CINEMATICA: La magia della musica per le immagini, dal cinema alle nuove arti visuali

Sabato 25 gennaio alle 21.00 sul palco del Teatro Studio all’Auditorium Parco della Musica di Roma (www.auditorium.com, intero €. 15,00 ridotto €. 12,00) in programma Cinematica, una serata prodotta da Helikonia e dedicata alla musica per il cinema: i compositori Marco Testoni, Michele Braga e Giancarlo Russo conducono il pubblico in un viaggio fra le sonorità di quel territorio creativo tra musica e arti visuali di cui l’Italia vanta nomi illustri, ma soprattutto una fertilissima scuola: tre musicisti, tutti accomunati da un percorso artistico legato alla musica per immagini con una forte componente evocativa. Elementi che si esprimono, vuoi nella ricerca ritmica e visionaria della musica di Marco Testoni; vuoi nell’intensità e dinamica della scrittura di Michele Braga; ma anche nell’eleganza onirica dei brani di Giancarlo Russo. In programma musiche originali, ma anche reinterpretazioni di brani di maestri della colonna sonora quali Ryuiki Sakamoto, Ennio Morricone, Piero Piccioni. Ospiti della serata due protagonisti del cinema italiano: il compositore Umberto Scipione (Benvenuti al Sud, Benvenuti al Nord, Un Boss in Salotto) ed il regista e compositore Stefano Reali (Caruso, Lo scandalo della Banca Romana). Sul palco con Michele Braga ci sarà anche The Niro che a febbraio rivedremo a Sanremo. La serata apre emblematicamente con Ce l’hai un minuto, un corto esilarante di Alessandro Bardani che ha all’attivo numerosissimi  premi. Presenterà la serata Maria Luisa Lafiandra direttrice artistica del Festival Internazionale Mompeo in Corto. Offriranno il proprio contributo anche gli organizzatori del MashRome Film Fest, primo festival italiano dedicato al mashup e al remix cinematografico. E Mauro Calevi dell’Accademia Studios, il centro realizzato presso gli Studi De Paolis e dedicato ai mestieri del cinema.




PREMIO D’ARTE “L’ETERNO FEMMININO”

Mostra d’Arte al Complesso San Severo al Pendino di Napoli 27 febbraio – 13 Marzo 2014

“L’eterno femminino” è l’espressione usata da Goethe nel Faust ad indicare le caratteristiche eterne, immutabili, del fascino femminile, della femminilità. E la femminilità è l’insieme delle qualità che sono proprie di una donna;
l’insieme delle qualità che la contraddistinguono nel comportamento dell’animo. La femminilità è una condizione intima, uno stato interiore, da leggere fra le righe. Nel mese dedicato e all’interno della Rassegna Artistica “DONNA”, che si svolgerà a Napoli in Marzo 2014, avrà luogo l’esposizione delle opere in Mostra.
Il Premio Organizzare una manifestazione artistica significa impegno, dedizione, passione.
In questa Prima Edizione del Premio D’Arte Contemporanea, l’Associazione Arianna vuole confrontarsi con realtà artistiche differenti promuovendo l’arte in tutti i suoi linguaggi e le varie forme espressive, e favorendone lo scambio e l’incontro aperto. Vuole inoltre offrire la possibilità a giovani artisti di farsi conoscere da collezionisti, curatori e altri professionisti del mondo dell’arte. Il Premio è aperto ad artisti professionisti, emergenti o affermati, studenti o autodidatti di nazionalità italiana o straniera, senza limiti di età, né di qualifica o curriculum.
Il Premio non è suddiviso in sezioni: all’unanimità ci sarà un unico vincitore che sarà scelto tra i partecipanti alla rassegna. Ogni Artista potrà presentare fino ad un massimo di 2 Opere.

 Per richiedere ulteriori informazioni  contattare la curatrice

Gina Affinito ai numeri 327.3463882 – 081.7130034

o scrivere a

gina.affinito@gmail.com




AL LANIFICIO25 DUO VS. DUO Serata Save the Vinyl Sabato 11 gennaio TooMoney$ vs. Vinyl Session

Quattro piatti Technics, due mixer, un ring e quattro DJ’s che si sfidano a colpi di musica, fino all’ultima nota… e questo è solo l’inizio! Il LANIFICIO25 è pronto a infiammarsi per una sfida lungo i solchi e microsolchi del vinile… musica palpabile ed emozioni reali, per scatenarsi con la migliore musica dell’Associazione Save the Vinyl – Napoli. Sul ring si confronteranno due progetti musicali diversi, ma entrambi ugualmente caratterizzati dall’incessante ricerca sonora e stilistica degli artisti che li animano: la old school di TooMoney$, ovvero DJ Ermi e RobiJApe, interpreti del migliore mash up electro-funk, mentre dall’altro lato ci sarà la trascinante deriva retrò di Vinyl Session con DJ Antù e Tony Fort. Una serata che è anche un po’ un viaggio musicale nella storia, visto che la “sfida” sarà tra due versioni dello stesso supporto cioè i mitici 45 giri contro i 33. Associazione Save the Vinyl – Napoli è un’APS fondata nel 2012 per stimolare la diffusione della cultura in particolare attraverso l’ausilio del disco vinile – l’affascinante feticcio simbolo della musica – organizzando, promuovendo e partecipando a progetti di solidarietà sociale ed iniziative socio educative e culturali. In realtà le serate DUO VS. DUO più che una sfida tra due formazioni opposte, sono soprattutto una sfida di resistenza per il pubblico del LANIFICIO25, obbligato a dimenarsi il doppio, ma anche a divertirsi il doppio, per poi esprimere il proprio insindacabile giudizio che decreterà infine quale sia la band vincente.

Twist & shout for your favourite DJ and Save the Vinyl!

Start ore 23.00

Ingresso € 5.00




Protezione Civile e volontariato: quando il teatro si fa informazione oggi 10 gen. 2014

Doppio appuntamento per lo spettacolo “Patatrak” diretto da Ted Keijser 

Doppio appuntamento – a Camisano Vicentino e a Villafranca Padovana – per “Patatrak”, lo spettacolo diretto da Ted Keijser e portato in scena dalla Compagnia Barabao Teatro. A Camisano Vicentino lo spettacolo si terrà venerdì 10 gennaio alle ore 21.00 (info e prenotazioni allo 0444 419974), mentre alla sala Polivalente di Villafranca Padovana l’appuntamento è fissato per domenica 12 gennaio alle ore 16.00 (info e prenotazioni allo 049 9098902).

Patatrak è uno spettacolo che vuole comunicare il senso civico e l’importanza della sicurezza attraverso la comicità e le emozioni. Una commessa, un operaio, un autista e una maestro sono addestrati ed equipaggiati fino ai denti per evenienze che non succederanno mai. Allenati come artisti del circo, destinati a essere angeli custodi, senza ali ma con caschi gialli e tute blu, i protagonisti di questo spettacolo camminano sul filo del pericolo. Si dimostrano acrobati straordinari, pronti a stupire il pubblico, lanciandosi in numeri mozzafiato. Uno spettacolo utile a grandi e piccini, uno spettacolo che è allo stesso tempo informazione, cultura e divertimento. Spiega il regista Ted Keijser: “L’idea di partenza era creare uno spettacolo che rappresentasse il mondo della Protezione Civile. Un’organizzazione di volontariato che offre la sua disponibilità e il suo tempo libero in situazioni di emergenza. I volontari sono persone che sentono il bisogno di aiutare a dare una mano a chi ha bisogno. E dato che il mio mondo teatrale è molto influenzato dal piacere del gioco, dalla fantasia, dalle feste popolari e dal circo, ho creato uno spettacolo con questi elementi. Ho cercato il lato positivo, piacevole, incoraggiante e giocoso del lavoro del volontariato”.

Vito Digiorgio




NOVARA: UN INVESTIMENTO IN FIDUCIA: NASCE A CASA DELLA PORTA IL NUOVO “LABORATORIO” DI IMPRESA GIOVANILE

Nel cuore della città nasce un “corpo” vivo, si apre uno spazio per la creazione d’impresa da parte dei giovani. Una risposta concreta e pragmatica alla crisi che colpisce soprattutto le fasce giovanili, le più penalizzate dalla piaga della disoccupazione e dell’assenza di prospettive.Le mura antiche di Casa della Porta si accingono così a diventare “culla” per la nascita di una nuova imprenditoria giovanile a basso contenuto tecnologico, prevalentemente nel settore artigiano. È il frutto di un accordo che il sindaco di Novara Andrea Ballarè, il presidente della Provincia Diego Sozzani e il rettore dell’U.P.O. Cesare Emanuel nella sua veste di presidente dell’incubatore Enne3 hanno sottoscritto questa mattina a Palazzo Cabrino Un accordo importante, come ha sottolineato il sindaco Ballarè, «che ancora una volta mette in luce la nostra capacità di lavorare in sinergia per il bene dei cittadini, al di là delle distinzioni di carattere politico. È da sempre il nostro modo di lavorare che ancora una volta si concretizza in un risultato positivo».  «E in questa occasione ha aggiunto il sindaco – il risultato è particolarmente

IL TAVOLO DEI RELATORI

IL TAVOLO DEI RELATORI

importante, perché ci consente di affrontare una seria emergenza come quella della mancanza di lavoro provando a creare le condizioni perché si possa non solo tamponare le difficoltà di oggi ma affrontare il domani e reagire con fiducia alla crisi». Per Ballarè la parola chiave è esattamente “fiducia”: «un investimento che come amministrazioni facciamo sui nostri giovani, scommettendo sulla loro capacità creativa grazie alla quale riusciremo a dare un futuro a Novara e al suo territorio. È il nostro modo di affrontare la situazione nella nostra realtà, ma credo che dovrebbe diventare il modo di operare di tutto il nostro Paese» Uno spirito positivo condiviso dal presidente Sozzani che ha ricordato come questo risultato arrivi in un momento particolare, con la disoccupazione giovanile salita a livelli inediti. «Noi rispondiamo a questa situazione – ha detto – dando vita ad uno strumento importantissimo che consentirà di far partire nuove realtà imprenditoriali, creando occasioni di lavoro». «Da sottolineare – ha aggiunto Sozzani – che puntiamo in particolare a valorizzare lo spirito artigianale, anche recuperando abilità e attitudini tipiche dei mestieri». Di “convinzione” ha parlato invece il rettore Emanuel, che ha ribadito come «questa iniziativa va ulteriormente a consolidare e a fare evolvere una realtà come quella dellì’incubatore universitario Enne3, che è uno dei fiori all’occhiello del nostro ateneo». «E tutto ciò avviene mentre l’Università del Piemonte Orientale si conferma come una delle pochissime realtà accademiche in crescita per numero di studenti. Ed il polo di Novara, in questa crescita, è quello che registra la maggiore vivacità». Ma che tipo di imprese nasceranno a Casa Della Porta? Lo ha spiegato l’assessore alle politiche giovanili della Provincia Alessandro Canelli, che ha parlato di «artigianato digitale, cioè di imprese che si dedicano alla creazione di prodotti che derivano dalle nuove tecnologie. Saranno imprese anche di piccolissime dimensioni, aziende individuali, che nella nuova struttura troveranno assistenza, collaborazione e serviz. Ci saranno anche spazi di coworking con la presenza di personale che accompagnerà i neoimprenditori». «Il Comune – ha spiegato Canelli – si é messo in rete con le esperienza già esistenti e già attivate sul territorio, andando a costituire un ulteriore tassello, di particolare rilevanza» L’assessore alle politiche giovanili del Comune di Novara Sara Paladini ha ribadito come questa sia «una scelta politica forte fatta dalla nostra amministrazione. Lo spazio individuato sta all’interno di uno stabile che è inserito nel piano delle alienazioni. Abbiamo deciso di riservarne una parte significativa  per favorire quello che mi piace chiamare un nuovo Rinascimento. Venti nuove attività promosse e gestite da giovani nasceranno a Novara, in un tragitto che si completerà con l’incubatore che andrà ad insediarsi nell’edifico del PISU di Sant’Agabio». Ha concluso la serie degli interventi il direttore di Enne3 Lorenzo Lener, che ha ricordato come la nuova esperienza valorizzerà lo specifico della società  che da anni opera per costruire un legame tra con le competenze più innovative e coloro che si propongono con spirito imprenditoriale




NOVARA: QUATTRO POMERIGGI TRA SUGGESTIONE E VIAGGIO ECCO GLI EVENTI DI “ORIZZONTI LONTANI”

 

Dalle 17,30 di sabato 11, sabato 18, mercoledì 22 e sabato 25 gennaio appuntamenti con relatori sul tema dell’orientalismo 

A corollario della mostra “Orizzonti lontani. Testimonianze di viaggio e pittura orientalista nella Galleria Giannoni”, ch è stata l’evento d’arte del Natale appena passato  e che sarà ancora visitabile fino al 23 febbraio, gli Uffici Cultura e Musei hanno previsto una serie di eventi per coinvolgere la cittadinanza nell’atmosfera evocata dalle opere esposte nella Galleria di Arte Moderna.

Il tema dell’orientalismo permette di indagare, attraverso alcune opere delle collezioni novaresi,  uno dei fenomeni più intriganti della pittura fra Otto e Novecento: la moda dei soggetti esotici e delle atmosfere orientali, che, originatasi fin dalla spedizione francese in Egitto del 1798, conosce  ulteriore  espansione a seguito della politica coloniale europea in Nordafrica e in Medio Oriente. Le campagne d’esplorazione in altri continenti apportano ulteriori componenti, frutto di nuovi interessi scientifici ed etnografici.

Gli eventi prendono il via questo sabato 11 gennaio 2014, alle ore 17.30. Susanna Borlandelli, curatrice della mostra, tratterà di “Viaggiatori che dipingono e pittori che viaggiano. Temi orientalisti nella pittura tra Otto e Novecento”.

Sabato 18 gennaio 2014 alla stessa ora il viaggiatore ed etnografo Maurizio Leigheb ricorderà “Guido Boggiani:  la romanzesca vita e le opere del  pittore-etnografo novarese che visse e morì tra gli indios”.

Mercoledì 22 gennaio 2014 ore 17.30 è in calendario: “La scoperta dell’Oriente nella letteratura moderna”, con lettura di brani a sfondo esotico/orientalista  a cura di Bob Rattazzi e momento musicale a cura della Scuola di Musica Dedalo.

Il quarto pomeriggio, sabato 25 gennaio 2014 alle ore 17.30 sarà il naturalista Igor Festari dell’Ufficio Musei a trattare di “Ambienti ed elementi naturalistici nella pittura orientalista in Galleria Giannoni”.

L’ingresso alle serate è gratuito.




Serata in Giallo a cura di Homo Scrivens al Mumble Rumble venerdì 10 gennaio ore 21.30

Gli scrittori Gianluca Calvino e Luca Delgado vi invitano a partecipare alla speciale “Serata in giallo” organizzata presso il Mumble Rumble di Via Bonito 19 (Vomero – Napoli) all’interno del rassegna di teatro, musica, cultura e convivialit I venerdì del Mumble Rumble. Gianluca Calvino presenterà il romanzo Sono stato io (di cui è autore insieme al Gruppo 9) e Luca Delgado presenterà il suo ultimo romanzo La Terra è blu come un’arancia, entrambi pubblicati da Homo Scrivens. Si tratta di due romanzi ambientati a Napoli, in cui il tema del giallo e dell’investigazione, spingono il lettore ad indagare su delitti commessi in circostanze misteriose, entrambi con finali inaspettati. DESTARGli spettatori potranno prendere parte ad una serie di attività che testeranno le loro abilità investigative e diventare così i veri protagonisti della serata.

Coadiuvati dagli attori Paquito Catanzaro e Annalisa Raiola, Delgado e Calvino si divertiranno con gli spettatori ad individuare lo “Sherlock Holmes per una notte”.

La serata si conclude con la musica composta dal musicista campano Vanni Miele, colonna sonora originale del romanzo La terra è blu come un’arancia.

La serata del 10 gennaio è a ingresso gratuito.




NAPOLI : AL LANIFICIO25 I POSTEGGIATORI TRISTI VENERDÌ 03 GENNAIO

Un evento musicale, una performance teatrale o uno spettacolino di strada? E perché non le tre cose tutte insieme? Il 2014 inizia così al LANIFICIO25 con una serata busker e fiumi di spumeggiante Soda Sciarappa! posteggiatori tristi Venerdì 03 gennaio, per festeggiare l’anno nuovo, i POSTEGGIATORI TRISTI si esibiranno con tutta la loro verace verve da cantastorie, per lungo un viaggio nella tradizione dell’arte di strada napoletana, rivisitata e corretta con l’effervescenza di Karamazov e compagni.  I Posteggiatori Tristi sono una formazione di musicisti e attori, nata nel 2001, che riprende in chiave comico-clownesca, la cosiddetta “posteggia” una colonna sonora ambulante offerta dai musicisti di strada, antesignana della canzone napoletana.  Il repertorio dei Posteggiatori Tristi spazia tra le molte canzoni napoletane in cui è posteggiatori tristi.1presente un forte elemento teatrale: dalle “macchiette” comiche alle “canzoni di giacca” drammatiche, da Viviani a Carosone, passando per Murolo e tanti altri. A questo repertorio si accompagnano incursioni in altre aree musicali (tango, classica, vecchia canzone italiana etc.).  I Posteggiatori Tristi è un progetto diretto da Pietro Botte e Davide d’Alò, in arte Karamazov e Lapezza.




TEATRO VERDI – PADOVA 7-12 gennaio 2014 Prima del silenzio di Giuseppe Patroni Griffi

La Stagione di Prosa 2013-2014 del Teatro Verdi di Padova inaugura il 2014 martedì 7 gennaio alle ore 20.45 con Prima del silenzio di Giuseppe Patroni Griffi, con Leo Gullotta, Eugenio Franceschini, Andrea Giuliano, Sergio Mascherpa e con l’apparizione speciale di Paola Gassman, per la regia di Fabio Grossi. Prodotto dal Teatro Eliseo, resterà in scena fino al 12 gennaio.  Giovedì 9 gennaio alle ore 17.00 FOTO_Prima del silenzio_Gullotta e Franceschini_foto Tommaso Le Perain teatro Leo Gullotta incontrerà il pubblico.  Scritto nel 1979 da Peppino Patroni Griffi per Romolo Valli, Prima del silenzio è un testo ancor vivo per tematiche e concetto. Il protagonista è un intellettuale che vive un disagio sociale legato soprattutto alla comunicazione della parola scritta, della Poesia. Il suo è un travaglio che assume le fattezze di un incubo, con l’apparizione dei fantasmi della sua vita: la famiglia (la Moglie), come un’entità vorace e ricattatoria; la casta (il Figlio) con i suoi orpelli piccolo-borghesi; il dovere (il Cameriere) che costringe e castra. L’unica vicenda che tranquillizza il protagonista è quella che vive, nel suo contemporaneo, con il Ragazzo.  La storia racconta le scelte, pur’ anche rivoluzionare per la casta che lo ha inglobato per tutta la sua vita precedente, di un uomo, del quale non ci viene fornito il nome al fine di rendere universale la faccenda.  Quello che leggo, con gli occhi di un uomo che vive il XXI secolo, Era questa di FOTO_Prima del silenzio_Gullotta 1_foto Tommaso Le Peragrande modernità, dove la comunicazione, attraverso apparati di nuova costruzione, è molto più facile ed immediata, fa sì che intraveda e consideri, attraverso il protagonista un disagio sociale legato soprattutto alla comunicazione della parola scritta, della Poesia. Fantastica la scena finale dell’opera, dove il nostro LUI, circondato da pagine di libri, afferra “la parola” che gli svolazza attorno, in una ideale caduta libera, declamandone la realtà, in essa contenuta.

con Leo Gullotta, Eugenio Franceschini,Andrea Giuliano, Sergio Mascherpa

e con l’apparizione speciale di Paola Gassman  musiche Germano Mazzocchetti

video Luca Scarzella disegno luci Umile Vainieri risoluzione scenica Luca Filaci

disegno audio Franco Patìmo  regia Fabio Grossi




Sabato 4 Gen. ore 21.00 Al Museo del Sottosuolo Viaggio nelle viscere e nel jazz partenopeo

Sabato 4 Gennaio alle ore 21.00 potrete assistere ad un Viaggio nelle viscere e nel jazz partenopeo con Mario Romano Quartieri Jazz, nella duplice formazione del Trio e dell’Orkestrine. Guest star Antonella Monetti, alias Dolores Melodia.Ad amplificare le note, donando loro nuove suggestioni, i cunicoli, le cisterne e le volte de Il Museo del Sottosuolo.Un viaggio che passa da atmosfere romantiche avvolgenti e conturbanti, con momenti struggenti, a ritmi “pepati” e scatenati. Mario Romano Orkestrine 2Ancora note, ma questa volte in grado di sollecitare le papille gustative, con i corposi vini rossi, accompagnati da goloserie, offerti dal Wine Bar Scagliola, main partner del Museo del Sottosuolo.Per prenotare è sufficiente mandare una mail all’indirizzo  booking@ilmuseodelsottosuolo.com, indicando almeno un nome e cognome di riferimento, un recapito telefonico, una mail ed il numero totale dei partecipanti.
Mario Romano OrkestrineLa quota di partecipazione, comprensiva di visita e degustazione, è di 12 euro.
L’occasione è gradita a me, a tutto il team del Museo del Sottosuolo ed al gruppo di Mario Romano Quartieri Jazz, Trio ed Orkestrine, per augurarVi una buona giornata e buon lavoro, ringraziandoVi per la preziosa e costante collaborazione.
Da Napoli Tania SABATINO