venerdì , 18 Ottobre 2019
Notizie più calde //
Home » HOT » Un coro che cambia, Polifonico s. Antonio Abate in concerto domenica 29 settembre nel Duomo di Cordenons
Un coro che cambia, Polifonico s. Antonio Abate in concerto domenica 29 settembre nel Duomo di Cordenons
coro polifonico Cordenons

Un coro che cambia, Polifonico s. Antonio Abate in concerto domenica 29 settembre nel Duomo di Cordenons

image_pdfimage_print

E’ un coro che cambia quello che si presenta in concerto domenica 29 settembre alle 17 nel Duomo di Santa Maria Maggiore di Cordenons, nell’ambito del Progetto Note d’Europa
Dopo i concerti itineranti dello scorso anno, il Polifonico Sant’Antonio Abate diretto da Monica Malachin, sentiva la necessità di aprirsi a nuove esperienze: uscire dall’usuale circuito, coinvolgere un maggior numero di persone, presentarsi a un pubblico diversificato, mettendosi in gioco, sfidando se stesso con delle nuove proposte. Da questo desiderio di cambiamento o meglio, di arricchimento, è iniziato il percorso che ha portato il Coro a iniziare una svolta, pur non abbandonato il suo repertorio classico: esso viene anzi affiancata da un repertorio popolare colto. Durante il primo semestre del 2019 i coro si è impegnato dunque nello studio e nella sperimentazione in questa direzione, partecipando ad esempio al Progetto Art&Taste di Strada del Vino e dei Sapori organizzato e gestito da PromoTurismoFVG, esibendosi nelle cantine del territorio, o, in collaborazione col CAI di Pordenone, dando vita a tre concerti nel territorio montano (Parco Faunistico Pianpinedo, Piancavallo e novembre in Slovenia).
In programma il Coro ha altre due grandi sfide. La prima è uno spettacolo al teatro Aldo Moro di Cordenons il 26 ottobre, dove ai canti si alterneranno immagini, racconti e filmati di come si sono evoluti il territorio cordenonese e il coro stesso dagli anni Ottanta a oggi. Sul palco protagonista in scena il coro con la sua fisicità. La seconda, il 29 dicembre è la messa in scena della “Buona Novella” di Fabrizio De André, sempre al teatro Aldo Moro. Questa sarà una vera e propria opera teatrale con brani d’insieme e  parti solistiche, e l’accompagnamento di una band di musicisti di spessore. L’evento è inserito nella programmazione dell’Ente Regionale Teatrale. Ecco dunque da un programma così rivoluzionario la volontà di sottolineare il cambiamento anche col concerto di domenica 29 settembre nel Duomo di Cordenons, durante il quale – accanto a Monteverdi, Dipiazza, Antognini e Gjeilo – sarà eseguito in prima assoluta per il Coro l’Ave Maria tratta dalla Buona Novella di Fabrizio De Andrè. Per il Polifonico si tratta di un appuntamento storico – realizzato col Comune di Cordenons, la Parrocchia di Santa Maria Maggiore di Cordenons, l’USCIfvg e Friulovest Banca – in occasione della festa della Madonna del Rosario, durante il quale ospiterà il Coro Giovanile “Audite Juvenes” di Staranzano, diretto da Gianna Visintin (al piano Rossella Fracaros, al violino Annalisa Clemente) che porterà una ventata di freschezza e vivacità con bani come Jubilate Deo (Alberti), Tum Balalaika (Sofianopulo) o Temunà, Kalla Kallà, Rakut dalle “Five hebrew love songs di Withacre. Ingresso libero.

About dal corrispondente

Avatar

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top