divertente.

Il pipistrello non è solo una famosa operetta, una rutilante e festosa girandola di ritmi e di divertimento, ma un importante capitolo della storia del teatro musicale, un capolavoro assoluto che richiede impegno e grande professionalità. In scena vedremo protagonisti Davide Zaccherini, Giovanna Iacobellis, Mariska Bordoni, Eugenio Maria Degiacomi, Antonella Degasperi, Federico Bonghi, Fabrizio Macciantelli, Lorenzo Marchi, Cristina Calisi, Alessandro Zanni, Corrado Abbati accanto al corpo di ballo del Balletto di Parma. Direzione musicale di Marco Fiorini, coreografie di Francesco Frola, adattamento e regia di Corrado Abbati.

Ecco la storia: Gabriel von Eisenstein, ricco gentiluomo di campagna, è stato condannato, per diffamazione, a qualche giorno di prigione. E’ ormai pronto per recarsi in carcere quando il suo amico dottor Falke gli porta un invito per la festa che il principe Orlofsky darà la sera stessa. Eisenstein non ha dubbi : prima la festa e poi a costituirsi. Rosalinde, sua moglie, rimasta sola, riceve la visita del suo spasimante Alfred che però viene scambiato per il padrone di casa e quindi portato in carcere al suo posto. Ma questo non sarà l’unico scambio di persona, poiché la festa a casa Orlofsky sarà ricca di qui pro quo preparati ad arte dal dottor Falke, che vuole così vendicarsi di una burla fattagli da Eisenstein quando lo lasciò in strada a passare la notte solo, ubriaco e vestito da Pipistrello. Alla festa arrivano così Adele, la cameriera di Eisenstein, il direttore delle carceri, convinto di avere messo in galera Eisenstein e naturalmente Rosalinde, la moglie di Eisenstein. Egli, sotto falso nome, e Rosalinde, mascherata da contessa ungherese, si incontrano. Lui non la riconosce e comincia a corteggiarla donandole anche un bellissimo orologio. Ebbri e felici tutti bevono e cantano. All’alba Eisenstein va a costituirsi, ma in prigione il buffo carceriere lo informa che c’è già un Eisenstein in galera. Eisenstein cerca di capire e quando apprende della “visita” di Alfred a sua moglie si infuria, ma Rosalinde ha buon gioco mostrandogli l’orologio donato da lui alla presunta contessa ungherese. Le cose si complicano ma sarà “il pipistrello”, cioè il dottor Falke, a dare una spiegazione a tutto? …quale? ….non togliamo il piacere della scoperta…

Prevendita dei biglietti il lunedì e il venerdì dalle 17 alle 19 e un’ora prima dell’inizio dello spettacolo.

Carlo Liotti

About Carlo Liotti

Carlo Liotti
Giornalista Pubblicista iscritto all'Albo dei giornalisti da Aprile 2013. Dottore in Scienze e Tecnologie Alimentari. Appassionato di fotografia e di viaggi, capo redattore de ildiscorso.it, reporter/collaboratore per altri canali di comunicazione.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top