sabato , 7 Dicembre 2019
Notizie più calde //
Home » Spettacolo » Teatro » CONSTANZA MACRAS LA PRIMA REGISTA DONNA ALLA GUIDA DELLA XXII EDIZIONE DELL’ECOLE DES MAÎTRES

CONSTANZA MACRAS LA PRIMA REGISTA DONNA ALLA GUIDA DELLA XXII EDIZIONE DELL’ECOLE DES MAÎTRES

image_pdfimage_print

Sarà Constanza Macras la prima regista donna alla guida della XXII edizione dell’Ecole des Maîtres, il prestigioso corso internazionale di perfezionamento teatrale itinerante per attori di Italia, Francia, Belgio e Portogallo creato e diretto da Franco Quadri.

La Scuola dei maestri si svilupperà dal 26 agosto al 21 settembre 2013 e avrà come sedi di lavoro in Italia, Udine, dal 26 agosto al 5 settembre, e Coimbra, in Portogallo, dal 6 al 15 settembre.1991: a Science fiction about Central Asia è il titolo del workshop della regista e coreografa argentina ma berlinese d’adozione Constanza Macras per la  straordinaria esperienza di formazione europea dell’Ecole des Maîtres. Per un mese la Macras e i sedici attori dell’Ecole si immergono in una riflessione sulla questione della democrazia e le forti istanze che la reclamano a gran voce da più parti del pianeta. Dalla primavera araba alle rivolte degli “indignados” in Spagna, al movimento Occupy, ai processi di democratizzazione avviati nelle  Repubbliche asiatiche dell’ex URSS dalla sua dissoluzione nel 1991. L’esito del workshop darà vita a una dimostrazione aperta dallo stile fantascientifico, dove la precisione della conoscenza lascia liberamente spazio all’invenzione fantasy.Diventata in vent’anni anni un ambito punto di riferimento per generazioni di attori in Europa, l’Ecole des Maîtres, vede impegnati come partner di progetto e direzione artistica: CSS Teatro stabile di innovazione del FVG (Italia), CREPA – Centre de Recherche et d’Expérimentation en Pédagogie Artistique (CFWB/Belgio), TAGV – Teatro Académico de Gil Vicente (Portogallo), La Comédie de Reims, Centre Dramatique National (Francia) con il sostegno di MIBAC – Direzione Generale Spettacolo dal vivo e la collaborazione, per l’Italia, di Regione Friuli Venezia Giulia, Accademia Nazionale d’Arte Drammatica “Silvio d’Amico” (Italia), Short Theatre (Italia) e di altri enti di formazione europea come: Théâtre de la Place / Liège – centre européen de création théâtrale et chorégraphique (CFWB/Belgio), Ministère de la Communauté française–Service général des Arts de la scène (CFWB/Belgio), Wallonie-Bruxelles International  (CFWB/Belgio), Ministère de la Culture et de la Communication (Francia), Fonds d’Assurance Formation des Activités du Spectacle (Francia), O Teatrão – Coimbra (Portogallo), Direcção-Geral das Artes (Portogallo).Gli attori selezionati per partecipare a questa XXII edizione saranno sedici, nella misura di quattro attori/attrici ammessi per ciascun Paese partner dell’Ecole des Maîtres. Gli esiti dell’atelier verranno presentati al pubblico in occasione di una lezione aperta a Udine il 5 settembre e di quattro dimostrazioni finali aperte al pubblico in programma il 15 settembre a Coimbra, il 18 settembre a Roma, il 21 settembre a Bruxelles, e in una data da definirsi tra il 3 e l’8 dicembre 2013 a Reims nell’ambito del Festival Scènes d’Europe.La Scuola, si contraddistingue come corso di perfezionamento internazionale aperto a artisti europei di età compresa fra i ventiquattro e i trentaquattro anni, con l’obiettivo di mettere in relazione giovani attori, formatisi nelle accademie d’arte drammatica e nelle scuole di teatro d’Europa già attivi come professionisti, e rinomati registi della scena internazionale (i maestri finora invitati a guidare i corsi sono stati Luca Ronconi, Jerzy Grotowski, Anatolij Vasil’ev, Jacques Lassalle, Jacques Delcuvellerie, Luis Miguel Cintra, Yannis Kokkos, Lev Dodin, Peter Stein, Alfredo Arias, Dario Fo, Matthias Langhoff, Eimuntas Nekrosius, Massimo Castri, Jean-Louis Martinelli, Giancarlo Cobelli, Denis Marleau, Jan Fabre, Carlo Cecchi, Rodrigo García, Pippo Delbono, Antonio Latella, Enrique Diaz, Arthur Nauzyciel, Matthew Lenton, Rafael Spregelburd, per dare vita a un’esperienza di lavoro fortemente finalizzata al confronto e allo scambio di competenze sui metodi e le pratiche di messinscena, partendo da testi, lingue e linguaggi artistici differenti, nel corso di atelier a carattere itinerante.

About Redazione

Redazione
Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top