Vino e tecnologia, gusto e comodità: conosciamo WeWine

Viviamo in un mondo in continuo mutamento dove le uniche certezze sono rimaste nei piaceri della quotidianità espressi in stili di vita sempre più improntati sulla qualità, la comodità ed il benessere: la sola cosa che siamo sicuri possa rimanere a noi è il nostro tempo. Proponiamo quindi la traduzione dell’articolo della blogger Desy Stefanutti (https://highrunway.com/wewine-the-new-haute-couture-wine-search-engine/) su dei giovani italiani che, come tali, si sono sempre distinti per il gusto nel vivere bene ed in compagnia oltre alla realizzazione e alla ricerca dei migliori prodotti alimentari, a partire dal vino.

Ormai  il food sharing, home restaurant e food delivery sono servizi utilizzati da milioni di persone ogni giorno in tutto il mondo e per accompagnare il buon cibo, occorre la giusta bollicina; per questo siamo andati a testare il nuovo motore di ricerca a portata di clic per bevande esclusive, uniche come un abito di alta moda e ovviamente di lusso: WeWine!

Per farlo abbiamo incontrato Massimiliano e Gabriele Montanari, due fratelli e giovani imprenditori italiani, fondatori di WeWine, che vogliono presentare al mondo i meravigliosi prodotti di bevande di lusso del loro Paese e non solo, rendendo queste bottiglie accessibili a chiunque cerchi un servizio di alta qualità direttamente a casa propria.

 

Cos’è WeWine?

WeWine è il nuovo strumento gratuito per trovare e acquistare qualsiasi vino di qualità. Il portale wewine.eu si divide tra il motore di ricerca e l’enoteca online a disposizione di privati e aziende. Diamo la possibilità ai nostri clienti di poter acquistare solamente bottiglie di vino di alto livello ad un prezzo competitivo. Il nostro motore di ricerca invece permette agli utenti di delegare al nostro Team il reperimento di qualsiasi bottiglia di vino.

Perché nasce e a chi si rivolge?

Il progetto WeWine nasce anzitutto dalla nostra esigenza di reperire sul mercato vino di alto livello. Essendo infatti degli appassionati del settore abbiamo riscontrato la grande difficoltà a reperire bottiglie di alto livello, in particolare quelle di annate più vecchie rispetto a quelle correnti. Se abbiamo riscontrato problematiche noi che nel settore informatico abbiamo una certa esperienza abbiamo pensato che la stessa esigenza potesse riguardare anche altri consumatori e, in effetti, così è stato. Gran parte dei momenti di convivialità vengono accompagnati da una buona bottiglia e

spesso anche online diventa difficile trovare il giusto vino per ciascuna occasione, abbiamo dunque pensato: “Da oggi chiunque deve poter trovare agevolmente il vino giusto! Tu cerchi, WeWine trova!”

 

 Bilancio di questi primi 6 mesi e stato attuale del business.

Questi primi 9 mesi di lavoro ci hanno anzitutto dato conferma che la nostra intuizione è stata corretta, molte persone e molte piccole attività commerciali in Italia necessitavano di uno strumento dove fosse agevole ricercare il buon vino. Abbiamo dunque confermato ed affinato le Core Line del nostro business constatando piacevolmente che i prodotti e i servizi che mettiamo a disposizione dei nostri clienti siano opportunamente utilizzati, apprezzati e sopratutto forniscano un punto di riferimento per i molti amanti di questo splendido mondo. I risultati ci stanno dando ragione, tanto da costringere me (Massimiliano ndr) a dedicarmi a questa attività a tempo pieno, abbiamo un database sempre più grande da soddisfare, feedback positivi sempre più numerosi e vendite in crescita che hanno dato a questo progetto la dimensione di un impresa, la GM Srl di cui io e mio fratello siamo soci assieme a un socio di capitale che ha creduto nell’iniziativa. E’ presto per tirare una linea, ma certamente ad oggi il segno è +.

 

Prospettive a breve e medio termine.

Le prospettive sono interessantissime, ci impegniamo ogni giorno per mantenere costante il trend di crescita, continuare a fornire servizi innovativi e sempre migliori ai nostri clienti. Senza dubbio con la metà dell’anno solare 2019 ci piacerebbe cominciare ad espandere il business oltre la fornitura B2B e B2C. Abbiamo dei progetti creativi, anche in collaborazione con dei nostri partner, davvero interessantissimi, per citarne uno, “Sabrage” che vedrà come sua prima data il 02.02.2019 presso il locale “La Sciabola” di Udine, dove attraverso una selezione di grandi Champagne in abbinata a crudità di pesce costruiremo un percorso eno-gastronomico di altissimo livello.

 

Sogno nel cassetto.

L’enoteca WeWine: il primo Show-room al Mondo del grande vino. Selezionato a 4 mani da WeWine e i propri clienti.

 

La Redazione




Chiusa a Pordenone con successo Radioamatore 2, la grande fiera dell’elettronica ma non solo….

Si è conclusa con successo domenica 18 novembre alla Fiera di Pordenone la 21^ edizione di Radioamatore 2, la più grande manifestazione italiana dedicata all’elettronica e da anni ormai unanimemente considerata la fiera numero uno in Italia per l’elettronica di consumo, informatica low cost e materiale per radioamatori. Il pubblico ha iniziato ad affolare gli stand fin dall’apertura di sabato mattina ma la massima affluenza si è avuta nel pomeriggio della domenica  quando i padiglioni sono stati letteralmente presi d’assalto da chi era alla ricerca del gadget tecnologico ma anche da chi desiderava solo qualche ora di svago e divertimento con le nuove proposte che la fiera ha saputo offrire.

I padiglioni della Fiera di Pordenone non hanno ospitato dunque solo shopping elettronico ma anche molti eventi collaterali dedicati al mondo del fumetto, del cinema fantasy, dei games e della fotografia. Novità di questa edizione 2018 il Gioca Bimbi che si è affiancato a GameCom, proponendo tanti appuntamenti dedicati alla creatività, ai giochi e al divertimento dei bambini.

GameCom – Movies, Comics & Games, oramai ampiamente collaudato, ha coinvolto i padiglioni 2 e 3 della Fiera: con una “due giorni” ad alto tasso di divertimento dedicata al mondo dei comics e di tutto quello che ruota intorno al fumetto (dai giochi ai videogames, dai cosplay alla fantascienza e al fantasy) e all’intrattenimento in generale. Come ogni anno negli stand si sono svolti diversi tornei legati a questo mondo, dai vecchi giochi da tavola ai più recenti LAN PARTY. Anche il mondo della realtà virtuale è cresciuto pari passo con l’evoluzione videoludica, con simulatori di guida, di volo e realtà aumentata con visore tridimensionale, letteralmente presi d’assalto dal pubblico.

L’evento ha riscosso una grandissima partecipazione, mettendo quasi in ombra il tema principale della fiera, con una grande kermesse di spettacoli, tornei, sfilate, incontri, ospiti, anteprime, appuntamenti a tema ma anche sorprese tutte da scoprire tra gli oltre 100 stand che hanno animato la manifestazione pordenonese.

Radioamatore 2 è una fiera che attrae pubblico di diverse generazioni e con aspettative molto differenti: paradiso per i teen-ager appassionati di elettronica di consumo che qui possono trovare smartphone di ultima generazione, tablet, pc completi, monitor, stampanti, dispositivi per l’ascolto della musica e ogni genere di gadget tecnologico ai prezzi più convenienti sul mercato, ma anche luogo di incontro per appassionati del fumetto e dei raduni di cosplay (la pratica di indossare costumi che richiamano personaggi dei fumetti e di film fantascientifici).

Radioamatore 2 è anche una “fiera della passione” che stimola l’interesse dei – purtroppo non più – tanti radioamatori; il radioamatore, in senso stretto del termine, sembra stia scomparendo, probabilmente soppiantato dall’evoluzione tecnologica che consente di interloquire da una parte all’altra del mondo senza bisogno di sofisticate apparecchiature che, cariche di un’aurea quasi mistica, necessitavano comunque di molta manualità e pazienza per l’utilizzo. La mostra nel Mercatino del radioamatore e hi-fi d’epoca presso il padiglione 9 è stata un’occasione di scambio e confronto tra radioamatori e collezionisti di vecchie radio, grammofoni e hi-fi di ogni epoca e stile nonché di apparecchiature per radioamatori usate.

La Fiera è anche il regno dei cosiddetti “smanettoni informatici” che amano assemblare e modificare da soli il computer e che qui hanno potuto trovare una vastissima scelta di materiali nuovi e usati, componenti di ricambio introvabili e accessori di ogni genere.

Al padiglione 4 l’ha fatta invece da padrone il mondo della fotografia, protagonista della 8^ edizione di Fotomercato con la mostra-mercato di accessori e apparecchi fotografici, dove erano presenti circa 80 espositori con materiali e attrezzatura vintage e occasioni dell’usato.

Novità di quest’anno, come detto, il Gioca Bimbi, un area allestita al padiglione 1 interamente dedicata ai giochi di ieri e di oggi per i più piccini (ma pare si siano divertiti anche gli “accompagnatori” adulti), oltre a diversi intrattenimenti come il free fall, la possibilità di lanciarsi nel vuoto su un cuscino gigante, una piccola pista di pattinaggio su “ghiaccio” e la laser arena. Presenti anche diversi laboratori manuali come decorazioni di ceramiche e creazioni di giochi col legno, ma anche giochi didattici legati al primo soccorso a misura di bambino e per imparare a riconoscere ed affrontare fenomeni di bullismo.

Fiera del Radioamatore 2 anche quest’anno ha dato il meglio di se ampliando ulteriormente quella che già era un’offerta ricca e variegata, per un fine settimana all’insegna dell’innovazione tecnologica, ma anche del vintage, senza perdere di vista lo spettacolo e l’intrattenimento.

Guendy Furlan – Foto: Damiano Podrecca e Guendy Furlan




MECSPE 2018 (Fiere di Parma, 22-24 marzo 2018): Protagoniste 11 aziende della provincia di Pordenone

Al via MECSPE 2018, l’appuntamento di riferimento per l’industria 4.0.

Protagoniste 11 aziende della provincia di Pordenone

Dal 22 al 24 marzo 2018, a Fiere di Parma la 17esima edizione di MECSPE

Milano, 20 marzo 2018 – Saranno 11 le aziende della provincia di Pordenone che parteciperanno a MECSPE (Fiere di Parma, 22-24 marzo 2018), il più grande appuntamento dedicato all’industria manifatturiera 4.0 che quest’anno si presenta con oltre 2000 aziende espositrici suddivise in 12 saloni tematici, 28 unità dimostrative, 5 Piazze dell’Eccellenza, 58 convegni e workshop e 110.000 mq di superficie espositiva.

Un’esperienza sempre più immersiva, che proporrà tutte le novità sul fronte della digitalizzazione e dell’innovazione, con nuove iniziative in ottica 4.0, volte a rendere ancora più sinergico e attivo il percorso di visitatori, aziende ed espositori e 12 Saloni tematici, per i quali si prevede una migliore suddivisione all’interno del quartiere fieristico, con la costruzione di un nuovo padiglione per permettere un’esplorazione più fluida e un maggiore orientamento.

A cominciare dalla “Fabbrica Digitale 4.0”, con 9 filiere e più di 50 partner, pronti a confrontarsi sui sistemi e sulle novità in materia di integrazione digitale che contribuiscono a progettare l’industria di domani,mostrando il ruolo determinante delle tecnologie abilitanti 4.0 nei diversi settori e contesti applicativi. Tra i temi al centro, connettività e strumenti per la piccola impresa, robotica collaborativa in un ambito di produzione parametrizzata e/o di piccoli lotti, sviluppo prodotto con metodica 4.0, simulazione di prodotti e processi, tracciabilità, manutenzione, additive manufacturing e logistica 4.0.

Tra le iniziative speciali rivolte alle materie plastiche, MECSPE presenterà “l’Arena dell’Economia Circolare 4.0”, un ciclo di incontri realizzato in collaborazione con la testata Plastixin occasione dei suoi 40 anni di attività in cui discutere di circular economy. Il tema del riutilizzo dei flussi di materiale, a cui le tecnologie abilitanti del 4.0 possono dare un importantissimo contributo anche in termini di innovazione, riprogettazione e armonizzazione dei cicli di produzione delle materie plastiche, verrà discusso grazie all’apporto di associazioni e aziende all’interno dell’Arena progettata dal designer e architetto Michele De Lucchi. All’interno dell’Arena sarà possibile apprendere in chiave 4.0 tutte le tecnologie a disposizione per una progettazione “circolare” che passi per le tecnologie di lavorazione, i materiali e il ciclo di vita del prodotto per giungere al riutilizzo dei materiali. Fuori dall’Arena, è inoltre prevista un’area dimostrativa con esposizione di prodotti e un percorso divulgativo.

Ma MECSPE è anche incontro e formazione: in occasione dell’inaugurazione della fiera, la mattina del 22 marzo, si terrà l’ultima tappa dei  “Laboratori MECSPE Fabbrica Digitale, La via italiana per l’industria 4.0”, la roadmap promossa da Senaf iniziata nel 2017 con l’obiettivo di attraversare i territori strategici che stanno affrontando il percorso di adesione al Piano Nazionale Industria 4.0. Grazie alla testimonianza di imprenditori e opinion leader, è stato raccontato il processo di trasformazione in atto delle nuove fabbriche, che saranno lo snodo di questo imprescindibile cambiamento industriale, all’interno del quale la figura dell’uomo è essenziale. Nelle tappe precedenti (Vicenza, Bari, Parma, Modena, Brescia, Napoli) grazie alla testimonianza di imprenditori e opinion leader, è stato raccontato il processo di trasformazione in atto delle nuove fabbriche, che saranno lo snodo di questo imprescindibile cambiamento industriale. L’appuntamento del 22 marzo a Parma in occasione dell’apertura della fiera MECSPE ospiterà la tappa conclusiva di questo percorso con il focus dell’uomo al centro della fabbrica digitale. Al dibattito sarà affiancata la presentazione di dati nazionali dell’Osservatorio MECSPE, con le analisi congiunturali e previsionali delle PMI appartenenti al mondo del manifatturiero italiano.




Tokyo Motor Show 2017 – 45°edizione: tecnologia all’avanguardia

In mostra il futuro della mobilità, il meglio dell’innovazione, la tecnologia automotive più all’avanguardia e molto altro…

Il 45° Salone dell’auto di Tokyo 2017 – organizzato da Japan Automobile ManufacturersAssociation, Inc . (JAMA) – aprirà i battenti al pubblico per 10 giorni, da venerdì 27 ottobre a domenica 5 novembre 2017, e sarà caratterizzato dal tema “ BEYOND THE MOTOR ”.

Presso il Tokyo Big Sight che ospiterà il Salone saranno esposti i 15 brand di 14 produttori giapponesi e 19 marchi di 13 produttori internazionali.

Un totale di 153 aziende e organizzazioni provenienti da 10 paesi saranno rappresentate in questa esposizione che vede auto, veicoli commerciali, motocicli, carrozzerie e parti di veicoli, macchinari e utensili, e servizi legati al mondo automotive.

Elenco degli espositori: http://www.jama-english.jp/release/release/2017/The_45th_Tokyo_Motor_Show_List_of_Exhibitors.pdf

Speriamo di creare il miglior show tecnologico al mondo“, afferma HirotoSaikawa, Chairman of JAMA e President of Nissan Motor Co., Ltd. “Vogliamo che i visitatori vedano la capacità tecnologica delle aziende giapponesi“.

TOKYO CONNECTED LAB 2017 – Un viaggio interattivo nel futuro della mobilità più innovativa

L’evento distintivo del Tokyo Motor Show 2017, “TOKYO CONNECTED LAB 2017”, offrirà ai visitatori l’opportunità di sperimentare la connettività e comprendere meglio – attraverso tre programmi pratici – princìpi e valori che caratterizzeranno la società (mobile) del futuro.

THE FUTURE – Visualizzazione della mobilità nella Tokyo del futuro

Evento completamente interattivo che rifletterà le idee dei visitatori chiamati ad immaginare – dando feedback in base a sei concetti chiave (“bene sociale”, “universale”, “movimento”, “guida”, “privato” e “condivisione”) – il centro urbano in una “società mobile” del futuro. Una cupola che può ospitare fino a 300 persone fornirà una proiezione a 360 gradi costantemente aggiornata, visualizzando gli input dei partecipanti.

THE MAZE – Collegamento con una Tokyo futuristica

Evento volto a mostrare cosa succede quando si connettono auto, driver e infrastrutture cittadine! 30 visitatori contemporaneamente potranno guidare le proprie auto e viaggiare attraverso una Tokyo città-labirinto, futuristica e completamente connessa.

THE MEET UP – Scambio di idee sul futuro della mobilità

Una serie di convegni, in collaborazione con il sito NewsPicks, a tema “BEYOND THE MOTOR”.

Un’anteprima del 45° Tokyo Motor Show 2017 è disponibile all’indirizzo: http://www.tokyo-motorshow.com/en/outline/image_movie.html.

Per ulteriori informazioni sul Salone: http://www.tokyo-motorshow.com/en/

Informazioni sull’organizzatore:The Japan Automobile Manufacturers Association, Inc. (http://www.jama-english.jp/)




Con A-Team a Udine l’esperienza racing Villorba Corse è service Ferrari

Nasce a Udine al fianco della professionale struttura Ineco la nuova realtà dedicata al marchio del Cavallino Rampante dalla Scuderia coordinata da Raimondo Amadio

anni del motorsport internazionale che ha condiviso molti dei suoi successi in pista con la casa di Maranello.

A-Team, struttura inserita nella solida e professionale organizzazione Ineco della quale è Service Autorizzato a Udine, trasferisce l’esperienza sportiva di Villorba Corse completamente al servizio dei clienti Ferrari, anche verso coloro che possiedono le supercar di Maranello in versione stradale.

A-Team è già operativa e la partnership con Ineco è a pieno regime, per garantire la massima efficienza rivolta a chi sceglie l’esclusività del prestigio del marchio Ferrari.

Villorba Corse che ha visto in simile operazione la possibilità di estendere il proprio know how maturato in tanti anni di competizioni ed eventi, mettendolo al servizio dei clienti Ferrari – Raimondo Amadio, principal del gruppo, ha così riassunto lo spirito del progetto -. La nostra ammirazione verso il mondo del Cavallino Rampante e la nostra conoscenza del prestigio e delle prerogative di un marchio tanto altisonante saranno elementi che ci consentiranno di condividere appieno le attese e le esigenze dei clienti Ferrari”




Radioamatore 2017: tra tradizione e innovazione si riconferma fiera leader in Italia

È a Pordenone la più importante fiera italiana dell’elettronica, radiantistica e informatica low-cost C’è già grande attesa tra il pubblico degli appassionati per scoprire quali saranno le novità della nuova edizione, siamo giunti alla storica quota 52, della ormai mitica Fiera del Radioamatore, Hifi-Car, in programma alla Fiera di Pordenone sabato 22 e domenica 23 aprile 2017. Con i suoi 200 espositori e gli oltre 30.000 visitatori attesi da tutto il nord Italia e da Slovenia e Croazia, è questa la manifestazione leader in Italia nel settore dell’elettronica di consumo e informatica lowcost nonché punto d’incontro per tutti coloro che vivono la “passione digitale”.

Tanti eventi collaterali affiancano la tradizionale mostra mercato per fare il punto sulle nuove tecnologie.

Con i suoi 200 espositori e i 30.000 visitatori attesi da tutto il Nordest Italia e da Slovenia e Croazia, Fiera del Radioamatore Hi-Fi Car è la manifestazione leader in Italia nel settore dell’elettronica di consumo e informatica lowcost nonché punto d’incontro per tutti coloro che vivono la “passione digitale”. Per mantenere il suo ruolo di evento di riferimento in un settore in continua evoluzione la 52^ edizione in programma alla Fiera di Pordenone nelle giornate 22 e 23 aprile 2017 dedica un importante programma di eventi, dimostrazioni, incontri a tutte le ultime novità nell’ambito dell’informatica, un’iniziativa che allarga i confini classici di Radioamatore  portando la storica mostra mercato nell’era digitale. Contenitore di queste iniziative è TechDays, evento principale di Radioamatore, realizzato in collaborazione con Fondazione Friuli.

TECH DAYS IN COLLABORAZIONE CON FONDAZIONE FRIULI. Colonna portante del programma dei Techdays 2017 sarà la 6^ edizione dei McDays, iniziativa ideata e organizzata da Italiamac in collaborazione con l’ITST Kennedy e tante community, blog, gruppi, professionisti e aziende della galassia Mac. In un elegante salottino al padiglione 5 professionisti e non potranno assistere a presentazioni e dimostrazioni di specifici applicativi software, tutti operatici sui dispositivi Apple, dedicati a grafica web e design, gaming e intrattenimento, foto e video production, sviluppo applicazioni, produzione e missaggio musicale. All’interno del programma di Techdays 2017 si rinnova la storica collaborazione tra la Fiera del Radioamatore e il PN LUG (Linux Users Group di Pordenone) promotore anche quest’anno della Linux Arena, area dedicata alla presentazione dei “PN LUG Projects” realizzati al 100% con Linux e il Software Libero. Si passa dalla realtà aumentata, alla simulazione tridimensionale, dai software per la didattica al pc tascabile Raspberry. All’interno della Linux Arena saranno i benvenuti tutti i visitatori che vorranno avere informazioni sull’utilizzo delle distribuzioni GNU/LINUX, per tutti loro è pronta una chiavetta usb che le contiene tutte. Molti gli appuntamenti nei 2 giorni di manifestazione che accompagneranno i visitatori ad approfondire la conoscenza delle piattaforme Apple IOS e Linux Ubuntu il software libero: lo scopo è quello di aiutare gli appassionati ad usare tutti le funzioni dei propri dispositivi mobile (tablet, smartphone) integrate ai desktop ma anche insegnare o approfondire la conoscenza del linguaggio di programmazione, offrendo così un’occasione di formazione in un settore in piena evoluzione anche in Italia da cui potrebbe nascere uno sbocco professionale o una specializzazione. Il software è la realizzazione di idee che vengono “digitalizzate” per migliorare la vita di tutti i giorni nel privato e nel business: Radioamatore offre quindi a tutti coloro che hanno un progetto  innovativo gli strumenti per realizzarlo e presentarlo ai potenziali utilizzatori. I TechDays sono quindi anche un momento di incontro tra domanda e offerta, tra privati, aziende e mondo della formazione, tra software ed harware. Al centro di questa borsa scambio ci sono i makers: nuovi artigiani, capaci di realizzazioni di tipo ingegneristico come apparecchiature elettroniche e robotiche, che attraverso l’utilizzo di stampanti 3D, scanner 3D, modellazione tridimensionale sviluppano concretamente in un oggetto finito il progetto digitale.

DRONETECH. Quello dei droni è un settore in continua evoluzione e all’interno della più importante manifestazione italiana dedicata all’elettronica e informatica non può mancare un focus su queste tecnologie. Uno spazio espositivo sarà messo a disposizione delle aziende costruttrici che potranno presentare le proprie attrezzature al padiglione 5, dai modelli più evoluti a quelli più commerciali per chi si avvicina per la prima volta all’utilizzo di questi dispositivi. Dronetech non sarà solo mostra statica delle apparecchiature ma avrà anche momenti formativi e dimostrativi: esperti del settore saranno a disposizione del pubblico per rispondere alle domande sull’utilizzo, la regolamentazione e la costruzione di queste apparecchi. Saranno realizzate anche dimostrazioni pratiche di volo di alcuni modelli in un’area appositamente dedicata.

 

 IL MARKET. Tutto attorno alle location dei TechDays i visitatori ritroveranno il classico labirinto di oltre 3 km e mezzo di banchi espositivi che caratterizza da sempre Fiera del Radioamatore di Pordenone. La manifestazione deve il suo successo di pubblico proprio a questa fitta ragnatela di stand dove è possibile trovare di tutto: componenti e pezzi di ricambio anche usati dell’era “analogica”, apparecchiature per i radioamatori, pc, stampanti, schermi, nuovi ed usati, ma anche componenti per computer per soddisfare i desideri dell’assemblatore hobbista, telefonini dell’ultima generazione, software e videogiochi, memorie esterne chiavette usb; tutto ai prezzi più bassi sul mercato. Numerose, anche quest’anno gli stand di enti ed istituzioni che si presenteranno al pubblico dei giovani e giovanissimi visitatori della Fiera del Radioamatore per mostrare le proprie attrezzature soprattutto legate alle radio e telecomunicazioni.

LE ASSOCIAZIONI E LE FORZE ARMATE. Avranno uno spazio all’interno del padiglione 5 tra gli altri: la Polizia di Stato, presente con uno stand a cura della Questura di Pordenone insieme con la Polizia Postale e delle Comunicazioni e la Polizia Stradale e dell’Arma dei Carabinieri di Pordenone, mentre nel piazzale antistante esporrà le proprie apparecchiature il 7° Reggimento Trasmissioni  dell’esercito italiano di stanza a Sacile. La Sezione A.R.I. (Associazione Radioamatori Italiani) di Pordenone, partner storico di Fiera del Radioamatore è promotrice al padiglione 5 di numerose iniziative che coinvolgeranno soci, sezioni e semplici appassionati provenienti da tutta Italia e dall’estero.

HI-FI CAR. Come da tradizione spazio anche alle ultime novità dell’hi-fi car & tuning nei padiglioni 7, 8 e 9 dove centinaia di auto allestite con i migliori impianti multimediali e le più stravaganti carrozzerie ed interni si sfideranno a colpi di kit estetici e “watt” con soluzioni innovative. Sono in programma le Finali Nazionali di tre importanti trofei: ONE CAR AUDIO RACE “ONECAR” , “NCA” e “TUNING EXPO PORDENONE 2017” con premiazioni, esibizioni e sfilate a fare da contorno alla gara. Nell’area esterna ai padiglioni espositivi si terrà anche un’esibizione di quod.

FROGBYTE LAN PARTY. Fa il tutto esaurito l’edizione 2017 di FROGBYTE Videogames together, un evento totalmente no-profit dedicato al mondo dei videogiochi che per tre giorni consecutivi dal 21 al 23 di aprile 2017 raccoglie centinaia di videogiocatori all’interno del  padiglione 1 della Fiera del Radioamatore.  Qui saranno installate 170 postazioni per pc collegati tra loro in rete dove i partecipanti potranno giocare 52 ore no-stop, conoscersi e sfidarsi in tornei di tutti i tipi. Durante le tre intere giornate d’evento, vengono organizzati tornei dedicati, workshop ed eventi speciali. Particolarmente attesi dagli appassionati i developer showcase avranno come protagonisti sviluppatori indipendenti di videogiochi italiani che saranno presenti in fiera per permettere al pubblico di provare in anteprima le proprie creazioni e dimostrare così come funziona il loro entusiasmante (e faticoso!) lavoro. I videogiochi a Fiera del Radioamatore sono anche vintage grazie all’evento organizzato dalla Naonian Retrogaming Society che metterà a disposizione del pubblico diverse postazioni con giochi di prima generazione che piaceranno molto agli over 40:  Bubble Bobble, Street Fighter 2, The Legend of Zelda, Tetris, Mario Kart 64, Castlevania Rondo Of Blood, Virtua Cop, Metal Slug X, Pang, Super Mario Bros 3, Donkey Kong Country, Aerofighters 2 e molti altri!

COMUNICAZIONE INNOVATIVA. Fiera del Radioamatore Hi-fi Car è piattaforma di sperimentazione anche nella comunicazione. Si chiama “Radioamatore Broadcast” ed è il nuovo progetto di “comunicazione crossmediale” messo in atto per la prima volta in occasione di una manifestazione fieristica in Italia e proprio da Fiera del Radioamatore Hi-Fi Car grazie alla consulenza di Gabriele Gobbo di MacPremium, web agency di Radioamatore.. I contenuti che vengono creati in fiera, interviste, chat, interventi on-air, in streaming, reportage video e fotografici, saranno postati in tempo reale e messi a disposizione degli utenti  di 15 social media nei quali Radioamatore è presente in maniera coordinata e massiccia con propri profili digitali: Facebook, Twitter, YouTube, Google+, Telegram, Vine, Periscope, Vimeo, Pinterest e Instagram per citare solo i più popolari. Per due giorni Fiera del Radioamatore Hi-Fi Car si trasforma in un hub di comunicazione trasversale che unisce social network, app di messaggistica e web per far vivere a tutti gli appassionati in tempo reale gli eventi e le novità che saranno presentate durante la manifestazione.

Non solo i media ma anche i materiali di comunicazione presentano novità tali che anche chi non sarà in fiera potrà  vivere in diretta la manifestazione grazie ai reportage con video a 360 gradi: dei veri e propri filmati immersivi dentro cui è possibile girare a destra e sinistra, in alto e in basso e guardare davvero in tutte le direzioni. Una vera realtà virtuale fruibile con un semplice smartphone oppure con gli appositi occhiali 3D. Per due giorni Fiera del Radioamatore Hi-Fi Car si trasforma in un hub di comunicazione trasversale che unisce social network, app di messaggistica e web per far vivere a tutti gli appassionati in tempo reale gli eventi e le novità che saranno presentate durante la manifestazione.

Radioamatore è un esempio di scuola anche nella campagna di promozione sul web grazie al sapiente uso di materiali innovativi come gli spot pubblicitari con immagini immersive a 360 gradi appunto da navigare virtualmente in tutte le direzioni con il proprio smartphone, le “canvas” per landing-page interattive e multimediali, le GIF animate che stanno spopolando sul web, i micro-video e gli slide-show. I risultati sono da primato:  nei social network Fiera del Radioamatore insieme con gli eventi tecnologici e ludici connessi alla manifestazione ha raggiunto  una copertura di UN MILIONE di contatti con Facebook in testa, seguito da Instagram e poi via via tutti gli altri (Twitter, Tumblr, YouTube, Vimeo, Telegram, Google Plus…). Il coinvolgimento del pubblico con i post segna un grande successo, con oltre 50.000 interazioni fra Mi Piace e commenti, quasi 50.000 i video.

Sul versante web classico, il sito si appresta a servire 40.000 pagine informative, con visite provenienti da tutto il nordest ma anche da Lombardia ed Emilia. Le visite da dispositivi mobili quest’anno hanno raggiunto il 65% a dimostrazione ancora una volta della diffusione del web in movimento. Nel computo totale ci sono state anche diverse centinaia di visite da Slovenia, Croazia, Austria e Germania. L’età media più presente è la fascia 18-34, seguita da 35-54, successivamente tutti glia altri.

Fiera del Radioamatore Hi-Fi Car, Fiera di Pordenone 22 e 23 aprile 2017. Sabato 9.00-18.30, domenica 9.00 -18.00  www.radioamatorepordenone.it

 




Sabato 19 e domenica 20 novembre la 19^ edizione di Radioamatore 2 alla Fiera di Pordenone.

In arrivo alla Fiera di Pordenone la 19^ edizione di Radioamatore 2, la più grande manifestazione italiana dedicata all’elettronica di consumo ed informatica.

Non solo shopping elettronico tra gli stand. Grande attesa anche per gli eventi collaterali dedicati al mondi del fumetto, del cinema fantasy, dei games e della fotografia

Da anni ormai è unanimemente considerata la Fiera n. 1 in Italia per l’elettronica di consumo, informatica low cost e materiale per radioamatori: ritorna a Pordenone il 19 e 20 novembre prossimi la 19^ edizione di Fiera del Radioamatore 2.

radioamatore-pordenone-2014-012

Un grande evento, in anteprima assoluta nel Nordest, affiancherà ai padiglioni 1 e 2 questa edizione di Radioamatore 2: si tratta di GameCom 2016-Comics Movies & Games, una “due giorni” ad alto tasso di divertimento dedicata al mondo dei comics e di tutto quello che ruota intorno al fumetto (dai giochi ai videogames, dai cosplay alla fantascienza e al fantasy) e  dell’intrattenimento in generale. L’evento si presenta per la prima volta al pubblico del Nordest come una grane kermesse di spettacoli, eventi, tornei, sfilate, incontri, ospiti, anteprime, appuntamenti a tema e sorprese tutte da scoprire tra gli oltre 100 stand che animeranno la manifestazione pordenonese.

2016-slide-game-com-comunicato-stampa
Radioamatore 2 è una fiera che attrae pubblico di più generazioni e con aspettative molto diverse: paradiso per i teen-ager appassionati di elettronica di consumo che qui possono trovare smartphone di ultima generazione, tablet, pc completi, monitor, stampati, dispositivi per l’ascolto della musica e ogni genere di gadget tecnologico ai prezzi più convenienti sul mercato, Radioamatore 2 è anche una “fiera della passione” che stimola l’interesse dei tanti radioamatori e dei cosiddetti “smanettoni informatici” che amano assemblare e modificare da soli il computer e che qui possono trovare una vastissima scelta di materiali nuovi e usati, componenti di ricambio introvabili, accessori di ogni genere.

radioamatore-1599

Il fenomeno Radioamatore 2 di Pordenone si è costruito con un crescendo di successi nei suoi 19 anni di vita fino a raggiungere in questa edizione cifre che non hanno confronto con altri eventi in Italia: 7 padiglioni (dal n. 3 al n. 9), 2 km e mezzo di banchi espositivi, 200 aziende presenti ma soprattutto, più di 30.000 visitatori attesi da Friuli, Veneto e Trentino Alto Adige ma anche da Slovenia e Croazia. Tanti sono gli eventi collaterali che arricchiscono l’offerta espositiva e di intrattenimento di questa edizione 2016 di Radioamatore 2.

radioamatore-15701
La fiera diventa mostra scambio nel Mercatino del radioamatore e hi-fi d’epoca: un’occasione di scambio e confronto tra radioamatori e collezionisti di vecchie radio, grammofoni e hi-fi di ogni epoca e stile, apparecchiature per radioamatori usate.
Il mondo della fotografia è protagonista assoluto della 6^ edizione di Fotomercato: mostra-mercato di accessori e apparecchi fotografici. Saranno presenti circa 80 espositori con materiali e attrezzatura vintage e occasioni dell’usato, accessori, editoria. A disposizione degli appassionati anche set fotografici e sale posa con modelle professioniste seminari e mostre fotografiche.

Fiera del Radioamatore 2 è aperta al pubblico alla Fiera di Pordenone sabato 19 novembre dalle 9.00 alle 18.30, domenica 20 novembre dalle 9.00 alle 18.00. Tutte le informazioni nel sito www.radioamatore2.it

Gamecom sarà visitabile ai padiglioni 1 e 2 (ingresso sud) con questi orari: Sabato 19 Novembre dalle 9:00 alle 20:00, Domenica 20 Novembre dalle 9:00 alle 19:00 www.gamecom.show




Comunifare, l’iniziativa tra Delta Askii e ITI Bearzi

Comunifare. Fare per comunicare, comunicare quello che facciamo, questo il tema che contraddistingue l’iniziativa che Delta Askii Srl e l’ITI Bearzi stanno portando avanti da ormai qualche settimana. “L’obiettivo primario è quello di riuscire a trasmettere ai giovani studenti l’importanza di pensare alla tecnologia come mezzo di comunicazione, veicolo di sogni, pensieri ed emozioni, da imparare a padroneggiare in tutte le sue sfaccettature per raccontare al mondo le nostre più grandi passioni, le nostre vocazioni, noi stessi” Queste le parole di Gabriele Montanari, CEO di Askii (www.askii.us // www.deltaaskii.com), la nota software house affermatasi in Italia e che si appresta al grande salto su panorama internazionale attraverso la release di alcune delle sue più importanti piattaforme, che aggiunge inoltre: “Creare un ponte concreto tra la formazione accademica e il mercato, ove i ragazzi riescono ad inquadrare il perché dei loro studi e dei loro sacrifici nella possibilità di imparare a parlare la lingua del mondo, quella del web, canale essenziale, nel 2016 per riuscire a parlare a un pool quanto più ampio e diversificato possibile. L’iniziativa verte dunque sulla costruzione di una serie di piccoli hackaton ove i ragazzi, organizzati a gruppi quanto più disomogenei possibile, vanno ad inquadrare un loro sogno, una loro passione all’interno di un disegno che contempli la tecnologia come mezzo di espressione. L’iniziativa, che a una fase di brainstorming e progettazione condivisa fa seguire la costruzione di un’autentica presentazione in pieno stile company-pich come per tutte le iniziative proposte dai più importanti fondi d’investimento al mondo vuole porre il focus non solo sull’aspetto creativo dell’idea e quello tecnico inerente alla sua realizzazione ma anche a un caratteristica essenziale per riuscire ad essere competitivi in questo mercato: il potere di sintesi. Trasmettere un emozione, raccontare, descrivere, tutto sul web segue ormai una stessa logica, abbiamo pochi istanti, un lasso di tempo contenutissimo, lo spazio di un’immagine d’impatto per riuscire ad essere efficaci, comunicativamente d’impatto. La frenesia della quotidianità, il grande volume di stimoli a cui siamo sottoposti ogni giorno, il poco tempo libero che abbiamo, tutto è direzionato in questo senso. Pochi istanti per raccontare noi stessi al mondo dunque, ponendo una volta di più il focus su cosa voler dire, sul contenuto, che mai come oggi, forse, rischia di passare in secondo piano a fronte del fatto che diventa importante raccontare, trasmettere, mostrare, ripetutamente e spasmodicamente senza fermarci un attimo di più a riflettere, inghiottiti da un vortice di ansie e frenesie che la tecnologia sta contribuendo ad alimentare. Siamo felici di poter affermare, a chiusura del secondo bilancio d’esercizio, che la nostra società ha saputo tradurre questa visione in operatività, autofinanziandosi al 100% sviluppando tecnologia per le aziende. Non solo, il nostro primo biennio, senza alcun tipo di finanziamento o contributo racconta, alla fine dei conti, di una chiusura abbondantemente in utile, ove quasi il 50% dei costi sostenuti sono legati ad attività di ricerca e sviluppo, attività, questa, che ha consentito di finanziare internamente lo sviluppo di alcune delle piattaforme posizionanti prossime alla release su scala mondiale.” Mai collaborazione fu tanto concreta dunque, Askii dagli studenti del Bearzi, alcuni ex studenti del Bearzi ora assunti in Askii, un disegno di sinergie finalizzato a raccontare al mondo i propri sogni in un epoca che spesso ci dissuade dal volerlo fare, a fronte di una passiva accettazione delle difficoltà legate al momento di mercato, il tutto attraverso la lingua del mondo dunque, la tecnologia.




Circolo Culturale Astronomico di Farra d’Isonzo – Giovedì 12 maggio, ore 20.30 – Conferenze “Salute e prevenzione: dens sanus in ore sano” e “Un breve viaggio tra la fisica e la musica”

Nell’ambito dello “Spazio dei Giovani”, giovedì 12 maggio dalle 20.30 il Circolo Culturale Astronomico di Farra d’Isonzo (CCAF: organizzazione senza fini di lucro che si propone di divulgare l’astronomia e svolgere una valida attività di ricerca scientifica) presenta le conferenze:

“Salute e prevenzione: dens sanus in ore sano” – Giulia Tacchino

“Un breve viaggio tra la fisica e la musica” – Dott. Simone Kodermaz

 

La locandina dell'evento

La locandina dell’evento

Lo “Spazio dei Giovani” è il ciclo di conferenze in cui promettenti neolaureati, laureandi e studenti di talento si misurano nel confronto con il pubblico, spiegando le ricerche che più li hanno entusiasmati nel corso dei loro studi.

 

Salute e prevenzione: dens sanus in ore sano

Nel 1948 l’Organizzazione Mondiale della Sanità poneva le basi per una definizione positiva di salute, intesa come benessere fisico, psichico e sociale. In quest’ottica l’individuo ha un ruolo da protagonista per promuovere il proprio benessere grazie ad un’importante alleata per la salute: la prevenzione. L’obiettivo è quello di informare sulle problematiche che possono interessare il cavo orale quali carie, gengivite, parodontite e cancro orale, proponendo l’educazione alla salute come arma per la prevenzione.

Giulia Tacchino frequenta il terzo anno del Corso di Laurea Magistrale in Odontoiatria e Protesi Dentaria presso l’Università degli Studi di Trieste. Nel 2013 si è diplomata al Liceo Classico “Dante Alighieri” di Gorizia. Da ottobre 2015 svolge attività di tirocinio clinico presso la Clinica Odontoiatrica e Stomatologica dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria “Ospedali Riuniti” di Trieste.

 

Un breve viaggio tra la fisica e la musica

Come si genera un suono? Perché sentiamo? Come riusciamo a distinguere il suono di un violino da quello di un flauto o di un martello pneumatico? Il concetto fisico alla base della generazione sonore è l’oscillatore armonico. Una volta che il suono viene generato, si propaga nell’aria fino a giungere al nostro orecchio ed è qui che il suono viene decomposto, analizzato e inviato al cervello. Dalla Fisica si passerà alla Musica e si vedrà quanti e quali modi ha escogitato l’uomo per generare suoni, inventando una varietà di strumenti musicali e sperimentando modi per farli suonare insieme in armonia.

Simone Kodermaz si è laureato in Fisica presso l’Università degli Studi di Trieste ed è anche diplomato in violino presso il Conservatorio “G. Tartini” di Trieste. Già durante gli studi ha scoperto la passione per la divulgazione scientifica, vincendo la selezione di Trieste del concorso di comunicazione della scienza “FameLab” nel 2013. Ha partecipato alle fasi successive del concorso a Perugia, Cheltenham (UK) e Praga, e ha presentato la serata “Origins 2013” in occasione della notte europea dei ricercatori a Bologna. A Trieste ha collaborato con MediaLab srl presso la SISSA e con l’Immaginario Scientifico. Dal 2015 presta servizio come supplente presso scuole superiori a Gorizia.

 

Ingresso libero e gratuito, fino ad esaurimento dei posti disponibili.

 

Prossimi appuntamenti in osservatorio:

Giovedì 26 maggio 2016, ore 20.30

Conferenza “Il lato oscuro dell’Universo”

Prof. Stefano Borgani

Direttore di INAF-Osservatorio Astronomico di Trieste,

Professore Ordinario presso il Dipartimento di Fisica dell’Università di Trieste

 

————

 

CCAF – Circolo Culturale Astronomico di Farra d’Isonzo

Strada della Colombara 11

34072 Farra d’Isonzo GO

 

tel: 0481888540

email: info@ccaf.it

sito: www.ccaf.it




XXIX SALONE INTERNAZIONALE DEL LIBRO DI TORINO – 14 MAGGIO 2016 ore 20.30 presentazione del libro “FATE IL NOSTRO GIOCO – Gratta e Vinci, azzardo e matematica”

Dal 12 al 16 maggio 2016 si terrà a Torino (presso Lingotto Fiere) la XXIX edizione del Salone Internazionale del libro.

Nell’ambito della manifestazione saranno presenti gli autori del Progetto FATE il NOSTRO GIOCO™ – campagna di informazione sulla matematica del gioco d’azzardo”, nato nel 2009 da un’idea di Paolo Canova (matematico) e Diego Rizzuto (fisico).

Nel 2012 insieme a Sara Zaccone hanno fondato TAXI1729, una società di formazione e comunicazione scientifica nata con l’intento di unire la precisione e il rigore della scienza con la passione e il divertimento che nascono da un modo diverso di raccontarla.

L’idea è di usare la matematica come strumento di prevenzione, una specie di “antidoto logico” per immunizzarsi dal rischio degli eccessi da gioco.

Fate il Nostro Gioco esplora le leggi matematiche che stanno dietro il caso e le scommesse con strumenti differenti: mostre interattive, conferenze nelle scuole, nelle università, interventi televisivi, corsi di formazione e approfondimenti per operatori, insegnanti e giocatori patologici, una pagina Facebook in continuo aggiornamento con i commenti alle ultime notizie sul gioco d’azzardo.

imageIn poco tempo, il progetto ha riscosso un successo e una visibilità imprevedibile, rivelando grandi capacità di attirare su di sé l’attenzione del pubblico e dei mezzi d’informazione: gli ideatori sono stati ospiti del programma di divulgazione scientifica di La7 “La Gaia Scienza”, ed è stata affidata loro una rubrica, “I probabilisti”, di 8 servizi per altrettante puntate in onda tra marzo e maggio 2010. A questa esperienza hanno fatto seguito molti interventi, come esperti di matematica e gioco d’azzardo, su Italia1 (“Le Iene”), Rai1 (“A sua immagine”), Rai3 (“Cosmo”), Radio Deejay (insieme al Trio Medusa e a Luciana Littizzetto) e Rai Radio3. Al progetto sono stati dedicati numerosi servizi su Rai2, Rai3, Canale5, Italia 1, La7, speciali sul TG3 nazionale, TGR Piemonte e TGR Liguria e articoli su Il Corriere della Sera, La Repubblica, La Stampa, Famiglia Cristiana, Wired, Vanity Fair, giornali locali e riviste specialistiche.

Il progetto Fate il Nostro Gioco ha coinvolto finora quasi 100.000 persone, in maggior parte studenti, in Italia ma anche in Francia e Svizzera. Fra queste occasioni, particolarmente significativi i due interventi presso la Camera dei Deputati. Nel 2010 i progetti di comunicazione scientifica della società sono stati premiati dal Ministero della Gioventù al Festival dei Giovani Talenti. Nel lavoro di ricerca e d’intervento sul territorio, hanno attivato collaborazioni con diverse università e con enti che si occupano specificamente dei problemi sociali derivanti dal Gioco d’Azzardo Patologico (GAP): collaborano attivamente con numerose ASL, con associazioni e cooperative per lo studio e la cura del gioco d’azzardo e con associazioni legate all’usura.

Sabato 14 maggio 2016 alle ore 20.30 presso la Sala Argento del Lingotto Fiere di Torino
Paolo Canova, Diego Rizzuto e Gabriele Gambassini
presentano il libro:

“Fate il nostro gioco – Gratta e Vinci, azzardo e matematica”
Autori: Paolo Canova e Diego Rizzuto
Add Editore 2016

“Abbiamo scritto un libro cercando di essere leggeri e rigorosi, autorevoli e divertenti. Un libro con con cui guidiamo il lettore attraverso i mondi che abbiamo esplorato negli ultimi anni come quello di Mohan, un canadese che trovò un modo per capire se un Gratta e Vinci era vincente prima di comprarlo. O quello di Steve Jobs, che modificò la riproduzione casuale del primo iPod per adattare il caso all’idea che noi abbiamo di esso. Con questo libro guidiamo il lettore nel mondo di Fate il nostro gioco come l’avete conosciuto fin qui e come non l’avete mai visto.”

Maggiori informazioni ai siti: www.fateilnostrogioco.it – www.taxi1729.it
——————

XXIX SALONE INTERNAZIONALE DEL LIBRO DI TORINO
Orario di apertura:
10.00 – 22.00 (giovedì, domenica e lunedì)
10.00 – 23.00 (venerdì e sabato)
Sede:

Lingotto Fiere – via Nizza 280 – 10126 Torino
Per raggiungere la sede info: www.comune.torino.it  oppure www.5t.torino.it

Per maggiori informazioni: www.salonelibro.it