Dal 22 dicembre 2019 al 6 gennaio 2020 in Carnia Borghi e Presepi a Sutrio

Anche quest’anno Sutrio, incantevole borgo della Carnia ai piedi dello Zoncolan (il principale polo sciistico del Friuli Venezia Giulia), nel periodo natalizio si anima con una straordinaria rassegna di presepi. Borghi e Presepi prende il via il 22 dicembre e fino al 6 gennaio 2020 mette in mostra decine di straordinari presepi allestiti nei cortili delle sue case più antiche e lungo le strade del centro storico, in un piacevole e curioso percorso che porta a scoprire anche gli angoli più belli del paese, addobbati con grandi alberi di Natale in legno da riciclo, realizzati dagli artigiani del paese.

Sutrio -Foto Elia Falaschi © 2013 –

A realizzare i presepi esposti sono non solo gli artigiani di Sutrio e dei paesi della Carnia, ma anche di altre regioni italiane (quali Alto Adige e Veneto) e straniere, ad iniziare da Slovenia e Carinzia. Molti anche quelli creati dagli abitanti di Sutrio, che ne espongono di varie fogge e dimensioni sui davanzali, sui balconi, sotto i portici delle loro case. A fare da cornice alla rassegna sono in programma un caratteristico Mercatino dell’artigianato, scene di Presepe vivente con rappresentazioni dei vari momenti della Natività, degustazione di specialità tradizionali, musica e molto altro ancora (programma su www.albergodiffuso.org).

 

Sutrio – BORGHI E PRESEPI – Foto Elia Falaschi © 2013

Cuore di Borghi e Presepi è il Presepio di Teno, un vero e proprio capolavoro di sapienza artigianale e minuziosa pazienza, realizzato nel corso di ben 30 anni di lavoro da Gaudenzio Straulino (1905-1988), maestro artigiano di Sutrio. Esposto in un’antica casa del paese, riproduce in miniatura gli usi e i costumi tradizionali di Sutrio, che vengono animati grazie ad una serie di perfetti ingranaggi meccanici, con l’alternarsi del giorno con la notte, le figure in movimento, l’acqua che scorre nei ruscelli. Più che un presepio nel senso tradizionale del termine, quello di Teno è uno straordinario spaccato etnografico sulle tradizioni, la vita, i lavori, le usanze della montagna carnica. La fienagione in montagna ed il trasporto del fieno a valle su gerle e slitte, le donne che filano e tessono, il lavoro al mulino e quello alla segheria, il trasporto del corredo nuziale nella nuova casa della sposa, la festa dei coscritti che attraversano il paese sul carro infiocchettato…: decine e decine di scene, realizzate con minuzia filologica, descrivono la vita e i ritmi di un tempo e lasciano incantati grandi e piccoli.

Sutrio – BORGHI E PRESEPI – Foto Elia Falaschi © 2013

 

Per vivere a pieno l’atmosfera natalizia, si può alloggiare nelle accoglienti stanze (o meglio mini appartamenti con cucina arredati di tutto punto) dell’Albergo Diffuso Sutrio Zoncolan ricavate dalla ristrutturazione di antiche case del paese e delle sue frazioni (www.albergodiffuso.org).

 

Per informazioni:

Visit Zoncolan

Tel. 0433778921 – www.visitzoncolan.com info@visitzoncolan.com

Albergo Diffuso Sutrio Zoncolan

Tel: 0433778921 – www.albergodiffuso.orginfo@albergodiffuso.orghttps://facebook.com/borgosoandri/

Pro Loco Sutrio

Tel: 0433778921 – www.prolocosutrio.comprolocosutrio@libero.ithttps://facebook.com/proloco.sutrio/

E.L.




ACCESO IL NATALE A MONFALCONE Tutti gli eventi in programma durante la settimana

Dopo l’emozionante inaugurazione del Natale monfalconese, che ha visto ieri – in piazza della Repubblica – la partecipazione dei cittadini alla tradizionale accensione dell’albero da parte del Sindaco, Anna Maria Cisint, e l’illuminazione della Natività della Rocca, cui è seguito un Concerto Gospel, proseguono oggi e per tutta la settimana le tante iniziative di Monfalcone Natale, pensate dall’Amministrazione comunale per i grandi e, soprattutto, per i bambini e le loro famiglie.
Il programma definito dall’Amministrazione comunale insieme ai Rioni prevede l’accensione degli alberi con bicchierata beneaugurante nei rioni (lunedì 9, alle ore 17.30 al Rione Largo Isonzo Crociera, alle 18.30 al Rione Aris San Polo Anconetta; martedì 10, alle 17.30 al Rione Panzano, alle 18.30 al Rione Marina Julia; mercoledì 11, alle 18.00 al Rione Centro-Piazza Falcone Borsellino, alle 19.00 al Rione Romana Solvay).
Tante le iniziative nelle piazze e nelle principali vie cittadine che saranno animate anche dalla possibilità offerta dal Comune alle imprese e alle attività di somministrazione del territorio di uscire dal luogo fisico della propria attività per promuovere i loro prodotti. Un forte segnale dell’attenzione che l’Amministrazione pone nei confronti di tutte le attività commerciali e un modo per operare in sinergia durante tutto il periodo natalizio. Non potrà mancare il tradizionale mercatino natalizio in Piazza con casette di prodotti artigianali di qualità.
Giovedì 12 dicembre, nella tensostruttura riscaldata in piazza della Repubblica, alle 17.00, il Comune di Monfalcone propone il Concerto Blondeau, mentre venerdì 13, alle 15.30, per la gioia di bambini ci sarà il Circo (senza animali) di Daiana Orfei. In collaborazione con l’Associazione Sei di Monfalcone se… alle 18.00 alla Biblioteca Comunale si parlerà di “Arte, creatività e benessere” con Annamaria Poclem; alle 20.45 al Teatro Comunale andrà in scena l’VIII assegna Monfalcone sul Palco a cura del Piccolo Teatro di Monfalcone.
Ricco di appuntamenti il fine settimana monfalconese. Si inizierà sabato alle 8.00 nel centro cittadino con il Mercatino della Rocca, a cura di Bazar Mediterraneo; alle 10.30 in Biblioteca comunale è in programma la presentazione del libro “ll sole splende, è una bellissima giornata!” a cura di Alessandro Montagnana, e alle 15.00, l’evento “L’armonia sulla tavola delle feste” a cura della Scuola Fioristi FVG con una breve introduzione teorica sulla convivialità e l’uso dei fiori sulla tavola nelle varie epoche e preparazione della tavola di Natale; alle 17.00, in piazza della Repubblica, viene proposto il Concerto per Pianoforte con Fiamma Velo e danza con Human Dance Technique; alle 20.30 al Teatro Comunale andrà in scena lo spettacolo di beneficienza: 15° edizione Progetto Unicef 2020 a cura dell’Associazione International Football for Children. Domenica 15 dicembre, in piazza della Repubblica, alle ore 9.30, si aprirà il Mercatino natalizio solidale; alle 10.30 si potrà passeggiare con Babbo Natale e Natalina; alle 11.00 sarà proposto un Concerto natalizio a cura della Scuola Primaria A. Cuzzi. Tra le 10.30 e le 12.30 e tra le 15.30 e le 18.00 nel centro cittadino sarà proposto lo spettacolo itinerante “Fumetti di Natale”; alle 11.30 al Teatro comunale andrà in scena “Jan Van Der Roost in Concerto” a cura della Banda cittadina di Muggia, mentre alle 16.00 verrà proposto in anteprima il film “Il sogno dell’acqua” a cura dell’Associazione culturale Opera Viva. Alle 17.00, in piazza Repubblica, si concluderà la settimana con il Concerto de La Luna e il Falò.
Si ricorda, inoltre, che tutti i giorni in piazza Unità per il Natale monfalconese dei bambini, il Comune di Monfalcone propone il Villaggio di Babbo Natale, un villaggio scenografico dove i bambini si possono immergere in un’atmosfera unica, con la casetta tridimensionale dove i più piccoli possono inviare le “Letterine a Babbo Natale”. E si può pattinare sulla pista di ghiaccio più grande della regione, andare in trenino turistico (gratuito) nel cuore di Monfalcone.




Al Palmanova Outlet Village arte e creatività in mostra grazie ai cartelloni pubblicitari Martini dal 14 dicembre

 Glamour, eleganza, bellezza ma anche cultura, valori comuni che caratterizzano da sempre Land of Fashion e Martini, due brand fortemente radicati sul territorio ma con una vocazione internazionale. Fare shopping, al Palmanova Outlet Village, diventa un’esperienza a 360 gradi, che comprende eventi esclusivi, concorsi, attività, partnership con il territorio ma anche tante iniziative culturali senza scordare di dare spazio all’arte e alla creatività. Dal 14 dicembre al 27 gennaio, la destinazione dello shopping friulana ospiterà la rassegna “Mondo Martini: la pubblicità come percorso di stile”. Realizzata grazie alla collaborazione tra Land of Fashion, Casa Martini e Archivio Storico Martini & Rossi, l’esposizione è incentrata sulle grandi firme della cartellonistica pubblicitaria tra fine Ottocento e gli anni Settanta del Novecento, cui sarà affidato il compito di raccontare il brand attraverso arte e creatività . Il vernissage della mostra è in programma  sabato 14 dicembre, alle 16.30, nell’unità 62, con dj set Enrico Pellizzari e la presenza di un Barman free style, che saprà intrattenere i visitatori con le sue esibizioni “volanti” offrendo deliziosi cocktails preparati con sapiente maestria. Palmanova Outlet Village racconta il territorio attraverso le sue eccellenze e le sue peculiarità mentre Martini racconta la pubblicità come un vero e proprio percorso di stile, che passa attraverso la storia dell’aperitivo e del Made in Italy. Un binomio vincente, che troverà un punto di arrivo e di partenza in questa mostra. Il Palmanova Outlet Village, noto per la sua disposizione a perseguire il lifestyle in tutte le sue declinazioni, diventa un contenitore perfetto per ospitare un’esposizione d’indubbio appeal, pensata per tutti i target di visitatori, italiani e stranieri. All’interno dell’unità 62 è stato realizzato un allestimento moderno e minimal, caratterizzato da una contaminazione tra antico e contemporaneo. La mostra si potrà visitare gratuitamente tutti i giorni, dalle 10.30 alle 13.30 e dalle 14.30 alle 19.30. I visitatori del Village, gli appassionati del genere e gli amanti dello shopping avranno la possibilità di soffermarsi su un pezzo di storia del marchio, con illustrazioni, stili, linguaggi e ispirazioni diverse, dal modelli liberty a un linguaggio più veloce e dinamico, creato da alcuni dei più grandi nomi italiani e internazionali del cartellonismo pubblicitario, come Giorgio Muggiani (1887-1938), tra gli iniziatori di questa nuova forma d’arte pubblicitaria, Giuseppe Riccobaldi, Leonardo Cappiello, Jean Droit e Hans Schleger. «Land of Fashion ospita – ricorda la marketing manager, Giada Marangone – fuori dagli spazi espositivi più tradizionali, il brand e la sua arte attraverso una mostra itinerante in tutti i cinque Village della Penisola. L’esposizione dedicata agli amanti del marchio e della comunicazione pubblicitaria su stampa, presenta 22 manifesti unici, che raccontano, attraverso le immagini, l’evolversi di uno dei marchi indiscussi del lifestyle italiano». «La cartellonistica pubblicitaria rappresenta una delle tappe più amate dal pubblico in visita ai musei di Casa Martini, a Pessione di Chieri (TO). Abbiamo aderito con entusiasmo al progetto espositivo proposto da Land of Fashion per aprire il nostro patrimonio culturale ad un pubblico vasto, interessato allo stile e alla bellezza – dichiara Marco Budano, Martini Brand Homes Manager –. Insieme all’Archivio Storico Martini & Rossi è stato possibile selezionare i 22 soggetti in mostra e narrare un percorso di comunicazione e arte attraverso alcuni degli esemplari della collezione aziendale: chi fosse incuriosito e volesse scoprire tutte le sorprese che riserva la nostra Brand Home, sarà il benvenuto a Pessione per scoprire il nostro museo e le experience Martini che proponiamo ogni giorno». Osservando le opere con uno sguardo d’insieme è facile cogliere il percorso che esse disegnano, in modo continuo e coerente, dalla fine del XIX secolo sino agli anni Settanta del Novecento, abbracciando tutto l’arco temporale in cui i manifesti rappresentarono il principale mezzo di comunicazione pubblicitaria, con cui i gestori delle imprese intendevano promuovere le loro offerte e trasmettere attraverso una sola immagine l’essenza del prodotto reclamizzato con la complicità della stampa a colori. I primi a dedicarsi all’affiche furono artisti di altissimo livello e fama internazionale, che prestarono il loro talento a scopi forse meno elevati ma sicuramente gratificanti come Jules Cheret, Henri de Toulouse Lautrec e Alexandre Steinlen. L’epoca dell’affiche ebbe padri illustri anche in Italia firmate dai grandissimi Marcello Dudovich e Leopoldo Metlicovitz che, assieme a Leonetto Cappiello e Aleardo Terzi, furono i pionieri della nuova grafica pubblicitaria italiana. Quando si parla di pubblicità non si può non pensare ai grandi manifesti pubblicitari con cui Martini ha tappezzato l’Italia dal 1863. Al suo servizio lavorarono alcune delle più grandi firme dell’illustrazione, con stili e ispirazioni diversi ma con l’identico desiderio d’interpretare al meglio lo spirito dei tempi e l’anima del prodotto. La marketing manager Marangone aggiunge: «Questa mostra avrà una connotazione tra l’antico e il moderno. Abbiamo voluto valorizzare forme di espressione artistica più recenti e non prioritariamente artistiche. Da anni sosteniamo iniziative culturali di vario genere e ora siamo felici di accogliere nel nostro Village una forma nuova di comunicazione, che si colloca  tra l’arte e la pubblicità, di cui Martini è stato eccellente soggetto e rappresentante».



Il nuovo libro su Lorenzo Chinnici ‘’Tele Nascoste’’ a Palazzo del Toscano di Catania

presenta

Il nuovo libro su Lorenzo Chinnici

‘’Tele Nascoste’’

Scritto da Diego Celi

Prefazione di Jose Van Roy Dalí

14 dicembre 2019, ore 18.00 – Catania

INAUGURAZIONE

14 dicembre ore 18.00 – Palazzo del Toscano
Piazza Stesicoro, 38 – Catania

 Ingresso libero

Lorenzo Chinnici, il nuovo libro: a Catania anteprima mondiale di “Tele Nascoste”

Il 14 dicembre alle 18, verrà presentato a Catania il nuovo libro su Lorenzo Chinnici: “Tele Nascoste scritto dal chirurgo Diego Celi e arricchito dalla prefazione di José Van Roy Dalí (figlio di Salvador Dalí), pubblicato da Giambra Editori.

Il testo non celebra l’arte di Chinnici, ma scandaglia emozioni e retroscena delle tele del Maestro. La serata è promossa da ‘’Faber – Il Fabbricante di idee’’ in collaborazione con la casa editrice.

Questa edizione di Faber si terrà nei giorni 14 e 15 dicembre, dalle 10.00 alle 21.00 presso lo storico Palazzo del Toscano, edificato intorno al 1870 quale residenza cittadina dei Paternò marchesi del Toscano.

La manifestazione ospiterà 40 artigiani d’eccellenza provenienti da tutta la Sicilia, che presenteranno le loro creazioni nelle splendide sale del piano nobile del Palazzo, scenario per la presentazione del libro di Chinnici che dialogherá simbolicamente con le eccellenze artigianali made in Sicily.

TELE NASCOSTE (Giambra Editori, 2019), edizione italiano/inglese. Il testo, pur avendo come protagonista il Maestro Lorenzo Chinnici, non è celebrativo dell’arte pittorica dell’artista. Si propone, invece, di dipingere con un pennello lacaniano una tela in cui fa da sfondo un conflitto continuo intriso d’amore e scontri fra il figlio e l’artista: la vera “tela nascosta” della produzione artistica del Maestro. Ma, in questa tela, vi è un’altra protagonista: la madre. Essa governa e guida la biga familiare cui sono attaccati i due cavalli, che male sopportano le briglie.

Diego Celi, autore del testo, scrive Josè Van Roy Dalì, figlio di Salvador Dalì, nella prefazione: ‘’….accarezza un pensiero, vaga sulle nuvole della fantasia….si inoltra con l’ingenuità di un bambino e con l’arroganza di un adulto in un racconto che, già nelle prime righe, accende la curiosità e induce a proseguire nella lettura con quella gioiosa emozione che porta ad ampliare gli illimitati confini della fantasia per farsi trasportare in una irreale realtà in cui tutto è possibile…”

INTRODUCE: Dott.ssa Katia Trifiró
EDIZIONE INGLESE: Dott. Oscar Cesare Greco

Giambra Editori

Pierangelo Giambra
giambraeditori@gmail.com
press@giambraeditori-sicilia.it
www.termegrafica.it/giambraeditori

Dott.ssa Katia Trifiró
katiatrifiro@hotmail.it

 




Venerdì 13 dicembre, Il Carso in Corso

L’Associazione Nuovo Corso di Monfalcone propone un doppio appuntamento per venerdì 13 dicembre, al Carso in Corso. La presentazione del nuovo volume di Gianni Spizzo e un concerto di Claudio Cojaniz e Giovanni Maier.

 

Venerdì 13 dicembre l’Associazione Nuovo Corso di Monfalcone propone un doppio appuntamento nei locali de Il Carso in Corso. Alle 18 è attesa la presentazione del libro “L’uomo di servizio” di Gianni Spizzo. Alle 21 “Due”, Claudio Cojaniz e Giovanni Maier in concerto per Jazz in Progress. L’ingresso è libero.

Nion Orchestra – Foto Luca d’Agostino/Phocus Agency © 2009

Gianni Spizzo, nel presentare, alle 18, il suo “L’uomo di servizio”, dialogherà con Francesco Tomada; l’attrice Luisa Vermiglio interpreterà alcuni passi scelti del volume.
“L’uomo di servizio” è un noir che esplora il lato enigmatico e paradossale dei rapporti uomo/donna nel nostro presente, ambientato in un’affascinante Trieste di oggi e di domani, alla fine degli anni Venti di questo secolo. Un romanzo pieno di fascino, dalle tinte noir, psicologicamente molto teso e arricchito da un provocatorio sense of humour.
“L’uomo di servizio” è uscito a novembre per Gossmann ed è disponibile in libreria da poche settimane.

Gianni Maier Foto Luca A- d’Agostino/Phocus Agency © 2018

 

Alle 21 un atteso concerto, secondo appuntamento della rassegna Jazz in Progress che vede protagonista un duo d’eccezione (è il caso di dirlo). “Due” (questo il nome della formazione) è formato da Claudio Cojaniz al pianoforte e Giovanni Maier al contrabbasso.
Si tratta di due personalità diversissime e per questo complementari: due solisti sorprendenti e di altissimo livello, che insieme esploreranno (ora in mondi “paralleli” ora incontrandosi nei più bizzarri universi sonori) il mondo dell’improvvisazione.
Cojaniz, pianista friulano, è conosciuto in Italia e all’estero per la sua appassionata verve, per un inconfondibile estro creativo e per la sua dedizione alle contaminazioni musicali. Maier è tra i contrabbassisti più riconosciuti a livello internazionale per la straordinaria personalità e per la grande solidità musicale: ha suonato ovunque e con i migliori musicisti di tutto il mondo nell’ambito della musica improvvisata.

Le foto di Claudio Cojaniz e di Giovanni Maier sono di Luca A. d’Agostino.




DINOSAURO BRUNO IN MOSTRA AL CASTELLO DI DUINO (TRIESTE): DA DOMANI, SABATO 7 DICEMBRE, AL 1^ MARZO PROSSIMO

DUINO (TRIESTE)- Nel gennaio 2019 la Soprintendenza Archeologia belle arti e Paesaggio del Friuli Venezia Giulia, ha incaricato a titolo gratuito la ditta triestina Zoic – azienda leader nel settore della preparazione di reperti paleontologici a livello internazionale, che alla fine degli anni Novanta aveva estratto e preparato il noto dinosauro del Villaggio del Pescatore Antonio, sempre sotto la guida del geologo Flavio Bacchia – di “preparare” quanto oltre era stato estratto vent’anni or sono riguardante Bruno – il secondo dinosauro, quasi completo, proveniente dal Villaggio del Pescatore – e di scavare per finire di estrarre tutto le parti che erano rimaste nel terreno.

Alcuni blocchi di roccia con i resti di Bruno erano già stati portati alla luce ai tempi dell’estrazione di Antonio, ma non erano ancora mai stati eseguiti i lavori di preparazione dello scheletro fossile, mentre il cranio e la coda erano rimasti nel terreno: nel corso di questi mesi è stata ultimata l’estrazione e anche la lunga e meticolosa preparazione.

 

Ora Bruno può essere finalmente visto completo nella sua versione definitiva: il fossile sarà esposto al Castello di Duino, da sabato 7 dicembre (inaugurazione per stampa e istituzioni venerdì 6 dicembre) fino ai primi giorni del mese di marzo 2020 negli orari di apertura alle visite del Castello (ogni fine settimana e festivi – ad esclusione del 25 dicembre e 1^ gennaio – dalle 9.30 alle 16.00) con il biglietto di ingresso al Castello.

Il lavoro svolto dai tecnici triestini della Zoic che in questi mesi hanno estratto e preparato il cranio e la coda e portato a completamento le fattezze di Bruno (tre persone per 4 mesi e oltre 2000 ore di lavoro) ha permesso di ricomporre i blocchi che contengono il fossile e di comprenderne in gran parte la struttura.

Bruno è un adrosauro simile ad Antonio (dinosauro erbivoro dal becco ad anatra), lungo circa 5 metri, quindi supera di oltre 1 metro il “fratello”, con un peso di circa 600 Kg e un’età di oltre 70 milioni di anni. Come esemplare è sicuramente adulto, ma per ora non si può essere più precisi. La preparazione dell’animale, che ha seguito gli standard utilizzati alla fine degli anni 90 (sgrosso meccanico e rifinitura a getto d’acido formico) si è presentata molto complessa a causa della frammentazione del fossile. Alcune parti sono mancanti in origine e sono state restaurate in fase finale di lavorazione.

Curiosa la sua dislocazione su una piega degli strati che curvano il fossile su sé stesso per 180°, ma ancora ignota per ora la ragione della struttura geologica che contorce il dinosauro. Da un lato si trovano cranio, collo, dorso, dall’altro coda e zampe. La frammentarietà del reperto ha reso le operazioni di preparazione chimica molto delicate. Per prevenire potenziali effetti negativi si è ridotta la percentuale d’acido in uso, passando dal 8% al 4%, a titolo cautelativo. Ciò ha allungato i tempi di lavoro ma ha consentito una miglior calibrazione delle operazioni. Altro fattore di complicazione è la parziale disarticolazione dello scheletro, sempre in connessione anatomica, una delle peculiari caratteristiche dei fossili del sito paleontologico giuliano.

Bruno – La storia

La campagna di scavo del 1998 al Villaggio del Pescatore aveva come oggetto principale la rimozione dei blocchi contenenti il dinosauro Antonio. Sulla superficie topografica non erano evidenti tracce di altri reperti. Dopo il taglio con filo diamantato, taglio che ha creato l’attuale pavimento del sito paleontologico, i blocchi in cui si suddivideva naturalmente la roccia sono stati accatastati per consentire l’accesso al reperto. A taglio fresco, nonostante il lavaggio con idropompa, non si evidenziavano altri affioramenti.

Dopo due mesi di esposizione agli agenti atmosferici, il naturale cambio di colore della roccia per ossidazione rendeva evidente la presenza di altri fossili. In particolare, su un grande blocco alla sinistra presso l’ingresso del sito si notava una lunga struttura scura curva. Chiaramente un grande esemplare che, per la sua curvatura, veniva interpretato come il carapace di una tartaruga.

Questo il motivo per cui, nei primi diorami realizzati sull’ambiente del Villaggio del Pescatore sono presenti esemplari di testuggini (che certamente erano presenti all’epoca, ma mai rinvenute). Lo spostamento del blocco con il presunto carapace chiariva che non si trattava di tartaruga, ma di un altro dinosauro. Essendo il blocco numerato si esaminava la sua posizione di partenza e si notavano due sezioni ossee presenti sul piazzale. Le due sezioni non apparivano sullo stesso strato (calcare laminato) quindi si supponeva la presenza di due esemplari. La successiva constatazione che il dinosauro era ripiegato su sé stesso a 180° chiariva che le due sezioni erano relative al cranio e alla coda dello stesso animale.

La prima persona a notare questo dinosauro è stata Bruno Zoppolato, a suo tempo dipendente della ditta che effettuava i lavori: da qui il nome di Bruno dato al fossile.

 

Capita l’importanza del reperto si intraprendeva una minuziosa ricerca di altri frammenti di roccia contenenti parti dell’animale. Venivano individuato 818 frammenti di varie dimensioni. Di questi, in fase di preparazione e restauro, poco più di un terzo sono risultati utili alla composizione dello scheletro. Tutto il materiale è stato trasportato al Museo di Storia Naturale di Trieste, e accatastato nei sotterranei. Il blocco principale costituente Bruno, montato su apposito telaio, è stato esposto nel 2001 alla mostra “I dinosauri della regione Adriatica” allestita dalla Stoneage al Bastione Fiorito del Castello di San Giusto. Date le dimensioni ed il peso è stato trasportato a destinazione mediante elicottero.

Con il trasferimento del Museo da Piazza Hortis a via Tomiz anche i pezzi di Bruno sono stati spostati e rimessi nel nuovo scantinato. Solo il 12 febbraio del 2018, a fronte incarico da parte della Soprintendenza Archeologia belle arti e Paesaggio del Friuli Venezia Giulia il materiale è stato trasferito nel laboratorio della Zoic (evoluzione della vecchia Stoneage) per essere definitivamente assemblato e preparato.

 

La fase iniziale del lavoro, ricerca delle connessioni tra blocchi e frammenti, è stata la più impegnativa. Rimaneggiati più volte in Museo e poco compresi da persone extra Stoneage i campioni erano dispersi in decine di cassette. Quattro settimane sono state necessarie per riuscire ad utilizzare nella preparazione tutti i pezzi di roccia contenenti resti ossei dopo averne definito le posizioni all’interno dello scheletro. Parte di questo era sezionato nel mezzo, ovvero le ossa comparivano in calco e controcalco. L’opera di ricongiungimento delle due metà di buona parte del dinosauro è stata molto impegnativa: la giunzione non può essere mai perfetta, situazione che poteva compromettere le fasi successive di lavorazione chimica. La verifica a posteriori ha permesso di constatare che non ci sono state sconnessioni superiori ai due millimetri. Una volta ricomposti tutti i pezzi del blocco contenente Bruno si sono eliminate le parti di roccia in eccesso, con un minuzioso lavoro meccanico. La preparazione chimica è iniziata dalla zona caudale, più compatta, per verificare la validità dell’esperienza maturata alla fine degli anni 90. Per cautela si sono usate concentrazioni di acido più basse di quelle utilizzate in precedenza ma la procedura si è dimostrata comunque valida: avvicinamento meccanico alle ossa, il più possibile, ciclo di acidatura sotto controllo visivo, risciacquo ad acqua persa, asciugatura, consolidamento delle ossa emerse, reiterazione del ciclo.

 

Rimanevano ancora da estrarre il cranio e la coda del dinosauro. Si è optato per una prima rimozione del cranio, di lunghezza nota, e lo scavo della coda successivamente dopo l’acquisizione di maggiori informazioni sulle strutture geologiche complesse che contengono lo scheletro.

Per prima cosa, prudentemente, sono stati eseguiti dei piccoli tagli nella roccia parallelamente alle strutture emergenti in sezione sul vecchio piano di scavo. In questo modo, con una preparazione meccanica in loco si è potuto constatare che l’ipotesi di giacitura del cranio era esatta. A questo punto si è eseguita una serie di tagli paralleli all’asse principale del cranio fino alla profondità di 73 cm sia frontalmente che posteriormente all’affioramento. Un’ulteriore sequenza di tagli è stata eseguita ortogonalmente ai primi. Si è proceduto alla rimozione di tutta la roccia antistante il cranio, in nodo da creare una fossa dove poter operare agevolmente. Infatti, per rimuovere il blocco contenente il fossile era necessario tagliarlo alla base. Ciò è stato fatto eseguendo una serie di fori orizzontali alla profondità massima possibile. Nei fori si sono inseriti i cunei spaccaroccia (evoluzione della tecnica già in uso ai romani) che opportunamente percossi hanno consentito il distacco del blocco pesante circa 600 kg. Il blocco è poi stato sollevato con opportuno paranco e trasportato in laboratorio dove, dopo un lungo lavoro meccanico teso a conservare le pieghe degli strati su cui si articola il cranio, ha subito la preparazione chimica. In questo caso la preparazione è stata simile a quella di Antonio visto che la roccia era sana e compatta. Il cranio, sulla sua matrice è stato montato su un supporto fornito di ruote per essere accostato al blocco.

 

Per estrarre la coda si è impostato il lavoro come per il cranio. Sono stati fatti dei tagli paralleli per creare il necessario grado di libertà alla base del blocco che è stato poi tagliato questa volta con il filo diamantato.

La sorpresa si è presentata quando in uno dei tagli verticali sono emerse delle sezioni di vertebre che lì non ci dovevano stare. Approfondendo la sorprendente situazione geologica si è scoperto che gli strati che si pensava concordi nell’immersione con quelli del blocco principale, in realtà erano ripiegati una volta di più e la coda, che doveva scendere in profondità ritornava a piegarsi verso la superficie tendendo ad affiorare. La situazione paradossale della giacitura del fossile, evidenziata dalle sezioni rinvenute aveva un piacevole riscontro: nel blocco tagliato era compresa tutta la coda e non c’era bisogno di procedere con macchinari pesanti e costosi per scavare più in profondità.

Rimane il mistero delle condizioni ambientali che hanno consentito allo scheletro del dinosauro, con dislocazioni contenute, di articolarsi su una serie di pieghe come quelle esistenti.




Il Touring Club Italiano per il Museo della Comunità Greco Orientale di Trieste “Costantino e Mafalda Pisani”

 

Prende avvio nella sede della Comunità Greco Orientale di Trieste il secondo ciclo di conferenze promosse dal TCI – Club di Territorio di Trieste per far conoscere e valorizzare le opere esposte nel Museo della Comunità, che i Volontari del TCI tengono aperto nell’ambito del progetto del Touring Club Italiano “APERTI PER VOI”.

 

Ringrazio vivamente tutte le studiose (le relatrice sono tutte donne) che hanno accettato di condividere con noi soci e volontari del TCI e con la Comunità Greco Orientale le loro competenze. Senza la loro entusiastica partecipazione, non avrei potuto dare corpo a questo progetto.”

Si inizia lunedì 9 dicembre 2019 ore 17 con il tema L’iconografia biblica tra interpretazione ebraica ed esegesi cristiana, di cui sarà relatrice la dott.ssa Andreina Contessa, storica dell’arte, direttrice del Museo Storico e Parco del Castello di Miramare. Esperta medievalista, dal1990 al 2017 ha vissuto, studiato e insegnato a Gerusalemme; in particolare dal 2009 al 2017 è stata Conservatore/Capo Curatore del Museo di Arte Ebraica Italiana U. Nahon di Gerusalemme. Nasce proprio da questa sua esperienza professionale l’affascinante racconto sull’iconografia biblica.

Si continua lunedì 17 febbraio 2020 con la dott.ssa Rossella Fabiani, funzionaria storica dell’arte, che si occupa della promozione e attività culturali del Polo museale del Friuli Venezia Giulia. Ci aggiornerà su La testimonianza della classicità oggi a Trieste. Dopo la grande mostra sul Neoclassico, promossa e organizzata dal Comune di Trieste nel 1990, sarà interessante capire l’evoluzione degli studi che sono stati intrapresi e pubblicati nel corso degli ultimi trent’anni.

 Lunedì 23 marzo la dott.ssa Maria Masau Dan, storica dell’arte, già direttrice del Museo Revoltella parlerà su I volti della storia. La collezione di ritratti del Museo Pisani. Sarà sicuramente interessante inquadrare i bellissimi e numerosi ritratti presenti nella collezione museale nel contesto della ritrattistica triestina dell’Ottocento e dei primi del Novecento.

Giovedì 2 aprile (solo qui per ragioni organizzative la giornata degli incontri si sposta a giovedì) la dott.ssa Lorenza Resciniti, funzionaria direttiva conservatrice dei Civici Musei di Storia e Arte illustrerà La collezione Stavropulos dei Civici Musei. Un dono alla città di un mecenate greco. Sarà l’occasione per conoscere una parte del Civico Museo di Storia Patria di via Imbriani, dove si trovano le raccolte artistiche di Stavropulos: un corpus di pitture e sculture di artisti italiani ed europei antichi e contemporanei.

Il tema del collezionismo sarà svolto anche nell’ultimo degli appuntamenti calendarizzato per lunedì 4 maggio. La dott.ssa Rossella Scopas, storica dell’arte e componente del Segretariato regionale del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo per il Friuli Venezia Giulia parlerà su Da Giovanni Vordoni alla famiglia Economo: il contributo della comunità greca alla crescita culturale e artistica di Trieste.

 Tutte le conferenze saranno illustrate da immagini e si svolgeranno nella giornata di lunedì (tranne una al giovedì) tradizionalmente dedicata dalla Comunità a incontri e laboratori culturali. Gli appuntamenti sono sempre alle ore 17 nella sala del terzo piano della Comunità (ingresso a fianco della Chiesa di San Nicolò). L’ingresso è libero fino ad esaurimento dei posti. In allegato il calendario.

Antonio Poilucci, storico dell’arte, già ministro per i beni culturali e ambientali, soprintendente per il Polo Museale Fiorentino e direttore dei Musei Vaticani, afferma che il TCI non potrà mai rinunciare a essere produttore di conoscenza, indipendentemente dagli strumenti utilizzati *. Ecco anche questo progetto del Club di Territorio di Trieste aspira ad essere un produttore di conoscenza ed è un piccolo tassello nel grande puzzle dei 125 anni di vita del Touring Club Italiano.

 

Informazioni sull’attività del Club del Territorio di Trieste si trovano su:

https://www.touringclub.it/voci-del-territorio/friuli-venezia-giulia/trieste




NATALE A PODENONE Venerdì 6 dicembre luminarie, presepe, teatro

Venerdì 6 dicembre protagonista del Natale a Pordenone sarà il quartiere di Torre, che si illuminerà a festa. Alle 18.15 illuminazione albero di Natale in piazzetta dei mutilati a cura di Associazione San Valentino; alle 18.30 illuminazione della catalpa a cura dell’Associazione Torre; alle 18.45 illuminazione dell’albero e inaugurazione del presepe in piazza Lozer con l’esibizione del coro dei bambini della
parrocchia SS. Ilario e Tazian, a cura di Associazione Torre in Musica, Comunità San Valentino, Avis Torre, Gruppo Alpini Torre e ASD Torre danza.

Dalle 20 in piazza XX Settembre ad accompagnare la serata di degustazioni delle casette (aperte dalle 17.00 alle 22.00) saranno le selezioni musicali di Gianfranco Amodio, dj nei locali di tendenza di Lignano

Alle 20 nella sede della Scuola Sperimentale dell’Attore in via Selvatico prosegue il laboratorio intensivo “Concerto- voci ”dedicato alle poesie e ai racconti di Natale organizzazione Scuola Sperimentale dell’Attore assieme Fita Uil. Condotto da Ferruccio Merisi, il laboratorio dedica al Natale uno studio su “L’Amore Paterno “ di Carlo Goldoni, una commedia allegorica moraleggiante scritta “in esilio” a Parigi nel 1762. “Per esempio: Goldoni 2020”, questo il sottotitolo del laboratorio, propone degli esercizi di recitazione di tipo avanzato, che

Gianfranco Amodio

spaziano dalla funzionalità e organicità della voce, all’analisi del testo, alla creazione del personaggio, alla messa a punto della lingua tra storia e attualità, con lo scopo di costruire un esempio di interpretazione vocale attuale di un classico, senza subirne i segni anacronistici, ma al contrario comprendendo come la distanza linguistica possa essere colmata ma non eliminata dal punto di vista poetico.

Barbara Moselli.io

Alle 21, nel convento di San Francesco Speakeasy porta in scena a ExConventolive lo spettacolo “Le donne baciano meglio”, di e con Barbara Moselli, una interpretazione diretta da Marco Taddei e una produzione di NIM Neutroni in Movimento e Fondazione Luzzati – Teatro della Tosse. Il testo, totalmente autobiografico, racconta l’accettazione della propria omosessualità in una narrazione intima e autoironica attraverso un percorso di scoperta di sé. Il monologo, a tratti comico, parte da una doppia esigenza dell’autrice: da una parte il bisogno di raccontarsi, dall’altra quello di affrontare la tematica dell’omosessualità femminile, da sempre poco discussa, con semplicità. «Le donne baciano meglio» è la storia di chi ce l’ha fatta, quindi di incoraggiamento, ma anche di quanto sia faticoso parlare della propria omosessualità ai genitori, al mondo e a se stessi. È, inoltre e soprattutto, una storia d’amore destinata a tutti: sia a quelli che hanno sentito il loro cuore battere quando sono stati innamorati sia a quelli che hanno sofferto e si sono sentiti abbandonati. Lo spettacolo ha i costumi a cura di Daniela de Blasio. Alle 20 aperitivo con Vigneti Pitars, Vanilla Sky 2.0 ed Erica Santarossa.




20 anni di sorrisi con Spirito di Vino

Sabato 7 dicembre alle ore15.30 pressoil Centro Internazionale Vittorio Podrecca, via Monastero Maggiore 38 a Cividale del Friuli i membri della giuria e le autorità presenti proclameranno i vincitori della 20° edizione del concorso internazionale di illustrazioni satiriche Spirito di Vino, organizzato annualmente dal Movimento Turismo del Vino Friuli Venezia Giulia.

“Quest’anno abbiamo raggiunto il traguardo dei nostri primi 20 anni, un risultato molto importante”, dichiara soddisfatta Elda Felluga, presidente del Movimento Turismo del Vino FVG. “La scelta di affidare un messaggio sul vino all’espressione pungente della satira è ciò che contraddistingue da sempre questo concorso che riscuote un notevole successo internazionale, cresciuto costantemente nel tempo. Un’originale e accattivante sfida lanciata ogni anno in tutto il mondo, in cui il tema del vino si rivela un elemento culturale in grado di essere spunto infinito di inedite creazioni. Siamo soddisfatti” continua la presidente “di poter festeggiare questo significativo compleanno in collaborazione con il Comune di Cividale del Friuli, la Fondazione Auxilia e gli esercenti di Confcommercio”.

Le premiazioni e la mostra saranno ospitate dal Centro Internazionale Vittorio Podrecca, un’eccellenza regionale del Teatro di figura in Italia e nel mondo. Un collegamento culturale internazionale perfetto con il concorso che da sempre valorizza la satira come mezzo di comunicazione tra diverse culture. Inoltre, è prevista una mostra diffusa in una quindicina di esercizi commerciali aderenti a Confcommercio per rivivere 20 anni di storia del concorso. Nelle vetrine dei negozi aderenti saranno esposte per tutto il periodo della mostra, fino al 6 gennaio 2020, alcune opere delle passate edizioni così una passeggiata nel centro di Cividale sarà impreziosita dall’ironia e dai sorrisi! Per conoscere in anticipo gli esercizi coinvolti, trovate l’elenco completo sul sito www.spiritodivino.cloud.

Cividale diventa anche la Capitale della satira sul vino, grazie a questa importante mostra che il Movimento turismo del vino ha voluto organizzare in Cividale” commenta Daniela Bernardi, Vicesindaco e Assessore al Turismo del Comune. “Tra le tante attrazioni del periodo natalizio; Cividale può annoverare i 20 anni di Spirito di Vino. Grande e condivisa anche la partecipazione dei commercianti che hanno voluto rispondere attivamente a questo progetto, scegliendo delle vignette legate alle loro attività da esporre. La scelta della location della mostra dei 20 anni della satira del vino, unica a livello mondiale, approda presso il Centro meraviglie Podrecca Signorelli, una magia nella magia, in occasione del sempre magico sentimento Natalizio”.

Fino al 6 gennaio 2020 (dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 17.00, sabato e domenica orario continuato dalle 10.00 alle ore 17.00) nella sede di Auxilia in via Monastero Maggiore 38 a Cividale del Friuli verrà ospitata la mostra della 20° edizione di Spirito di Vino in cui potrete apprezzare l’umorismo pungente e la satira graffiante capaci di regalarvi sorrisi e momenti di riflessione.
La collaborazione con Auxilia Onlus (impegnata da oltre 15 anni in attività umanitarie all’estero e in attività di sensibilizzazione e prevenzione rivolta ai giovani in Italia) e Auxilia Foundation (attiva nel mondo dell’arte della formazione specialistica in ambito sanitario e di sicurezza) è perfettamente in linea con la filosofia del Movimento Turismo del Vino FVG, il quale da oltre 20 anni in occasione di Cantine Aperte sostiene i progetti umanitari dell’UNICEF.

In questi 20 anni Spirito di Vino è diventato un punto di riferimento per aspiranti vignettisti e professionisti già affermati, acquisendo un respiro sempre più ampio e raccogliendo oltre 9.000 vignette provenienti da oltre 50 paesi del mondo.
L’arduo compito di selezionare le opere per la fase finale e decretare i vincitori è stato svolto da una giuria d’eccezione, capitanata dal presidente in carica Alfio Krancic e dal presidente onorario Giorgio Forattini, dai vignettisti Emilio Giannelli e Valerio Marini e da nomi illustri del giornalismo e grafica quali Gianluigi Colin, Franz Botré ed Enzo Rizzo, Carlo Cambi, Paolo Marchi, Aldo Colonetti, Fede & Tinto, Francesco Salvi e da Elda Felluga. I membri della giuria si sono ritrovati a Milano presso la Sala della Satira all’interno del Ristorante Rigolo, storico locale vicino al Corriere della Sera a Milano, dove sono esposte alcune delle più belle vignette di Spirito di Vino.

Si ringraziano gli sponsor e i partner tecnici del concorso: PromoTurimoFVG Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Comune di Cividale del Friuli, Auxilia Onlus e Auxilia Fondation, Civibank, Dolomia, Del Torre, Juliagraf e Zorzenone.




A Sutrio tanto gusto con “Fums, Profums, Salums” e “Formandi”

Ghiotta occasione, ieri, per assaggiare e acquistare le ultime pregiate forme di formaggio delle malghe del Friuli Venezia Giulia. A Sutrio si è svolta la manifestazione “Fums, profums, salums”, evento enogastronomico caratterizzato dai tipici sapori della Carnia e che ha visto protagonisti i formaggi di malga. Lungo le vie del paesino è stato possibile assaggiare gustosi piatti come il prosciutto crudo, il salame cotto nell’aceto con la polenta, il cotechino con i crauti e molto altro, sorseggiando un calice di vino bianco o rosso. Non sono mancati, inoltre, i prodotti d’artigianato, la musica e gli animali vivi che hanno fatto felici i più piccoli. La degustazione di venti formaggi delle diverse malghe è stato il presupposto per scegliere i più gradevoli al proprio palato ed inoltre nella stessa giornata si è svolta la curiosa asta delle forme di formaggio pregiate e spesso introvabili. In attesa dell’atmosfera natalizia e dei rinomati presepi, Sutrio è stata protagonista ancora una volta delle eccellenze culinarie regionali richiamando un discreto numero di avventori, indomiti nonostante il rigido freddo durato l’intera giornata.

Di seguito le malghe che hanno fornito i formaggi:

Malga Collinetta di sotto, Malga Confin, Malga Gerona, Malga Grantagar, Malga Jelma di sopra e Jelma di sotto, Malga Lavareit, Malga Malins, Malga Meleit, Malga Montasio, Malga Monteriù, Malga Moraretto, Malga Navas, Malga Pieltinis, Malga Pramosio, Malga Pura, Malga Ramaz e Lodin, Malga San Giacomo, Malga Vinadia Grande, Malga Zamula, Malga Zoufplan bassa;

e i rifugi che hanno proposto gli assaggi:

Rifugio Calvi, Rifugio De Gasperi, Rifugio Marinelli, Bar Osteria Galo, Macelleria Piazza, Rifugio Chiadinas, e il vino dell’Associazione Borderwine.

Carlo L.