AL VIA gli INCONTRI del PREMIO HEMINGWAY 2019: a LIGNANO SABBIADORO

Torna al Premio Hemingway la giornalista Elsa Di Gati, volto noto di programmi storici della

Elsa Di Gati

tv italiana da “Mi manda Raitre” a “Cominciamo bene”: sarà lei a condurre, sabato 22 giugno – dalle
18.30 al Cinemacity di Lignano Sabbiadoro – la cerimonia di Premiazione numero 35 del grande evento  culturale che celebra il legame fra Ernest Hemingway e la sua piccola “Florida italiana”, la città di Lignano
Sabbiadoro. Elsa Di Gati, insieme alla Giuria del Premio composta da Alberto Garlini (presidente), Gian
Mario Villalta e Italo Zannier, converserà con i cinque vincitori 2019: l’autore francese Emmanuel Carrère
per la Letteratura, la storica Eva Cantarella per l’Avventura del pensiero, il giornalista Federico Rampini
nella sezione Testimone del nostro tempo, il foto-artista Riccardo Zipoli per la Fotografia e la giornalista
Franca Leosini, Premio Speciale Hemingway 2019 “Dentro la cronaca, dentro la vita”, assegnato dalla
Giuria dell’Hemingway con la Città di Lignano Sabbiadoro, nel 60° anno dall’istituzione del Comune. Elsa Di Gati è stata per lungo tempo al timone della trasmissione televisiva “Mi manda Raitre”. Voce
inconfondibile della radiofonia italiana e dei programmi cult delle ore notturne, si era fatta conoscere
dal grande pubblico conducendo “La Notte dei misteri”, e quindi Dopo mezzanotte”. In seguito ha
condotto il contenitore culturale di Radiouno, “Il baco del millennio” e il GR2 del mattino, prima di
approdare a programmi tv seguiti dal grande pubblico, primo fra tutti “Cominciamo bene” su Rai3,
affiancata negli anni da Toni Garrani, Corrado Tedeschi e Fabrizio Frizzi.
GLI INCONTRI DEL PREMIO HEMINGWAY 2019
Attraverso i suoi vincitori la 35^ edizione del Premio dedicato ad Ernest Hemingway celebra, ancora
una volta, la straordinaria capacità del grande autore americano di guardare nel profondo dell’animo
umano. Gli “Incontri del Premio Hemingway” 2019, tutti al Centro Kursaal e tutti come sempre
liberamente aperti alla partecipazione del pubblico, rinnovano il saluto all’estate di Lignano Sabbiadoro
e compongono un cartellone culturale di raro fascino, grazie alla luminosa location che si affaccia sulla
spiaggia dorata e sul golfo del Nord Adriatico. Si parte giovedì 20 giugno, alle 18, con l’artista Riccardo
Zipoli, in dialogo con Italo Zannier e con Alberto Garlini. Autore del volume In domo Foscari (Marsilio).
Riccardo Zipoli ha saputo illustrare con appassionata eleganza un luogo e una attività culturale di rilievo
mondiale qual è l’Università Cà Foscari di Venezia. L’appuntamento è organizzato in collaborazione con
gli “Incontri con l’autore e con il vino” 2019 di Lignano Sabbiadoro. Due appuntamenti di cartello,
venerdì 21 giugno: alle 18.30 Federico Rampini converserà con Gian Mario Villalta del suo recente saggio
“La notte della sinistra” (Mondadori), e alle 21.30 riflettori sullo scrittore francese Emmanel Carrère, di
cui Adelphi riedita, proprio in occasione del Premio Hemingway, il romanzo “Vite che non sono la mia”,
una delle sue prove letterarie più intense e toccanti. L’autore dialogherà con Alberto Garlini del suo
stile così personale e così profondamente “intriso” di umanità. Sabato 22 giugno, alle 11, il testimone
passerà alla storica Eva Cantarella: la conversazione con Gian Mario Villalta ci riporterà alla sua
suggestiva indagine sulla quotidianità del passato, per conoscere uomini e donne che scopriremo vicini
a noi, quasi confusi alle nostre passioni, ai nostri sogni e alle nostre debolezze. Il “faccia a faccia” con
Franca Leosini si dipanerà nel corso della premiazione, sabato 22 giugno al Cinemacity dalle 18.30:
ritroveremo, dal vivo, la sua sottile ironia, lo sguardo disincantato nel confronto con casi di cronaca
spesso perturbanti. Lo stile intelligente, acuto e misurato che ci ha conquistato conoscendola sul piccolo
schermo, e ci ha guidato nella comprensione della imprevedibile natura umana.
GLI EVENTI DEL PREMIO HEMINGWAY 2019
Come sempre il Premio Hemingway si completa con gli eventi legati ai temi e alla personalità artistica di
Ernest Hemingway, a cura del Comune di Lignano Sabbiadoro: il cartellone si aprirà martedì 18 giugno
con un programma di letture a tema nella Chiesetta S. Maria del Mare (ore 18.30) e prevede ancora
mercoledì 19 giugno alle 20.45 al CinemaCity la proiezione del film “Per chi suona la campana” (1943,
regia di Sam Wood con Gary Cooper e Ingrid Bergman), dal celeberrimo romanzo di Hemingway, e come
sempre il festoso concerto che saluterà il solstizio d’estate all’alba del 21 giugno: l’Accademia d’Archi
Arrigoni di San Vito al Tagliamento, diretta dal Maestro Domenico Marson, proporra’ nell’Arenile del Faro
Rosso, dalle 5, un suggestivo concerto su musiche di Antonio Vivaldi, con l’esecuzione de “L’Estate” da
“Le quattro stagioni”. Per l’occasione violino solista sarà la talentuosa e giovanissima Natsuho Murata,
vincitrice del concorso internazionale “Il piccolo violino magico 2018”. Infine domenica 23 giugno, alle
11, il Brindisi al Parco Hemingway, con il racconto di Hemingway e l’inaugurazione del nuovo totem di
ingresso.
Per informazioni e per prenotare il proprio posto, fino ad esaurimento: www.premiohemingway.it
Promosso dal Comune di Lignano Sabbiadoro, il Premio hemingway trova il sostegno degli Assessorati la Cultura e alle Attività Produttive e Turismo della Regione Friuli Venezia Giulia, e la consolidata  collaborazione con la Fondazione Pordenonelegge. INFO: Segreteria del Premio: Biblioteca Comunale di Lignano Sabbiadoro tel. 0431 409160, fax 0431 722611 cultura@lignano.org