venerdì , 19 Luglio 2019
Notizie più calde //
Home » Spettacolo » Danza » solo il 21 marzo – LE QUATTRO STAGIONI della compagnia AREAREA al Teatro Rossetti TRIESTE
solo il 21 marzo – LE QUATTRO STAGIONI della compagnia AREAREA al Teatro Rossetti TRIESTE

solo il 21 marzo – LE QUATTRO STAGIONI della compagnia AREAREA al Teatro Rossetti TRIESTE

image_pdfimage_print

Giovedì 21 marzo alle 20.30, ritornano al Politeama Rossetti gli Arearea: presentano per la prima volta in versione integrale “Le Quattro Stagioni From Summer to Autumn – From Winter to Spring” coreografato da Marta Bevilacqua e Roberto Cocconi”.

«Ci sono opere che nascono quasi allinsaputa di noi stessi, nascono come papaveri spontanei tra le rovine o sul ciglio di una strada. Con quella spontaneità, e per stimolare lo spettatore a quella qualità dello sguardo, ci avviciniamo a Le Quattro Stagionidi Vivaldi» scrivevano Marta Bevilacqua e Roberto Cocconi avviando il progetto de Le Quattro Stagioni: lo pensavano inizialmente in forma di danza urbana itinerante.

Dopo diverse fasi di sviluppo e dopo essere stato rappresentato diviso in parti, lo spettacolo va in scena al Politeama Rossetti per la prima volta in forma completa, nel giorno dell’equinozio.

L’appuntamento è dunque per giovedì 21 marzo alle 20.30, con Arearea e uno spettacolo di danza di grande suggestione.

Alla Sala Bartoli era stata applaudita solo la prima parte – “Le Quattro Stagioni – From Summer to Autumn” – nell’aprile 2017.

L’ispirazione per Le Quattro Stagioni” ad Arearea è arrivata dalla musica di Antonio Vivaldi, riscritta dal compositore tedesco Max Richter nel 2015 intrecciando la partitura settecentesca ad ambient music ed elettronica. Cocconi e Bevilacqua interpretano la composizione attraverso il linguaggio corporeo: «Il nostro è un gesto geografico, localizzato, portatore e veicolo di una complessità mediterranea, che, non a caso, danza il richiamo delle Quattro Stagioni. La felicità è tutta qui, non c’è un altrove. È qui che danziamo, qui ed ora» scrivono. «L’Estate è il femminile, è soprattutto il nostro attaccamento alla realtà sensuale del mondo» spiega Marta Bevilacqua, a proposito delle prime due coreografie. «Ne assaporiamo la quiete dopo una tempesta… Cinque donne si fanno attraversare da un forte vento destate e cercano complicità e solitudine». La quiete invece appartiene all’Autunno «E così uno sparuto gruppo di uomini tergiversa sui suoi passi, attardando ogni piccola decisione, ponderando che la separazione tra gli opposti prima o poi si assottiglierà fino a scomparire».

La seconda parte del progetto, “From Winter to Spring, è concepita da Marta Bevilacqua come «un concerto di corpi sulle linee essenziali della vita dove la terra – vista dal piccolo territorio del palcoscenico viene osservata durante momento delicatissimo della creazione, della ripartenza, della continuità del mondo».

«La piccola comunità in scena – anticipa la coreografa – straziata dal vuoto e dal freddo interiore si stringe nella ricerca di un calore perduto. Linverno in persona concede e toglie loro elementi di senso, li spazza qua e là come neve, come tempesta. Il gruppo si rincorre e si mette al riparo senza soluzione di continuità. Il moto è vorticoso e può creare composizioni insolite. Se in superficie linverno appare impietoso, nel sottosuolo è forza viva ed energica, forza che resiste, che lotta per rinascere. Il risultato di quella lotta garantisce alla primavera di essere sorprendente. Attraverso questa grande metafora, la voce dellacqua e il suono primordiale della creazione rigenerano una danza generativa e fantasiosa dove la musica fa da padrona».

I biglietti ancora disponibili si possono acquistare nei consueti punti vendita e circuiti oppure in internet accedendo direttamente dal sito del Teatro, www.ilrossetti.it. Per ogni informazione ci si può rivolgere al numero 040. 3593511.

About Redazione

Redazione
Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top