Presentate a CosmoBike le Tappe Venete del Giro d’Italia

IL GIRO D’ITALIA A COSMOBIKE CON LE TAPPE VENETE

A Veronafiere l’Assessore ai Lavori Pubblici, Infrastrutture e Trasporti della Regione del Veneto, De Berti, il Sindaco di Verona, Sboarina, il Presidente di Veronafiere, Danese e il Direttore Generale, Mantovani, l’Amministratore Delegato di RCS Sport, Bellino e il Direttore del Giro d’Italia, Vegni hanno illustrato nel dettaglio il progetto. Francesco Moser, Ivan Basso, Giovanni Battaglin (vincitori della Corsa Rosa con finale a Verona) hanno rivissuto le loro imprese interagendo con il Vice Direttore de La Gazzetta dello Sport, Pier Bergonzi. Svelate anche le maglie celebrative del Giro d’Italia della tappa di Verona e della Feltre – Croce d’Aune-Monte Avena.

Download: mappe delle tappe venete del Giro d’Italia 2019

Verona, 16 febbraio 2019 – Saranno quattro le tappe che coinvolgeranno interamente o in parte il Veneto nel prossimo Giro d’Italia. Già ufficializzate durante la presentazione della Corsa Rosa nel novembre scorso, oggi – a Veronafiere all’interno del programma di Cosmobike – si è entrati nel dettaglio del progetto con Elisa De Berti, Assessore ai Lavori Pubblici, Infrastrutture e Trasporti della Regione del Veneto, il Sindaco di Verona, Federico Sboarina, il Presidente di Veronafiere, Maurizio Danese insieme al Direttore Generale dell’ente, Giovanni Mantovani, l’Amministratore Delegato e Direttore Generale di RCS Sport, Paolo Bellino e il Direttore del Giro d’Italia, Mauro Vegni.

L’Arena di Verona, dove il Giro d’Italia terminerà il 2 giugno

Le frazioni che coinvolgeranno la Regione sono la Valdaora / Olang – Santa Maria di Sala (Venezia) di giovedì 30 maggio e la Treviso – San Martino di Castrozza del giorno seguente. Le due tappe che chiuderanno il 102esimo Giro d’Italia saranno la Feltre – Croce d’Aune-Monte Avena (partenza e arrivo nella provincia di Belluno) di sabato 1 giugno e la cronometro individuale a Verona con finale all’interno dell’Arena di Verona dove verrà incoronato il vincitore della Corsa Rosa.



Ospiti d’onore dell’evento sono stati tre vincitori del Giro che proprio a Verona – all’interno dell’Arena gremita di tifosi – hanno coronato il loro sogno: Giovanni Battaglin (1981), Francesco Moser (1984), e Ivan Basso (2010).

Per il 13esimo anno consecutivo ci sarà almeno un arrivo di tappa in Veneto. Con l’edizione 102 della corsa Rosa, il Veneto porterà a 285 le sue presenze tra partenze e arrivi di tappa.

DICHIARAZIONI

Luca Zaia, Presidente Regione del Veneto, ha mandato un messaggio dichiarando: <<Grandi montagne sulla Feltre – Croce d’Aune-Monte Avena e sulla Treviso – San Martino di Castrozza, quasi a evocare la candidatura di Milano-Cortina alle Olimpiadi invernali del 2026. Una super tappa per velocisti da Valdaora a Santa Maria di Sala. Quindici chilometri di fuoco a cronometro tutti a Verona, in un grande e spettacolare finale con un ritmo da Marcia Trionfale dell’Aida nel magico scenario dell’Arena. Il Veneto ha già tinto di rosa le sue città e le sue strade, e aspetta con il solito entusiasmo il Giro d’Italia 2019, che ringrazio per esserci anche quest’anno a nome delle centinaia di migliaia di praticanti e di tutti gli appassionati della regione più sportiva d’Italia.>>
<<Santa Maria di Sala, Feltre, la Treviso dell’indimenticato Nani Pinarello, la Verona del veronesissimo campione Elia Viviani sono pronte a organizzare tutto per bene: saranno quattro feste del ciclismo, della passione, dello sport legato a territori bellissimi, a storia, cultura, enogastronomia. Le città venete saranno come il “treno” di una grande squadra che guida il suo velocista negli ultimi chilometri, e di questa squadra Verona, con il fascino di Romeo e Giulietta e con l’Arena, sarà il capitano, ospitando gli ultimi 15 chilometri, quelli dove sbagliare non si può, perché dietro l’arrivo c’è la Maglia Rosa definitiva.>>
<<Grazie di esserci al Giro, grazie alla Gazzetta e a un’organizzazione che fa scuola nel mondo, grazie a squadre, atleti e comitati locali. Grazie allo sport, uno dei sorrisi della vita.>>

Il Sindaco di Verona, Federico Sboarina, ha detto: <<Il Giro d’Italia è un evento sportivo che porto nel cuore. Ero infatti Assessore allo Sport nel 2010, l’ultima volta che il Giro scelse Verona per la tappa finale, con la vittoria del campione Ivan Basso. Oggi, da Sindaco, sono orgoglioso di vivere nuovamente la grande esperienza e fare in modo che Verona accolga al meglio la Corsa Rosa. La nostra città e il suo anfiteatro hanno visto il trionfo di Francesco Moser, che proprio qui ha vinto il suo primo e unico Giro d’Italia. Era il 1984. Oggi come allora, l’Arena festante per l’arrivo dei ciclisti è un’immagine che resta indelebile nella memoria. Il conto alla rovescia è iniziato, ci apprestiamo a vivere un evento davvero unico dal punto di vista sportivo, oltre che un’occasione per confermare la vocazione internazionale della nostra città>>.

Per Veronafiere, il Presidente Maurizio Danese e il Direttore Generale, Giovanni Mantovani, hanno sottolineato come:<<Veronafiere può definirsi a buon diritto capitale italiana della bicicletta che trova ampia declinazione con il nuovo progetto Cosmobike Show, festival della due ruote a pedali ed ouverture della stagione ciclistica che insieme ai suoi protagonisti include tutti gli aspetti della passione, e con la tappa finale del Giro d’Italia che partirà proprio dalla Fiera per terminare nell’Arena di Verona, straordinario palcoscenico internazionale per questo meraviglioso sport>>.

I tre vincitori del Giro a Verona: Giovanni Battaglin (1981), Ivan Basso (2010) e Francesco Moser (1984)

Paolo Bellino, Amministratore Delegato e Direttore Generale di RCS Sport, ha dichiarato:<<Il Giro d’Italia è per il gruppo RCS un evento in continua crescita e che vogliamo sviluppare anno dopo anno. Veneto per il ciclismo vuol dire alta fedeltà alla Corsa Rosa ed eccellenza internazionale. Tanti dei nostri partner vengono da questa regione che da sempre dà lustro al nostro Paese.>>
<<Anche quest’anno avremo quasi 200 televisioni collegate nei 5 continenti che ci permetteranno di raggiungere una audience potenziale di oltre 800 milioni di persone. Verranno trasmesse immagini di altissima qualità, focalizzate sia sulla parte sportiva che su quella paesaggistica, artistica e culturale che sono le eccellenze d’Italia>>.

Il Direttore del Giro d’Italia, Mauro Vegni, ha evidenziato come:<<Il rapporto della Corsa Rosa con il Veneto è storico e risale agli albori del Giro, esattamente il 19 maggio 1912. Tantissime tappe (285 tra partenze e arrivi) da allora si sono disputate in questa splendida Regione. Quest’anno, in particolare, il Veneto sarà il giudice ultimo della 102esima edizione con l’arrivo per velocisti a Santa Maria di Sala e la ripartenza il giorno seguente da Treviso. Le ultime due frazioni della corsa incoroneranno il vincitore, colui che alzerà al cielo il Trofeo senza Fine. La Feltre – Croce d’Aune-Monte Avena sarà l’ultimo appello per gli scalatori mentre, il giorno seguente, nello splendido scenario di Verona e della sua Arena, la cronometro individuale darà il verdetto finale. Sono certo che sarà una grande festa dello sport e del ciclismo in particolare, nella Regione che ha il numero di appassionati e praticanti più alto d’Italia>>.

#Giro

Foto Credit: LaPresse

Press Giro d’Italia




Belforte, Monfalcone Domenica 17 febbraio, dalle 15:30 GRANDE FESTA FINALE FACCE DA CAMPIONI

Si tiene domenica 17 febbraio 2019, dalle 15.30 alle 19.30, la “giornata del completamento” o happy hour dello scambio, festa finale del concorso facce da campioni, che valorizza i giovani sportivi del territorio. In questa occasione i partecipanti potranno scambiare le figurine direttamente con gli organizzatori e promotori dell’album. I collezionisti potranno cedere, nella giornata evento, le proprie figurine doppie richiedendo i numeri mancanti. Potranno scambiare fino ad un massimo di 15 figurine mancanti consegnandone almeno altrettante. Per chi avrà compilato la Mancolista (inviandola via mail all’indirizzofaccedacampioni.belforte@gmail.com), ci sarà la possibilità di ritirare la propria busta personale con le figurine che avrà richiesto. Per chi avrà compilato più album di figurine sono previsti premi speciali.
Alla Società Sportiva partecipante che si presenterà con il maggior numero di album completati sarà assegnato in regalo un defibrillatore semi-automatico.
Alla seconda Società Sportiva che completerà più album sarà riservato uno spazio in Galleria per raccogliere le adesioni e promuovere la propria Società Sportiva.
Il Belforte aderisce inoltre all’iniziativa solidale Insieme si può, per sostenere al Croce Rossa italiana, che avrà luogo sempre domenica 17 febbraio e verrà ripetuta il 24 febbraio, finalizzata all’acquisto di ambulanze




IL CLUB 91 SQUADRA CORSE APRE IL 2019 SU TRIPLICE FRONTE

CLUB 91 APRE IL 2019 SU TRIPLICE FRONTE

Il sodalizio di Rubano abbraccia la nuova stagione presentandosi al via del Rally Day Two Castles, del Lessinia Historic Rally e della Coppa Attilio Bettega.

Rubano (Pd), 15 Febbraio 2019 – Anno nuovo, testa bassa e lavorare sodo, questo sembra essere il mantra del Club 91 Squadra Corse per l’imminente fine settimana.

La scuderia di Rubano, in provincia di Padova, sarà impegnata su tre fronti, nell’intento di far partire nel migliore dei modi una stagione che si preannuncia ricca di sfide alquanto emozionanti.

Puntatina oltre confine, precisamente in Croazia, quella che vedrà protagonisti tre equipaggi, a difesa dei colori del sodalizio rubanese, nella seconda edizione del Rally Day Two Castles, in programma per i prossimi 16 e 17 Febbraio. L’evento con base a Limski Kanal, articolato su poco più di cinquantacinque chilometri su fondo sterrato, accoglierà il tridente composto da Fabrizio Rossetti, “Kikko” e Mattia Ferraretto. Il pilota di Mestre sarà affiancato dal figlio Tommaso su una Fiat 124 special T, il patavino con “Lazza” su una BMW 320I ed il rampollo di casa Ferraretto, con al proprio fianco la mamma Monica, sulla Opel Ascona 400 di papà Mariano.

Se molto ci si aspetta dalle tre punte schierate oltre confine non da meno sono le ambizioni che il Club 91 Squadra Corse nutre per la prima edizione del Lessinia Historic Rally. Dopo otto anni nella veste di regolarità sport il vulcanico Valpantena Rally Club ha deciso quindi di alzare l’asticella, mettendo sul piatto un appuntamento destinato a diventare un classico nel mondo dei rally storici. Ad un’occasione così importante non si poteva mancare ed a timbrare il cartellino di presenza, per i colori grigio fucsia, scenderà dalla pedana di partenza Antonio Regazzo, in coppia con Mauro Rizzo, su una Alfa Romeo Alfetta GTV6 2.5. Oltre sessanta i chilometri di prove speciali in programma, suddivisi in nove tratti cronometrati, vedranno impegnati il pilota di Rubano nel 3° raggruppamento, nella giornata di Sabato 16 Febbraio.

Non c’è due senza tre ed ecco che il Club 91 Squadra Corse sarà al via anche della Coppa Attilio Bettega, evento di regolarità classica per auto storiche, che si terrà a Bassano del Grappa tra Sabato 16 e Domenica 17 Febbraio. Con il numero nove sulle fiancate della Opel Kadett GTE aprirà il proprio 2019 il rubanese Alberto Ferrara, affiancato da Maurizio Farsura sul sedile di destra, in quello che viene considerato da molti come il “Montecarlo italiano”.

“Un inizio di anno particolarmente caldo, nonostante siamo solo a metà Febbraio” – racconta Martinello (presidente Club 91 Squadra Corse) – “e ci apprestiamo a vivere un fine settimana denso di emozioni. Saremo impegnati su tre campi contemporaneamente, partendo dai rally, uno dei quali fuori dai confini italiani. Avremo tre equipaggi al Rally Day Two Castles ed uno al neonato Lessinia Historic Rally. Il primo su terra ed il secondo su asfalto. Non ci facciamo mancare nulla per iniziare con un importante banco di prova. Saremo al via anche della Coppa Attilio Bettega con un nostro portacolori. Come si dice di solito? Chi ben comincia…”

Club 91 Squadra Corse

 




Domenica 17 febbraio a Prepotto la 5^ Marcia dello Schioppettino

logo proloco Prepotto

5^ Marcia dello Schioppettino

La Pro Loco di Prepotto organizza la 5^ Marcia dello Schioppettino di Prepotto. Il giorno 17 Febbraio 2019 sarà possibile vedere lo splendido paesaggio in uno dei quattro percorsi organizzati: 3, 7, 14 e 24 km. I percorsi si sviluppano su strade sterrate, sentieri, strade secondarie e prive di grande traffico, passando attraverso piccole borgate, splendidi boschi e vigne.

In tutti e quattro i percorsi sono presenti dei ristori così organizzati:

  • Sui 3 km uno all’arrivo
  • Sui 7 km uno lungo il percorso più uno all’arrivo
  • Sui 14 km 3 lungo il percorso più uno all’arrivo
  • Sui 22 km 5 lungo il percorso più uno all’arrivo

Orario e Punti di Partenza

La partenza è prevista dalle ore 8:30 alle ore 10:00 a Prepotto, Piazza fronte Municipio. Per motivi di sicurezza, è tassativamente vietato immettersi sul tracciato prima delle ore 8:30. L’assicurazione, i controlli per la vidimazione del cartellino di partecipazione ed i ristori entreranno in funzione dopo l’orario di partenza.

Iscrizione singoli

E’ possibile iscriversi con ritiro cartellini dal 1 febbraio 2019 a venerdì 15 presso i locali convenzionati di seguito elencati:

  • Bar Rebolla a Prepotto, Via Brolo 36, gli orari di apertura sono dal lunedì al venerdì 06-14 e 16-20 e sabato e domenica 07-14
  • Birrificio e Cantina Terre Petrussa Via Fornalis, 50, 33043 Cividale del Friuli UD
  • Bar “Match Ball”, Via dei laghi 37 Togliano di Torreano UD. Dal martedì al venerdì 10:30 – 14:30 e 16:30 – 02:00. Sabato e Domenica 10-30 – 02. Lunedì chiuso.
  • Tania e Paola – Pasticcere in Cormons, Via C. Cumano, 1, 34071 Cormons GO. Dal martedì al sabato 6:30-14 e 16-19. Domenica 07-14 e 16-19. Lunedì chiuso.
  • Fioreria “Borgo Aquileia” Borgo Aquileia, 4, 33057 Palmanova UD Dal 1.2.2019 al 13.2.2019
  • L’Ostarie di Brezan, Via Pittoni 2, 34071 Cormons GO. Dal lunedì al venerdì dalle 07:30-13:30 e 16:00-21:00, sabato 8:00 – 13:30, domenica e festivi 9:00-13:00. Dal 1.2.2019 al 9.2.2019

oppure sabato 16 febbraio dalle ore 10.00 alle ore 18.00 presso il luogo di partenza (Palaschioppettino) o Domenica 17 dalle ore 8.00 alle ore 10.00 presso il luogo della partenza

A fini assicurativi è necessario iscrivere anche i bambini. Per velocizzare le iscrizioni vi chiediamo di portare con voi la tessera sanitaria.

Iscrizione gruppi

I gruppi devono essere almeno di 15 persone.

Dalle ore 8.00 del giorno 1 febbraio 2019 alle ore 17.00 di venerdì 15 febbraio 2019 presso il sito dell’organizzatore al link Iscrizione Gruppi. Con rititro cartellini Sabato 16 dalle 10.00 alle 18.00 e Domenica 17 dalle ore 8.00 alle ore 10.00 presso il luogo della partenza.

Oppure presso i locali convenzionati sopra citati con pagamento e ritiro cartellini presso gli stessi entro venerdì 15 febbraio.

Servizi

Bus navetta dalla zona Poianis-Novacuzzo (Zona industriale) dove c’è ampia possibilità di parcheggio.

Segnaletica chilometrica e direzionale, controlli e servizio scopa. L’assistenza sanitaria sarà curata dai volontari della CRI. Disponibilità di docce e WC in area limitrofa all’arrivo. Durante tutta la manifestazione presso il Palaschioppettino saranno attivi fornitissimi chioschi enogastronomici.




PRESENTATI A MAROSTICA I CAMPIONATI ITALIANI DI PARACICLISMO 2019

 

Marostica, 11 febbraio 2019 – Nella meravigliosa cornice del Castello di Piazza degli Scacchi a Marostica, si è da poco conclusa la conferenza stampa di presentazione dei Campionati Italiani di Paraciclismo, che si svolgeranno appunto tra Marostica e Bassano del Grappa il 22 e 23 giugno prossimi, con regia a cura della ormai collaudatissima ASD “Giubileo Disabili Roma” di Mauro Valentini.

Molto sentito il saluto del Presidente Federale Renato Di Rocco: “ Il Consiglio Federale non poteva fare scelta migliore nell’assegnare all’Asd Giubileo Disabili di Mauro Valentini l’organizzazione dei Campionati Italiani Handbike 2019. La Società, infatti, ha l’esperienza e la competenza necessarie a garantire il miglior esito dell’evento che assegnerà le maglie tricolori delle gare in linea e della cronometro alle varie categorie paralimpiche. Fa testo il successo dei grandi eventi già realizzati nel corso degli anni, ultimo dei quali il Mondiale ospitato a Maniago, in Friuli Venezia Giulia. Gli organizzatori potranno avvalersi della disponibilità entusiasta dei comuni di Marostica e Bassano del Grappa ad offrire i loro teatri naturale e la calorosa accoglienza della gente vicentina.”
Unanimi i commenti dei primi cittadini Matteo Mozzo e Riccardo Poletto, rispettivamente di Marostica e Bassano, a cui ha fatto eco anche l’Assessore alla Sanità del Veneto Manuela Lanzarin: “E’ per noi un motivo di vanto ospitare i Campionati Italiani di Paraciclismo, in una terra fortemente votata allo sport ed in particolar modo al ciclismo. Punteremo a garantire la massima collaborazione all’ASD Giubileo Disabili per la riuscita dell’evento, consci inoltre di poter far affidamento sulla passione del pubblico e dei cittadini che non mancano mai di manifestare il proprio sostegno agli atleti che si cimenteranno nelle varie gare in programma. Quante sfide abbiamo vissuto al “Mercante”, – chiosa Poletto – Capite bene che il Veneto in generale attende con trepidazione questo evento ed è pronto a mettere sul piatto tutta l’esperienza dei suoi uomini migliori.”
Non potevano mancare all’appuntamento i veri protagonisti, gli atleti, molti dei quali pluri medagliati Olimpici o freschi Campioni del Mondo. A fare gli onori di casa Francesca Porcellato, la “rossa volante” Campionessa Olimpica e Mondiale in carica, che visibilmente emozionata ha confidato al pubblico di “essere fortemente entusiasta nel poter disputare in casa gli Italiani assoluti, dopo il bellissimo Mondiale di Maniago”. Numerose altre “pedine da novanta” si sono poi susseguite negli interventi: parliamo degli irriducibili Alex Zanardi il bolognese classe ’66 pronto a regalare ancora forti emozioni e di Paolo Cecchetto, di un anno più giovane trionfatore a Rio 2016 nella gara in linea e secondo nella staffetta di Maniago 2018; di Fabrizio Cornegliani (altro oro a Maniago) e dei due friulani Mestroni e Pittacolo, anch’essi splendidi vincitori di fatto in casa l’anno scorso.
Numeroso il pubblico intervenuto, a testimonianza del forte attaccamento agli atleti ed al movimento intero, che non vede l’ora di poter assistere allo spettacolo garantito di giugno.

Cycling Communication
Press Office Campionati Italiani di Paraciclismo 2019




Rally DUE CASTELLI 2019: il 16 e 17 febbraio in Croazia il rally aperto a tutti i tipi di vetture.

RALLY DAY 2 CASTELLI

ovvero… tutti contro tutti; torna il rally aperto a tutti i tipi di auto e non solo: vetture da rally – tutte le classi e scadute omologazione -, wrc, rallycross, autocross, prototipi tubolari, kart kross, fuoristrada, Side by Side, in poche parole tutto quello che ha un roll bar, sedili anatomici, cinture di sicurezza e stacca batterie. Ricordiamo che la scorsa edizione è stata vinta da Nicolò Marchioro; il pilota di Montagnana, con Marco Marchetti alle note, ha infatti portato al successo la Ford Fiesta R5 preparata dal Team RB Motorsport per i colori della scuderia MRC Sport di Brugnera .

La partenza della gara organizzata dall’’Auto Klub Porec Motorsport e Auto Club Skok Racing avverrà nella località Croata di Limski Kanal, poco distante da Rovigno, dove avranno sede il quartier generale ed il parco assistenza. La lunghezza del percorso sarà di 60 chilometri, sono previste 4 prove speciali su terra da ripetere 2 volte per un totale di 55 km; partenza alle ore 9 di domenica 17 febbraio e arrivo alle ore 15:30, premiazioni alle ore 18.

La semplicità della formula di gara del Rally Day Due Castelli e i ridotti costi di iscrizione attireranno moltissimi piloti anche dal nostro paese, un occasione quindi per divertirsi al rombo dei motori nella vicina Croazia.

Questo il programma:
Sabato 16.02.2019
• 08,00 – 12,00 – Verifiche
• 10,00 – 16,00 – Ricognizione
• 14,00 – 17,30 – SHAKEDOWN
Domenica 17.02.2019
• 09:00 – Partenza rally
• 15:30  – Arrivo
• 18:00 – Premiazioni

Ulteriori informazioni al link rallyday2castelli

Dario Furlan

 




Udinese: un punto contro la Fiorentina per ripartire

22a di seria A con Udinese e Fiorentina che si affrontano al Friuli. Le squadre arrivano da momenti diametralmente opposti: 4 punti per i viola nelle prime due gare del 2019 e semifinali di Coppa Italia grazie alla vittoria per 7 a 1 ai danni della Roma, per i bianconeri invece due sconfitte con un gol segnato e ben 6 subiti contro Parma e Sampdoria.

Accoglienza gelida dei tifosi in sciopero del tifo, da segnalare solo uno striscione dei distinti in ricordo di Zamberletti e l’applauso pre gara in ricordo di Davide Astori.

3-5-2 friulano con Musso in porta, De Maio, Troost-Ekong e Nuytinck in difesa, Larsen, Behrami, Mandragora, Fofana e D’Alessandro con De Paul e Pusseto in avanti. Per la viola Lafont in porta, Laurini, Pezzella, Milenkovic e Biraghi in difesa, Gerson, Veretour e Fernandes in mediana con Chiesa e Muriel a supporto di Mirallas.

Al 12’ super occasione friulana con De Paul davanti al portiere, ma l’argentino la calcia fuori. Un minuto prima del ricordo di Davide Astori, i tifosi viola lo inneggiano, il resto dello stadio applaude ricordandolo. Al 21’ azione confusa in area viola con Troost-Ekong che va al tiro, troppo debole e parato facilmente da Lafont. Due minuti più tardi prima occasione viola con Muriel, ma il colpo di testa finisce a lato. Al 26’ colpo di testa di Pezzella da centro area, Musso si supera evitando la capitolazione. Udinese pericolosa con Pussetto al 40’, dalla destra prova il tiro ma la palla colpisce solo l’esterno della rete.

Al 56’ ripartenza bianconera con Pussetto che si fa tutto il campo e la mette per Larsen che trova il vantaggio bianconero. Al 65’ il pareggio viola, tiro di Fernandes da fuori area con un diagonale che si infila nell’angolino alla destra di Musso. Al 77’ doppio pericolo viola con due conclusioni di Chiesa, la prima parata da Musso, la seconda fuori di poco, Fiorentina più pericolosa in questa fase del match. Ancora Pussetto all’81’, da posizione defilata, palla a lato e occasione sprecata. Due minuti più tardi palla splendida di Muriel per Chiesa che prova a girarla di testa, senza trovare la porta. All’ultimo minuto pericolo Fiorentina con colpo di testa del nuovo entrato Ceccherini, con Musso che la mette in angolo e salva il pareggio.

Pareggio giusto per quanto visto in campo con l’Udinese che è riuscita a ridurre al massimo i pericolo di uno degli attacchi più in forma del campionato. Dal punto di vista offensivo si poteva vedere forse qualcosa in più ma, considerato il periodo, c’è da vedere il bicchiere mezzo pieno.

Rammaricato per la mancata vittoria il mister della Fiorentina, Pioli, che ha visto i suoi più attenti nel secondo tempo dopo il gol subito contro un avversario che ha chiuso bene gli spazi. Bravi i suoi a recuperare la partita e crederci fino alla fine che avrebbe dato una vittoria rendendo una settimana perfetta e rimanendo in scia delle altre squadre per l’obiettivo piazzamento europeo.

Soddisfatto del pareggio il mister bianconero, Nicola, contro una squadra temibile per caratteristiche e qualità, in particolare, del reparto offensivo. La squadra ha giocato come doveva portando a casa un avversario importante e ora in calendario ci sono la trasfera contro il Torino e la gara salvezza con il Chievo.

Rudi Buset

rudibuset@live.it

@RIPRODUZIONE RISERVATA




Strade Bianche Women Elite – 21 le formazioni al via

STRADE BIANCHE WOMEN ELITE: 21 LE FORMAZIONI AL VIA

Annunciate le squadre che si sfideranno nella Strade Bianche Women Elite del 9 Marzo. La prima prova dell’UCI Women’s WorldTour vedrà al via 21 formazioni di 6 atlete ciascuna, pronte a raccogliere il testimone dalla vincitrice dello scorso anno, l’attuale Campionessa del Mondo su Strada Anna van der Breggen.

Milano, 1 febbraio 2019 – La Strade Bianche Women Elite, organizzata da RCS Sport/La Gazzetta dello Sport, è in programma a Siena sabato 9 marzo ed anticiperà di qualche ora la gara maschile.

Prima prova dell’UCI Women’s WorldTour della stagione, si preannuncia come una delle gare più spettacolari dell’anno sia per il suo tracciato, unico nel panorama mondiale, sia per la partecipazione di altissimo livello tecnico, sottolineata dal fatto che la vincitrice dello scorso anno, Anna van der Breggen, si è poi laureata Campionessa del Mondo UCI su Strada ad Innsbruck.

Alla corsa parteciperanno 14 delle 15 squadre aventi diritto all’invito come da regolamento UCI, ed altre 7 squadre invitate come wild card dall’organizzazione. Ciascuna squadra al via sarà formata da 6 atlete.

14 SQUADRE AVENTI DIRITTO

  • ALE CIPOLLINI (ITA)
  • BIGLA (DEN)
  • BOELS DOLMANS CYCLING TEAM (NED)
  • CANYON / /SRAM RACING (GER)
  • CCC – LIV (NED)
  • FDJ NOUVELLE – AQUITAINE FUTUROSCOPE (FRA)
  • MITCHELTON SCOTT (AUS)
  • MOVISTAR TEAM WOMEN (ESP)
  • TEAM SUNWEB (NED)
  • TEAM TIBCO – SILICON VALLEY BANK (USA)
  • TEAM VIRTU CYCLING (DEN)
  • TREK – SEGAFREDO (USA)
  • VALCAR CYLANCE CYCLING (ITA)
  • WNT ROTOR PRO CYCLING TEAM (GER)

7 WILD CARD

  • AROMITALIA – BASSO BIKES – VAIANO (ITA)
  • BEPINK (ITA)
  • BTC CITY LJUBLJANA (SLO)
  • EUROTARGET – BIANCHI – VITTORIA (ITA)
  • LOTTO SOUDAL LADIES (BEL)
  • SERVETTO – PIUMATE – BELTRAMI TSA (ITA)
  • TOP GIRLS FASSA BORTOLO (ITA)

#StradeBianche

FOTO CREDIT: LaPresse

Press Ciclismo RCS Sport




FRANCESCA BERGAMO E ALICE SINNO INIZIANO LA STAGIONE DECISIVA DELLA PROPRIA CAMPAGNA OLIMPICA IN 49erFX.

L’equipaggio femminile italiano della classe olimpica 49er FX composto da Francesca Bergamo e Alice Sinno inizia la stagione decisiva dalla propria lunga campagna olimpica.
Francesca e Alice sono uno degli equipaggi italiani di punta della classe (unico equipaggio femminile in Italia a far parte della Squadra Olimpica gruppo performance C), impegnate a tempo pieno nel percorso di avvicinamento a quello che vuole essere un doppio traguardo da raggiungere: qualificare nelle selezioni internazionali 2019 la nostra Nazione alle prossime Olimpiadi di Tokyo 2020 e rappresentare i colori azzurri al massimo evento sportivo mondiale.

Il 49er FX Bergamo / Sinno,  sempre più sotto la lente di ingrandimento dei tecnici della Squadra Nazionale, è attualmente impegnato in una serie di allenamenti della Federazione Italiana Vela a Cagliari per preparare al meglio la partecipazione a tutti i principali eventi internazionali, a cominciare dalle tappe World Cup europee, in quella che sarà la stagione chiave 2019.

Francesca Bergamo, triestina di 21anni, è atleta che ha già dimostrato il proprio grande talento in Optimist (Campionessa Europea e Italiana femminile) e nelle successive classi Laser 4.7 (bronzo iridato) e Laser Radial (Campionessa Europea e Italiana giovanile). Nel 2017 Francesca ha scelto la classe 49erFX e dal 2018 regata al fianco di Alice Sinno.
Alice Sinno, 26 anni romana, in forza al Gruppo Sportivo della Marina Militare porta con sé la grande esperienza di una partecipazione olimpica nella classe 470 alle ultime Olimpiadi di Rio 2016, un valore fondamentale da affiancare alla spregiudicatezza agonistica di Francesca all’interno di un team che ha un solo grande obiettivo e che per questo vive e respira vela ogni minuto della giornata.

Francesca e Alice commentano così il proprio inizio di stagione – “In queste settimane siamo impegnate a fondo negli allenamenti in acqua e a terra, seguite dal nostro team di fisioterapia, per preparare nei minimi dettagli i prossimi mesi che saranno più che decisivi per la nostra campagna olimpica. Non stiamo trascurando alcun dettaglio e abbiamo lavorato a fondo sui nostri punti di debolezza per portare ancora più in alto il nostro livello di competitività. Sappiamo che quello dei prossimi mesi sarà un percorso lungo, proprio perchè una qualificazione olimpica è un qualcosa che si costruisce giorno per giorno, con grande equilibrio, attenzione e restando costantemente focalizzate sull’obiettivo, sia dal punto di vista tecnico che fisico e mentale. Centrare tutti questi elementi e altresì migliorarli di regata in regata sarà fondamentale per raggiungere i nostri obbiettivi ultimi”.

Francesca e Alice inizieranno a regatare tra due mesi in occasione del classico appuntamento con il Trofeo Princesa Sofia di Palma de Mallorca (29 marzo – 6 aprile) cui seguiranno la tappa italiana di World Cup a Genova (14-20 aprile) e il Campionato Europeo Assoluto a Weymouth (8-19 maggio).
Dal 29 maggio al 8 giugno l’equipaggio azzurro sarà sulla linea di partenza delle finali World Cup a Marsiglia per poi raggiungere Kiel in occasione della storica Kieler Woche (dal 18 al 30 giugno) evento che chiuderà la prima parte della programmazione 2019.

L’equipaggio Bergamo / Sinno corre per i colori dello Yacht Club Adriaco (Club con cui Francesca ha conquistato tutti i propri titoli) e della Marina Militare in forza della quale svolge la propria attività sportiva Alice Sinno.

Il 49erFX Bergamo Sinno conta sul supporto di Slam, Gottifredi Maffioli, Studio di fisioterapia Fornasaro.

 




Le città del Giro 102 si illuminano di Rosa

A 102 giorni dalla partenza della Corsa Rosa, l’11 maggio da Bologna, le città di tappa del Giro d’Italia hanno illuminato di rosa le loro bellezze #Giro

Download: foto gallery delle città illuminate di Rosa

Milano, 30 gennaio 2019 – Mancano esattamente 102 giorni alla partenza del Giro d’Italia edizione 102 e le città che lo ospiteranno hanno voluto mostrare al mondo il loro legame con la Corsa Rosa, illuminando i simboli che le rappresentano tra monumenti, piazze, vie e luoghi particolari.

Il Giro d’Italia, organizzato da RCS Sport / La Gazzetta dello Sport, partirà dall’Emilia Romagna (Bologna) l’11 maggio per terminare all’Arena di Verona il 2 giugno. Questa edizione della Corsa Rosa sarà praticamente tutta italiana, con unico sconfinamento nella Repubblica di San Marino.

Palazzo del Podestà a Bologna, da dove il Giro partirà di nuovo 25 anni dopo l’edizione 1994 / Credit LaPresse

Questi, tappa per tappa, sono i monumenti che si sono illuminati di Rosa:
  • 1ª tappa – 11/05/2019 – Bologna – Bologna (San Luca) (ITT): il palazzo del Podestà a Bologna
  • 2ª tappa – 12/05/2019 – Bologna – Fucecchio: la Fondazione Montanelli Bassi a Fucecchio
  • 3ª tappa – 13/05/2019 – Vinci – Orbetello: il Museo Leonardiano nel Castello dei Conti Guidi a Vinci ed il Mulino di via della Diga ad Orbetello
  • 4ª tappa – 14/05/2019 – Orbetello – Frascati: palazzo Marconi, il Monumento ai Caduti e la Fontana Monumentale a Frascati
  • 5ª tappa – 15/05/2019 – Frascati – Terracina: il Tempio di Giove a Terracina
  • 6ª tappa – 16/05/2019 – Cassino – San Giovanni Rotondo: la Rocca Janula a Cassino e la Croce Obelisco di Renzo Piano nella Chiesa di San Pio a San Giovanni Rotondo
  • 7ª tappa – 17/05/2019 – Vasto – L’Aquila: la statua di Gabriele Rossetti a Vasto ed il palazzo dell’Emiciclo a L’Aquila
  • 8ª tappa – 18/05/2019 – Tortoreto Lido – Pesaro: la Torre dell’Orologio a Tortoreto Alta e la Torre Panoramica a Pesaro
  • 9ª tappa – 19/05/2019 – Riccione – San Marino (SRM) / Sangiovese Wine Stage (ITT): le cabine della spiaggia di Riccione e le Tre Torri di San Marino
  • 10ª tappa – 21/05/2019 – Ravenna – Modena: il Mausoleo di Teodorico a Ravenna e la Ghirlandina del Duomo di Modena
  • 11ª tappa – 22/05/2019 – Carpi – Novi Ligure: il palazzo dei Pio di Carpi ed il Museo dei Campionissimi di Novi Ligure
  • 12ª tappa – 23/05/2019 – Cuneo – Pinerolo: via Roma a Cuneo e la Torre del Palazzo Comunale di Pinerolo
  • 13ª tappa – 24/05/2019 – Pinerolo – Ceresole Reale (Lago Serrù): la diga del Lago Serrù, accompagnata da una fiaccolata rosa
  • 14ª tappa – 25/05/2019 – Saint-Vincent – Courmayeur (Skyway Monte Bianco): l’Arco di Augusto in Valle d’Aosta
  • 15ª tappa – 26/05/2019 – Ivrea – Como: il palazzo Municipale di Ivrea ed il Tempio Voltiano di Como
  • 16ª tappa – 28/05/2019 – Lovere – Ponte di Legno: l’Accademia di Belle Arti Tadini di Lovere e le piste di sci di Ponte di Legno
  • 17ª tappa – 29/05/2019 – Commezzadura (Val di Sole) – Anterselva / Antholz: il campo di gara della Coppa del Mondo di Mountain Bike in Val di Sole ed il poligono di tiro dello Stadio del Biathlon di Anterselva
  • 18ª tappa – 30/05/2019 – Valdaora / Olang – Santa Maria di Sala: il Museo di Plan de Corones e Villa Farsetti a Santa Maria di Sala
  • 19ª tappa – 31/05/2019 – Treviso – San Martino di Castrozza: il palazzo del Podestà ed il monumento della Teresona a Treviso e la baita Segantini a San Martino di Castrozza
  • 20ª tappa – 01/06/2019 – Feltre – Croce d’Aune-Monte Avena: il Castello e la Fontana di Piazza Maggiore a Feltre ed il monumento a Tullio Campagnolo a Croce d’Aune
  • 21ª tappa – 02/06/2019 – Verona – Verona (ITT): l’Arena di Verona
Le Tre Torri di San Marino

La celebre Baita Segantini a Passo Rolle, emblema delle Dolomiti e di San Martino di Castrozza

Poligono di tiro dello Stadio del Biathlon di Anterselva, che ospiterà i mondiali di specialità nel 2020

Palazzo dell’Emiciclo a L’Aquila, dove il Giro arriva a 10 anni dal terremoto che la colpì al cuore

La Fondazione Montanelli Bassi a Fucecchio

#Giro

Foto Credit: RCS Sport per concessione delle Città di Tappa

Press Giro d’Italia