mercoledì , 21 novembre 2018
Notizie più calde //
Home » Rubriche » Annunci e proposte » Un, due, tre: PAFF! Il Palazzo delle Arti e del Fumetto di Pordenone
Un, due, tre: PAFF! Il Palazzo delle Arti e del Fumetto di Pordenone

Un, due, tre: PAFF! Il Palazzo delle Arti e del Fumetto di Pordenone

image_pdfimage_print

È decisamente “vento in poppa” per il PAFF! Palazzo Arte Fumetto Friuli che ha presentato a Lucca Comics & Games – kermesse tra le più importanti in Europa per il mondo del fumetto – il nuovo contenitore culturale pordenonese che si avvicina all’inaugurazione ufficiale, dopo aver presentato in anteprima “Comics soon” e le mostre “Milo Manara: Fellini/Shakespeare”, “Toni Capuozzo & Miron: La culla del terrore” ,”Luca Salvagno: Odorico da Pordenone”.

La scorsa domenica 4 novembre, nel pieno centro di Lucca, all’Auditorium della Fondazione Banca del Monte, una delegazione del team del PAFF! ha presentato al Lucca Comics & Games la nuova struttura di Pordenone e le sue innovative strategie culturali alla presenza, tra gli altri, del responsabile dellaprogrammazione di Lucca Comics & Games  e dell’Expo Comics Museum, Giovanni Russo e del Direttore del Centro Fumetto Andrea Pazienza di Cremona Michele Ginevra  che hanno accolto con entusiasmo la nascita di questo importante polo nazionale dedicato al fumetto, già auspicando prossime collaborazioni nel nome dell’arte sequenziale.

Contestualmente è stata presentata anche la mostra inaugurale che verrà inaugurata alla presenza delle istituzioni il prossimo 7 dicembre al PAFF! (l’apertura al pubblico è per il 9 dicembre) e sarà dedicata a Gradimir Smudja, con un percorso espositivo che incarna perfettamente le strategie del Palazzo del Fumetto.“Smudja: da Leonardo a Picasso. Viaggio a fumetti nella storia dell’arte” (questo il titolo) è sostenuta da Comune di Pordenone e Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, con la partnership del FAI (Fondo Ambiente Italiano), di Cooperativa Melarancia e di Associazione Màcheri.

LA MOSTRA
Gradimir Smudja, nativo di Novi Sad ma italiano d’adozione, da diversi anni è considerato da molti uno dei più abili e talentuosi autori viventi (anche illustratore e pittore); è ancora poco conosciuto al grande pubblico ed ha un segno eclettico, ironico e sorprendente.

Da “Vincent et Van Gogh” ai due sontuosi volumi de “Au Fil De l’Art” fino a “Cabaret des muses”, la mostra pordenonese ospita un excursus di oltre cento opere dell’artista serbo che ripercorre – attraverso il virtuosismo, l’ironia, la vivacità e l’incondizionata passione per il racconto – un meta-viaggio dell’arte all’interno della propria storia e degli artisti più importanti. Il tratto tecnicamente elevatissimo di Gradimir Smudja, l’attenzione infinitesimale ai dettagli, l’amore per le citazioni e i tantissimi livelli di lettura delle sue tavole sono sempre accompagnati dalla leggerezza, da una visione affettuosa e profonda dell’arte e delle sue declinazioni. Grazie ai suoi personaggi, Smudja attraversa i secoli più importanti della storia dell’arte europea insegnandone i tratti distintivi e i significati, e sfatandone i miti.

I due libri “Au Fil De l’Art” – le cui tavole originali sono grandemente rappresentate al Paff! di Pordenone – sono un incantevole viaggio (poetico e didascalico insieme) sulle orme dei più grandi geni che hanno segnato l’arte degli ultimi due secoli. Una fanciulla impertinente e un gatto faccendiere corrono attraverso le due storie, che restituiscono gli artisti più grandi (da Leonardo a Michelangelo, da Velasquez a Bruegel fino a Rembrandt, Van Gogh, Toulouse Lautrec, …) interpretandoli con una vena tra il bizzarro e il surreale, tra il dissacrante e il profondamente poetico.
In mostra sono anche diverse tavole tratte da “Vincent et Van Gogh” – dove il genio olandese impara la propria arte dal suo sfacciato e abilissimo gatto pel di carota di nome Vincent – e da “Cabaret des muses” dove la vita di Toulouse Lautrec è liberamente rivista, tra gli incontri del grande pittore con le personalità artistiche del suo secolo (Van Gogh, Degas, Gauguin) e le glorie e gli stravizi del Moulin Rouge dell’epoca.

IL PAFF!
Un viaggio, dunque, che ben rappresenta la natura trasversale del Palazzo delle Arti e del Fumetto in Friuli: il PAFF! trova la sua sede in una villa ottocentesca, recentemente restaurata ed ampliata con una nuova, modernissima area, nel centro di Pordenone, in mezzo a un grande parco a due passi dal centro storico. I lavori da poco terminati hanno plasmato con grande respiro e libertà quegli spazi, che si apprestano ora a contenere con fluidità le tantissime attività in programma.

La mission del PAFF! non si limita alla “sola” attività museale: esso è una struttura complessa, organizzata, che intende proporre il concetto di fumetto come forma d’arte ma anche come forma di comunicazione e come approccio mentale, per farlo divenire motore multidisciplinare per una nuova fruizione della cultura nel suo senso più ampio.

Il PAFF! nasce con la prospettiva di riqualificare il contesto urbano su cui sorge rilanciando un contenitore culturale da tempo poco attivo; con l’idea di avvicinare all’arte e alla cultura tutte le fasce di pubblico in modo trasversale e universale; di divenire un perno per il nuovo turismo esperienziale di tutta l’area geografica; di fare formazione e funzionare come incubatore di idee e di nuove start-up; di ospitare attivamente eventi e incontri per partner privati.Per questo il PAFF! ha in fieri nella propria struttura, ad affiancare le già ampie aree espositive, una ludoteca, un ampio Store, un Info Point turistico, un Coffee Point, un auditorium attrezzato, un’Area Free Time per vivere liberamente lo spazio come luogo in cui rimanere e condividere esperienze, non soltanto da visitare.

PERCHÈ SMUDJA

L’opera di Gradimir Smudja si sposa perfettamente con lo spirito del Paff! che – spiega Giulio de Vita – ” vuole utilizzare il linguaggio del fumetto non semplicemente come oggetto di studio e celebrazione ma come gancio per avvicinare fasce di pubblico nuove ai luoghi di cultura in maniera non convenzionale. Il fumetto […] interpreta dunque il ruolo di veicolo culturale e sociale. Esso, grazie alle sue caratteristiche uniche di appeal, facilità di fruizione e duttilità dialoga agilmente con tutte le discipline artistiche, scientifiche, sociali, imprenditoriali ed è di facile applicazione nella didattica, nella divulgazione, nella comunicazione”.

Continua de Vita: “L’opera di Smudja riflette e incorpora il percorso del PAFF!: è divulgativa, divertente, incuriosisce e funge da cross over tra cultura di alto livello, divulgazione e intrattenimento. Smudja sprona ad approfondire la conoscenza dei maggiori artisti della storia dell’arte e la sua opera magistrale, sfrutta al massimo le risorse del linguaggio del fumetto, con intelligenza e grande precisione, facendoci entrare nell’universo visivo di ciascun Maestro, riproducendone mirabilmente gli stili e facendone vivere tridimensionalmente le opere”.

Gradimir Smudja – biografia

Gradimir Smudja, nato a Novi Sad il 14 Luglio 1956 è un pittore, illustratore e autore di fumetti serbo, residente a Lucca. Laureato all’Accademia delle Belle Arti di Belgrado, nei primi anni della sua carriera ha lavorato come vignettista per il quotidiano “Dnevnik” di Novi Sad, per poi trasferirsi in Italia dove ha esordito con il suo primo volume di “Vincent et Van Gogh”, pubblicato dalla francese Delcourt. Negli anni successivi ha realizzato svariati altri volumi di successo come “Vincent et Van Gogh 2”, tutta le serie di “Le Cabaret des Muses” (4 volumi), “Au Fil De L’Art” (2 volumi), “Cheval de bois, cheval de vent” e l’ultimo lavoro “Mausart”. In Italia il suo lavoro viene pubblicato dalla “Kleine Flug” di Firenze.  Nei lavori di Gradimir, spicca la sua minuziosa cura dei dettagli e la ricca resa delle scenografie, quasi sempre spettacolari, capaci di rimanere impresse nella mente dei lettori.

PAFF! – Palazzo Arti Fumetto Friuli
Pordenone, viale Dante 33

“SMUDJA. DA LEONARDO A PICASSO, VIAGGIO A FUMETTI NELLA STORIA DELL’ARTE”

9 dicembre 2018 – 24 febbraio 2019
INAUGURAZIONE ISTITUZIONALE
venerdì  7 dicembre 2018, ore 18.30
APERTURA PORTE
domenica 9 dicembre

ORARI
Da martedì a venerdì, dalle 15.30 alle 18.30

Sabato e domenica dalle 10 alle 20

BIGLIETTI

intero: 8 euro
ridotto: 5 euro (ragazzi dai 6 ai 17 anni, studenti, comitive, over 65, convenzionati)
agevolato: 2 euro (bambini da 3 a 6 anni, gruppi di studenti,
tariffa famiglie: 20 euro
gratis: bambini fino a 3 anni, guide, giornalisti

 

INFO:
mail: info@paff.it
tel: 0434 392941

 

L’attività del PAFF! si svolge con il patrocinio e il sostegno di:
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia
Comune di Pordenone

La Mostra “SMUDJA. DA LEONARDO A PICASSO, VIAGGIO A FUMETTI NELLA STORIA DELL’ARTE”  gode della partnership di:

FAI (Fondo Ambiente Italiano)

Cooperativa Melarancia

Associazione Màcheri

Andrea Forliano

About Andrea Forliano

Andrea Forliano
Nato a Bari il 22/05/1978,vive a Trieste,di formazione umanistica sta completando il corso di laurea in Storia indirizzo contemporaneo,è da sempre appassionato di storia,viaggi,letteratura,politica internazionale e in costante ricerca di conoscere nuove culture.Inoltre segue l'attualità,il calcio,il cinema e il teatro

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top