XMOTORS AL PREALPI PER FARE LA VOCE GROSSA

 

Il sodalizio trevigiano punta in alto, sia nel Challenge Raceday Rally Terra che nelle varie classi con Laurencich, Vian, Sandel, Aloisi, Frigato e Volpato.

Montebelluna (Tv), 13 Dicembre 2018 – Saranno ben sei i portacolori di Xmotors che si presenteranno, Domenica prossima, sulla pedana di partenza, in quel di Sernaglia della Battaglia, per prendere il via all’edizione numero venti del Prealpi Master Show.

Ad aprire la pattuglia, per i colori della scuderia Gorizia Corse, troveremo Federico Laurencich, il quale farà coppia con Emanuela Florean sulla Ford Fiesta R5 targata Xmotors.

“Archiviata la prima presa di contatto” – racconta Laurencich – “partiremo, consapevoli della competitività della nostra Fiesta R5, per raccogliere buoni punti in chiave campionato.”

Di tutt’altri obiettivi la partecipazione di Massimo Vian, alle note Nicola Vettoretti, sulla seconda Ford Fiesta R5 della scuderia di Montebelluna.

“Per noi è una gara spot, vicina a casa” – racconta Vian – “e l’unica che facciamo su sterrato.”

Scendendo tra le trazioni integrali, nel produzione, saranno due i protagonisti in ottica Raceday, entrambe al volante di Mitusbishi Lancer: sulla Evo X, di GF Racing, troveremo Fabio Sandel con Ernesto Pellarin mentre sulla Evo IX ritornerà in campo Giovanni Aloisi con Luca Silvi.

“Siamo pronti, vogliamo fare bene” – racconta Sandel – “e siamo consapevoli di avere tutte le carte in regola per puntare in alto. Grazie di cuore a Piccolotto, di GF Racing, ed a Xmotors.”

“Da qui parte il nostro cammino nel Raceday” – racconta Aolisi – “e speriamo di riuscire a partecipare all’intero campionato. Al Prealpi facciamo sempre fatica, cercheremo di migliorare.”

A completare il plotoncino griffato Xmotors, sempre nel produzione, scorrendo l’elenco iscritti troviamo Vanni Frigato, in coppia con Enrico Nicoletti su una Renault Clio RS, e Giorgio Volpato, affiancato da Denis Rech sulla sempreverde Peugeot 106 di Julli.

“Mi piace molto correre su terra” – racconta Frigato – “e, per la prima volta, sarò affiancato da Enrico alle note. È da un po’ di tempo che sono fermo quindi puntiamo solo al divertimento.”

“Sarà la prima volta in classe N2” – racconta Volpato – “e non abbiamo alcuna pretesa di risultato. È l’unica occasione di correre su terra vicino a casa quindi divertiamoci al massimo.”

Appuntamento quindi fissato per Domenica 16 Dicembre 2018, in quel di Sernaglia della Battaglia, con il primo concorrente che scenderà dalla pedana di partenza alle ore 6:45 per avviarsi verso il primo passaggio, dei quattro previsti nel più classico dei format ronde, sulla prova speciale denominata “Master Show” (9,23 km).




IL 15 E 16 DICEMBRE A SERNAGLIA DELLA BATTAGLIA ( TV ) IL 20° RALLY PREALPI MASTER SHOW

20° Prealpi Master Show – 14° Ronde Prealpi Trevigiane
Saranno 145 gli equipaggi  che prenderanno il via del 20° Prealpi Master Show, in programma a Sernaglia della Battaglia il 15 e 16 dicembre prossimi. L’ultima deroga arrivata pochi giorni fa da Acisport ha permesso agli organizzatori del Motoring Club di accettare cinque iscrizioni in più rispetto al limite massimo stabilito per l’edizione del ventennale della gara e del quarantennale del Motoring. Nonostante questo, però, sono una ventina le richieste di iscrizione arrivate fuori tempo massimo che gli organizzatori hanno dovuto tenere solo come riserva.

Scattolon-Zanono

Piccolotto-Cenere

“Un vero peccato, anche perché un paio di quei piloti avrebbero potuto giocarsi agevolmente la vittoria assoluta ”, spiega Alex De Grandi, presidente del Motoring Club. “Voglio dire un sincero grazie ad Acisport, che ci ha permesso di accettare l’iscrizione di altri cinque equipaggi. Abbiamo già provveduto a contattare i concorrenti che probabilmente non saranno della partita e ne abbiamo ricevuto solo elogi e ringraziamenti: questo ci ha davvero riempiti di orgoglio”.
Fra le 145 auto al via ci saranno solo vetture moderne. Il Motoring ha chiesto in primavera un’ulteriore deroga per far correre  anche le vetture storiche, ma Acisport non la ha concessa . Ce ne saranno comunque una decina, a margine della gara. Già sicure le presenze del sammarinese Paolo Diana a bordo della sua Fiat 131, della Ford Escort MK2 di Bruno Pelliccioni e della Lancia Delta Integrale 16V di “Fabione”.

La bellissima 131 di Paolo Diana

Pelliccioni

Il Prealpi Master Show non resterà impassibile davanti alla sofferenza provocata dal maltempo in tutto il Bellunese: “Durante la gara, che vuole essere un’occasione di divertimento e convivialità, gli spettatori avranno la possibilità di destinare qualche soldo alle popolazioni colpite dal maltempo”, dichiara ancora Alex De Grandi. “Sabato e domenica in prova speciale ci saranno due contenitori in cui potranno essere depositate le offerte che il Motoring destinerà alla rico struzione del Comune di Rocca Pietore, il più segnato dalla calamità naturale. Li sistemeremo nei punti di maggiore affluenza, ovvero al salto e al doppio bivio, dove il rally passerà il sabato pomeriggio e in tutta la giornata di domenica. Inoltre abbiamo messo in vendita alcuni posti al tradizionale spiedo del sabato sera: dopo aver pagato il biglietto, gli appassionati potranno mangiare insieme a tutti i piloti e donare grazie ad un altro contenitore per le offrte posizionato all’ingresso degli impianti sportivi di Soligo, dove si terrà la cena. Anche in questo caso il ricavato verrà devoluto a Rocca Pietore”. I posti sono limitati: per informazioni è necessario contattare il Motoring alla mail segreteria@prealpimastershow.net.
Jari- Matti Latvala non sarà presente alla 20esima edizione del Prealpi Master Show, gara valida come seconda prova del RaceDay Rally Terra 2018-19 in programma a Sernaglia della Battaglia il 15 e 16 dicembre prossimi. Il finlandese vicecampione del mondo rally 2010, 2014 e 2015 sarà impegnato nel weekend di gara nei test che il Toyota Gazoo Racing Team condurrà in vista del Rally di Montecarlo, prima prova del Mondiale 2019. Il Motoring Club aveva fatto un tentativo nelle settimane scorse per averlo a Sernaglia con una Toyota Yaris Wrc, facendola correre all’esterno della gara per non falsarne l’esito.
Ringrazio di cuore i ragazzi del Motoring, che si stanno facendo in quattro per organizzare al meglio questo 20esimo Prealpi Master Show”, è  il messaggio che lancia Gabriele Favero, patron del Motoring.“ In qualche maniera cercherò di presenziare ai momenti più importanti della gara: salvo casi di forza maggiore, voglio esserci!”
Di seguito gli orari delle prove speciali:

PS 1 ”Master Show” ore 07:25  16.12.2018
PS 2 ”Master Show” ore 10:30  16.12.2018
PS 3 ”Master Show” ore 13:25   16.12.2018
PS 4 ”Master Show” ore 16:10   16.12.2018

Tutte le informazioni, l’elenco iscritti e la tabella tempi si possono trovare sul sito dell’organizzazione al link http://www.prealpimastershow.net

Comunicato stampa Prealpi Master Show – Foto Dario Furlan

 




GDA COMMUNICATION AL MONZA RALLY SHOW CON VALSECCHI E BELLI

Il sodalizio modenese si presenterà, al classico rally show di fine stagione, con il campione del mondo 2012, nella GP2 Series, e con la vecchia volpe reggiana.

Modena, 05 Dicembre 2018 – Il Monza Rally Show, tra sostenitori e puristi, è indubbiamente un evento in grado di catalizzare l’attenzione mediatica dell’automobilismo internazionale, il quale punta il proprio faro sull’autodromo brianzolo, di anno in anno, per dare vita ad uno spettacolo senza paragoni.

In un palcoscenico di così elevata caratura, nel tempio della velocità, GDA Communication non poteva e non voleva mancare ed ecco che, per l’occasione, ha accolto tra le proprie fila due piloti dall’indubbio talento.

Riflettori accesi su Davide Valsecchi, campione del mondo nella GP2 Series 2012, che sarà della partita su una Ford Fiesta R5, messa in campo da Colombi.

Il pilota di Erba, commentatore tecnico del mondiale di Formula 1 per Sky Sport F1, dopo due apparizioni al volante della Mini Cooper, al Franciacorta Rally Show, salirà per la prima volta al volante di una vettura dell’ovale blu, in un’autentica gabbia di leoni che vedrà al via rallysti di prima fascia, come il campione italiano in carica Paolo Andreucci, il due volte vincitore del Tour European Rally Giandomenico Basso ed il mattatore dell’International Rally Cup Luca Rossetti.

Ad affiancare il comasco in questo debutto, nell’evento brianzolo, troveremo Paolo Zanini.

“Sarà la mia prima volta a Monza nei panni del rallysta” – racconta Valsecchi – “e sarà anche il debutto su una Ford Fiesta R5. Ho affrontato tante volte questo circuito ma sarà molto interessante poter scoprire versioni inedite del tracciato, ad esempio la parabolica storica o percorrere a senso inverso il tracciato. Siamo davvero in tanti in classe R5 ma quando ci sono tanti avversari la sfida risulta oltremodo stimolante. Avendo corso tante volte qui a Monza mi auguro che l’aria di casa mi possa avvantaggiare. Seppur siamo in classi diverse lancio il guanto della sfida al mio caro amico Piero Longhi, vediamo se sarà in grado di andare più forte di me. Grazie di cuore a GDA Communication per avermi dato l’opportunità di prendere parte al Monza Rally Show.”

Non sarà da meno la seconda punta griffata GDA Communication: stiamo parlando di Marco Belli, protagonista di lunga tradizione più volte vincente, alla guida della Mitsubishi Lancer nelle sue varie evoluzioni, il quale indosserà la casacca della scuderia di Modena nel prossimo weekend.

Per il pilota reggiano, affiancato da Marco Lucchetti, la HK Racing metterà a disposizione una Ford Fiesta R5, con l’obiettivo di prendere presto le misure e di dare il massimo.

“Debutto per noi con la Fiesta R5” – racconta Belli – “e, in una classe così densa di big, sarà durissima. Sicuramente paghiamo dazio rispetto ai pistaioli ma abbiamo sempre dimostrato di saperci difendere. Sarà un onore correre per GDA Communication, siamo amici da tanto tempo. Il nostro obiettivo, dato l’elenco iscritti, è quello di divertirci e, soprattutto, di gratificare tutti i partners che ci permettono di continuare a dare vita alla nostra meravigliosa passione.”




XMOTORS: AL MONZA RALLY SHOW SI RIVEDE PATRON STEFAN

Il presidente della scuderia trevigiana Xmotors tornerà alla guida di una delle proprie Ford Fiesta R5, affiancato da Ivan Agostinetto, nel classico evento di fine stagione.

Montebelluna (Tv), 04 Dicembre 2018 – Il Monza Rally Show, uno degli eventi più importanti del panorama automobilistico nazionale, è pronto ad aprire i battenti per mettere in scena l’edizione 2018 e, ad un richiamo così gustoso, Xmotors ha risposto presente.

Il sodalizio trevigiano, con base a Montebelluna, sarà della partita con presidente Francesco Stefan, il quale tornerà al volante, di una delle proprie Ford Fiesta R5, dopo il bel terzo posto di classe siglato al Rally della Marca, evento valido per il Campionato Italiano WRC.

Un ritorno in grande stile, quello del patron di Xmotors, il quale si getterà in un’autentica gabbia dei leoni, assieme ad Ivan Agostinetto nell’inedita veste di navigatore, che vedrà la presenza del campione italiano in carica, Paolo Andreucci, e di altri ex tricolore come Giandomenico Basso, due volte vincitore del Tour European Rally, e Luca Rossetti.

In mezzo a loro tanti altri agguerriti avversari che renderanno la lotta in classe R5 una sfida, sulla carta, impossibile per chi sale saltuariamente su questa tipologia di vetture.

“Dopo vari mesi di astinenza torniamo al volante della Fiesta” – racconta Stefan – “e, sinceramente, non vedevamo l’ora. Gli impegni di Xmotors, in crescita costante, ci hanno costretto a mettere da parte la tuta ed il casco per concentrarci esclusivamente sui nostri clienti. Con l’arrivo di fine annata è nata la possibilità di prendere parte ad un evento unico nel suo genere, come il Monza Rally Show, ed abbiamo colto al volo questa opportunità. Si vocifera della presenza di oltre cinquanta vetture in classe R5, impressionante. In un contesto di questo tipo sarà molto interessante essere presenti come Xmotors. Dal canto prestazione non ci passa nemmeno per la testa l’idea di poter battagliare con gente come Andreucci, Basso, Rossetti e compagnia. Nel nostro caso quel che conta davvero è esserci e di divertirci in uno degli eventi che, tra elogi e polemiche, è in grado di catalizzare l’attenzione internazionale, anche per la presenza di tanti personaggi che, con il mondo dei rally, han poco a che fare. Occasione ideale per dare lustro ai partners che sostengono la nostra realtà.”

Tre le giornate di gara previste per il Monza Rally Show targato 2018: l’apertura del sipario è prevista per Venerdì 7 Dicembre, nel primo pomeriggio, per la disputa della “Monza” (1,26 km) e della “Roccolo” (11,92 km).

Sabato 8 Dicembre andrà in scena la frazione più corposa della manifestazione: ai due passaggi sulla “Parabolica” (9,66 km) si alterneranno la “Autodromo” (8,83 km) e la lunga “Grand Prix” (44,83 km).

Tre i tratti cronometrati in programma per Domenica 9 Dicembre: il buongiorno sarà dato dagli oltre quaranta chilometri della seconda tornata sulla “Grand Prix”, alla quale faranno seguito la ripetizione di “Roccolo” e di “Monza”.

Gran finale, come da tradizione oramai, con il Masters Show, che si svilupperà sul rettifilo centrale dell’autodromo brianzolo, con una lunghezza di un chilometro e mezzo per singolo passaggio.




La cena solidale dell’Italian Baja d’Autunno ha donato aiuto alle popolazioni colpite dal maltempo

Quando lo sport diventa solidarietà.

La calamità naturale che ha colpito il nord Italia a fine ottobre ha convinto gli organizzatori dell’Italian Baja d’Autunno ad annullare la manifestazione e ad organizzare una cena solidale il cui ricavato sarebbe stato devoluto in favore della popolazione e dei territori del Friuli che hanno subito i danni dell’alluvione. La gara di fuoristrada avebbe dovuto disputarsi il 16 e 17 novembre scorso con partenza e arrivo a Pordenone e, quale ultimo round del campionato italiano Cross Country Rally, sarebbe stata determinante per alcuni piloti in ottica di classifica finale.

La sofferta decisione dell’annullamento della competizione è stata tuttavia compensata dalla vasta partecipazione alla cena solidale che in breve ha ricevuto una quantità di adesioni tale da raggiungere in breve la capienza massima della struttura messa a disposizione dal patron dell’Italian Baja, Mauro Tavella.

MauroTavella e Jutta Kleinschmidt

La manifestazione, promossa dal Fuoristrada Club 4×4 Pordenone e supportata da Coop Alleanza 3.0, ha visto la partecipazione di oltre 250 persone desiderose di dare il loro contributo all’iniziativa solidale. Non sono mancati piloti, tecnici, meccanici e personalità ma anche semplici appassionati, ospite d’onore l’unica donna ad aver vinto una Parigi-Dakar, la tedesca, fra l’altro vincitrice dell’edizione 2001 dell’Italian Baja, avrebbe dovuto partecipare quest’anno alla gara pordenonese con un Quaddy Yamaha.

Il vice governatore della Regione FVG Riccardo Riccardi e la deputata Sandra Savino hanno voluto presenziare all’evento testimoniando la vicinanza della politica alla manifestazione (sia quella solidale che quella sportiva).

Sandra Savino e Riccardo Riccardi

Piloti del calibro di Lorenzo Codecà (9 volte campione italiano), del giovane Amerigo Ventura (categoria “Syde by Syde”) e molti altri ancora hanno contribuito a mettere in risalto il lato sportivo dell’evento.

Una serata frizzante, con immagini delle varie precedenti edizioni del Baja trasmesse in continuazione sul mega schermo posto in fondo alla struttura, durante la quale il vulcanico Mauro Tavella si è collegato telefonicamente con il Presidente dell’ACI Angelo Sticchi Damiani, impossibilitato a partecipare materialmente alla manifestazione, che ha portato i suoi saluti ed ha lodato l’iniziativa messa in atto a Pordenone.

Mauro Tavella in collegamento telefonico con il Presidente dell’ACI Angelo Sticchi Damiani

Alessandro Moro, presidente del Club Fuoristrada 4 x 4, nelle insolite vesti di cameriere

Nel corso della cena si è anche provveduto alla raccolta fondi che, sommata ai versamenti precedentemente effettuati da Enti e Associazioni diverse, hanno permesso di destinare una sostanziosa somma alla Protezione Civile regionale, un simbolico assegno con l’importo della donazione è stato quindi consegnato al Vice Governatore con delega alla Protezione Civile Riccardo Riccardi tra gli applausi dei presenti e la soddisfazione di Mauro Tavella, Ceo dell’Italian Baja, e Alessandro Moro, presidente del Fuoristrada Club 4×4 Pordenone.

Archiviata questa “anomala” edizione dell’Italian Baja d’Autunno, gli organizzatori guardano già al futuro impostando i preparativi per l’Italian Baja 2019, competizione che da una recente indagine risulta essere seconda solo al Giro d’Italia (quando disputato in Regione) per indotto economico nel territorio pordenonese.

Servizio e foto: Dario Furlan




PRIMI PUNTI PER LAURENCICH E SANDEL NEL RACEDAY

Avvio positivo nel challenge dedicato agli amanti dello sterrato, con i portacolori di Xmotors che mettono il primo fieno in cascina, in vista del Prealpi Master Show.

Montebelluna (Tv), 22 Novembre 2018 – Debutto più che positivo per Xmotors al primo atto del Challenge Raceday Rally Terra, il quale vedrà i funamboli del traverso sfidarsi tra la fine del 2018 e l’inizio del 2019.

Alla dodicesima edizione del Rally delle Marche, andata in scena nel recente fine settimana, erano due i portacolori battenti bandiera della compagnia di Montebelluna, entrambe in grado di raccogliere i primi punti per il proprio bottino stagionale.

Prima uscita da calcolatore per Federico Laurencich, all’esordio sulla terra marchigiana con la Ford Fiesta R5 griffata Xmotors, il quale ha saputo prendere le misure, evitando inutili rischi, per maturare una buona dose di esperienza in ottica campionato.

Affiancato da Emanuela Florean alle note l’alfiere della scuderia Gorizia Corse ha patito l’assenza di una sessione di test ma ha saputo comunque chiudere in modo positivo la trasferta.

Grazie al sesto posto di classe R5 il pilota goriziano, in campionato, occupa attualmente la decima piazza nell’assoluta, la settima posizione nel raggruppamento B, e la quinta nel trofeo Pirelli di categoria.

“Siamo soddisfatti a metà” – racconta Laurencich – “perchè ci siamo resi ben presto conto che, senza fare test, è impossibile andare al passo dei migliori con queste vetture. Il percorso di gara, inoltre, era molto variegato. Una speciale condita da molte pietre ed un’altra veloce, con fondo molto compatto. Xmotors si è confermata una realtà altamente professionale e la Fiesta R5 non ci ha dato alcun tipo di problema. Siamo contenti di aver raccolto i primi punti per il campionato e contiamo, al prossimo Prealpi Master Show, di poter dare una bella spinta alle nostre ambizioni nella serie. Sarà la nostra unica gara di casa, per così dire, e daremo il massimo per raccogliere il miglior risultato possibile, cercando di guardare al 2019 con fiducia.”

Più raggiante sicuramente l’altro portacolori di casa Xmotors, Fabio Sandel, il quale ha riabbracciato con gioia la guida su terra, chiudendo con un buon settimo posto tra le vetture di produzione.

Il pilota di Miane, assieme ad Omar Scussat, una volta imbracciato il volante della Mitsubishi Lancer Evo X, targata GF Racing, si è sentito nuovamente a casa, nonostante si trattasse dell’esordio sugli sterrati marchigiani.

La settima posizione in classe N4 si traduce nella sesta piazza, nel raggruppamento C.

“Ci siamo divertiti tantissimo al Marche” – racconta Sandel – “ma abbiamo pagato la prima volta sulla Lancer e su queste speciali. Abbiamo raccolto tanto anche se i tempi non sembrano dimostrarlo. Un grazie di cuore a Michele Piccolotto, il quale ci ha fornito ottimi consigli ed insieme al quale abbiamo trovato un bel setup. Non disponevamo di una gomma performante come la concorrenza, questo ci ha penalizzati abbastanza. Adesso puntiamo dritti al Prealpi.”




Al via il 9° Rally Tuscan Rewind: l’ultima tappa del “tricolore” rally terra promette grande sport con 105 iscritti

L’ultima prova del Campionato Italiano Rally Terra, in programma per questo fine settimana con base a Montalcino, assegnerà l’ultimo titolo italiano rimasto vacante.

Nelle armoniose campagne del senese la sfida, su due giorni, si annuncia avvincente, ricca di spunti tecnici ed altamente spettacolare, con la presenza del pluridecorato Paolo Andreucci e di molti altri “nomi” del panorama nazionale.
Al via anche l’ex campione italiano Andrea Aghini, il giovane Campedelli sarà presente con una “storica”

L’atto finale del tricolore “terra” avrà l’onore di svolgersi su percorsi di alto livello, carichi di storia sportiva iridata e sarà per tre: Ceccoli, Marchioro e Trentin.

22 novembre 2018 – Finita l’attesa, il 9° TUSCAN REWIND, sta per accendere i motori. Questo fine settimana Montalcino, le bellissime campagne senesi, saranno al centro dell’attenzione nazionale del motorsport, prese d’assalto dagli appassionati ed addetti ai lavori per assistere all’ultima prova del Campionato Italiano Rally Terra (CIRT).

La gara, organizzata da Prosevent, per il prossimo anno è stata designata a far parte del Campionato Italiano Rally assoluto (CIR) e quest’anno ha l’onere ed anche l’onore di assegnare lo scudetto del duemiladiciotto e debutta nel contesto tricolore con ben 105 iscritti (60 per la parte “moderna”, 35 in totale per le “storiche”).

Dopo otto stagioni in cui la gara ha riportato nella provincia di Siena il movimento rallistico di alto livello, quest’anno si tocca davvero il massimo, appunto con la validità tricolore, l’assegnazione del titolo e con un plateau di adesioni di massimo livello. Il rally, avrà gli scenari esclusivi della provincia senese, attraversando i comuni di Montalcino e Buonconvento e gran parte delle strade della provincia, proponendo un percorso che si ispira alla tradizione. Una tradizione “mondiale”, visto che le strade utilizzate sono state teatro, negli anni ottanta e novanta delle più accese sfide del Campionato del Mondo Rally.
Prosevent, in considerazione dell’importante titolarità dell’evento, in questi mesi ha lavorato a braccetto con le Amministrazioni locali e con il supporto di molti partner di prestigio e da questo impegno a tutto tondo ne è scaturito un percorso di alto profilo tecnico, composto da otto prove speciali distribuite in due giorni di gara, quattro diverse, per un totale competitivo di 100,300 chilometri sui 262,210 dell’intero sviluppo.

ANDREUCCI, AGHINI E CAMPEDELLI LE “STELLE”,
CECCOLI, MARCHIORO E TRENTIN PER LO “SCUDETTO”.

Centocinque adesioni e molto del meglio del settore delle corse su strada italiane. Con ben 20 conduttori stranieri e 23 vetture di categoria R5 iscritte. L’argomento trainante della gara è questo, che definisce un successo ancora prima di accendere i motori.
Svetta, con il numero uno sulle fiancate il neo Campione d’Italia (per l’undicesima volta), Paolo Andreucci, che sarà al via – affiancato da Anna Andreussi – con la Peugeot 208 T16 R5, soprattutto per “testare” il percorso che il prossimo anno dovrà affrontare sicuramente per la sfida del tricolore assoluto. Pronosticato per la vittoria assoluta, il pilota ufficiale Peugeot, sarà di nuovo la classica pietra di paragone per tutti, a partire da chi sarà al via per la lotta di assegnazione del titolo “terra” 2018, vale a dire il padovano Nicolò Marchioro, il sammarinese Daniele Ceccoli ed il trevigiano Mauro Trentin.

Tutti e tre ben dotati di una Skoda Fabia R5, hanno una sola possibilità, per cucirsi lo scudetto sulla tuta: vincere. Da evidenziare che Andreucci, non essendo iscritto al campionato terra è “trasparente” ai punti, per cui ognuno farà la gara sull’altro. Il gran finale di una stagione sinora di forti contenuti promette dunque tanto spettacolo e sbocchi tecnici di valore, come la presenza al via di altri “nomi”, come Alessandro Taddei (Skoda Fabia R5), come l’esperto Giovanni Manfrinato (Skoda Fabia R5), l’umbro Francesco Fanari (Skoda Fabia R5), Alessandro Bettega (Peugeot 208 T16 R5), il sardo Francesco Tali (Ford Fiesta R5), lo svizzero Della Casa (Skoda Fabia R5), il veneto Bresolin (Skoda Fabia R5): tutti sono iscritti al campionato e potranno diventare inesorabili arbitri degli equilibri “da scudetto”.

Interessante la presenza di una stella di prima grandezza, Andrea Aghini, che torna dopo anni ad affrontare una gara di livello. Lo farà, il pilota di Fauglia, con una Ford Fiesta R5 con la quale è ovviamente al debutto, poi vi sono altri “big” come il teramano Alfredo “dedo” De Dominicis (Ford Fiesta R5), il veronese Luca Hoelbling (Skoda Fabia R5), il romagnolo Gianluca Casadei (Ford Fiesta R5)e sarà interessante vedere all’opera due validi giovani: il fiorentino Tommaso Ciuffi, vincitore del Trofeo Peugeot, al suo debutto con una 208 T16 R5, così come sarà alla prima esperienza con una Skoda Fabia R5 l’altro pilota del CIR Junior Alessandro Nerobutto.

Si saluta poi con entusiasmo il ritorno a correre in Italia del greco Joannis Papadimitriou (Skoda Fabia R5), grande protagonista delle gare sterrate dello stivale ai primi del duemila, si attende una prestazione maiuscola davanti al pubblico amico del locale Walter Pierangioli (Mitsubishi Lancer Evo IX), e rientra dopo alcuni mesi di pausa il reggiano Zelindo Melegari, vice Campione europeo di Gruppo N l’anno scorso, al via con una Subaru Impreza.

Da non perdere anche il confronto tra alcuni dei migliori “under” italiani, tra i quali vuole chiudere la stagione nel migliore dei modi il sardo Michele Liceri, sempre sulla Peugeot 208 R2B. Dovrà vedersela con i due piloti portacolori di ACI Team Italia, il bresciano Luca Bottarelli (Ford Fiesta R2), e il bergamasco Enrico Oldrati (Peugeot 208 R2). Completano la formazione di giovani i due piloti del CIR Junior Jacopo Trevisani e Davide Nicelli, entrambi sulla R2 “del leone” francese. Al Tuscan Rewind per riscattare la sfortunata apparizione nell’ultima di campionato anche l’emiliano Davide Cagni, sulla Opel Astra N3.

Interessante anche la parte “historic”, l’ispirazione di origine della gara. Svetta il nome di Simone Campedelli, quest’anno protagonista del tricolore rally (quarto assoluto), il quale ha voluto essere della partita con una vettura di quelle che hanno fatto la storia dei rallies, una Ford Escort RS MK2. MA oltre a lui sono presenti altri “nomi” a partire dal blasonato “Lucky”, Luigi Battistolli (Lancia Delta Integrale), vincitore assoluto del Trofeo tricolore conduttori 2018, per proseguire con Simone Romagna, che avrà una vettura analoga, con anche il sammarinese Marco Bianchini (Lancia Rally 037), con il locale Nicolò Fedolfi (Lancia Delta integrale) e sarà bello vedere all’opera la Fiat 131 Abarth del giovane Alberto Battistolli (figlio di “lucky”), certamente spettacolare. Anche Mauro Sipz, grande protagonista degli anni ottanta, non ha voluto mancare all’appuntamento di Montalcino, “armandosi” con una bella Lancia Rally 037 e grandi numeri si aspettano dai sette rappresentanti delle A112 Abarth del trofeo, con in vetta il neo Campione 2018, il veneto Raffaele Scalabrin.
Saranno in cinque, infine, coloro che si sfideranno nella specialità della regolarità sport, con i duelli
Che si svolgeranno nel rispetto dei tempi prestabiliti per percorrere i diversi settori in cui deve essere suddiviso il percorso (controlli orari) e determinati tratti con prove cronometrate.

PROGRAMMA DI GARA

Venerdi 23 novembre
09:00/15:00 Distribuzione road book – Enoteca B. Dalmazio – via Trav. dei Monti, 214 – Montalcino (SI)
09:30/13:00 – 15:00/23:00 Ricognizioni del percorso
10:30/13:00 Conferenza Stampa – c/o Direzione Gara, Montalcino
18:30/19:30 Verifiche amministrative concorrenti iscritti allo shakedown -Enoteca la Fortezza, Piazza della Fortezza – Montalcino (SI)
19:00/20:00 Verifiche amministrative – Enoteca la Fortezza, Piazza della Fortezza – Montalcino (SI)
19:30/22:00 Verifiche tecniche concorrenti iscritti allo shakedown – Enoteca la Fortezza, Piazza della Fortezza – Montalcino (SI)
20:00/22:30 Verifiche tecniche – Piazza della Fortezza – Montalcino (SI)

Sabato 24 novembre
08:00/11:00 Shakedown – Test con vetture da gara su parte della PS2 “Badia Ardenga”
08:30/09:30 Verifiche amministrative – RECUPERO – Enoteca la Fortezza, Piazza della Fortezza – Montalcino (SI)
09:00/10:00 Verifiche tecniche – RECUPERO – Piazza della Fortezza – Montalcino (SI)
14:30 Partenza – Presentazione Equipaggi – Piazza del Popolo – Montalcino (SI) 16:10 Arrivo prima vettura al riordino 1 (Notturno) – Buonconvento (SI)

Domenica 25 novembre
08:00 Uscita 1° vettura al riordino 1 (Notturno) – Buonconvento (SI) – in ordine di classifica
16:30 Arrivo Rally – Cerimonia di premiazione sul palco d’arrivo – Piazza del Popolo – Montalcino (SI)
17:30 Esposizione classifiche – c/o Albo di gara
17:30 Conferenza Stampa Finale – Teatro Comunale – Via Bandi – Montalcino (SI)

Lo scorso anno la gara venne vinta da Lorenzo Bertelli, affiancato da Simone Scattolin, con una Ford Fiesta WRC, davanti al ceco Jaroslav Orsak, in coppia con Smeidler (Ford Fiesta R5), mentre terzo terminò il già vincitore di quattro edizioni della gara, il trentino Alessandro Taddei (Skoda Fabia R5), con al fianco Gaspari.

DOWNLOAD ELENCO ISCRITTI “MODERNO”
https://www.tuscanrewind.com/assets/uploads/2018/11/elenco-iscritti-moder.pdf

DOWNLOAD ELENCO ISCRITTI “HISTORIC”
https://www.tuscanrewind.com/assets/uploads/2018/11/elenco-iscritti-sto.pdf

#Rally #CIRT #gravel #TuscanRewind #Montalcino #Siena #PieveaSalti #Torrenieri #BadiaArdenga
#CastigliondelBosco

UFFICIO STAMPA TUSCAN REWIND




Extrema Group lascia il segno all’Offroad Cup

Splendida giornata ieri per i motori dell’Extrema a Caporiacco di Fagagna, dove si è svolta l’Offroad Cup. La manifestazione è stata organizzata dagli esperti Faitini Paolo e Ferramosca Sandro, i quali hanno consegnato ai piloti un fettucciato semplicemente straordinario. La gara di domenica si è basata sulla Fast Cross che consiste in due giri al massimo della velocità, l’uscita dalla pista e la ripetizione dei giri e delle pause per otto volte. Le classifiche finali sorridono al Team di Extrema Group che piazza i suoi atleti sulle vette più alte del podio. Per la categoria Moto Moderne 2T primo posto per Quaino Massimo, habitué delle zone importanti di classifica, piazzatosi anche terzo assoluto di giornata. Quinto posto Bucovaz Andrea, vera rivelazione di giornata per la sua prima gara; settimo posto per il vulcanico Cavalli Mattia, manager e collante del team. Prima gara anche per Gregory Gigante che ottiene un ottimo decimo posto nella medesima categoria.

Ospiti di giornata nello Stand dell’Extrema e collaboratori esterni per il prossimo anno i piloti: Collovigh Pietro, vincitore del campionato Triveneto 2018 nella categoria Junior 4T, che ha ottenuto il primo posto nella categoria Moto Moderne 4T nonché il primo posto assoluto di giornata; Zenarola Gabriele medaglia di bronzo per la categoria Moto Moderne 2T; Zamarian Denis piazzatosi al secondo posto nella categoria Epoca (fino a 2000) e Faitini Edoardo, sul gradino più alto del podio per la categoria Moto d’Epoca EXT e quinto assoluto di giornata.

Extrema Group conferma la crescita esponenziale dei risultati dei suoi piloti e invia segnali importanti a tutti i prossimi sfidanti nelle gare del 2019!

Stay Tuned!

Bellissime foto per gentile concessione di Erica Ferruglio

 

 

Carlo L.




ALESSIO BELLAN, SECONDO A RIJEKA GUARDA GIÀ AVANTI

Il pilota di Taglio di Po brilla sul circuito croato, alla guida della Seat Leon Supercopa assieme a Barozzi e Marchesini, in attesa dell’esordio sulla Renault Clio R3.

Bellan davanti alla vettura assieme al patron di Bolza Corse (Silvano Bolzoni)

Taglio di Po (Ro), 19 Novembre 2018 – Non è riuscito a centrare la doppietta, nel recente weekend sul circuito di Rijeka, ma il secondo posto assoluto siglato da Alessio Rossano Bellan è comunque da considerarsi un ottimo risultato, al ritorno “una tantum” in veste pistaiola.

Un piazzamento prestigioso, quello ottenuto dal portacolori della scuderia Monselice Corse, centrato assieme ad altri due compagni di avventura: il mantovano Matteo Barozzi ed il vicentino Andrea Marchesini.

Tre alfieri che hanno lottato sino alla fine, in occasione della gara endurance disputata Sabato scorso sul tracciato croato, spremendo tutti i cavalli messi a disposizione dal generoso propulsore della Seat Leon Supercopa, curata dal team adriese Bolza Corse.

Scesi in campo con i favori del pronostico, in virtù del primato della passata edizione, il terzetto capitanato dal pilota di Taglio di Po non riusciva a mantenere il passo della concorrenza e, vista l’impossibilità di prendere il comando in sicurezza, decideva saggiamente di gestire la posizione, festeggiando il secondo gradino del podio ed il miglior giro secco, record assoluto per una gara endurance a Rijeka.

“Diciamo che è andata abbastanza bene” – racconta Bellan – “perchè siamo arrivati secondi. Speravamo di poter ottenere, per il secondo anno consecutivo, il successo ma i nostri avversari sono andati semplicemente più forte di noi. Nelle quattro ore di gara suddivise nei vari turni tra me, Matteo ed Andrea, abbiamo mantenuto un ritmo davvero elevato. Ci siamo avvicinati tantissimo alla leadership ma ci siamo resi conto che, per completare l’aggancio, dovevamo forzare parecchio e prenderci dei grossi rischi. Disponevamo di una cavalleria inferiore alla concorrenza. Nonostante queste premesse non eravamo sicuri di poter mantenere la testa. Diciamo che abbiamo fatto un pari, essendoci scambiati il primo ed il secondo posto rispetto allo scorso anno. Dal canto nostro siamo soddisfatti perchè non abbiamo mai sbagliato un tempo di entrata o di uscita. L’auto è stata semplicemente perfetta e, di questo, dobbiamo ringraziare di cuore Silvano Bolzoni ed il team Bolza Corse. Abbiamo segnato il record assoluto sul circuito di Rijeka, per una gara di tipologia endurance, quindi rientriamo molto soddisfatti.”

Andata e ritorno per Bellan che, tra un paio di settimane, tornerà a calcare l’asfalto dell’autodromo di Rijeka, ritornando a vestire i panni del rallysta, per un esordio alquanto gustoso in vista della prossima stagione agonistica.

“In questi giorni abbiamo ultimato le operazioni per rilevare una Renault Clio R3” – aggiunge Bellan – “e data la possibilità di affrontare un rally show, sullo stesso circuito che ci ha visto protagonisti nel recente weekend, abbiamo deciso di tornare, ad inizio Dicembre, qui in Croazia. Dopo una stagione intera sulla Peugeot 208 R2B abbiamo deciso di alzare l’asticella, scegliendo una vettura della stessa categoria ma più performante. Siamo molto curiosi di vedere come ci comporteremo. Un banco di prova molto utile per la prossima annata rallystica.”

Alessio Rossano Bellan – Ufficio Stampa




XMOTORS INIZIA LA CACCIA AL RACEDAY

La scuderia di Montebelluna punta ad essere protagonista, anche su fondo sterrato, nella rinomata serie invernale, con Laurencich, tra le R5, e Sandel, nel produzione.

 

Montebelluna (Tv), 14 Novembre 2018 – Xmotors vuole far mangiare la polvere alla concorrenza ed è pronta a dare il via alla campagna nel Challenge Raceday Rally Terra, in vista del primo atto, il prossimo weekend, con la dodicesima edizione del Rally delle Marche.

Una delle serie più amate a livello nazionale, la quale animerà gli sterrati nazionali nella fase invernale a cavallo tra il 2018 ed il 2019, vedrà il sodalizio di Montebelluna pronta a fare la voce grossa con due portacolori attesi, sin dall’appuntamento marchigiano, ad un pronto riscatto.

Numero nove, sulle fiancate della Ford Fiesta R5 griffata Xmotors, per Federico Laurencich, il quale farà coppia con l’inseparabile Emanuela Florean.

Il portacolori della scuderia Gorizia Corse tornerà al volante, della trazione integrale dell’ovale blu, dopo la tanto bella quanto breve cavalcata sulle strade di casa del Rally Nova Gorica.

Il Rally delle Marche non sarà una novità assoluta per il pilota goriziano, già autore della vittoria di classe con la Renault Clio R3, in una stagione 2014 che lo vide chiudere il Challenge Raceday Rally Terra con altre tre secondi posti.

“Siamo al via della prima nel Raceday” – racconta Laurencich – “ed è un piacere poter tornare su questi splendidi sterrati, sui quali abbiamo vinto nel 2014 con la Renault Clio R3. Quella stagione fu davvero molto positiva. Sarà la prima volta che metteremo le ruote della Ford Fiesta R5 su terra, con noi al volante. Rispetto a quattro anni fa il percorso, sarà quasi del tutto, inedito per noi. Essendo al debutto con la Fiesta su terra è innegabile che non abbiamo velleità di alta classifica. Dobbiamo fare esperienza e capire come funziona un po’ tutto. Abbiamo avuto già una prima presa di contatto con la R5 su terra, lo scorso anno al Prealpi Master Show con una Hyundai i20, ma non ci siamo trovati bene, non eravamo mai competitivi. Partiamo con l’intento di seguire tutto il campionato ma, ovviamente, decideremo sulla base dei singoli risultati se avrà senso continuare sino alla fine.”

Ad affiancarlo nel programma, sulle strade bianche, di Xmotors troveremo Fabio Sandel, alla guida di una sempreverde Mitsubishi Lancer Evo X gruppo N, in coppia con Omar Scussat.

Il pilota di Miane, in provincia di Treviso, sarà della partita alla guida della muscolosa trazione integrale nipponica, messa in campo dal team GF Racing.

Una sorta di ritorno alle origini, per portacolori della scuderia di Montebelluna, il quale ha già dimostrato, nel recente passato, di viaggiare con costanza nei piani nobili del produzione.

“Siamo al via del programma nel Raceday” – racconta Sandel – “e con piacere torniamo a correre sulla terra, fondo che amiamo particolarmente e che ci ha regalato le maggiori soddisfazioni. Abbiamo già corso abbastanza con la Subaru Impreza, sappiamo cosa ci aspetta. Saremo all’esordio, qui al Marche, e vogliamo aprire la stagione con il piede giusto. Un ringraziamento particolare a Michele Piccolotto, di GF Racing, ed alla scuderia Xmotors.”

Xmotors – Ufficio Stampa