SRACING PORTA AL DEBUTTO IL GIOVANE RABAGLIA

Al via il Campionato Regionale MX Emilia Romagna 2019, Domenica prossima sul tracciato di Savignano sul Panaro, con la prima uscita ufficiale di Christian.

Tizzano Val Parma (Pr) – Apre finalmente il sipario sulla stagione agonistica 2019 di SRacing, la quale si prepara ad allargare i propri orizzonti, alternandosi tra le quattro e le due ruote.

Saranno proprio queste ultime, in versione tassellata, ad essere protagoniste della prima uscita ufficiale della scuderia con base a Tizzano Val Parma.

Una scelta, quella di ampliare la propria attività sportiva, fortemente voluta dal presidente del sodalizio parmense, Simone Rabaglia.

“La nostra realtà ha avuto, sin dalle sue origini, il mondo dei rally come cuore pulsante” – racconta Rabaglia (presidente SRacing) – “ma abbiamo deciso di guardare oltre e, combinando alcuni fattori, è nata la possibilità di avvicinarsi al mondo del motocross. Così abbiamo deciso di affrontare questa nuova ed entusiasmante sfida che inizierà per SRacing da Domenica.”

Occhi quindi puntati per il debutto ufficiale del giovane Christian Rabaglia, il quale si presenterà al cancelletto di partenza Domenica prossima, sul tracciato di Savignano sul Panaro, per il primo atto del Campionato Regionale MX Emilia Romagna 2019.

Il calendario della serie prevede altri cinque appuntamenti: Rivarolo (31 Marzo), Campogalliano (28 Aprile), Castelvetro (2 Giugno), Viadana (16 Giugno) e Miscoso (21 Luglio).

Il tredicenne portacolori di SRacing, in sella ad una Husqvarna, si getterà nella mischia della classe Minicross Promo, la quale prevede moto di cilindrata pari ad ottantacinque centrimetri cubici.

“Partiamo con Christian per affrontare tutto il campionato” – sottolinea Rabaglia – “e siamo consapevoli di essere degli esordienti. Abbiamo partecipato a Bazzano, ad inizio Agosto dello scorso anno, ad un evento senza alcuna validità ed il passo dimostrato da Christian, in sella ad una Kawasaki decisamente datata, unita all’entusiasmo che ci ha dimostrato ci ha spinto ad alzare l’asticella. Grazie ai preziosi consigli del suo allenatore Massimo e del Motocross Team Palù siamo pronti ad iniziare quest’avventura. A tredici anni impegnarsi in un’attività sportiva di questo tipo è importante per i giovani, imparano tanti valori fondamentali nella loro crescita personale. Capire che per arrivare ad ottenere risultati ci vuole tanto sacrificio ed imparare a lavorare in squadra sono valori che solo lo sport è in grado di imprimere, divertendosi.”

L’evento di Savignano sul Panaro si articolerà nell’unica giornata di Domenica 17 Marzo: nella mattinata si terrà la sessione di qualifiche mentre le gare si svilupperanno nel pomeriggio.

“È per noi una grossa soddisfazione portare al debutto Christian” – conclude Rabaglia – “e gli auguriamo, con tutto il cuore, di poter raggiungere i propri obiettivi. Noi saremo sempre al suo fianco. Non è da escludere che la squadra si allarghi nel futuro, il fratellino minore è in attesa.”

SRacing – Ufficio Stampa




PATAVIUM RACING ALL’OMBRA DELLE PIRAMIDI A TORRI DI QUARTESOLO

Il sodalizio di Montegrotto Terme è stato protagonista, nel centro commerciale vicentino, esponendo le proprie vetture e presentando i primi programmi stagionali.

Montegrotto Terme (Pd), 12 Marzo 2019 – Il weekend appena trascorso ha visto Patavium Racing fare tappa al centro commerciale Le Piramidi, a Torri di Quartesolo, per un evento organizzato in coabitazione con la Scuderia Palladio.

L’esposizione statica, all’interno della struttura vicentina, ha dato modo al sodalizio di Montegrotto Terme di sensibilizzare il pubblico presente all’automobilismo sportivo, cercando di trasmettere quella passione, sana e vera, che fa battere il cuore al ritmo dei motori, primo fra tutti il patron Stefano Primoli.

“Abbiamo accolto con immenso piacere l’opportunità proposta dalla Scuderia Palladio” – racconta Primoli – “ed abbiamo deciso di accettare, da subito, di instaurare questa collaborazione che ci ha permesso di esporre le nostre vetture presso il centro commerciale Le Piramidi, a Torri di Quartesolo. È stata la giusta occasione per dare risalto ai nostri partners promozionali, elementi fondamentali per continuare a dare linfa vitale alla nostra passione. Al tempo stesso abbiamo cercato di trasmettere tutta la nostra passione, cercando di condividerla anche con chi non conosce nulla del nostro mondo. Un’esperienza molto positiva, nella quale crediamo tanto, perchè è anche attraverso eventi come questo che possiamo divulgare la nostra attività sportiva e promozionale, gratificando chi ci sostiene di anno in anno.”

L’appuntamento presso il centro commerciale Le Piramidi, dove le regine a quattro ruote han fatto bella mostra di sé, ha visto alzarsi, seppur parzialmente, il sipario sui programmi stagionali 2019 che vedranno protagonista Patavium Racing.

Occhi puntati su Renzo Rampazzo, al via con la consueta Renault Clio R3, il quale punterà nuovamente all’assalto del trofeo di zona della casa francese, nel tentativo di riscattare lo sfortunato epilogo della scorsa annata.

Per il presidente della scuderia patavina, Stefano Primoli, il nuovo anno sarà concentrato su alcune apparizioni spot, alla guida della splendida Renault Clio Maxi Kit Car, in livrea ex ufficiale.

“Siamo principalmente legati al mondo dei rally” – sottolinea Primoli – “e, come da tradizione, anche il 2019 vedrà Patavium Racing principalmente orientata in quella direzione sportiva. Tra le nostre fila avremo nuovamente il buon Renzo Rampazzo, il quale cercherà di riscattare il sfortunato finale del 2018 e punterà nuovamente al trofeo indetto dalla Renault. Dal canto nostro ci limiteremo a qualche uscita occasionale, con la nostra Clio Maxi. Intanto ci siamo divertiti a sfidarci con i simulatori virtuali, messi a disposizione anche del pubblico. Un particolare ringraziamento al centro commerciale Le Piramidi, per la disponibilità dei propri locali, ed alla Scuderia Palladio, con la quale abbiamo collaborato alla buona uscita di questa manifestazione. La stagione 2019 è alle porte, non manca molto prima di accendere i motori.”

Ufficio Stampa: Fabrizio Handel

immagini dell’evento a cura di Patavium Racing




A Buonconvento (Siena) torna il “Festival di Nova Eroica” Dal 26 al 28 aprile 2019

Dal 26 al 28 aprile 2019 Buonconvento, uno dei comuni più belli della provincia di Siena, torna ad ospitare il “Festival di Nova Eroica”, appuntamento che offre la possibilità di scoprire un territorio unico attraverso lo sport, la musica e l’enogastronomia.

Mercati, street food con prodotti tipici, spettacoli e ancora musei aperti, passeggiate nella natura e itinerari in bici: il centro storico del paese diventa palcoscenico per una tre giorni che racconta la qualità della vita.

 

Voluto e organizzato dalla Pro Loco di Buonconvento, Il festival ospita la “Nova Eroica”, format ciclistico firmato Eroica che permette a tutti i tipi di bici (da quelle vintage a quelle al carbonio o quelle in alluminio) di percorrere un tratto dello storico tragitto che si snoda tra le strade bianche di una delle terre più belle del mondo.

Race, Ride, Relax è l’invito di questa edizione: a Nova Eroica infatti, si corre per vincere (Race), in un territorio magnifico (Ride) godendo dell’enorme patrimonio di bellezza e gusto che caratterizza il mondo Eroica (Relax).

Tra le novità sabato 27 riservate ai ciclisti, la corsa per i giovanissimi e Nova Eroica Family, l’evento a pedali studiato per le famiglie.

Ma la tre giorni sarà occasione di festa non solo per chi ama i pedali: il “Festival di Nova Eroica” infatti proporrà tanti appuntamenti per grandi e piccini, a partire dal “Mercato nel borgo”, un curioso viaggio alla scoperta di piccoli produttori ed artigiani che nel caratteristico centro storico toscano (via Soccini e via Roma), racconteranno l’eccellenza dei prodotti toscani e italiani.

Piazza Matteotti si trasformerà invece in un vero e proprio paradiso dei golosi con il “Ristorante di Strada” ideato dai ristoratori di Buonconvento che proporranno le loro specialità a pranzo e cena mentre i bar del paese offriranno i loro aperitivi accompagnati da musica.

 

Il programma sarà scandito da numerosi momenti di intrattenimento e divertimento come gli amatissimi cooking show (sabato e domenica pomeriggio) in teatro o gli incontri con i grandi protagonisti dello sport.

Inoltre nei giorni del Festival sarà possibile visitare anche il Museo d’Arte Sacra della Val d’Arbia, allestito all’interno del meraviglioso palazzo liberty Ricci Soccini e al Museo della Mezzadria Senese, ospitato nei suggestivi spazi seicenteschi di un antico granaio padronale, che raccontano la storia di questo angolo di Toscana.

 

Il “Festival di Nova Eroica” è un progetto della Pro Loco di Buonconvento. Le informazioni e il programma completo sono disponibili sul sito www.prolocobuonconvento.com




CAMPIONATO ACI SPORT FVG: LA PRESENTAZIONE DELLA 37^ EDIZIONE E LE IMMAGINI DELLE PREMIAZIONI 2018

Nello splendido scenario di Villa de Claricini Dornpacher di Bottenicco (Moimacco – UD) si sono tenute domenica 3 marzo le premiazioni del Campionato ACI Sport Friuli Venezia Giulia 2018 e la presentazione dellla 37^ edizione del Campionato.  La manifestazione, organizzata da ACI Sport e curata dal neo fiduciario regionale – nonché copilota – Sonia Borghese, ha visto ben 56 premiati fra scuderie, piloti e navigatori delle varie discipline motoristiche.

Un occasione per parlare di sport e mettere insieme tanti bei nomi dell’automobilismo attuale, ma anche del passato, alla quale non hanno voluto mancare la Presidente degli Automobile Club regionali Cristina Pagliara per la Delegazione regionale FVG di Aci Sport, l’assessore regionale alla Cultura e Sport Tiziana Gibelli in rappresentanza della Giunta Regionale, l’onorevole Roberto Novelli e ospiti di riguardo come Alessandro Talotti – campione olimpionico di salto in alto – e  Gian Carlo Minardi, il noto costruttore faentino di vetture di Formula 1 oltre che scopritore di molti talenti del mondo automobilistico.

Cristina Pagliara – Delegazione regionale FVG di Aci sport

Tiziana Gibelli (in rappresentanza della Giunta Regionale)

Gian Carlo Minardi

Sonia Borghese

Alessandro Talotti

Ariella Mannucci, moglie del noto navigatore Mario Mannucci, ha accettato di buon grado l’invito alla manifestazione ricordando alcuni aneddoti della carriera sportiva del compianto marito.

Una platea attenta e pronta ad applaudire i premiati ha affollalto il Salon de Foladure della Villa, dopo gli onori di casa di Enrico Basaldella (sindaco di Moimacco)  si è passati alla presentazione degli ospiti e alla spiegazione delle modalità di assegnazione dei punteggi del Campionato che – lo ricordiamo – è rivolto a tutti i licenziati sportivi della regione che possono acquisire punteggi con la partecipazione a gare svolte in qualsiasi parte del mondo. Vari gli interventi degli ospiti, l’assessore Gibelli ha ribadito l’importanza dielle manifestazioni motoristiche e il ritorno economico che le stesse generano sul territorio mentre Alessandro Talotti ha ricordato quanto sia rilevante seguire i giovani nelle discipline sportive che più li appassionano; tutti gli occhi erano però puntati su Gian Carlo Minardi che non si è sotratto all’intervista di rito richiamando alla mente, in particolare, il legame che lo univa con Ayrton Senna e con il padre, ospiti spesso nel motorhome Minardi e rammaricandosi della prematura scomparsa del pilota brasiliano che aveva promesso di voler terminare la sua carriera proprio in Minardi, desiderio mai realizzato causa quel maledetto primo maggio 1994 che lo strappò allla vita nel tragico incidente di Imola.

Il sindaco di Moimacco Enrico Basaldella

Di seguito le immagini di alcuni dei premiati che hanno primeggiato nel 2018:

Denis Piceno si è aggiudicato il 1° posto assoluto del campionato automobilistico del FVG, ha premiato l’assessore regionale alla Cultura e Sport Tiziana Gibelli

Al secondo posto fra i navigatori Sonia Borghese che ha conquistato anche la vittoria nel femminile

Andrea Prizzon terzo classificato fra i navigatori

Rino Muradore della Scuderia Red White (velocità in salita e rally), secondo assoluto premiato da Gian Carlo Minardi e Sergio Paroni di Civibank (sponsor della manifestazione)

Il secondo gradino del podio velocità rally auto storiche è stato conquistato da Pietro Corredig (scuderia ACU Friuli) premiato da Elia Miani

Terzo assoluto il pilota Denis Molinari (scuderia ACU Friuli), specialità conduttori velocità e conduttori rally auto moderne, premiato da Gian Carlo Minardi

Michele Buiatti ( Scuderia Friuli 1956) si è aggiudicato la vittoria nella specialità conduttori rally

Giorgio Croce ritira il premio per il primo posto ottenuto dalla Scuderia Friuli ACU

Claudio Vigna

Luca Mitri

Fabrizio Martinis

Foto ricordo di alcuni dei premiati

Un rinfresco finale ha suggellato questa manifestazione che ha avuto il pregio di distribuire dei riconoscimenti a chi, spesso con tanta fatica e scarifico, porta avanti una passione sicuramente non economica ma molto gratificante per chi la pratica (gratificante anche per gli appassionati che seguono l’automobilismo da bordo strada, ndr), riconoscimenti che non cambieranno certo la vita dei premiati ma che danno comunque un iniezione di fiducia nel proseguire ulteriormente l’attività sportiva automobilistica con rinnovato entusiasmo.

Servizio e foto: Dario Furlan

 




Bottino di medaglie al Trofeo Primavera del Centro Nuoto Le Bandie di Spresiano per la squadra degliEsordienti B della Gymnasium Friulovest Banca

Gli esordienti B della Gymnasium al Trofeo Primavera
concluso il collegiale a Sappada

Bottino di medaglie al Trofeo Primavera del Centro Nuoto Le Bandie di Spresiano per la squadra degliEsordienti B della Gymnasium Friulovest Banca, guidata da Marco Sacilotto.

Esordienti

Vittoria dell’australiana (staffetta a eliminazione) per Elena Savian e oro per Stella Rigo nei 50 dorso. Argento per Elena Savian e Stella Rigo nei 50 stile. Bronzo per Ginevra Zambon nei 50 stile e per la staffetta 4×50 mista femminile con Giulia Floreani, Irene Mestroni, Agapi Apostu, Alessandra Virginia, Elena Savian.
Nel frattempo si è concluso a Sappada il collegiale dei gruppi sportivi Gymnasium Friulovest Banca. Una settimana di sport a 360° (nuoto, palestra, sci) altamente socializzante, seguiti da istruttori e istruttrici super: Donatello, Manuel, Marco, Debora, Alice, Marica, Chicca, Silvia, Claudio, Debora Luca, Daniele.




Derby di Lega Pro: Triestina-Pordenone 1-2 con i neroverdi che vedono la B

Big match nella 30a giornata della Leg Pro al Rocco di Trieste, con il super derby fra Triestina e Pordenone, rispettivamente seconda e prima del girone B. Differenza di 7 punti al fischio di inizio fra le regionali che puntano ad una storica doppia promozione in B, con la prima classificata promossa direttamente e la seconda che dovrà passare per i carnaio dei playoff per conquistare uno dei due ulteriori posti a disposizione.

Quasi 8.000 spettatori, una bella cornice per una partita che riaccende finalmente i riflettori su due belle realtà regionali.

Pronti via e al 3’ vantaggio del Pordenone: palla filtrante per Candellone che appena entrato in area trafigge il portiere alabarda Offredi con un diagonale perfetto. Al 7’ Pordenone ancora pericoloso con Gavazzi con palla alta sopra la traversa. Due minuti più tardi primo tentativo casalingo con Coletti che di testa non trova la porta. Poche emozioni nella fase centrale del match con la Triestina che ci prova ma il Pordenone tiene bene il campo. Al 40’ tentativo neroverdi con Magnani, para facile Offredi. Al 45’ rigore per gli ospiti: sul dischetto va Burrai che tira alla sinistra superando Offredi per il raddoppio ospite. Ultima occasione in pieno recupero con un colpo di testa di Malomo per la Triestina che però non trova la porta, prima di un dubbio in area neroverde con l’arbitro Ayroldi che non concede il rigore ai padroni di casa.

Rigore alabarda che arriva nella ripresa, al 50’. Ci prova Granoche che cerca lo stesso angolino di Burrai, ma Bindi devia la palla in corner e salva i suoi. Grande occasione sprecata per la Triestina. Due minuti più tardi Maracchi da centro area, sempre per gli alabardati, palla in curva Furlan, cuore del tifo triestino. A metà tempo un pericolo per parte, prima Steffe per i padroni poi il Pordenone che va vicino al terzo gol ma Offredi evita la capitolazione. Triestina ancora pericolosa, ma Bindi si rifugia in corner.  Padroni di casa che non dermordono e accorciano le distanze al 75’ con Costantino, entrato nella ripresa, con un pregevole tiro al volo. Al 95’ ultimo tentativo dei giuliani con Hidalgo ma Bindi si supera mantenendo il vantaggio del Pordenone che porta a casa 3 punti che fanno aumentare il vantaggio a 10 lunghezze nei confronti di una Triestina che mantiene il secondo posto in classifica grazie alla sconfitta della FederalpiSalò.

Bella gara con le giuste emozioni che ha premiato i neroverdi che devono difendere questo importante vantaggio nelle ultime 8 gare della stagione regolare. Per la Triestina resta il rammarico per non aver raggiunto il pareggio nel finale in una gara che però doveva vincere per provare ad avere ancora speranze per raggiungere il primo posto. Speranze che ora si riducono al lumicino ma si mantengono, quelle si concrete, di riuscire a vedere due realtà regionali nella serie cadetta.

Dall’inviato Rudi Buset

rudibuset@live.it

@RIPRODUZIONE RISERVATA




JULIAN ALAPHILIPPE VINCE LA STRADE BIANCHE, ANNEMIEK VAN VLEUTEN SI AGGIUDICA LA STRADE BIANCHE WOMEN ELITE- UNO SPETTACOLO LA GRAN FONDO

Il francese si aggiudica la “Classica del Nord più a Sud d’Europa”

Wout Van Aert ancora sul podio delle Strade Bianche, terzo dietro a Jakob Fuglsang. Annemiek van Vleuten vince la sua prima Strade Bianche Women Elite, Langvad e Niewiadoma seconda e terza.

Siena, 9 marzo 2019 – Il francese Julian Alaphilippe (Deceuninck – Quick-Step) ha vinto la tredicesima edizione della Strade Bianche NamedSport, corsa del calendario UCI WorldTour, da Siena (Fortezza Medicea) a Siena (Piazza del Campo) di 184 km. Primo sul traguardo, nella storica piazza ha preceduto Jakob Fuglsang (Astana Pro Team) e Wout Van Aert (Team Jumbo – Visma).

RISULTATO FINALE
1 – Julian Alaphilippe (Deceuninck – Quick-Step) 184 km in 4h47’14”, media 38,435 km/h
2 – Jakob Fuglsang (Astana Pro Team) a 2″
3 – Wout Van Aert (Team Jumbo – Visma) a 27″


DICHIARAZIONI
Il vincitore della Strade Bianche, Julian Alaphilippe, ha dichiarato in conferenza stampa: ” Le Strade Bianche erano il mio primo grande obiettivo della stagione. Ho iniziato abbastanza bene in Sud America ma volevo vincere qui. Ero molto motivato con una squadra forte. Non è stato facile essere il favorito di una gara a cui non ho mai preso parte ma ora sono abbastanza abituato alla pressione e gestisco bene situazioni simili. Ho avuto gambe pesanti nel finale e Jakob Fuglsang era più fresco di me. Dovevo arrivare con lui in cima a Via Santa Caterina. Sono super felice di come ho corso. La mia stagione ciclistica non deve essere corsa solo in funzione della Freccia Vallone e del Tour de France. Avevo bisogno di qualcosa di nuovo per motivarmi e quella motivazione è stata la Strade Bianche“.Il secondo classificato della Strade Bianche, Jakob Fuglsang, ha detto: “ Sono felice di essere sul podio di una gara così bella ma oggi mi sentivo molto forte e volevo vincere. Ho corso bene ma ho perso, è una sensazione agrodolce. Stavo pensando a come battere Julian Alaphilippe, non mi ha dato molti cambi e sapevo che dovevo o cercare di sorprenderlo o di staccarlo nell’ultima parte della salita finale. Ho provato un paio di volte ma non ha funzionato”.

Il terzo classificato, Wout Van Aert, ha dichiarato: “ La sofferenza è stata la stessa dello scorso anno quando ho fatto questa gara per la prima volta. Nell’ultima mezz’ora di corsa ero dolorante. Mi sono staccato da Julian [Alaphilippe] e Jakob [Fuglsang] solo nella penultima sezione. Da quel momento in poi, è stata una lunga via crucis… Sono felice di aver resistito e di essere di nuovo sul podio. Il terzo posto è stato sicuramente il miglior risultato possibile per me oggi. Quando li ho raggiunti ero già al limite e tutto quello che avevo in mente era di tenere il passo per non perdere il terzo posto. Non pensavo certo di vincere… Tornerò sicuramente con questo obiettivo. Questo è il mio secondo podio in due partecipazioni. Questa è una gara in cui sei ripagato se osi attaccare. Questo è quello che ho fatto per la seconda volta di seguito. Sono contento del podio ma voglio il primo posto in futuro”.

ANNEMIEK VAN VLEUTEN HA VINTO LA STRADE BIANCHE WOMEN ELITE

L’olandese ha vinto la prima prova stagionale del UCI Women’s WorldTour


Annemiek van Vleuten
, vincitrice della Strade Bianche Women Elite, ha dichiarato in conferenza stampa: “ Questa vittoria alle Strade Bianche è nella top 5 di tutte le gare che ho vinto nella mia carriera. Il finale a Siena è bellissimo. Mi piace correre in Italia ma è davvero speciale vincere in Piazza del Campo alla fine di una corsa frenetica e molto dura. Dopo il mio incidente l’anno scorso, ho pensato che sarebbe stato difficile tornare al livello che avevo e di solito faccio fatica a rimettermi in forma in primavera. Non dovevo correre ne Het Nieuwsblad ne Strade Bianche, queste due gare sono state aggiunte al mio calendario dopo che mi sono resa conto di essere ad un livello più alto di quanto pensassi. Sono molto contenta di questa vittoria. Mi dà sicurezza. Le classiche delle Ardenne sono il mio prossimo grande obiettivo, seguite dal Giro Rosa”.

La seconda classificata  Annika Langvad ha detto: “ Sono sotto shock! Questa è la mia prima gara a questo livello se si esclude il Campionato del Mondo dello scorso anno. Non posso crederci. È pazzesco. È stata una gara veramente dura. Sul quarto tratto di strada bianca mi sono chiesta come avrei fatto a finire… Ho poca esperienza qui. Ho iniziato a provare a correre più intelligentemente e salvare la gamba. Alla fine, le mie compagne di squadra hanno semplicemente lavorato da eroine. Si sono sacrificate per me. Sentivo una responsabilità molto grande sulle mie spalle, è la mia prima gara su strada con la squadra. Sull’ultima salita, accanto a Katia [Niewadoma], ho pensato a tutto il lavoro che le mie compagne di squadra avevano fatto per mettermi in quella posizione, quindi ho dato tutto e sono davvero felice!”.

Giunta terza, Katarzyna Niewiadoma ha dichiarato: “ Sono felice da un lato ed un po’ delusa dall’altro di essere di nuovo sul podio alle Strade Bianche. Sono felice perché so che ho dato tutto. Sono delusa perché non ho vinto. Ma Annemiek [van Vleuten] era davvero forte e lei è una vincitrice meritatissima. Non mi ha sorpresa quando ha attaccato. Gli ultimi 25 km sono stati brutali. C’erano attacchi in continuazione. La sua mossa è stata sicuramente la più determinata. Stavo andando a tutta, non sono riuscita ad andarle dietro”.

LO SPETTACOLO DEI 5.000 TRA LE CRETE SENESI
Prossimo appuntamento la Gran Fondo Il Lombardia

Siena, 10 marzo 2019 – Puntuali, alle 8.30 nella splendida cornice della Fortezza Medicea, i 5.000 protagonisti della Gran Fondo Strade Bianche, sono partiti in una giornata ideale per il ciclismo.

Al via numerosi volti noti: in rappresentanza del Team Sky i corridori Gianni Moscon e Leonardo Basso, il Team Principal Dave Brailsford ed il Direttore Sportivo Dario David Cioni; gli ex corridori Filippo Pozzato, Paolo Bettini, Luca Paolini, Andrea Tafi, Johan Museuuw e Massimiliano Lelli; Ignazio Moser, l’Amministratore Delegato di Pinarello, Fausto Pinarello, il CT della Nazionale Italiana di Ciclismo Davide Cassani, il Direttore di Corsa delle Strade Bianche Stefano Allocchio e l’Amministratore Delegato di RCS Sport Paolo Bellino.

La delegazione del Team Sky al via

La gara, per quanto giovane, di anno in anno vede crescere il suo prestigio nel panorama amatoriale italiano e internazionale. Lo dimostra il numero di iscritti provenienti dall’estero, quasi 1000. Ben 43 le nazioni rappresentate: oltre all’Italia molti gli europei ed atleti da tutto il mondo, con la curiosità Iran. La regione italiana più rappresentata è invece la Lombardia.


I vincitori
Sul traguardo di Piazza del Campo si è imposto Federico Pozzetto (3h48’23” il suo tempo), che ha preceduto Roberto Cesaro a 1″ e Carlo Muraro a 17″.

La prova femminile ha visto la vittoria di Simona Parente (4h01’30”), che ha preceduto Claudia Gentili a 10’32” e Debora Morri a 15’26”.

Da sinistra: Ignazio Moser, Paolo Bettini, Filippo Pozzato e Luca Paolini

Prossimo appuntamento: Gran Fondo Il Lombardia
La Gran Fondo Strade Bianche ha inaugurato la stagione 2019 degli appuntamenti amatoriali proposti da RCS Sport/RCS Active Team che proseguirà con la Gran Fondo Il Lombardia, domenica 13 ottobre, il giorno seguente alla gara dei professionisti di sabato 12.

La novità sarà il luogo di partenza ed arrivo della prova: Cantù. Il percorso, che verrà svelato prossimamente nei dettagli, prevederà comunque le salite “monumento” di Sormano e Ghisallo.

La filosofia è quella che ha guidato gli organizzatori fino a oggi: abbinare il tifo e la passione amatoriale, permettendo agli appassionati di misurarsi, poche ore dopo i big, sulle stesse strade dei professionisti.

FOTO CREDIT: LaPresse
Press Ciclismo RCS Sport



Udinese va a Torino con tanta paura e subisce 4 reti dalla Juventus

Ma presentarsi al tempio del calcio di Torino così impaurita a cosa serve?  Un Udinese rinunciataria e senza dignità si è  fatta declassare dalla prima della classe la “madama” Juventus. Va bene essere in trasferta  con la prima del campionato ma mostrarsi così titubante è patetico. Dov’è finita la squadra friulana che vendeva cara la pelle nelle trasferte di Milano e Torino?  Dove sono finiti gli epici incontri di calcio tra Udinese e concorrenti più blasonati?  Rivogliamo allenatori come Guidolin o Zaccheroni che certo non si recavano nelle fosse dei leoni così remissivi. Almeno una parvenza di squadra ci vuole altrimenti a cosa serve rimanere nella serie A?  Cmq passando alla cronaca solita Juventus che anche schierando le riserve e forse una formazione all’altezza dell’avversario distrugge letteralmente le zebrette friulane che sin dal primo momento appaiono impaurite e disorientare. L’Udinese subisce il gioco dei padroni di casa e incassa un poker micidiale con l’unica consolazione del ritorno al goal di Lasagna….per il resto solo disperazione.

L TABELLINO

JUVENTUS-UDINESE 4-1
Juventus (3-5-2):
 Szczesny ; Caceres ,Barzagli (25′ Bonucci ), Rugani ,Spinazzola , Bentancur , Emre Can ,Matuidi (27′ st Dybala 6), Alex Sandro, Bernardeschi, Kean (35′ st Nicolussi ). A disp.: Perin, Pinsoglio, Mandzukic, Ronaldo, Kastanos, Caviglia, Mavididi. All.: Allegri .
Udinese (3-5-2): Musso ; De Maio, Ekong , Nuytinck (25′ Opoku ); Ter Avest  (16′ st Sandro ), Larsen , Wilmot  (1′ st Lasagna), Fofana, Zeegelaar; De Paul, Pussetto . A disp.: Nicolas, Perisan, Okaka, Ingelsson, Lasagna, Micin, Bocic. All.: Nicola.
Arbitro: Chiffi
Marcatori: 11′ Kean (J), 39′ Kean (J), 22′ st rig. Emre Can (J), 26′ st Matuidi (J), 40′ st Lasagna (U)
Ammoniti: Larsen, Pussetto, Opoku (U)
Espulsi: nessuno

 

La redazione sportiva.

 




Una Tirreno-Adriatico per tutti i gusti

Annunciati gli iscritti alla 54a edizione della Corsa dei Due Mari: tra di essi alcuni dei più grandi nomi del ciclismo mondiale, come Thomas, Nibali, Dumoulin, Pinot, Roglic, Landa e Adam Yates come tradizionalli uomini di classifica, con Sagan, Van Avermaet, Alaphilippe, Wellens, Benoot e Dennis a caccia di tappe e non solo. Viviani, Gaviria, Nizzolo e Bouhanni per le volate. E molti altri.

Milano, 7 marzo 2019 – Sono stati annunciati oggi gli iscritti alla Tirreno-Adriatico NamedSport, in programma dal 13 al 19 marzo e organizzata da RCS Sport / La Gazzetta dello Sport.

Il percorso leggermente diverso da quelli degli ultimi anni torna verso le Tirreno-Adriatico costellate di muri. I muri sono presenti lungo tutto il percorso con pendenze a volte anche oltre il 18%. Questo fa sì che la battaglia per la Generale sarà aperta non solo ai più tradizionali uomini di classifica, ma anche a corridori con diverse caratteristiche. Restano invariate la Cronosquadre di apertura e la Individuale di chiusura, oltre a due tappe dedicate ai velocisti.

Giunta alla 54esima edizione, alla Corsa dei Due Mari parteciperanno 161 corridori in rappresentanza di 23 squadre. Al via ci saranno moltissimi tra i più grandi nomi del ciclismo mondiale tra cui il vincitore del Tour de France Geraint Thomas, Vincenzo Nibali, Tom Dumoulin, Thibaut Pinot, Primoz Roglic, Mikel Landa e Adam Yates. La lista dei cacciatori di tappe, infatti, è di primissimo livello, a cominciare da Peter Sagan, Greg Van Avermaet, Julian Alaphilippe, Tim Wellens, Tiesj Benoot e Rohan Dennis (quest’ultimo per le cronometro), oltre ai velocisti Elia Viviani, Fernando Gaviria, Giacomo Nizzolo e Nacer Bouhanni.

DOWNLOAD

UCI WORLDTEAMS18 (aventi diritto) – totale 23 squadre di 7 corridori ciascuna

  • TEAM SKY (GBR) – Thomas, Moscon
  • AG2R LA MONDIALE (FRA) – Denz, Dillier
  • ASTANA PRO TEAM (KAZ) – Fuglsang, Lutsenko
  • BAHRAIN – MERIDA (BRN) – Nibali, Dennis
  • BORA – HANSGROHE (GER) – Sagan, Majka
  • CCC TEAM (POL) – Van Avermaet, Bevin
  • DECEUNINCK – QUICK – STEP (BEL) – Viviani, Alaphilippe
  • EF EDUCATION FIRST (USA) – Vanmarcke, Phinney
  • GROUPAMA – FDJ (FRA) – Pinot, Küng
  • LOTTO SOUDAL (BEL) – Wellens, Benoot
  • MITCHELTON – SCOTT (AUS) – Adam Yates, Durbridge
  • MOVISTAR TEAM (ESP) – Landa, Carapaz
  • TEAM DIMENSION DATA (RSA) – Kreuziger, Nizzolo
  • TEAM JUMBO – VISMA (NED) – Roglic, Tony Martin
  • TEAM KATUSHA ALPECIN (SUI) – Battaglin, Dowsett
  • TEAM SUNWEB (GER) – Dumoulin, Roche
  • TREK – SEGAFREDO (USA) – Brambilla, Stuyven
  • UAE TEAM EMIRATES (UAE) – Gaviria, Rui Costa

UCI Professional Continental Teams 5 wild card

  • BARDIANI CSF (ITA) – Barbin, Maestri
  • COFIDIS, SOLUTIONS CREDITS (FRA) – Bouhanni, Simon
  • GAZPROM – RUSVELO (RUS) – Kuriyanov, Arslanov
  • ISRAEL CYCLING ACADEMY (ISR) – Hermans, Neilands
  • NERI SOTTOLI SELLE ITALIA KTM (ITA) – Visconti, Velasco

#TirrenoAdriatico

PHOTO CREDIT: LaPresse

Press Ciclismo RCS Sport




MIKI BIASION E I 40 ANNI DI RALLY, PAGANI AUTOMOBILI E FERRARI CLUB ITALIA A MOTOR LEGEND FESTIVAL (26/28 APRILE)

 

MOTOR LEGEND FESTIVAL (26 AL 28 APRILE 2019) CONTINUA A PRENDERE FORMA.

MIKI BIASION, GUEST STAR PER I RALLY, CON “MOTOR LEGEND EXPERIENCE, 40 ANNI CON MIKI”.

PRESENZA DI GRANDE PRESTIGIO PAGANI AUTOMOBILI, CON LE SUE SPLENDIDE CREAZIONI.

FERRARI CLUB ITALIA IN PISTA CON LE SUPERCAR DEL CAVALLINO RAMPANTE.

Misano Adriatico. E’ un cantiere che non si ferma mai, quello che sta allestendo Motor Legend Festival 2019 che, in avvicinamento al week end “lungo” dal 26 al 28 aprile, va piazzando i tanti pezzi di un puzzle di eventi che promette emozioni ed entusiasmo a quattro e due ruote. Teatro ideale e accogliente Misano World Circuit,struttura completa e funzionale per mettere in scena tre giorni di motorsport a tutto tondo, con attrazioni esclusive e uniche.

DOPPIA FESTA E PREMI IMPORTANTI PER I 40 ANNI DI ATTIVITA’ DI MIKI BIASION E DEL PROGETTO DELTA

Dalla collaborazione tra Motor Legend Festival e Miki Biasion nasce “Motor Legend Experience, 40 anni con Miki”, una occasione unica per celebrare i quaranta anni di attività del campione del mondo rally di Bassano del Grappa in sua compagnia, che coincidono con i quaranta anni della nascita del progetto Lancia Delta. Riservata ai possessori di vetture rally con allestimento racing di qualsiasi tipo ed epoca, la formula Motor Legend Experience consentirà di vivere da protagonista, e con la propria vettura, le due giornate dell’evento.

Sul tracciato di Misano World Circuit, utilizzando anche la pista sterrata “flat track” di circa 800 metri, sessioni di guida, test e turni di “hot laps”, con Miki Biasion “padrone di casa”. E al sabato sera cena con il campione e con gli altri fuoriclasse presenti a Motor Legend Festival.

Per i tre piloti che riusciranno a convincere Miki Biasion di essere i migliori sono previsti premi veramente importanti: al primo andrà l’iscrizione gratuita a Rallylegend 2019, al secondo un pass esclusivo per i tre giorni di Rallylegend 2019, con pernottamento per due giorni per due persone, e al terzo pass esclusivo per due giorni di Rallylegend 2019 e pernottamento per una notte per due persone. Info e moduli di partecipazione sul sito www.motorlegendfestival.com

PAGANI AUTOMOBILI PRESENZA DINAMICA, CON LE SUE SPLENDIDE CREAZIONI

Quest’anno il Motor Legend Festival vedrà, tra le tante novità, la partecipazione di Pagani Automobili, con alcune delle vetture più esclusive dell’Atelier di San Cesario sul Panaro, a testimonianza della grande passione che lega il brand modenese al territorio che ha dato i natali ad alcune delle supercar più leggendarie di sempre. Nel 20esimo anniversario della produzione della iconica Pagani Zonda, presente con due esemplari, cui si affiancherà la più estrema Huayra, da ben 730 cavalli, ci sarà l’occasione di vedere in azione queste leggendarie vetture a Misano World Circuit.

TANTO, TANTO ALTRO NEL GRANDE CONTENITORE MOTOR LEGEND FESTIVAL 2019

Grazie alla partecipazione di FERRARI CLUB ITALIA, si potrà assistere allo spettacolo delle molte Supercar del Cavallino Rampante presenti con turni di giri veloci su Misano World Circuit e anche con una competizione di regolarità “veloce” in fase di studio.

Confermatissimo l’evento 40TH HAZZARD, un anniversario, quello dei quaranta anni di “Hazzard” che, in Europa, vedrà l’unica e esclusiva celebrazione a Motor Legend Festival, con alcuni dei grandi protagonisti della serie tv di successo, come l’attrice Catherine Bach, in tv la bella Daisy Duke e l’attore Ben Jones, nella serie il meccanico Cooter, e la presenza rumorosa delle repliche delle potenti e affascinanti macchine – “Generale Lee” in testa – che hanno reso indimenticabili le avventure dei Duke.

Per le due ruote, sarà il BIKE LEGEND MEETING uno dei centri di attenzione, con campioni come Giacomo Agostini e Marco Lucchinelli e moto mitiche tutti insieme, in parata, con giri in pista e in esposizione.

Altro grande evento a due ruote il DEMO RIDE HARLEY DAVIDSON. In collaborazione con la Casa motociclistica americana, presente nel paddock, si potranno ammirare le inimitabili HD presenti e prenotare Demo Ride sul Misano World Circuit, per vivere emozioni uniche.

Imperdibile il MUSTANG 55TH ANNIVERSARY, la festa della leggendaria macchina sportiva americana, e poi JEEPERS, un omaggio alla icona dei fuoristrada, coniugato con le tante versioni di questa inarrestabile “sempreverde”.

Punti di riferimento il sito Web www.motorlegendfestival.com e le pagine social Motor Legend Festival.

 MOTOR LEGEND FESTIVAL 2019: I CONTATTI

Sito Web : www.motorlegendfestival.com

e-mail: info@motorlegendfestival.com

Social Area:

Facebook:https://www.facebook.com/MotorLegendFestival/
Twitter:https://www.twitter.com/MotorLegendFest
Instagram:https://www.instagram.com/MotorLegendFestival

leo motorlegendfestival