IN CAMMINO VERSO SANTIAGO CON “ITINERARI”

Venerdì 12 ottobre alle 21 al Menossi il secondo appuntamento Il ciclo di incontri dedicati al reportage e ai racconti di viaggio alla scoperta del cammino da Nájera a León

Prosegue il viaggio di “ITINERari”, il ciclo di incontri dedicati al reportage e ai racconti di viaggio. Venerdì 12 ottobre alle 21 è in programma la seconda di quattro serate ospitate dall’auditorium Menossi, in via San Pietro 60, e dedicate alle esperienze di viaggio in luoghi lontani dai normali flussi turistici, da scoprire attraverso diapositive, foto e racconti. Protagonista dell’incontro sarà Vera Paoletti, che racconterà il suo “cammino” – da Nájera a León – verso Santiago de Compostela, tra silenzi, mesetas e cattedrali.  I successivi appuntamenti saranno dedicati a Myanmar (19 ottobre) e la Patagonia e la Terra del Fuoco (26 ottobre). L’iniziativa, realizzata dalla 6^ circoscrizione in collaborazione con l’associazione Dopolavoro Ferroviario di Udine, si rivolge a un pubblico di tutte le età. Tutti gli incontri sono ad ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili. Per informazioni: 6^ circoscrizione via S.Stefano 5 – 0432. 235246 – circoscrizione6@comune.it o Puntoinforma via Savorgnana 12 – 0432.414717/718 puntoinforma@comune.udine.it www.comune.udine.it




BARCOLANA 2012 – NAVIGANDO NELLA SCIENZA

In occasione della Barcolana 2012 il Servizio Musei Scientifici del Comune di Trieste propone per la prima
volta una serie di eventi e iniziative straordinarie per offrire e far conoscere il patrimonio Museale e
culturale della città e del territorio. 30 ore di aperture straordinarie, 16 ore di visite guidate e giochi per bambini si susseguiranno nel corso del fine settimana nei 4 Musei Scientifici di Trieste e al sito paleontologico del Villaggio del
Pescatore (Duino Aurisina). Da venerdì a domenica il Museo Civico di Storia Naturale, il Civico Museo del Mare, il Civico Orto Botanico e il Civico Aquario Marino saranno aperti in modo continuato dalle 10 alle 19.
In dettaglio:
Al CIVICO MUSEO DEL MARE si presenta una nuova vetrina tutta dedicata alla Barcolana.
In collaborazione con la Società Velica di Barcola e Grignano che ha gentilmente messo a disposizione
alcuni dei primi trofei e manifesti, sono esposte alcune ormai storiche barche di Sciarrelli nonché foto e
filmati tratti dall’archivio Marzari del Museo.
Per l’occasione, ogni iscritto alla Barcolana disporrà di un ingresso ridotto per 2 persone al Civico Museo
del Mare.
Visite guidate si susseguiranno al Civico Museo del Mare giovedì alle 11, venerdì alle 11 e alle 14,
sabato alle 11 e alle 14.
Al MUSEO CIVICO DI STORIA NATURALE visita guidata gratuita al Museo per cittadini e turisti,
con particolare riguardo alla sala dei Dinosauri e dei Coccodrilli, nonché alla nuovissima Mostra sulle
Catene Alimentari con il gioco delle prede e dei predatori: sabato alle 12.
Per approfondire la conoscenza dei dinosauri, o per i velisti che stazionano al VILLAGGIO DEL
PESCATORE (Duino Aurisina), sabato alle 16 (ritrovo presso la cava del Villaggio) riapertura
straordinaria del SITO PALEONTOLOGICO DEI DINOSAURI e visita guidata gratuita a
cura della Sezione di Paleontologia del Museo Civico di Storia Naturale.
Al CIVICO ORTO BOTANICO visita guidate venerdì alle 15 sullo straordinario mondo delle piante
nei suoi colori autunnali.
Sabato alle 10, invece, visita guidata al percorso geo-paleontologico e, a seguire, CACCIA AL TESORO
PER BAMBINI (6 – 14 anni) alla scoperta dei fossili e delle piante.
Al CIVICO AQUARIO MARINO conosceremo “quelli che la Barcolana la vedono da sotto” con
ben tre occasioni per familiarizzare con le numerose creature marine ospitate, ma anche con i rettili e gli
anfibi che in queste giornate sopportano la pacifica invasione del ciglione carsico. Visite guidate venerdì
alle 17 e sabato alle 15 e alle 17.




TEATRO ROSSETTI :10 ottobre condotto da Antonio Calenda alla Sala Bartoli

“Le nuove produzioni dello Stabile regionale saranno al centro dell’incontro  di mercoledì 10 ottobre condotto da Antonio Calenda alla Sala Bartoli: Hedda Gabler, I due fratelli, Fiona gli spettacoli “raccontanti” nel corso dei collegamenti con Luciano Roman, Adriano Braidotti e l’autore Alberto Bassetti. Alessio Boni e Luca Lazzareschi saranno invece ospiti di Umberto Bosazzi l’11 ottobre alle 17.30 alla Sala Bartoli per parlare di cinema e teatro. Gli appuntamenti rientrano nel ciclo Aspettando la bella Stagione”.  Proseguono gli incontri pomeridiani del ciclo Aspettando la bella Stagione, organizzati dal Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia.  Il 10 ottobre sarà dedicato al progetto produttivo dello Stabile: fra i nuovi titoli spicca l’ibseniana Hedda Gabler di cui Antonio Calenda anticiperà i temi e le scelte registiche, e che approfondirà con Luciano Roman uno dei protagonisti. Con Roman presenterà anche Fiona tratto dall’omonimo romanzo di Mauro Covacich. In collegamento audio-video con Adriano Braidotti e  con l’autore Alberto Bassetti parlerà infine de I due fratelli.   Grazie alla competenza di Umberto Bosazzi, giovedì 11 ottobre si rifletterà sui rapporti fra cinema e teatro: la stagione 2012-2013 dello Stabile offre diversi esempi di dialogo fra queste arti. Il giornalista ne discorrerà con Alessio Boni – uno dei protagonisti di ArtLuca Lazzareschi, interprete di Rain Man.

 Tutti gli incontri sono a ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili.

Informazioni anche sul sito www.ilrossetti.it e al centralino del Teatro 040-3593511.




DOCUMENTARI INTERNAZIONALI AL VISIONARIO DI UDINE

Nuova, interessantissima, rassegna cinematografica organizzata dal Visionario di Udine.

Dal 10 ottobre, dopo l’anteprima al Festival Internazionale di Ferrara, arriva a Udine il tour italiano di MONDOVISIONI, la rassegna di 8 nuovissimi documentari da 8 regioni del mondo su attualità, diritti umani, informazione e libertà di espressione, curata da CineAgenzia. Aggirando, schivando e prendendo di petto la censura, il documentario d’inchiesta continua i sui percorsi tematici ed estetici con uno scopo: farci conoscere persone, situazioni, concetti che ogni giorno hanno bisogno di lottare prepotentemente per affermarsi. Tratto dominante di questa selezione è il rischio: il rischio che si corre continuando a prendere posizione, informare e sfidare norme e poteri.

La rassegna avrà cadenza settimanale, ogni mercoledì, con due proiezioni, la prima alle 19.30 e la seconda alle 21, fino al 31 ottobre. Tutti i film sono in lingua originale con sottotitoli in italiano. Sarà possibile acquistare un biglietto speciale a 5 € oppure uno per entrambi gli spettacoli di ogni sera a 7 €.

Ecco i film proposti:

Mercoledì 10 ottobre

REPORTERO ore 19.30
di Bernardo Ruiz | USA/Messico 2012, 72’
A Tijuana fare il giornalista può costare la vita. Lo sanno bene i redattori del settimanale Zeta che si ostinano a sbattere in prima pagina narcotrafficanti e politici corrotti nonostante, dal 2006, più di quaranta reporter siano scomparsi o siano stati assassinati.
REPORTEROPROJECT.COM

TOMORROW ore 21.00
di Andrey Gryazev | Russia 2012, 100’
Il collettivo Voina (guerra) denuncia e provoca con le proprie performance artistiche e politiche il regime di Putin. Se all’estero hanno conquistato critici e curatori, in Russia i membri del gruppo hanno subito una dura repressione, diventando simboli della resistenza al governo poliziesco in un caso che ha anticipato quello delle Pussy Riot.

MERCOLEDÌ 17 OTTOBRE

WE ARE LEGION: THE STORY OF THE HACKTIVISTS
di Brian Knappenberger | Stati Uniti 2012, 91’
Gli attivisti di Anonymous raccontano storia e strategie del movimento rivoluzionario nato on-line in nome della libertà in rete.
WEARELEGIONTHEDOCUMENTARY.COM

VOL SPÉCIAL
di Fernand Melgar | Svizzera 2011, 100’
Ogni anno in Svizzera migliaia di uomini e donne vengono incarcerate senza processo né condanna, per la sola ragione di risiedere illegalmente nel paese. Quelli che si rifiutano di partire saranno costretti alla soluzione estrema: il “volo speciale”.
VOLSPECIAL.CH

MERCOLEDÌ 24 OTTOBRE

THE LAW IN THESE PARTS
di Ra’anan Alexandrovicz | Israele, 2011, 101’
Può una moderna democrazia imporre una prolungata occupazione militare, rispettando i suoi stessi valori democratici? E’ ciò che si domanda The Law In These Parts, analizzando la situazione di Israele e il suo controllo sui territori occupati.
THELAWFILM.COM

HIGH TECH, LOW LIFE
di Stephen Maing | Stati Uniti/Cina 2012, 87’
Due blogger cinesi attraversano una Cina in pieno sviluppo a caccia di notizie trascurate dai media ufficiali, sfidando i limiti della libertà di informazione e la censura della polizia.
HIGHTECHLOWLIFEFILM.COM

MERCOLEDÌ 31 OTTOBRE

THE AMBASSADOR
di Mads Brügger | Danimarca 2011, 97’
Cosa succede quando un europeo (molto) bianco acquista le costose credenziali che lo trasformano in un diplomatico africano, e sbarca in uno dei paesi più corrotti e pericolosi del continente? Dopo The Red Chapel, in cui si infiltrava in Corea del Nord, Mads Brügger torna con una nuova e contoversa inchiesta d’assalto.
THEAMBASSADOR.DK

THE BRUSSELS BUSINESS
di Friedrich Moser e Matthieu Lietaert | Belgio/Austria 2012, 85’
Chi gestisce davvero l’Europa? Un viaggio tra zone d’ombra e corridoi del potere dell’Unione per svelare il ruolo che 15mila lobbisti, strateghi e think tank, reti di potere e interessi hanno nella politica comunitaria.
THEBRUSSELSBUSINESS.EU

Rudi Buset
rudi.buset@ildiscorso.it
RIPRODUZIONE RISERVATA




“INCONTRI CON L’AUTORE”

Mercoledì 10 ottobre alle 18 nella sala Corgnali della biblioteca

NUOVO APPUNTAMENTO   con  “INCONTRI CON L’AUTORE”

 Sarà dedicato a un personaggio storico particolarmente controverso il prossimo appuntamento con “Incontri con l’autore”. Mercoledì 10 ottobre alle 18, nella sala Corgnali della biblioteca civica, in Riva Bartolini 5, è in programma la presentazione del libro “Il Generale Luigi Cadorna dal 1914 al 1917”, di Marziano Brignoli, edito da Gaspari nel 2012. Lo storico ed editore Paolo Gaspari dialogherà con l’autore.  Nominato Capo di Stato Maggiore dell’esercito italiano il 27 luglio 1914, quando ormai era prossimo al collocamento a riposo e convinto di non avere altre prospettive di carriera, Cadorna fu tra i primi a rendersi conto che il conflitto non sarebbe stato né facile né breve. Dal maggio 1915 all’8 novembre 1917 guidò in guerra lo stesso esercito, trasformandolo profondamente e assumendosi sempre la responsabilità delle sue decisioni, anche quando questo lo portava ad una pericolosa rotta di collisione col potere politico. L’elenco degli errori nella sua gestione costituisce l’argomento delle centinaia di pagine della relazione della Commissione d’inchiesta su Caporetto.  Davvero Cadorna era un generale che mandava al massacro i soldati in inutili assalti frontali? O c’è una spiegazione diversa? L’azione di comando di Cadorna è sempre stata considerata unicamente sotto i suoi aspetti negativi. Questo libro intende riequilibrare i giudizi, al di là dei pregiudizi e dei luoghi comuni. Marziano Brignoli – direttore delle raccolte storiche del Comune di Milano e docente di metodologia della ricerca storica e critica delle fonti all’Università di Pavia – intende ricondurre la biografia di Cadorna alla realtà della storia, rivalutando anche il valore dei fanti italiani nella guerra che ha segnato l’immaginario collettivo.




Nuovo appuntamento con “Incontri con l’autore”

Marziano Brignoli presenta il libro “Il Generale Luigi Cadorna dal 1914 al 1917”, edito da Gaspari nel 2012

Sarà dedicato a un personaggio storico particolarmente controverso il prossimo appuntamento con “Incontri con l’autore”. Mercoledì 10 ottobre alle 18, nella sala Corgnali della biblioteca civica, in Riva Bartolini 5, è in programma la presentazione del libro “Il Generale Luigi Cadorna dal 1914 al 1917”, di Marziano Brignoli, edito da Gaspari nel 2012.

Lo storico ed editore Paolo Gaspari dialogherà con l’autore.

Nominato Capo di Stato Maggiore dell’esercito italiano il 27 luglio 1914, quando ormai era prossimo al collocamento a riposo e convinto di non avere altre prospettive di carriera, Cadorna fu tra i primi a rendersi conto che il conflitto non sarebbe stato né facile né breve. Dal maggio 1915 all’8 novembre 1917 guidò in guerra lo stesso esercito, trasformandolo profondamente e assumendosi sempre la responsabilità delle sue decisioni, anche quando questo lo portava ad una pericolosa rotta di collisione col potere politico. L’elenco degli errori nella sua gestione costituisce l’argomento delle centinaia di pagine della relazione della Commissione d’inchiesta su Caporetto.

Davvero Cadorna era un generale che mandava al massacro i soldati in inutili assalti frontali? O c’è una spiegazione diversa? L’azione di comando di Cadorna è sempre stata considerata unicamente sotto i suoi aspetti negativi. Questo libro intende riequilibrare i giudizi, al di là dei pregiudizi e dei luoghi comuni. Marziano Brignoli – direttore delle raccolte storiche del Comune di Milano e docente di metodologia della ricerca storica e critica delle fonti all’Università di Pavia – intende ricondurre la biografia di Cadorna alla realtà della storia, rivalutando anche il valore dei fanti italiani nella guerra che ha segnato l’immaginario collettivo.




TRIESTE 9 OTTOBRE : Associazione Culturale “Saper Essere”

Martedì 9 ottobre presso l’Antico Caffè San Marco, (Via Cesare Battisti 18 Trieste) alle ore 20.00

Martedì 9 ottobre presso l’Antico Caffè San Marco, (Via Cesare Battisti 18 Trieste) alle ore 20.00 i tre fondatori Walter Klinkon, Riccardo Riosa ed Ennio Dri Zuccoli assieme al Poeta/Formatore triestino e collaboratore dell’Associazione Renzo Maggiore,  presenteranno al pubblico l’Associazione Culturale “Saper Essere” che si basa sul manuale “Le chiavi del saper essere” ultima fatica letteraria dell’Autore. Con le parole dello stesso Maggiore: “ Il Saper Essere è una competenza sempre più importante in ogni contesto umano: dal rapporto con se stessi alle relazioni familiari, dalla gestione delle emozioni all’efficacia del lavoro di gruppo… Nel libro vi sono molti esercizi volti all’approfondimento del proprio essere più profondo e dei processi di comunicazione intra ed interpersonale”.

Nel corso dell’incontro Maggiore illustrerà ai convenuti l’obiettivo centrale che si pone l’Associazione: mettere a disposizione di tutti le conoscenze e i modelli utili per il benessere e la crescita della persona.

 

Per maggiori informazioni: www.saperessere.oneminutesite.com; mail: saperessere@gmail.com

Ingresso libero




Pasta Zara a Muggia da 10 anni “Una scommessa voluta e risultata vincente!”

Pasta Zara a Muggia da 10 anni, Furio Bragagnolo: “Una scommessa voluta e risultata vincente!”
Dieci anni. Scanditi da una parola d’ordine: sviluppo. Era infatti l’autunno del 2002 quando Pasta Zara “sbarcava” a Muggia inaugurando uno dei pastifici più grandi e moderni del mondo. Il nuovo, avveniristico stabilimento venne chiamato Pasta Zara 2, per distinguerlo da quello storico dell’azienda, a Riese Pio X, nel Trevigiano. Un’azienda veneta, dunque, prendeva casa alle porte di Trieste, investendo sul territorio e sul futuro.

Durante il discorso inaugurale, Furio Bragagnolo, presidente di Pasta Zara, disse esplicitamente: “Siamo qui per fare un salto di qualità, lo stabilimento di Muggia diventerà strategico nella crescita di Pasta Zara”.
Così è stato. Sono passati dieci anni e sabato 6 ottobre Pasta Zara ha festeggiato questa ricorrenza con una celebrazione all’interno dello stabilimento di Muggia. “Abbiamo vissuto questi 10 anni intensamente e con profitto – precisa Furio Bragagnolo -. La scommessa di Muggia si è dimostrata vincente perché nel giro di due anni ci ha permesso di raddoppiare la produzione e di diventare il secondo produttore nazionale di pasta, nonché il primo esportatore. La crescita è dimostrata dai numeri: la capacità produttiva di Muggia oggi è di 610 tonnellate di pasta al giorno, su un totale, suddiviso tra i tre stabilimenti, perché nel frattempo è entrato a far parte del gruppo anche il polo produttivo di Rovato (Brescia), di 1.500 tonnellate al giorno. Questo vuol dire che Muggia incide circa il 40% sulla nostra produzione, cioè molto. Dieci anni fa, appena partiti, i dipendenti erano una sessantina, oggi siamo arrivati a 152. Muggia, quindi, ha segnato una svolta determinante per Pasta Zara e abbiamo intenzione di investire ulteriormente, spinti anche dal momento favorevole che vede l’azienda andare in controtendenza rispetto alla forte recessione in atto. Lo dimostra il fatto che il fatturato nei primi sei mesi del 2012 è cresciuto del 13%. Sulla scia di questo successo, abbiamo deciso di ampliare ulteriormente lo stabilimento: verrà allestita un’area logistica capace di ospitare 66mila posti pallet, che farà fare un balzo in avanti sul  fronte dell’automazione. In più, verrà installata una sesta linea produttiva di pasta. Un nuovo gruppo di confezionatrici e un inedito silos intermedio, permetteranno a questa linea di produrre 9.000 chili all’ora di pasta. Una volta completata la messa in opera, il centro operativo di Muggia vedrà la sua capacità produttiva salire a 870 tonnellate di pasta al giorno, confermandosi uno dei pastifici di riferimento a livello mondiale”.
In questi dieci anni a Muggia, Pasta Zara ha avuto al suo fianco un partner che ha sempre creduto nel potenziale dell’azienda e sul suo operato, Friulia, la finanziaria regionale.  Oggi, dunque, Pasta Zara festeggia a Muggia il taglio di un traguardo importante, che vuole però  rappresentare anche un punto di partenza per altri ambiziosi obiettivi.




A.S.D. TRA CIELO E TERRA : Psiche e Mito a Gradisca d’Isonzo dal 13 Ottobre

Le Civiltà Antiche, in particolare quella greca, ci hanno lasciato un patrimonio culturale e filosofico di tale portata da influenzare ancora oggi il nostro modo di vivere, di sentire, di pensare, di essere. In questo contesto la spazio dedicato alla Mitologia assume un rilievo di primaria importanza. Lontana da essere una spiegazione favolistica ed ingenua dei fenomeni e dei processi con i quali donne e uomini di ogni tempo hanno avuto a che fare, la Mitologia rappresenta invece una lucida e vibrante testimonianza della dimensione umana, sospesa tra terra e cielo,  costellata nella sua intima natura da Forze Archetipali che ne inclinano il cammino operando attivamente sullo stato dell’animo di ognuno. Il corso si articola attraverso la rilettura di alcuni dei più importanti Miti, svelando rigorosamente la natura e la necessità degli stessi, al fine di individuare i rimedi spagirici che sono in grado di dare il sostegno adeguato al superamento delle problematiche trattate. Sarà così possibile da un lato acquisire nuovi strumenti e modalità per conseguire una maggiore consapevolezza di sé, dall’altro arricchire le proprie conoscenze sull’uso “sottile” del rimedio spagirico.

I° Lezione : 13-14 Ottobre 2012  “Della natura e del  Destino umano”  La lettura mitologica come declinazione  dell’Anima  Esiodo “Teogonia”  Dioniso

II° Lezione: 17-18 Novembre 2012 “Dell’attaccamento”  Edipo  Tantalo e Pelope  Pasife, il Minotauro, il Labirinto  Perseo e Arianna

III° Lezione: 8-9 Dicembre 2012  ” Del Desiderio e  del Conflitto”  Omero “Odissea”  Omero “Iliade”

(c.l. per la redazione)




OLTRE 1.300 I LIBRI DONATI ALLA “JOPPI” DI UDINE

 

Sono oltre mille e 300 i libri nuovi, soprattutto volumi per bambini e tascabili di narrativa italiana e straniera, ma anche di saggistica d’attualità, regalati alla biblioteca civica “Joppi”. Un “carico” talmente grande che ci sono voluti due viaggi per trasportare i 26 scatoloni raccolti in seguito all’iniziativa “Dona un libro alla tua biblioteca”, organizzato la scorsa estate dalle librerie Giunti di Udine, Martignacco (Città Fiera) e Cassacco (Centro commerciale Alpe Adria).  Il progetto, alla sua terza edizione, è stato pensato per sensibilizzare tutte le persone a donare un libro ad associazioni o enti pubblici, con l’obiettivo di arricchire di nuovi volumi le biblioteche, sottolineando in questo modo l’importanza del loro ruolo come centri propulsori di cultura, spazi di aggregazione e integrazione sociale sul territorio. Chi aderiva all’iniziativa, in una delle tre librerie “Giunti” aveva diritto ad uno sconto del 15% sul prezzo di copertina e, prima di donare il volume, aveva la possibilità di personalizzare la donazione scrivendo una dedica.  Molti, si diceva, i libri per ragazzi donati alla “Joppi”, in una proporzione di circa il 60 per cento. Tra le centinaia di volumi sono state privilegiate le storie classiche (da Pinocchio a Cappuccetto Rosso, da Andersen a Rodari) che quindi andranno a rimpiazzare i libri della Sezione Ragazzi più logori e consunti dall’uso. Ma tanti anche i testi per un pubblico adulto, dove forse la palma del più gettonato può essere attribuita a pari merito a Mauro Corona, Erri De Luca e Stefano Benni e, tra gli stranieri, a George Orwell, Luis Sepùlveda e Paulo Coelho. Interessanti anche certe donazioni “fuori dal coro”, come Irène Némirovsky e Fabio Geda, l’autore di “Nel mare ci sono i coccodrilli: storia vera di Enaiatollah Akbari”. Non poteva mancare nemmeno il celebre “C’è un cadavere in biblioteca” di Agatha Christie, che l’anonimo donatore ha evidentemente ritenuto indispensabile per arricchire la dotazione di gialli della “Joppi”.  Un insieme variegato, dunque, che riassume le tendenze e i gusti del momento e che la “Joppi”, evitando di accollarsi doppioni e assecondando in questo modo anche alcuni donatori delle tre librerie Giunti, cederà alle biblioteche del sistema dell’hinterland udinese, che quei libri invece non posseggono.