INSTALLAZIONI, PERCORSI TURISTICI E ANIMAZIONI PER “REINTERPRETARE”IL NATALE

Scelti gli artisti che da oggi, 17 dicembre, fino a dopo le feste proporranno le loro opere nel centro storico

Venanzi: “Abbiamo voluto che giovani artisti contribuissero a rendere più bello il centro storico durante le feste, in particolare alcune vie e piazze che solitamente meno di altre vengono addobbate per Natale”

Installazioni artistiche “on the road” che richiamino e reinterpretino il Natale. Itinerari turistici o di letture tematiche della città che si snoderanno, tra acqua e verde pubblico, lungo le vie del centro storico. E per finire, eventi di animazione su strada da offrire ai bambini e alle loro famiglie. Così, a partire da oggi, 17 dicembre, il centro cittadino si appresta ad accogliere le opere degli artisti selezionati dall’ufficio Turismo e Marketing urbano del Comune di Udine che hanno vinto i bandi messi a disposizione da palazzo D’Aronco per abbellire il Natale fino a dopo l’Epifania.compagnia degli specchi 1

Tre, lo ricordiamo, gli avvisi pubblicati, per un importo complessivo messo a disposizione di 12 mila euro. Un primo bando invitava a presentare proposte per la realizzazione di installazioni artistiche in alcuni ambiti esterni del centro storico. Opere realizzate prevalentemente da artisti locali e che richiamassero, o re-interpretassero, i simboli e le tradizioni del Natale.compagnia degli specchi 2 Un secondo invito, invece, metteva a concorso idee per rendere temporaneamente individuabili alcuni itinerari turistici o di lettura tematica della città, snodandosi tra il tema dell’acqua (rogge, canali, fontane) e quello del verde urbano (giardini e parchi urbani). L’ultimo dei tre inviti aperti, infine, riguardava un evento di animazione su strada da offrire ai bambini e alle loro famiglie.

“Con questi bandi – spiega l’assessore alle Attività Economiche e Turismo, Alessandro Venanzi – abbiamo deciso di offrire la possibilità a giovani artisti di contribuire a rendere più bello il centro storico durante le feste. Allo stesso tempo – prosegue – abbiamo identificato alcuni luoghi che fino ad ora non sono mai stati presi in considerazione per installazioni o addobbi natalizi, al di là delle luminarie. Penso a via Vittorio Veneto, via Lovaria, via Paolo Sarpi, piazzetta Belloni o piazza San Cristoforo, solo per fare alcuni esempi. Crediamo infatti – continua Venanzi – sia decisamente meglio vedere in centro storico, magari in una zona a traffico limitato, un’opera di un’artista piuttosto che un’auto parcheggiata. Anche i percorsi turistici proposti e che abbiamo scelto – conclude – rappresentano uno strumento importante per valorizzare luoghi, realtà e potenzialità che abbiamo e che talvolta vengono trascurati e che, invece, creano un valore aggiunto”.

francesco qualizzaQuindici le proposte ricevute per il bando sulle installazioni artistiche, da cui avrebbero dovuto esserne scelte quattro. Grazie a una riduzione del 20% del compenso inizialmente previsto e che ammontava a 1.800 euro lordi ad artista e grazie all’accordo tra tutti gli artisti, si è potuti arrivare, invece, a premiarne cinque. lara trevisanA poter esporre le proprie opere sanno dunque Micol Brezigar, architetto di Udine, che ha proposto la realizzazione di una scritta con una celebre frase tratta dal Canto di Natale di Charles Dickens e realizzata con lettere fluorescenti pendenti sotto alcuni tratti del porticato di via Vittorio Veneto e nel sottopassaggio di via Lovaria. Scelta anche la Compagnia degli specchi, un gruppo “informale” nato in seno all’associazione Celiasport di Udine, che realizzerà un’installazione intitolata “frigo condividi”, allestita mediante due frigoriferi di recupero, adattati ad ospitare oggetti offerti al dono e allo scambio da parte dei passanti. In piazzetta Belloni l’opera sarà illustrata da un breve “regolamento del dono”. L’architetto udinese Francesco Qualizza realizzerà invece in via Mercatovecchio, all’altezza del Monte di Pietà, una struttura aperta e percorribile formata da tondini d’acciaio e festoni natalizi, a simboleggiare un passaggio, un sentiero, in un bosco astratto. La fotografa udinese Lara Trevisan, proporrà alcune gigantografie di alcune sue opere, selezionate e raggruppate per temi, legate alla natura e alla montagna e al bosco in particolare. Le sue stampe speciali saranno applicate sul sagrato della chiesa di San Cristoforo e nello spazio antistante al museo etnografico in via Grazzano. L’artista Simone Miani, anche lui udinese, infine, presenterà “Santa’s little helper”, un’opera che mette in relazione un cumulo di pacchi regalo, realizzati con materiali di recupero, e la figura di un bambino seduto e intento al suo tablet, come spunto per una riflessione su stili e comportamenti di oggi rispetto alle tradizioni. L’installazione verrà realizzata all’incrocio tra via Paolo Sarpi e via pelliccerie.

simone miani (opera precedente 1)Una sola proposta, ma che ha soddisfatto pienamente chi doveva giudicare le “offerte”, invece, è quella dedicata all’allestimento di itinerari turistici. Antonio Stampanato, architetto paesaggista udinese, ha infatti convinto con la sua proposta di stendere alcuni nastri colorati lungo marciapiedi, grondaie ed altri elementi ed arredo urbano del centro storico. Ai nastri saranno agganciate alcune targhe identificative di punti o direzioni da segnalare, per ciascuno dei tre itinerari, rogge (vie d’acqua di Udine), giardini e parchi urbani e risorse storico-culturali. L’insieme delle installazioni e un breve profilo dei realizzatori sarà illustrato in una piccola esposizione allestita nella Loggia del Lionello in piazza Libertà.

Ultimo, ma non in ordine di importanza, il bando dedicato alle animazioni per i più piccoli. Le animazioni si terranno sabato 27 dicembre alle 15.30 e alle 17.30 in un percorso itinerante proposto tra piazza Matteotti e la Loggia del Lionello dalla Fattoria didattica dell’azienda agricola Ronco Albina.simone miani (opera precedente 2) I cori natalizi itineranti saranno offerti, infine, dai Pueri Cantores di Udine e dallo Youth Choir oš Franceta Bevka di Tolmino nel pomeriggio di sabato 20 dicembre a partire dalle 16 e con finale in piazza Duomo intorno alle 18.