giovedì , 14 Novembre 2019
Notizie più calde //
Home » Il Discorso su » Dall'Italia » SIENA 16 gen. : Atmosfere rarefatte per Cacio e Jazz
SIENA 16 gen. : Atmosfere rarefatte per Cacio e Jazz
Arez Tavolazzi

SIENA 16 gen. : Atmosfere rarefatte per Cacio e Jazz

image_pdfimage_print

Atmosfere rarefatte per “Cacio & Jazz”

Ares Tavolazzi, Mirco Mariottini, Sergio Aloisio Rizzo e Walter Paoli, sul palco per un concerto pieno di sorprese. Inizio ore 22. Ingresso libero

 

 

Mercoledì 16 gennaio a Siena lo spazio

Arez Tavolazzi

live di Cacio & Pere (via dei Termini 70) ospita un nuovo appuntamento di “Cacio & Jazz”, la rassegna che da due stagioni vede protagonisti alcuni fra i più importanti musicisti jazz della Toscana e non solo.

 

In quest’occasione sarà ospite speciale il leggendario contrabbassista Ares Tavolazzi, affiancato da Mirco Mariottini ai clarinetti, Walter Paoli alla batteria e Sergio Aloisio Rizzo alla chitarra: quattro musicisti d’eccezione che proporranno loro brani originali, per un viaggio nelle sonorità eleganti e raffinate del jazz.

 

Impossibile raccontare il percorso artistico di Ares Tavolazzi, musicista che ha segnato la storia della fusion, del jazz e del rock progressivo in Italia, spesso impegnandosi in sperimentazioni musicali estreme.

Protagonista con Demetrio Stratos del leggendario gruppo degli AREA, già in precedenza Tavolazzi aveva dato vita a una band d’avanguardia, The Pleasure Machine, con Vince Tempera ed Ellade Bandini.

Maestro dell’improvvisazione e punto di riferimento per tutto ciò che è innovazione nella musica popolare, Ares Tavolazzi è una pietra miliare per i bassisti di ogni estrazione musicale. Le sue collaborazioni (tra cui si ricordano quelle con Mina, Francesco Guccini, Paolo Conte) sono sempre segnate da un’impronta chiaramente riconoscibile, frutto del percorso di ricerca che proprio nel periodo degli Area è iniziato.

Innumerevoli anche le collaborazioni con i grandi del jazz come Stefano Bollani, Enrico Rava, Sal Nistico, Max Roach, Lee Konitz, Phil Woods, Massimo Urbani.

 

Considerato uno dei principali esponenti del clarinetto nel jazz in Italia Mirco Mariottini ha collaborato con musicisti come John Taylor, Paul McCandless, Tony Scott, William Parker, James Newton, Butch Morris, Bruno Tommaso, Paolo Fresu, Antonello Salis, Michele Rabbia, Goma Parfait Ludovic, Giovanni Falzone.

Ha suonato nei principali festival italiani ed all’estero negli USA, Gran Bretagna, Spagna, Grecia, Germania, Belgio e Turchia. Musicista eclettico ed attento alle molteplici espressioni artistiche ha collaborato in performance nell’ambito del teatro, delle arti visive e della danza e ha realizzato musica per istallazioni di opere d’arte permanenti, colonne sonore per documentari e per trasmissioni televisive. Ha partecipato alla realizzazione di numerosi cd tra cui “Nugae” come leader del proprio trio con Stefano Battaglia e Paolino dalla Porta e come side-man in “Re: Pasolini” di Stefano Battaglia pubblicato dalla prestigiosa etichetta tedesca E.C.M.

Recentemente ha composto la suite “Visioni in musica sugli scritti di David” dedicata alla figura di David Lazzaretti “mistico-rivoluzionario” che visse a metà ottocento in Toscana.

Viene citato dal flautista americano James Newton, durante un’intervista, come uno degli eredi di Eric Dolphy.

 

Walter Paoli suona e collabora con la quasi totalità dei musicisti più importanti della scena jazzistica italiana (Bollani, Pieranunzi, Moroni, Rava, Fresu, D’andrea, Rea, Di Battista). Tra le collaborazioni con musicisti stranieri vanno ricordate quella con Kenny Wheeler, Benny Golson, Steve Turrè, Terence Blanchard, Paul McCandless, Gary Bartz. Si è esibito in alcuni dei più importanti festival mondiali (Montreux 1988, Umbria Jazz 2006, Montreal 2006). Ha svolto anche un’intesa attività come session man nell’ambito della musica leggera suonando e registrando per numerosi artisti (Jovanotti, Irene Grandi, Gianni Morandi). Ha al suo attivo circa cinquanta incisioni discografiche (Orchestra del Titanic, Stefano Bollani Trio, Enrico Pieranunzi,Tessa Drummond).

 

Chitarrista palermitano di origine ma residente in Toscana, Sergio Aloisio Rizzo nonostante la sua giovane età ha avuto modo di collaborare con alcune delle personalità di spicco del panorama jazzistico italiano (tra i quali Nico Gori, Gabriele Evangelista, Maurizio Giammarco, Stefano “Cocco” Cantini) e del mondo del gypsy jazz (Jacopo Martini, Adrian Holovaty, Pacora trio). Si è inoltre esibito in alcuni fra i più rinomati jazz club e festival (Torrione Jazz Club – Ferrara, Bimhuis – Amsterdam, Blue Note – Bratislava, Bologna Jazz festival).

 

Inizio ore 22.00. Ingresso libero. Prenotazioni e informazioni: 0577 1510727 – 3316420975

 

 

About dal corrispondente

Avatar

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top