Halloween Napoletano 2016

Ormai Halloween è entrata a far parte della nostra cultura, un po’ per via del processo di globalizzazione, un po’ per via di un trend che rende tale festa più interessante del nostro carnevale; fatto sta che non dobbiamo dimenticare che la festa di Halloween affonda le sue radici nel vecchio continente. Anche a Napoli si respira aria di Halloween soprattutto grazie alla ottava edizione della manifestazione Halloween a Napoli organizzata dall’associazione culturale Insolitaguida Napoli, sempre attenta a mostrare una Napoli fuori dagli schemi. Un modo per festeggiare in maniera simpatica e inusuale una festa almeno in apparenza straniera. Tre gli eventi in programma: due tour, quello della mattina Dolcetto o scherzetto? dedicato ai bambini e quello pomeridiano/serale Halloween tour dedicato ai grandi e in serata la cena-spettacolo Halloween con … delitto!

Dolcetto o scherzetto? è una visita guidata adattata per i bambini in programma nelle mattinate di Sabato 29, Domenica 30, Lunedì 31 Ottobre e Martedì 1 Novembre. I partecipanti verranno guidati nei vicoli della città, pronti a spaventare i passanti e ad ascoltare storie di spiriti partenopei e non solo.
Al fine di rendere tutto più “terrificante” si invitano i partecipanti a venire in abiti e maschere spaventose e, ove necessario, le insolite streghe provvederanno a completare il travestimento.
La passeggiata avrà come filo conduttore i fantasmi napoletani ma soprattutto saranno narrate storie e curiosità sulla festa di Halloween e il rapporto con i morti tra i paesi anglosassoni e Napoli.
Per rendere la passeggiata più coinvolgente i bambini verranno accompagnati presso alcuni negozianti per il famoso Dolcetto o Scherzetto?
Come sempre occorre prenotare al 338 965 22 88, tramite l’app Insolitaguida Napoli o tramite il sito web www.insolitaguida.it

L’Halloween tour è una rivisitazione della famosa passeggiata narrata Napoli: un fantasma in ogni vicolo arricchita per la famosa notte delle streghe. Quest’anno percorso nuovo e nuove storie di fantasmi per rendere l’esperienza unica. Ad accompagnare i partecipanti ci penseranno delle vere e proprie streghe che guideranno il gruppo con la tenue luce di candele, che, secondo la tradizione, permettono di meglio cogliere i rapidi movimenti di tutte le figure misteriose che popolano il centro storico di Napoli. La passeggiata, riservata agli adulti, è in programma nei giorni 29, 30,31 Ottobre e 1 Novembre con partenze ogni ora dal calar del sole fino a tarda sera; come sempre occorre prenotare al 338 965 22 88, tramite l’app Insolitaguida Napoli o tramite il sito web www.insolitaguida.it

E per finire anche una cena-spettacolo a tema: Halloween … con delitto; quando il format della divertente cena con delitto incontra le leggende di halloween napoletanizzate….
La sala si trasformerà in un set cinematografico popolato da personaggi alquanto bizzarri che, tra una portata e l’altra, insceneranno una storia anche con il coinvolgimento del pubblico, invitato a partecipare anche in maschera a tema.
La cena ( e soprattutto il delitto) andrà in scena domenica 30 e lunedì 31 Ottobre nelle “segrete” di Filumè Bistrot ( nella centralissima Piazza Dante) .
Anche in questo caso occorre prenotare al 338 965 22 88, tramite l’app Insolitaguida Napoli o tramite il sito web www.insolitaguida.it

Allora … dolcetto o scherzetto? E attenti a come rispondete ….




Dal 28 al 31 ott. la sesta edizione del Divin Castagne

Dal 28 al 31 ottobre il centro di S. Antonio Abate (NA) sarà trasformato in un grande ristorante all’aperto in occasione del “Divin Castagne”, evento che da sei anni contribuisce a valorizzare la Campania, attraverso un percorso che vede protagonisti i prodotti nostrani (ad es. il fagiolo Mustacciello, la patata Ricciona, il pomodoro San Marzano, il carciofo violetto, i funghi chiodini e porcini) e le tradizioni regionali (con particolare attenzione alla musica). La kermesse è organizzata dall’associazione “Napoli è”, patrocinata dal Comune di S. Antonio Abate, e realizzata grazie alla collaborazione con Slow Food.
DIVIN CASTAGNEDivin Castagne 2016 sarà strutturato in due momenti ben distinti: la mattina sarà dedicata alle scuole, con laboratori all’aperto per gli alunni delle scuole elementari di Sant’Antonio Abate e delle città limitrofe, atti ad insegnare le differenze tra le varie tipologie di prodotti della terra; le ore serali saranno dedicate all’intrattenimento e alla degustazione di piatti tipici e vino.
Nell’ambito della manifestazione sarà allestita un’esposizione micologica, per avvicinare adulti e bambini al mondo dei funghi. Sarà possibile, inoltre, presso il Borsino dei Funghi, acquistare e toccare con mano i funghi tipici del periodo.

Il menù
Per la sesta edizione, poi, l’organizzazione ha ampliato la propria offerta enogastronomica: il menù comprenderà ben 4 primi, 4 secondi, 6 dolci e 6 postazioni di vino e caldarroste. Inoltre, un’interessante novità riguarderà la possibilità di degustare panini gourmet. Anche la Corte dei Vini avrà un più ampio spazio dedicato: cuochi e sommelier faranno da guida in un’esperienza degustativa unica, che porterà i presenti alla scoperta di una grande varietà di vini, accompagnati da particolari finger food. L’idea è quella di convogliare in un’unica location i buonissimi piatti provenienti da ogni parte della Campania e avere a portata di forchetta, o mano che dir si voglia, la qualità e la varietà dello street food incontrato e assaporato per le vie di Napoli. Gli stand saranno aperti dalle ore 19:30 fino a tarda serata.

Il programma musicale
Farà da cornice a tutto questo un programma di intrattenimento ricco e differenziato: la musica sarà la musica della strada, con numerose esibizioni in contemporanea che abbracceranno tutti i generi, con gli artisti chiamati per l’occasione ad abbandonare i canonici grandi palchi e scendere per strada. Il 28 ottobre si esibiranno i “FOJA”. Il 29 ottobre si svolgerà il live concert dei “Medina Group”. La serata del 30 ottobre si aprirà con la “Paranza Divin Castagne” (creata appositamente per l’evento Divin Castagne 2016) formata da Gerardo Amarante,Salvatore Di Vivo, Simone Carotenuto, Domenico Falciano, Biagino De Prisco. Il 31 ottobre sarà protagonista radio Kiss Kiss Napoli con lo spettacolo live dei “Tappi”. Presenterà le serate la conduttrice e giornalista Francesca Scognamiglio, volto di Rai 1.

Tutto questo, e anche di più, lo si potrà trovare in una quattro giorni di fine ottobre, a S. Antonio Abate, in un solo grande e attesissimo evento.

Per info: divincastagne@gmail.com – Facebook: Divin Castagne – Twitter: @divincastagne – Instagram: divin_castagne




Promosso da Vico Creativo sarà la “Serata della Janara” il 31 ott.

Dopo il successo della “Serata in Do Maggiore” Vico creativo già pensa al prossimo evento

“L’unione fa la forza”: potrebbe essere questo il claim di “Vico Creativo”, il sodalizio di artigiani e commercianti del quartiere San Domenico Maggiore (Napoli) che sta da qualche tempo programmando azioni atte a valorizzare la zona e a favorire l’aggregazione tra cittadini e turisti. La prima è stata concretizzata sabato 15 ottobre, quando si è svolta lungo vico San Domenico Maggiore una “Serata in Do Maggiore” che ha attratto diverse Vico Creativocentinaia di visitatori: dalle ore 18 fino a tarda sera le botteghe del quartiere sono diventate palcoscenico di esibizioni musicali a cura degli allievi del conservatorio San Pietro a Majella di Napoli. Non sono mancati momenti mangerecci gestiti da “Pepi Vintage Room” e dallo chef Francesco Muscariello che a breve aprirà un ristorante in zona.
Hanno inaugurato l’evento: l’Assessore alle Politiche Giovanili, Alessandra Clemente; l’assessore alla II Municipalità di Napoli, Francesco Chirico; e il Presidente di Confartigianato Napoli, Enrico Inferrera.

“Quando accade qualcosa di negativo tutti immediatamente la Vico Creativonotiziamo – ha affermato la Clemente -. Il ‘brutto’ è virale il ‘bello’ è scontato. Tuttavia le cose belle non accadono da sole, ma grazie al lavoro di persone come quelle che hanno dato vita a Vico Creativo. Napoli cambia in base al nostro modo di viverla, in base al nostro modo di pensarla. Le cose stanno cambiando, chiediamo alle altre parti della città di uniformarsi a questo cambiamento”.

Il prossimo evento promosso da Vico Creativo sarà la “Serata della Janara” il giorno 31 ottobre.

Il segreto della rinascita di Napoli è nel fare rete, nell’operare insieme: “Vico Creativo” docet!




NAPOLI EST TEATRO PRIMO APPUNTAMENTO RUMORS – VIRTUOSI DI SAN MARTINO 23 OTT.21.00

Apre il 23 ottobre con “I virtuosi di San Martino in Rumors” (fuori abbonamento), un quintetto (flauto traverso, violino, violoncello, chitarra e voce) che lavora sulla rivisitazione di materiale di repertorio, attingendo alla tradizione della canzone popolare in una formula che occhieggia alla musica “colta” e al teatro, tra avanspettacolo e opera.

Con “Rumors (Settanta jukebox)” i Virtuosi di San Martino presentano un viaggio giocoso e irriverente nel mondo della canzone degli anni Sessanta e Settanta. Decenni di grande spinta rivoluzionaria, di grandi promesse di cambiamento, di grandi profezie utopiche, accompagnati da una variegata e quasi ossessiva colonna sonora fatta di canzoni, di rock, di disco, di “impegno”. E proprio intorno ai più celebri brani di quegli anni i Virtuosi elaborano un trattamento chirurgico in stile dottor Frankenstein, innestando brandelli musicali e testuali su partiture di altri: Rino Gaetano che incontra Erik Satie, John Lennon che sposa gli Squallor, Bob Dylan convocato allo Zecchino d’Oro, per non dire dei Pink Floyd in salsa 007 e dell’inno al femminismo militante degli Abba. A presentare questo concerto-spettacolo è il manager dei Virtuosi – un nuovo personaggio, una nuova invenzione – in una rocambolesca serie di racconti e curiosità legati a quei mitici anni, ai gruppi, alle storie. Una rilettura paradossale proposta da flauto traverso, ottavino, violino, viola, violoncello, chitarra classica, con voci e sensazioni rivolte alla parodia di alcune icone della musica contemporanea, da Patty Pravo ai Beatles.




A fronte Alta. Antonello Cossia scena allo ZTN di Napoli

15 e 16 ottobre 2016, rispettivamente alle ore 21 sabato e alle ore 19 domenica, torna lo spettacolo “A fronte Alta”. Antonello Cossia riporta così in scena allo ZTN di Napoli una pièce che quest’anno celebra i suoi “primi” dieci anni.
In scena la straordinaria avventura sportiva di un pugile napoletano, Agostino Cossia,venuto a mancare proprio lo scorso settembre, atleta della nazionale azzurra, chiamato a rappresentare l’Italia ai giochi olimpici di Melbourne in Australia, nel 1956.
Questa pièce torna in un momento particolare della vita di Antonello, dato che “A fronte alta” racconta la storia del padre.

“A fronte alta”, ovvero “Un sogno del mille novecento cinquantasei” è un lavoro scritto e interpretato da Antonello Cossia che per celebrare questa prima decade di successo e raccontare la rinascita che da sempre è tangibile in questa storia ha scelto uno spazio come la Zona Teatro Naviganti. Uno spazio teatrale che quest’anno rinasce con la stagione “Giù il Cappello”. Tutti gli spettacoli in cartellone, infatti, sono completamente a cappello: il pubblico è invitato ad entrare gratuitamente allo spettacolo e a deciderne il valore solo dopo averlo visto.




Insolitaguida per Napoli EXPOST Passeggiata narrata Quartieri Spagnoli: tra colori e sapori

A circa un anno di distanza, il Comune di Napoli riprende la sua partecipazione a Milano EXPO 2015 attraverso NAPOLI EXPOST: una serie di iniziative connesse volte a promuovere il territorio napoletano in ambito turistico, culturale, agroalimentare, sociale, ricettivo avvalendosi della collaborazione di realtà consolidate del panorama partenopeo.
Nell’ambito del programma di NAPOLI EXPOST l’associazione culturale Insolitaguida Napoli dà il proprio contributo con un tour dal contenuto cultural-gastronomico: Quartieri Spagnoli: tra colori e Sapori.
Un percorso di circa due ore all’interno di una delle zona più caratteristiche di Napoli che porterà alla scoperta di luoghi unici, espressioni d’arte opposte quali l’edicole votive, simbolo della devozione popolare, e i murales artistici, simbolo del riscatto sociale, il tutto incorniciato da particolari lampade installate ai vari angoli delle strade dal famoso architetto-designer Dalisi trasformando i quartieri Spagnoli in un museo a cielo aperto.
Non mancheranno aneddoti e curiosità relative al quartiere come ad esempio il tifo petecchiale e la cultura del “vascio”, tipica abitazione napoletana.
Particolare riguardo alla cucina napoletana dalla nascita di alcune prelibatezza all’assaggio finale di un piatto tipico partenopeo.
Il tour si terrà ogni sabato mattina con partenza alle ore 10:30 da Piazza Triestre e Trento da sabato 15 Ottobre fino a Sabato 26 Novembre.
Per partecipare all’evento ( totalmente gratuito) è obbligatoria la prenotazione che può essere fatta telefonicamente chiamando il 081 1925 6964 o il 338 965 22 88, tramite l’app per smartphone e tablet Insolitaguida Napoli oppure consultando il sito web istituzionale dell’associazione www.insolitaguida.it




Sabato 15 ottobre a piazza San Domenico Maggiore una “Serata in Do Maggiore” NAPOLI

Sabato 15 ottobre 2016, dalle ore 18 alle ore 22, uno dei luoghi più famosi della “Napoli storica”, piazza San Domenico Maggiore, farà da cornice a un evento nato dalla collaborazione dei commercianti e degli abitanti del quartiere: durante la “Serata in Do Maggiore” – un concerto organizzato per l’appunto dal comitato “Vico San Domenico Maggiore” e patrocinato dal Comune e dalla Confartigianato di Napoli VICO NAPOLI– si esibiranno gli allievi del Conservatorio “San Pietro a Majella”. Questo evento è solo il preludio di un fitto programma di appuntamenti che fungeranno da catalizzatori di interesse di napoletani e non nei confronti di vico S. Domenico Maggiore, oggi rinominato “Vico Creativo”. Ogni mese sarà proposto un evento a tema sempre diverso, perché Napoli è una città in continua evoluzione.

“Vico Creativo” è un progetto rivolto alla riqualificazione artistica di Vico S. Domenico Maggiore, che da normale via storica napoletana sta diventando un “centro di idee ed innovazioni” in ambito culturale. La finalità è ampliare il bacino d’utenza che sceglie i quartieri storici di Napoli come esempio di quotidiano accrescimento culturale e personale. Questa iniziativa è espressione della laboriosità, della creatività e della tenacia degli “artigiani del fare”, testimoni di una città “multimediale” e “multietnica”, di una Napoli da sempre posto sano, sicuro ed accogliente.




Uscito L’ EP “semicolon”,in distribuzione digitale, il 13 Set. 2016

Alessia La Montagna,  nata ad Acerra (NA) il 29/05/1991 e da quel giorno vivo e  cresce a forza di sognare. Comincia a  cantare a 12 anni, quasi per gioco, partecipando ad un festival di musica organizzato dalla sua scuola; prima di allora non  sapeva di saper cantare, e dopo di allora, non ha  smesso più. Dopo  lezioni di chitarra (classica) e  partecipazioni a spettacoli scolastici al liceo e saggi di fine anno della scuola di musica, scoperta la magia di lasciarsi modellare

Semicolon la copertina

Semicolon la copertina

dall’inaspettato, dall’adrenalina e dall’energia di rimando di chi “ascolta, dolcemente, – dice Alessia –come fa l’acqua con un sasso, di cantare con e per amore, e non voglio più farne a meno”, ha iniziato a produrre in proprio con etichette discografiche indipendenti di Napoli e dintorni (SuonoLiberoMusic, Marotta e Cafiero, Casa Lavica) e successive audizioni; audizioni a contest (Orosonoro – Fase3 / TourMusicFest – Fase2, Ottobre 2016 / Broken Stone Festival – Prima Classificata), apertura di un concerto (Tommaso Primo, al Club33Giri di Santa Maria Capua Vetere), canto scenico per uno spettacolo teatrale (“Bobok”, Dostoevskij) che ha girato per 10 teatri indipendenti tra la Campania, la Puglia e l’Abruzzo (Gennaio-Marzo 2016). Ora tenta il grande salto con l’uscita dell’ EP : semicolon un  album composto da 6 tracce voce e chitarra, ed è totalmente autoprodotto, suonato, cantato e scritto da lei. La registrazione è avvenuta presso il “Sanità Music Studio” di Andrea. Semicolon è una storia che sembra quasi finita, ma che non finisce; una possibilità da scegliere ancora e ancora. Semicolon è un dialogo per lavarsi il cuore. Semicolon è uno sfogo contro il male, è la poesia della guarigione. Semicolon non è una parola, ma un pensiero che fa eco.

La copertina è stata realizzata dall’artista con l’ausilio del grafico Amanda Picardi.

Enrico Liotti

enrico.liotti@ildiscorso.it

RIPRODUZIONE RISERVATA




​Dalla rivolta di Masaniello alla Real Repubblica Napoletana

Sabato 1 ottobre 2016 (ore 18:00) l’Associazione Culturale NarteA propone “Gli Echi della Rivolta”, una visita guidata teatralizzata che, partendo proprio dall’ottobre 1647, ripercorre a ritroso la storia di Napoli e della celebre figura di Masaniello. La rievocazione storica, scritta e diretta da Febo Quercia, condurrà i visitatori in vari momenti storici, come nel luglio del 1647, quando il popolo napoletano fu messo in “ginocchio” dal governo spagnolo che decise di aumentare le gabelle sulla frutta per l’ennesima volta. Il popolo preso ormai per il collo e guidato dal noto pescivendolo, si ribellò: in una settimana Napoli cambiò volto e tutti coloro che erano stati “pecora”, in pochi giorni si trasformarono in “lupo”. Anche se il potere del denaro riportò tutto alle condizioni originarie, il nome di colui che mosse la rivolta risuona ancora oggi come fosse un mito.
Un rumore di fondo riecheggia sempre nella città partenopea, proprio in quel luogo dove pulsa ancora il cuore dei napoletani e si possono sentire “gli echi della rivolta”. Ponendo l’accento sugli aspetti sociali, politici e storici che funsero da cornice agli avvenimenti dell’epoca, attraverso le parole della guida autorizzata della Regione Campania Matteo Borriello e l’interpretazione di Marianita Carfora, Antimo Casertano e Peppe Romano in abiti storici di Antonietta Rendina, si ripercorrerà anche la storia delle persone che gravitarono attorno alla carismatica, ma discussa figura di Tommaso Aniello di Amalfi.

Per partecipare all’evento, la quota di adesione è di € 12,00 a persona e la prenotazione è obbligatoria ai numeri 339.7020849 o 334.6227785.




RIONE SANITÀ, NASCE IL PRESIDIO DI ARTE E CULTURA

GIOVEDÌ 29 SETTEMBRE ORE 11,30

Piazzetta San Vincenzo 25 c/o la sede di “Crescere insieme”

(ex convento dell’Immacolata e San Vincenzo)

Interverranno:

– Alessandro Bolide, attore comico

– Ivo Poggiani, presidente III Municipalità del Comune di Napoli

– Luigi Mingrone, presidente associazione “Napoli inVita”

– Antonello Pisanti, presidente “Miradois Onlus”

– Rosario Fiorenza, presidente “Crescere insieme Onlus”

– Raffaele Bruno, direttore artistico compagnia teatrale “Delirio creativo”

Durante la conferenza stampa verrà presentato il “Laboratorio di artigianato tradizioni e creatività”. Il “Laboratorio”, sostenuto con i fondi Otto per Mille della Chiesa Valdese, ha l’ambizione di realizzare un presidio di arte e cultura all’interno del Rione Sanità, offendo ai ragazzi un’alternativa alla strada per occupare il proprio tempo in modo più fattivo e, in prospettiva, iniziare ad imparare un lavoro. Le attività laboratoriali terranno impegnati i giovani partecipanti per più di 250 ore, distribuite in vari giorni della settimana, nel periodo ottobre 2016 – maggio 2017.

Al termine della conferenza assisteremo ad una performance live di teatro canzone a cura di Raffaele Bruno ed Enzo Colursi.