Il 30 agosto apre “Mr Panuozzo”: risate di gusto a Napoli

Quando lo street food è gustoso e divertente…

Il 30 agosto apre a Napoli, in zona Fuorigrotta, “Mr Panuozzo”, un nuovo punto di riferimento per i buongustai napoletani e non. Il locale è gestito da Salvatore Di Napoli, veterano della ristorazione (da oltre 30 anni è “con le mani in pasta”) e da suo figlio Daniele. Grazie alla loro abilità si potranno gustare panuozzi, panozzetti (lunghi 25 cm, la metà del panuozzo classico, destinati al consumo per una sola persona) e panini fragranti e soffici, mai pesanti (perché l’impasto viene ben lievitato ed idratato, come vuole la tradizione gragnanese), farciti con prodotti di altissima qualità, nominati e assemblati in modo tale da celebrare la cultura, le tradizioni, il folklore napoletano (c’è, ad esempio, il panino intitolato ad Eduardo De Filippo, quello dedicato a Pino Daniele, a Vincenzo Salemme, a Biagio Izzo, a Pulcinella, a Massimo Troisi). Il tutto “condito” da un servizio di sala accogliente, divertente, “poco convenzionale” e gratuito! Il personale “urla” le ordinazioni in cucina, parla napoletano, si esibisce in divertenti sketch e parodie, e in alcune sere ci scappa anche uno “spettacolino”… Magari qualche intervento di Carmine Migliaccio, giovane youtuber e rapper giuglianese, meglio conosciuto come “Carolina”, che attraverso la sua ironia e il suo talento analizza la società moderna realizzando divertenti video che gli hanno fatto guadagnare centinaia di migliaia di follower sui social.Anche i nomi di alcuni panuozzi fanno ridere, come “Il Porcellino” (il classico panuozzo con porchetta, provola e patatine) o “Il Ricottaro” (con ricotta, pepe, porchetta e provola).

Il panuozzo
Nato a Gragnano, il panuozzo è una delle eccellenze gastronomiche “made in Campania” più particolari. Si tratta di un panino realizzato con la pasta della pizza e preparato al forno in due fasi: dopo una prima cottura viene tagliato, farcito e nuovamente infornato, per ottenere un prodotto morbido e fragrante. Ideale per un pasto veloce ed economico, ad esempio una pausa dal lavoro, una merenda o una cena informale.
A Napoli lo si può gustare da Mr Panuozzo, moderna insegna che lo propone in quaranta versioni (che diventano centinaia se si considera che i diversi ingredienti possono essere assemblati a piacimento), tutte accomunate dai sapori veraci e dall’utilizzo di prodotti artigianali italiani (campani soprattutto).

Mr Panuozzo – Don Salvatore 1968

Il brand è stato lanciato il 18 marzo 2015 con l’apertura del primo punto vendita in via Cavalleggeri d’Aosta, al civico 44.

Il 30 agosto sarà festeggiata l’apertura del nuovo punto vendita al civico 44 di via Filippo Illuminato (in zona Fuorigrotta): un sogno per Don Salvatore che – innamorato della terra che dal 1968 lo ha visto nascere, crescere a maturare – ha voluto creare uno spazio che la ricordasse in toto.
“Abbiamo messo su un concept che esalta la napoletanità in tutte le sue forme”, spiega il figlio Daniele.
Il nuovo locale avrà circa 40 posti a sedere.
Fra i panuozzi best seller della “casa” il “Mr Chianina” (con hamburger di chianina 180 gr, provola e patatine) e il “Mr Black” (con hamburger di maialino nero 180 gr, provola e patatine). Tra le tante proposte c’è anche il panuozzo vegetariano farcito con melanzane, provola e friarielli. Ad affiancarlo ricette interessanti e audaci come il “Mr Mammà” con parmigiana, provola e polpette. Le carni utilizzate (porchetta, salsicce, pollo, hamburger fatti in casa con carni di chianina, scottona, maialino nero casertano, etc.) per comporre panuozzi e panini sono tutte certificate. Le polpette sono preparate dalla nonna di Daniele (ovvero la mamma di Don Salvatore) secondo un’antica ricetta che viene tramandata da generazioni e che custodisce gelosamente. La parmigiana al ragù, proposta tra i contorni oppure come “sfizio”, è invece preparata – sempre come vuole la tradizione napoletana – dalla mamma di Daniele e, quindi, moglie di don Salvatore, il quale – tra l’altro – è anche pasticcere, quindi delizia i suoi clienti con dolci sempre nuovi (non mancano mai cheese cake e profitteroles, i suoi preferiti).




Women & Wine, quando Venere incontra Bacco 6 luglio 2017

Women & Wine, quando Venere incontra Bacco 6 luglio 2017, a partire dalle ore 19.30 davanti all’Enoteca Solum (Bevkov trg 6, Nova Gorica). 
Il Gruppo Hit apre le porte ad un appuntamento dedicato al prezioso ed insostituibile contributo delle donne al successo  delle cantine della regione Primorska.

Dal Collio Sloveno alla Valle di Vipacco, dall’Istria Slovena al Carso,
mogli, madri, figlie e collaboratrici  racconteranno i segreti dell’eccellenza vitivinicola locale e guideranno gli invitati alla scoperta di   60 etichette di altissima qualità, provenienti da 31 cantine. Gli chef dei ristoranti Dam e Grad Kromberk proporranno prelibati piatti locali, accompagnati dagli affettati di Casa Faganel, che tramanda da generazioni l’arte culinaria del territorio.  Il costo della serata è di 15 euro a persona.   La cauzione per il bicchiere è di 5 euro. 

 




I ristoranti Margò dell’Hotel La Perla di Ravascletto e La Torre di Spilimbergo new entry in FVG Via dei Sapori

Due new entry in Friuli Venezia Giulia Via dei Sapori: i ristoranti Margò dell’Hotel la Perla di Ravascletto e La Torre di Spilimbergo sono stati ammessi a far parte del gruppo portabandiera del livello di assoluta eccellenza della gastronomia del Friuli Venezia Giulia. Salgono così a 21 i ristoranti associati al consorzio presieduto da Walter Filiputti, nato 17 anni fa per volere di un gruppo di ristoratori, ed oggi composto complessivamente da 57 aziende (fra ristoranti, cantine e produttori agroalimentari), raro esempio di promozione virtuosa del binomio territorio-enogastronomia, un’operazione talmente riuscita da essere diventata un caso di studio presso l’Università Bocconi di Milano.

L’Hotel La Perla è uno degli indirizzi storici dell’ospitalità in Carnia. Si trova a Ravascletto, a 963 d’altitudine, immerso tra pascoli e boschi, a pochi passi dalla partenza della funivia che sale sullo Zoncolan, montagna mitica per i ciclisti – definita il Kaiser – da quando la sua durissima salita è stata inserita nel Giro d’Italia. Frequentato da una clientela internazionale, con piscina coperta e un accogliente centro benessere, è di proprietà della famiglia Polo, albergatori da tre generazioni. Sara Polo – perfetta padrona di casa, appassionata conoscitrice di erbe, fiori, tradizioni che ama condividere con gli ospiti – ha da poco inserito, accanto alla cucina tradizionale per la quale è già ben rinomato il ristorante dell’hotel, quella creativa del Ristorante Margò, nome del piccolo torrente che passa accanto. La

Ristorante Margò

cucina del Margò è affidato all’entusiasmo e alla bravura di Stefano Buttazzoni, friulano di Ragogna-San Daniele, ma che si definisce carnico, tanto si è innamorato di questa terra, dove lavora dal 1995. Certamente il suo stile, la sua capacità di rileggere la cucina locale, unite alla volontà di ricerca e di valorizzazione dei prodotti della montagna, ne fa il degno seguace del grande Gianni Cosetti, la cui immensa opera in cucina, dopo la sua scomparsa, pareva non trovare seguito. Ora ciò sarà possibile. Un esempio? La “Verticale di frico”, deliziosa reinterpretazione del più classico piatto carnico. Servizio particolarmente curato, fiori di campo a colorare i tavoli, Margò ha una sala riservata, con la possibilità di due romantici tavoli, in perfetta solitudine, nella sala del camino. Ottima la cantina, in maggioranza del Friuli Venezia Giulia, ma non solo. (www.laperlahotel.eu)

Per arrivare al ristorante La Torre di Spilimbergo (la città del mosaico in provincia di Pordenone) si attraversa piazza del Duomo (1284), la cui visita può diventare un imperdibile

La Torre di Spilimbergo

aperitivo culturale. Poi il Castello del XII secolo con lo splendore del Palazzo Dipinto, affrescato nel 1544. Al piano terra ricevono gli ospiti il sommelier Massimo Botter e lo chef Marco Talamini, che insieme conducono questo gioiello ricco di atmosfera, con due intime salette dall’arredamento sobrio ed elegante. Marco così racconta la sua cucina: “Seguo la filosofia del tre: la miglior cottura per l’ingrediente base e altri due per creare armonia”. Partendo sovente da prodotti di territorio. Il tutto valorizzato da una Carta dei vini di prim’ordine, che riesce a soddisfare anche i più attenti conoscitori. Il ristorante La Torre aveva aperto i battenti, grazie a Stefano Zannier, nel 1983 nella vecchia sede (che ora è un’importante enoteca), per trasferirsi nel 1992 nella prestigiosa ed unica cornice attuale. (www.ristorantelatorre.net)

 




50 TOP PIZZA VIAGGIA VERSO LA FINALISSIMA DEL 20 LUGLIO SONO 2 LE PIZZERIE FRIULANE TRA LE PRIME 100 D’ITALIA

Prosegue il conto alla rovescia verso il 20 luglio, giorno in cui, negli splendidi scenari di Castel dell’Ovo, verranno svelate le migliori pizzerie dello Stivale secondo 50 Top Pizza, la prima guida on line interamente dedicata al prodotto più iconico del Bel Paese. Una classifica stilata in forma anonima da ben 100 ispettori che hanno visitato migliaia di locali, valutandoli sulla base della qualità e della ricerca ma anche del servizio, dell’arredamento, della carta dei vini e delle birre.

Il progetto, edito da Formamentis e curato da Luciano Pignataro, giornalista enogastronomico, e da Barbara Guerra e Albert Sapere, ideatori de Le Strade della Mozzarella (LSDM), è ormai entrato nella fase calda: proprio in questi giorni infatti, con cadenza quotidiana, il sito www.50toppizza.com continua con il suo countdown, ormai entrato nella lista delle migliori cento. E, pur non anticipando ovviamente i nomi dei locali ancora in lizza, l’organizzazione è già da ora in grado di fornire alcuni dati interessanti.o, spicca la Campania, terra d’elezione della pizza, che guida il gruppo con ben 23 locali nei primi 100. A comporre il podio due regioni che, nell’immaginario collettivo, non fanno certo della pizza un cavallo di battaglia. Stiamo parlando della Lombardia (13) e del Trentino Alto Adige (10). Subito a ruota, staccati di un’incollatura, un agguerrito gruppetto di inseguitori: Veneto e Toscana ex aequo (9), così come Lazio e Puglia (8). Due le pizzerie del Friuli Venezia Giulia inserite tra le prime 100 d’Italia. 

“Una classifica che testimonia di una qualità diffusa – sottolinea Giuseppe Melara, Direttore di Formamentis – che va da nord a sud. Considerate che, secondo le nostre proiezioni, sono ben 15 le regioni rappresentate nelle posizioni di eccellenza. Un risultato interessante da analizzare, in attesa, evidentemente, di scoprire il 20 luglio le migliori pizzerie del nostro Paese”.

E intanto il prossimo appuntamento ha un gusto decisamente cosmopolita. Venerdì 30 giugno, infatti, a New York saranno svelate le migliori pizzerie fuori da confini italiani; in gara diversi stili e le migliori pizzerie per ogni continente: Premio New York Style e Chicago Style, Migliore Pizzeria Oceania Style, Asia Style, Nord Europa Style, Giappone Style, Sud America Style.




EIN PROSIT GRADO DAL 7 AL 9 LUGLIO 2017

Seconda edizione di Ein Prosit Grado, dal 7 al 9 Luglio 2017: la rassegna enogastronomica in “Grado” di richiamare migliaia di appassionati e gourmand da tutta Italia e da diverse località oltre confine, in primis da Austria, Slovenia e Croazia.

Momento principale della manifestazione sarà la mostra assaggio di venerdì 7 e sabato 8 Luglio che si terrà presso la Diga ed il Lungo Mare Nazario Sauro. Dalle ore 19.00 alle ore 24.00 il visitatore potrà degustare quattro tipologie di vino bianco, fermo o spumantizzato, presentato da ogni azienda, oltre alle varie specialità gastronomiche degli espositori. Sarà presente inoltre un piccolo spazio dedicato ad alcuni ristoratori selezionati della zona: “Isola del Gusto”. Qui ci sarà la possibilità di assaggiare il menu pensato e proposto per l’occasione. Una quarantina gli appuntamenti complessivi di assoluto livello che saranno proposti nelle tre serate, tra cene stellate, degustazioni guidate ed incontri con 50 tra i più importanti produttori del panorama enogastronomico italiano ed internazionale. 5 saranno invece le stelle Michelin protagoniste degli “Itinerari del Gusto”, ossia le cene in programma in selezionati ristoranti gradesi con alcuni dei più grandi cuochi italiani che propongono il meglio della propria cucina abbinata ai vini del Friuli Venezia Giulia. Philippe Lèveillè, (Miramonti L’Altro – 2 stelle Michelin) aprirà la rassegna con la cena di venerdì 7 Luglio al Ristorante All’Androna per lasciare spazio poi a quelle della domenica con Luciano Monosilio (Pipero Al Rex – 1 stella Michelin), Lorenzo Cogo (El Coq – 1 stella Michelin) ed Oliver Piras (Aga – 1 stella Michelin).

Tra gli appuntamenti più richiesti dal pubblico di Ein Prosit anche le degustazioni guidate su Champagne e Borgogna, i grandi vini bianchi austriaci e, novità di questa edizione, le birre artigianali; ad introdurvi a queste chicche enologiche saranno Willi Klinger, Armando Castagno, Samuel Cogliati, Paolo Ianna, Savio Del Bianco e Luca Gardini. Nelle serate di sabato 7 e domenica 8 Luglio si terranno inoltre alcuni incontri e seminari incentrati sullo stato dell’enogastronomia nel nostro paese a cura di Paolo Vizzari, responsabile de “La Guida dell’Espresso”. Il programma completo è consultabile sul sito www.einprosit.org




Martedì 4 luglio Cena spettacolo di Friuli Venezia Giulia Via dei Sapori al Castello di Spessa

Al Castello di Spessa di Capriva del Friuli, il 4 luglio, appuntamento glam con il sofisticato Dinner Show del cartellone estivo dei Concerti del Gusto 2017 di Friuli Venezia Giulia Via dei Sapori, che mettono in scena quanto di più raffinato propone in tavola il Friuli Venezia Giulia. La cena spettacolo sarà allestita in un contesto carico di suggestione, il parco storico che circonda il maniero, ora elegante Resort. Legato a nobili casate e illustri ospiti come Giacomo Casanova, il Castello di Spessa – le cui origini risalgono al 1200 – si trova nel cuore del Collio Goriziano ed è completamente circondato dalle vigne della tenuta, fra cui si snodano le 18 buche del Golf Country Club Castello di Spessa. Nel suo sottosuolo è scavata la più antica e scenografica cantina del Collio, dove invecchiano i pregiati vini della tenuta, che Casanova definì “di qualità eccellente”.

 

Dopo il benvenuto con golosità di una quindicina di produttori, inizierà per i presenti uno straordinario percorso del gusto in 21 tappe firmate dagli chef dei 21 ristoranti del gruppo, che cucineranno in diretta davanti al pubblico inediti piatti di alta creatività. Attenti alle esigenze alimentari, gli chef proporranno anche piatti per celiaci e vegetariani. Accanto ad ogni chef, altrettanti vignaioli proporranno raffinati abbinamenti fra cibi e vini. In chiusura, ciascun chef presenterà la sua personalissima interpretazione del dolce estivo. Alle postazioni dei ristoranti saranno alternati banchi di raffinati artigiani.

 

I dettagli del menu sono consultabili sul sito www.friuliviadeisapori.it.

Da 17 anni portabandiera delle eccellenze enogastronomiche di questa regione del Nord Est, straordinario melting pot di genti, culture, cibi, il Consorzio Friuli Venezia Giulia Via dei Sapori è un affiatatissimo gruppo composto da 57 aziende top-quality: 21 ristoratori che – dal mare Adriatico alle Alpi –  sono portabandiera delle molteplici anime della cucina regionale, pensata e rielaborata da ciascuno secondo il proprio personalissimo percorso di ricerca; 22 tra vignaioli e distillatori e 14 artigiani del gusto, oltre a Cividin viaggi, specialista di tour gastronomici e LIS, leader nelle tovaglie di qualità. Insieme rappresentano quanto di meglio offre questa terra in fatto di cibi e vini.  Il gruppo è pioniere del format, oggi in gran voga, che vede i grandi chef cucinare in contemporanea davanti al pubblico, per raccontare la propria terra attraverso cibi e vini.

 

La Cena Spettacolo inizia alle 20.00. L’entrata sarà consentita fino alle 21.00. È gradito l’abito elegante.

Il costo è di 55 €. In caso di maltempo, la cena si terrà il 5 luglio.

 

Informazioni: Friuli Venezia Giulia Via dei Sapori

Tel 0432 538752 – info@friuliviadeisapori.itwww.friuliviadeisapori.it




INAUGURAZIONE DELL’ 85^ FIERA REGIONALE DEI VINI DI BUTTRIO (UD) CON PROGRAMMA DI SABATO 10 GIUGNO 2017

Buttrio – Inaugurata l'85esima edizione della Fiera Regionale dei Vini che anche quest'anno presenterà tanti ingredienti, ma un unico comune denominatore: il vino di qualità abbinato al piacere della convivialità, da assaporare assieme a un buon calice da sorseggiare in compagnia. Il sindaco di Buttrio e la presidente della Pro Loco Buri, organizzatori dell’evento, hanno accolto le autorità presenti presso la sala polifunzionale sita al secondo piano della Villa Di Toppo-Florio per presentare e dare avvio alla manifestazione.

Quella di Buttrio è una fiera che da 85 anni coniuga la passione per il vino a quella per la buona tavola e per la cultura. Il ricco programma prevede infatti concerti, degustazioni, mercatini, corsi di cucina, giochi, spettacoli circensi e di burattini, attività sportive, visite guidate ed eventi rivolti alle famiglie e in particolare ai bambini, con letture ad alta voce a tema, corsi per piccoli chef, concorso fotografico, laboratori didattici, gioco gonfiabile, truccabimbi, giochi giganti con animazione e caccia al tesoro. E anche un giro in moto sui colli con sosta presso produttori locali e una pedalata non competitiva aperta a tutti alla scoperta delle colline, dei vigneti e dei casali del territorio. Nella suggestiva cornice di Villa di Toppo Florio, tra degustazioni e spettacoli circensi, sarà davvero una festa per tutta la famiglia, da vivere immersi nel verde della campagna friulana e nel solco delle tradizioni enogastronomiche, locali e da tutta Italia.

Appuntamento imperdibile per tutti gli amanti del vino che desiderano degustare etichette pregiate autoctone – con la possibilità di acquistare un braccialetto giornaliero per accedere liberamente alle due sale di mescita e assaggiare tutte le etichette presenti -, la Fiera di Buttrio permette anche di gustare cibi dagli aromi avvolgenti nelle aree dedicate all’interno della villa e del circostante parco archeo-botanico. Non solo vino, ma anche prodotti tipici, i gustosi piatti dello chef Luigi Zago, la pasticceria e gelateria artigianale, pane e pizza preparati dallo chef Giovanni Gandino, i formaggi caprini prodotti in regione e tanto altro per un evento che fornirà l’opportunità di riscoprire le antiche tradizioni del territorio e riassaporare i migliori prodotti enoici del Friuli Venezia Giulia e di tutta la Penisola.

E se non si è dei conoscitori, poco importa: la kermesse – che permette a tutti di assaggiare grandi vini – si rivolge anche a chi si avvicina per la prima volta al mondo del buon bere, con degustazioni di vini e birre artigianali guidate da esperti sommelier. Proprio per questo, la fiera rappresenta da sempre un appuntamento unico per chi desidera assaporare un prodotto di alta qualità, assistito da personale competente e con la possibilità di comparare annate ed etichette di vini legati al proprio territorio e alla propria storia.

Saranno quattro quest’anno i corsi di cucina:

sabato 10 giugno ore 11.30 “La pizza più digeribile e gustosa in abbinamento a Chiaretto e formaggi caprini” a cura di ONAV FVG.

sabato 10 giugno ore 17.00 “Il pane in tavola in abbinamento a birre chiara e scura e formaggi caprini” a cura di ONAB FVG.

domenica 11 giugno ore 11.30 “Pan per focaccia in abbinamento a Pinot bianco, Malvasia e Friulano e formaggi caprini” a cura di ONAV FVG.

domenica 11 giugno ore 17.00 “Piadine e taralli in abbinamento alla Ribolla gialla spumante e formaggi caprini” a cura di ONAV FVG.

Per partecipare ai corsi è necessaria la prenotazione e il versamento della quota di 10 € (presso Pro Loco Buri – Via Morpurgo, 6, info@buri.it, telefono 0432 673311 o sul c/c IT13 T 05484 63690 02757 00891 14).

La Fondazione Friuli (www.fondazionefriuli.it), storica realtà del territorio, da sempre attenta alle dinamiche sociali e avente, tra altri obiettivi, quello di diffondere e rinforzare lo spirito di appartenenza alla storia e alla comunità Friulana, sostenendo le iniziative dell’eccellenza del nostro territorio, contribuisce ormai da moltissimi anni alla Fiera Regionale dei Vini di Buttrio, che da 85 anni promuove e diffonde la storia e la cultura del territorio, legandosi in particolare alla mondo del vino, ma senza mai trascurare gli aspetti culturali, tradizionali, artistici legati al mondo enoico.

Il ricco programma prevede per sabato e domenica, alle ore 20.00, lo spettacolo “Ah, com’è bello l’Uomo” del gruppo Zenhir sotto il tendone nel parco.

Sabato e domenica, il collettivo circense di Circo all’inCirca insieme al MagdaClan intratterranno i visitatori con diversi spettacoli e incursioni circensi al di fuori del tendone, in mezzo alla gente, nella suggestiva cornice del parco archeobotanico.

La Fiera offre inoltre vari intrattenimenti, giochi e divertimenti per tutti i bambini. Per fare festa tutti insieme elle giornate di sabato e domenica ad attendere i più piccoli ci saranno un divertente gonfiabile, trucca bimbi, giochi giganti a cura di Maravee Animazione e corsi per mini chef. Troverete inoltre l’esilarante spettacolo di burattini a cura di Cosmoteatro e la caccia al tesoro a cura di Visitait. Sabato 10 giugno alle ore ore 15.30 corso (al costo di 5 €) di di BISCOTTI PER PICCOLI PASTICCERI a cura di Federazione Italiana Pasticceria Gelateria Cioccolateria FVG. Al termine, ai partecipanti verrà consegnato il diploma di “Piccolo Pasticcere”. Alle ore 16.30, I BURATTINI: spettacolo di burattini per grandi e piccini a cura di Cosmoteatro. A seguire, alle ore 18.30 all’interno del Lapidarium si svolgerà L’ORA DEL RACCONTO: la biblioteca comunale si animerà con i racconti incantati. Una lettura ad alta voce per far sognare ad occhi aperti. Domenica 11 giugno alle ore 15.30 SHANGAI DI GRISSINI PER PICCOLI CHEF a cura di Giovanni Gandino. Ai partecipanti (costo di iscrizione, 5 €) verrà consegnato il diploma di “Piccolo Chef”. Infine, alle ore 17.00, CACCIA AL TESORO a cura di Visitait.

Grande musica dal vivo e nomi di prestigio del panorama musicale italiano allieteranno (in collaborazione con Pregi Srl.) la 85esima edizione della Fiera regionale dei Vini di Buttrio con la loro musica e il loro intrattenimento. Sabato 10 giugno alle 18 fuori dalla villa i Griblu animeranno il pomeriggio di festa, mentre alle 21 nel parco sarà la volta di Ruggero de I Timidi con il suo show (www.ruggerodeitimidi.com). Domenica 11 giugno infine alle 18 nel piazzale davanti alla villa ci terranno compagnia Le Origini, con le loro note. Il gran finale di domenica sera alle 21 sarà affidato all’esperienza di Bobby Solo(www.bobbysolo.com).

Tutti gli spettacoli musicali sono a ingresso libero e gratuito e si terranno con qualsiasi condizione meteo.

Buttrio vanta un ricco patrimonio culturale tutto da scoprire e vivere. Proprio per questo, in occasione della Fiera, esperti di botanica e archeologia, saranno a disposizione del pubblico per svelare i tesori e i segreti del comprensorio Di Toppo-Florio convisite al parco archeobotanico, al Lapidarium e al Museo della Civitlà del Vino (programma completo della Fiera suwww.buri.it). Le visite inoltre sono gratuite.

Durante la Fiera non mancheranno le attività dedicate agli amanti dell’arte.

Il Friuli del Vino è il titolo della mostra curata dalla Prof.ssa Gabriella Bucco, organizzata in collaborazione con la Filologica Friulana ed allestita al secondo piano di Villa di Toppo-Florio.

Vigneti senza frontiere invece è una raccolta di fotografie scattate da Mario Simaz, esposte in sala Enoteca FVG e Enoteca Italia al primo piano di Villa di Toppo-Florio, il cui tema principale sono i vigneti, immortalati in tutte le stagioni e le fasi di vita e lavoro.

Al secondo piano di Villa di Toppo-Florio, inoltre, ci sarà un’esposizione dei migliori bonsai proposti dal club “Il giardino delle nove nebbie”.

Sabato 10 giugno alle ore 18 ci sarà la presentazione del libro “Il Vino si racconta” a cura della dottoressa Veronica Tomasettig.

A celebrazione degli 85 anni della Fiera di Buttrio, in collaborazione con le Poste Italiane, domenica 11 giugno, dalle ore 11.00 alle ore 19.00, presso Villa di Toppo–Florio sarà possibile far apporre sulle cartoline di Buttrio edite per l’occasione, o su materiale proprio, il timbro dell’Annullo Postale Speciale creato appositamente per la Fiera. In tale occasione si potranno acquistare anche i francobolli della 50^ edizione di Vinitaly, su cui far apporre il timbro stesso.

La Fiera dei Vini di Buttrio vuol essere anche una festa per le famiglie, oltre che per gli appassionati e gli intenditori di vini. Ecco quindi che sono state pensate diverse iniziative ed eventi dedicati ai bambini e alle famiglie.

Innanzitutto alcune delle visite guidate curate dagli esperti archeobotanici sono dedicate in modo particolare ai piccoli ospiti della Fiera: “Passeggiando per il bosco” è un percorso didattico con laboratorio creativo che permette di scoprire le varie essenze arboree del parco (sabato 10 giugno ore 10.30). Invece “Curiosando in museo… attrezzi, oggetti e saperi di un tempo” è un percorso con laboratorio creativo per conosce e scoprire particolari strumenti e antiche tradizioni (domenica 11 giugno ore 15). Questo secondo laboratorio si chiuderà con l’iniziativa “Vestiamo le bottiglie“: i bambini si cimenteranno nel restyling di un’etichetta, diventando artisti per un giorno. La premiazione delle più belle etichette avrà luogo alle ore 16.30 al secondo piano di Villa di Toppo-Florio. Sempre domenica alle 16.30 ci saranno anche le premiazioni del concorso fotografico per ragazzi “Naturalmente Buttrio”, organizzato in collaborazione con il Consiglio Comunale dei Ragazzi di Buttrio

I bambini in Fiera potranno anche cimentarsi nell’arte culinaria. A loro sono infatti dedicati due corsi di cucina: sabato 10 giugno alle ore 15.30 “Biscotti per piccoli pasticceri”, a cura della Federazione Italiana Pasticceria Gelateria Cioccolateria FVG (FIPGC), sarà un momento di divertimento e apprendimento per imparare a preparare i biscotti; invece domenica 11 giugno alle ore 15 durante il corso “Shangai di grissini per piccoli chef” Giovanni Gandino insegnerà ai giovani panificatori l’arte del pane

Per tutti i bambini sabato e domenica saranno a disposizione un gioco gonfiabile, e poi il truccabimbi e i grandi giochi giganti per fare festa tutti insieme, con gli animatori di Maravee.

Ed ancora Sabato alle ore 16.30 i piccoli (ma anche i grandi) potranno divertirsi con i burattini di Cosmoteatro. Sempre sabato alle ore 18.30 i lettori volontari della Biblioteca Comunale di Buttrio offriranno ai bimbi un’Ora del Racconto tutta speciale, con le letture ad alta voce dedicate alla Fiera dei Vini.

Domenica invece, alle ore 17, nel parco della Villa, Visitait organizza una Caccia al tesoro per tutti i bambini, per divertirsi in modo semplice.

Due momenti saranno infine dedicati alle due ruote:

Sabato quelle delle moto. In collaborazione con l’Associazione Culturale Ruedis Libaris di Buttrio è stato pensato un giro in moto attraverso i colli, con due soste presso altrettanti produttori locali e tappa finale in Villa di Toppo-Florio. Il ritrovo sarà presso l’Enoteca di Buttrio sabato 10 giugno dalle ore 9.30 alle 10.15. Poi si partirà sul percorso collinare, con le soste e tanto divertimento

Domenica le due ruote saranno quelle delle biciclette, con il Gruppo Sportivo Ciclismo Buttrio che porterà tutta la famiglia a spasso sulle strade bianche del paese, tra i vigneti e i casali, per scoprire con una pedalata non competitiva aperta a tutti, scorci inusuali del nostro bel paese e per conoscere meglio il nostro territorio. Le iscrizioni saranno aperte dalle ore 08.30 alle ore 09.45 di domenica 11 giugno nel parco della Villa, con la possibilità di preiscriversi nei giorni precedenti in alcuni esercizi commerciali di Buttrio. Il costo di partecipazione alla pedalata è di €. 3 a persona. Alla fine una pastasciutta attenderà i partecipanti nel parco, per continuare la festa insieme.

Per favorire l’accesso alla Villa Di Toppo Florio è previsto un servizio gratuito di bus navetta (sabato dalla 18 alle 24 e domenica dalle 15 alle 23).

SALUTO DELLA PRESIDENTE DEBORA SERRACCHIANI PER L’85^ EDIZIONE DELLA FIERA REGIONALE DEI VINI DI BUTTRIO

La Fiera Regionale dei Vini di Buttrio, giunta all'’85^ edizione, è una delle vetrine più prestigiose in cui il Friuli Venezia Giulia espone la qualità dei suoi prodotti enoici. Buttrio sa offrire a turisti, esperti e amanti del buon bere un contesto in cui enogastronomia, festa e cultura si intrecciano trasformando la cittadina
friulana in una vera capitale del vino di qualità. Lo splendido scenario di Villa di Toppo-Florio ospiterà anche quest'’anno migliaia di visitatori che avranno l’opportunità di conoscere e assaporare le migliori produzioni vinicole del Friuli Venezia Giulia e d’Italia, grazie all’'impegno della locale Pro Loco e alla sinergia fra i privati e tutte le istituzioni coinvolte.
La qualità delle nostre produzioni, riconosciuta a livello europeo e mondiale, rappresenta un biglietto da visita importante per il nostro territorio che, anno dopo anno, si sta dimostrando più attrattivo dal punto di vista turistico anche grazie ad eventi di questo tipo.
Voglio quindi ringraziare gli organizzatori, i volontari e tutti coloro che coglieranno quest’'occasione per recarsi a Buttrio, augurando a nome mio e dell'’amministrazione regionale il miglior successo a questa prestigiosa manifestazione.
Debora Serracchiani  Presidente Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia
Andrea Forliano



Festa delle erbe e del benessere a Tramonti di Sopra Sabato 27 e domenica 28 maggio

Escursioni, mostre, laboratori, conferenze, mercatino, gastronomia, musica, pratiche ed esercizi per il benessere, attività dedicate ai più piccoli, baratto dei libri, con ospiti speciali i Tuareg (the e artigianato). Questo è il ricco programma della Festa delle erbe e del benessere proposto dal Comune di Tramonti di Sopra domenica 28 maggio, nelle piazze e nelle vie del paese. L’anteprima sabato 27 alle 18 in sala consiliare sarà un originale

Maria Teresa Pirillo

connubio di arte, poesia e musica con Maria Teresa Pirillo, Barbara Errico e Andrea Castiglione. Pirillo, pittrice acquarellista con molte Collettive e Personali in attivo, in Italia e all’estero, inaugurerà la propria mostra di acquerelli realizzati col vino e presenterà in anteprima il proprio volume di poesie Teresa & gli altri, con prefazione di Renata D’Aronco presidente del Club Unesco Udine. Errico – cantante jazz, compositrice, docente di canto moderno, jazz, blues, già insegnante di Elisa, con all’attivo diversi riconoscimenti (Oscar del Jazz Italiano, finalista del Premio Tenco, definita nel ’99 “il miglior talento

Barbara Errico e Andrea Castiglione.

italiano”, Premio Italian Jazz Awards 2011), chiamata a numerosi festival a livello europeo – assieme al chitarrista Andrea Castiglione proporrà standard blues. Domenica le attività saranno molteplici durante tutta la giornata, accompagnate da un’offerta gastronomica a tema (piatti tipici della tradizione locale a base di erbe a cura della Pro loco, street food e degustazioni bio-veg dal mondo). Le escursioni porteranno in natura alla scoperta di erbe spontanee e officinali o di acque color smeraldo (prenotazioni: 3334756449); i laboratori andranno dalla preparazione dello sciroppo di sambuco alla cosmesi naturale; nei convegni si parlerà di alimentazione e geobiologia, medicina naturale. Sul fronte benessere si potranno conoscere e provare diverse tecniche e

Paolo Borghi

discipline: shiatsu, reiki, riflessologia plantare, riflessologia facciale vietnamita, meditazione, gong, esercizi per la bellezza, automassaggi, camminate curative, trattamenti psicofisici energetici, il metodo Bars per la ricerca e il mantenimento dell’equilibrio tra corpo e mente. Alle 12 inaugurazione della mostra fotografica “Meduna, l’acqua che unisce”, seguita da aperitivo, mentre la mostra sulle erbe spontanee sarà visitabile per tutta la giornata. Conclusione in bellezza alle 18 con il concerto hang di Paolo Borghi, finalista a Italia’s Got Talent, musicista, musicoterapista ed esperto di massaggio sonoro. Per i più piccoli ci saranno letture, laboratori e un menù dedicato, per tutti il baratto dei libri.




Basta con il solito caffè! Grazie a Bloom Coffee School due incontri per scoprirlo in modo nuovo, abbinato a sigari e birra

Chi l’ha detto che il buon caffè è fatto per essere bevuto da solo? Per dimostrare il contrario, Bloom Coffee School la nuova scuola di formazione di Imperator che diffonde la cultura del caffè con un approccio creativo, coinvolgente e social, promuove due iniziative per scoprire il caffè in maniera inusuale, abbinato ai sigari e alla birra.
Il primo appuntamento, con una degustazione speciale di caffè e sigari, è in programma Venerdì 12 maggio ore 17, nella nuova sede di Imperator, in Campo del Belvedere 6 a Trieste, nella splendida terrazza all’ultimo piano. Grazie alla collaborazione tra Bloom Coffee School e Club Ambasciatori dell’Italico si potrà partecipare all’accostamento tra la personalità del sigaro italiano e quella del caffè filtro. Sarà un percorso ben diverso dal casuale binomio caffè e sigaretta cui si può assistere in un normale dopo pasto. L’appuntamento, grazie alle sapienti spiegazioni di un Brand Ambassador conoscitore del sigaro e di Alberto Polojac, Direttore della Bloom Coffee School, responsabile acquisti e qualità Imperator, trainer autorizzato SCA e Q grader, mostrerà come possa esserci un vero e proprio “dialogo” tra le note del caffè preparato manualmente “a filtro”, selezionato tra le proposte di caffè speciali di Imperator e il gusto di alcune tipologie di sigari, prodotte in Italia con tabacco di tipo kentucky.
La degustazione, ideata per appassionati, ma rivolta anche a semplici curiosi, ha una quota di iscrizione di 20 euro e prevede la necessità di prenotarsi via email a hello@bloomcoffeeschool.it o per telefono al +39 040 364404. La partecipazione è aperta ai soli maggiori di anni 18 e fino a un massimo di 20 persone.
Il secondo appuntamento, quello tra caffè e birra, si svolgerà nell’ambito della manifestazione Free House Brewery, salone internazionale interamente dedicato al mondo delle birre artigianali e degli home brewers, che si terrà da giovedì 11 a lunedì 15 maggio al Molo IV di Trieste. Anche l’abbinamento tra queste due bevande può sembrare stravagante, ma in realtà rientra nelle iniziative per creare una maggiore consapevolezza sul caffè di qualità promosse da Bloom Coffee School, che in quest’occasione collabora con Caffettin Microtorrefazione. Durante l’appuntamento, il caffè da abbinare alle varie birre proposte dai mastri birrai sarà quello preparato secondo il metodo “cold brew”, un particolare sistema di estrazione a freddo, che richiede tempi di infusione di almeno 12 ore. Oltre a questo, all’interno dello spazio che Bloom Coffee School e Imperator avranno per tutta la durata della manifestazione, verranno proposti diversi caffè speciali estratti secondo il tradizionale metodo espresso e metodi più alternativi di estrazione manuale.
“Fino a venti anni fa non era comune abbinare un dato vino a un determinato piatto. Poi abbiamo assistito ad un’evoluzione nelle competenze dei consumatori, che ha consentito a molti di essere in grado di scegliere con una certa consapevolezza l’abbinamento tra bevanda e cibo. Lo stesso sta avvenendo ad esempio per la birra e in certi paesi per le acque minerali o il pane. E in generale i vari programmi di cucina in televisione, stanno ulteriormente amplificando l’attenzione per la qualità delle scelte dei consumatori in campo enogastronomico – ha affermato Alberto Polojac, Direttore della Bloom Coffee School – Grazie a queste e ad altre iniziative la Bloom Coffee School intende quindi tracciare un percorso di conoscenza specifico per quanto riguarda il caffè, che è tra le bevande più consumate al mondo, ma di cui il grande pubblico non sa ancora molto. Le degustazioni in programma quindi non saranno solo occasioni per divertire e intrattenere appassionati e curiosi, ma anche per consentire loro di ampliare le conoscenze sul caffè e stimolare nuove idee su possibili ulteriori combinazioni inedite”.
Andrea Forliano



SABATO IN CENTRO E’ “COOP ON THE ROAD” A NOVARA

Una passeggiata enogastronomica nel cuore della città: “Coop on the road” è l’evento organizzato dalla direzione Politiche sociali di Nova Coop con il patrocinio e la collaborazione dell’assessorato per le Politiche giovanili che si terrà il 20 maggio.

<<L’iniziativa – spiega l’assessore Franco Caressa – è rivolta ai cittadini novaresi, in particolare ai giovani e si svolgerà a partire dalle 18.30 fino alle 24. “Coop on the road”, che ha uno scopo benefico, punta alla realizzazione di una “cena diffusa” nel centro di Novara, con l’allestimento di stand tematici in differenti zone gestiti in collaborazione con l’Istituto alberghiero “Ravizza”. In piazza della Repubblica sarà presente il punti del gusto “Cultura e Territorio”, con stand acqua, Mole-cola e vino e l’intrattenimento del cocktail show con Bruno Vanzan, dj e incontro con gli autori. In piazza delle Erbe sarà invece allestito un punto informazioni con la cassa, mentre in piazza Matteotti il punto del gusto “Mondo”, con stand acqua, Mole-cola e Birra, con musica etnica strumentale con “Lo spirito del suono”. Infine in piazza Gramsci sarà presente un punto del Gusto Sport, con gli artisti di strada di “DimiDimitri”, stand acqua e Mole-cola>>.

In centro sono inoltre previsti momenti di tipo culturale, come il dialogo con Antonio Roma e il Pugilato letterario, Luca Colombo ed Elia Rossi, le esperienze europee dei giovani di Erasmus, la musica del gruppo “Barlafus” e l’esibizione delle scuole Città della danza e Centro danza Buscaglia.

Il costo delle degustazioni è di 4 euro e il ricavato della serata sarà devoluto all’associazione Sermais.

<<Ovviamente – rimarca Caressa – l’Amministrazione è più che soddisfatta della proposta giuntaci dalla direzione Politiche sociali di Nova Coop, una proposta attraverso la quale assisteremo a un’ulteriore rivitalizzazione del centro cittadino e un ulteriore occasione di aggregazione e divertimento per i giovani novaresi>>.