martedì , 19 marzo 2019
Notizie più calde //
Home » Spettacolo » Arte e mostre » GUARDIANA DEI SOGNI- variazioni su Leonor Fini di Corrado Premuda con Sara Alzetta. 27 e 28 lug-18.00
GUARDIANA DEI SOGNI- variazioni su Leonor Fini di Corrado Premuda  con Sara Alzetta. 27 e 28 lug-18.00

GUARDIANA DEI SOGNI- variazioni su Leonor Fini di Corrado Premuda con Sara Alzetta. 27 e 28 lug-18.00

image_pdfimage_print

GUARDIANA DEI SOGNI- variazioni su Leonor Fini di Corrado Premuda
con Sara Alzetta.
Giovedì 27 e venerdì 28 luglio ore 18.00 il secondo atteso appuntamento con , STORIE NELL’ARTE percorsi teatrali.
Proseguono gli appuntamenti con l’arte al Civico Museo Revoltella Galleria di Arte Moderna di Trieste dedicati a due tra le grandi personalità che hanno caratterizzato il Novecento triestino, questa volta il compito di interpretare Leonor Fini seguendo il percorso teatrale affidato alla scrittura di Corrado Premuda è affidato a Sara Alzetta. Leonor fini rivive nelle parole dell’attrice che accompagna il pubblico seguendo una narrazione scenica che si sviluppa al quinto piano del Museo in una sorta di dialogo con le preziose opere esposte. Un itinerario tra teatro e arte alla ricerca di suggestioni . teatro e arte alla ricerca di suggestioni.teatro e arte alla ricerca di suggestioni.

La vita e le opere di Leonor Fini s’intrecciano tra loro e compongono un denso e complesso universo affabulatorio. L’avventurosa infanzia triestina, la consacrazione artistica malgrado i pregiudizi maschilisti dell’epoca, i viaggi in Europa, la creazione di un immaginario personale e le bizzarrie dello stile di vita appaiono attraverso uno sguardo onirico, come di bambino che osserva e gioca attraverso un velo.
Questo è “Guardiana dei sogni. Variazioni su Leonor Fini” di Corrado Premuda, “materiali per una drammaturgia” composti per il regista Alessandro Marinuzzi.

Leonor Fini (1907-1996) si è dedicata a diversi campi dell’arte: pittura, incisione, scenografia e costumi per cinema e teatro, design, illustrazione, scrittura. Nata a Buenos Aires e cresciuta a Trieste nei primi decenni del Novecento, ha scelto di vivere a Parigi dove ha saputo costruire una lunga e fortunata carriera. Nei suoi quadri crea atmosfere a volte drammatiche, a volte ironiche, riuscendo a raccontare storie dai tratti fantastici. I suoi soggetti preferiti sono figure femminili e giovani uomini addormentati, immagini mitologiche, gatti, sfingi, animali misteriosi, crani, maschere. Negli ultimi anni in Europa si sono tenute molte mostre di sue opere, la più completa è stata organizzata al Museo Revoltella.

Corrado Premuda, scrittore e giornalista, si occupa da anni di Leonor Fini. Nel 2009 ha realizzato con Giampaolo Penco il documentario “Mais où est Leonor?”, acquisito dalla videoteca del Centre Georges Pompidou, ha tradotto dal francese “Murmur. Fiaba per bambini pelosi” (2014) scritto da Leonor Fini e ha pubblicato il libro “Un pittore di nome Leonor. Da Trieste a Parigi: la scatenata gioventù di Leonor Fini” (2015).
organizzazione: Bonawentura in collaborazione con il Museo Revoltella
Biglietto € 10,00 (acquistabile dalle 17.30 all’ingresso del museo). Prevendita: Teatro Miela, da lunedì a venerdì dalle 15 alle 19. Posti max 50

Quadro , Leonor Fini, Autoritratto col cappello rosso, 1968 — at Museo Revoltella

About Redazione

Redazione
Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top