martedì , 31 Marzo 2020
Notizie più calde //
Home » Spettacolo » Musica » “MIGLIOR ALBUM GIOVANI 2018” PER IL NUOVO LAVORO DEL DUO BOTTASSO
“MIGLIOR ALBUM GIOVANI 2018” PER IL NUOVO LAVORO DEL DUO BOTTASSO

“MIGLIOR ALBUM GIOVANI 2018” PER IL NUOVO LAVORO DEL DUO BOTTASSO

image_pdfimage_print

Biserta e altre storie riceve l’importante riconoscimento al “Premio Nazionale Città di Loano per la Musica tradizionale italiana”

“Tutto è cominciato con un organetto diatonico e un violino, e con musiche da ballo delle valli occitane. Da allora, i fratelli Bottasso sono diventati grandi: hanno studiato, suonato con musicisti di tutto il mondo, imparato tradizioni nuove, esteso in profondità il suono dei loro strumenti con l’elettronica. Fino ad approdare a Biserta, insieme al sound designer Simone Sims Longo. Se è questa la musica folk di domani, non vediamo l’ora che sia domani.”. Con queste parole la Giuria del “Premio Nazionale Città di Loano per la Musica tradizionale italiana” ha assegnato a Biserta e altre storie del Duo Bottasso & Simone Sims Longo il premio Miglior Album Giovani 2018, destinato al disco pubblicato nel 2018 da artisti under35 che maggiormente abbia convinto le decine di giurati e critici coinvolti nelle votazioni.
Il secondo lavoro del Duo Bottasso, uscito per l’etichetta Visage Music, segue a distanza di quattro anni il precedente Crescendo, ed è impreziosito dalla collaborazione con Simone Sims Longo. L’insolito team, un duo folk accanto ad un musicista elettronico e sound designer, si incontra nell’ambito del documentario “Biserta. Storia a spirale” (Cosenude Media Projects, 2018), per il quale ha curato la composizione delle musiche ed il suono. Il comune intento di uscire dalla propria comfort zone ha permesso ai tre artisti di raggiungere una terra di nessuno a metà tra suoni folk e digitali, per raccontare con le loro composizioni non solo le storie dei protagonisti del documentario ma anche le contraddizioni della Tunisia contemporanea e la dolcezza della città di Biserta. Ospiti dell’album sono l’iraniano Reza Mirjalali con il suo suggestivo tar ed il Kinder-und
Jugendchor der Theater Chemnitz, coro di voci bianche diretto da Pietro Numico. Un disco che apre ad una riflessione sulla fratellanza: non più quella personale del Duo che aveva caratterizzato il precedente Crescendo, ma quella che, non solo in Tunisia, sembra oggi essere solo un lontano ricordo.Il Duo Bottasso, Simone all’organetto diatonico e Nicolò al violino e alla tromba, lavora principalmente nel campo della world-music ed è sempre alla ricerca di una mediazione fra
la loro origine di musicisti folk e l’interesse per l’improvvisazione e la musica contemporanea. L’incontro fra questi mondi apparentemente distanti avviene organicamente grazie alla padronanza delle tecniche compositive, al funambolico virtuosismo sui loro strumenti ed alla complicità di due fratelli legati dal desiderio di mantenere in evoluzione la tradizione della propria terra d’origine. Simone Sims Longo è un compositore e performer interessato nel creare e processare suoni nel campo digitale, focalizzandosi sull’esplorazione timbrica. Concentra inoltre la sua attività sulla relazione tra audio e video in tempo reale, performando spettacoli di musica visuale con l’obiettivo di esplorare la percezione dei fenomeni audiovisual.
Questa fortunata collaborazione non si ferma con Biserta e altre storie: i tre artisti infatti sono già al lavoro su un nuovo spettacolo audiovisual basato su materiali d’archivio, realizzato con la regia dei videomakers Cosenude Media Projects. Lo spettacolo verrà presentato ad Altdorf (Svizzera) il 17 Agosto nell’ambito del festival Alpentoene, che ha commissionato l’opera.
Nato quindici anni fa come laboratorio permanente sulla musica folk, il Premio Città di Loano per la Musica Tradizionale Italiana è il massimo riconoscimento per le musiche popolari in Italia. La direzione artistica è a cura di Jacopo Tomatis, con la collaborazione di Ciro De Rosa, Enrico de Angelis e Annalisa Scarsellini, ed ha come obiettivo la promozione e la valorizzazione della produzione contemporanea di musica tradizionale di radice italiana, attraverso il coinvolgimento di artisti, etichette discografiche, giornalisti e operatori culturali. Gli altri premi dell’edizione 2019 sono stati assegnati a: Raffaello Simeoni per Orfeo incastastorie (Miglior Album 2018), Tre Martelli (Premio alla Carriera 2019), Finisterre (Premio Realtà Culturale 2019). L’omonimo festival si svolgerà dal 22 al 26 luglio a Loano (SV).
Biserta e altre storie è disponibile in formato fisico nei principali negozi e su Spotify per l’ascolto in streaming. Le date del tour di presentazione dell’album saranno presto disponibili sul sito www.duobottasso.com e sui canali Facebook e Instagram del Duo Bottasso e di Simone Sims Longo.

About Carlo Liotti

Carlo Liotti
Giornalista Pubblicista iscritto all'Albo dei giornalisti da Aprile 2013. Dottore in Scienze e Tecnologie Alimentari. Appassionato di fotografia e di viaggi, capo redattore de ildiscorso.it, reporter/collaboratore per altri canali di comunicazione.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top