#BARCOLANA46 1877 ISCRITTI ALLE ORE 20 – CATTIVIK VINCE LA JOTUN CUP

cattivik 1Trieste, 11 ottobre 2014 – Sono 1877 gli iscritti alla Barcolana 46 (il dato resta provvisorio fino a domani mattina, perché la Società velica di Barcola e Grignano accoglie anche i ritardatari che raggiungono Trieste via mare) e la città questa sera sta festeggiando la vigilia della regata con un entusiasmo senza eguali.  Cattivik Fondazione Veronesi, di Gianni De Visintini, con Lorenzo Bressani al timone, ha vinto questa sera la Barcolana by Night Jotun Cup, la regata notturna disputata nel Bacino San Giusto a bordo degli Ufo 28. La regata, disputata con poco vento, ha visto il dominio di Cattivik, seguito da Baraimbo, Don Chisciotte e Alien.La prova finale del DHL Trophy è stata vinta invece da Esterprise. Il secondo posto è andato a RiDeCoSì, con a bordo l’allenatore Edi Reja e Alessandro Maria Rinaldi.La partenza della Barcolana è prevista domani, 12 ottobre, alle ore 10. Diretta su Rai regionale FVG dalle 9.45, diretta Rai Sport 1 alle 13. Dirette radiofoniche su Radio Punto Zero e Radio Attività.Simone Bramante, @brahmino su Instagram (http://instagram.com/brahmino), con più di 570000 follower, documenterà domani su Instagram la 46esima edizione della Barcolana.




Barcolana 2014. Uno SHOWCASE per LE STELLE OLIMPCHE

Prima del concerto di Jack Savoretti e la Special Guest Elisa, ieri sera sul palco di piazza dell’Unità a Trieste uno SHOWCASE ha festeggiato il compleanno delle STELLE OLIMPICHE. E’ stata una sorta di festa dello sport con la partecipazione anche di importanti realtà sportive cittadine e regionali.

A sfilare per primi sono stati i giocatori del Venjulia Rugby Trieste, che quest’anno milita in serie C1, insieme al Presidente Andrea Boltar ed alle bambine e ragazze delle squadre giovanili.foto Elena Dipoi

Successivamente sono state presentate le atlete regionali che parteciperanno ai Campionati italiani di sci alpino a Tarvisio e Sella Nevea nel 2015, organizzati dallo Sci Club 70 di Trieste. Arianna Stocco, Francesca Polentarutti, Greta Della Mea, Nicole Pinto, Elisa Andreassich, Nicole Hoffer, Sofia Graffi Brunoro e Valentina Eydallin, sono state accompagnate sul palco dall’Allenatore Andrea Puicher, dal Direttore tecnico Walter Wedam, dai rappresentanti della FISI Livio Manzin e Luigi Popovic, dal Presidente dello Sci Club 70 Roberto Andreassich e da due grandi campioni dello sci quali Karen Putzer e Kristian Ghedina.

Prima della presentazione ufficiale dell’equipaggio delle STELLE OLIMPICHE, il Presidente della pallacanestro femminile SGT Calligaris, Federico Pastor ha ricordato l’appuntamento di domenica 12 ottobre, al PalaRubini per il “Basket Day” con i due incontri di campionato; prima quello femminile ed a seguire il match maschile con la Pallacanestro Trieste 2004. Acquistando il biglietto si ha la possibilità di assistere a tutte e due le partite.

Lo SHOWCASE si é chiuso con l’introduzione del TEAM dell’Asd Le Stelle che sarà protagonista con la barca ARYA 415 Give me Five dell’Armatore Arya Yachts, durante la regata di domenica nel golfo di Trieste. L’equipaggio “Olimpico” sarà formato dai seguenti Atleti e Campioni: (timone) Chiara Calligaris,  (Randa) Giulia Pignolo ed Ibolya Nagy, (Tailer) Myriam Cutolo e Luca Giustolisi, (Drizze) Marta Zanetti e Karen Putzer, (Albero) Roberto Premier e (Prua) Giovanna Micol.
Accanto alle STELLE OLIMPICHE é intervenuto anche il Presidente Onorario del CONI del Friuli Venezia Giulia, Emilio Felluga che, oltre a salutare ed augurare una buona competizione al Gruppo 5 cerchi, haricordato il centesimo anniversario della nascita dell’Ammiraglio Agostino Straulino.

All’Evento, presentato dallo Speaker olimpico Stefano Ceiner, reduce dal successo dei Campionati mondiali femminili di pallavolo che si sono svolti al PalaRubini, sono intervenuti anche il Direttore de IL GIULIA, Daniele Glavina ed il Direttore Commerciale triveneto di SPORTLER, il Dott. Marco Donda, ambedue Official Supportersdelle STELLE OLIMPICHE in ambito della Barcolana 2014.

Andrea F.




#BARCOLANA46# OMAN AIR DOMINA LE REGATE DEGLI EXTREME 40

 Tanti ospiti, tanti vip, e tante regate, anche se con pochissimo vento. A due giorni dalla Barcolana le iscrizioni superano agevolmente quota 1500, e a Trieste arrivano i primi vip. Il campione di sci Christian Ghedina e quello di rugby Andrea Lo Cicero hanno vissuto l’emozione delle regate Extreme 40 @Barcolana, mentre c’è attesa per la sciatrice Tina Maze, domani ospite di Generali e per tre “big” del la serie A, e dell’Udinese in particolare: ospiti di Jena No Borders Team (lo scafo timonato da Furio Benussi con Mitja Kosmina alla tattica) saranno Totò Di Natale e Giampiero Pinzi, il dirigente ed ex giocatore Andrea Carnevale, il brand “Udinese Club House” è infatti partner di Jena No Borders Team.

Di Natale

Di Natale

Pinzi

Pinzi

“Che bella questa Barcolana – ha dichiarato il presidente della Svbg Mitja Gialuz –continua la crescita del numero degli iscritti e tante, tantissime imbarcazioni sono tornate ad ormeggiarsi sulle Rive per essere parte di questa bellissima festa di Trieste. Dobbiamo utilizzare il poco vento che abbiamo al momento a disposizione perché – come diceva l’Ammiraglio Straulino, del quale oggi ricorre il centenario dalla nascita – la bonaccia non esiste e il vento bisogna cercarlo sempre”.
E’ arrivato stamani a Trieste Andrea Lo Cicero, ormai un affezionato della Barcolana:“Torno con grande piacere a Trieste e – ha dichiarato l’ex pilone della nazionale di 952Rugby non potevo mancare dopo il bel risultato dell’anno scorso in regata, e per il fascino di Trieste durante la Barcolana. Oggi abbiamo regatato con poco vento, ma queste barche sono meravigliose in qualsiasi condizione”.
Il campione di sci Christian Ghedina non è nuovo della Barcolana: “Sono contento di essere nuovamente a Trieste per questo evento e vedere lo spettacolo delle Rive. Domenica non riuscirò a partecipare alla regata, tornerò in una giornata di bora forte, per provare le emozioni della velocità non solo sugli sci, ma anche in barca”.

LAND ROVER EXTREME 40 @BARCOLANA – Tanto divertimento ma poco vento, oggi in Golfo, e la prima delle due giornate di regate degli Extreme 40 ha visto quattro prove tutte dominate da Oman Air. La formula della Stadium race nel Bacino San Giusto con commento dal vivo ha incantato il pubblico della Barcolana. Oman Air dei fratelli Greenhalagh ha dominato tutte le prove, corse proprio davanti a Piazza Unità. A bordo un team composto per buona parte da atleti omaniti, tra cui spicca Nasser Al Mashari, specialista della classe Extreme 40. A spartirsi il resto del podio sono stati Land Rover, che ha ospitato a bordo il rugbista Andrea Lo Cicero, e Red Bull di Roman Hagara e Hans Peter Steinacher, doppie medaglie d’oro olimpiche in classe Tornado. Fincantieri con Lorenzo Bressani al timone, Michele Paoletti, Mitch Booth, Jas Farneti, Simon Sivitz Kosuta e Francesca Clapcich ha iniziato in sordina, ma è poi cresciuto di prova in prova. Domani si riparte alle 10 per una giornata divisa tra allenamenti e regate dalle 13.30 alle 16 nel campo esterno davanti alla Diga vecchia

esco mattoBARCOLANA CHALLENGE TROFEO MEDOT – Due regate disputate al largo, alla ricerca di qualche raffica in più, e una serale in programma alle 19. E’ stata, anche se con poco vento, vera battaglia navale a bordo degli Este 24 messi a disposizione dagli armatori che partecipano domani allla Barcolana TriEste. L’idea del presidente Gialuz è stata quella di organizzare una “rivincita della Barcolana”, mettendo a confronto ad armi pari, su barche identiche, gli equipaggi vincitori di categoria. Ne è uscita una regata bellissima e decisamente combattuta, e per niente scontata. Basti pensare che il primo posto provvisorio, dopo due prove, è andato a ESCO MATTO di Christian Babic, l’equipaggio rivelazione della scorsa Barcolana, che chiuse in undicesima posizione assoluta con un barchino di 8,40 metri. Seconda piazza per Mini Jena, lo scafo che vedeva a bordo Mitja Kosmina in Barcolana, e oggi affidato a Jure Orel. Terza piazza provvisoria per Sayonara.

 




LA TILIMENT MARATHON BIKE SARA’’ PROVA DEL MTB MARATHON WORLD SERIES UCI

La marathon friulana passa nel circuito internazionale UCI in data 26 Aprile 2015

Spilimbergo (PN)- Lo staff organizzativo della ASD Trivium lo aspettava da qualche settimana. Finalmente è arrivata l’’ufficialità dall’’Unione Ciclistica Internazionale. Nel 2015, la marathon per ruote grasse friulana Tiliment Marathon Bike sarà tappa dell’’UCI MTB MARATHON WORLD SERIES, di fatto la “Coppa del Mondo” MTB per le lunghe distanze. Una soddisfazione enorme per lo staff diretto da Giuseppe Rossi, che negli anni ha visto crescere la gara da regionale, a nazionale (quest’anno fu tappa del Marathon Tour FCI) fino al gradino dell’’internazionalità nel 2015.

Un salto di qualità che va a premiare il sempre nutrito gruppo partenti degli ultimi anni sia per quantità che per qualità (nel 2014 vinsero Roel Paulissen ed Elena Gaddoni) ed avvicina il bacino straniero che ha sempre fatto di questa gara ai confini (Friuli Venezia Giulia – Provincia di Pordenone) un appuntamento di rito per visitare l’’Italia e correre. Tiliment Marathon Bike (in programma il 26 Aprile 2015) si unisce alla Fassa Bike quale uniche due tappe italiane del circuito, utile per le griglie di partenza dei prossimi Campionati Mondiali Marathon che si terranno a Selva Val Gardena (Sellaronda Hero).

COMUNICATO STAMPA – Tiliment Marathon bike




Castelbike: Mountain bike in notturna al Castello di Udine

Udine – Castello – 4 ottobre 2014. Simbolo di Udine e dell’intero Friuli, il Castello di Udine si prepara ad accogliere, questo sabato, la 15° edizione di Castelbike – Mountain bike in notturna.

webmail.webfaction.comLa manifestazione, che reinterpreta in chiave moderna e spettacolare il plurisecolare sport del ciclismo, è stata la prima nel suo genere ad interessere il centro di una città.

Voluta dagli organizzatori del Ciclo Assi Friuli, affiancati per l’edizione di quest’anno dal Gruppo Sportivo Danieli-Buttrio oltre che – come di consueto – dalla Protezione Civile cittadina, dal Gruppo Alpini Udine Sud e dalla professionale presenza della Polizia Municipale, la Castelbike rappresenta – da ormai oltre un decennio – un appuntamento importante per la vita sportiva e turistica della città di Udine, capace di richiamare un folto pubblico di appassionati provenienti da tutta Italia, nonché dall’estero.

La mountain bike, infatti, ben si adatta allo scopo di incuriosire e creare interesse, portando gli spettatori ad un contatto abbastanza ravvicinato con gli atleti e regalando loro un inedito momento di spettacolo e di emozioni.

Il via alla gara è fissato alle ore 20.00 e il percorso, che partirà dalla Casa della Contadinanza per poi snodarsi lungo Piazza I Maggio, Via Manin e Piazza Libertà, prevede più giri, fino a giungere alla salita al Castello.

La competizione, molto attesa fra gli appassionati di mountain bike, vedrà sfidarsi atleti di caratura nazionale ed internazionale, italiani ma anche austriaci, sloveni e croati: Daniele Pontoni, Marco Bui, Martino Fruet, Aliosa Kustrin, Luca Bramati, Federico Ciani, Marco Ponta, Denis Vogrig, Claudio Cucinotta, Andrea Bravin, sono solo alcuni fra i grandi nomi che affolleranno la griglia di partenza, già trionfatori in una delle passate edizioni.

 

Ilaria Pingue




TRIESTE: MELBOURNE TIGERS BASKET RICEVUTI IN MUNICIPIO DALL’ASSESSORE EDI KRAUS

         Dirigenti e giovani atleti della quadra dei Melbourne Tigers Basket sono stati ricevuti oggi (lunedì 29 settembre) nella sala giunta del Comune di Trieste dall’assessore allo Sviluppo economico e Turismo Edi Kraus, che ha portato agli ospiti il saluto di benvenuto del sindaco Cosolini e della città.

Nel corso del cordiale e amichevole incontro, l’assessore Kraus ha sottolineato la tradizione sportiva, turistica ed internazionale della nostra città, evidenziando anche i forti e storici legami con l’Australia, dov’è presente e attiva una significativa comunità giuliana.

I Melbourne Tigers Basket, che sono nella nostra città dal 21 settembre e vi resteranno fino a primi d’ottobre, hanno in programma tutta una serie d’incontri con i pari età (si tratta di ragazzi del ’99) di Slovenia (dove hanno già giocato con l’Olimpia Lubiana) e Croazia, ma anche a Venezia e Trieste. I Melbourne Tigers sono infatti il sodalizio di basket più riconoscibile e di successo in Australia, dove opera a livello giovanile da più di 75 anni, con più di 500 iscritti tra atleti e atlete.

Al termine della visita, l’assessore Kraus ha consegnato ai Melbourne Tigers il gagliardetto ufficiale del Comune di Trieste, con l’alabarda di San Sergio, ulteriore segno di stima e apprezzamento per dei giovani ospiti che, oltre ad essere degli atleti di buon livello e in crescita, hanno dimostrato di apprezzare Trieste anche sotto il profilo turistico, scegliendola come sede centrale del proprio “tour cestistico”.




IL “RONCHI CICLISMO” SI AGGIUDICA LA 14ESIMA GRANFONDO D’EUROPA LUBIANA-TRIESTE

ALLA LUBIANESE “MOL” VA LA MARATONA DELL’AMICIZIA

GRANDE SUCCESSO PER IL NUOVO PERCORSO CHE UNISCE LA CAPITALE SLOVENA A LONGERA, ABITATO ALLE PORTE DI TRIESTE

Il Ronchi Ciclismo si è aggiudicato la 14esima Granfondo d’Europa, la manifestazione cicloturistica internazionale organizzata dall’omonima società che, anche quest’anno, ha chiuso il calendario nazionale di Coppa Italia Cicloturismo. In seconda posizione si è piazzata la piemontese Velo Club Frejus, davanti al Team Granfondo d’Europa.

La Maratona dell’Amicizia, invece, è andata alla Mol di Lubiana, davanti agli atleti di Divacia. Terzi i padroni di casa del KK Adria.

gruppo 3In 200 atleti si sono presentati alla partenza di Lubiana, nella centralissima Kongresni trg, la piazza ai piedi del castello. Alla vigilia della corsa, in accordo con la giuria, gli organizzatori hanno deciso di unificare il percorso della Granfondo d’Europa con quello della Maratona dell’Amicizia, considerate le previsioni meteo incerte.

Un unico plotone compatto, quindi, si è mosso dalla capitale slovena in direzione di Trieste, dove ha raggiunto il traguardo di Longera, piccola frazione alle porte della città, rimasta a secco di ciclismo dopo la scomparsa del Trofeo ZSSDI-Unione dei circoli sloveni in Italia, prestigiosa competizione che veniva organizzata fino a due anni fa dal KK Adria e che si concludeva proprio a Longera.

gruppo 2Numerosi abitanti, infatti, hanno accolto festanti i ciclisti al loro arrivo, dopo tre ore e mezza di pedalate a velocità controllata, durante le quali hanno coperto i 100 chilometri del percorso a poco più di 27 km/h di velocità media, lasciandosi alle spalle quasi 800 metri di dislivello.

Nel cicloturismo vince la squadra che riesce a portare il maggior numero di partecipanti al traguardo, tenendo conto, però, anche del luogo di provenienza, in modo da premiare gli atleti che hanno fatto più strada per raggiungere il luogo della manifestazione.

La corsa, quindi, si è trasformata in una pedalata festosa, condotta a un ritmo brillante che, però, non ha lasciato nessuno indietro. L’andatura senza strappi ha consentito ai ciclisti di ammirare il paesaggio e di scambiare alcune battute durante lo sforzo.

La carovana è stata scortata dalle macchine della Polizia slovena e dai mezzi della Polizia locale di Trieste fino al traguardo.

Paolo Giberna, deus ex machina della manifestazione, è apparso raggiante per la scelta del nuovo percorso, giudicato da tutti i partecipanti «divertente e non monotono come la maggior parte delle granfondo che si disputano in pianura». L’unica nota amara Giberna l’ha riservata per alcune scelte fatte dalla federazione, che ha sovrapposto nella stessa giornata altre due manifestazioni cicloturistiche, danneggiando inevitabilmente la corsa triestina.

«Non voglio alimentare polemiche – ha esclamato Giberna – . Mi dispiace solo per chi si è perso questo spettacolo. La scelta del nuovo percorso si è rivelata azzeccata e nella pentola della prossima edizione bollono già alcune idee molto interessanti, come la possibilità di dedicare al ciclismo un’intera settimana, coinvolgendo tutte le società presenti sul territorio locale».

Con la Granfondo d’Europa va in archivio la tre giorni dedicata al ciclismo, che ha visto nella giornata di ieri la vittoria dello sloveno Mitja Oter nella Cronocarsica Trieste-Conconello e la carica dei giovanissimi nella Young Bike che si è disputata all’interno del centro commerciale Il Giulia.




MEGA TORRENDURO – Torreano

DS3_4921Si è rinnovato il 13 ed il 14 settembre l’appuntamento con l’enduro a Torreano; quest’anno la manifestazione – giunta alla terza edizione – è cresciuta proponendo la MegaT il sabato pomeriggio e la Torrenduro nella mattinata di domenica, dando vita così alla MegaTorrenduro. Due giornate di sport andrenalinico, questo era quanto promesso dal programma ed hanno effettivamente  avuto i concorrenti. Complice anche il maltempo dei giorni precedenti, che ha reso i sentieri delle zone boschive di Torreano ancora più infidi, i riders hanno dovuto dar fondo a tutta la loro abilità per controllare le bici nelle prove speciali particolarmente curate e ottimamente predisposte ma anche rese molto viscide e scivolose dalla pioggia caduta fino alla tarda mattinata di sabato.

Il primo impegno ha visto i concorrenti affrontare la discesa dal monte Craguenza lungo i 7500 metri di speciale per 1270 metri di dislivello effettivo; dopo aver sfidato un percorso al limite del proibitivo i riders hanno dovuto anche guadare un corso d’acqua formatosi con le abbondanti precipitazioni, probabilmente è stato più un sollievo che un impegno visto che ha dato loro la possibilità di togliere (e di togliersi da dosso) un po’ del fango accumulato lungo il percorso. Il giorno successivo, con il cielo carico di nuvole che man mano si è schiarito lasciando il posto poi ad un bel sole, i concorrenti sono stati impegnati dalle due prove speciali ricche di ostacoli naturali da affrontare con particolare concentrazione ma anche molto appaganti dal punto di vista del divertimento, a cui sono seguite poi le premiazioni ed il tradizionale pasta party.

 

Di seguito alcune immagini della manifestazione:

DS3_5018 DS3_5013 DS3_4988 DS3_4958  DS3_4760 DS3_4791DS3_4831   DS3_4783  DS3_4763

 

DS3_4842 DS3_4906

Va quindi in archivio questa edizione dell’enduro a Torreano che, seppur  svoltasi con il terreno di gara in condizioni non proprio ottimali, ha saputo regalare tante emozioni e spettacolo.

                                                                                                                                                                                                                                                                     FOTO E NOTIZIA  Dario Furlan

 




VA ALLO SLOVENO MITJA OTER LA CRONOCARSICA TRIESTE-CONTOVELLO GRANDE PARTECIPAZIONE DA ITALIA, AUSTRIA E SLOVENIA NUMEROSI CONSENSI PER IL NUOVO TRACCIATO

È lo sloveno Mitja Oter il mattatore della Cronocarsica Trieste-Conconello, l’antipasto agonistico della Granfondo d’Europa che si correrà domani (oggi, ndr), insieme alla Maratona dell’Amicizia, sul nuovo percorso che unisce la città di Lubiana all’abitato di Longera, alle porte di Trieste.

Il trentanovenne di Skofja Loka, in forza alla veneziana Barbariga, ha messo in riga gli oltre 100 atleti che si sono presentati alla partenza e in 25’04” ha coperto il percorso di 11 chilometri, anticipando Devid Tronchin (Sc Falchi di Tuxon), secondo in 25’14”, e il carinziano Armin Primig, terzo in 25’16”.scatto fisso 

Distacchi contenuti, quindi, per una gara che si è rivelata avvincente, su un tracciato che ha incontrato i favori dei partecipanti, che l’hanno definito «molto bello, impegnativo e da saper interpretare».

Con la partenza dalla parte bassa dell’ex Opp di San Giovanni, il giro di boa al bivio ad “H” e il traguardo posto a Conconello, nei pressi delle antenne, la Cronocarsica ha regalato ai partecipanti una prova «divertente e varia», come l’ha definita la vincitrice femminile Federica Bazzocchi, con tre tipi di salite diverse (quella di San Giovanni, la Strada nuova per Opicina, l’ascesa all’abitato di Conconello) e la discesa dal bivio ad “H”.

Il primo triestino al traguardo è stato Maurizio Deponte (Federclub), quarto assoluto in 25’17”, mentre la triatleta Federica Bazzocchi, con la maglia dei Gentleman Trieste, ha battuto la concorrenza femminile in 29’44”.        mini-atleti Young Bike

Le prime biciclette a prendere il via sono state delle “scatto fisso” con un unico rapporto, guidate da Andrea Natali, Davide Tommasin, Enrico Bernardi, Michele Tizianel e Alice Bensi. Non potendo usufruire dei cambi di rapporto, la loro prova ha assunto un particolare valore.

In concomitanza con la Cronocarsica, una cinquantina di scatenati mini-atleti hanno animato la Young Bike, gimcana che si è svolta nella inusuale cornice del centro commerciale Il Giulia e che ha consegnato a tutti i partecipanti una medaglia e numerosi premi.




MEGA TORRENDURO 13-14 settembre 2014 a Torreano

 

Foto di repertorio Dario Furla

Foto di repertorio Dario Furlan

Ritorna la Torrenduro, l’appuntamento per gli appassionati di enduro e downhill giunto oramai alla terza edizione e sempre più ricco nei contenuti e nell’offerta del divertimento andrenalinico.

Di seguito il comunicato degli organizzatori con il programma dettagliato:

Il successo delle precedenti edizioni e la presenza durante i weekend di decine di ciclisti sui sentieri di Torreano ci hanno motivato a fare ancora di più. Quest’anno la Torrenduro si evolve per dare ancora più emozioni e adrenalina, e diventa la MegaTorrenduro: un intero weekend all’insegna della bici e del divertimento.

 Due gli appuntamenti in programma:

– sabato pomeriggio la “MegaT” – una “mega avalanghe” con partenza in un’unica batteria

dalla cima dello Craquenza;
– domenica mattina la “Torrenduro” – un enduro che prevede due lunghe speciali che

metteranno alla prova le doti tecniche dei rider.

Per chi vuole partecipare a tutti e due gli eventi può scegliere di iscriversi alla “MegaTorrenduroun’enduro di 2 giorni che prevedere come classifica finale la sommatoria dei tempi di arrivo dei due appuntamenti e quindi come requisito il trasferimento in bici di 11 km dal punto di ritrovo fino alla partenza della “MegaT”!!!!. Se questo non ti sembra abbastanza per un evento di enduro, ecco i nostri numeri:

– MegaT = 7500 mt di speciale, 1270 mt di dislivello effettivo;

– Torrenduro = rispetto al 2013 +700 mt di speciali, +170 mt di dislivello effettivo,

+ 3.1km di percorso quindi 5500 mt di speciali, 1290 mt di dislivello effettivo, 19.1 km di percorso;

– MegaTorrenduro = 13 km di speciali2.5 km di dislivello effettivo 37.6 km di percorso totale;

e la possibilità di partecipare all’unico evento che ti permette di misurarti sia nella partenza singola, sia nella partenza collettiva!!!

Data: SABATO 13 e DOMENICA 14 settembre 2014

 Programma:

Sabato 13 settembre 2014:

dalle ORE 13.00 alle ORE 16.00 Iscrizioni sia per la MegaT (per chi volesse fare solo questa), sia per la MegaTorrenduro.

dalle ORE 15:00 Risalita verso il monte Craquenza in bicicletta (condizione obbligatoria per essere inseriti nella classifica MegaTorrenduro) o con i mezzi che verranno messi a disposizione per chi non volesse pedalare.

ORE 18:00 Partenza MegaT

dalla ORE 19:00 Aperitivo all’arrivo della MegaT e premiazioni

Domenica 14 settembre 2014:

dalle ORE 8.00 alle ORE 9:30 Iscrizioni alla Torrenduro (per chi non ha partecipato alla MegaT) e solo ritiro numeri per chi ha partecipato alla MegaT.

dalle ORE 09.30 Partenza del primo partecipante della Torrenduro, a seguire gli altri ogni 30 secondi.

dalle ORE 11.00 Partenza del primo partecipante alla PS1, a seguire gli altri ogni 30 secondi.

dalle ORE 12.30 Partenza del primo partecipante alla PS2, a seguire gli altri ogni 30 secondi.

dalle ORE 13.00 Conclusione della manifestazione con Pasta Party e premiazioni.

FOTO E NOTIZIA  Dario Furlan