nataleApordenone domenica 16 dicembre

Una domenica tutta da passare in città il 16 dicembre tra le tante iniziative del Natale a Pordenone per grandi e per piccini. In centro oltre al mercato straordinario, i negozi saranno aperti, così come le casette natalizie: dalle 9 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 20.30 in corso Garibaldi, dalle 10.30 alle 22 le casette del gusto in piazza XX Settembre. Piazzetta Freschi accoglie il Mercatino svuotasoffitta ed hobbisti a cura dell’Associazione Noi di Via Cavallotti. Diverse la attività previste in piazza XX Settembre dove la pista di pattinaggio aperta dalle 10 alle 12 e dalle 14.30 alle 22: alle 10.30 Piazza Concerto a cura della sezione Bersaglieri di Pordenone della Fanfara di Pordenone, della Fanfara di Jesolo e del Coro di Pertegada (coro che poi alle 12.30 si esibirà in Borgo Colonna); alle 18.00 Christmas in song seguita alle 19 da The Xmas Trumpet, esibizioni di musica dal vivo a cura di Polinote, tra musica moderna canto e tromba. Alle 14.00 nella Palestra Polisportivo “Le Grazie” 17° Torneo Natalizio semilampo di scacchi a cura ASD San Gregorio.
A supporto dei genitori in Biblioteca Civica (Spazio Morbido) c’è il Servizio di Baby Care dalle 15.30 alle 19.30 per bambini dai 3 ai 10 anni (fino a esaurimento posti) con giochi e laboratori, mentre in piazzetta Calderari dalle 15.30 alle 19.30 c’è il Bosco degli Elfi, con l’Elfo Party, tra divertenti giochi di squadra. Alle 15.30 nello Spazio 2 del Teatro Verdi Happy kids, I tre capelli d’oro del diavolo. Al Nuovo Cinema Don Bosco alle 16 per CinemaZeroKids si proietta I crimini di Grindelwald.
Alle 16.00 nell’Auditorium Concordia per la rassegna regionale di teatro popolare la Compagnia Teatrale Melodycendo presenta Un disastroso piano perfetto, di Nicola Fraccalaglio.
Alle 16.00 in Borgo Colonna ci saranno attività per bambini e concerto Christmas Street Band della Filarmonica di Cordenons a cura dei commercianti.
Alle 16.00 nel Teatro Verdi ultima replica de Le avventure di Numero Primo con Marco Paolini. Alle 16.30 nel Museo Archeologico attività per bambini dai 6 agli 11 anni e famiglie: Domenica al Castello “E tu cosa sei?”, per scoprire le funzione dei reperti.Alle 17.00 nella Chiesa di Sant’Ulderico I Teatri dell’Anima presentano “Sulle corde del viaggio” di Les fils rouges- trio d’arpe a cura di EtaBeta Teatro.




«Nonostante il meteo non abbia aiutato, nel periodo di Capodanno le prenotazioni in struttura arrivano all’80%»

Paola Schneider

«I nostri hotel sono pronti, ora manca soltanto la “materia prima”, la neve. Teniamo tutti gli occhi fissi al cielo, nella speranza che scenda qualche fiocco. Ma il trend, per fortuna, ricalca quello dello scorso anno e possiamo dire di essere soddisfatti». È il bilancio tracciato da Paola Schneider, presidente di Federalberghi Fvg, in vista delle imminenti festività natalizie, da sempre uno dei momenti nevralgici dell’anno per la categoria. E se, finora, il meteo non ha collaborato – le nevicate naturali sono state scarse -, a livello di prenotazioni le strutture ricettive montane della regione hanno numeri in linea con quelli dello stesso periodo 2017, quando già da novembre le precipitazioni erano state abbondanti: «Per fortuna – prosegue Schneider – gli alberghi delle località turistiche sono già prenotati fino all’80% per il periodo di Capodanno, un valore nella norma. Qualche posto c’è ancora, ma i colleghi interpellati sono contenti del risultato maturato finora».

Certo, è cambiata la tipologia di soggiorno: nel periodo fra Natale ed Epifania, grazie anche al traino del Capodanno, i visitatori scelgono generalmente permanenze per tre notti e quattro giorni totali. La settimana intera è diventata una “mosca bianca”. «La tendenza è questa – aggiunge la presidente di Federalberghi Fvg -, a Natale qualcuno si muove ma va anche ricordato che molti hotel in quei giorni sono ancora chiusi, per poi riaprire da Santo Stefano». E se tutte le zone montane ricalcano i numeri dello scorso anno, nel periodo natalizio i clienti sono per la maggior parte italiani, anche se non mancano sloveni, croati, austriaci e tedeschi. Poi, dall’Epifania in avanti, il quadro muta a causa delle settimane bianche «per le quali – aggiunge Schneider – c’è già un buon numero di prenotazioni».

Per assicurare alle strutture regionali un’ulteriore spinta ci vorrebbe qualche nevicata in montagna. «Sarebbe tutt’altra cosa, anche sotto il profilo paesaggistico, e ci consentirebbe di attirare qualche visitatore “last minute” in più – conclude la presidente di Federalberghi regionale -. Per fortuna, comunque, ci sono gli impianti per l’innevamento artificiale e i poli dello sci saranno aperti, se continueranno a insistere le basse temperature. Tutti gli operatori delle località, inoltre, si sono attrezzate per organizzare l’après-ski, concerti o deejay, o il classico cenone di Capodanno. Insomma, la montagna Fvg c’è!».




SANTA CLAUS RUN FVG, TANTI “BABBI NATALE” IN CORSA PER LE STRADE DI OSOPPO domenica 6 dic.

Domenica 16 dicembre con partenza alle 10.30 dal Teatro della Corte di Osoppo (Ud)Anà-Thema Teatro organizza per il secondo anno la corsa non competitiva di 5 chilometri con i partecipanti vestiti da Babbo Natale

Alla Corte, inoltre, al via anche la sesta edizione del Mercatino di Natale con tante bancarelle, giochi, elfi truccabimbi e zone ristoro e alle 18 di domenica, in teatro sempre a Osoppo, in programma

il concerto di Natale delle “Crunchy Candies”

Ci sono due tipi di corse che si svolgono nel periodo che precede le festività natalizie. Una è quella ai regali e l’altra è la Santa Claus Run Fvg, la divertente e sempre più partecipata iniziativa che Anà-Thema Teatro organizza a Osoppo (Ud). Una corsa/camminata non competitiva di 5 chilometri a ritmo libero che la compagnia teatrale di casa alla Corte del Teatro di Osoppo ha pensato di riproporre anche quest’anno, visto il successo della prima edizione, per domenica 16 dicembre. Un modo per festeggiare in modo unico e divertente l’arrivo del Natale celebrando uno dei simboli più caratteristici e conosciuti della tradizione popolare, ovvero Babbo Natale. 

Il percorso si snoderà lungo le vie del centro della località pedemontana con partenza alle 10.30 proprio dalla Corte di Osoppo (in via XXII novembre 3) dove, per il sesto anno consecutivo è stato allestito anche il Mercatino di Natale con tante bancarelle, giochi ed elfi truccabimbi per i più piccoli, zone ristoro, vin brulé, dolci natalizi e dove, manco a dirlo, farà la sua apparizione proprio Babbo Natale.

Alla manifestazione, che avrà luogo con qualsiasi condizione meteorologica, i partecipanti di tutte le età (i bambini sotto i 10 anni dovranno essere accompagnati da un adulto) potranno correre o camminare solo indossando pettorina e gli abiti tradizionali di Babbo Natale. Due i pacchetti previsti per l’iscrizione, che si potrà effettuare il giorno stesso della corsa presentandosi nel punto di ritrovo/partenza dalle 9 alle 10. Il primo, al costo di 20 euro a persona, comprende, oltre all’iscrizione, la divisa di Babbo Natale (fino ad esaurimento delle scorte), il pettorale numerato, un buono per una bevanda calda e uno snack e una divertente lezione di riscaldamento con il folletto prima della partenza. Il secondo pacchetto, ad un costo di 12 euro, prevede gli stessi servizi del primo ad eccezione del costume di Babbo Natale. I bambini fino ai 10 anni potranno essere iscritti ad un costo di 5 euro e riceveranno, oltre la pettorina, i buoni snack e bevanda e la lezione di riscaldamento, anche il cappellino di Santa Claus. Per i gruppi, infine, ogni dieci adulti iscritti, per l’undicesimo la partecipazione è gratuita (regolamento e info complete sul sito www.anathemateatro.com).

Ma non è finita qui, perché lo stesso giorno della Santa Claus Run Fvg (16 dicembre), alle 18 è in programma un imperdibile concerto di Natale. Ospiti della Corte di Osoppo saranno infatti “The Crunchy Candies”, “Le Caramelle Croccanti”, l’applaudito sestetto musicale, con protagoniste indiscusse le tre voci femminili, che ripercorre in tutto il suo repertorio le atmosfere musicali degli anni ’30, ’40 e ’50. Un concerto speciale, dove i grandi classici della tradizione natalizia saranno riadattati in chiave swing.

Per informazioni sulla corsa e sul concerto è possibile telefonare alla segreteria di Anà-Thema Teatro ai numeri 0432 1740499 o 345 3146797, oppure inviare una email all’indirizzo    info@anathemateatro.com.




PRESEPE DI SABBIA di Lignano Sabbiadoro _ Domani l’inaugurazione della 15° edizione v

La 15° edizione del Presepe di Sabbia di Lignano sarà visitabile dall’8 dicembre 2018 al 27 gennaio 2019. Per consultare le giornate e gli orari di apertura  www.presepelignano.it

Al via domani, sabato 8 dicembre, la 15° edizione del Presepe di Sabbia di Lignano Sabbiadoro, attrazione di punta del calendario dei festeggiamenti di “Natale d’A…mare”, capace di attirare nelle ultime edizioni un numero fra i 50 i 70 mila visitatori nel periodo festivo, diventando a tutti gli effetti un punto di riferimento turistico per la città di Lignano e per la Regione Friuli Venezia Giulia tutta. L’opera, organizzata da Associazione Dome Aghe e Savalon d’Aur, con il sostegno della Città di Lignano, in collaborazione con Pro Loco LignanoLignano in Fiore OnlusLignano Sabbiadoro Gestioni e con il fondamentale contributo delle associazioni lignanesi, realizzata dall’equipe di artisti internazionali dell’Accademia della Sabbia capitanati da Antonio Molin, sarà visitabile fino al 27 gennaio 2019. Appuntamento quindi a domani alle 16.00 al villaggio festeggiamenti di Lignano, posto dirimpetto alla Terrazza a Mare, con il taglio del nastro e il via ufficiale al programma degli appuntamenti. Tutte le info e gli orari di visita del presepe su www.presepelignano.it e sulla pagina Facebook Dome aghe e savalon d’aur.

Dopo il Terremoto del Friuli e la Grande Guerra, il tema dell’opera di quest’anno è il Cantico delle Creature di Francesco d’Assisi, che trova la sua rappresentazione attraverso la magistrale trasposizione sulla sabbia di alcuni dipinti di Giotto, che diventa così autentico “narratore per immagini” nel guidare il visitatore attraverso il percorso espositivo. Perno centrale dell’articolata architettura narrativa è, infatti, la monumentale traduzione tridimensionale della Natività, ispirata agli affreschi della Nascita di Cristo e dell’ Adorazione dei Magidipinti da Giotto tra il 1303 e il 1305 nello stupefacente ciclo della Cappella degli Scrovegni di Padova.

Il visitatore verrà poi letteralmente abbracciato dal filo tematico principale del presepe: Il Cantico delle Creature. Nella prima parte si vede Francesco, malato e quasi cieco, che ospite di Chiara nella serenità di San Damiano detta il suo Cantico. Si passa così al cuore dell’opera, il «Laudato si’», dove l’acqua, il vento, il sole, la luna, il cielo stellato, il fuoco, la “Terra Madre” e coloro «che perdonano» (quindi i “costruttori di pace”), vengono rappresentati singolarmente in sette meravigliose realizzazioni in sabbia che costituiscono il corpo principale del percorso. Ad impreziosire ulteriormente l’opera, la gradita conferma dell’Albero di Yule, che raccoglierà sui suoi rami migliaia di testimonianze sotto forma di biglietti, pensieri che portano auguri, sentimenti e buoni auspici per l’anno che verrà.

Dopo il gemellaggio con la comunità di Amatrice e le splendide attività congiunte realizzate negli scorsi anni, la comunità di Lignano si unisce quest’anno a quella di Greccio, proprio nel segno di San francesco, che nel borgo laziale allestì il primo presepe vivente della storia nel 1223. Per suggellare questo gemellaggio l’associazione Dome aghe e savalon d’aur donerà a Greccio un piccolo presepe di sabbia, realizzato dagli artisti dell’Accademia della Sabbia. Nelle giornate di sabato 15 e domenica 16 dicembre una corriera partirà quindi da Lignano per fare visita a Greccio e Orvieto. Fra le attività della due giorni anche il concerto degli Harmony Gospel Singers nel pomeriggio di sabato 15 proprio a Greccio. Per chi volesse prendere parte alla gita, per info e prenotazioni, chiamare il +39 339 7485334.

Giorni e orari di apertura del Presepe di Sabbia:

L’8 e il 9 dicembre 2018 dalle 10:00 alle 18:00

Dal 10 al 14 dicembre 2018 dalle 14:00 alle 18:00

Dal 15 al 24 dicembre 2018 dalle 10:00 alle 18:00

Il 25 dicembre 2018 dalle 14:00 alle 18:00

Dal 26 dicembre 2018 al 6 gennaio 2019 dalle 10:00 alle 18:00

Il 12, 19, 26 gennaio 2019 dalle 14:00 alle 18:00

Il 13, 20, 27 gennaio 2019 dalle 10:00 alle 18:00

 

Per maggiori info:

Visitare i siti www.presepelignano.it e www.lignanosabbiadoro.it e la pagina Facebook Associazione dome aghe e savalon d’aur.




nataleApordenone sabato 8 dicembre

Come da tradizione l’8 dicembre è una giornata particolarmente ricca di appuntamenti per il Natale a Pordenone.
Il mercato cittadino sarà aperto tutto il giorno fino alle 19, le casette natalizie dalle 9 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 20.30 in corso Garibaldi, e con orario continuato dalle 10.30 a mezzanotte in piazza XX Settembre, dove alle 17.30 si esibirà la Pordenone Big Band, diretta da Juri Dal Dan; la pista di pattinaggio sarà operativa dalle 10 alle 12 e dalle 14.30 alle 22. Trenino delle feste attivo dalle 15.10.
Tante le iniziative per bambini e famiglie a cominciare dall’inaugurazione del Bosco degli Elfi in piazzetta Calderari, un luogo magico dove poter giocare fare divertenti laboratori, visitare la casa di Babbo Natale e il villaggio degli elfi e incontrare personaggi da fiaba. Tutti i fine settimana sono in programma attività, giochi e animazioni, con punto ristoro. Sabato 8 dalle 10 alle 13 impazzerà la
gang degli elfi (animazione ludica con giochi, balli e due elfi scatenati); dalle 15.30 alle 17.00 ci saranno i laboratori a cura di Collegio don bosco; dalle 17.00 alle 18.30 si copriranno profumi e vapori nella casa degli elfi. Domenica 9 dicembre dalle 15.30 alle 18.30 si materializzerà un angolo di Polo Nord popolato da Nataline ed Elfi con giochi giganti, giochi di legno, tavolinetti creativi e tante sorprese.Alle 10.30 nella Bastia del Castello di Torre il Natale è da fiaba con la storia di Pollicino – ultimo nato “piccolo e sfortunato”, che con astuzia e coraggio riesce a riportare a casa dal bosco dove sono stati abbandonati sé stesso e i suoi fratelli, e anche l’oro del terribile Orco pronto a cibarsi di loro – raccontata da Fabio Scaramucci e Fabio Mazza.
Al pomeriggio – dalle 15.30 alle 19.30 nello Spazio morbido della Biblioteca Civica, Baby Care per bambini dai 3 ai 10 anni (massimo 15 bambini) con giochi e animazioni. Alle 16 nel Nuovo Cinema Don Bosco CinemaZeroKids presenta Il mistero della casa nel tempo e a seguire Cinemerenda con laboratorio Rrrrrumoristi. Alle 16 al Museo di storia naturale, laboratorio per famiglie con bambini dai 3 ai 5 anni “Esploratori in erba!”.

Diverse le attività in programma sotto La loggia e dintorni.
Alle 10.30 presentazione del calendario Pro Loco 2019 dedicato a Giovanni Antonio de’ Sacchis detto “Il Pordenone” con alcune delle sue più belle opere, conservate nelle chiese e nei musei del territorio pordenonese, colte dagli scatti di Danilo Rommel accompagnate dai testi di Maria Luisa Agosti. Il ricavato delle offerte andrà devoluto alle scuole del pordenonese per l’acquisto di materiale didattico a loro necessario. Alle 11 sempre dalla Loggia del Municipio, partirà la visita guidata gratuita alla scoperta della città a cura di Rotary Pordenone. Alle 11.30 ci si sposterà nel vicino Museo civico d’arte per l’inaugurazione della mostra presepi artigianali, sempre a cura di Pro Loco Pordenone. In esposizione circa 60 presepi che, nati dall’estro di artigiani provenienti anche da fuori regione, faranno parte del circuito “Giro Presepi Fvg” proposto dal comitato regionale del Friuli Venezia Giulia, dell’unione nazionale Pro Loco d’Italia. Le opere, uniche ed originali, rappresenteranno la Natività anche in altre nazioni. La mostra è realizzata in “gemellaggio” con il Comune di Pasiano: alcuni presepi realizzati dal Gruppo Amici del Presepe della parrocchia San Paolo di Pasiano saranno presenti alla rassegna di palazzo Ricchieri, così come alcune opere esposte l’anno scorso nello stesso museo saranno, quest’anno, in mostra a Pasiano. La rassegna è ad ingresso gratuito ed è visitabile fino al 6 gennaio 2019, dal mercoledì alla domenica negli orari 15:00 – 19:00. Resterà chiusa il 25 dicembre e il 1° gennaio. Inoltre, per tutta la durata della mostra il museo d’arte è visitabile gratuitamente.
Ultimo appuntamento sotto la Loggia, alle 17, l’inaugurazione del presepe ligneo a cura del Don Bosco, accompagnato da canti, musica e riflessioni sul significato del Natale.Tre i concerti in programma nel tardo pomeriggio dell’8 dicembre per il Natale a Pordenone.
Alle 16 nella Chiesa SS Leonardo e Ruperto di Vallenoncello concerto Gospel con Seventh Note Gospel Lab.
Alle 17 nel Convento di San Francesco Ensemble Armonia presenta 235 Arpa Ensemble un concerto di arpe con un programma di grande impatto e varietà: dalla Sinfonia n. 104 di Haydn alle Danze rumene di Bartok, dalla Fantasia sul Signor Bruschino, omaggio a Rossini, all’esplosivo Freddy Mercury di Somebody to love per finire coi brani contemporanei di Paolo Furlani e Paola Devoti di cui due – Tournoi des deux harpes (Furlani) e Apeiron (Devoti) – in prima esecuzione assoluta. Ciliegina sulla torta il Christmas Medley conclusivo. Interpreti le affermate arpiste Paola Devoti ed Elisabetta Ghebbioni e l’Insieme 235 del Conservatorio di Venezia. Il gruppo è costituito da cinque arpe ed esegue le musiche originali di Paola Devoti per due, tre e quattro arpe, oltre a trascrizioni per quattro e cinque arpe della stessa autrice di celebri brani classici e pop.Paola Devoti è arpista, compositrice e direttrice d’orchestra. in qualità di arpista ha collaborato con importanti orchestre europee suonando sotto la direzione di grandi Maestri (Celibidache, Delman, Chailly). Come solista ha tenuto concerti in Europa, Giappone, Stati Uniti e effettuato numerose incisioni discografiche. Elisabetta Ghebbioni ha ricoperto a lungo il ruolo di Prima Arpa all’Orchestra Sinfonica di Lecce e ha al suo attivo collaborazioni con le più importanti Istituzioni orchestrali italiane: Orchestra RAI, Teatro La Fenice, Filarmonica della Scala.
Con Andrea Dainese e Giancarlo Di Vacri ha costituito il Trio Leonardo, formazione di flauto, viola e arpa con cui ha tenuto concerti in Europa, Stati Uniti e Australia.
Alle 17.45 nel Santuario delle Grazie, Concerto di Natale con il Coro “Monte Peralba” di San Donà di Piave a cura ASD San Gregorio, e a seguire accensione dell’albero.




aNatale a Pordenone 4 e 5 dicembre

martedì 4 dicembre

✓ pista di pattinaggio: 14.30 – 22
✓ 16.30 Biblioteca Jolanda Turchet, Prepariamoci al Natale: “Caro Babbo Natale…”

✓ 17.00 Biblioteca Civica, Sezione Ragazzi Matilda: mi racconti una storia? Progetto di letture ad alta voce per bambini fino a 6 anni e i loro genitori a cura di Daniela Dose

mercoledì 5 dicembre

✓ pista di pattinaggio: 14.30 – 22

✓ 16. 30 Biblioteca Sud, via Vesalio 11, Piccoli Babbi Natale in 3D.

✓ 18:00 Convento di San Francesco, Conferenza “Resilienza come stile di vita” a cura di Associazione Wondy sono io

 


Andrea Spinelli

Inaugurata coi canti dei bambini e l’accensione dall’albero la pista di pattinaggio sul ghiaccio allestita in piazza Xx Settembre, grazie al contributo di Coop Alleanza 3.0 nei giorni feriali è aperta dalle 14.30 alle 22. Il cartellone del Natale a Pordenone dell’amministrazione comunale prosegue, con attività dedicata in particolare a bambini e famiglie. Le biblioteche di quartiere sono in prima linea per sviluppare fantasia e creatività. Martedì 4 dicembre alle 16.30 nella Biblioteca Jolanda Turchet in via Pontinia 4, si tiene il laboratorio Prepariamoci al Natale: “Caro Babbo Natale…”, mentre mercoledì 5 dicembre alle 16.30 la Biblioteca Sud di via Vesalio 11 ospita il laboratorio Piccoli Babbi Natale in 3D. Entrambe le attività sono a numero chiuso e richiedono la prenotazione al 0434 392976. Tradizionale è l’appuntamento in Biblioteca civica, Spazio Ragazzi (martedì 4 dicembre alle 17) con le di letture ad alta voce per bambini fino a 6 anni e i loro genitori Matilda: mi racconti una storia? a cura di Daniela Dose.A completamento della mostra in corso nel Museo di Storia Naturale, In viaggio con Wondy, mercoledì 5 dicembre alle 18 nel Convento di San Francesco si terrà la conferenza “Resilienza come stile di vita” a cura dell’Associazione Wondy sono io. Alla tavola rotonda moderata dalla giornalista Paola Dalle Molle interverranno Andrea Spinelli, fotografo e scrittore autore del libro “Se cammino, vivo”, Serenella Antoniazzi, imprenditrice autrice del libro “Io non voglio fallire”, Giovanni Tavaglione, professional conselour e coach, Chiara Cristini, consigliera di parità’ di Area Vasta Pordenone, Nicoletta Suter, responsabile del Centro Attività Formative Cro Aviano. Si scoprirà cosa significa resilienza e si imparerà a metterla in pratica nella vita di ogni giorno attraverso testimonianze significative che riguardano diversi aspetti della vita.
La resilienza è la capacità di resistere alle difficoltà riorganizzando in modo positivo la propria vita. Una parola che ben si adatta a spiegare chi era Francesca “Wondy” Del Rosso. L’esposizione a lei dedicata visitabile fino al 9 dicembre è un percorso di immagini e brevi testi che ripercorrono la sua storia a partire dall’agosto 2010 quando scoprì il tumore. Le foto ritraggono lei e la sua famiglia raccontando viaggi fatti da quel momento in poi, le tappe della malattia, l’avanzamento del tumore e le reazioni a tutto questo. I momenti dolorosi e divertenti, senza mai perdere il coraggio e la positività.
La mostra è il primo atto dell’associazione “ Wondy sono io” nata dopo la morte di Francesca per volontà del marito Alessandro Milan, noto giornalista di Radio 24 e Francesca Ravelli e Alessandro Tedesco con l’impegno di promuovere nel mondo il messaggio che ognuno di noi di fronte alle difficoltà non si deve abbattere ma può diventare un supereroe.
La mostra è realizzata grazie a Fidapa, Rotary Club Pordenone, protocollo “Carta di Pordenone”, Marcolin Covering Srl, Egon Srl e Negozio Queen’s di Pordenone.




Domenica 2 dicembre Il fiocco giallo della Catalogna spiegato da Maria Xinxó, a Udine

Come un piccolo nastro fatto di tessuto giallo può incitare le folle? Come può, così minuscolo, dare forza a un popolo? Sembra impossibile, eppure non lo è. Lo sanno bene i catalani che di quel pezzetto di fettuccia gialla ne hanno fatto un simbolo, il loro. ‘El llaç groc’, il fiocco giallo, è l’emblema della loro lotta per l’indipendenza.

‘EL LLAÇ GROC’ – Maria Xinxó Morera ha deciso di raccontare tutto questo in un libro: ‘Jo també porto el llaç groc’ (Anch’io indosso il fiocco giallo). Attraverso la testimonianza di 100 persone, la giornalista di RAC1 (la più importante emittente privata catalana, dove partecipa alla conduzione di Islàndia) spiega le ragioni che hanno portato ‘el llaç groc’ a diventare un simbolo per il suo popolo. Proprio Maria sarà protagonista a Udine (il 2 dicembre, al teatro San Giorgio, dalle 17), in occasione della quarta edizione di Suns Europe – progetto della cooperativa Informazione Friulana col sostegno finanziario dell’ARLeF – Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane, della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, del Comune di Udine e della Fondazione Friuli.

Xinxó avrà modo di dialogare con Carli Pup (responsabile della trasmissione di Internazionalitari, il quindicinale di informazione trasmesso da Radio Onde Furlane, sulle comunità minorizzate e le nazioni senza stato) e chiarire come ‘el llaç groc’ è qualcosa che va al di là delle manifestazioni di solidarietà per i prigionieri politici e per gli esiliati. Come quel piccolo nastro color del sole avvolto su sé stesso raccoglie da un lato l’indignazione di un popolo, dall’altro le speranze di quella stessa società. Il fiocco paglierino è un grido di giustizia e libertà attraverso il quale rivendicare i diritti fondamentali. Pubblicato della casa editrice Columna, il libro si ‘apre’ con un intervento, quello di Pep Guardiola (allenatore del Manchester City) che proprio per aver indossato il fiocco giallo in occasione di una partita di Premier League è stato multato della Lega calcio inglese. Quella di Udine, sarà un’occasione unica per comprendere a fondo l’amore dei catalani per la loro terra, la loro lingua e la loro libertà.

IL RESTO DEL PROGRAMMA La ricca giornata al Teatro San Giorgio di Udine inizierà però già alle 14.30 con ‘Docu-storiis’. Stefano Giacomuzzi (Pozzis-Samarcanda), Dorino Minigutti (Int/Art) e Marco D’Agostini (Emigrant) presenteranno, in anteprima, i loro lavori. Alle 16 è invece prevista la presentazione di ‘Km 100’, documentario visionario dove la regista Francesca Valentini descrive Aleria, luogo di avvenimenti storici in una Corsica in mutazione. Dopo l’intervento di Maria Xinxó, alle 18 ancora cinema, questa volta ci sposteremo nel Paese Basco con ‘Amama’, pluripremiato lungometraggio de il regista Asier Altuna, presente in sala, oltre che ospite speciale nella serata del primo dicembre al Giovanni da Udine. Dopo un po’ di musica dal vivo, il festival si concluderà (alle 21) con lo spettacolo teatrale, targato TSU – Teatro Sosta Urbana, ‘Donald dal Tiliment’.

IL FESTIVAL Suns Europe è un progetto organizzato dalla cooperativa Informazione Friulana col sostegno finanziario dell’ARLeF – Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane, della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, del Comune di Udine, della Fondazione Friuli e dell’istituto basco Etxepare, in collaborazione con la cooperativa PuntoZero e altri soggetti pubblici e privati, friulani e internazionali, con il patrocinio del Consiglio d’Europa e dell’NPLD – Network to Promote Linguistic Diversity, la rete europea per la promozione della diversità linguistica.

Tutto il programma e le info sono su www.sunseurope.com e sulla pagina Facebook ‘SUNS Europe’.




Torna il grande PRESEPE DI SABBIA a Lignano Sabbiadoro nel segno diSan Francesco

La 15° edizione del Presepe di Sabbia di Lignano sarà visitabile dall’8 dicembre 2018 al 27 gennaio 2019. Per consultare le giornate e gli orari di apertura www.presepelignano.it

Da quindici anni è l’attrazione simbolo del Natale a Lignano Sabbiadoro, crescendo nel tempo e riuscendo nelle ultime edizioni a attirare un numero fra i 50 i 70 mila visitatori nel periodo festivo, diventando a tutti gli effetti un punto di riferimento turistico per la città di Lignano e per la Regione Friuli Venezia Giulia tutta. Stiamo parlando del grande Presepe di Sabbia di Lignano Sabbiadoro, pronto ad attirare anche quest’anno moltissimi visitatori nell’arenile posto vicino alla Terrazza a Mare, nel cuore pulsante del villaggio dei festeggiamenti natalizi. La grande inaugurazione della 15° edizione dell’opera, organizzata da Associazione Dome Aghe e Savalon d’Aur, con il sostegno della Città di Lignano, in collaborazione con Pro Loco LignanoLignano in Fiore OnlusLignano Sabbiadoro Gestioni e con il fondamentale contributo delle associazioni lignanesi, è in programma il prossimo 8 dicembre, per rimanere visitabile durante tutto il periodo festivo e fino al 27 gennaio 2019. Tutte le info su www.presepelignano.it e sulla pagina Facebook Dome aghe e savalon d’aur.

Dopo il Terremoto del Friuli e la Grande Guerra, il tema dell’opera di quest’anno è il Cantico delle Creature di Francesco d’Assisi, che trova la sua rappresentazione attraverso la magistrale trasposizione sulla sabbia di alcuni dipinti di Giotto, che diventa così autentico “narratore per immagini” nel guidare il visitatore attraverso il percorso espositivo. Perno centrale dell’articolata architettura narrativa è, infatti, la monumentale traduzione tridimensionale della Natività, ispirata agli affreschi della Nascita di Cristo e dell’ Adorazione dei Magidipinti da Giotto tra il 1303 e il 1305 nello stupefacente ciclo della Cappella degli Scrovegni di Padova.

Ancora di Giotto è l’affresco, anch’esso tradotto in parte in un altorilievo di sabbia nel Presepe di Lignano, La celebrazione di Greccio, realizzato fra il 1288-1292 nella Chiesa Superiore di San Francesco in Assisi. Come racconta Bonaventura da Bagnoregio, Francesco chiese e ottenne da papa Onorio III il permesso di rappresentare la natività. Nella notte del 24 dicembre 1223, Francesco si trovava nel povero borgo di Greccio, dove diede vita al primo presepe vivente della storia.

Ad accogliere il visitatore all’interno della tensostruttura lignanese una grande scultura che descrive lo straordinario ed empatico rapporto di San Francesco con il mondo degli animali. Al centro della scena troviamo il Frate Francescano che abbraccia il “lupo di Gubbio”, circondato da una cinquantina di animali fra uccelli, pesci, conigli, cinghiali e molto altri esemplari. Il visitatore verrà poi letteralmente abbracciato dal filo tematico principale del presepe: Il Cantico delle Creature. Nella prima parte si vede Francesco, malato e quasi cieco, che ospite di Chiara nella serenità di San Damiano detta il suo Cantico. Si passa così al cuore dell’opera, il «Laudato si’», dove l’acqua, il vento, il sole, la luna, il cielo stellato, il fuoco, la “Terra Madre” e coloro «che perdonano» (quindi i “costruttori di pace”), vengono rappresentati singolarmente in sette meravigliose realizzazioni in sabbia che costituiscono il corpo principale del percorso.

A completare il presepe anche le rappresentazioni monumentali dell’episodio evangelico: l’Annuncio dell’arcangelo Gabriele a Maria, che mette in moto la vicenda della salvezza offerta all’umanità attraverso Dio che si è fatto Uomo in Cristo, e dalla citazione dal Vangelo di Luca dell’episodio “Non c’era posto per loro nell’albergo” (Luca, 2,7), scena d’impressionante attualità, con Giuseppe e Maria incinta che vengono respinti da una locanda e costretti a rifugiarsi in una stalla per concepire il loro bimbo.

A realizzare la 15° edizione del Presepe di Sabbia di Lignano è stata chiamata l’equipe di artisti internazionali dell’Accademia della Sabbia, guidati dalle mani sapienti del maestro Antonio Molin. Ad impreziosire ulteriormente l’opera, la gradita conferma dell’Albero di Yule, che raccoglierà sui suoi rami migliaia di testimonianze sotto forma di biglietti, pensieri che portano auguri, sentimenti e buoni auspici per l’anno che verrà.

Lignano e Greccio:

Proprio nel segno di Francesco, oltre il tempo e lo spazio, nel Natale 2018 Greccio e Lignano Sabbiadoro s’incontrano e si prendono simbolicamente per mano: Greccio con il Presepe vivente «più antico del mondo», Lignano con il suo Presepe di Sabbia. Per suggellare questo gemellaggio l’associazione Dome aghe e savalon d’aur donerà a Greccio un piccolo presepe di sabbia, realizzato dagli artisti dell’Accademia della Sabbia, che sarà collocato nel Museo Internazionale del Presepe del paesino laziale. Nelle giornate di sabato 15 e domenica 16 dicembreuna corriera partirà quindi da Lignano per fare visita a Greccio e Orvieto. Fra le attività della due giorni anche il concerto degli Harmony Gospel Singers nel pomeriggio di sabato 15 proprio a Greccio. Per chi volesse prendere parte alla gita, per info e prenotazioni, chiamare il +39 339 7485334.

 

Il Presepe di Sabbia in numeri

La 15° edizione dell’opera è ospitata in una tensostruttura di 400 metri quadrati, nella quale sono stati modellati, senza l’uso di alcun collante chimico, ma solo con acqua e con le sapienti mani degli artisti, ben 350 metri cubi di sabbia, che verrà riconsegnata all’arenile di Lignano a fine gennaio 2019. 5 gli artisti dell’equipe internazionale dell’Accademia della Sabbia, che ha visto quest’anno anche la partecipazione dell’artista olandese Charlotte Koster, considerata fra i migliori al mondo in questo genere di lavorazioni artistiche. La preparazione dell’opera ha richiesto settimane di lavoro.

Giorni e orari di apertura del Presepe di Sabbia:

L’8 e il 9 dicembre 2018 dalle 10:00 alle 18:00

Dal 10 al 14 dicembre 2018 dalle 14:00 alle 18:00

Dal 15 al 24 dicembre 2018 dalle 10:00 alle 18:00

Il 25 dicembre 2018 dalle 14:00 alle 18:00

Dal 26 dicembre 2018 al 6 gennaio 2019 dalle 10:00 alle 18:00

Il 12, 19, 26 gennaio 2019 dalle 14:00 alle 18:00

Il 13, 20, 27 gennaio 2019 dalle 10:00 alle 18:00

 

Per maggiori info:

Visitare i siti www.presepelignano.it e www.lignanosabbiadoro.it e la pagina Facebook Associazione dome aghe e savalon d’aur.




nataleApordenone sabato 1dicembre INAUGURAZIONE,

Sabato primo dicembre è la giornata inaugurale per il Natale a Pordenone, cartellone di eventi predisposto dall’amministrazione comunale per accompagnare le feste fino al 6 gennaio. L’appuntamento è in piazza XX Settembre – dove sono allestiste le casette del gusto – alle 18 con il concerto di canti natalizi e a tema dei ragazzi delle scuole secondarie di primo grado di Pordenone Pier Paolo Pasolini e Centro Storico e del Coro studentesco Singin’Pordenone. Alle 18.30 l’accensione delle luci dell’albero addobbato coinciderà con l’apertura al pubblico della pista di pattinaggio sul ghiaccio, fruibile gratuitamente per la prima ora. La sera il palco della piazza sarà tutto per il raffinato intrigante e coinvolgente concerto gospel “Alessandro Pozzetto & The rising Vibrations XMAS 2018”. Il progetto inedito, firmato dal carismatico Pozzetto, direttore dell’Italian Gospel Choir, coinvolge un ensamble vocale di altissima levatura artistica: tutte voci femminili selezionate accuratamente per creare un impasto corale delizioso e potente allo stesso tempo.
Soprani: Eleonora Chiesurin, Paulette Vincenzi, Valentina Dalla Libera. Alti Caterina Cesca, Valentina Peressini, Marina Zago. Tenori: Samuela Marangoni, Melissa Volpato, Sara Gerometta. Al loro fianco una band di professionisti che vantano curricula e collaborazioni di altissimo spessore con artisti di calibro internazionale: Ivan Zuccarato piano e tastiere, Luca Campaner chitarra, Luca Emanuele Amatruda basso, Simone Gerardo batteria. The Rising Vibrations è il titolo che racchiude e sintetizza l’idea e il mood creativo di Pozzetto, performer friulano sempre alla ricerca di nuove sonorità: sono vibrazioni crescenti, uno scambio alla pari delle vibrazioni che la musica in generale e quella Gospel spiccatamente, genera tra il pubblico e gli artisti. C’è l’idea dello scambio che intreccia i valori dell’accoglienza, della solidarietà e della condivisione e li lavora negli arrangiamenti dei brani e nella vocalità di questo eccellente cast. L’idea del “palco”, si capovolge continuamente tra direttore, coro, musicisti e pubblico creando un benefico e pieno scambio reciproco. Il repertorio è tutto natalizio: dal gospel tradizionale al pop verranno proposti un susseguirsi incalzante e dolce di brani originali e riarrangiati da Pozzetto del repertorio di Natale dei maggiori autori del gospel contemporaneo. Un repertorio elegante e raffinato che saprà emozionare e coinvolgere il pubblico in una esperienza di ascolto e di scambio leggera ed incalzante ma anche intensa, potente e seducente. La giornata sarà però vivace e fitta di appuntamenti sin dal mattino.
Alle 10 nel Convento di San Francesco aprirà i battenti il Market Cafè, mercatino dedicato l’artigianato e alla creatività, che proseguirà per tutta la giornata di sabato e domenica. In programma mercatino (produzioni sartoriali e vintage, lampade di design o di riciclo, borse di pelle o pochette di morbido tessuto, piccola gioielleria e accessori estrosi, giochi per bambini); laboratori e workshop creativi per tutti i gusti e tutte le età; colonna sonora d’atmosfera con attente selezioni jazz, funk, rock e canzoni natalizie; stizzichini sfiziosi, selezione di vini e aperitivi. Il tutto dalle 8 alle 20.
Alle 11 dalla Loggia del Municipio partirà la visita guidata gratuita alla scoperta della città a cura di
Rotary Pordenone. Seguirà, alle 11.30 (sotto la Loggia) l’esibizione corale del Coro Sant’Antonio Abate di Cordenons, diretto dalla maestra Monica Malachi (reduce da una splendida tournée in Andalusia) che proporrà alcuni canti internazionali quali: An Irish Blessing, canto tradizionale Irlandese, You raise me up con testo scritto dall’irlandese Brendan Graham e musica composta dal compositore e pianista norvegese Rolf Lovland, Evening Rise del compositore inglese John Rutter, passando attraverso l’italiano Severino Mercadante con “Ecco quel fiero istante”. Prevista anche l’esibizione dell’Associazione “CoralBlu” Amici Fondazione P. Baschiera A. Tallon, sorta per l’inclusione sociale delle persone mature, con letture, canti natalizi e non.
L’evento è dedicato all’ascolto delle diversità e per questo motivo sarà presente la comunità Tuareg, che leggerà un racconto tipico del proprio paese e presenterà la cerimonia del tè che poi sarà offerto alle persone e presenti nel segno del Natale e dell’amicizia. Durante il rito uno dei bambini della comunità reciterà una poesia. Il messaggio che i vuole mandare è che seppure nella diversità negli usi e nelle tradizioni, esiste sempre un punto di incontro e dialogo.

Alle 17, al Museo delle Scienze, inaugurazione della mostra fotografica “In viaggio con Wondy” dedicata alla giornalista e scrittrice Francesca Del Rosso, scomparsa per un tumore al seno nel 2016, che arriva a Pordenone dopo numerose tappe in Italia. Un omaggio alla cultura della resilienza di cui la protagonista era convinta sostenitrice.
La resilienza è la capacità di resistere alle difficoltà riorganizzando in modo positivo la propria vita. Una parola che da sola ci spiega chi era Francesca “Wondy” Del Rosso. L’esposizione è un percorso di immagini e brevi testi che ripercorrono la storia di Wondy. A partire dall’agosto 2010 quando aveva scoperto la malattia. Le foto ritraggono lei e la sua famiglia raccontando viaggi fatti da quel momento in poi, le tappe della malattia, l’avanzamento del tumore e le reazioni a tutto questo. I momenti dolorosi e divertenti, senza mai perdere il coraggio e la positività. La mostra è il primo atto dell’associazione “ Wondy sono io” nata dopo la morte di Francesca per volontà del marito Alessandro Milan, noto giornalista di Radio 24, Francesca Ravelli e Alessandro Tedesco con l’impegno di promuovere nel mondo il messaggio che ognuno di noi di fronte alle difficoltà non si deve abbattere, ma può diventare un supereroe.
La mostra a ingresso gratuito, è realizzata grazie all’impegno di associazioni quali Fidapa, Rotary Club Pordenone, affiancate dal protocollo “Carta di Pordenone” e grazie alle aziende Marcolin Covering Srl, Egon Srl e Negozio Queen’s di Pordenone. Sarà aperta al pubblico fino al 9 dicembre dalle 15 alle 19).
A supporto della mostra, si svolgerà il 5 dicembre alle 18, nell’ex Convento di San Francesco, la conferenza dal titolo “Resilienza come stile di vita”, una tavola rotonda sull’argomento, con la moderazione della giornalista Paola Dalle Molle dove i protagonisti saranno Andrea Spinelli, giornalista, Serenella Antoniazzi, imprenditrice, Giovanni Tavaglione, professional conselour e coach, Chiara Cristini, consigliera di parità di Area Vasta Pordenone, Nicoletta Suter, responsabile del Centro Attività Formative Cro Aviano. Si scoprirà il significato di resilienza e si imparerà a metterla in pratica nella vita di ogni giorno attraverso testimonianze significative. Durante la giornata infine diverse sarnno le attività dedicate ai bambini: alle 10.30, nella Sala dell’oratorio di San Lorenzo, Che Natale in città! Un Natale da fiaba: Biancaneve a cura di
Ortoteatro; dalle 15 alle 18.00 al Museo di storia Naturale, Per sentirti meglio! Laboratori
per bambini dai 6 anni (informazioni e iscrizioni 0434/542455); alle 16 al Nuovo Cinema
Don Bosco, Cinemazerokids con “Lo schiaccianoci e i 4 regni”; alle 16.30 nella Biblioteca di Torre
Laboratorio itinerante di disegno manga Yu Gi Oh per ragazzi da 8 a 13 anni (prenotazioni 0434 44 038); alle 17 nella Sezione Ragazzi della Biblioteca Civica Le letture del sabato pomeriggio. Per bambini fino 6 anni e i loro genitori.

Andrea Forliano




“Impressioni di Natale” III edizione: l’associazione Arti in Piazza l’1 e 2 dic. Trieste

Dopo il successo delle prime due edizioni ritorna la mostra mercato a ingresso libero con esposizione di prodotti della creatività dedicati al Natale e frutto dell’ingegno artistico nelle sue più svariate forme e materiali pensata per i triestini e per i numerosi turisti in visita in città nelle giornate dell’1 e 2, 8 e 9, 15 e 22 e 23 dicembre 2018 dalle ore 8 alle ore 20 in Piazza Piccola, Via procureria e Loggia del Comune a TRIESTE (anche in caso di maltempo sotto il portico).

Quest’anno sarà Arti in piazza ad aprire il calendario dei mercatini del mese di dicembre a Trieste con il primo appuntamento fissato per l’1 e 2 dicembre 2018. L’inaugurazione alla quale tutte le Redazioni sono invitate a intervenire avrà luogo sabato 1° dicembre alle ore 17.00 con l’accensione delle luci natalizie e una benedizione da parte del Vicario Generale Cav. Mons. Salvadè Dr. Pier Emilio della Diocesi di Trieste. Nell’occasione, verrà donata alla Diocesi una particolarissima Sacra Famiglia realizzata interamente con delle conchiglie dall’artista Claudio Rossi Eghlis. La Natività rimarrà in esposizione presso il mercato finop al 2 dicembre compreso.

L’evento, coloratissima mostra-mercato dedicata all’ingegno artistico locale, in cui sarà possibile trovare tante idee regalo per un dono unico e al 100% “fatto a mano”, animerà il centro storico della città con oltre venti selezionatissimi espositori che presenteranno le proprie creazioni artistiche realizzate con passione e dedizione (sculture con minerali, pittura su pietra, cucito creativo, oggetti creati con resine e materiali poveri o riciclati).

L’evento si svolgerà in una location decorata per l’occasione in maniera originale e accurata, con nuove luci e addobbi ispirati al Natale che sapranno stupire i visitatori creando una particolare e colorata atmosfera d’allegria e un clima di Festività.

“Arti in Piazza – rilevano gli organizzatori – non è un semplice mercatino, ma un vero e prioprio momento d’incontro che si svolge in un’atmosfera particolare dedicata al Natale con il contorno di tante decorazioni a tema”.

Arti in Piazza sarà di nuovo presente l’8 e il 9, il 15 dicembre e infine il 22 e 23 dicembre sempre negli stessi spazi e orari.

L’intento dell’associazione, che si concretizza soprattutto attraverso questi eventi, è quello di favorire lo sviluppo e promuovere la diffusione della creatività e dell’ingegno artistico locale, offrendo la possibilità a numerosi creativi di esporre le proprie creazioni rigorosamente “fatte a mano”. “Oltre a valorizzare l’ingegno creativo in ogni sua forma e genere e a promuovere il riciclo creativo e la trasformazione artistica di materiali grezzi o di recupero – spiegano gli organizzatori – si vuole rendere partecipe il pubblico, divertendolo e coinvolgendolo. In questa occasione, il nostro intende rappresentare un completamento delle iniziative proposte in occasione delle Festività, così da offrire un’ulteriore attrazione favorendo l’accoglienza turistica”.

Gli appuntamenti promossi dal sodalizio rappresentano quindi un’occasione di svago per chiunque sia alla ricerca di qualcosa di unico e originale e per rendere indimenticabile la visita alla città di Trieste.

Anche nel 2019 avranno luogo altre manifestazioni dedicate alla creatività e ispirate a diversi temi, a seconda della stagione. Il programma completo è disponibile sulla pagina facebook “Artiinpiazza” e presso la sede dell’evento.

Andrea Forliano