giovedì , 24 Ottobre 2019
Notizie più calde //
Home » Rubriche » Annunci e proposte » SALUZZO: AL VIA UN ANNO DI APPUNTAMENTI IN UNO DEI BORGHI PIÙ SUGGESTIVI D’ITALIA
SALUZZO: AL VIA UN ANNO DI APPUNTAMENTI  IN UNO DEI BORGHI PIÙ SUGGESTIVI D’ITALIA

SALUZZO: AL VIA UN ANNO DI APPUNTAMENTI IN UNO DEI BORGHI PIÙ SUGGESTIVI D’ITALIA

image_pdfimage_print

Saluzzo, uno dei borghi più belli e suggestivi d’Italia, dominato dal Monviso e stretto tra le Alpi e la campagna, inaugura un calendario di appuntamenti che, a partire dalle produzioni tipiche del territorio, lo proiettano verso il futuro.

Amanti dell’arte e dell’architettura? Appassionati di storia? Oppure interessati alla tradizione enogastronomica e alle bellezze naturalistiche?
Allora la destinazione è quella giusta, perché Saluzzo è tutto questo, e molto di più: storia, cultura, arte, gusto e natura qui si fanno alfieri di un patrimonio unico, da scoprire attraverso un ricco ventaglio di proposte per tutti i tipi di visitatori.

– Primo appuntamento con START/ STORIA E ARTE A SALUZZO
Dal 26 aprile al 26 maggio Saluzzo diventa la capitale dell’arte, dell’artigianato e dell’antiquariato. Qui la città si fa museo a cielo aperto, per un viaggio appassionante nell’arte di ogni tempo. Un mese di eventi che celebra l’arte in tutte le sue declinazioni: dal mobile d’arte, restauro e antiquariato, all’arte contemporanea sino al design, con ospiti internazionali di altissimo livello.

– A seguire C’È FERMENTO, dal 20 al 23 giugno 2019 
L’appuntamento birraio dedicato alle birre artigianali e considerato il più importante del nord Italia compie 10 anni e festeggia con un’edizione speciale: tra gli ospiti più attesi tre produttori che arrivano dal Nord Europa che porteranno la loro esperienza in dialogo con i produttori nazionali più interessanti. Quattro giorni in cui birrai e amanti della tradizione brassicola si incontrano in città per degustare e scoprire grandi birre dei piccoli produttori. Il binomio gusto&territorio trova qui casa tra birre artigianali e cucine di strada, musica, eventi e convivialità.

– OCCIT’AMO: dal 5 luglio al 15 agosto 2019si svolge il Festival delle Terre del Monviso e delle Valli Occitane, una grande festa per scoprire musica, cultura occitana e tradizioni popolari. Palcoscenico del festival sono le Valli e le terre del Monviso, con incursioni oltralpe, tra paesaggi alpini, castelli, dimore storiche e chiese medievali. 6 weekend in cui musica, spettacoli, cultura ed enogastronomia si mescolano dando vita a un evento dal respiro internazionale con ospiti speciali.

Intorno a questi principali appuntamenti si sviluppa un calendario articolato di iniziative, festival e manifestazioni che rendono Saluzzo la meta turistica ideale in ogni stagione dell’anno con un fitto calendario di manifestazioni imperdibili.

Visitare Saluzzo significa fare un viaggio nella storia e nell’arte. Si parte dal centro cittadino con i suoi palazzi e monumenti storici e si arrivano a scoprire castelli medievali e santuari delle zone limitrofe.
Capitale dell’Antico Marchesato per oltre quattro secoli, Saluzzo raggiunge l’apice della fortuna nel XV secolo, diventando uno Stato sì piccolo, ma di grande importanza, anche per la sua posizione strategica di confine: situata ai piedi della catena montuosa del Monviso, all’ingresso della Valle dove nasce il fiume Po, la cittadina cuneese abbraccia vaste terre di pianura che arrivano a sfiorare le Langhe e la provincia di Torino.
Un piccolo gioiello commercialmente e culturalmente vivace, caratterizzato da un passato ricco e florido, proprio di un territorio che ha mantenuto la sua genuinità, ma che ha saputo rinnovarsi, guardando al futuro.

Saluzzo è il punto di partenza per un’immersione nella natura incontaminata, poiché è una delle capitali dell’outdoor e dello sport all’aria aperta: in primo piano escursioni di trekking, arrampicata, ma anche cycling grazie a una rete di percorsi da percorrere in bicicletta che abbracciano anche i territori transfrontalieri.

Saluzzo è viaggio nel gusto alla scoperta delle eccellenze enogastronomiche, un inno alla cucina regionale attraverso i prodotti del territorio: dalla Gallina Bianca di Saluzzo, valorizzata dal Presidio Slow Food, alla razza bovina piemontese; i formaggi delle vicine valli come il Castelmagno e la Toma d’Elva; la frutta tra cui spiccano mele, pesche, albicocche, susine ramassin e nocciole; e ancora i vini Doc come il celebre Pelaverga.

Organizza il tuo viaggio visitando i sitiwww.saluzzoturistica.it  ehttps://fondazionebertoni.it/
Scopri di più sui festival ai link:
http://startsaluzzo.it/
http://cefermento.fondazionebertoni.it/
https://www.occitamofestival.it/

About dal corrispondente

Avatar

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top