sabato , 20 aprile 2019
Notizie più calde //
Home » HOT » PORDENONE : Natale in città: 3/5/6 GENNAIO

PORDENONE : Natale in città: 3/5/6 GENNAIO

image_pdfimage_print

Sabato 3 gennaio

Dopo la breve pausa per il primo dell’anno riprendono le attività culturali e le proposte del Natale in Città. Particolarmente ricca l’offerta sul piano museale con tutte le mostre aperte e quella dei lavoratori creativi per bambini e famiglie. Sabato 3 gennaio alle 16 in Galleria  Bertoia, seguendo le orme di Pierpaolo Mittica che espone le proprie fotografie fino all’ 11 gennaio, si potrà diventare Fotoreporter per un giorno, sapendo che è necessario avere grande energia, spirito di avventura e coraggio per affrontare situazioni difficili e luoghi pericolosi. Una volta compresi gli elementi principali della fotografia di reportage, a ciascun bambino verrà affidata una “missione da reporter”, ovvero un tema o un avvenimento da ritrarre con alcuni scatti, che saranno stampati e discussi in gruppo. Il laboratorio  – gratuito per i bambini (8 -11 anni), con biglietto d’ingresso alla Galleria di 1 euro per i familiari –  verrà ripetuto anche il 10 gennaio. Informazioni e iscrizioni per i laboratori in Galleria: 345 6454855.

La sera, verso le 19 le casette engastronomiche di piazza XX Settembre verranno allietate ad un aperitivo con dj set.

Ricco il fronte espositivo che va dalla pittura alla fotografia alla grafica al fumetto, con le Gallerie Bertoia e Pizzinato aperte anche il 6 gennaio dalle 15.30 alle 16.30. La Galleria d’arte moderna e contemporanea Armando Pizzinato ospita fino all’8 marzo la doppia mostra Virgilio Guidi. Il destino della figura Luigi Vettori. Un’eredità spezzata. La prima, a cura di Toni Toniato Casimiro Di Crescenzo, presenta una significativa selezione di quadri e sculture di Guidi, uniti dal filo conduttore teorico-compositivo della figura nello spazio, a partire dai primi preziosi ritratti avvolti da una luce ferma fino alle soluzioni sempre più innovative e radicali. La seconda è ospitata nel nucleo storico della galleria, Villa Galvani, e curata daCasimiro Di Crescenzo. Essa ricostruisce attraverso sessanta dipinti, trentacinque tra disegni e incisioni, numerose foto e documenti originali, la singolare vicenda del pittore Luigi Vettori, promessa dell’arte italiana, morto a soli 28 anni, offrendo il ritratto più completo e ricco sull’artista, dopo la retrospettiva del 1975. Ad esse si aggiunge nella mansarda di Villa galvani la mostra Il mantello di carta, che raccoglie delle illustrazioni di 46 fumettisti di grido alcuni dei quali veri Maestri del fumetto contemporaneo (Manara, Mattotti, Mordillo, Milazzo, Bruno Bozzetto, Silver, Giardino, Boucq, Cosey, Marini, Nine), autori di celeberrimi personaggi dei fumetti, come Paperinik, Lupo Alberto, Ratman, Cocco Bill, Mini Vip, Dylan Dog, Nathan Never,  per la prima volta assieme a favore dell’assistenza domiciliare pediatrica.  La Biblioteca Civica espone (per la prima volta in Italia) fino al 31 dicembre le opere dell’artista friulano Mario Micossi (Artegna 1926 – Gemona del Friuli 2005) realizzate per il settimanale The New Yorker, nell’arco di oltre quarant’anni di collaborazione continuativa con la rivista newyorkese.   L’esposizione comprende oltre cinquanta bozzetti originali per le copertine del settimanale, un centinaio di graffiti per gli articoli interni, 25 acquerelli della serie “Fashion”, esempi di prove di stampa, numeri della rivista con le sue illustrazioni di copertina e degli interni. Nella Galleria Harry Bertoia, in corso Vittorio Emanuele, protagonista è il fotoreportage conAshes/Ceneri. Racconti di un fotoreporter, di Pierpaolo Mittica. Le sue immagini raccontano senza sconti quanto di assurdo e terribile l’uomo fa contro se stesso. In luoghi che per molti sono sinonimo di disastri non casuali, guerre, nuove schiavitù e abbruttimento, e che per altri sono usuali condizioni di tragica sopravvivenza. Dai paesaggi post bellici dei Balcani, alle tragedie nucleari di Chernobyl e Fukushima. Perfetta per e famiglie è Le Macchine di Leonardo da Vinci – Straordinarie Analogie, in corso fino al 25 gennaio negli spazi espositivi di via Bertossi: un emozionante viaggio tra invenzioni e le  macchine disegnate da Leonardo, riprodotte in grandi dimensioni (più di 30 modelli sperimentabili e interattivi). Il Museo Civico d’Arte, a Palazzo Ricchieri, fino al 1° febbraio presenta Intento in cose de prospectiva, un viaggio di dialoghi e disegni tra le opere del Pordenone, di Stefano Ius, percorso tra gli affreschi di Giovanni Antonio de’ Sacchis, dove i soggetti dipinti sono sempre in relazione con spazio architettonico. Il Convento di San Francesco fino all’11 gennaio accoglie la mostra Guardatemi in faccia di Giordano Floreancig. Oltre 300 ritratti a olio su tela che custodiscono un messaggio preciso: la normalità non esiste. Il Museo di Storia Naturale, infine, ospita fino al 12 gennaio la mostra La casa in riva al mare con fotografie realizzate all’interno della Casa Circondariale di Pordenone da alcuni detenuti.

Lunedì 5 gennaio si svolgeranno nei quartieri cittadini i tradizionali fuochi epifanici. Per la città quello di riferimento è il Pan e Vin allestito al Villaggio del Fanciullo da Propordenone e Panorama, con lettura delle litanie da parte dell’attrice Bianca Manzari e specialità gastronomiche.

Martedì 6 gennaio

alter egoLa giornata dell’Epifania del Natale in Città è naturalmente dedicata ai più piccoli, alle famiglie e alla simpatica vecchietta che distribuisce piccoli doni a cavallo della scopa. Ci sarà lei in persona infatti, martedì 6 gennaio, in piazza XX Settembre a distribuire caramelle e dolciumi, mentre Pro Loco Pordenone e Crai Carlet le daranno man forte, distribuendo the e cioccolata calda. Per i bimbi, sempre per iniziativa di Pro loco e Crai Carlet sarà a disposizione un gioco gonfiabile, dove scatenarsi a volontà. Per i più  creativi infine dalle 11 alle 17 sul palco di piazza XX Settembre via libera a fantasia, manualità e creatività con il laboratorio Befanissime a cura di Julia Artico. Bambini e familiari potranno realizzare delle fantastiche befane in paglia, stoffa e legno, che poteranno fortuna per tutto il 2015. Un altro laboratorio, dedicato però all’arte si svolgerà alle 16 alla Galleria Pizzinato, dove sono in corso 3 mostre: Virgilio Guidi, il destino della figura; Luigi Vettori, un’eredità spezzata e il Mantello di Carta. Il laboratorio creativo Bianco a colori (gratuito per i bambini, 8 -11 anni, con biglietto d’ingresso alla Galleria di 1 euro per i familiari) si ispira proprio al lavoro di Virgilio Guidi, andando alla scoperta del mistero del bianco. Guidi, grande protagonista dell’arte pittorica del Novecento in Italia lo usò tantissimo negli ultimi suoi lavori, fino a farne un protagonista assoluto. Informazioni e iscrizioni per i laboratori in Galleria: 345 6454855. Durante il pomeriggio sarà parte anche la Galleria Bertoia che ospita la mostra di Pierpaolo Mittica Ashes/Ceneri. I musei, invece saranno chiusi.A chiudere in bellezza la giornata, ultima di apertura per le casette enogastronomiche ci penseranno gli Alter Ego, con il loro frizzante concerto in piazza XX Settembre a partire dalle 19. Il trio –  composto da Paolo Turchetto alla batteria, Emanuele D’Alfonso al contrabbasso (turnisti già attivi in diverse formazioni) e Alberto Magaraci voce e chitarra (diplomando in chitarra al Conservatorio di Adria e insegnante al Cem) – propone un repertorio vintage raffinato e trascinante, fatto apposta per ballare : dai maggiori successi degli anni ’50 e spazia alle più famose hit di Elvis Presley, Jerry Lee Lewis e Chuck Berry a Brian Setzer e ai Beach Boys. Agile e brillante, la loro forza sta nella potenza del sound virtuoso e valvolare cui si aggiunge un amalgama del suono molto ricercata, con influenze punk, surf & neo rockabilly.

www.comune.pordenone.it/natale

 

About Redazione

Redazione
Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top