sabato , 25 Giugno 2022
Notizie più calde //
Home » HOT » GIUSEPPE GIACOBAZZI – Il comico romagnolo domani 26 maggio  a Udine “Noi, millevolti e una bugia”
GIUSEPPE GIACOBAZZI – Il comico romagnolo domani 26 maggio  a Udine “Noi, millevolti e una bugia”

GIUSEPPE GIACOBAZZI – Il comico romagnolo domani 26 maggio  a Udine “Noi, millevolti e una bugia”

GIUSEPPE GIACOBAZZI

“Noi, mille volti e una bugia” – Giovedì 26 maggio 2022

UDINE, Teatro Nuovo Giovanni da Udine, inizio ore 21.00

Biglietti in vendita sul circuito Ticketone e alle biglietterie del teatro. Info e punti autorizzati su www.azalea.it

 

Grande appuntamento con la comicità al Teatro Nuovo Giovanni da Udine. Domani, giovedì 26 maggio sarà il comico romagnolo Giuseppe Giacobazzi a divertire il pubblico con lo spettacolo “Noi – Mille volti e una bugia”, progetto che racchiude 25 anni di sketch e risate proposte dall’artista considerato giustamente da pubblico e critica come uno fra i più brillanti e amati esponenti del teatro comico italiano di sempre.

biglietti per lo spettacolo, organizzato da Zenit srl, in collaborazione con Regione Friuli Venezia Giulia, PromoTurismo FVG, Comune di Udine e Teatro Nuovo Giovanni da Udine, sono ancora in vendita sul circuito Ticketone e alle biglietterie del teatro. Info su www.azalea.it .

 

Andrea Sasdelli alias Giuseppe Giacobazzi, ovvero l’uomo e la sua maschera. Un dialogo, interiore ed esilarante, di 25 anni di convivenza a volte forzata. 25 anni fatti di avventure ed aneddoti, situazioni ed equivoci, gioie e malinconie, sempre spettatori e protagonisti di un’epoca che viaggia a velocità sempre maggiore. Dove in un lampo si è passati dalla bottega sotto casa alle “app” per acquisti, dal ragù sulla stufa ai robot da cucina programmabili con lo smartphone; il tutto vissuto dall’uomo Andrea e raccontato dal comico Giacobazzi. Come in uno specchio, o meglio come in un ritratto (l’omaggio a Dorian Gray è più che voluto), dove questa volta ad invecchiare è l’uomo e non il ritratto. “Noi – Mille volti e una bugia” è uno spettacolo che con ironia e semplicità cerca di rispondere a una domanda: “Dove finisce la maschera e dove inizia l’uomo?”, che poi è il problema di tutti, perché tutti noi conviviamo quotidianamente con una maschera”.

 E.L.

About Enrico Liotti

Giornalista Pubblicista dal 1978, pensionato di banca, impegnato nel sociale e nel giornalismo, collabora con riviste Piemontesi e Liguri da decenni.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top