18 giugno: Edoardo De Angelis a Musicultura per presentare NON AMMAZZARE ANNA

Il suo tenerissimo e appassionato omaggio alle donne, contro la violenza.

Edoardo De Angelis festeggia l’approdo su iTunes e sui mercati digitali del suo recentissimo Non ammazzate Anna, distr. Egea, distr. Digitale Believe Digital a Macerata, con un concerto il 18 giugno prossimo alle 18.00 all’interno della Controra di Musicultura 2014. Al suo fianco gli artisti che hanno lavorato e arrangiato con lui questo disco, Marco Testoni (compositore, percussionista e autore di musica per film) e Primiano Di Biase (compositore e pianista dell’area etno-jazz, nonché componente della formazione dei Dire Straits Legends). La serata sarà presentata da Ernesto Bassignano con il quale Edoardo racconterà la storia di questo lavoro discografico nato per dire no a gran voce, con la poesia e la musica, a un fenomeno sempre più orrendamente dilagante, la violenza sulle donne. Una curiosità: mentre il 18 giugno Bassignano presenterà De Angelis, il 17 sarà lo stesso De Angelis a presentare sempre a Musicultura il nuovo album di Bassignano.Ricordiamo che Non ammazzate Anna si fregia di numerosi ospiti: da Neri Marcorè ad Amedeo Minghi, da Lucilla Galeazzi ad Annie Robert, da Ileana Pozzi a Enrica Arcuri. Oltre ad Antonella Ruggiero, interprete intensa di Io credo, io penso, io spero, canzone originale scritta da Marco Testoni sulle liriche di Edoardo De Angelis e Mariacristina Di Giuseppe per il film BlackOut, opera dedicata al drammatico tema della violenza sessuale di gruppo, vincitore al Vittorio Veneto Film Festival per la categoria Pizzoc.

Edoardo De Angelis, storico cantautore da molti identificato per la sua canzoneLella, che racconta, appunto, di un episodio di violenza sulla donna (sia pure storia di assoluta fantasia, ispirata agli ambienti letterari di Pasolini e Gadda), ha deciso, così, di abbandonare per il momento il suo brano più conosciuto e di impegnare la sua attività alla diffusione di un messaggio interamente dedicato alla figura ideale della donna attraverso una serie di canzoni ispirate all’universo femminile e alle sue caratteristiche di sensibilità, intelligenza, forza morale, coraggio, comprensione, altruismo, generosità, onestà intellettuale.

E’ difficile e doloroso prendere atto del grande, crescente numero di episodi di violenza sulla donna, che la cronaca, purtroppo, quotidianamente ci propone – ha spiegato in più occasioni Edoardo De Angelis – difficile e doloroso, ma anche necessario e doveroso. Che fare, per porre rimedio a questa tragica, spaventosa deriva sociale, figlia di questo tempo così ingrato e duro da interpretare? Certo, la risposta è nelle mani dei politici, dei legislatori, degli uomini di legge. Ma anche nelle nostre mani: ognuno di noi, nell’ambito del proprio lavoro, del proprio ambiente, può, anzi deve, fornire una testimonianza, una voce, un esempio. Un esempio senza dubbio importante possono offrirlo il mondo della cultura, dell’arte, e quelli della musica e dello spettacolo, che dispongono di un mezzo di comunicazione rapidissimo, trasversale e assai ascoltato a ogni livello.”




NAPOLI :SABATO 21 GIUGNO ALLE ORE 21.30 MARIO ROMANO QUARTIERI JAZZ TRIO ANIMERA’ LA NOTTE ESTIVA A PALAZZO VENEZIAOLI:

Sabato 21 giugno alle 21.30 Mario Romano Quartieri Jazz, nella formazione del Trio, animerà la calda notte estiva di Palazzo Venezia, in via Benedetto Croce, 19 a Napoli (www.palazzovenezianapoli.it ).  Con lui, che suonerà la sua inseparabile chitarra manouche, Gianluca Capurro alla classica e Ciro Imperato al basso. A rendere malinconica e dolcissima l’aria di questa serata estiva le note struggenti di Cammen. Ma ecco arrivare tutta la forza e la seducente malizia di Vesuvia .Una serata che ancora una volta vede l’incontro tra l’energico pompe sprigionato dalle corde tese della chitarra manouche, con il ritmo cristallino della classica e con la voce più roca del basso. Un incontro magico capace di dar vita al neapolitan gipsy jazz, figlio della forza eversiva ed innovativa del neapolitan power e delle contaminazioni in musica provenienti dal resto del mondo. 

LA FORMULA DELLA SERATA 

La serata prevede una visita guidata a Palazzo Venezia. A rendere l’atmosfera del concerto ancora più rilassante un gustoso aperitivo servito nel giardino pensile. Il contributo organizzativo, comprensivo di concerto, aperitivo e visita al palazzo storico, è di 10 euro.

Per maggiori informazioni e prenotazioni: Palazzo Venezia: via Benedetto Croce, 19

Tel: 081-5528739. Website: www.palazzovenezianapoli.it ,

 




MACERATA: Oliviero Malaspina. Domani parteciperà a Musicultura 16 GIUGNO 2014

Appuntamento alle 18.00 nel cortile del palazzo comunale di Macerata

Domani alle ore 18.00 Oliviero Malaspina suonerà a Macerata nel corso del prestigioso festival Musicultura. Ad accompagnarlo alle chitarre Giorgio. Piccione e Carlo Cosi, con i quali presenterà i brani del suo nuovo album, dando vita ad uno degli appuntamenti più atteso del tour promozionale di “Malaspina”. Dopo aver debuttato su oltre 240 digital store lo scorso 15 maggio e l’uscita in formato cdbooklet in tutte le librerie nei giorni scorsi, il disco sta riscuotendo entusiastici apprezzamenti da parte di pubblico e critica.  Durante il concerto Oliviero Malaspina eseguirà i brani tratti dal disco tra cui il singolo “Vorrei Essere La Luna Sui Campi” per il quale è stato realizzato uno splendido videoclip (https://www.youtube.com/watch?v=Qsmz-wBCWDg). Il disco che prende il nome dall’autore, è il frutto della sinergia tra due autorevoli etichette discografiche, Hydra Music e Ululati dell’editore salentino Lupo Editore, che per l’occasione hanno unito le forze dando vita ad un disco prezioso, nel quale brilla tutta l’intensità del songwriting poetico di Oliviero Malaspina. I dodici brani del nuovo disco mettono a nudo l’anima dell’artista lombardo donando riflessioni profonde sull’esistenza, storie vissute ai margini della vita, schegge di ricordi che graffiano e segnano il cuore dell’ascoltatore. Determinanti per la realizzazione del disco sono stati il contributo di Amedeo Pesce che, presso gli Hydra Studios, ne ha curato gli arrangiamenti e la realizzazione, e la preziosa collaborazione di Ettore Bianconi dei Baustelle, che si è occupato del mixaggio. A otto anni di  distanza da “Marinai Di Terra”, “Malaspina” si preannuncia come uno dei più importanti ed intensi capolavori della carriera del cantautore pavese, svelandoci il lato più intimo ed introspettivo della sua vena  poetica. Tra i nuovi brani impastati nella sofferenza e nell’inquietudine spicca la canzone “I Migranti”, un vecchio testo scritto nel lontano ’97 con l’ausilio di Fabrizio De Andrè e rispolverato da Malaspina. Noto per aver vinto la 2ª e la 4ª edizione del Premio Città di Recanati e per essere stato scelto da De Andrè per la realizzazione de “I Notturni” (inedito restato incompiuto dopo la morte del celebre paroliere genovese), Oliviero Malaspina si appresta a tornare sulla scena musicale con lo stile che lo ha sempre contraddistinto.

OLIVIERO MALASPINA Tour Promozionale 2014
16 Giugno 2014 ore 18,00 Macerata, Musicultura, Cortile Palazzo Comunale con Giorgio Piccione e Carlo Cosi alle chitarre
21 Giugno 2014 ore 21,00 Este (PD), Versi In Libertà, Chiostro di San Francesco in Este, via Garibaldi C/O ex Collegio Vescovile




HIP HOP TV SUMMER FESTIVAL VENERDÌ 1 AGOSTO 2014, inizio ore 19:00 MAJANO (UDINE)

È il rapper campano Clementino, con il brano inedito “Made in Italy”, l’artista italiano scelto dalla BBC per il progetto “BBC Radio 1Xtra World Cup Freestyles”, che coinvolge 32 nazioni, 32 rapper e 32 barre di rap in freestyle, per festeggiare i mondiali di calcio in Brasile.

Da oggi il video è online sui canali ufficiali della BBC e in rotazione radiofonica su BBC Radio 1Xtra. Al lavoro sul nuovo album, ecco dunque un altro grande successo dopo il recente Disco d’Oro per l’ultimo “Mea Culpa” pubblicato a maggio del 2013 e trainato dalle hit “O’Vient”, “Fratello” con Jovanotti e “Buenos Aires/Napoli” assieme ai Negrita.Clementino presto arriverà dal vivo nel Nordest Italia: venerdì 1 agosto nell’area concerti del Festival di Majano (Udine) assieme a Salmo e al collettivo etichetta “Roccia Music” con Marracash, Fred De Palma, Achille Lauro, Luche, Shablo e Deleterio, sarà una delle star di HOP TV SUMMER FESTIVAL, il contenitore dedicato alle sonorità rap e alla street culture,

Il rapper Clementino

Il rapper Clementino

promosso da Hip Hop TV, che anche per l’edizione 2014 ritorna in Friuli Venezia Giulia dopo il grande successo dell’edizione passato. La seconda edizione, come per la prima, vedrà anche la partecipazione del presentatore Max Brigante, dj, conduttore radiofonico e volto di Hip Hop TV. Venerdì 1 agosto dalle ore 19:00 il Festival di Majano indosserà dunque i panni larghi, simbolo di quella cultura hip hop capace di parlare diritto al cuore di numerosissimi ragazzi e di convogliare in sé le diverse sfaccettature dell’intrattenimento giovanile: dalla musica schietta e parlata, alla tradizione del writing più creativo, passando per lo sport, i workshop e le sfide di ballo freestyle.Il biglietto, in vendita online su Ticketone.it e nei punti vendita autorizzati, costa 16 euro fino al 20 giugno e dal 20 giugno sino al 1° agosto costerà 21 euro, comprensivi dei diritti di prevendita.HIP HOP TV SUMMER FESTIVAL, supportato dal primo canale tematico in Italia interamente dedicato alla musica urban, on air 24 ore su 24 in esclusiva su Sky canale 720, è organizzato dall’Associazione Pro Majano, Friuli Eventi e Hip Hop TV, in collaborazione con Radio 105, e si inserisce nella 54° edizione del Festival Di Majano, organizzato dalla Pro Majano in collaborazione con la Regione Friuli Venezia Giulia.

La manifestazione è inoltre parte della promozione “Music&Live”, realizzata dall’Agenzia TurismoFVG, che permette a chi soggiorna in regione di ricevere il biglietto omaggio (per informazioni www.musicandlive.it o www.turismofvg.it).

PER MAGGIORI INFORMAZIONI SUL FESTIVAL: Pro Majano tel. +39 0432 959060 – www.festivalmajano.it – promajano60@gmail.com

 




LA SCIMMIA NUDA: HIP HOP EDITION GIARDINO CASA DELLA CONTADINANZA (CASTELLO DI UDINE)

LUNEDÌ 16 GIUGNO 2014

I due rapper/mc Max Mbassado’ e Dj Tubet, Skyl beatbox e Lello Gnesutta saranno gli ospiti speciali che durante la serata si evolveranno con il collettivo alla ricerca della contaminazione e dell’improvvisazione più pura

Dopo essersi confrontata per oltre sei mesi con artisti del calibro nazionale ed internazionale, per lo più appartenenti all’area jazzistica, la Scimmia Nuda, nella direzione artistica e musicale di Francesco Bertolini e Federico Missio, lunedì 16 giugno evolverà in un’edizione assolutamente inedita, presentando la sua Hip Hop Edition. Con questa edizione, il collettivo in evoluzione dimostra ancora una volta di voler superare deliberatamente le apparenti e riduttive frontiere tra i generi e di cogliere piuttosto proprio queste occasioni come un grande momento di crescita e di scambio tra musicisti e verso il  pubblico. Special guest della serata chiamati a fondersi nell’originale progetto artistico, sostenuto dall’Associazione Culturale LiveAct, sono 4 illustri artisti: i due rapper/mc Max Mbassado’ e Dj Tubet, Skyl beatbox e Lello Gnesutta. I primi due sono vocalist molto carismatici ed apprezzati in tutto il triveneto e non solo. Max Mbassado’, americano d’origine, è meritevole tra le altre cose di aver importato il rap nella sua matrice d’oltreoceano più pura. Il nostrano Dj Tubet invece ha fatto dell’apparentemente improbabile scommessa di rappare in lingua friulana un autentico ed esclusivo marchio di fabbrica. Skyl è straordinario talento del beat box, una tecnica espressiva vocale, forse non così popolare in Italia tra i non addetti ai lavori, che consiste nella riproduzione di suoni ritmici col solo utilizzo della bocca a simulare tanto semplici grooves di batteria, quanto effetti noise derivati dall’elettronica. Lello Gnesutta, al basso elettrico, (musicista aperto e dal curriculum straordinario, che non è errato considerare fautore della storia musicale del triveneto) sarà la colonna portante di una serata, in cui l’autentica improvvisazione nella sua accezione più completa, trasversale e attuale, la farà da padrona. Federico Missio, co-ideatore del progetto, spiega infatti: “L’Hip Hop è discendente diretto del funk e del jazz. È musica di pancia e come tale non potevamo non considerarla. Abbiamo trovato nondimeno stimolante mettere su “una squadra” che potesse riprodurne tutto il potenziale comunicativo e di suggestioni… dal rap, al beatbox, alle improvvisazioni soliste, alle sezioni di background… nondimeno la serata sarà basata su semplici canovacci perché è così che si genera il freestyle più autentico. Speriamo di riuscire a far ballare la gente in sala!” Sul palco, insieme ai succitati ospiti e agli stessi Francesco Bertolini (chitarra) e Federico Missio (sax), si uniranno Paolo Corsini (pianoforte) e Andrea Pivetta (batteria). Sperimentazione e contaminazione non mancheranno nemmeno nella seconda parte della serata, quella in cui “La Scimmia Nuda” si fonderà con il pubblico nel momento, ormai consolidato, della jam session in evoluzione. Possibilità di cenare dalle 19:00 (prenotazioni 329.2496211) e inizio concerto alle 21:00.

PER INFORMAZIONI SU “LA SCIMMIA NUDA”www.facebook.com/lascimmianudacollettivo

 




Pat Metheny a Villa Manin sabato 14 giugno 2014

È una delle icone della musica mondiale, tra le più apprezzate e celebrate nel mondo (e non solo del jazz) ad aprire – con un’anteprima d’eccezione – la ventiquattresima edizione del festival. Kin è il suo ultimo lavoro discografico e lo Unity Group è il quartetto di musicisti di prim’ordine che lo affianca nella tournée estiva, di cui la tappa udinese è il primo appuntamento italiano. Pat Metheny, già ospite di due edizioni passate del Festival, riesce – con lo storico carisma e il suono denso e poetico insieme  – a muovere e galvanizzare enormi platee. In oltre tre decenni di carriera ha vinto 20 Grammy, dei quali l’ultimo con la Unity Band. La nuova formazione dà seguito alla qualità e all’energia del leggendario Pat Metheny Group, mantenendo l’apertura sperimentale e l’atteggiamento innovativo delle recenti esperienze. Una piattaforma dinamica, in continuo mutamento composta da talenti indiscussi dello scenario musicale internazionali:  le firme di Chris Potter, Antonio Sanchez e  Ben Williams sono di per sé garanzia di una (ri)evoluzione continua. A completare l’organico, uno dei solisti più energici, poliedrici e vulcanici del panorama italiano: il polistrumentista Giulio Carmassi.
Dice Metheny “Siamo diventati una di quelle preziose combinazioni di musicisti dove la somma è meglio delle singole parti”. E di Giulio Carmassi, Pat racconta: “è un pianista e tastierista eccellente, suona in modo fantastico i fiati, sia legni che ottoni, chitarre, bassi, batteria e in più … canta come un angelo!”




NOIANOIR Il nuovo lavoro discografico dei “Pennelli di Vermeer”

L’etichetta discografica indipendente Marotta&Cafiero Recorder è lieta di comunicare che lunedì 16 giugno alle ore 17:30 i Pennelli di Vermeer il loro nuovo cd NoiaNoir. Due giovani realtà del territorio napoletano si incontrano per dar vita ad un’opera originale e pronta a criticare attraverso il rock la società odierna. La Marotta&Cafiero Recorder, infatti, è nata solo ad ottobre ma ha già pubblicato tre lavori discografici importanti e appoggia in pieno il progetto del gruppo partenopeo.  Portavoce di un filone definito dalla critica “rock pittorico”, l’eclettica band Pennelli di Vermeer, dopo la parentesi musico-teatrale de La Sacra Famiglia, torna con un terzo disco, un concept album musicalmente trasversale i cui testi denunciano in chiave ironica la speculazione attuata dal “sistema dell’informazione” intorno ai casi di cronaca nera. L’album, la cui stampa è stata co-prodotta attraverso la piattaforma di crowdfunding Produzioni dal basso, sarà reperibile dal prossimo giugno nei migliori negozi di dischi, online e nelle librerie Marotta&Cafiero, di cui una ha sede nel foyer del Teatro Bellini di Napoli e l’altra nell’Istituto Vittorio Veneto di Scampia. La presentazione si terrà il 16 giugno alle ore 17:30 con un live set acustico nel Marotta&Cafiero store, sito nel foyer del Teatro Bellini di Napoli.




VENERDÌ 7 NOVEMBRE 2014 TRIESTE, PalaTrieste

La grande musica dal vivo si conferma di casa in Friuli Venezia Giulia; con la stagione dei grandi concerti estivi ai nastri di partenza, la nostra regione vede già aprirsi una finestra su quella che sarà l’offerta della stagione autunnale. Dopo l’enorme successo della prima parte del “CONVOILive Tour”, capace di totalizzare oltre 200 mila spettatori, toccando anche Pordenone lo scorso aprile, CLAUDIO BAGLIONI annuncia a grande richiesta le nuove date per il prossimo autunno. Partirà addirittura da Bruxelles, il 18 ottobre, questa nuova tranche di concerti intitolata “CONVOI ReTour”, che si concluderà a Milano a dicembre, toccando i palazzetti delle principali città italiane. L’unico appuntamento in Friuli Venezia Giulia con il “CONVOI ReTour” sarà il prossimo venerdì 7 novembre al PalaTrieste di Trieste, a più di 7 anni dal suo ultimo concerto nel capoluogo giuliano, per l’evento organizzato da F&P Group in co-organizzazione con Azalea Promotion e il Comune di Trieste. I biglietti per il concerto di Trieste saranno disponibili a partire dalle 11.00 di giovedì 19 giugno per gli iscritti al Fan Club Ufficiale, mentre le vendite generali al pubblico apriranno alle 11.00 di sabato 21 giugno, online su Ticketone.it e nei punti autorizzati Ticketone e Azalea Promotion. L’evento è inoltre inserito nel pacchetto “Music&Live”, realizzato dall’Agenzia TurismoFVG, che permette a chi soggiorna in regione di assistere gratis ai grandi concerti.

Il “CONVOILIVE”, sorta di “cantiere simbolo della ricostruzione ideale” si rimette dunque in viaggio per una nuova straordinaria stagione di appuntamenti dal vivo. E’ lo stesso CLAUDIO BAGLIONI, artista fra i più amati di sempre, a spiegare con le sue parole il significato di questo suo progetto musicale, che è anche un nuovo punto di partenza della carriera del cantautore: “La ricostruzione non è un fatto individuale, ma un processo collettivo. Tutti sono chiamati a fare la propria parte, a mettere in gioco idee, valori, volontà, in una parola: se stessi, perché il futuro è una città che si disegna e si costruisce insieme. Ognuno di noi operaio di questa opera”.

Claudio Baglioni ritorna in strada assieme al suo super-gruppo di 13 polistrumentisti e alla sua squadra di 90 carovanieri, con il pensiero guida di un tour che va incontro alla gente, dopo aver percorso già 6 mila chilometri, per 31 concerti e 90 ore di musica, in un eccezionale repertorio con tutti i più grandi successi e gli inediti dell’ultimo fortunato album “ConVoi”. Uno spettacolo di suoni, luci e scene esaltante e coinvolgente, affidato alla bellezza di melodie immortali che non smettono di appassionare generazioni di fan, all’intensità dei testi, alla forza di nuovi, trascinanti arrangiamenti che rivelano un’anima decisamente rock dell’artista. Uno show dalla grande sensibilità verso ogni genere musicale e un sound ricco, solido e sapiente di una band che non si concede e non concede un solo attimo di tregua alla fabbrica delle emozioni. Un cantiere non-stop di energie e di meraviglie che saprà conquistare il prossimo novembre anche il PalaTrieste.

In attesa di riabbracciare Claudio Baglioni, la Regione Friuli Venezia Giulia proporrà nelle prossime settimane il meglio della musica nazionale, europea e mondiale. Dai Pearl Jam a Manu Chao, da John Fogerty ai Franz Ferdinand, passando per Bastille, Simple Minds, Joe Satriani, Asaf Avidan, Glenn Miller Orchestra, Giovanni Allevi, Malika Ayane, Negramaro, Elisa, Goran Bregovic e molto altro ancora. Tutte le info su www.azalea.it.




Sabato 14 giugno alle ore 21.30 Mario Romano con Dolores Melodia al Zurzolo Teatro Live Napoli

 

Sabato 14 giugno alle ore 21.30 Mario Romano Quartieri Jazz torna allo spazio Ztl (Zurzolo Teatro Live) per la serata “Da Viviani al Neapolitan Gipsy Jazz. Dolores Melodia incontra Mario Romano e Le sue strade cà portano a mare”.  Dopo il successo di marzo scorso si rinnova la collaborazione musicale tra Mario Romano e Antonella Monetti, alias Dolores Melodia  Il sound intenso di Quartieri Jazz, con brani come Mambo ItalianoRum e Speranzella (http://kimera6.wix.com/quartierijazz), sempre in bilico tra radicamento territoriale e uno sguardo oltreconfine,  incontra le sonorità, insieme classiche ed innovative, di Dolores Melodia posteggiatrice chic, una sorta di avatar musicale della sua creatrice.  Dolores Melodia compie una sorta di piccola rivoluzione copernicana in campo musicale, scegliendo di rivisitare alcune opere di Raffaele Viviani.  Un’anima girovaga, la sua, che ha saputo arricchire il proprio repertorio, nutrendolo delle suggestioni tratte da ciò che solo l’esperienza vissuta, vera, sofferta, viva, può regalare… Così Dolores sceglie di  navigare di porto in porto con la sua barca esibendosi tra i tavoli dei ristoranti fino a quando la regista ed interprete Antonella Monetti non la scopre, intuendo la sua corda teatrale…  Gli opposti si attraggono , ma i simili si “pigliano”, è il caso di dire: così parallelamente, nasce la tormentata storia d’amore tra Dolores ed un suo collega: il posteggiatore chic Ercole Vivace.  Dolores Melodia è un personaggio ed un’artista “di tendenza”, che non teme di sfidare la morale costituita per sovvertirla. Precorre i tempi ed approda al genere del burlesque.  “Si tratta di un personaggio misterioso – racconta Antonella Monetti -. Forse potrebbe essere stata lei, a Rai 3,  negli anni 90, a fare lo spogliarello intelligente con Franco Franchi e e Ciccio Ingrassia, nei panni di una vigilessa e di un’infermiera?”. 

Un incontro alchemico quello tra Mario Romano e Antonella Mopnetti alias Dolores Melodia. L’uno, infatti si rispecchia nel mondo dell’altra e viceversa. 

Ecco perché continuare a collaborare, all’insegna dello scambio e del confronto di suggestioni, si rivela una vera e propria necessità espressiva ed un importante strumento per dar voce alla

propria anima.

Per cominciare a vivere le alchimie dell’incontro tra questi due universi musicali è possibile andare al link: https://www.facebook.com/photo.php?v=10201971552506263&set=vb.1108696448&type=3&theater




Billy Idol, bello e dannato del rock anni ’80, oggi 10 giugno live a Padova

Dal punk degli anni 70, coi Generation X, fino al pop che lo ha consacrato come uno dei simboli degli anni Ottanta,  trasgressivo ed imprevedibile, Billy Idol si è imposto come uno dei protagonisti di quel scintillante ventennio. L’appuntamento è domani al Gran Teatro Geox, a Padova, alle 21,30.

Brani indimenticabili come White Wedding, Rebel Yell, Eyes Without A Face, To Be A Lover, Don’t Need A Gun e Sweet Sixteen sono ormai parte del patrimonio comune di almeno due generazioni.

Nessuno come lui ha saputo incarnare la figura del divo – rocker: sregolato, sempre al limite, irresistibile, sex symbol e rock star.

Billy Idol ha sfornato una serie di pezzi che hanno dominato le classifiche per lungo tempo: il live sarà un viaggio musicale attraverso quegli anni.

Con lui sul palco Steve Stevens, suo storico chitarrista: Idol trovò in lui il chitarrista perfetto, e con l’ex manager dei Kiss Bill Aucoin, la carriera dei due salì alle stelle.

Dalla combinazione con il punk di Idol e l’hard rock di Stevens con la musica  dance, Idol divenne una delle prime stelle della prima era di MTV, grazie a dischi come Billy Idol (1982) e Rebel Yell (1983) arricchiti dalla tecnica chitarristica di Stevens.

I biglietti sono in vendita a partire da € 39 online al sito www.fastickets.it e www.zedlive.com e presso la biglietteria del Gran Teatro Geox (dal lunedì al sabato dalle 1430 alle 1930 tel. 0490994614).

Per informazioni sulla data di Padova www.zedlive.com 049/8644888