giovedì , 14 Novembre 2019
Notizie più calde //
Home » Rubriche » Felicità » Lucca Comics & Games: un appuntamento che non delude mai

Lucca Comics & Games: un appuntamento che non delude mai

image_pdfimage_print

Anche quest’anno l’edizione di Lucca Comics & Games (la più importante fiera del fumetto in Italia, terza al mondo) si è presentata persino più ricca e variegata della precedente spaziando dal fumetto ai giochi (siano essi da tavolo, di carte o di ruolo), dalle novità cinematografiche ai videogiochi, dalla musica alle proposte per i più piccoli.Non potendo assistere a tutte le proposte ci limiteremo a focalizzare la nostra attenzione su alcuni eventi.Come sempre sono state 5 le sezioni: Comics, Games, Junior, Music&Cosplay e Movie.

padiglione giochiCOMICS

Molto forte la presenza della storica Casa editrice Bonelli, che a Lucca Comics & Games 2013 era presente con ben due stand (uno nella sezione Games ed uno nei Comics).Il primo stand era tradizionalmente ancorato alla sezione dedicata ai fumetti ha ospitato le consuete sessioni di firme sulle illustrazioni a tiratura limitata realizzate per l’occasione, con la nuova e snella modalità di prenotazione che evita file interminabili.Da segnalare che quest’anno l’organizzazione della fiera ha posizionato il padiglione in un sito decisamente azzeccato, ovvero con sbocco al cortile interno del padiglione Napoleone permettendo una maggiore libertà di movimento all’interno ed una notevole tranquillità degli appassionati in fila.Numerosi autori presenti per le firme:  Marco Santucci (Dampyr), Marco Foderà (Saguaro), Anna Lazzarini (Nathan Never), Giorgio Pontrelli (Le Storie), Andrea Fattori (Brendon), Luca Enoch (Lilith), Paolo Bacilieri (Dampyr), Gianluca Pagliarani (Dragonero), Cristiano Spadoni (Julia), Pasquale Frisenda (Tex), Walter Venturi (Il Grande Belzoni), Lucio Filippucci (Martin Mystere), Giuseppe Matteoni  (Dragonero), Emiliano Mammucari Con Lorenzo De Felici (Orfani), Claudio Villa (Tex), Angelo Stano (Dylan Dog), Gigi Cavenago (Orfani), Carlo Ambrosini (Dylan Dog), Gallieno Ferri (Zagor), Alessandro Bignamini Con Annalisa Leoni (Orfani).

Memorabile è stata la brillantissima lectio magistralis di Alfredo Castelli (autore di Martin Mystere) che tra il serio ed il faceto ha narrato il suo approccio al fumetto in giovane età e le sue prime esperienze con le riviste di settore. Un’ora magica che è letteralmente volata grazie all’appassionante narrazione del critico-autore che ha svelato agli ascoltatori piccoli segreti della sua carriera.La proposta degli editori di fumetti di quest’anno è stata estremamente ricca e varia quindi ci limitiamo ad una breve sbirciatina.

Allagalla propone il primo volume della ristampa integrale di “Larry Yuma” del texiano Nizzi, un volume che, per il grande formato e la cura della stampa mette in risalto i disegni del personaggio precedentemente pubblicato sul Giornalino.Nova Express presenta un interessantissimo e coraggioso piano editoriale per il 2014 riportando in Italia il pilota inglese della Seconda Guerra Mondiale Dan Dare in eleganti volumi cartonati e l’eroic-fantasy Storm.La Shockdom pubblica, come da tradizione, “eriadan 11 – Ma papà… perché?” il nuovo volume del divertente eriadan il quale, assediato dagli appassionati, si dimostra come sempre affabile e disponibilissimo. Il suo ingresso nel mondo del fumetto avviene nel 2003, quando, per esercitarsi nel disegno, apre il blog personale eriadan, che raggiunge presto un successo inaspettato. Si trattava di una grande novità per il web italiano: una striscia a fumetti che sfruttava la formula del blog autobiografico. La prima pubblicazione cartacea arriva nel novembre 2004, in occasione del LuccaComics, e da allora la Shockdom non ha mai interrotto la tradizione annuale.Da segnalare il volume “DMS – De magno somno”raccolta di otto racconti di entusiasti esordienti il cui filo conduttore è il sogno. All’interno del volume si trova una grande varietà di generi, dal fantasy al fumetto di guerra, dal racconto leggero a quello inquietante; nessuno scontato con sorpresa finale. Sul fronte del disegno, nonostante la grande varietà (dal più realistico al più cartoonizzato) si rileva un’ottimo legame con la sceneggiatura che permette al lettore di essere immediatamente inserito nell’atmosfera del racconto. Un ottimo volume d’esordio di cui speriamo ci sia un seguito. Molto simpatica e gradita l’idea di inserire i ritratti e i recapiti e-mail degli autori.Estremamente congestionati gli stand che ospitavano la Panini, la Disney e la RWLion, nonostante l’ottima idea di dedicare loro un padiglione a se stante. Evidentemente la continua lotta degli organizzatori con l’afflusso del pubblico continuerà ancora l’anno prossimo.eriadan

Silvia Ziche, storica disegnatrice Disney e Rizzoli-Lizard, ha accolto i suoi fan con consueta disponibilità, garbo e simpatia, dedicando pazientemente disegni ai presenti e presentando il suo ultimo volume “Lucrezia e Alice a quel paese”.Storica presenza della Fiera è stato lo stand de “Il Vernacoliere-Livorno cronaca”, mensile satirico in vernacolo che presentava, oltre alla rivista, volumi monografici che raccolgono i differenti personaggi (come il famoso Don Zauker) apparsi durante gli anni nonché i libri dedicati alla raccolta delle mitiche locandine che tappezzano la Toscana. Si potevano anche trovare spassosi gadget.

GAMES

Nel padiglione dei giochi, come ogni anno, si potevano provare, assistiti dai membri dello staff, le nuove e vecchie proposte delle varie case editrici. Abbiamo provato interessanti novità fra cui “la corsa delle pecore (The sheep race)”, divertente gioco di società in cui i giocatori, nei panni di scommettitori, cercano di guadagnare denaro puntando su una delle pecore partecipanti. Il gioco è reso dinamico e strategico dalla possibilità dei giocatori di interagire con tutte le pecore in gara.Sul fronte del vendutissimo gioco di carte “Bang!” c’è da segnalare che quest’anno non è stata lanciata un’ulteriore espansione del gioco base, forse per non appesantire il gioco dopo anni di nuove uscite, ma una versione con uso dei dadi.In area “giochi di ruolo” spiccano i festeggiamenti per i dieci anni di “Sine requie” il sorprendente e pluripremiato gioco nostrano ad ambientazione post-apocalittica che in questi anni ha presentato al pubblico le variegate ambientazioni scaturite dalla mente di Matteo Cortini e Leonardo Moretti.drago nero bonelliMeritevole di attenzione è il gioco di ruolo dedicato a Dragonero, nuovo personaggio fantasy della Sergio Bonelli Editore e presentato alla fiera di Lucca: una elegante scatola contenente il manuale delle regole, i dadi, la mappa, un’illustrazione tratta da una delle immagini presenti nella mostra sita anch’essa nel padiglione giochi, ed il numero zero del fumetto: una produzione accattivante per tutti gli appassionati e non. Presenti gli autori per firme e disegni insieme agli autori di “Orfani” prima serie regolare mensile totalmente a colori della Sergio Bonelli Editore sempre più ribollente di novità che, pur collocandosi nel solco della tradizione, riesce sempre a presentare idee nuove ed audaci in un periodo di crisi come questo.

La casa di produzione UbiSoft ha organizzato un’inusuale prova di coraggio per presentare il quarto capitolo del video gioco della saga di Assassin’s Creed Black Flag, selezionando i videogiocatori più coraggiosi che hanno vestito i panni del protagonista, il pirata Edward Kenway, vivendo l’emozione del ‘Salto della Fede’ con un vero salto nel vuoto (un bungeejumping in piena sicurezza) dall’altezza di 60 metri, tipico dell’ordine degli Assassini e parte integrante del loro rito di iniziazione, ambientato fuori porta S. Anna.

 

JUNIOR

In una manifestazione sempre attenta ad ogni visitatore, non poteva mancare uno spazio dedicato ai più piccoli.Nei padiglioni di Lucca Junior il giorno di vacanza ha richiamato decine e decine di bambini che oltre a visitare i numerosi stand si sono potuti cimentare nel disegno dei manga oppure negli origami.

MUSIC&COSPLAY

Parlando di musica non si può fare a meno di volgere la mente all’intramontabile Cristina D’avena che, con cristina d'avenal’affollatissima conferenza ed il ancora più affollato concerto, è stata travolta dall’affetto degli appassionati cresciuti con i cartoni animati le cui sigle, più degli stessi episodi, sono rimasti nel cuore di tante persone. Serata all’insegna dell’allegria e dell’inesauribile energia della cantante, veramente un momento memorabile.Sono stati invece 1.600 gli iscritti alle sfilate del Cosplay: un’allegra tribù che ha invaso pacificamente le vie cittadine e che cresce sempre più reclutando persone di tutte le età e personalità (dagli affezionati ormai esperti con costumi spettacolari a quelli che puntano sull’ironia riuscendo a creare personaggi vestiti in maglietta e jeans con un cartello spiritoso, da quelli del fumetto nostrano ai fanatici del Giappone, dai costumi femminili provocanti a quelli totalmente trasfiguranti, dai bambini ai nonni).

MOVIE

In quest’anno ricco di anteprime cinematografiche, vera prelibatezza per gli appassionati (come l’anteprima di “Thor: the dark world” annunciata dal gigantesco martello in Piazza San Michele) si segnala il Padiglione interamente dedicato alla Warner Bros dove si potevano visionare le pubblicità dei più attesi film in uscita, comprare alcuni gadget e dvd e farsi fotografare sul trono di spade riprodotto fedelmente.

Di questi quattro giorni resterà sicuramente il bel ricordo dell’atmosfera di festa, i dolori alle gambe per la strada fatta da un padiglione all’altro e per le file a cui tutti gli appassionati si sottopongono per aggiungere un autografo od un disegno del proprio autore preferito, un senso di smarrimento che colpisce il giorno dopo nel non essere circondati da alcun cosplayer vestito come il suo personaggio preferito ma da persone vestite come tutti i giorni.

E resterà il desiderio di tornare ad immergersi in quell’atmosfera magica che è Lucca Comics & Games magari, speranza sempre disattesa, trovando un albergo libero in città desiderando di avere come vicino di stanza il proprio autore preferito.

Foto Roberta Zucca

MASSIMO FABRIS

About Massimo Fabris

Massimo Fabris
Nasce e vive a Trieste, dove consegue la laurea specialistica in Giurisprudenza. Impiegato nel settore privato. Appassionato di fumetto, letteratura, cinema, musica e teatro.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top