giovedì , 24 Ottobre 2019
Notizie più calde //
Home » Il Discorso su » Dall'Italia » Siena – In piazza Jacopo della Quercia a tempo di jazz DOMANI 25 LUGLIO
Siena – In piazza Jacopo della Quercia a tempo di jazz DOMANI 25 LUGLIO

Siena – In piazza Jacopo della Quercia a tempo di jazz DOMANI 25 LUGLIO

image_pdfimage_print

A Siena proseguono i concerti della 49ma edizione dei seminari internazionali estivi di Siena Jazz. DOMANI giovedì 25 luglio (ore 21.30 – ingresso libero) nella meravigliosa Piazza Jacopo della Quercia, primo appuntamento con “Siena Jazz Masters”, le esibizioni dei grandi maestri internazionali che animano i seminari senesi. Due le formazioni impegnate: il primo set propone un quintetto con Becca Stevens (voce), Maurizio Giammarco (sassofoni), Aaron Parks (pianoforte), Paolino Della Porta (contrabbasso), Ferenc Nemeth (batteria). La seconda parte sarà affidata a un sestetto composto da Fulvio Sigurtà (tromba), Miguel Zenon (sax alto), Dayna Stephens (sax tenore), Charles Altura (chitarra), Harish Raghavan (contrabbasso), Ferenc Nemeth (batteria).  Siena Jazz Masters” protagonisti anche venerdì 26 luglio (ore 21.30 – ingresso libero) all’interno del Cortile del Rettorato, grazie alla collaborazione con l’Università degli studi di Siena. Qui si esibiranno Theo Bleckmann (voce), Avishai Cohen (tromba), Roberto Cecchetto (chitarra), Stefano Battaglia (pianoforte), Matt Penman (contrabbasso), Ettore Fioravanti (batteria). Ad aprire la serata “GAIA IN SIENA” ovvero un set che vede protagonisti gli studenti delle cinque istituzioni internazionali dell’Alta Formazione Musicale che danno vita al progetto “GAIA” – Global Association for Interconnective Arts e che sono il Berklee Global Jazz Institute (U.S.A.), la School of Jazz at The New School (U.S.A.), il Conservatorium Van Amsterdam (Holland), il Conservatiore National Supérieur de Musique et de Danse de Paris (France) e Siena Jazz – Accademia Nazionale del Jazz (Italia).

Le cinque istituzioni hanno scelto ciascuna un giovane talento per formare questo gruppo e farlo suonare come ambasciatori di pace e di collaborazione artistica e umana fra le nazioni.

Sul palco YenTing Lo (voce), Daniel Nagel (contrabbasso), Antoine Martin (sassofono), Jacopo Fagioli (tromba), Ilia Blazh (batteria).  E sono numeri importanti quelli dell’edizione 2019: in programma 64 laboratori musicali per oltre 100 ore complessive di attività didattiche, che portano alla formazione delle 64 classi di musica d’insieme. La città intera vivrà una vera e propria “invasione” musicale che grazie all’arrivo di 34 docenti internazionali tra i migliori musicisti del mondo e 120 allievi (il massimo di posti disponibili) provenienti da 14 diverse nazioni.  I seminari saranno accompagnati da un cartellone di 14 spettacoli tutti ad ingresso libero che si svolgeranno in luoghi inediti e suggestivi e che vedranno esibirsi star internazionali e ben 103 gruppi musicali di allievi e docenti. Gli studenti sono provenienti da tutti e cinque i continenti e in particolare oltre all’Italia sono presenti le seguenti nazioni: Argentina, Australia, Austria, Canada, Gran Bretagna, Francia, Olanda, Svezia, Svizzera, Turchia, Cina, Israele e USA.

I CONCERTI IN PROGRAMMA 

SIENA JAZZ MASTERS

Giovedì 1 agosto la musica torna in Piazza Jacopo della Quercia con un nuovo concerto dei “Siena Jazz Masters”.Alle ore 21.30, Diana Torto (voce), Ben Wendel (sassofoni), Kenny Werner (pianoforte), Furio Di Castri (contrabbasso) e Fabrizio Sferra (batteria) sarnno i protagonisti di un primo set che poi lascerà il palco a Jen Shyu (voce), Giovanni Falzone (tromba), Achille Succi (clarinetti, sax alto), Matt Mitchell (pianoforte), Linda Oh (contrabbasso), Fabrizio Sferra (batteria).  Sempre Piazza Jacopo della Quercia accoglie il concerto dei “Siena Jazz Masters” di sabato 3 agosto: in apertura la formazione con Donny McCaslin (sax tenore), Nir Felder (chitarra), Linda Oh (contrabbasso), Henry Cole (batteria), cui seguirà il set che vede protagonisti Ambrose Akinmusire (tromba), Ben Wendel (sassofoni), Lage Lund (chitarra), Joe Sanders (contrabbasso), Henry Cole (batteria). Venerdì 2 agosto nella Chiesa di Sant’Agostino alle ore 21.30 CHIGIANA MEETS SIENA JAZZ: torna l’appuntamento che nasce dalla felice collaborazione tra Siena Jazz e l’Accademia Musicale Chigiana. Potremo ascoltare le musiche prestigiose di due grandi ed eclettici autori, il chitarrista Frank Zappa e il contrabbassista Charles Mingus; grandi composizioni che rappresenteranno il filo conduttore del concerto che – con la partecipazione straordinaria di David Krakauer, Giuseppe Ettorre e Giovanni Falzone – riunisce sul palco la Siena Jazz University Orchestra, la Chigiana Percussion Ensemble, e l’Orchestra dei Conservatori della Toscana. Dirigono: Roberto Spadoni, Antonio Caggiano, Tonino Battista.

LE JAM SESSION IN CONTRADA

Dal 27 al 29 luglio e ancora dal 4 al 5 agosto si svolgeranno le Jam Session in Contrada che ogni sera porteranno a scoprire il cuore più intimo della città, con la partecipazione estemporanea di docenti e studenti dei corsi che si esibiranno nei suggestivi giardini di alcune delle società delle storiche contrade senesi. In particolare il 28 e il 29 luglio, nelle serate che si terranno rispettivamente nel Drago e nella Chiocciola, saliranno sul palco due gruppi “misti” formati da docenti del Siena Jazz e docenti del Conservatorio Amedeo Roldan dell’Avana. Un appuntamento reso possibile grazie a un bando internazionale che Siena Jazz ha vinto e che ha permesso di iniziare la collaborazione con Cuba. Si svolgono sempre in Contrada il 30 e 31 luglio nella Lupa e ancora il 6 e 7 agosto nella Tartuca, i “Concerti finali” a conclusione di ciascuna delle due settimane dei corsi. Saranno attivati due palchi che “suoneranno” in contemporanea, e che vedranno esibirsi tutti e 64 i gruppi di musica di insieme nati nel corso dei seminari 2019 e diretti ciascuno dal proprio docente che suonerà come leader della formazione, regalando una vera festa della musica.

About Redazione

Redazione
Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top