mercoledì , 17 ottobre 2018
Notizie più calde //
Home » Spettacolo » Cinema » IX Festival “Corti a Ponte”, un concorso per cortometraggi in 48 ore
IX Festival “Corti a Ponte”, un concorso per cortometraggi in 48 ore

IX Festival “Corti a Ponte”, un concorso per cortometraggi in 48 ore

image_pdfimage_print

Entra nel vivo la rassegna internazionale dedicata al cortometraggio. Nella sezione ufficiale iscritti a concorso corti provenienti da tutto il mondo. Per l’edizione 2016 attenzione particolare al cinema romeno

Concorsi rivolti ai ragazzi delle scuole, proiezioni internazionali, un concorso che prevede la realizzazione di un cortometraggio in solo 48 ore e un focus dedicato al cinema romeno. Entra nel vivo il IX Festival Internazionale di cortometraggi “Corti a Ponte” in programma dal 28 aprile al 14 maggio a Ponte San Nicolò (PD).

Venerdì 6 maggio appuntamento con il concorso in cui i videomakers saranno chiamati a realizzare un cortometraggio di cinque minuti in soli due giorni di lavorazione. Le otto troupe in gara, partendo da alcuni elementi tematici proposti dalla giuria, avranno a disposizione 48 ore per dimostrare il proprio talento cinematografico. A decretare il vincitore del corto sarà il pubblico assieme alla giuria artistica del festival, composta da Alessandro Davanzo, presidente di Corti a Ponte, Raffaella Traniello, direttore artistico del festival, Damiano Sandei, Martina Acazi, Roberta Nicetto, Daniela Carrer e Mauro Sartore del Comitato organizzatore.  Sabato 8 maggio la proiezione del corto vincitore. Domani ci sarà anche l’ultima delle cinque mattinate di proiezione dei cortometraggi per ragazzi che ha visto la partecipazione di circa 1.400 alunni delle scuole Modigliani di Padova, delle secondarie, primarie e dell’infanzia di Ponte San Nicolò, di Saccolongo e di Camponogara.

Dall’11 al 14 maggio l’associazione Corti a Ponte proporrà quattro imperdibili appuntamenti dedicati al cortometraggio. Quattro serate dedicate alle proiezioni della sezione ufficiale del festival a partire dalle ore 20.30 sino alle 24.00. I 24 corti selezionati in concorso hanno respiro internazionale:  Sud Africa, Italia, Stati Uniti, Australia, Spagna, Uruguay, Lussemburgo, Germania, Lituania, Messico, Polonia, Cile, Argentina, Francia, Singapore, Russia, Romania. «Un’avventura straordinaria anche quest’anno – racconta Alessandro Davanzo, presidente dell’associazione –. Sono moltissimi i corti iscritti al concorso, provenienti da tutto il mondo. La qualità è molto elevata. La preselezione ha impegnato per molti mesi il Comitato di Selezione, composto da una decina di persone dell’associazione. E il numero degli affezionati al festival cresce di anno in anno».

Attenzione particolare, quest’anno, al cinema romeno, con proiezioni di cortometraggi e una relazione curata dall’Istituto Romeno di Cultura e ricerca Umanistica di Venezia sull’attuale situazione del cinema in Romania. «Nell’ottica di integrazione che ci contraddistingue a livello associativo – continua Davanzo – quest’anno abbiamo creato un ponte con il cinema romeno, approfondendo le sue peculiarità, sfumature. Una serie di proiezioni pensate per poter offrire alla numerosa comunità romena locale un’opportunità di scambio culturale veicolato dal cinema, presupposto per più ampie integrazioni umane e sociali».

Mercoledì 11 ci sarà anche la prima del film cortometraggio “Niente sta scritto” 20′,  con la regia di Alessandro Davanzo, frutto del laboratorio di sceneggiatura e cinema di Corti a Ponte 2016. Giovedì 12 maggio, oltre ai film della sezione ufficiale, saranno proiettati i corti a KM 0, quelli realizzati da videomakers padovani e ospitati fuori concorso al Festival “Corti a Ponte”. Venerdì 13 appuntamento con le premiazioni dei corti della sezione “Ragazzi” con la visione delle opere vincitrici. Sabato 14 verrà proiettato il film fuori concorso del talentuoso regista russo di videoanimazione Yura Boguslavsky dal titolo “Ships of years past”. Seguiranno le proiezioni dei corti del concorso 48 ore e le premiazioni dei film in concorso della sezione ufficiale con la visione dei film vincitori.

 

 

About Vito Digiorgio

Vito Digiorgio
Giornalista pubblicista iscritto all’Albo dei giornalisti dal 2013. Si è laureato all'Università di Udine con una tesi sulla filologia italiana. Collabora con alcune testate giornalistiche on line.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top