LIBERTAS NOVARA, 7 SQUILLI AI CAMPIONATI ITALIANI GIOVANILI DI RICCIONE

Storico argento per Andrea Maia Narchialli nei 100 dorso Ragazze. Matteo Piscitelli qualificato anche per i prossimi Assoluti nei 50 dorso Cadetti

Una luccicante medaglia d’argento, altri sei piazzamenti in “top ten” per la pattuglia della Libertas Team Novara ai Criteria Nazionali Giovanili in vasca corta terminati ieri, mercoledì 28 marzo, allo Stadio del Nuoto di Riccione.
Undici anni dopo gli ultimi podi tricolori della società presieduta da Renzo Bellomi la tredicenne Andrea Maia Narchialli, da tre stagioni in forza alla Libertas, ha chiuso seconda in 1’03”98 i 100 dorso Ragazze. Narchialli, allenata dai tecnici Beppe Comero ed Enrico Ferrero, ha migliorato di 17 centesimi il precedente personale nuotato a gennaio a Genova facendo segnare anche il nuovo record sociale della Libertas.
Non è poi riuscita a centrare un bis che sarebbe stato clamoroso nei 200 dorso in cui è finita 7°, concludendo 11° i 50 sl (nella stessa prova la compagna di squadra Giulia Grossini ha realizzato il 31° tempo) e 21° i 100 sl in cui Grossini si è piazzata 34°.
Sempre nel settore femminile, doppio acuto nei “dieci” per la Juniores Sofia Vercellotti, ottava nei 100 rana e nona nei 200 rana (poi 16° nei 50 rana, 22° nei 50 sl e 25° nei 100 sl).
Ottava anche la staffetta 4×100 mista Ragazze (Narchialli, Emma Cirichelli, Grossini e Chiara Saronne).
La stessa Grossini ha realizzato a livello individuale il 10° tempo nei 100 farfalla, arrivando poi 27° nei 200 farfalla.
Saronne, dal canto suo, è giunta 30° nei 50 sl Ragazze.
La staffetta 4×200 sl Ragazze composta da Narchialli, Saronne, Vittoria Leo e Fabiana D’Angelo ha fatto segnare il 44° tempo.
Ventunesima con record sociale la 4×100 sl Ragazze con Grossini a sostituire D’Angelo nel quartetto novarese, 24° la 4×100 misti Cadette (Sara Agujari, Vercellotti, Lucrezia Piantanida e Sveva Tosi le frazioniste).
Tra i maschi, l’exploit in “top ten” porta la firma di Matteo Piscitelli ottavo nei 50 dorso Cadetti in 25.40: record personale e societario che gli è soprattutto valso la qualificazione ai Campionati Italiani Assoluti che si terranno dal 10 al 14 aprile ancora a Riccione.
Nei 50 e nei 100 farfalla Piscitelli ha ottenuto rispettivamente la 23° e 14° posizione. Gabriel Vento è invece arrivato 33° nei 50 farfalla Juniores.
La staffetta 4×100 misti Ragazzi (Marco Centra, Alessio Moranda, Samuele Allegra e Mattia Dell’Olmo) ha finito 47°.




Le domande devono essere presentate entro il 18 maggio SPORT, PUBBLICATI I BANDI PER I CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI

C’è tempo fino al 18 maggio per presentare domanda per i nuovi contributi in ambito sportivo che il Comune di Udine ha messo a disposizione sia per attività di carattere continuativo, sia per iniziative ad hoc. I bandi, predisposti dagli uffici Sport di palazzo D’Aronco, sono consultabili sul sito internet del Comune (www.comune.udine.gov.it). Complessivamente l’amministrazione comunale ha predisposto un fondo di 220 mila euro, già stanziati a bilancio.
​Le domande di contributo, che come ricordato devono essere presentate entro le 12.15 del 18 maggio, possono essere spedite all’Ufficio Servizio Servizi Educativi e sportivi Unità organizzativa “Success” secondo piano ala destra tramite posta elettronica certificata (protocollo@pec.comune.udine.it), consegnate a mano all’ufficio protocollo o spedite tramite raccomandata con ricevuta di ritorno all’indirizzo via Lionello 1 – Udine ( in questo caso si ricorda che ai fini dell’osservanza del termine di scadenza, valgono esclusivamente la data e l’ora di ricevumento del plico da parte dell’ufficio Protocollo).
​Entrambi i bandi sono finalizzati alla diffusione della pratica sportiva tra i cittadini e l’adozione di stili di vita attivi, e si propongono di incoraggiare la diffusione dei valori dello sport. Gli interessati potranno verificare preventivamente l’idoneità e la completezza delle domande rivolgendosi agli uffici dei Servizi educativi e sportivi, in viale Ungheria 15, previo appuntamento telefonico al numero 0432/1272770, dal 26 marzo all’11 maggio nelle giornate dal lunedì al venerdì.




LIBERTAS TEAM NOVARA TORNA SUL PODIO DOPO 11 ANNI AI CAMPIONATI ITALIANI DI NUOTO

La Libertas Team Novara torna sul podio di un campionato italiano di nuoto dopo 11 anni!.
A firmare la storica impresa, questa mattina durante i Criteria Nazionali Giovanili in corso allo Stadio del Nuoto di Riccione, è stata Andrea Maia Narchialli, classe 2005, capace di piazzarsi seconda sui 100 dorso Ragazze.

Narchialli, che da tre anni gareggia per la Libertas ed è allenata dai

Narchialli è la prima da sinistra.

tecnici Beppe Comero ed Enrico Ferrero, ha concluso la sua gara in 1′.03.98, preceduta solo da Benedetta Scalise (Stelle Marine Sud) che ha fermato il cronometro su 1′ .02.51 conquistando così la medaglia d’oro.
Bronzo per Nicole Santuliana (Leosport Villafranc) in 1’04.49.

Era dal 2007 che la Libertas non saliva sul podio ad un campionato nazionale.

Gli ultimi due atleti a riuscirci erano stati in campo femminile Cecilia Gatti e tra i maschi Davide Denina (nei 200 farfalla con il super tempo di 2.00.10) ai campionati nazionali giovanili di Imperia.
Due anni prima, nel 2005 ai campionati giovanili estivi di Roma, era stato lo stesso Denina a prendere il bronzo nei 200 misti.

Intanto, a Riccione può non essere finita qui. Domani, domenica 25 marzo, Narchialli sarà ancora in vasca per cimentarsi sulla distanza dei 200 dorso. Sognare una fantastica doppietta non è vietato. Sempre domani cova qualche speranza di un piazzamento al vertice anche la Juniores Sofia Vercellotti nei 50 rana.




Giro d’Italia Ride Green – l’impatto sociale della Corsa Rosa

Milano, 23 marzo 2017 – Il Giro d’Italia non è solamente un evento sportivo, ma è anche un importante strumento di comunicazione che deve e vuole trasmettere tutti i valori che esso rappresenta. Anche quest’anno, con l’edizione 101 alle porte, RCS Sport ha voluto riproporre e sostenere – per il terzo anno – Ride Green.

Il progetto ecosostenibile di raccolta differenziata, in collaborazione con la Cooperativa Erica, già messo in atto durante le ultime due edizioni del Giro, ha evidenziato come la scelta sia stata vincente con 84.877,44 kg di rifiuti recuperati nel 2017, di cui l’89% è stato riciclato.

Da sinistra, Filippo Mutti (IMQ), Andrea Di Stefano (Novamont), Roberto Salamini (RCS Sport), Luigi Bosio (E.R.I.C.A.), Benedetta Brighenti (Go Rent) e Andrea Pavan (E.R.I.C.A.)

LA RACCOLTA DIFFERENZIATA IN DETTAGLIO 

NOVITÀ E PARTNER DELL’EDIZIONE 101
Per questa edizione saranno oltre 1.200 i contenitori per la raccolta differenziata che verranno prodotti da Eurosintex e inviati a tutti i comuni sede di tappa di partenza e arrivo per gestire la raccolta differenziata. I contenitori, con il logo di RIDE GREEN, saranno poi regalati alle amministrazioni e ditte di raccolta quale “eredità” del progetto. Tutti gli stand dell’open village così come le aree Hospitality saranno dotati di mastelli e sacchi per la raccolta differenziata. Inoltre l’azienda Novamont fornirà a catering stoviglie e attrezzature compostabili per la somministrazione di cibo e bevande. Tutte gli eco-punti degli open village e hospitality saranno presidiati da oltre 250 volontari su tutto il territorio nazionale, reclutati dai comitati di tappa.

Come per lo scorso anno Ricicla Tv sarà il media partner ufficiale di Ride Green realizzando vari servizi sul campo nelle varie tappe del Giro. Go Rent, insieme al partner Eco.Energia, si occuperà tramite appositi mezzi per lo spazzamento manuale di effettuare la pulizia della linea di arrivo delle tappe del Giro. Il Consorzio Nazionale per il Riciclo dell’Alluminio (CIAL) comunicherà l’importanza del riciclo dell’alluminio a tutti i visitatori del village che si recheranno allo stand di Red Bull. L’area sarà servita da un apposito contenitore e tutti coloro che vi conferiranno le lattine potranno partecipare all’estrazione di 18 riciclette, biciclette interamente realizzate con alluminio riciclato.

Roberto Salamini, Responsabile Marketing e Comunicazione di RCS Sport, ha sottolineato come: “Il Giro d’Italia ha voluto abbracciare questo progetto fin dall’inizio e la scelta è stata vincente. I numeri della passata edizione parlano da soli e tutte le componenti coinvolte durante la corsa hanno risposto in maniera ottimale a partire dalle squadre, dai comuni coinvolti, agli sponsor fino a noi dell’organizzazione. Un Giro sempre più ecosostenibile è uno dei nostri obiettivi anche per i prossimi anni e si lega a tutti i nostri progetti di Social Responsability come anche Biciscuola”.

Il Presidente di E.R.I.C.A.Luigi Bosio, ha aggiunto: “Dopo la bella avventura di dodici mesi fa, siamo pronti a partire con Ride Green anche nell’edizione 101, un motivo in più per fare ancora meglio in un’occasione tanto prestigiosa. Se lo scorso anno, raggiungendo l’eccellente quota dell’89% di rifiuti differenziati, avevamo dimostrato come anche in Italia fosse possibile rendere i grandi eventi ecosostenibili, quest’anno è nostra intenzione andare oltre, nella convinzione che l’esempio positivo di grandi campioni supera il valore simbolico diventando esempio per le tante persone che seguono il Giro d’Italia. Ancora una volta punteremo molto su sensibilizzazione e comunicazione, oltre alla grande collaborazione con i territori che attraverseremo, con le amministrazioni, le aziende e tutti i volontari che ci daranno una mano. Un sentito ringraziamento va a RCS Sport che ci ha confermato la sua fiducia e ai partner che hanno deciso di accompagnarci in questa nuova sfida e che ci daranno un contributo fondamentale per la riuscita del progetto”.

#Giro101

PHOTO CREDIT: LaPresse – De Grandis

Press Giro d’Italia




FESTIVAL DI NOVA EROICA Buonconvento (Siena) 27 aprile – 1 maggio 2018

Dal 27 aprile al 1 maggio Buonconvento, uno dei comuni più belli della provincia di Siena, torna ad ospitare il “Festival di Nova Eroica”, appuntamento che offre la possibilità di scoprire un territorio unico attraverso lo sport, la musica e l’enogastronomia.
Mercati, street food con prodotti tipici, spettacoli e ancora musei aperti, passeggiate nella natura e itinerari in bici: per cinque giorni le piazze e le strade del paese diventano palcoscenico per un calendario che racconta la qualità della vita.

Voluto e organizzato dalla Pro Loco di Buonconvento, Il festival ospita la “Nova Eroica”, format ciclistico firmato Eroica che permette a tutti i tipi di bici (da quelle vintage a quelle al carbonio o quelle in alluminio) di percorrere un tratto dello storico tragitto che si snoda tra le strade bianche di una delle terre più belle del mondo.
E proprio al ciclismo sarà dedicato il “Villaggio di Nuova Eroica” che sarà allestito nel grande Piazzale Garibaldi, accanto alla cinta muraria medioevale del paese: qui una ricca mostra mercato proporrà il meglio di tutto quello che ha a che fare con il mondo della bicicletta.

Il “Festival di Nova Eroica” sarà poi caratterizzato dal “Mercato in Scena”, un curioso viaggio alla scoperta di piccoli produttori ed artigiani che nel tipico centro storico toscano (via Soccini e via Roma), racconteranno l’eccellenza dei prodotti toscani e italiani.
Piazza Matteotti si trasformerà invece in un vero e proprio paradiso dei golosi con il “Ristorante di Strada” ideato dai ristoratori di Buonconvento che proporranno le loro specialità a pranzo e cena mentre i bar del paese offriranno i loro aperitivi accompagnati da musica.

Nel viale della Libertà sarà organizzata l’area fitness e benessere con esperti del settore che offriranno al pubblico la possibilità di conoscere e sperimentare sport e attrezzature dedicate alla forma fisica.

Il programma sarà scandito da numerosi momenti di intrattenimento e divertimento per grandi e piccini: tra le novità il laboratorio di circo per i bambini nella Piazzetta del Poggio e la Galleria d’arte di Nova Eroica che sarà allestita in via Oscura.

E nei giorni del Festival sarà possibile visitare anche il Museo d’Arte Sacra della Val d’Arbia, allestito all’interno del meraviglioso palazzo liberty Ricci Socini e al Museo della Mezzadria Senese, ospitato nei suggestivi spazi seicenteschi di un antico granaio padronale, che raccontano la storia di questo angolo di Toscana.

Il “Festival di Nova Eroica” è un progetto della Pro Loco di Buonconvento. Le informazioni e il programma completo sono disponibili sul sito www.prolocobuonconvento.com

Su Facebook: Nova Eroica oppure Proloco Buonconvento

Per partecipare alla Nova Eroica: informazioni e prenotazioni su www.novaeroica.it




ULTIMA CORSA PER IL COLNAGO CYCLING FESTIVAL

Colnago Cycling Festival 2017

 –  ULTIMI DORSALI PRIMA DEL SOLD OUT –
–  PROGRAMMA COMPLETO CCF 2018 –

Con l’arrivo della primavera si riaprono per l’ultima volta, le iscrizioni al Colnago Cycling Festival. Ormai si parla di pochi dorsali ancora a disposizione dopodiché verrà decretato il sold out per questa 6° Edizione che si preannuncia come uno degli eventi più attesi ed imitati nel panorama delle gran fondo italiane.

Il format della manifestazione negli anni si è arricchito di appuntamenti e iniziative collaterali che si rivolgono a una platea sempre più ampia e variegata, quindi non solo sport, ma puro intrattenimento e svago per le famiglie, i giovani, i bambini.

Il week end più atteso del Garda apre ufficialmente con la giornata di venerdì 6 aprile, dedicata, come per la scorsa edizione, alla Randonnée Giro del Lago, dove gli Audaci accorsi da tutto il mondo si godranno il periplo spettacolare dello specchio d’acqua più grande d’Italia con due opzioni, tutte da  scoprire: il percorso corto di 145 km e 520 mt di dislivello e il lungo con i suoi 195 km e ben 2100 mt di dislivello.

24 le Nazioni a oggi presenti all’appello del festival che unisce in una perfetta alchimia la capitale del Garda e il blasonato marchio di biciclette capitanato, con il carisma di sempre, da Ernesto Colnago, a conferma dell’internazionalità della manifestazione.

Sempre venerdì taglia i nastri anche la nuova area Expo, nel cuore di Desenzano, con tanti brand di settore che proporranno le loro novità in un centro festoso e illuminato fino a sera.
Il Sabato è di rito dedicato ai campioni in erba della Junior Bike che nel primo pomeriggio si daranno battaglia, quest’anno presso il lungolago Cesare Battisti.

In serata da annotarsi sul taccuino due appuntamenti molto importanti: la Presentazione Ufficiale della Granfondo con Ernesto Colnago e la stampa sia di settore sia locale, e il Cabaret Live del mattatore toscano Cristiano Militello, volto arcinoto di Striscia la Notizia, che per l’occasione metterà in scena in Piazza Cappelletti un pungente spettacolo dedicato ai vizi e ai tic dell’uomo moderno.

Dopo tanta attesa, finalmente la Granfondo Colnago radunerà, domenica 8 aprile, i suoi fedelissimi schierati in griglia, pronti per godersi lo spettacolo dei due percorsi – che possono essere scelti durante lo svolgimento della gara – il medio con i suoi 110 km e un’altimetria totale di 1.384 e il lungo con 159 km di passione mista a fatica ed un’altimetria di ben 2.044m.

La tre salite che attendono i ciclisti sono tutte pedalabili, ma nascondono comunque delle difficoltà tecniche, in particolare la prima che va affrontata a circa 27 km dalla partenza e che ha in questo caso una preziosa funzione di selezione, frammentando la moltitudine in gruppetti:

SALITA SAN MICHELE
Gardone Riviera al Km 27,6 a 75m, fino a San Michele al Km 33,5 a 380mt con pendenza media 6% max 12,5%.

SALITA DELLE COSTE
Sabbio Chiese al Km 59 a 290m fino alla Cima delle Coste al Km 70,6 a 568m con pendenza media 4% max 8,5%.

SALITA SAN GALLO
Botticino al Km 113 a 151m fino in cima al San Gallo (Castello) al Km 122 a 645m con pendenza media 5,6% max 12,8%.

In concomitanza con la Granfondo Colnago parte la Garda Legend, da affrontare con abbigliamento e bici d’epoca.

Più di mille addetti presidieranno la gara, con la presenza della Polizia Stradale che farà da scorta eccezionale in modo da consentire lo svolgimento in tutta sicurezza della manifestazione, fino all’ultimo ciclista.
Nel primo pomeriggio si svolgeranno le premiazioni, con interviste e presenza dei media.
Di seguito si fornisce dettaglio del programma con gli orari previsti per ciascun appuntamento:

Dal 24 Marzo al 8 Aprile 2018

MOSTRA COLNAGO
Concorso la vetrina COLNAGO CYCLING FESTIVAL

Venerdì 6 Aprile 2018
Ore 8.00 – Ritiro Dorsali Randonnée
Dalle 9.00 alle 9.30 – Partenza alla francese Randonnée Giro del Lago di Garda
Ore 10.00 – Apertura area Expo
Ore 13.00 – Orario previsto primi arrivi percorso corto Randonnée
Ore 17.00 – Orario previsto primi arrivi percorso lungo Randonnée
Dalle 16.00 alle 19.00 – Distribuzione Pettorali
Sabato 7 Aprile 2018
Ore 10.00 – Apertura area Expo
Ore 10.00 – Apertura sala stampa
Dalle 14.00 alle 19.00 – Distribuzione Dorsali
Ore 14.00 – Partenza Junior Bike
Ore 17.30 – Premiazioni Junior Bike
Ore 19.00 – Presentazione Ufficiale Granfondo Colnago
Ore 21.00 – Cabaret Live : Cristiano MilitelloDomenica 8 Aprile 2018
Dalle 5.45 alle 6.20 – Distribuzione Dorsali
Ore 6.30 – Inizio ingresso griglie di partenze
Ore 7.15 – Saluto delle Autorità alla stampa
Ore 7.30 – Partenza percorso Granfondo Medio fondo e Legend
Ore 8.00 – Apertura area Expo
Ore 8.00 – Apertura area Accoglienza
Ore 9.30 – Orario d’arrivo previsto Garda Legend
Ore 10.30 – Orario d’arrivo previsto vincitore Medio Fondo
Ore 12.00 – Orario d’arrivo previsto vincitore Granfondo
Ore 13.00 – Interviste Stampa
Ore 14.00 – Premiazioni le Vetrine della Granfondo Colnago
Ore 14.00 – Premiazioni di Categoria percorso Medio e Lungo

Attivarsi è semplice, basta collegarsi al sito ufficiale della manifestazione e cliccare sul tasto: ISCRIVITI ON LINE e seguire le procedure indicate.

COLNAGO CYCLING FESTIVAL UN EVENTO ” FESTIVAL  “

 –       Live Cabaret di Cristiano Militello ad animare il sabato sera  –
–     Un Evento non solo Granfondo : concorso le Vetrine ,mostra Colnago ,Randonèe  e Junior  –
Dal 24 marzo la città di Desenzano del Garda darà il suo personale benvenuto al festival con il Concorso “La Vetrina CCF2018” a cui ogni anno aderiscono le attività del centro, che, per l’occasione, dedicano la loro vetrina al mondo delle due ruote con pedale. In concomitanza verrà inaugurata una preziosa Mostra di alcuni dei gioielli storici della collezione privata di Ernesto Colnago, nella suggestiva cornice del castello di Desenzano del Garda, con uno spazio dedicato alla fotografia d’autore che, come tema, avrà il 100° Giro d’Italia.
Ma il week end più atteso del Garda apre ufficialmente con la giornata di venerdì 6 aprile, dedicata, come per la scorsa edizione, alla Randonnée Giro del Lago, dove gli Audaci accorsi da tutto il mondo si godranno il periplo spettacolare dello specchio d’acqua più grande d’Italia con due opzioni, tutte da  scoprire: il percorso corto di 145 km e 520 mt di dislivello e il lungo con i suoi 195 km e ben 2100 mt di dislivello.24 le Nazioni a oggi presenti all’appello del festival che unisce in una perfetta alchimia la capitale del Garda e il blasonato marchio di biciclette capitanato, con il carisma di sempre, da Ernesto Colnago, a conferma dell’internazionalità della manifestazione.

Sempre venerdì taglia i nastri anche la nuova area Expo, nel cuore di Desenzano, con tanti brand di settore che proporranno le loro novità in un centro festoso e illuminato fino a sera.

Il Sabato è di rito dedicato ai campioni in erba della Junior Bike che nel primo pomeriggio si daranno battaglia, quest’anno presso il lungolago Cesare Battisti, esattamente da dove partono i Randonneurs e i ciclisti della granfondo, quindi proprio come i grandi.
In serata da annotarsi sul taccuino due appuntamenti molto importanti: la Presentazione Ufficiale della Granfondo con Ernesto Colnago e la stampa sia di settore sia locale, e il Cabaret Live del mattatore toscano Cristiano Militello, volto arcinoto di Striscia la Notizia, che per l’occasione metterà in scena in Piazza Cappelletti un pungente spettacolo dedicato ai vizi e ai tic dell’uomo moderno.
Dopo tanta attesa, finalmente la Granfondo Colnago radunerà, domenica 8 aprile, i suoi fedelissimi schierati in griglia, pronti per godersi lo spettacolo dei due percorsi – che possono essere scelti durante lo svolgimento della gara – il medio con i suoi 110 km e un’altimetria totale di 1.384 e il lungo con 159 km di passione mista a fatica ed un’altimetria di ben 2.044m.
Per tutti i neofiti della gara, un suggerimento che esula la mera competizione: dalla Salita di San Michele si svelerà lo scenario spettacolare ed emozionante del Garda che rende la granfondo Colnago una delle gare più belle e suggestive d’Italia. Alzare gli occhi dall’asfalto sarà in quell’occasione un atto dovuto, parola di chi l’ha già vissuta.
Più di mille addetti presidieranno la gara, con la presenza della Polizia Stradale che farà da scorta eccezionale in modo da consentire lo svolgimento in tutta sicurezza della manifestazione, fino all’ultimo ciclista.
Nel primo pomeriggio si svolgeranno le premiazioni, con interviste e presenza dei media.

Programma completo : www.colnagocyclingfestival.com

CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DELLA 6° EDIZIONE 
   TANTE NOVITA’ PER UN FESTIVAL SEMPRE IN CRESCITA!

Venerdì 23 marzo, a poco più di due settimane dal week end cicloturistico più atteso del Lago di Garda, si terrà, nell’incantevole cornice della Sala Gino Benedetti del Castello di Desenzano, la conferenza stampa per la presentazione della 6° Edizione del Colnago Cycling Festival, prevista per il 6/7/8 aprile 2018.
In una location di eccezionale fascino, verranno presentate tutte le novità della nuova edizione del Colnago Cycling Festival, che anche quest’anno si conferma come uno dei 4 più importanti appuntamenti sportivi nel panorama delle gran fondo italiane.Fra le numerose novità che ogni anno il C.O. mette in campo per arricchire e rendere sempre nuovo e ancora più appassionante il festival, la serata Cabaret Live di sabato 7 aprile con la spassosa performance del comico toscano Cristiano Militello e l’esposizione al castello di alcuni gioielli della collezione privata di Ernesto Colnago, unita ad una selezione di scatti d’autore dedicata al 100° Giro d’Italia.

Presenti le autorità dell’Amministrazione di Desenzano del Garda che con grande entusiasmo hanno raccolto la sfida di sostenere e far crescere la manifestazione.

Fondamentale e immancabile presenza quella del patron del celebre marchio di Cambiago, il Cav. Ernesto Colnago, main sponsor del CCF.

Fra gli ospiti si annovera il Falco Paolo Savoldelli, che presenterà la serata, mentre per il secondo anno consecutivo ci sarà l’intervento e di Renat Khamidulin, direttore del team Gazprom.

Seguirà un ricco buffet offerto a tutti i presenti per brindare insieme a quello che si preannuncia già come un imperdibile week end di spettacolo e di intrattenimento non solo per gli appassionati di sport, ma davvero per tutti, famiglie in primis.

In occasione dell’incontro, le autorità locali conferiranno alle 4 società ciclistiche di Desenzano Del Garda un riconoscimento speciale per l’attività di promozione sportiva sul territorio.
 La granfondo Colnago è tappa del Circuito Prestigio di Cicloturismo e dello Zero Wind Show (www.zerowindshow.com).
Colnago Cycling Festival 2018



VINCENZO NIBALI HA VINTO LA 109a MILANO-SANREMO

NIBALI, CAPOLAVORO A SANREMO

Lo Squalo vince “alla vecchia maniera”, con un attacco sul Poggio, arrivando solo in Via Roma


Sanremo, 17 marzo 2018 – In una Milano-Sanremo dal sapore antico, una fuga di nove uomini ha caratterizzato i primi 260 km, molti dei quali sotto la pioggia. Con 30 km da percorrere e la pioggia alle spalle, l’ultimo degli attaccanti di giornata è stato raggiunto. A quel punto, i favoriti pre-gara, Peter Sagan e Michal Kwiatkowski, erano ben posizionati, così come molti dei velocisti più importanti al mondo. A 6,5 km dal traguardo, Vincenzo Nibali ha attaccato. Ha scollinato sul Poggio da solo con un vantaggio di 15 secondi e, nonostante un determinato inseguimento da parte di Matteo Trentin, seguito dalle squadre dei velocisti al lavoro per Elia Viviani, Caleb Ewan e Arnaud Démare, ha vinto la 109esima Milano-Sanremo in grande stile, con Caleb Ewan e Arnaud Démare rispettivamente secondo e terzo.

DATI MONITORATI OGGI
I dati forniti da Velon raccontano la Classicissima attraverso i dispositivi per il monitoraggio in tempo reale. I dati sono disponibili a questo link.


PODIO FINALE
1 – Vincenzo Nibali (Bahrain – Merida) – 294 km in 7h18’43”, media 40,208 km/h
2 – Caleb Ewan (Mitchelton – Scott) s.t.
3 – Arnaud Demare (Groupama FDJ) s.t.


DICHIARAZIONI

Il vincitore della corsa, Vincenzo Nibali, ha dichiarato in conferenza stampa: “In realtà ancora non capisco bene cosa sia successo, perché è tutto così inaspettato. È stato incredibile. Quando il campione lettone Neilands ha attaccato, mi ha chiesto di collaborare. La squadra stava lavorando per Colbrelli che era in gran forma, ma ho visto che Neilands era forte e quando ho visto che avevamo un distacco di 20 secondi, ho deciso di continuare quell’attacco. Nella parte superiore del Poggio, dove la pendenza è un po’ più alta, ho accelerato e poi ho proseguito. I 2 km finali sono stati interminabili.

Prima della gara avevo due punti chiave in mente: dapprima la Cipressa, perché se ci fosse stato un attacco con 6, 7 o addirittura 9 corridori, avrei provato a entrare ma senza spingere. Poi c’era il Poggio, il posto più pericoloso, dove era probabile un attacco di Kwiatkowski, Van Avermaet o Sagan. Ero ben posizionato nel gruppo dietro Mohoric, in attesa che qualcuno si muovesse e che reagisse. Negli ultimi 50 metri sapevo di aver vinto. Potevo vedere il traguardo davanti a me e ho fatto in modo di assaporare la vittoria.
Con Peter Sagan sono molto amico. Gli ho detto, “Cosa fai, aspetti la volata?” Non mi ha risposto. Il mio ruolo oggi era di stopper per Colbrelli. Volevo capire cosa stava facendo Peter. Un corridore come me deve arrivare da solo. In passato ho imparato che, se finisco con Alaphilippe, Kwiatkowski o Gilbert, finisco dietro.

Ho avuto molto sangue freddo nelle mie decisioni. L’attacco è stata un’ottima mossa, ho usato la testa ma anche il cuore perché per arrivare da solo al traguardo dopo tutti quei chilometri e dopo tutta la pioggia, avevo bisogno di molta determinazione.
Mi sentivo in ritardo nella preparazione per la Sanremo, ma durante la Tirreno-Adriatico la mia forma è cresciuta e mi mancava solo il guizzo finale. Sono tornato a casa e mi sono riposato, poi sono venuto in questa Milano-Sanremo in ottime condizioni, l’ho realizzato solo durante la gara. Ho finito la scorsa stagione vincendo Il Lombardia e ho iniziato questa stagione con la Milano-Sanremo. Le gare di un giorno sono speciali per me. Forse la Milano-Sanremo è stata quella che meno mi aspettavo di vincere perché non è la più adatta alle mie caratteristiche. In passato ho attaccato sul Poggio e sono andato sul podio, ma sono sempre stato battuto da chi ha un finale più veloce del mio. Oggi ho vinto e sono molto felice”.

Il secondo classificato, Caleb Ewan, ha detto: “I ragazzi sono andati alla grande, quindi alla fine non possiamo avere rimpianti. Detto questo, sono venuto qui in forma, quindi ovviamente sono un po’ deluso dal secondo posto. Matteo Trentin è andato molto bene oggi e ha provato con il suo colpo migliore. Si è avvicinato ma non è bastato perché Vincenzo Nibali era in stato di grazia”.

Il terzo classificato, Arnaud Demare, ha commentato: “Lo giornata era con vento contrario, quindi ho capito che dovevo essere paziente. Ho preso la ruota del treno Quick-Step ma mi sono reso conto che non avremmo ripreso Nibali. Ha fatto qualcosa di molto speciale oggi, attaccando sul Poggio. Dietro di lui Kwiatkowski ha contrattaccato e Sagan lo ha ripreso, quindi l’inseguimento ha richiesto altro tempo per riorganizzarsi. Andare sul podio davanti a una folla in adorazione per Vincenzo è stato comunque speciale”.

#MSR

Foto credit: LaPresse – D’Alberto / Ferrari / Alpozzi – Pool Milano-Sanremo

Press Ciclismo RCS Sport

 




La corsa per Haiti presentata al Teatro Ristori di Cividale

 

Il 13 maggio la Gran Fondo Help Haiti a Cividale   

Sport, solidarietà e spettacolo al Teatro Ristori di Cividale

Sarà un mese di maggio molto “vivace” per quel che riguarda il ciclismo in Friuli Venezia Giulia, in primis per il passaggio del Giro d’Italia – ricordiamo infatti che le due tappe, la San Vito-Zoncolan e la Tolmezzo-Sappada, si disputeranno rispettivamente il 19 ed il 20 maggio – ma anche per la “Corsa per Haiti” in programma il 13 maggio, una manifestazione che ha oltrepassato il quarto di secolo e continua a riscuotere un notevole successo fra gli amanti delle due ruote.

La Corsa per Haiti,  proposta  nelle due distanze di 141 km (la Gran Fondo) e 84 km (la Medio Fondo) è organizzata dall’Asd Chiarcosso – Help Haiti e sta diventando un appuntamento che richiama sempre più partecipanti;  la suggestione del tracciato e le bellezze naturalistiche dei luoghi attraversati oltre all’indiscutibile fascino di Cividale del Friuli – località di arrivo e partenza della Corsa – nonché il percorso che ricalca per la maggior parte quello della 19^ tappa del Giro d’Italia 2016 fanno si che la Corsa per Haiti sia entrata ormai di diritto nel gotha del ciclismo nazionale.

La manifestazione è stata presentata al Teatro Ristori di Cividale lo scorso mese di febbraio con una serata che ha mescolato sport, solidarietà e divertimento; autorità e pubblico hanno affollato il teatro e Sante Chiarcosso, presidente della società organizzatrice, si è prodigato nelle vesti di presentatore.

Fra le autorità presenti, oltre agli amministratori delle località attraversate dalla manifestazione ed all’Assessore alle risorse agricole e forestali Cristiano Shaurli, non poteva mancare il patron delle tappe friulane del Giro d’Italia Enzo Cainero che, dall’alto della sua autorevolezza, ha elogiato il lavoro svolto dai volontari che contribuiscono alla sicurezza della Corsa, sono state quindi presentate al pubblico le società ciclistiche delle Valli del Torre e Natisone che collaboreranno alla manifestazione fornendo i propri iscritti per presidiare i punti nevralgici del percorso.

Sante Chiarcosso ha presentato la serata

L’Assessore Cristiano Shaurli, Enzo Cainero e Sante Chiarcosso

La compagine dell’Asd Chiarcosso – Help Haiti

I rappresentanti delle società ciclistiche delle Valli del Torre e del Natisone

Luca Bosco dell’Associazione Natisone Outdoor

La Corsa per Haiti non è però solo un’iniziativa sportiva ma viene svolta con lo scopo principale di raccogliere fondi per dare appoggio a Help Haiti,  l’associazione che  sostiene il progetto “Bambine di Strada”, tramite la onlus Pane Condiviso e la missione di Suor Angela che porge aiuto alle bambine, tramite istruzione, vitto e per alcune anche l’alloggio, le quali altrimenti andrebbero perse nei meandri della miseria, Haiti risulta infatti essere una delle isole più povere al mondo.

La serata si è poi conclusa con lo spettacolo teatrale in friulano “O sin di Gnocis”, una brillante commedia portata in scena dalla compagnia teatrale KAPITI di Povoletto, un modo simpatico per coronare la presentazione della Corsa per Haiti.

 

 

 

Servizio e foto: Dario Furlan

 

 

 

 




Milano-Sanremo – ecco gli iscritti

Milano, 14 marzo 2018 – Annunciati oggi gli iscritti alla Milano-Sanremo, in programma Sabato 17 Marzo. Al via tutti gli specialisti delle corse di un giorno, incluso il podio della passata edizione con il vincitore, Michał Kwiatkowski, il secondo classificato, il Campione del Mondo Peter Sagan ed il terzo, Julian Alaphilippe. Saranno 25 le formazioni al via (18 UCI WorldTeams e 7 Wild Card) composte da 7 corridori ciascuna.


DOWNLOAD: Elenco Iscritti,

UCI WORLDTEAMS18 (aventi diritto) – totale 25 squadre di 7 corridori ciascuna

  • AG2R LA MONDIALE
  • ASTANA PRO TEAM
  • BAHRAIN – MERIDA
  • BMC RACING TEAM
  • BORA – HANSGROHE
  • GROUPAMA – FDJ
  • LOTTO SOUDAL
  • MITCHELTON – SCOTT
  • MOVISTAR TEAM
  • QUICK – STEP FLOORS
  • TEAM DIMENSION DATA
  • TEAM EF EDUCATION FIRST – DRAPAC P/B CANNONDALE
  • TEAM KATUSHA ALPECIN
  • TEAM LOTTO NL – JUMBO
  • TEAM SKY
  • TEAM SUNWEB
  • TREK – SEGAFREDO
  • UAE TEAM EMIRATES

UCI Professional Continental Teams 7 wild card

  • BARDIANI CSF
  • COFIDIS, SOLUTIONS CREDITS
  • GAZPROM – RUSVELO
  • ISRAEL CYCLING ACADEMY
  • NIPPO – VINI FANTINI – EUROPA OVINI
  • TEAM NOVO NORDISK
  • WILIER TRIESTINA – SELLE ITALIA

Il Quartier Generale per la vigilia della Classicissima, venerdì 17 marzo, sarà la Fabbrica del Vapore, Via G.C. Procaccini 4,Milano. Questo il programma della giornata:

  • 14:00 – 18:00 Operazioni Preliminari ed Accrediti
  • 14:00 – 19:00 Sala Stampa
  • 14:15 – 15:45 Verifica Licenze
  • 16:00 Riunione della Direzione Corsa con Giuria e Direttori Sportivi
  • 16:30 Riunione della Direzione Corsa con Fotografi e TV
Il Quartier Generale il giorno della gara sarà il consueto Palafiori, Corso Garibaldi, Sanremo, aperto dalle ore 11:00.

PERCORSO
La Milano-Sanremo NamedSport si svolge sul percorso classico che negli ultimi 109 anni ha collegato Milano con la riviera di Ponente attraverso Pavia, Ovada, il Passo del Turchino per scendere su Genova Voltri. Da lì si procede verso ovest attraverso Varazze, Savona, Albenga fino a Imperia e San Lorenzo al Mare dove, dopo la classica sequenza dei Capi (Mele, Cervo e Berta), si affrontano le due salite inserite negli ultimi decenni: Cipressa (1982) e Poggio di Sanremo (1961). La Cipressa misura 5,6 km ad una pendenza media del 4,1% e presenta una discesa molto tecnica che riporta sulla SS1 Aurelia.

Ultimi km
A 9 km dall’arrivo inizia la salita del Poggio di Sanremo (3,7 km a meno del 4% di pendenza media con punte dell’8% nel tratto che precede lo scollinamento). La salita presenta una carreggiata leggermente ristretta e quattro tornanti nei primi 2 km. La discesa è molto tecnica su strada asfaltata, ristretta in alcuni passaggi, con un susseguirsi di tornanti, di curve e controcurve fino all’immissione nella statale Aurelia. L’ultima parte della discesa si svolge nell’abitato di Sanremo. Ultimi 2 km su lunghi rettilinei cittadini. Da segnalare a 850 m dall’arrivo una curva a sinistra su rotatoria e ai 750 m dall’arrivo l’ultima curva che immette sul rettilineo finale di via Roma, tutto su fondo in asfalto.

LIVE TWEET
Potrete seguire la Milano-Sanremo NamedSport grazie a un live tweet, con tutti gli aggiornamenti della corsa, dal profilo twitter ufficiale @Milano_Sanremo – L’hashtag è #MSR
Foto Credit: LaPresse
Press Ciclismo RCS Sport



Kwiatkowski vince la 53a Tirreno-Adriatico

KWIATKOWSKI RE DEI DUE MARI
 È il primo successo polacco nella storia della corsa. Dennis si ripete a cronometro.

San Benedetto del Tronto, 13 Marzo 2018 – Michal Kwiatkowski (Team Sky) ha respinto l’offensiva di Damiano Caruso (BMC Racing Team), aumentando il suo vantaggio nella Generale e diventando il primo corridore polacco a vincere la Tirreno-Adriatico. Caruso ha mantenuto il secondo posto mentre Geraint Thomas (Team Sky) ha scavalcato Mikel Landa (Movistar Team) salendo sul terzo gradino del podio.
Rohan Dennis (BMC Racing Team) ha vinto per la seconda volta consecutiva la cronometro di chiusura della Tirreno-Adriatico, migliorando la sua prestazione del 2017 di quattro secondi lungo lo stesso percorso di San Benedetto del Tronto (10 km). Al seondo posto ancora Jos van Emden (LottoNL-Jumbo), come l’anno scorso. Terzo Jonathan Castroviejo (Team Sky).

DATI MONITORATI OGGI
I dati forniti da Velon raccontano la tappa attraverso dati dispositivi per il monitoraggio in tempo reale. I dati sono disponibili a questo link.

DOWNLOAD

CLASSIFICA GENERALE
1 – Michal Kwiatkowski (Team Sky)
2 – Damiano Caruso (BMC Racing Team) a 24″
3 – Geraint Thomas (Team Sky) a 32″

RISULTATO DI TAPPA
1 – Rohan Dennis (BMC Racing Team) – 10 km in 11’14”, media 53,412 km/h
2 – Jos Van Emden (Team Lotto NL – Jumbo) at 4″
3 – Jonathan Castroviejo (Team Sky) at 8″

MAGLIE

  • Maglia Azzurra, leader della classifica generale, sponsorizzata da Gazprom – Michal Kwiatkowski (Team Sky)
  • Maglia Arancione, leader della classifica a punti, sponsorizzata da Sportful – Jacopo Mosca (Wilier Triestina – Selle Italia)
  • Maglia Verde, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Snello Rovagnati – Nicola Bagioli (Nippo – Vini Fantini – Europa Ovini)
  • Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani, sponsorizzata da FIAT – Tiesj Benoot (Lotto Soudal)

CONFERENZA STAMPA
La Maglia Azzurra, Michal Kwiatkowski, ha dichiarato: “Ero molto nervoso mentre facevo riscaldamento perché pioveva. Avevo paura che qualcosa potesse andare storto e quindi ho deciso di fare molta attenzione nelle curve rallentando. Complessivamente mi sentivo bene e ho potuto fare una buona prestazione. La Tirreno-Adriatico è il successo in una corsa a tappe più importante della mia carriera. È una corsa bellissima con un trofeo stupendo. È anche una delle corse più dure. È stata una settimana difficile per il Team Sky. Abbiamo avuto un po’ di sfortuna con Geraint Thomas ma alla fine eravamo davvero motivati per fare bene. Ci siamo riusciti. Questo trofeo mi dà una sensazione meravigliosa. Sono fiducioso nel Team Sky, mi aiuteranno al meglio nel tentativo di vincere nuovamente la Milano-Sanremo.”

Il vincitore di tappa, Rohan Dennis, ha dichiarato: “Inizialmente non ero venuto alla Tirreno-Adriatico per fare classifica a differenza dell’anno scorso. Dovevo correre in supporto di Richie Porte. Una volta che Richie era fuori dai giochi Damiano [Caruso] era diventato il capitano per la CG. Speravo di poter ripetere oggi la prestazione dell’anno scorso. Sono andato più veloce, è un buon segno. Il mio allenatore ha detto che è normale fare fatica in giornate più lunghe come la frazione dedicata a Scarponi (Tappa 5). Gli ultimi due mesi e mezzo sono stati pesanti, ho corso tanto. Prenderò una pausa ora prima di riprendere al Tour de Romandie in vista del Giro d’Italia, il mio obiettivo non sarà la cronometro d’apertura ma far bene nel corso delle tre settimane.”

Damiano Caruso, secondo classificato nella CG, ha dichiarato: “È un ottimo risultato per me e per la mia squadra. Mi rende più fiducioso per le prossime gare. Kwiatkowski è un ragazzo forte. Stamattina sapevo che sarebbe stato difficile batterlo. Ho dato il massimo. Mantenere il secondo posto su Geraint Thomas che è uno specialista è un risultato molto positivo! “

Geraint Thomas, terzo classificato nella CG, ha detto: “Sono andato lento nelle curve a causa della pioggia. Non volevo cadere, assolutamente. Sapevo che la vittoria di tappa non era raggiungibile ma volevo salire sul podio finale. Il divario con Caruso era semplicemente troppo ampio. È bello essere il terzo. Il problema meccanico che ho avuto quando ero in Maglia Azzurra mi è costato la vittoria ma fortunatamente avevamo una squadra forte per vincere”.

Il vincitore della Classifica a Punti Jacopo Mosca ha dichiarato: “È incredibile per me battere Peter Sagan nella Classifica a Punti. L’ho guardato correre oggi, sperando che non andasse a tutta e quando ho visto il suo intertempo ho capito che lui non avrebbe finito tra i primi sette, a quel punto ho capito che la maglia era mia. Ho faticato tanto questa settimana e porto a casa un bel risultato.”

Il Miglior Scalatore Nicola Bagioli ha detto: “All’inizio della Tirreno-Adriatico non mi aspettavo di salire sul palco per la ceremonia finale. Sono andato a caccia dei primi punti assegnati per la Maglia Verde nella seconda tappa e poi ho corso per portare a casa questo risultato. Spero di continuare a migliorarmi per raggiungere il livello dei corridori più forti.”

Il miglior giovane Tiesj Benoot ha dichiarato: “Avevo il 50% di possibilità di mantenere la Maglia Bianca contro Jaime Roson. Con le condizioni di bagnato è stata una cronometro difficile. Dovevo andare veloce ma non ho corso troppi rischi. Sono riuscito a vincere la Maglia Bianca e conquistare la quarta posizione in CG: è una sorpresa più grande della vittoria alle Strade Bianche. Non avevamo fatto una buona cronosquadre di apertura ma adesso sono complessivamente molto contento di questa mia settimana alla Tirreno. “

Peter Sagan, premiato come corridore più combattivo, ha dichiarato: “Non ho vinto una tappa ma sono contento di come è andata questa settimana. Ho fatto un buon lavoro, ogni giorno mi sentivo sempre meglio. La mia forma è ok per questo periodo dell’anno. Tutto sta andando secondo i piani. È bello per Kwiatkowski vincere la Tirreno-Adriatico. Avremo un’altra partita interessante sabato: la Milano-Sanremo. ”

STATISTICHE

  • La Polonia è la dodicesima nazione a scrivere il proprio nome nell’albo d’oro della Tirreno grazie a Michal Kwiatkowski: fino ad ora l’unico polacco ad essersi piazzato sul podio finale della Corsa dei Due Mari era stato Zenon Jaskula, secondo nel 1990. L’ultimo successo di tappa polacco alla Tirreno è del 1989 con Lech Piasecki a San Benedetto del Tronto. Finora la Polonia ha vinto solo cronometro individuali alla corsa dei due mari (2 Piasecki, 1 Czeslaw Lang).
  • Kwiatkowski conquista la Generale senza nessun successo di tappa, come Vincenzo Nibali nel 2013.
  • Anche per la Gran Bretagna arriva il secondo piazzamento a podio nella generale della Tirreno: Geraint Thomas, terzo, succede al compagno Chris Froome, che fu secondo nel 2013.
  • Damiano Caruso è il primo italiano sul podio della Tirreno dalla vittoria di Vincenzo Nibali nel 2013.

#TirrenoAdriatico

PHOTO CREDIT: LaPresse – D’Alberto / Spada / Ferrari

Press Ciclismo RCS Sport