IL 15 E 16 DICEMBRE A SERNAGLIA DELLA BATTAGLIA ( TV ) IL 20° RALLY PREALPI MASTER SHOW

20° Prealpi Master Show – 14° Ronde Prealpi Trevigiane
Saranno 145 gli equipaggi  che prenderanno il via del 20° Prealpi Master Show, in programma a Sernaglia della Battaglia il 15 e 16 dicembre prossimi. L’ultima deroga arrivata pochi giorni fa da Acisport ha permesso agli organizzatori del Motoring Club di accettare cinque iscrizioni in più rispetto al limite massimo stabilito per l’edizione del ventennale della gara e del quarantennale del Motoring. Nonostante questo, però, sono una ventina le richieste di iscrizione arrivate fuori tempo massimo che gli organizzatori hanno dovuto tenere solo come riserva.

Scattolon-Zanono

Piccolotto-Cenere

“Un vero peccato, anche perché un paio di quei piloti avrebbero potuto giocarsi agevolmente la vittoria assoluta ”, spiega Alex De Grandi, presidente del Motoring Club. “Voglio dire un sincero grazie ad Acisport, che ci ha permesso di accettare l’iscrizione di altri cinque equipaggi. Abbiamo già provveduto a contattare i concorrenti che probabilmente non saranno della partita e ne abbiamo ricevuto solo elogi e ringraziamenti: questo ci ha davvero riempiti di orgoglio”.
Fra le 145 auto al via ci saranno solo vetture moderne. Il Motoring ha chiesto in primavera un’ulteriore deroga per far correre  anche le vetture storiche, ma Acisport non la ha concessa . Ce ne saranno comunque una decina, a margine della gara. Già sicure le presenze del sammarinese Paolo Diana a bordo della sua Fiat 131, della Ford Escort MK2 di Bruno Pelliccioni e della Lancia Delta Integrale 16V di “Fabione”.

La bellissima 131 di Paolo Diana

Pelliccioni

Il Prealpi Master Show non resterà impassibile davanti alla sofferenza provocata dal maltempo in tutto il Bellunese: “Durante la gara, che vuole essere un’occasione di divertimento e convivialità, gli spettatori avranno la possibilità di destinare qualche soldo alle popolazioni colpite dal maltempo”, dichiara ancora Alex De Grandi. “Sabato e domenica in prova speciale ci saranno due contenitori in cui potranno essere depositate le offerte che il Motoring destinerà alla rico struzione del Comune di Rocca Pietore, il più segnato dalla calamità naturale. Li sistemeremo nei punti di maggiore affluenza, ovvero al salto e al doppio bivio, dove il rally passerà il sabato pomeriggio e in tutta la giornata di domenica. Inoltre abbiamo messo in vendita alcuni posti al tradizionale spiedo del sabato sera: dopo aver pagato il biglietto, gli appassionati potranno mangiare insieme a tutti i piloti e donare grazie ad un altro contenitore per le offrte posizionato all’ingresso degli impianti sportivi di Soligo, dove si terrà la cena. Anche in questo caso il ricavato verrà devoluto a Rocca Pietore”. I posti sono limitati: per informazioni è necessario contattare il Motoring alla mail segreteria@prealpimastershow.net.
Jari- Matti Latvala non sarà presente alla 20esima edizione del Prealpi Master Show, gara valida come seconda prova del RaceDay Rally Terra 2018-19 in programma a Sernaglia della Battaglia il 15 e 16 dicembre prossimi. Il finlandese vicecampione del mondo rally 2010, 2014 e 2015 sarà impegnato nel weekend di gara nei test che il Toyota Gazoo Racing Team condurrà in vista del Rally di Montecarlo, prima prova del Mondiale 2019. Il Motoring Club aveva fatto un tentativo nelle settimane scorse per averlo a Sernaglia con una Toyota Yaris Wrc, facendola correre all’esterno della gara per non falsarne l’esito.
Ringrazio di cuore i ragazzi del Motoring, che si stanno facendo in quattro per organizzare al meglio questo 20esimo Prealpi Master Show”, è  il messaggio che lancia Gabriele Favero, patron del Motoring.“ In qualche maniera cercherò di presenziare ai momenti più importanti della gara: salvo casi di forza maggiore, voglio esserci!”
Di seguito gli orari delle prove speciali:

PS 1 ”Master Show” ore 07:25  16.12.2018
PS 2 ”Master Show” ore 10:30  16.12.2018
PS 3 ”Master Show” ore 13:25   16.12.2018
PS 4 ”Master Show” ore 16:10   16.12.2018

Tutte le informazioni, l’elenco iscritti e la tabella tempi si possono trovare sul sito dell’organizzazione al link http://www.prealpimastershow.net

Comunicato stampa Prealpi Master Show – Foto Dario Furlan

 




XMOTORS: AL MONZA RALLY SHOW SI RIVEDE PATRON STEFAN

Il presidente della scuderia trevigiana Xmotors tornerà alla guida di una delle proprie Ford Fiesta R5, affiancato da Ivan Agostinetto, nel classico evento di fine stagione.

Montebelluna (Tv), 04 Dicembre 2018 – Il Monza Rally Show, uno degli eventi più importanti del panorama automobilistico nazionale, è pronto ad aprire i battenti per mettere in scena l’edizione 2018 e, ad un richiamo così gustoso, Xmotors ha risposto presente.

Il sodalizio trevigiano, con base a Montebelluna, sarà della partita con presidente Francesco Stefan, il quale tornerà al volante, di una delle proprie Ford Fiesta R5, dopo il bel terzo posto di classe siglato al Rally della Marca, evento valido per il Campionato Italiano WRC.

Un ritorno in grande stile, quello del patron di Xmotors, il quale si getterà in un’autentica gabbia dei leoni, assieme ad Ivan Agostinetto nell’inedita veste di navigatore, che vedrà la presenza del campione italiano in carica, Paolo Andreucci, e di altri ex tricolore come Giandomenico Basso, due volte vincitore del Tour European Rally, e Luca Rossetti.

In mezzo a loro tanti altri agguerriti avversari che renderanno la lotta in classe R5 una sfida, sulla carta, impossibile per chi sale saltuariamente su questa tipologia di vetture.

“Dopo vari mesi di astinenza torniamo al volante della Fiesta” – racconta Stefan – “e, sinceramente, non vedevamo l’ora. Gli impegni di Xmotors, in crescita costante, ci hanno costretto a mettere da parte la tuta ed il casco per concentrarci esclusivamente sui nostri clienti. Con l’arrivo di fine annata è nata la possibilità di prendere parte ad un evento unico nel suo genere, come il Monza Rally Show, ed abbiamo colto al volo questa opportunità. Si vocifera della presenza di oltre cinquanta vetture in classe R5, impressionante. In un contesto di questo tipo sarà molto interessante essere presenti come Xmotors. Dal canto prestazione non ci passa nemmeno per la testa l’idea di poter battagliare con gente come Andreucci, Basso, Rossetti e compagnia. Nel nostro caso quel che conta davvero è esserci e di divertirci in uno degli eventi che, tra elogi e polemiche, è in grado di catalizzare l’attenzione internazionale, anche per la presenza di tanti personaggi che, con il mondo dei rally, han poco a che fare. Occasione ideale per dare lustro ai partners che sostengono la nostra realtà.”

Tre le giornate di gara previste per il Monza Rally Show targato 2018: l’apertura del sipario è prevista per Venerdì 7 Dicembre, nel primo pomeriggio, per la disputa della “Monza” (1,26 km) e della “Roccolo” (11,92 km).

Sabato 8 Dicembre andrà in scena la frazione più corposa della manifestazione: ai due passaggi sulla “Parabolica” (9,66 km) si alterneranno la “Autodromo” (8,83 km) e la lunga “Grand Prix” (44,83 km).

Tre i tratti cronometrati in programma per Domenica 9 Dicembre: il buongiorno sarà dato dagli oltre quaranta chilometri della seconda tornata sulla “Grand Prix”, alla quale faranno seguito la ripetizione di “Roccolo” e di “Monza”.

Gran finale, come da tradizione oramai, con il Masters Show, che si svilupperà sul rettifilo centrale dell’autodromo brianzolo, con una lunghezza di un chilometro e mezzo per singolo passaggio.




A Ritrovar le Storie del Teatro dell’Orsa in scena al Teatro Duse di Asolo 8 dic. 16,30

Il fortunato spettacolo di Monica Morini e Bernardino Bonzani «che si porge con poesia, commozione e allegria a un pubblico di tutte le età» sarà presentato nell’ambito della ricca rassegna di Teatro per Famiglie.

«Nel paese di Tarot le parole si sono rimpicciolite, ma un giorno un saltimbanco arriva sulla piazza con un carretto bislacco capace di riaccendere le storie. Fiabe, fole e memorie di infanzia si intrecciano e portano la meraviglia. Si ride delle paure superate, del nostro inciampare goffo nella vita e degli sciocchi che a volte acchiappano la fortuna per la coda. Si trattiene il fiato nell’oscurità del mare, fino a riemergere nello stupore della vita che è tonda e sempre ricomincia come le storie che camminano sempre»: Monica Morini e Bernardino Bonzani del Teatro dell’Orsa introducono A Ritrovar le Storie, spettacolo che sarà in scena sabato 8 dicembre alle ore 16.30 al Teatro Duse di Asolo, in provincia di Treviso, nell’ambito della rassegna dedicata alle famiglie. Aggiungono gli artisti: «In un paese che ha perduto le parole, dove le persone non si incontrano e non si parlano, bastano termini semplici come bicicletta, albero o animali per ricominciare ad accendere brevi storie. La gente esce dalle case per rivivere la piazza come spazio di tutti. Parole e racconti si alimentano a vicenda, chiamano domande. I racconti svelano l’invisibile in un mondo opaco e le parole attraversano i confini, si allungano e corrono tra vecchi e bambini, opposte estremità della vita. La storia del paese di Tarot ci riguarda, chiama a costruire comunità, alla condivisione con l’altro».

A Ritrovar le Storie, progetto speciale selezionato al Festival I Teatri del Sacro 2015 e ospite, nello stesso anno, del Festival Internazionale di Narrazione di Arzo (in Svizzera) e del FestivalFilosofia di Modena Carpi Sassuolo, è ispirato all’omonimo libro di Annamaria Gozzi, Monica Morini e Daniela Iride Murgia (Edizioni Corsare), opera finalista al prestigiosissimo Premio Andersen 2015.Mario Bianchi, decano dei critici teatrali italiani e massimo esperto di teatro ragazzi del nostro Paese, in merito allo spettacolo interpretato da Monica Morini, Bernardino Bonzanie Franco Tanzi sintetizza: «Un inno al nostro passato, in un presente che ha dimenticato il senso delle parole e del loro più intimo significato. Le storie vengono espresse in un interscambio di accenti dai due interpreti con grande adesione emotiva. Protagonisti sono i santi, gli animali, gli elementi della natura e financo la morte».

Il Teatro Duse si trova in via Regina Cornaro 3 ad Asolo (TV).

Biglietto unico € 2,00 (posti non numerati). La biglietteria aprirà alle ore 15 del giorno di spettacolo.




PRIMI PUNTI PER LAURENCICH E SANDEL NEL RACEDAY

Avvio positivo nel challenge dedicato agli amanti dello sterrato, con i portacolori di Xmotors che mettono il primo fieno in cascina, in vista del Prealpi Master Show.

Montebelluna (Tv), 22 Novembre 2018 – Debutto più che positivo per Xmotors al primo atto del Challenge Raceday Rally Terra, il quale vedrà i funamboli del traverso sfidarsi tra la fine del 2018 e l’inizio del 2019.

Alla dodicesima edizione del Rally delle Marche, andata in scena nel recente fine settimana, erano due i portacolori battenti bandiera della compagnia di Montebelluna, entrambe in grado di raccogliere i primi punti per il proprio bottino stagionale.

Prima uscita da calcolatore per Federico Laurencich, all’esordio sulla terra marchigiana con la Ford Fiesta R5 griffata Xmotors, il quale ha saputo prendere le misure, evitando inutili rischi, per maturare una buona dose di esperienza in ottica campionato.

Affiancato da Emanuela Florean alle note l’alfiere della scuderia Gorizia Corse ha patito l’assenza di una sessione di test ma ha saputo comunque chiudere in modo positivo la trasferta.

Grazie al sesto posto di classe R5 il pilota goriziano, in campionato, occupa attualmente la decima piazza nell’assoluta, la settima posizione nel raggruppamento B, e la quinta nel trofeo Pirelli di categoria.

“Siamo soddisfatti a metà” – racconta Laurencich – “perchè ci siamo resi ben presto conto che, senza fare test, è impossibile andare al passo dei migliori con queste vetture. Il percorso di gara, inoltre, era molto variegato. Una speciale condita da molte pietre ed un’altra veloce, con fondo molto compatto. Xmotors si è confermata una realtà altamente professionale e la Fiesta R5 non ci ha dato alcun tipo di problema. Siamo contenti di aver raccolto i primi punti per il campionato e contiamo, al prossimo Prealpi Master Show, di poter dare una bella spinta alle nostre ambizioni nella serie. Sarà la nostra unica gara di casa, per così dire, e daremo il massimo per raccogliere il miglior risultato possibile, cercando di guardare al 2019 con fiducia.”

Più raggiante sicuramente l’altro portacolori di casa Xmotors, Fabio Sandel, il quale ha riabbracciato con gioia la guida su terra, chiudendo con un buon settimo posto tra le vetture di produzione.

Il pilota di Miane, assieme ad Omar Scussat, una volta imbracciato il volante della Mitsubishi Lancer Evo X, targata GF Racing, si è sentito nuovamente a casa, nonostante si trattasse dell’esordio sugli sterrati marchigiani.

La settima posizione in classe N4 si traduce nella sesta piazza, nel raggruppamento C.

“Ci siamo divertiti tantissimo al Marche” – racconta Sandel – “ma abbiamo pagato la prima volta sulla Lancer e su queste speciali. Abbiamo raccolto tanto anche se i tempi non sembrano dimostrarlo. Un grazie di cuore a Michele Piccolotto, il quale ci ha fornito ottimi consigli ed insieme al quale abbiamo trovato un bel setup. Non disponevamo di una gomma performante come la concorrenza, questo ci ha penalizzati abbastanza. Adesso puntiamo dritti al Prealpi.”




XMOTORS INIZIA LA CACCIA AL RACEDAY

La scuderia di Montebelluna punta ad essere protagonista, anche su fondo sterrato, nella rinomata serie invernale, con Laurencich, tra le R5, e Sandel, nel produzione.

 

Montebelluna (Tv), 14 Novembre 2018 – Xmotors vuole far mangiare la polvere alla concorrenza ed è pronta a dare il via alla campagna nel Challenge Raceday Rally Terra, in vista del primo atto, il prossimo weekend, con la dodicesima edizione del Rally delle Marche.

Una delle serie più amate a livello nazionale, la quale animerà gli sterrati nazionali nella fase invernale a cavallo tra il 2018 ed il 2019, vedrà il sodalizio di Montebelluna pronta a fare la voce grossa con due portacolori attesi, sin dall’appuntamento marchigiano, ad un pronto riscatto.

Numero nove, sulle fiancate della Ford Fiesta R5 griffata Xmotors, per Federico Laurencich, il quale farà coppia con l’inseparabile Emanuela Florean.

Il portacolori della scuderia Gorizia Corse tornerà al volante, della trazione integrale dell’ovale blu, dopo la tanto bella quanto breve cavalcata sulle strade di casa del Rally Nova Gorica.

Il Rally delle Marche non sarà una novità assoluta per il pilota goriziano, già autore della vittoria di classe con la Renault Clio R3, in una stagione 2014 che lo vide chiudere il Challenge Raceday Rally Terra con altre tre secondi posti.

“Siamo al via della prima nel Raceday” – racconta Laurencich – “ed è un piacere poter tornare su questi splendidi sterrati, sui quali abbiamo vinto nel 2014 con la Renault Clio R3. Quella stagione fu davvero molto positiva. Sarà la prima volta che metteremo le ruote della Ford Fiesta R5 su terra, con noi al volante. Rispetto a quattro anni fa il percorso, sarà quasi del tutto, inedito per noi. Essendo al debutto con la Fiesta su terra è innegabile che non abbiamo velleità di alta classifica. Dobbiamo fare esperienza e capire come funziona un po’ tutto. Abbiamo avuto già una prima presa di contatto con la R5 su terra, lo scorso anno al Prealpi Master Show con una Hyundai i20, ma non ci siamo trovati bene, non eravamo mai competitivi. Partiamo con l’intento di seguire tutto il campionato ma, ovviamente, decideremo sulla base dei singoli risultati se avrà senso continuare sino alla fine.”

Ad affiancarlo nel programma, sulle strade bianche, di Xmotors troveremo Fabio Sandel, alla guida di una sempreverde Mitsubishi Lancer Evo X gruppo N, in coppia con Omar Scussat.

Il pilota di Miane, in provincia di Treviso, sarà della partita alla guida della muscolosa trazione integrale nipponica, messa in campo dal team GF Racing.

Una sorta di ritorno alle origini, per portacolori della scuderia di Montebelluna, il quale ha già dimostrato, nel recente passato, di viaggiare con costanza nei piani nobili del produzione.

“Siamo al via del programma nel Raceday” – racconta Sandel – “e con piacere torniamo a correre sulla terra, fondo che amiamo particolarmente e che ci ha regalato le maggiori soddisfazioni. Abbiamo già corso abbastanza con la Subaru Impreza, sappiamo cosa ci aspetta. Saremo all’esordio, qui al Marche, e vogliamo aprire la stagione con il piede giusto. Un ringraziamento particolare a Michele Piccolotto, di GF Racing, ed alla scuderia Xmotors.”

Xmotors – Ufficio Stampa




CORRI IN ROSA 2018: MANUEL CAFFÈ PENSA AL BENESSERE DELLE DONNE

Manuel Caffè al fianco delle donne alla Corri in Rosa 2018 per promuovere momenti di condivisione e uno stile di vita sano attraverso lo sport.

 

Complicità e condivisione sono le parole d’ordine della prossima edizione della Corri in Rosa, domenica 18 novembre. Manuel caffè sarà al fianco delle oltre 10.000 donne che parteciperanno alla gara, condividendone lo spirito solidale e un sano stile di vita, con l’orgoglio di appartenere ad un territorio ricco di storia e di eccellenze enogastronomiche.

La capacità di regalare un’emozione è lo spirito di Manuel Caffè che sostiene anche quest’anno la gara podistica più “rosa” del Veneto, con l’obiettivo di contribuire a creare quella forza positiva che parte dalla solidarietà tutta al femminile, utile a finanziare l’acquisto di attrezzature per la prevenzione dei tumori al seno. I due percorsi di 6 e 12 chilometri si snoderanno tra le bellezze del territorio di Conegliano, un luogo ricco di colline e scorci suggestivi e vigneti, alla scoperta di un paesaggio naturalistico e storico straordinario.

Il caffè darà la giusta carica per rinforzare le scorte di energia che col passare dei chilometri verranno meno e sarà un ottimo alleato per aumentare la potenza muscolare e la resistenza, migliorando i tempi di reazione e la velocità di corsa.

La nostra cultura del caffè è molto vicina al mondo femminile e all’attività fisica all’aperto, vista come momento di benessere e di convivialità” sostiene Cristina De Giusti.

Dal 1975 l’esperienza di Giuseppe De Giusti è custodita dai figli Emanuela, Mauro e Cristina, che fin da bambini partecipavano con entusiasmo e progressivamente hanno fatto maturare il desiderio di qualità: le nozioni interiorizzate sono scese dalla testa al cuore, per offrire sempre nuove esperienze di gusto dal timbro squisitamente italiano.

Per questo la famiglia viaggia nel mondo, sperimenta, prova e propone solo il meglio delle cultivar accuratamente selezionate, seguendo direttamente tutte le fasi di lavorazione del caffè con scrupolosa attenzione e adottando specifici accorgimenti per rispettarne qualità ed aroma.

Ufficio Stampa: Serena Comunicazione S.r.l




RINVIATA LA PRIMA DI LUISE CON GDA COMMUNICATION

RINVIATA LA PRIMA DI LUISE CON GDA COMMUNICATION

 L’annullamento, causa maltempo, del Rally Bellunese rimanda il debutto dell’ex seconda guida Grifone con i colori della scuderia modenese.

Modena, 29 Ottobre 2018 – Rinviato a data da destinarsi la prima uscita di Matteo Luise in casacca GDA Communication, complice l’annullamento del Rally Bellunese che doveva andare in scena, a Santa Giustina, tra Sabato 27 e Domenica 28 Ottobre.

Un debutto atteso da molti, quello dell’adriese sulla Skoda Fabia R5 di S.A. Motorsport Italia assieme al compaesano Fabrizio Handel, con la scuderia di Modena che aveva riposto la propria fiducia per puntare ai vertici assoluti.

L’allerta meteo rossa, diramata nei giorni antecedenti l’evento, ha costretto gli organizzatori ad annullamento.

“Il Comitato organizzatore Tre Cime Promotor” – si legge nel comunicato – “comunica l’annullamento per cause di forza maggiore, non dipendenti dalla propria volontà, né da proprie negligenze, del 33° Rally Bellunese. A seguito dell’avviso di criticità idrogeologica ed idraulica n.62/2018 emanato dal Centro Funzionale Decentrato della Regione Veneto con il quale è stato dichiarato – dalle ore 9 di sabato 27 ottobre e sino alle ore 14 di lunedì 29 ottobre – lo stato di ALLARME per criticità idrogeologica nei Comuni rientranti nella circoscrizione Vene A e Vene H (in cui rientrano i Comuni di Santa Giustina, Lentiai, Cesiomaggiore, Sedico, Trichiana e Limana, ove è in programma la manifestazione), nel corso della riunione dell’Unità di Crisi tenutasi in data odierna nella sede della Prefettura di Belluno – alla quale hanno preso parte tutte le componenti del sistema provinciale di Protezione civile – è emersa l’esigenza di sospendere TUTTE LE MANIFESTAZIONI PUBBLICHE in programma nel periodo di validità dell’avviso di criticità, in funzione di tutela della pubblica incolumità. Il Comitato organizzatore del 33° Rally Bellunese, profondamente amareggiato per l’accaduto, si sente in dovere di ringraziare tutti coloro che, in ogni forma, si sono prodigati spassionatamente, con grande dedizione e professionalità per garantire l’allestimento della competizione.”

Seppure la stagione agonistica 2018 sia ormai agli sgoccioli Luise non getta la spugna e, nelle prossime giornate, valuterà assieme allo staff di GDA Communication e S.A. Motorsport Italia un’eventuale nuova data in calendario dove poter tornare al volante della Skoda Fabia R5.

“Siamo rimasti molto delusi ed amareggiati” – racconta Luise – “ma è ovvio che la decisione presa dall’organizzazione sia indiscutibilmente la migliore. Le previsioni meteo della vigilia non promettevano nulla di buono e, quindi, è naturale conseguenza quanto accaduto. A dire il vero forse, per noi, è meglio così. Non avendo la possibilità di correre spesso con queste vetture ritrovarsi a farlo su torrenti d’acqua, invece di strade, avrebbe rovinato il gusto del divertimento. Abbiamo aspettato tanti mesi per questo momento e non intendiamo aspettarne altrettanti perchè arrivi il nuovo anno. Nelle prossime giornate valuteremo assieme alla scuderia GDA Communication ed al team S.A. Motorsport Italia se ci sarà la concreta possibilità di affrontare un’altra gara, in sostituzione al Bellunese. Altro che dea bendata. Mi sembra ci veda bene.”

LA DEA BENDATA INSEGUE LUISE, ANCHE AL BELLUNESE

L’adriese, complice l’annullamento dell’evento per allerta meteo, si è visto costretto a digerire un altro colpo gobbo della sorte, rinviando l’esordio sulla Skoda Fabia R5.

Matteo Luise e la dea bendata continuano a viaggiare a braccetto, con quest’ultima che non accusa particolari problemi di vista, specialmente nei confronti dell’adriese.

Tanti, lunghi, mesi di attesa che il pilota polesano aveva vissuto con positività, desideroso di sedersi finalmente al volante della Skoda Fabia R5, griffata S.A. Motorsport Italia, e di godersi il ritorno sulle speciali dell’edizione numero trentatre del Rally Bellunese.

L’arrivo di una forte ondata di maltempo ha però indotto il comitato organizzatore dell’appuntamento, in programma per Sabato 27 e Domenica 28 Ottobre, ad annullarlo.

Un vero peccato per l’adriese che, affiancato dal compaesano Fabrizio Handel alle note, si preparava ad indossare, per la prima volta, la casacca della scuderia modenese GDA Communication.

Nonostante l’ennesimo boccone indigesto Luise non demorde e, in questi giorni, valuterà assieme allo staff di S.A. Motorsport Italia e GDA Communication una nuova, possibile, data.

“Viste le previsioni la decisione è stata giusta” – racconta Luise – “perchè correre con dei torrenti al posto delle strade diventava pericoloso. Per chi, come noi, non corre spesso con queste vetture è stata una grossa delusione. Aspettavamo da molto questo Bellunese. Non ci saremmo mai aspettati una sfortuna del genere, a poche ore dal via. Ora vedremo cosa fare.




UN TRIDENTE TARGATO XMOTORS AL RALLY DEL BELLUNESE

UN TRIDENTE TARGATO XMOTORS AL BELLUNESE

La scuderia di Montebelluna sarà della partita con entrambe le Ford Fiesta R5, affidate al patron Stefan ed a Vian. Al via anche il debuttante Recchia, tra le Racing Start.

Montebelluna (Tv), 24 Ottobre 2018 – L’edizione numero trentatre del Rally del Bellunese è pronto ad aprire i battenti, con il via previsto per Sabato prossimo, ed Xmotors si prepara a timbrare il cartellino di presenza, mettendo in campo entrambe le Ford Fiesta R5.

Archiviato l’ottimo esordio stagionale, terzo gradino del podio al Marca valido per il Campionato Italiano WRC, tornerà a calarsi nell’abitacolo della trazione integrale dell’ovale blu il patron del sodalizio di Montebelluna, Francesco Stefan, affiancato per l’occasione da Marco Zortea.

“Siamo regolarmente iscritti ma non abbiamo la certezza della nostra presenza” – racconta Stefan – “perchè stiamo affrontando degli interventi migliorativi sulla nostra Fiesta e non siamo certi di riuscire ad ultimarli in tempo utile. La nostra sarà comunque una gara spot, finalizzata unicamente a valutare la bontà dei lavori svolti. Il percorso è molto bello, veloce e tecnico. Dopo il bel podio al Marca sarebbe bello potersi confrontare su queste strade. Staremo a vedere.”

Sulla seconda Fiesta griffata Xmotors, la ex tricolore 2016 nelle mani di Giandomenico Basso, troveremo Massimo Vian, alla quinta apparizione stagionale con il fido Alessandro Gaio.

Per il pilota di Miane, in provincia di Treviso, il Bellunese potrebbe essere occasione ideale per riprendere il cammino positivo di inizio 2018: al terzo del Grifo e secondo del Dolomiti han fatto da contraltare i due ritiri del Piancavallo e del Valli della Carnia.

Il ricordo della vittoriosa edizione 2016, in produzione, è da considerarsi punto di partenza per affrontare con la giusta dose di ambizione l’ennesima apparizione sulle speciali bellunesi.

“Credo sia dal 2005 che affrontiamo, tutti gli anni, il Bellunese” – racconta Vian – “e solo lo scorso anno non siamo riusciti a partire per un fuori programma che ci ha visto protagonisti prima del via. Conosciamo bene il percorso, le prove le abbiamo affrontate in tutti i modi possibili. Confidiamo in un meteo clemente perchè, in caso di asciutto, siamo certi di poter tenere il passo dei migliori. Se piove, per noi, sarà tutto nuovo. Correndo con Alessandro, che è della zona, ci tengo in particolar modo ad ottenere un buon piazzamento. Siamo pronti.”

A completare il tridente d’attacco del sodalizio di Montebelluna ci sarà l’esordiente Marco Recchia, al debutto assoluto in un rally, alla guida di una Renault Clio nella categoria Racing Start.

Ad affiancare il neo pilota di Valdobbiadene, sul sedile di destra, troveremo Mattias Conci, in sostituzione dello sfortunato Davide Dall’Ò, messo fuori gioco da un infortunio.

“Finalmente è arrivato il giorno del debutto” – racconta Marco – “e saremo al via del Bellunese con la nostra Clio, curata assieme all’amico Marino Comarella. Mi spiace per Davide, con il quale dovevo condividere questo esordio ma si è fatto male ad una gamba. Avrò al mio fianco Mattias Conci e sono certo che saprà aiutarmi ad affrontare al meglio questa prima uscita.”

Xmotors – Ufficio Stampa  




AL DUE VALLI VIA ALLA FIESTA PER ANDRIOLO E SCOPEL

Il pilota trevigiano regala ad Xmotors il secondo successo stagionale, in provincia di Verona, tornato a condividere l’abitacolo con il compagno di mille battaglie.

Montebelluna (Tv) – L’occasione era ghiotta e la pressione era ad alti livelli, data la caratura della reunion andata in scena sulle speciali scaligere, ma Rudy Andriolo non ha mancato il bersaglio grosso ed insieme a Roberto Scopel ha portato, sul gradino più alto del podio, la Ford Fiesta R5 di Xmotors.

Bis targato 2018 per il portacolori della scuderia La Superba che, dopo aver siglato il Benacus Rally, ha fatto sua la trentaseiesima edizione del Rally Due Valli, nell’ambito dell’evento dedicato al Campionato Regionale Rally.

Una seconda assoluta non scontata, avendo duellato a lungo con l’idolo di casa Cunegatti, vissuta su una lotta con il coltello tra i denti, chiusa a favore del trevigiano per 1”2.

Un autentico vortice di emozioni quello che ha coinvolto Andriolo e Scopel, coppia che ha fatto sognare tanti tifosi in Triveneto qualche anno fa, ritornati a condividere l’abitacolo di una vettura da competizione, con la classe e l’affiatamento dei grandi campioni.

Un avvio accorto, sulla speciale spettacolo del Venerdì sera, vedeva il trevigiano chiudere con il secondo tempo, a 2”3 da Degani.

Si ripartiva il Sabato con Andriolo che staccava il primo scratch a “Roncà” ma commetteva un errore sulla successiva “Cà del Diaolo”, accusando un ritardo di 6”6 da Cunegatti.

A “Santissima Trinità” il pilota della Ford Fiesta, griffata Xmotors, segnava il miglior parziale e riprendeva, con forza, il comando delle operazioni nella generale.

Prova numero cinque, “Tregnago”, ed il duello sulla direttrice Treviso Verona si ripeteva: Andriolo, secondo, chiudeva a sei decimi da Cunegatti.

Archiviata la tornata la carovana del CRR faceva ritorno sulla “Roncà” con l’alfiere della scuderia patavina che rischiava grosso, mancando di un soffio un’uscita di strada che poteva compromettere l’intera gara.

Con una sola prova speciale ancora da disputare, la ripetizione della “Cà del Diaolo”, Andriolo si ritrovava in vetta alla generale con un margine, da difendere, di soli 7”6: Cunegatti vinceva la prova ma rosicchiava solamente 6”4 al trevigiano, il quale si avviava verso l’incantevole cornice di Piazza Bra per dare il via ai festeggiamenti.

“Gara bellissima con speciali davvero tecniche” – racconta Andriolo – “e siamo soddisfatti di questa seconda vittoria assoluta. Una gran lotta con Cunegatti. Grazie a tutti i nostri partners, che hanno fatto parte di questo sogno divenuto realtà. Grazie a Xmotors che ci ha messo a disposizione una Fiesta che va fortissimo, seguita ottimamente da Pippo ed Ale Lorenzon. Tutti molto professionali. Grazie alla scuderia La Superba. Grazie a Roberto, sempre impeccabile.”

Gli fa eco Roberto Scopel, al fianco di Andriolo sul gradino più alto del podio assoluto.

“Dopo sedici anni dalla prima gara fatta assieme e tanti sacrifici” – aggiunge Scopel – “questo è il coronamento e la gratificazione del tanto sudore lasciato per strada. Che soddisfazione.”

Xmotors – Ufficio Stampa




XMOTORS RAGGIANTE IN UN TORRIDO RALLY DI SCORZÈ

Il sodalizio di Montebelluna è protagonista con Zamberlan, quinto assoluto, ed Agostinetto, nono nella generale. Chiude a podio anche la famiglia Zambon.

Montebelluna (Tv)  – Il weekend nero, di due settimane fa, è stato ampiamente oscurato sotto il sole della quindicesima edizione del Rally Cttà di Scorzè, con Xmotors sugli scudi con tutti e tre i propri alfieri, protagonisti di livello nelle varie classi.

Ottimo esordio per il debuttante, sulla Ford Fiesta R5 del team trevigiano, Daniele Zamberlan, il quale ha chiuso la due giorni sui roventi asfalti veneziani con il quinto posto assoluto, di gruppo R e di classe R5, che, per certi versi gli va pure stretto.

Il pilota di Casale sul Sile, affiancato da Enrico Nicoletti alle note, dopo aver preso le misure alla vettura di casa Xmotors, incrementava sensibilmente il passo, con ottimi riscontri cronometrici, prima di deporre le armi, stretto nella morsa di temperature davvero proibitive.

“Con undici R5 partenti direi che siamo soddisfatti” – racconta Zamberlan – “perchè la Fiesta di Xmotors è davvero un aereo. Essendo la nostra prima uscita, con questa vettura, siamo molto contenti. Dopo una prima fase di adattamento abbiamo iniziato a spingere, nella seconda parte della Domenica. Sulle ultime tre prove, complice anche la classifica congelata, abbiamo mantenuto la posizione. Abbiamo sofferto parecchio il caldo, puntando unicamente all’arrivo.”

Sotto il sole di Scorzè sorride anche Ivan Agostinetto, assieme al compagno di sempre Roberto Scopel: alla guida della seconda Fiesta R5 griffata Xmotors il pilota di Valdobbiadene si è ben distinto, in un parco partenti di assoluto livello, portando a termine una gara consistente, di costante miglioramento, che ha vissuto anche di un curioso fuori programma in avvio.

“Sulla prima speciale di Sabato sera” – racconta Agostinetto – “ho voluto fare un regalo a Roberto, cedendogli il volante della Fiesta R5 per affrontare la prova. Se lo merita perchè è una persona davvero speciale. Tornando alla nostra gara siamo molto contenti perchè, per i nostri obiettivi, entrare nella top ten, con avversari così di rango ed al volante di una vettura così potente, è stata una soddisfazione. Abbiamo perso una posizione sul finale, va bene lo stesso.”

Gradino più basso del podio, nonostante i soli tre arrivati, che premia la tenacia della famiglia Zambon, con il figlio Matteo al volante e papà Mauro alle note, nell’inedita veste di giardinieri occasionali, alla guida della loro sempreverde Opel Astra GSI di gruppo N.

In una classe, la N3, che ha visto ben cinque equipaggi fermi al palo è facile comprendere come il solo raggiungimento della pedana di arrivo, nel cuore di Scorzè, sia da considerarsi alla pari di una vittoria.

“È andata comunque bene” – racconta Matteo Zambon – “perchè la gara è stata altamente selettiva, se guardiamo la lista dei ritiri. La nostra costanza e progressione ha pagato alla fine. Un dritto, prima della service area, ci ha visti sfalciare una siepe, senza conseguenze. Il caldo ha piegato la resistenza di molti, compresa la nostra Astra. Grazie di cuore ai nostri ragazzi.”