Domani 8 giu. A Siena Ecco ZacSlice: l’arte prende vita e “occupa” il quotidiano

Nasce dalla passione per la ricerca e dalla voglia di costruire una forma d’arte accessibile a tutti ZakSlice, il progetto ideato e realizzato dal pittore Daniele Zacchini e dal fotografo Andrea Lensini, che unisce in maniera inconsueta il linguaggio pittorico a quello fotografico dando vita ad un vero e proprio “marchio d’arte”.

Il prossimo giovedì 8 giugno a partire dalle ore 18, saranno presentate a Siena, presso la Pelletteria Cardinali (in via Banchi di Sotto, 9) le nuove creazioni ZakSlice.

Lavorando sulle idee pilota di libertà e semplicità i due artisti si sono confrontati riuscendo a trasferire su oggetti di uso comune la loro ricerca che parte dagli studi di Fibonacci in modo particolare quelli dedicati alla sezione aurea, anima e regola dell’universo, gioco della matematica a cui si ispirano la natura, gli esseri viventi, le galassie, e da cui Daniele e Andrea traggono il senso estetico del loro “fare arte”.

L’obiettivo è quello di restituire piena “fruibilità” all’oggetto d’arte e recuperare l’universalità del suo messaggio che deve essere comprensibile e immediato per tutti a prescindere dal retaggio culturale di ciascuno.

Ogni slice prevede un complesso procedimento di lavorazione che unisce tecnica ed emozione. Prima nasce l’opera pittorica (olio/acrilico a spatula su tela o tavola), da cui in un secondo momento l’occhio del fotografo estrae un particolare che a sua volta acquisisce una nuova anima e unicità artistica.
Da qui la realizzazione di oggetti inediti che diventano moda, arte, design, fotografia e arredo.
L’arte prende vita e “occupa” il quotidiano: diventa facile indossarla, vestirla, abitarla.
Pura espressione di libertà.




MERCOLEDI 7 GIUGNO 2017 Alla ricerca dei ‘cigni neri’: a Napoli il casting delle modelle di African Fashion Gate

Sarà la sede dell’Accademia di Trucco – Scuola di Estetica

BALI LAWAL con ARMANI

Liliana Paduano di Napoli [Corso Arnaldo Lucci] ad ospitare – MERCOLEDÌ 7 GIUGNO 2017 [DALLE 10.00 ALLE 18.00] – il casting ideato e promosso da “Les Cygnes Noirs”, agenzia etica che lotta contro la discriminazione sulle passerelle mondiali, nell’ambito delle attività di AFRICAN FASHION GATE, organizzazione che da sempre si batte per rompere il muro del pregiudizio costruito intorno al fashion system, quasi privo del colore “nero”.

BALI LAWAL

Madrine dell’evento saranno due top model straordinarie: l’italo-nigeriana Bali Lawal, top model di ‘king’ Giorgio Armani che – nel corso degli anni – ha sfilato per Krizia, Diesel e Calvin

JELENA IVANOVIC

Klein; Jelena Ivanovic, modella-simbolo degli anni Novanta, oggi proprietaria di una delle agenzie più importanti di scouting per modelle.
Altro testimonial dell’evento sarà Antonio Fiume, designer napoletano che porta nel mondo il brand del ‘made in Italy’, e che è proprietario del brand Roi Riviere.

African Fashion Gate ha scelto Napoli per ricercare talenti che abbiano la personalità, il valore e la tenacia per ‘colorare’ il mondo della moda, dello

JELENA IVANOVIC

spettacolo e del cinema internazionale: “Cerchiamo cigni neri, dimostrazione della diversità come bellezza” spiega Nicola Paparusso, segretario di African Fashion Gate.




Strade Bianche, la rivoluzione gentile da indossare

“La gentilezza è rivoluzionaria” recita la nuova T-shirt della Salute mentale FA PENSIERO dell’Associazione Strade Bianche.
Un aforisma estrapolato dall’opera di Luciano Bianciardi, saggista pungentemente satirico e critico letterario del Novecento italiano che incarna a pieno lo spirito rivoluzionario e provocatorio dell’Associazione Strade Bianche di Stampa Alternativa.  Fondata da Marcello Baraghini, ideatore della collana Millelire nel 1989 e tuttora direttore editoriale di Stampa Alternativa a Pitigliano, Strade Bianche è la prima libreria in Italia ad ospitare stampe di editoria indipendente ma rappresenta anche tanto altro ancora. «È un’associazione no-profit che inventa, organizza e promuove eventi come il Festival Internazionale di Letteratura Resistente. È una casa editrice all’incontrario che, a partire dalla cinquantennale esperienza intende abbattere ogni barriera d’accesso al libro di qualità, prima fra tutte il copyright» – spiega Baraghini.Oltre a portare avanti la rivoluzione dei Millelire con i “Nuovi Bianciardini” (piccoli opuscoli di sedici pagine ispirati ai racconti di Luciano Bianciardi) Marcello Baraghini ha deciso di dedicare al suo amico Luciano, scomparso nel 1971, questa nuova T-shirt della salute mentale FA PENSIERO.

La prima T-shirt della nuova collezione di quest’anno è disponibile su Worth Wearing al link: https://worthwearing.org/store/associazione-strade-bianche/una-rivoluzione-gentile-da-indossare.

Le T-shirt sono tutte in 100% cotone biologico, prodotte da lavorazione Fair Trade certific




VISITA TEATRALIZZATA AL MUSEO DELLA MODA E DELLE ARTI APPLICATE 1 e 2 apr. Musei di Borgo Castello

Un nuovo modo di visitare un Museo, divertirsi ed apprendere in un unico percorso: ‘Memorie di un calzino solitario’ è una visita teatralizzata ai Musei di Borgo Castello che sarà proposta alle famiglie nei pomeriggi di sabato 1 e domenica 2 aprile (alle 16 e alle 17.30). Un appuntamento ideale per tutta la famiglia e per i bambini dagli 8 ai 12 anni (prenotazione obbligatoria allo 0481-532317 oppure scrivendo a teatrogiovani@artistiassociatigorizia.it).

Il progetto è promosso dal Patrimonio Culturale Friuli Venezia Giulia, Museo della Moda e delle Arti Applicate, con l’ideazione scenica di a.ArtistiAssociati firmata da Enrico Cavallero, Chiara Cardinali e Serena Finatti impegnati anche come interpreti in questo incredibile e interessante viaggio nel mondo della moda.

‘Memorie di un calzino solitario’ è un mistero…di stile! Guide impeccabili, compunte e scrupolose introdurranno i ragazzi alla scoperta delle sale del museo, ma un eclettico e stravagante direttore sconvolgerà la routine di quella che si preannunciava essere una normale visita guidata.

I visitatori impareranno che un quadro può parlare, vivranno nella bottega di un poetico calzolaio del secolo scorso scoprendo i trucchi e segreti del suo mestiere, si accorgeranno che un cappello può far perdere la testa, verranno catapultati a passo di valzer nella Belle Epoque per poi vivere il cambiamento epocale dato dalla Grande Guerra e, infine, riscoprire la rinascita inebriati dallo scintillio degli Anni Venti e dal ritmo travolgente del Charleston.

Un’avvincente e misteriosa visita che vi cambierà… d’abito

La visita sarà riservata a un numero chiuso di partecipanti.




MARC JACOBS & LUIS VUITTON cinema e moda al Miela

Una produzione di Loïc Prigent; con Marc Jacobs, Marilyn Manson, Uma Thurman, Wes Anderson, Winona Ryder, Diane Kruger, Alexander Payne, Salma Hayek; Francia; 2007; 75’.

Lingua originale con sottotitoli in italiano

Marc Jacobs è uno stilista statunitense, a metà degli anni ’80 ha frequentato la prestigiosa Parsons School of Design di New York dove gli sono stati assegnato i premi più prestigiosi.  Sensibile alla scena giovanile, creativa e musicale, negli anni ’90  invade le passerelle con la moda grunge, maglieria colorata, flanella larga, sovrapposizione di camice, All Stars s e Doc Martens, creando non poche polemiche. Ma proprio per iil suo particolare stile creativo che guarda alla street fashion americana nel ’97, la prestigiosa Maison Francese Luis Vuitton chiama Marc Jacobs alla direzione artistica.Jacobs è stato il direttore artistico per Louis Vuitton dal 1997 al 2013. Jacobs ha guidato Vuitton in collaborazioni di rilievo come Stephen Sprouse’s graffiti borse, Takashi Murakami’s color pastello accessori, e il primo prêt-à-porter con la Louis Vuitton imprimatur. Le sue linee di abbigliamento, Marc Jacobs e la meno costosa linea Marc by Marc Jacobs, creata nel 2000, sono estremamente popolari. Il museo Les Arts Décoratif di Parigi gli dedica una lunga mostra celebrativa da marzo a settembre 2012.Il 2 ottobre 2013, subito dopo la sfilata, viene ufficializzata la fine del rapporto tra Marc Jacobs e Louis Vuitton. Oggi Marc Jacobs è riconosciuto tra gli stilisti più importanti al mondo, molto raffinata e creativa la sua Haute Couture indossata e desiderata dalle stars del cinema e della musica in occasione di red carpet  e concerti.

clip Marc Jacobs & Luis Vuitton

https://youtu.be/_2dAJEqZ9Mo

organizzazione: Bonawentura

Andrea Forliano

 




mercoledì 21 dicembre ore 19.00 e 21.00 Teatro Miela Collezione autunno inverno THE SEPTEMBER ISSUE

mercoledì 21 dicembre ore 19.00 e 21.00
Teatro Miela  Collezione autunno inverno
THE SEPTEMBER ISSUE  di R. J. Cutler
con Anna Wintour   USA, 2009, 90’
Lingua originale con sottotitoli in italiano

Ultima serata di proiezioni per la rassegna di cinema e stile , collezione autunno inverno.
The September Issue è un documentario statunitense sul mondo della moda
Il numero di Vogue del settembre 2007 pesava circa cinque pounds e fu il numero più grande di una rivista ad essere pubblicato. Le telecamere seguono per diversi mesi Anna Wintour, la celebre direttrice di Vogue US, durante gli incontri di lavoro e le settimane della moda. La storia della leggendaria redattrice capo e del suo enorme team di redattori che creano la rivista e governano il mondo della moda. Presentato in anteprima mondiale al Festival di Sundance come evento speciale, ottenendo un premio come Miglior Documentario.
organizzazione: Bonawentura   www.miela.it

Andrea Forliano




CORTINA FASHION WEEKEND DAL 8 DICEMBRE 2016 AL 10 DICEMBRE 2016

Sogni e magia per gli amanti della moda, dello sport, della musica e del glamour, e anche per i più piccini: tutti troveranno nel ricco programma di appuntamenti un luogo e un momento fatti su misura, per essere felici e toccare le stelle con un dito.

Saranno infatti più di 100 gli eventi proposti tra vernissage, anteprime, incontri, aperture straordinarie, cocktail party, dj set e tante magiche sorprese.

GIOVEDÌ 08.12
ore 18.00 Conferenza stampa, taglio del nastro e inaugurazione del Cortina Fashion Weekend 2016 presso il Maserati Winter Dome (piazza Angelo Dibona) a seguire Cocktail su invito

VENERDÌ 09.12
ore 12.00 Cocktail show al rifugio Faloria
ore 13.00 Shooting Ra Valles con negozi di moda sportiva e cocktail sulla terrazza del Col Drusciè
ore 18.00 Eventi speciali nei negozi
ore 18.00 Maserati Winter Dome

SABATO 10.12
ore 11.30 Conferenza/dibattito di Federmoda sulla contraffazione dei marchi presso il Maserati Winter Dome
ore 15.00 Spettacolo “Tutto falso” Tiziana di Masi presso il Maserati Winter Dome*
ore 18.00 Fashion Mob in Piazza A. Dibona
ore 18.30 Cortina Fashion Night cocktail nei negozi e DJ set

INOLTRE, tre giornate con la Croce Rossa Italiana e i suoi speciali Panettoni di Natale. Il ricavato sarà donato per aiutare le popolazioni colpite dagli ultimi terremoti in centro Italia

Orari apertura Maserati Winter Dome
10,00 – 13,00 / 15,00 – 20,30




SECONDA EDIZIONE di SGNA Design Festival, la sedia che verrà 12-28 novembre 2016

Si è inaugurata sabato scorso la seconda edizione del Design Festival di San Giovanni al Natisone che quest’anno vede consolidare la sinergia tra il comune e la vocazione del territorio con la partecipazione di più scuole e più aziende. A partire dalle parole del sindaco Valter Braida è stato corale l’augurio che questa iniziativa proiettata nel futuro – come ben declina il sottotitolo La sedia che verrà continui a tenere alta l’attenzione sull’economia del distretto. La grande marocca, per quanto segno familiare nel panorama urbano del triangolo della sedia, forse è diventato un simbolo vecchio e il Design Festival segna il cambiamento a partire dalle nuove generazioni. Andrea Carletti, dirigente scolastico dell’I.S.I.S. A. Malignani ha affermato che «Il design indica un metodo, un approccio alla conoscenza che deve diventare un metodo dichiarato per sviluppare la creatività.».

Nell’occasione sono stati illustrati gli eventi della settimana, che Studio Cianipartono già lunedì 14 alle 11.00 con l’apertura della mostra Percorsi di design: Edi e Paolo Ciani. Nel modernissimo studio dei due designer verrà presentata la poltroncina Wave, una seduta che riprende e valorizza le lavorazioni manuali in chiave contemporanea grazie all’uso del pantografo multiasse. Anche l’aspetto progettuale è stato affrontato con nuove tecniche di modellazione solida e prototipazione rapida in fase. La mostra racconta un vero e proprio percorso di design.

Area44

Area44

Martedì 15 novembre alle 9.00 si inaugura Dalla moda al design: AREA 44, organizzata nella storica azienda Blifase di Corno di Rosazzo. Carlesi e Gian Luca Tonelli spiegheranno i punti in comune tra moda e design a partire dalla collaborazione con la stilista di moda Antonella Bertagnin alla definizione della collezione Giordy. Le sedute sono caratterizzate da un design in cui la semplicità della forma corrisponde alla complessità dei dettagli costruttivi e dove le scelte cromatiche, sia per quanto riguarda la tappezzeria che le finiture del legno, contribuiscono a conferire un segno.

Mercoledì 16 novembre 2016, alle 11.00, nell’auditorium delle scuole di San Giovanni al Natisone si terrà l’incontro Legno futuro, Quali le ricerche e le sperimentazioni in atto? In che senso il design contribuisce ad incrementare l’innovazione nelle

toyota-setsuna

toyota-setsuna

aziende? L’architettura di legno è sostenibile? Queste sono alcune delle domande a cui cercheranno di rispondere Angelo Speranza del Catas, Davide Carlesi, designer, e Bernardino Pittino, presidente Ordine degli Architetti dopo la presentazione di un video collage su alcune inusuali applicazioni del legno nel mondo dell’automotive, della moda, del design e perfino del food.

Gli eventi proseguono per il resto della settimana con l’incontro Cambiano le tecnologie, cambia la forma che si terrà giovedì 17 novembre alle 11.00 nell’aula magna dell’Istituto A. Malignani di San Giovanni al Natisone. Dario Del Zotto, professore al Malignani di S. Giovanni e Paolo Coretti, architetto, si confronteranno sulle opportunità che offrono le nuove tecnologie del disegno e su come queste abbiano cambiato radicalmente le modalità della progettazione.




FUTURE VINTAGE FESTIVAL dal 9 all’11 set. A PADOVA

Classico Contemporaneo, questo il claim della settima edizione del Future Vintage Festival, evento legato alla comunicazione e contaminazione per la proposta di tendenze tra lifestyle, moda, musica e design, a Padova dal 9 all’11 settembre 2016.

Future Vintage Festival si riconferma un’esperienza immersiva e unica nel suo genere dove la connessione multigenerazionale e un’attenta fusione tra passato e futuro, artigianato e tecnologia, trasformeranno la città di Padova in un fulcro di esperienze e linguaggi. Anche per questa edizione l’officina creativa si è impegnata nell’ottimizzare l’offerta culturale gratuita proponendo un palinsesto ricco di incontri con 15 grandi protagonisti: Duilio Giammaria, Giampiero Mughini, Linus, Ambra Angiolini, Mauro Corona, La Pina e Diego, Luca Mercalli, Ivan Zazzaroni, Rocco Siffredi, Justine Mattera, Egidio Borri, Maccio Capatonda, Leonardo Di Carlo; moderatore ufficiale di alcuni incontri sarà Andrea Vianello, direttore e giornalista Rai. E ancora 16 workshop creativi, 24 mostre ed esposizioni, 4 concerti serali (Tiromancino, Mokadelic, Street Clerks, Tony Esposito), 4 eventi fuori festival. Tornerà Chic Nic, l’aperitivo culturale della manifestazione: arte, cibo, musica, storia e cultura nell’esclusiva cornice dei Giardini dell’Arena.

Future Vintage Festival è organizzato da Vintage Factory in collaborazione con Superfly Lab sotto la direzione di Andrea Tonello e si avvale del patrocinio della Regione Veneto, del Comune di Padova e della collaborazione dell’Assessorato al Commercio e alle Politiche giovanili dell’Amministrazione comunale. Future Vintage Festival sostiene Fondazione Foresta e Androlife, molto attiva nella prevenzione e nella ricerca contro patologie legate al sistema endocrino, riproduttivo. Durante i tre giorni del Festival la Fondazione attuerà un’importante sensibilizzazione per combattere le patologie sessualmente trasmissibili, in netto aumento in Veneto.




ROBERTO PAOLINI. I GIOIELLI DELLA COLLEZIONE Presentato ieri da Sotheby’s a Milano

Si è tenuta ieri, giovedì 23 giugno 2016 presso la sede Sotheby’s di Palazzo Serbelloni a Milano, con grande successo di pubblico, la presentazione del progetto Roberto Paolini. I Gioielli della Collezione nato dalla collaborazione tra Sotheby’s e l’Archivio delle Opere di Roberto Paolini, che ha preso avvio lo scorso ottobre coinvolgendo prestigiosi Musei e Fondazioni private di arte contemporanea su tutto il territorio nazionale.
Un grand tour italiano che, grazie all’entusiasmo incontrato, ha eccezionalmente raccolto, in una rete straordinariamente ampia, l’ospitalità di Museion – Museo d’arte contemporanea di Bolzano, Mart – Museo d’arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto, MACRO – Museo di Arte contemporanea di Roma, MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna, Palazzo Fortuny di Venezia, Fondazione Sandretto Re Rebaudengo di Torino, Collezione Ernesto Esposito di Napoli, Fondazione Pierluigi e Natalina Remotti di Camogli e Collezione Tullio Leggeri – Alt di Bergamo.

Roberto Paolini. I Gioielli della Collezione intende valorizzare la straordinaria produzione risalente agli anni ‘80 e ‘90 di Roberto Paolini delle sculture-gioiello nate dalla sua instancabile ricerca individuale “più simili a sculture da indossare. Elaborate, imprevedibili, preziose. Opere uniche” – come sottolinea Adriana Polveroni, curatrice della monografia dedicata al progetto e docente di Museologia del contemporaneo presso l’Accademia di Brera.
Contestualmente al progetto, è stata infatti presentata, in anteprima assoluta, insieme alla curatrice Adriana Polveroni, a Daniela Mascetti, Senior Jewellery Specialist di Sotheby’s, a Daniela Ferretti, Direttrice di Palazzo Fortuny, e a Elena Paolini, Direttrice dell’Archivio Paolini, la monografia dedicata alla collezione (edita da Maretti Editore) che raccoglie anche gli scatti catturati on stage in una speciale sezione, Backstage at the Museum. Un dialogo sintetico e produttivo tra le architetture museali e le sculture gioiello che non si esaurisce nel binomio fotografo-indossatrice, ma che si fa vivo nel video d’artista di Maicol Casale realizzato nel corso delle varie tappe progettuali.

Un progetto a conferma che il virtuoso dialogo tra pubblico e privato può convergere in iniziative di alto profilo, in un rilancio che crea le premesse per competere a livello internazionale. Il progetto, svelando l’alta caratura e l’apprezzamento esteso oltre i confini italiani, proseguirà infatti all’estero nell’anno a venire, ospitato da Musei e Collezioni internazionali. È allora questo l’inizio di un brillante percorso che vede l’iniziativa proiettarsi nel mondo come portavoce di un Paese che nell’arte, anche grazie alle opere di Roberto Paolini, sa essere protagonista.

www.archiviopaolini.it | ufficiostampa@archiviopaolini.it | Tel. +39 051266167
www.sothebys.com | milan.office@sothebys.com | Tel. +39 02295001