mercoledì , 18 luglio 2018
Notizie più calde //
Home » Rubriche » Giovani espressioni » NOVARA : DOPO IL MUSICAL “PINOCCHIO… STORIA DI UN BURATTINO” PROSEGUE “#NOSPRECOPIU’ECO”
NOVARA : DOPO IL MUSICAL “PINOCCHIO… STORIA DI UN BURATTINO” PROSEGUE “#NOSPRECOPIU’ECO”

NOVARA : DOPO IL MUSICAL “PINOCCHIO… STORIA DI UN BURATTINO” PROSEGUE “#NOSPRECOPIU’ECO”

Prosegue con entusiasmo il progetto “#NOsprecoPIU’eco” coordinato dal Nucleo di Didattica ambientale, unità operativa dell’assessorato all’Istruzione, in collaborazione con alcuni partners istituzionali e non, ovvero il Sian dell’Asl No, Assa, Acqua Novara Vco spa, NovaCoop (che interviene anche con un sostegno di tipo economico), Novamont, Istituto storico della Resistenza “Piero Fornara”, Nutriziopoli, Banco Alimentare, Istituto “Ravizza”, cuochi delle mense di carità.

L’iniziativa educativo-didattica, che mette al centro l’importanza della corretta gestione dei rifiuti, è partita dall’esperienza del mandato di biennio del precedente Consiglio dei Bambini e ha trovato concretezza nello spettacolo “Pinocchio… Storia di un burattino”, a cura del gruppo “NonSoloGospel”, che si è tenuto al teatro Coccia il 14 ottobre: al musical, che ha visto l’assessore all’Istruzione Angelo Sante Bongo calcare il palco nei panni del personaggio “Geppotto”, hanno assistito gli alunni delle Scuole novaresi che hanno aderito al progetto.

<<La partecipazione a questo importante progetto – spiega l’assessore Bongo – ha coinvolto insegnanti e alunni degli Istituti comprensivi e delle Scuole paritarie novaresi che hanno partecipato a un ciclo di conferenze, laboratori, giochi didattici durante i quali i vari partners hanno affrontato e stanno affrontando i temi della lotta allo spreco in tutte le sue sfaccettature, stimolando una più forte attenzione al riciclo e al riutilizzo dei rifiuti. In questa ottica si è inserito il recente spettacolo al teatro Coccia, un’interpretazione ludica per i bambini delle Scuole primarie di una favola nota a tutti, nella quale la figura del burattino creato da un vecchio e inutile pezzo di legno diviene bambino e rappresenta la metafora del vero riciclo intelligente e consapevole. Ho deciso di salire sul palco e di improvvisarmi attore proprio perché sia io, sia anche tutto il personale dell’assessorato all’Istruzione che ha lavorato e che sta lavorando a questo progetto – che ringrazio personalmente – crediamo nell’importanza educativa e sociale che iniziative come “#NOsprecoPIU’eco” hanno per le giovani generazioni>>.

Allo spettacolo hanno partecipato, insieme con i rappresentanti delle Istituzioni cittadine, dei partners e di alcuni sponsors, seicentotre tra bambini delle classi IV e V della Scuola primaria accompagnati da genitori e insegnanti dei sette Istituti comprensivi e di tre Scuole paritarie: in particolare novantatre alunni dell’I.C. “Bellini”, quarantasei dell’I.C. “Boroli”, ottanta dell’I.C. “Bottacchi”, cento dell’I.C. “Duca d’Aosta”. Trentaquattro dell’I.C. “Fornara-Ossola”, sessantasei dell’I.C. “Hack”, sessantasette dell’I.C. “Levi-Montalcini”, ventuno dell’Istituto “San Vincenzo”, cinquantasei dell’Istituto “Immacolata” e quaranta dell’Istituto “Maria Ausiliatrice”.

<<Il percorso del progetto – precisa l’assessore Bongo – continua adesso nelle classi, con la collaborazione degli operatori del Nucleo di Didattica ambientale che aiuteranno gli studenti a rielaborare le informazioni ricevute: ciò che ogni incontro ha suscitato darà vita ad una serie di manufatti, disegni o scritti, che saranno esposti, a conclusione del percorso, nell’ambito di una mostra aperta alla cittadinanza che si terrà presso la sala della Barriera Albertina nella settimana che conclude il ciclo di manifestazioni per la ricorrenza di San Gaudenzio>>.

About Redazione

Redazione
Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top