lunedì , 24 Febbraio 2020
Notizie più calde //
Home » Il Discorso su » 26 E 27 MARZO Politeama Rossetti, NON TUTTO E’ RISOLTO DI E CON FRANCA VALERI

26 E 27 MARZO Politeama Rossetti, NON TUTTO E’ RISOLTO DI E CON FRANCA VALERI

image_pdfimage_print

«Non sono né vecchia, né giovane. L’età non mi ha mai dato una connotazione» proferisce la Contessa in Non tutto è risolto e subito arriva uno dei tanti applausi “a scena aperta” che la gustosissima piéce merita… La battuta, infatti, gioca deliziosamente sul sottile confine che divide il personaggio dall’interprete e autrice della commedia, Franca Valeri.
Raffinata “signora del teatro italiano”, Franca Valeri non è il tipo d’attrice che all’apice di una carriera luminosa e più che sessantennale trovi soddisfazione nel farsi incensare a qualche cerimonia, rimanendo seduta fra gli allori. Tutt’altro: indomita, si mette in gioco e nonostante la non più giovane età, recita da protagonista, gira l’Italia in tour, e soprattutto scrive. È recente una sua piacevolissima autobiografia, e numerose sono le sue commedie, di cui Non tutto è risolto è solo l’esempio più attuale.
Appare interessante inserire nel cartellone altri percorsi, volto al teatro contemporaneo, la sapiente e vivace drammaturgia di Franca Valeri, costruita sul suo bagaglio immenso di esperienza di scena e insaporito dal lavoro di una mente arguta e da un sense of humor che ha divertito migliaia di spettatori televisivi e teatrali. È lei stessa a sottolinearne la particolarità: «La commedia – evidenzia nelle note al testo – è stata scritta per “questi interpreti” e il fatto già la colloca in una tradizione teatrale. Il dialogo dunque nasce con le sue voci e forse per questa esigenza ho tanto spesso scritto per me stessa». Della Contessa, che la ammireremo interpretare, aggiunge «Mi sono egoisticamente aggiudicata una protagonista che al crepuscolo di una vita lunga e avventurosa, reale quanto inventata – l’infelicità scartata con un colpo di tacco, il protagonismo raggiunto con la follia, i legami affettivi temuti come armi – sembra decisa a chiudere le sue partite ancora aperte con gli ultimi coprotagonisti della sua esistenza, siano essi persone, luoghi o oggetti». Ma a una grande giocatrice basta una impercettibile, furba mossa per restare in gioco.
Per questo confronto “con sorprese”, la Contessa-Valeri si presenta nell’antica e decadente casa di famiglia assieme all’algida segretaria – ruolo in cui applaudiremo la sottile e divertente Licia Maglietta – e assieme a ricordi e poca mobilia vi troverà una simpatica portinaia, assunta immediatamente come cameriera (Gabriella Franchini), e Urbano Barberini, che interpreta con fervore il figlio della nobildonna, respinto e rifiutato. La regia, attenta a incorniciare il brio e l’intelligenza della Valeri, è di Giuseppe Marini.

Scene: Alessandro Chiti Costumi: Mariano Tufano Musiche: Marco Podda Regia: Giuseppe Marini
Produzione: Società per Attori Interpreti: Franca Valeri, Licia MAglietta, Urbano Barberini, Gabriella Franchini

About Redazione

Redazione
Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top