venerdì , 30 Settembre 2022
Notizie più calde //
Home » Rubriche » Cultura » CIVIDALE DEL FRIULI Alle 17 Cerimonia ufficiale di inaugurazione dell’edizione 2022 MITTELFEST SABATO 23 LUGLIO
CIVIDALE DEL FRIULI Alle 17 Cerimonia ufficiale di inaugurazione dell’edizione 2022 MITTELFEST SABATO 23 LUGLIO
OLYMPUS DIGITAL CAMERA

CIVIDALE DEL FRIULI Alle 17 Cerimonia ufficiale di inaugurazione dell’edizione 2022 MITTELFEST SABATO 23 LUGLIO

Alle 17 Cerimonia ufficiale di inaugurazione dell’edizione 2022

Gli Imprevisti della trentunesima edizione di Mittelfest entrano nel vivo con il ricco programma che porta in scena il meglio del teatro, musica, danza e circo della Mitteleuropa.

Debutta lo spettacolo Death and Birth in My Life in cui, l’artista Mats Staub indaga il passaggio e i confini dell’esistenza, la nascita e la morte, l’inizio e la fine della vita all’interno del Museo Archeologico nazionale di Cividale.

Grande attesa per la danza, pima nazionale dei Liquid Loft che mettono in scena Stand-Alones (poliphony) all’interno delle sale del Palazzo de Nordis, e per la prima nazionale di The Handke Project, per riflettere su coscienza e responsabilità sociale dell’arte e dell’artista attraverso la controversa figura di Peter Handke, premio Nobel per la letteratura nel 2019, nonché sostenitore di Milosevic e negazionista dei crimini commessi nella ex Jugoslavia.

Con il calare della sera da non perdere l’immaginifico spettacolo Vizijos dedicato al poeta lituano Vytautas Mačernis: sulla riva del Natisone: nel buio tra le boscaglie, si incontrano musicisti, danzatori, attori, circensi, per vivere un percorso inedito nel mondo.

Sempre domani, sabato 23 luglio, alle ore 17 al Convitto Nazionale Paolo Diacono, si terrà la cerimonia di inaugurazione: presente l’Assessore alla cultura Tiziana Gibelli e il sindaco di Cividale Daniela Bernardi.

IL PROGRAMMA DI SABATO 23 LUGLIO

Ore 10 – Forum Rete Critica: la giusta distanza – Foyer Teatro Ristori

Esiste una giusta distanza, per chi scrive di teatro oggi, dagli artisti, dai produttori, dai pubblici? Le trasformazioni del web, dei mercati del lavoro, la marginalità del teatro nei consumi, la fluidità della professione giornalistica, richiedono una messa a punto. Non l’ennesimo convegno sulla critica, ma un’osservazione collettiva sulle pratiche, sulla centralità o marginalità dello scrivere di teatro. Sull’indipendenza. Come orientarsi nel presente? In che modo rivolgersi al domani?

Ore 10 – Newton e l’imprevisto della gravità (5/9 anni), workshop, Italia – Orto delle Orsoline

Un laboratorio di circo per bambini e ragazzi in cui sperimentare gli attrezzi circensi dell’acrobatica aerea e a terra, dell’equilibrismo e della giocoleria, con particolare attenzione al problema della gravità e alle strategie per far diventare l’imprevisto scoperto da Newton una risorsa, non solo per lo spettacolo, ma anche nella vita.

Dalle 10 alle 11 e dalle 16.30 alle 19.30 – Déjà Walk, teatro, Italia, prima assoluta – partenza da piazza Duomo

Déjà Walk è il racconto poetico di una città in un cammino che attraversa il tempo. Lo spettacolo, appositamente creato per Cividale del Friuli dopo un intenso lavoro con il territorio e la sua comunità, guida lo spettatore in una passeggiata reale per le vie della città con l’uso di tablet e cuffie audio. Il racconto corale dà voce alla memoria collettiva, giocando con il confine tra realtà e finzione. Il percorso viene svelato passo dopo passo attraverso lo strumento video che si fa dispositivo di rilettura dei luoghi.

Ore 11, 14, 16 e 18 – Death and Birth in My Life, teatro, Svizzera – Germania – ItaliaMuseo Archeologico Nazionale

In Death and Birth in My Life l’artista Mats Staub indaga il passaggio e i confini dell’esistenza, la nascita e la morte, l’inizio e la fine della vita. La performance è pensata per un gruppo di 15 spettatori alla volta, a cui viene chiesto di accomodarsi davanti a una postazione a due schermi, indossare le cuffie e prestare attenzione ai racconti che altri partecipanti prima di loro hanno consegnato al regista. Lo spettacolo libera la conversazione dalle convenzioni del quotidiano, restituendo una narrazione composta da piccole fragilità, in un gioco di specchi in cui riconoscere sé stessi nelle parole degli altri.

Ore 16 – Kaffee: Vizijos (Le visioni di Vytautas Mačernis) – Curtil di Firmine

Alla scoperta della poesia di Mačernis e della musica di Čiurlionis con i diversi artisti che, guidati da Roberto Magro, danno vita sulle rive del Natisone al fascinoso Vizijos. Regista visionario tra nuovo circo e arti performative, Roberto Magro ha creato questo spettacolo di musica e movimenti, immerso nella natura, per Kaunas 2022 – European Capital of Culture.

Ore 17 – Cerimonia inaugurale Mittelfest Imprevisti Convitto Nazionale Paolo Diacono

Imprevisti è l’edizione, ad alto tasso di sorprese, che fa proseguire il progetto Mittelfest verso il 2025, anno fatidico per le tante culture di una regione di confine come il Friuli Venezia Giulia. In attesa, Mittelfest dedica ogni sua edizione ai paesi vicini, testimonianza del dialogo che anima questo territorio: nel 2022 ospite del festival e della sua cerimonia inaugurale è l’Austria.

Ore 17 – Newton e l’imprevisto della gravità (10,13 anni) – Orto delle Orsoline

Un laboratorio di circo per bambini e ragazzi in cui sperimentare gli attrezzi circensi dell’acrobatica aerea e a terra, dell’equilibrismo e della giocoleria, con particolare attenzione al problema della gravità e alle strategie per far diventare l’imprevisto scoperto da Newton una risorsa, non solo per lo spettacolo, ma anche nella vita.

Ore 18.00 e 19.30 Stand-alones, danza, Austria, prima nazionale della versione museale Palazzo De Nordis, Galleria De Martiis

Stand-Alones è una composizione coreografica e musicale, ideata per il Leopold Museum di Vienna, noto per le opere di Egon Schiele, basata su una serie di assoli, eseguiti simultaneamente in stanze diverse, che si sincronizzano e si fondono via via in una impressionante polifonia. Ogni sequenza è basata su uno specifico linguaggio, composizione sonora o musica.

Ore 20.45 – The Handke Project, teatro, Kosovo – Bosnia ed Erzegovina – Germania – Italia, prima nazionale Teatro Ristori

Dove finisce la libertà dell’arte e da dove inizia il bisogno di essere politicamente corretti nella creazione artistica? Possiamo fare arte senza essere insensibili? The Handke Project riunisce sei attori da Kosovo, Serbia, Bosnia ed Erzegovina, Italia e Germania per affrontare, con la giusta distanza, anzi con l’opportuna dose di ironia, la controversa figura di Peter Handke: scrittore e poeta, premio Nobel per la letteratura nel 2019, nonché sostenitore di Milosevic e negazionista dei crimini commessi nella ex Jugoslavia durante gli anni ’90.

Ore 21.15 e 22.30 – Vizijos, Lituania, prima nazionale, spettacolo itinerante riva di Borgo Brossana

Vizijos è uno spettacolo itinerante dedicato al poeta lituano Vytautas Mačernis e al compositore Mikalojus Konstantinas Čiurlionis. Addentrandosi sulla riva del Natisone, tra le boscaglie, si incontrano via via artisti diversi: musicisti, danzatori, attori, circensi, creano un percorso inedito nel mondo. Ad accogliere gli spettatori una porta: appena varcata il manipolo di convenuti finiranno per fondersi con la poesia di Mačernis e la musica di Čiurlionis – grandi artisti della Lituania. La performance diventa così un viaggio imprevisto, ma necessario, per tornare in contatto con l’io interiore.

About Enrico Liotti

Giornalista Pubblicista dal 1978, pensionato di banca, impegnato nel sociale e nel giornalismo, collabora con riviste Piemontesi e Liguri da decenni.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top