AL DUE VALLI VIA ALLA FIESTA PER ANDRIOLO E SCOPEL

Il pilota trevigiano regala ad Xmotors il secondo successo stagionale, in provincia di Verona, tornato a condividere l’abitacolo con il compagno di mille battaglie.

Montebelluna (Tv) – L’occasione era ghiotta e la pressione era ad alti livelli, data la caratura della reunion andata in scena sulle speciali scaligere, ma Rudy Andriolo non ha mancato il bersaglio grosso ed insieme a Roberto Scopel ha portato, sul gradino più alto del podio, la Ford Fiesta R5 di Xmotors.

Bis targato 2018 per il portacolori della scuderia La Superba che, dopo aver siglato il Benacus Rally, ha fatto sua la trentaseiesima edizione del Rally Due Valli, nell’ambito dell’evento dedicato al Campionato Regionale Rally.

Una seconda assoluta non scontata, avendo duellato a lungo con l’idolo di casa Cunegatti, vissuta su una lotta con il coltello tra i denti, chiusa a favore del trevigiano per 1”2.

Un autentico vortice di emozioni quello che ha coinvolto Andriolo e Scopel, coppia che ha fatto sognare tanti tifosi in Triveneto qualche anno fa, ritornati a condividere l’abitacolo di una vettura da competizione, con la classe e l’affiatamento dei grandi campioni.

Un avvio accorto, sulla speciale spettacolo del Venerdì sera, vedeva il trevigiano chiudere con il secondo tempo, a 2”3 da Degani.

Si ripartiva il Sabato con Andriolo che staccava il primo scratch a “Roncà” ma commetteva un errore sulla successiva “Cà del Diaolo”, accusando un ritardo di 6”6 da Cunegatti.

A “Santissima Trinità” il pilota della Ford Fiesta, griffata Xmotors, segnava il miglior parziale e riprendeva, con forza, il comando delle operazioni nella generale.

Prova numero cinque, “Tregnago”, ed il duello sulla direttrice Treviso Verona si ripeteva: Andriolo, secondo, chiudeva a sei decimi da Cunegatti.

Archiviata la tornata la carovana del CRR faceva ritorno sulla “Roncà” con l’alfiere della scuderia patavina che rischiava grosso, mancando di un soffio un’uscita di strada che poteva compromettere l’intera gara.

Con una sola prova speciale ancora da disputare, la ripetizione della “Cà del Diaolo”, Andriolo si ritrovava in vetta alla generale con un margine, da difendere, di soli 7”6: Cunegatti vinceva la prova ma rosicchiava solamente 6”4 al trevigiano, il quale si avviava verso l’incantevole cornice di Piazza Bra per dare il via ai festeggiamenti.

“Gara bellissima con speciali davvero tecniche” – racconta Andriolo – “e siamo soddisfatti di questa seconda vittoria assoluta. Una gran lotta con Cunegatti. Grazie a tutti i nostri partners, che hanno fatto parte di questo sogno divenuto realtà. Grazie a Xmotors che ci ha messo a disposizione una Fiesta che va fortissimo, seguita ottimamente da Pippo ed Ale Lorenzon. Tutti molto professionali. Grazie alla scuderia La Superba. Grazie a Roberto, sempre impeccabile.”

Gli fa eco Roberto Scopel, al fianco di Andriolo sul gradino più alto del podio assoluto.

“Dopo sedici anni dalla prima gara fatta assieme e tanti sacrifici” – aggiunge Scopel – “questo è il coronamento e la gratificazione del tanto sudore lasciato per strada. Che soddisfazione.”

Xmotors – Ufficio Stampa




Cividale-Castelmonte come da pronostico: Liber primo fra le vetture moderne e Muradore nelle storiche.

Pronostico perfettamente rispettato alla 41^ Cividale-Castelmonte con Federico Liber primo fra le vetture cosiddette “moderne” e Rino Muradore vincitore nelle “storiche”. Nonostante non ci fossero stati molto dubbi sui pretendenti alla vittoria la gara non è risultata affatto monotona galvanizzando il folto pubblico presente lungo il percorso, gara – lo ricordiamo – favorita anche da  un fine settimana all’insegna del tempo caldo e soleggiato.

Di rilievo la prestazione di Liber, il veronese infatti, a bordo della sua Gloria C8P EVO, ha centrato la vittoria nella cronoscalata cividalese per la quarta volta ma ha anche fatto siglare il record del percorso con una strepitosa seconda manche, facendo fermare il cronometro sul tempo di 3:08.56 (2 secondi e 54 centesimi in meno della prima!) conquistando così senza problemi il gradino più alto del podio fra le vetture moderne. Alle sue spalle l’austriaco Andreas Strollnberger a 27’’77 (Dallara Formula 3) seguito da un sorprendente che ha piazzato la sua Subaru Impreza WRX al terzo posto davanti ad alcune vetture a ruote scoperte ritenute più favorite su questo tracciato. Nondimeno il fagagnese Gianni Di Fant ha portato con maestria la splendida Lamborghini Huracan lungo il tortuoso percorso che porta al Santuario mariano classificandosi infine al quarto posto assoluto.

Andreas Strollnberger

Mauro Soretti

Gianni Di Fant

Gianni Di Fant

Anche Rino Muradore, con la sua Ford Escort Rs 1600,  ha messo subito le cose in chiaro con gli avversari siglando  il miglior tempo al termine della prima manche e migliorandolo di quasi due secondi nella successiva piazzandosi così anche quest’anno sul primo gradino del podio. Al secondo posto l’austriaco Gerald Glinzer su Porsche 911 Carrera , un affezzionato frequentatore della gara che riesce sempre a piazzarsi nelle posizioni che contano; al terzo posto infine Michele Massaro su BMW M3,

Gerald Glinzer

Spulciando la classifica qua e la balza all’occhio la performance di Giorgio Venica – già vincitore su questo tracciato nel 2014 su Lola B99/50, che sulla Hyundai I20 R5 Friulmotor si è piazzato al 15esimo posto. Fra i locali ottima prestazione anche per su Ford Fiesta R5 classificatosi 24esimo assoluto e di Luca Venturini che si è imposto nel Gruppo Produzione E alla guida della piccola Peugeot 106 S16.  Gran risultato anche per Andrea Chiuch chesi è imposto nella sua classe della categoria Racing start su Renault Clio Cup.  Claudio De Cecco invece ha portato all’esordio la Hyundai I30 N TCR, solitamente impegnata nel WTCR International Series, chiudendo al 30esimo posto.

Giorgio Venica

Giorgio Venica

Alessandro Beltramini

Claudio De Cecco (Hyindai i30  N TCR)

Altre immagini della cronoscalata:

                                    Come si dice? “…..POTREI FARE LA SALITA A OCCHI CHIUSI”

La Cividale-Castelmonte ha visto alla sua ultima partenza con la fida R5 GT Turbo il veterano delle corse Gianni Marchiol (classe 1939) che giocoforza dovrà dare l’addio all’agonismo causa raggiunti limiti di età, la normativa attuale prevede infatti la cessazione della partecipazione alle competizioni al raggiungimento degli 80 anni. Presente in veste di spettatore anche un altro veterano della Cividale-Castelmonte, Graziano Fantini che dall’alto dei suoi 87 anni continua a frequentare il mondo delle corse e a malincuore non ha potuto essere fra i partecipanti alla cronoscalata; Fantini, fra l’altro, è stato fautore della rinascita della cronoscalata cividalese, riportata in auge nel 1985 dopo l’interruzione avvenuta nel 1968. Entrambi sono stati premiati a fine gara dalla Forum Iulii Historic Club con il conferimento di una targa.

L’arrivo di Gianni Marchiol

Graziano Fantini (il primo da sinistra)

La Scuderia Red Whhite, organizzatrice dell’evento, mette dunque in archivio anche questa edizione con la soddisfazione di essere riuscita a proporre una gara avvincente e ricca di fascino portando a Cividale piloti eccellenti e vetture molto performanti che hanno dato spettacolo lungo i 6,395 chilomentri del percorso.

Servizio e foto Dario Furlan

 

 




RALLYLEGEND: BREEN VINCE TRA LE WRC, RIOLO NELLE MYTH, ROSATI E’ PRIMO TRA LE HISTORIC

A RALLYLEGEND NELLA SFIDA INCANDESCENTE TRA LE “HISTORIC” LA SPUNTA STEFANO ROSATI (TALBOT LOTUS).

TOTO’ RIOLO (SUBARU LEGACY) VINCE TRA LE “MYTH” E CRAIG BREEN (CITROEN C4 WRC) E’ PRIMO TRA LE “WRC”.

GRANDE SHOW “LEGEND STARS” CON UNO SPETTACOLARE KRIS MEEKE

Repubblica di San Marino. “See you nex year”, ci vediamo il prossimo anno. E’ qui, nello striscione che Kris Meeke ha mostrato, insieme a Vito Piarulli e Paolo Valli, l’invito a Rallylegend 2019. Che nello specifico era rivolto a Luis Moya, ambasciatore di Rallylegend, assente quest’anno per motivi di salute, ma che si è esteso alla moltitudine di appassionati e a tutti i campioni che sono affezionati a Rallylegend. “Che è stato una volta di più una grande festa di sport, di agonismo, di spettacolo, di amicizia in nome della passione per i rally. Di ieri e di oggi” come chiosava alla fine Vito Piarulli, dal ponte di comando.

STEFANO ROSATI (TALBOT LOTUS) ALLA SUA TERZA VITTORIA A RALLYLEGENED

E’ stata l’ultima prova speciale, la spettacolo “The Legend” a decidere il duello all’ultimo secondo, tutto sammarinese, tra Stefano Rosati e Davide Cesarini, che ha tenuto banco per tutta la gara. Alla fine l’ha spuntata Stefano Rosati, con Sergio Toccaceli e la Talbot Lotus, con cui hanno vinto altri due Rallylegend in passato. Davide Cesarini, con Mirco Gabrielli (Ford Escort Rs 2000) hanno dovuto accettare il verdetto del cronometro, e dietro di loro, a chiudere un podio tutto bianco-azzurro, colori della Repubblica di San Marino, si è issato un felicissimo Nicola Bonfè, con Lorenzo Ercolani e la Ford Escort Rs del 1978, al suo miglior risultato a Rallylegend, corso in quasi tutte le edizioni.

TOTO’ RIOLO (SUBARU LEGACY) VINCE TRA LE “MYTH”, QUARTA VOLTA A RALLYLEGEND

Il siciliano Totò Riolo, con Rappa, ha confermato la sua supremazia con la Subaru Legacy, concludendo davanti a tutti e siglando la sua quarta affermazione a Rallylegend. L’uruguaiano Gustavo Trelles, con “Bicho” Del Buono e la Toyota Celica St 205 ha combattuto, ma ha dovuto rassegnarsi alla pur prestigiosa piazza d’onore. A chiudere il podio è andato alla fine Carlo Boroli, con Paolo Vercelli alle note, a bordo di una Subaru Impreza del 1998. Dietro a Fabio Galli, con Gabriele Romei, ottimi quarti con una Renault Clio Williams, solo quinto si è piazzato il sammarinese Marcello Colombini, con Selva, e la Bmw M3 E30, per un errore nella speciale spettacolo conclusiva della seconda tappa.

CRAIG BREEN (CITROEN C4 WRC) IN TESTA TRA LE “WRC” ALLA FINE DELLA SECONDA GIORNATA

Dato il buon vantaggio accumulato nelle prime due tappe, Craig Breen, pilota ufficiale nel Mondiale Rally del team Citroen WRT, ha confermato senza affanni il suo primato tra le WRC, con alle note il fido Scott Martin. “Voglio tornare anche l’anno prossimo, è stata una bellissima esperienza qui a Rallylegend: pubblico fantastico e piacere puro di guida. Complimenti agli Organizzatori, oggi ho scoperto una bellissima realtà” le parole di Craig Breen sul palco di arrivo.  Oltre alle coppe in palio, l’equipaggio vincitore si è aggiudicato due orologi della collezione Tazio Nuvolari messi in palio da Eberhard&Co, Official Time Keeper di Rallylegend. Al secondo posto si piazza Luca Pedersoli, con Anna Tomasi a fianco, con un a vettura gemella di quella del vincitore, mentre il finlandese Mikko Hirvonen, con  Jarmo Lehtinen e la Ford Focus WRC, conclude terzo, dopo essersi divertito, per due tappe, con la Ford Focus WRC, a fare “tondi” e numeri spettacolari per divertire il pubblico.

LEGEND STARS, KRIS MEEKE DIVERTE E SI DIVERTE

Il pubblico si è esibito anche in “ola” e con un tifo sfrenato al passaggio delle “Legend Stars”. Che è vero non hanno il rilevamento dei tempi, ma lo spettacolo di traversi, salti, “tondi”, burn-out e compagnia bella è senza soluzione di continuità. Anche Kris Meeke, il fuoriclasse inglese in predicato di vestire i colori Toyiota Gazoo nel prossimo Mondiale Rally, non ha lesinato numeri e show con la Ford Fiesta WRC Tamauto e, come lui, tutti gli altri piloti che hanno scelto di esibirsi in questa categoria, con macchine cariche di gloria agonistica. A Meeke è andato anche il premio di pilota più spettacolare di Rallylegend 2018.

MARTINI RACING PARADE, QUATTRO SFILATE DA SOGNO

Le Martini Racing Parade sono state uno spettacolo che gli appassionati presenti a Rallylegend non dimenticheranno presto. Una ventina di macchine cariche di gloria rallystica, tutte nella inconfondibile livrea Martini Racing e con al volante un gruppo di quei piloti – Biasion,  Kankkunen,  Alen,  Patrese,   Pirro,

Cunico, Aghini – che le hanno rese leggendarie, hanno deliziato occhi e orecchie delle tante migliaia di spettatori assiepati sulla prova spettacolo “The Legend” per una celebrazione unica e esclusiva.

PIRELLI JUMP IN THE LEGEND TROPHY A STEFANO ROSATI E SERGIO TOCCACELI

La giuria era di quelle importanti: a giudicare il miglior salto sulla P.S.1 The Legend sono stati infatti Franco Cunico, Tonino Tognana e Massimo De Antoni. A vincere i premi messi in palio da Pirelli per il balzo più bello sono stati Stefano Rosati e Sergio Toccaceli (Talbot Lotus), davanti a Luca Pedersoli, con Anna Tomasi (Citroen C4 WRC) e a Nicola Bonfè, con Lorenzo Ercolani (Ford Escort RS).

A TOTO’ RIOLO IL TROFEO ANTIGUA LEGEND CUP

Totò Riolo è risultato anche vincitore del Trofeo Antigua Legend Cup, con la partecipazione gratuita alla Antigua Legend Cup2, gara di tipologia X-Rally – Rallycross, che si disputerà il 22 e 23 dicembre ad Antigua, compreso volo aereo a/r Antigua-Milano, ospitalità di una settimana nel resort di lusso Antigua Yacht Club Marina and Resort, iscrizione gratuita alla gara e utilizzo gratuito della vettura per la gara.

rallylegend press – foto M. Bettiol




RALLYLEGEND 2018 ENTRA NEL VIVO.

Repubblica di San Marino. Si accendono i motori a Rallylegend 2018 ed è una grande folla in festa quella che ha assistito allo shakedown odierno, prima occasione per vedere lo splendido parco macchine dell’evento sammarinese a motori accesi.

Da stasera poi, venerdi 12 ottobre, alle ore 19.00, a partire dalla tarda serata quindi, si inizia a fare sul serio, con la partenza della prima tappa del rally, il momento più atteso, per la suggestiva frazione in notturna.

La ripetizione delle prove I Laghi” e “San Marinosarà inframezzata dallo scenografico riordino nel centro storico di San Marino alle ore 20.26, cui parteciperanno anche i campioni del 50° Martini Racing Biasion, Alen, Kankkkunen.

GLI EVENTI NELLA RALLYLEGEND ARENA MOMENTI DI GRANDI INCONTRI

Biasion

Preceduti dalla affollata sessione autografi con Miki Biasion presso lo stand Eberhard&Co, hanno avuto inizio gli attesi incontri con i grandi campioni. Tanta gente alla Rallylegend Arena, situata all’interno del Village, per la presentazione del libro di Gigi Pirollo “Una curva lunga una vita”, cui hanno presenziato, oltre all’autore, Miki Biasion, Markku Alen e Franco Cunico. Prendendo spunto dal recente libro di uno dei navigatori italiani più importanti, si sono susseguiti racconti avvincenti, momenti di ilarità con le battute tra i grandi campioni sul palco, partecipazione attenta del pubblico, prima del festoso “assalto” finale per gli autografi. Quello che è successo, subito dopo, ancora nella Rallylegend Arena, per l’incontro “Legend Company”, con alcuni, grandi protagonisti di Rallylegend 2018 quali Kris Meeke, Mikko Hirvonen, Craig Breen, Gustavo Trelles, Miki Biasion.

SHANNON FALCONE- MARIO ISOLA, EQUIPAGGIO “RALLYLEGEND”

Venerdì 12 ottobre, durante lo shakedown, a bordo di una splendida

Isola

Lancia Delta Integrale “vestita” Martini Racing e gommata Pirelli, si è costituito, per qualche ora, un equipaggio insolito, composto dal pilota Shannon Falcone, team member di Luna Rossa nella prossima sfida di America’s Cup, e dall’estemporaneo navigatore Mario Isola, Pirelli Head of F1 and Car Racing. Un professionista del motorsport Pirelli e un professionista sailing con Luna Rossa, uniti dalla partnership tra le due realtà (Pirelli sarà co-title sponsor di Luna Rossa nella America’s Cup in Nuova Zelanda nel 2021, che si sono divertiti e hanno fatto divertire ilfolto pubblico che assiepava lo shakedown.

Hirvonen

LUCKY” BATTISTOLLI NEL “LEGENDARY MOMENTS” 

Imprevisti impegni improrogabili hanno costretto Adartico Vudafieri a dare forfait per la sua partecipazione al “Legendary moments” di Rallylegend. “Vuda” verrà degnamente sostituito da un altro grande campione, “Lucky” Battistolli, che si esibirà con la Lancia 037, insieme a “Tony” Fassina (Lancia Stratos) e Tonino Tognana (Ferrari 308 GTB).  

MARIJAN GRIEBEL, GIOVANE CAMPIONE TEDESCO, AL VOLANTE DELLA “ZERO”

Sarà il pilota tedesco Marijan Griebel, al volante della vettura con il numero “zero” sugli sportelli, l’apripista di Rallylegend. Non ancora trentenne, il figlio d’arte (il padre Jurgen e il fratello Felix vantano entrambi trascorsi da piloti e navigatori) vanta già un palmares di

Meeke[starlist][/starlist]

tutto rispetto. Nel 2016 ha vinto il titolo Junior nel Campionato Europeo Rally con una Opel Adam R2, lo scorso anno si è aggiudicato la classifica Under 28 e il quinto posto assoluto finale nel Campionato Europeo Rally con una Skoda Fabia R5, mentre attualmente è in testa al Campionato Tedesco Rally, con tre vittorie, al volante di una Peugeot 208 T16.

DOMANI SABATO 13 OTTOBRE SECONDA TAPPA. GLI APPUNTAMENTI NELLA RALLYLEGEND ARENA

La seconda tappa prenderà il via sabato 13 ottobre alle ore 13.00 con in programma due passaggi sulle prove speciali “La Casa”, Piandavello e sulla prova spettacolo “The Legend” ed arrivo alle ore 18.45.Nella Rallylegend Arena, sabato 13 ottobre si inizia alle ore 10.00 con la sessione autografi presso lo stand Freem con i campioni del Mondiale Rally presenti. Appuntamento da non perdere quello alla Rallylegend Arena alle ore 11.30, con “50th Martini Racing”con i grandi campioni e i protagonisti della storia di Martini Racing nel motorsport.

Breen

MARTINI RACING PARADE, QUATTRO SFILATE DA SOGNO

E’ uno dei momenti più attesi di Rallylegend 2018 e, per la gioia degli spettatori che saranno a San Marino, si ripeterà ben quattro volte. La Martini Racing Parade resterà negli occhi e nel cuore degli appassionati. Una ventina di macchine cariche di gloria rallystica, tutte nella inconfondibile livrea Martini Racing e con al volante un gruppo di quei piloti – Biasion, Kankkunen, Alen, Patrese, Pirro, Cunico, Aghini – che le hanno rese leggendarie, percorreranno la prova spettacolo “The Legend”, due volte sabato 13 alle ore 12.25 e alle ore 17.25, e altre due volte domenica 14, alle ore 9.30 e alle ore 13.25 per un gran finale di una celebrazione unica e esclusiva.

Dall’inviato Dario Furlan 




PRESENTATA LA 16° EDIZIONE DI RALLYLEGEND

E’ stata presentata questa mattina presso Rallylegend Village, il “quartier” generale” dell’evento sammarinese di caratura mondiale, la 16esima edizione di Rallylegend, manifestazione attesa con grande entusiasmo da appassionati di tutta Europa, pronti a invadere sportivamente, in varie decine di migliaia, la Repubblica del Titano.
A presenziare la Conferenza Stampa, Autorità di Stato sammarinesi, gli Organizzatori e il Direttore di Gara e i rappresentanti di TIM, nuovo, importante e prestigioso sponsor, che debutta quest’anno nella partnership con Rallylegend, con una importante novità tecnologica.
MARCO PODESCHI, SEGRETARIO DI STATO ISTRUZIONE E SPORT. “Nel portare il mio saluto di Segretario di Stato allo Sport, ai partecipanti ed agli organizzatori, voglio ringraziare Paolo Valli ed il suo Staff per avere reso possibile questo evento che nella settimana del Rallylegend, rende San Marino la capitale mondiale delle corse automobilistiche, oscurando ogni altro evento.
L’edizione 2018 coincide con il mezzo secolo di impegno nelle corse della Martini Racing, i cui colori hanno rivestito le “auto dei sogni” che hanno fatto la storia di questo sport e che sono ancora orgogliosamente presenti sulle scocche di molte vetture partecipanti a questa 16° edizione.
Il binomio Rally-Martini ci riporta indietro di trenta anni quando dominava sulle strade di tutto il mondo e la livrea rossa-blu-azzurra rendeva inconfondibili queste fantastiche vetture.
Come già ribadito in altre occasioni, quello per i rally, è un amore transgenerazionale che ci ha accompagnato da bambini fino all’età adulta, senza cali di interesse, e questa manifestazione ci ricorda ogni anno quanto sia grande la passione dei sammarinesi per le corse automobilistiche.
Vogliamo ringraziare naturalmente TIM, nella persona del suo CEO dott. Cesare Pisani, per il supporto tecnologico che mette a disposizione di questa manifestazione: assieme al rombo delle auto, si accendono infatti i motori del 5G, la rete mobile di nuova generazione, di cui San Marino, primo stato al mondo si sta dotando.
Gli appassionati potranno toccare con mano le applicazioni che ha questa nuova tecnologia: il 5G coprirà tutta l’area del Rally Village ed alcune prove speciali, dove sono state installate telecamere con modalità di ripresa a 360° che permetteranno di vivere le emozioni della competizione direttamente dagli stand TIM in una dimensione assolutamente coinvolgente, grazie a speciali visori per la realtà virtuale. In bocca al lupo a tutti i partecipanti.”

AUGUSTO MICHELOTTI, SEGRETARIO DI STATO TERRITORIO AMBIENTE E TURISMO. “Rallylegend è un’idea geniale. Un ritorno al passato in un’era in cui tutto è informatizzato, tutto previsto, tutto calcolato. Il passato era più umano ed è proprio questo dello spirito di questa bella manifestazione che affascina. In questi quattro giorni saremo invasi da appassionati da tutta Europa con numeri che negli anni sono sempre stati in crescita e Rallylegend merita il successo che ha. Allora lasciamoci invadere! Sono eventi come questo, in territorio tutto sammarinese che portano con sé un indotto molto importante e danno un forte impulso al nostro turismo.
PAOLO VALLI, ORGANIZZATORE RALLYLEGEND. “Anche questa edizione di Rallylegend ha richiesto un impegno organizzativo molto elevato. Ogni anno lo staff di collaboratori annovera la presenza di professionisti di alto spessore nelle varie funzioni che possono garantire l’ottima riuscita della manifestazione. La collaborazione con le istituzioni politiche e amministrative della Repubblica di San Marino è quanto di meglio un organizzatore possa auspicare. Un ringraziamento particolare va alla Segreteria di Stato Istruzione e Sport che ha fornito il pieno supporto alla nostra 16° edizione così come un plauso va alle forze di polizia (Gendarmeria e Polizia Civile) con le quali intratteniamo stretti rapporti di collaborazione e che ci aiutano a garantire la buona riuscita di Rallylegend. La presenza di sponsor di altissimo livello, che voglio ringraziare, ha dato uno slancio di orgoglio a noi organizzatori nel vedere un così grande interesse da parte delle aziende che ci supportano e permettono la crescita dell’evento. Vi è ormai nella popolazione sammarinese la consapevolezza della grande importanza che Rallylegend riveste per l’immagine e l’indotto che crea al paese, ciò comporta che anche a seguito di una efficace preventiva comunicazione del programma dell’evento lo stesso sia vissuto da tutti i cittadini residenti con grande positività e pochi disagi. Rileviamo come la richiesta di accrediti e le informazioni per poter assistere sia assai crescente segno di una forte passione per i motori che varca addirittura i confini europei. Ci auguriamo di poter emozionare gli appassionati di rally anche in questa edizione e che tutta la manifestazione si svolga in piena sicurezza per tutti.”
VITO PIARULLI, ORGANIZZATORE RALLYLEGEND. “Anche quest’anno la manifestazione fa registrare, nonostante le numerose e importanti concomitanze, un numero di iscritti di tutto rispetto: 150 equipaggi con nomi di grande livello, come ormai Rallylegend da tempo ci ha abituati ad avere. A tutto questo si aggiungono la Martini Parade e la celebrazione dei 50 anni di storia di Martini Racing, con lo sguardo rivolto al mondo rally, ma con una presenza di altissimo livello, per la presenza Martini in Formula 1 e nelle gare Endurance iridata, con due miti quali Riccardo Patrese e Michele Pirro. A questo proposito voglio ringraziare Martini che ha scelto di celebrare ufficialmente il 50 anniversario attraverso il nostro evento.
La grande sfida di questa edizione, e di quelle degli anni a venire, sarà portare a questa grande vetrina nuove leve che possano sostituire i grandi campioni nelle prove a tempo, per lasciare a piloti del calibro di Kankkunen, Biasion, Alen e tanti altri, il piacere di rincontrarsi e incontrare il pubblico. guidando nelle Martini Parade senza pressione alcuna. A dare battaglia in prova speciale o a fare spettacolo tra le Legend Stars ci saranno i piloti del mondiale rally come Kris Meeke e Craig Breen e campioni del recente passato quali Mikko Hirvonen”
MAURO ZAMBELLI, DIRETTORE DI GARA. “E’ un impianto di sicurezza estremamente solido quello che, assieme alla Gendarmeria e alla Polizia Civile sammarinesi, viene messo in campo per questa 16° edizione di Rallylegend. Sul percorso, nei tre giorni, si avvicenderanno oltre 800 commissari di percorso che, con uno

staff di prim’ordine della Direzione gara e la squadra delle vetture di sicurezza, vigileranno sul percorso che i concorrenti si troveranno a percorrere. Sono stati fissati protocolli di intervento coordinato al fine di ottimizzare i tempi di reazione per gli interventi in caso di criticità.
Per quanto riguarda il percorso, invece, la prova speciale “Le Tane” è stata sostituita con la “Piandavello”, soprattutto con l’obiettivo di dare maggiore respiro alle zone del territorio che negli ultimi anni erano interessate da una grande concentrazione di prove.”
SERGIO SCHINAIA, RESPONSABILE INFRASTRUCTURES & OPERATIONS NORD EST DI TIM. “Tim accende insieme a Nokia i motori del 5G in occasione della sedicesima edizione di Rallylegend, che prende il via oggi a San Marino. L’evento rappresenta infatti una importante occasione per mostrare, anche al grande pubblico degli appassionati delle auto, alcune delle principali applicazioni che sfruttano le potenzialità della rete mobile di nuova generazione, nell’ambito del progetto “San Marino 5G” che punta a fare della Repubblica del Titano il primo Stato 5G d’Europa.
Il 5G sarà un fattore abilitante per una serie di servizi in grado di rivoluzionare la vita dei cittadini, consumatori e imprese, realizzando ambienti in cui tutto sarà più smart e connesso. Grazie a questa nuova tecnologia, TIM si pone l’ambizioso obiettivo di guidare lo sviluppo tecnologico del Paese
Nello stand Nokia, invece, saranno mostrate alcune applicazioni di “guida remotizzata”: modellini di auto che si muoveranno in maniera autonoma e indipendente all’interno di un circuito e che, grazie alle performance del 5G, rileveranno in tempo reale situazioni impreviste di pericolo, quali ostacoli e rallentamenti nel percorso, adottando gli opportuni accorgimenti”.
FUNIVIA. In vista del suggestivo riordino previsto per la serata di venerdì 12 nel centro storico di San Marino la funivia prolunga l’orario di apertura fino alle ore 1,30 di sabato 13 ottobre al fine di agevolare gli spostamenti dei tanti appassionati evitando così il crearsi di lunghi incolonnamenti.

Dario. Furlan




SECRET CONCERT venerdì 12 ottobre a Trieste l’edizione speciale per BARCOLANA 50

VignaPR e la Società Velica di Barcola e Grignano nell’ambito di “Barcolana50”

presentano

SECRET CONCERT, EDIZIONE SPECIALE A TRIESTE PER BARCOLANA 50

VENERDÌ 12 OTTOBRE IL CONCERTO SEGRETO, NON SI SA CHI SUONI E NON SI SA DOVE SUONI

 La forza della musica e la voglia di esplorare nuovi mondi artistici, culturali e sociali. Una location misteriosa, un artista segreto, posti limitati. Non si sa chi suoni e non si sa dove suoni.

Secret Concert di Mauro Ermanno Giovanardi alla Kleine Berlin – Barcolana2016 © Fabrizio Caperchi / PiquadroStudio

Secret Concert Barcolana 2017 (credit Simone Di Luca Photography)

Dopo il successo delle ultime due edizioni che hanno visto l’esibizione di Mauro Ermanno Giovanardi in un’ex rifugio anti aereo della seconda guerra mondiale (Kleine Berlin in via Fabio Severo) e di Lodo Guenzi de Lo Stato Social nella sala motori dell’Ursus, viene riproposto a Trieste il curioso evento conosciuto in tutta Europa con il nome di Secret Concert che si terrà domani sera, venerdì 12 ottobre, come appuntamento speciale del programma di Barcolana 50, la 50esima edizione della regata velica più affollata del mondo.

Il concerto segreto è stato lanciato solamente sui social network e in poche ore dall’annuncio ha già raggiunto il tutto esaurito, terminando tutti i posti disponibili.

I partecipanti riceveranno l’indirizzo del luogo del concerto poche ore prima dell’inizio tramite messaggio privato e scopriranno l’artista protagonista al momento dell’inizio del concerto. Tutte le info su www.facebook.com/secretconcert

Secret Concert di Mauro Ermanno Giovanardi alla Kleine Berlin – Barcolana2016 © Fabrizio Caperchi / PiquadroStudio

Il Secret Concert è un’idea di Luigi Vignando e Matteo Roman di VignaPR, due giovani professionisti che lavorano da anni nella musica, supportando il management di artisti italiani e internazionali (2Cellos, Peter Bence, Remo Anzovino, Glenn Miller Orchestra, The Leading Guy) e dell’organizzazione di concerti in Friuli Venezia Giulia, in Italia e in Europa (Alessandro Mannarino, Mnozil Brass e tanti altri).

VignaPR




ALLA CIVIDALE-CASTELMONTE MICHELE MANCIN TENTA L’ASSALTO AL TIVM

MANCIN, DA CIVIDALE, TENTA L’ASSALTO AL TIVM

Il pilota di Rivà, archiviata una stagione deludente nella massima serie tricolore, si rimette in caccia, da leader del Trofeo Italiano Velocità Montagna.

Rivà (Ro), 10 Ottobre 2018 – È un combattivo Michele Mancin quello che si appresta a tornare al volante, il prossimo weekend, in occasione dell’edizione numero quarantuno della Cronoscalata Cividale – Castelmonte.

Messa da parte ogni ambizione di tripletta tricolore, nell’ambito del Campionato Italiano Velocità Montagna, il pilota di Rivà, grazie alle molteplici concomitanze, si è ritrovato in testa alla classe A 1600 della seconda serie nazionale, per blasone, dedicata agli specialisti della velocità in salita: il Trofeo Italiano Velocità Montagna.

Nella zona riservata al nord Italia il portacolori di Mach 3 Sport, quando al termine mancano solamente tre round, si ritrova leader con sette lunghezze su Finestauri e diciassette su Parisi.

Una situazione, per certi versi inaspettata, che ha rivitalizzato Mancin, sin qui deluso da un CIVM sotto alle aspettative causa cronici problemi tecnici alla Citroen Saxo di gruppo A.

“L’epilogo nel CIVM era ormai scritto” – racconta Mancin – “probabilmente già prima dell’ultima trasferta a Pedavena ma, nel TIVM, la storia è ancora tutta da costruire. La concomitanza con tanti eventi della massima serie tricolore ha fatto si che, senza quasi rendersene conto, abbiamo raccolto un ottimo bottino di punti. Questo ci ha proiettato in testa al campionato, nella zona del nord Italia. In realtà avevamo già deciso di prendere il via a Cividale, gara che amo molto, ma con queste premesse il desiderio di salire in Friuli e fare bene è ancor più alto.”

Per presentarsi al meglio, nella difesa della leadership nella serie, Mancin e lo staff di Assoclub Motorsport ha lavorato duramente in questa sosta, cercando di risolvere tutte le problematiche che hanno pesantemente condizionato il cammino tricolore.

“Vista la pessima annata” – sottolinea Mancin – “e vista la rialzata posta in gioco abbiamo affrontato un rialzo a fondo della nostra Saxo. Con i ragazzi di Assoclub Motorsport la abbiamo ripassata, da cima a fondo. Un particolare ringraziamento lo voglio fare a Valentino Vettore, con il quale siamo riusciti a trovare le giuste regolazioni dell’assetto. Ora siamo molto fiduciosi.”

Tutte le carte sembrano essere in regola ed il polesano è chiamato ad una prestazione solida, nella speranza che la dea bendata decida di guardare altrove, per poi affrontare il successivo appuntamento, ad Orvieto, con un margine utile a chiudere la partita.

“Abbiamo bisogno di conquistare il TIVM” – conclude Mancin – “perchè ci permetterebbe di risollevare il morale di tutta la squadra. Abbiamo messo in piedi un mini programma, fatto di due uscite, delle quali la Cividale sarà la prima. Sperando che vada tutto per il meglio in Friuli ci trasferiremo poi ad Orvieto. L’obiettivo è di riuscire a vincere matematicamente, evitando l’ultima trasferta ad Alghero. Un passo alla volta, partiamo da questo weekend a Cividale, dove  incrociamo tutto il possibile, dita delle mani e dei piedi. Ce la metteremo tutta per farcela.”

Michele Mancin – Ufficio Stampa




Riccardo Errani e Elia Molon al Rallylegend (San Marino ) sulla Delta 16v gr A

Riccardo Errani torna a gareggiare alla ormai storica kermesse sammarinese; lo scorso anno per l’occasione si era ricomposto l’equipaggio Errani-Casadio, fra i più conosciuti del periodo 99/2010 per risultati e partecipazioni iridate.

Purtroppo un serio problema cardiaco – per fortuna risolto – terrà lontano Stefano Casadio dalla Delta 16v non consentendogli quindi di dettare le note a Riccardo Errani. Per l’occasione Errani avrà quest’anno al suo fianco Elia Molon, navigatore veneto di Schio con buona esperienza nei rally nazionali .

Dario Furlan




TABARELLI LASCIA IL SEGNO AL RALLY CITTÀ DI PISTOIA

Il portacolori di Pintarally Motorsport, nonostante il lungo periodo di forzata inattività, porta la sempreverde Mitsubishi Lancer Evo IX R4 al settimo posto assoluto.

 Nave San Rocco (Tn), 09 Ottobre 2018 – Rientro in grande stile, con lo smalto dei tempi migliori, per Daniele Tabarelli, il quale chiude il suo esordio al Rally Città di Pistoia con una settima posizione assoluta che ha il sapore di una vittoria.

Era oltre un anno che il pilota trentino non si calava nell’abitacolo della Mitsubishi Lancer Evo IX, in versione R4, che tante gioie ha saputo regalargli nel corso degli ultimi anni.

Un periodo di inattività lungo che, combinato alla difficoltà del contesto di gara ed all’indubbio gap tecnico con le vetture di ultima generazione, sembrava alzare l’asticella ad un livello difficilmente oltrepassabile.

Invece il portacolori di Pintarally Motorsport ha siglato un’altra prestazione spettacolare, chiudendo al settimo posto assoluto, primo in solitaria nella classe R4, regalando tanto spettacolo al numeroso pubblico presente a bordo strada.

Affiancato, per la prima volta, dal locale Simone Vellini il pilota della trazione integrale, curata da G. Car Sport, affrontava i primi chilometri cauto, per tornare ad oliare tutti i meccanismi.

La ripetizione delle speciali di “Sarripoli” e “San Baronto”, disputate alla luce delle fanalerie supplementari, vedeva Tabarelli attestarsi ai margini della top ten, con un passo accorto.

“Il Sabato è stato un po’ un laboratorio” – racconta Tabarelli – “perchè abbiamo utilizzato, per la prima volta, le nuove coperture della Pirelli, le Cinturato. Tra il fango della prima ed il diluvio della seconda non possiamo dire di aver avuto un avvio agevole. Nella ripetizione la prova di apertura era praticamente diventata sterrata. Abbiamo chiuso la giornata di Sabato undicesimi assoluti, molto soddisfatti del passo perchè sapevamo di avere molto margine da sfruttare.”

Si riparte la Domenica, in tarda mattinata, e sulla prova più lunga, quella di “Casore”, Tabarelli torna prepotentemente nei piani alti della classifica generale: sua la settima prestazione assoluta, preceduto e seguito unicamente da vetture di classe R5.

Con due prove speciali ancora da disputare il trentino, ritrovato il feeling con l’intramontabile Lancer, stacca il sesto tempo a “Montevettolini” e sulla ripetizione della lunga “Casore”, chiudendo sulla pedana di arrivo con una settima piazza assoluta che non può che essere considerata una vittoria, dato che il termine di paragone oggi sono le regine della R5.

“Dopo aver ripreso le misure e tolto un po’ di ruggine” – aggiunge Tabarelli – “abbiamo iniziato a spingere ed il cronometro ci dava ampiamente ragione. Abbiamo migliorato notevolmente, dal primo al secondo passaggio della Domenica, nonostante le condizioni fossero molto insidiose, per via dell’umido. Per essere stata la prima volta in questa gara, che era a coefficiente 1,5, in mezzo a tanti locali, tutti con il coltello tra i denti, non possiamo che essere felici e soddisfatti. Abbiamo dato tanto spettacolo e ricevere i complimenti da tanti appassionati ci ha gratificato molto. Grazie di cuore a G. Car Sport per l’ottimo lavoro svolto e a Pintarally Motorsport, sempre presente. Un grazie di cuore a Simone, il quale si è comportato egregiamente alla nostra prima uscita in gara. Emozioni fortissime quelle vissute, rimarranno sempre con me.”

Daniele Tabarelli – Ufficio Stampa




Ai nastri di partenza la 41^ Cividale-Castelmonte, si inizia il 12 ottobre con le verifiche tecniche e sportive, il 14 la gara..

Si rinnova anche quest’anno  l’appuntamento con la Cividale – Castelmonte, gara automobilistica internazionale di velocità in salita organizzata dalla Scuderia Red White.

Sabato e domenica la 41^ edizione della cronoscalata che si disputerà lungo la salita che da Cividale del Friuli porta al Santuario di Castelmonte.

Nel pomeriggio di venerdì 12 ottobre le verifiche tecniche e sportive mentre le prove ufficiali e la gara avranno luogo rispettivamente sabato 13 e domenica 14 ottobre con partenza alle ore 9:30.

Tutto è pronto per la 41^ Cividale -Castelmonte, la storica cronoscalata che domenica 14 ottobre porterà i concorrenti dalla città ducale fino al santuario mariano lungo un percorso oramai collaudato e ricco di fascino.

Anche quest’anno le iscrizioni sono giunte numerose dall’Italia e dalle confinanti Austria e Slovenia (ma anche da Ungheria, Germania e Repubblica Ceca) a riprova che la cronoscalata cividalese gode di un notevole appeal e che il suo tracciato rimane nel cuore dei piloti che vi hanno partecipato e che volentieri ritornano per disputare questa classica autunnale.

Sono ben 128 i piloti che fin’ora si sono iscritti con vetture moderne e 73 quelli alla guida di vetture della categoria storiche che daranno spettacolo sul tortuoso tracciato friulano. Moltissimi, come dicevamo, i concorrenti stranieri, dall’Austria soprattutto in quanto la gara è valida, oltre che per il Trofeo Italiano Velocità Montagna, per il Campionato Austriaco e per il CEZ European Trophy.

Federico Liber

Il pronostico vede fra i favoriti per la vittoria Federico Liber, su Gloria C8P EVO, che potrebbe ripetere i successi degli anni passati favorito dal rapporto peso potenza della sua agile monoposto che gli consente di ottenere sempre risultati di rilievo sugli stretti tornanti del tracciato friulano.  Non vorrà essere da meno fra le vetture storiche il cividalese Rino Muradore, già vincitore lo scorso anno sul tracciato di casa e sempre pronto a tenere giù il piede e regalare emozioni al suo passaggio, che potrebbe ripetersi anche quest’anno e conquistare il gradino più altro del podio fra le vetture “old style”.

Rino Muradore

Gianni Marchiol

Moltissimi ovviamente i locali che affronteranno il tracciato di casa, fra i tanti si attende anche la prova di Gianni Di Fant, sempre veloce con la bellissima Lamborghini Huracan. che sicuramente staccherà dei bei “temponi” sull’impegnativo tracciato cividalese. Sarà lotta fra gli amici/rivali Claudio De Cecco, al via con la inedita e potentissima Hyundai i30 N TCR e Giorgio Venica, al rientro nelle competizioni stradali con la Hyundai i20 NG. Una menzione particolare la merita senz’altro Gianni Marchiol, probabilmente al via per l’ultima volta alla Cividale-Castelmonte per raggiunti limiti di età: Forza Gianni!

Non sarà della partita invece Pietro Corredig, il campione valligiano sarà infatti impegnato in Ungheria nel concomitante Mecsek Rallye – coadiuvato dalla compagna di vita e di abitacolo Sonia Borghese (anch’essa spesso al via delle cronoscalate regionali) – dove lotterà per consolidare il podio nel Campionato Europeo.

Pietro Corredig

La componente meteo infine non dovrebbe influire negativamente in quanto le previsioni sono favorevoli e predicono un fine settimana all’insegna del bel tempo, a tutto vantaggio dei piloti ma soprattutto del pubblico che potrà godersi lo spettacolo dei professionisti del volante.

Edo Muner

Ulteriori informazioni possono essere reperite sul sito della Scuderia Red White, organizzatrice dell’evento, al link  http://www.scuderiaredwhite.com/ 

Notizia e foto: Dario Furlan