martedì , 1 Dicembre 2020
Notizie più calde //
Home » Spettacolo » “Dialoghi del premio Nonino”, da oggi il ritiro dei tegliandi segnaposto

“Dialoghi del premio Nonino”, da oggi il ritiro dei tegliandi segnaposto

image_pdfimage_print

Cresce l’attesa per l’evento che vedrà salire sul palco del “Nuovo” due grandi personalità del mondo della cultura e della scienza, il teologo tedesco Hans Küng e il neuroscienziato portoghese António R. Damasio

Inizia oggi, 24 gennaio, la fase di ritiro dei biglietti segnaposto per la serata del 28 gennaio, data in cui, sul palco del Teatro Nuovo “Giovanni da Udine” con inizio alle 18, saliranno il teologo tedesco Hans Küng e il neuroscienziato portoghese, António R. Damasio, attesi ospiti dei “Dialoghi del Premio Nonino”.

Anche quest’anno, infatti, il “Premio Nonino”, che ogni anno assegna un riconoscimento alle personalità che maggiormente si sono distinte nel mondo della cultura e delle arti, avrà una sua appendice udinese. L’evento, organizzato dalla “Nonino, distillatori in Friuli dal 1897” e realizzato in collaborazione con il Comune di Udine, per il secondo anno consecutivo è stato voluto per offrire a quante più persone possibile l’occasione di condividere un incontro così importante per la città. A colloquiare con Küng, vincitore dell’edizione 2012 del Premio e con Damasio, membro della stessa giuria e neuroscienziato di fama mondiale, sarà Armando Massarenti, filosofo e responsabile del supplemento culturale della domenica de “Il Sole24 Ore”.

Cresce dunque l’attesa per poter ascoltare dal vivo due pensatori di rango come Küng, noto a livello internazionale anche per aver espresso posizioni spesso distanti da quelle ufficiali della Chiesa Romana, e come Damasio, che in California ha fondato uno dei più rilevanti centri mondiali di studio sui meccanismi della mente umana. Entrambi rifletteranno in profondità sull’etica, in un momento di grande incertezza a livello globale, affidandosi al coraggio delle idee e alla forza di ragionamento dei grandi maestri.

La serata del 28 gennaio sarà ad ingresso libero e gratuito. Come detto, però, è necessario il ritiro del tagliando segnaposto. I residenti nel Comune di Udine potranno ritirarlo, a partire da oggi, 24 gennaio, direttamente presso la biglietteria del Teatro Nuovo “Giovanni da Udine” in orario di apertura (dal lunedì al sabato dalle 16 alle 19). Per chi abita fuori città è possibile invece prenotare il proprio posto inviando una e-mail all’indirizzo biglietteria@teatroudine.it e ritirando il tagliando entro un’ora dall’inizio dell’evento. Questo per poter rendere disponibili i posti prenotati e non ritirati. Si possono ritirare e prenotare fino ad un massimo di quattro tagliandi a testa. Per informazioni è possibile telefonare direttamente alla biglietteria del Teatro allo 0432 248418 o al PuntoInforma del Comune di Udine allo 0432 414717.

Hans Küng, nato a Sursee, Svizzera, è uno studioso di teologia e filosofia e uno scrittore prolifico. Ha studiato teologia e filosofia all’Università Gregoriana di Roma, alla Sorbona e all’Istituto Cattolico di Parigi. Dal 1960 fino al pensionamento nel 1996, è stato Professore di Teologia Ecumenica all’Università di Tubinga. Dal 1962 al 1965 ha lavorato come consulente teologico ufficiale (Perito) per il Concilio Ecumenico Vaticano Secondo nominato da Papa Giovanni XXIII. Nel 1979 il Vaticano ha revocato a Küng il permesso di insegnare la materia ecclesiastica a causa della sua opposizione contro la dottrina dell’infallibilità del Papa, ma il teologo tedesco ha mantenuto la sua cattedra e il suo ruolo, ed è rimasto uno stimato sacerdote. Molti i libri scritti e tradotti in diverse lingue del mondo. Küng nel 2001 è stato invitato dal Segretario Generale delle Nazioni Unite a far parte del Group of Eminent Persons, che sono gli autori del manifesto delle Nazioni Unite “Crossing the Divide: Dialogue among Civilizations”. Dal 2007 al 2010 è stato membro del consiglio del Global Humanitarian Forum (Ginevra) fondato da Kofi Annan.

António R. Damasio, nato a Lisbona e attivo negli Stati Uniti, è tra i nomi di maggior rilievo nel panorama internazionale delle neuroscienze. Laureatosi in medicina fino al 2005 è stato presidente del Dipartimento di Neurologia presso il College of Medicine della University of Iowa. Dal 2005 è direttore del Brain and Creativity Institute dell’University of Southern California dove è professore di Neurologia, neuroscienze e psicologia. È professore incaricato presso il Salk Institut for Biological Studies di La Jolla in California. Le sue ricerche sulla neurologia della visione, della memoria e del linguaggio, e i suoi contributi allo studio della malattia d’Alzheimer gli hanno procurato fama internazionale. Autore di numerosissimi articoli scientifici, tra i suoi testi occorre citare: Descartes error. Emotion, reason and the human brain [L’errore di Cartesio. Emozioni, ragione e cervello umano] (1994); Feeling of what happens [Emozione e coscienza] (1999); Looking for Spinoza. Joy, sorrow, and the feeling brain [lla ricerca di Spinoza. Emozioni, sentimenti e cervello (2003); Self comes to mind: constructing the conscious brain (2010).

About Redazione

Redazione
Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top